Category

Business Coaching

Category

I migliori corsi di vendita in Italia sono sviluppati dal Dott. Daniele Trevisani, sulla base della speciale classifica di Google Scholar che valuta numero, qualità e continuità delle pubblicazioni sul tema.Il dott. Daniele Trevisani è autore di 30 libri su temi di management, formazione esperienziale, comunicazione e coaching, tra cui il libro specifico “Regie di Cambiamento.  Approcci integrati alle risorse umane, allo sviluppo personale e organizzativo e al coaching“, e il libro “Il Potenziale Umano. Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance” editi da Franco Angeli, Milano. Il dott. Daniele Trevisani è stato insignito dal Governo USA dell’onorificenza di “Fulbright Scholar” come migliore esperto italiano sul tema delle Risorse Umane e della Comunicazione Interculturale. Ha sviluppato il Metodo di Vendita ALM (Action Line Management) che apporta una grande mole di strumenti e tecniche originali per la formazione vendite e i corsi di vendita.

migliore corso di vendita in italiaI libri di riferimento del METODO ALM

libro per corsi di vendita solution selling

Approfondimenti sui corsi di vendita – Vendita personale

La vendita personale avviene quando un rappresentante di vendita incontra un potenziale cliente allo scopo di effettuare una transazione di vendita . Molti rappresentanti di vendita si affidano a un processo di vendita sequenziale che in genere comprende nove passaggi. Alcuni rappresentanti di vendita sviluppano script per tutto o parte del processo di vendita. Il processo di vendita può essere utilizzato negli incontri faccia a faccia e nel telemarketing .

Approfondimenti sui corsi di vendita – Definizione

La vendita personale può essere definita come “il processo di comunicazione da persona a persona tra un venditore e un potenziale cliente, in cui il primo apprende i bisogni del cliente e cerca di soddisfarli offrendo al cliente l’opportunità di acquistare qualcosa di valore , come un bene o un servizio”. [1] Il termine può anche essere usato per descrivere una situazione in cui un’azienda utilizza la forza vendita come uno dei modi principali per comunicare con i clienti.

Approfondimenti sui corsi di vendita – Breve storia

Le prime forme di scambio prevedevano sistemi di baratto . [ dubbio discutere ] Tuttavia, l’avvento della monetazione ha consentito che lo scambio avvenisse in modo più efficiente e su distanze molto maggiori. I primi riferimenti alla vendita, che coinvolge lo scambio basato su monete, provengono da Erodoto che notò che “I Lidi furono le prime persone che conosciamo a usare una moneta d’oro e d’argento e ad introdurre il commercio al dettaglio”. [2] Ciò implica che la vendita e l’acquisto ebbero origine nel VII secolo a.C., nell’area oggi conosciuta come Turchia. Da lì la vendita si diffuse lungo il Mediterraneo, per poi diffondersi in tutto il mondo civilizzato. [3]

I filosofi socratici espressero alcune preoccupazioni riguardo al nuovo tipo di vendita intorno al IV secolo a.C. Il loro commento riguardava principalmente la potenziale interruzione degli aspetti più sociali della vendita. Le forme tradizionali di scambio incoraggiavano una prospettiva sociale, enfatizzando i legami sociali che univano i membri di una società. Ad esempio, durante i periodi di siccità o carestia, gli individui condividevano la difficile situazione dei loro vicini . Tuttavia, l’avvento di questa nuova forma di vendita ha incoraggiato l’attenzione all’individuo, tanto che in tempi di scarsità i venditori hanno aumentato i prezzi. [4]

Durante il periodo medievale i commerci subirono ulteriori cambiamenti. Il commercio localizzato basato sullo scambio transazionale e sui sistemi di baratto si trasformò lentamente con il miglioramento dei trasporti e l’apertura di nuovi mercati geografici. [5] A partire dall’XI secolo, le Crociate contribuirono ad aprire nuove rotte commerciali nel Vicino Oriente, mentre l’avventuriero e mercante Marco Polo stimolò l’interesse per l’Estremo Oriente nel XII e XIII secolo. I mercanti medievali iniziarono a commerciare beni esotici importati da coste lontane, tra cui spezie, vino, cibo, pellicce, tessuti pregiati, in particolare seta, vetro, gioielli e molti altri beni di lusso. Con la crescita del commercio tra paesi o regioni, le reti commerciali sono diventate più complesse e diversi tipi di venditori hanno riempito gli spazi all’interno della rete. Nel corso del XIII secolo, le imprese europee divennero più permanenti e furono in grado di mantenere mercanti sedentari in sede e un sistema di agenti che operavano in diversi mercati geografici. [6] Lo scambio veniva spesso condotto a distanza, piuttosto che faccia a faccia.

I commercianti del mercato locale e i venditori ambulanti continuarono a fornire i beni di prima necessità, ma a partire dal XIII secolo emersero gradualmente negozi al dettaglio permanenti, soprattutto nelle città più popolose. [7] Nel XVII secolo, i negozi permanenti con orari di negoziazione più regolari cominciarono a soppiantare i mercati e le fiere come principale punto di vendita al dettaglio. I negozianti provinciali erano attivi in quasi tutte le città mercato inglesi. Questi negozianti vendevano una gamma molto ampia di merci generiche, proprio come un emporio contemporaneo. [8]

Le grandi case d’affari coinvolte nell’importazione e nell’esportazione spesso offrivano servizi aggiuntivi tra cui finanza, sminuzzamento, smistamento e assunzione di rischi. Nel XVII secolo il pubblico cominciò a fare distinzioni mentali tra due tipi di commercianti ; commercianti locali (olandese: meerseniers ) che si riferiva a commercianti locali tra cui panettieri, droghieri, venditori di latticini e venditori di bancarelle, e i commercianti (olandese: koopman ), che descriveva una nuova classe emergente di commercianti che commerciava in beni o crediti su larga scala. Con l’ascesa di una classe mercantile europea, questa distinzione si rese necessaria per separare il commercio quotidiano inteso dalla popolazione generale dalle crescenti fila dei mercanti che operavano sulla scena mondiale ed erano visti come piuttosto distanti dall’esperienza quotidiana. [9]

Nell’Inghilterra del XVIII secolo, grandi case industriali, come Wedgwood , iniziarono a produrre in serie alcuni beni come ceramiche e ceramiche e avevano bisogno di una forma di distribuzione di massa per i loro prodotti. Alcuni venditori ambulanti venivano impiegati da questi produttori industriali per agire come una sorta di rappresentanti di vendita ambulanti, visitando i punti vendita al dettaglio e all’ingrosso per effettuare una vendita. [10] In Inghilterra, questi venditori ambulanti erano conosciuti come Manchester men a causa della pratica prevalente nella vendita di tessuti di cotone fabbricati a Manchester . [11] Impiegati da una fabbrica o da un imprenditore, vendevano merci da un negozio all’altro anziché porta a porta e operavano quindi come una sorta di grossista o intermediario della distribuzione. [12] Erano i precursori del rappresentante di vendita sul campo.

Approfondimenti sui corsi di vendita – Vendere ruoli e situazioni

L’attività di vendita può verificarsi in molti tipi di situazioni. I rappresentanti sul campo si rivolgono ai clienti, che in genere sono clienti aziendali; i team di vendita porta a porta si rivolgono alle famiglie, il personale di vendita può lavorare in un ambiente di vendita al dettaglio o all’ingrosso in cui il personale di vendita si occupa dei clienti elaborando gli ordini o le vendite possono avvenire in un ambiente di telemarketing in cui l’addetto alle vendite effettua telefonate ai potenziali clienti. In termini di numero di transazioni, la maggior parte delle vendite avviene a livello di vendita al dettaglio; ma in termini di valore, la maggior parte delle vendite avviene a livello business-to-business di fascia alta. [13]

Si possono identificare diverse tipologie di ruoli di vendita:

  • Gli acquirenti degli ordini si riferiscono alla vendita che avviene principalmente a livello di vendita all’ingrosso o al dettaglio. L’elaborazione degli ordini implica la determinazione delle esigenze del cliente, l’indicazione dell’inventario che soddisfa le esigenze del cliente e il completamento dell’ordine. [14]
  • Gli ordini ricevuti si riferiscono all’attività di vendita sul campo in cui un rappresentante di vendita si reca a casa o sul posto di lavoro del cliente per fare una presentazione di vendita al fine di acquisire nuovi affari o mantenere rapporti con i clienti esistenti. [15]
  • La vendita missionaria è spesso vista come un ruolo di supporto alle vendite. Il venditore missionario distribuisce informazioni su prodotti o servizi, descrive le caratteristiche del prodotto e lascia materiali ma normalmente non chiude la vendita. Il venditore missionario spesso prepara la strada al venditore sul campo. Ad esempio, un rappresentante di vendita di prodotti farmaceutici può rivolgersi ai medici e lasciare campioni, informazioni sul produttore come risultati di studi clinici, copie di articoli di riviste pertinenti ecc. nel tentativo di convincere i medici a prescrivere un farmaco o un ciclo di trattamento.
  • Le chiamate a freddo si riferiscono a una situazione in cui un rappresentante di vendita telefona o visita un cliente senza appuntamento. Le chiamate a freddo sono spesso considerate la più impegnativa delle attività di vendita. In una situazione di chiamata a freddo, è probabile che il rappresentante di vendita sia più consapevole del tempo del cliente e potrebbe cercare di condensare il processo di vendita combinando l’approccio e la presentazione di vendita in un unico passaggio. [16]
  • La vendita relazionale (nota anche come vendita consultiva ) si riferisce a una pratica di vendita che prevede la costruzione e il mantenimento di interazioni con i clienti al fine di migliorare le relazioni a lungo termine. La vendita relazionale spesso implica un approccio di problem solving in cui il rappresentante di vendita agisce in un ruolo consultivo e diventa un partner nell’esercizio di risoluzione dei problemi del cliente. [17] La vendita relazionale si trova spesso in ambienti di vendita ad alta tecnologia. Vedi anche: Vendita di soluzioni

Approfondimenti sui corsi di vendita – Il processo di vendita

Vedi anche: Generazione di lead , Gestione dei lead , Presentazione delle vendite e Promozione delle vendite

Il primo testo che delinea le fasi del processo di vendita fu pubblicato nel 1918 da Norval Hawkins. [18] I passaggi fondamentali, che sono cambiati solo leggermente da quando Watkins li ha proposti per la prima volta, sono la ricerca, la qualificazione dei lead, il preapproccio , l’approccio, la valutazione delle necessità, la presentazione, la risposta alle obiezioni, la chiusura della vendita e il follow-up. [19]

Prospezione: l’identificazione dei potenziali clienti o della prospezione avviene quando il venditore cerca di identificare lead o potenziali clienti (ovvero, persone che probabilmente saranno nel mercato per l’offerta). Per identificare i potenziali clienti, i rappresentanti di vendita potrebbero utilizzare una varietà di fonti come elenchi aziendali (per clienti aziendali), database commerciali o mailing list o semplicemente esaminare documenti interni come elenchi di clienti decaduti. Lo scopo della prospezione è aumentare la probabilità che il personale di vendita trascorra del tempo con potenziali clienti interessati al prodotto o al servizio.

Lead qualificati : dopo aver identificato i potenziali clienti, il team di vendita deve determinare se i potenziali clienti rappresentano potenziali clienti reali. Questa parte del processo è nota come lead qualificanti o lead che probabilmente acquisteranno. I lead qualificati sono coloro che hanno bisogno del prodotto, capacità di pagamento e disponibilità a pagare per il prodotto e sono disposti a essere contattati dal venditore. [20]

Pre-approccio: si riferisce al processo di preparazione alla presentazione. Ciò consiste nella ricerca del cliente, nella pianificazione degli obiettivi, nella pianificazione di un appuntamento e in qualsiasi altra attività necessaria per preparare la presentazione di vendita.

Approccio: si riferisce alla fase in cui il venditore incontra inizialmente il cliente. Poiché il primo contatto lascia un’impressione sull’acquirente, si consiglia una condotta professionale, compreso l’abbigliamento, una stretta di mano e il contatto visivo. [20]

Valutazione delle esigenze – Una componente importante della presentazione di vendita è la valutazione delle esigenze del cliente. I venditori dovrebbero valutare il cliente in base alla necessità del prodotto. I rappresentanti di vendita in genere pongono domande progettate per rivelare la situazione attuale del potenziale cliente, l’origine di eventuali problemi, l’impatto dei problemi, i vantaggi della soluzione, l’esperienza precedente del cliente con il marchio o la categoria, il livello generale di interesse del potenziale cliente e disponibilità all’acquisto. [20] Per i clienti aziendali può essere necessario accertare eventuali limitazioni alla facoltà di acquisto del potenziale cliente (ad es. restrizioni finanziarie).

Presentazione di vendita : una volta che il venditore conosce le esigenze, è pronto per la presentazione. I rappresentanti di vendita spesso seguono il modello AIDA , che consente loro di guidare il potenziale cliente attraverso le fasi standard del processo decisionale di acquisto . Le fasi del processo AIDA consistono nell’attirare l’ attenzione del cliente, accendere l’ interesse, creare desiderio e ispirare l’ azione (AIDA). [21] Il venditore può farlo attraverso dimostrazioni e presentazioni del prodotto che mostrano le caratteristiche, i vantaggi e i benefici del prodotto.

Gestione delle obiezioni – Dopo la presentazione, l’ addetto alle vendite deve essere pronto a gestire eventuali obiezioni. I clienti interessati daranno voce alle loro preoccupazioni, solitamente in quattro modi. Potrebbero mettere in dubbio il prezzo o il valore del prodotto, liquidare il prodotto/servizio come inadeguato, evitare di impegnarsi all’acquisto o rifiutare a causa di un fattore sconosciuto. [20] I venditori dovrebbero fare del loro meglio per anticipare le obiezioni e rispondere rispettosamente ad esse.

Chiusura : quando il venditore ritiene che il potenziale cliente sia pronto, cercherà di ottenere impegno e chiudere la vendita. Se l’ addetto alle vendite non è sicuro della disponibilità del potenziale cliente all’acquisto, potrebbe prendere in considerazione l’utilizzo di una “chiusura di prova”. Il venditore può utilizzare diverse tecniche per concludere la vendita; compresa la “chiusura alternativa”, la “chiusura presuntiva”, la “chiusura sommaria” o la “chiusura dell’offerta speciale”, tra gli altri.

Follow-up – Infine, il venditore deve ricordarsi di eseguire il follow-up dopo che la vendita è stata conclusa. Il follow-up garantirà la soddisfazione del cliente e aiuterà a stabilire una relazione con il cliente.

Approfondimenti sui corsi di vendita – Script di vendita

L’uso di script di vendita scritti in modo rigoroso è noto da centinaia di anni. I venditori ambulanti di medicinali erano noti per utilizzare script di vendita nel XVII e XVIII secolo. I rappresentanti di vendita esperti riconoscono presto che parole e frasi specifiche hanno la capacità di suscitare comportamenti desiderabili da parte del potenziale cliente. È inoltre possibile effettuare studi di ricerca per determinare le parole/frasi più efficaci o la sequenza ottimale di parole/frasi da utilizzare in script di vendita efficaci. Numerosi studi di ricerca si sono concentrati sui tipi di utilizzo di tecniche persuasive verbali che possono essere utilizzate per convincere i potenziali clienti come lo scambio di informazioni, l’uso di raccomandazioni, richieste, promesse o ingraziature. [22] Altre ricerche si sono concentrate sulle tecniche di influenza impiegate. Esempi ben noti includono:

Tecnica Door-In-The-Face ( DITF ): in cui la richiesta target viene presentata come una concessione a una richiesta iniziale irragionevolmente ampia [23]

Tecnica Disrupt-Then-Reframe (DTR): dove uno script di vendita convenzionale viene interrotto da un elemento sottile e strano (ad esempio, un elemento dirompente) e poi seguito da una frase persuasiva che conclude lo script (ad esempio, “reframing”) [ 24]

Una volta identificate, queste parole, frasi e tecniche possono essere utilizzate per creare script di vendita altamente efficaci e noti per funzionare. [25] Gli script di vendita più efficaci possono essere codificati e utilizzati da altri addetti alle vendite o nella formazione alla vendita.

Molti script di vendita sono progettati per muovere il potenziale cliente in sequenza attraverso le fasi cognitive, affettive e comportamentali del processo decisionale di acquisto e sono progettati attorno al modello AIDA (attenzione → interesse → desiderio → azione). La maggior parte dei rappresentanti di vendita include nei propri script un saluto, una chiusura e un invito all’azione . Una call to action (CTA) è semplicemente un’istruzione per il potenziale cliente progettata per sollecitare una risposta immediata. Spesso implica l’uso di un verbo imperativo come “provalo subito” o “scopri di più”. [26] Altri tipi di inviti all’azione potrebbero fornire ai consumatori validi motivi per acquistare immediatamente un’offerta disponibile solo per un periodo limitato, ad esempio “Scorte disponibili limitate” o un’offerta speciale solitamente accompagnata da un vincolo temporale, ad esempio ‘Ordina prima di mezzanotte per ricevere un omaggio con il tuo ordine’. La chiave per un potente invito all’azione è fornire ai consumatori ragioni convincenti per acquistare tempestivamente anziché rinviare le decisioni di acquisto.

I rappresentanti di vendita imparano anche a riconoscere specifici segnali verbali e non verbali che potenzialmente indicano la disponibilità del potenziale cliente all’acquisto. Questi segnali, noti anche come “segnali di acquisto”, aiutano ad accertare quanto un cliente ha bisogno del bene o del servizio in modo che il rappresentante di vendita possa concentrarsi sui clienti che hanno maggiori probabilità di effettuare un acquisto. Ad esempio, se un potenziale cliente inizia a maneggiare la merce, ciò potrebbe indicare uno stato di interesse da parte dell’acquirente. I clienti tendono inoltre a utilizzare diversi tipi di domande durante il processo di vendita. Domande generali come “È disponibile in altri colori (o stili)?” indicano solo un livello moderato di interesse. Tuttavia, quando i clienti iniziano a porre domande specifiche, come “Hai questo modello in nero?”, allora questo indica che il potenziale acquirente si sta avvicinando alla disponibilità per l’acquisto. [27] Quando il venditore ritiene che il potenziale acquirente sia pronto a effettuare l’acquisto, una chiusura di prova potrebbe essere utilizzata per testare il terreno. Una chiusura di prova è semplicemente qualsiasi tentativo di confermare l’acquisto. interesse dell’acquirente a finalizzare la vendita. Un esempio di chiusura di prova è “Chiedi al nostro team di installare l’unità per te?” o “Saresti disponibile a ritirare la consegna giovedì prossimo?”

Gli script di vendita vengono utilizzati sia per le vendite in entrata che per quelle in uscita. Gli script di vendita sono comunemente utilizzati nelle chiamate a freddo, in particolare nelle chiamate a freddo basate sul telefono come il telemarketing (vendita in uscita) e possono essere trovati anche nei centri di assistenza clienti basati su chat (chiamate in entrata). In questi casi, lo script di vendita potrebbe essere limitato a un semplice elenco di punti di discussione che il venditore utilizza come riferimento durante la conversazione con il potenziale cliente. [28]

Approfondimenti sui corsi di vendita – Tipi

Alcune presentazioni di vendita sono interamente scritte, mentre altre lo sono solo parzialmente, consentendo ai singoli rappresentanti di vendita la flessibilità di variare la presentazione in base alla loro valutazione delle esigenze e degli interessi del cliente. Tuttavia, i rappresentanti di vendita più efficaci sviluppano script per gestire le obiezioni comuni e quasi sempre hanno a portata di mano una serie di diverse chiusure di prova.

Esistono tre tipi principali di script di vendita: [29]

Approfondimenti sui corsi di vendita – Script prescritti

Gli script prescritti sono script altamente dettagliati che specificano frasi precise da utilizzare in determinate situazioni. Gli script prescritti sono ampiamente utilizzati in una varietà di contesti, tra cui vendita diretta, ricerche di mercato e servizi di fast food.

I principali vantaggi degli script prescritti sono:

  • può consentire transazioni rapide
  • fornisce una consegna uniforme.

I principali svantaggi di uno script prescritto sono:

  • tendenza a rendere la consegna robotica e priva di autenticità

Approfondimenti sui corsi di vendita – Script guidati da obiettivi

Gli script guidati dagli obiettivi sono più flessibili. Questo tipo di script definisce gli obiettivi per ciascun tipo di transazione e consente ai dipendenti di utilizzare le proprie frasi durante l’incontro. A condizione che i dipendenti abbiano un quadro chiaro degli obiettivi e dello scopo, gli script orientati agli obiettivi possono apparire più naturali e autentici. Tuttavia, l’uso di script orientati agli obiettivi richiede dipendenti con capacità di comunicazione ben sviluppate .

Approccio ibrido

L’approccio ibrido offre una scelta all’interno di una gamma di script. Questo approccio non è né prescritto né totalmente flessibile. Fornisce una serie di script da cui i dipendenti selezionano un’opzione con cui si sentono a proprio agio.

Approfondimenti sui corsi di vendita – Guarda anche

Approfondimenti sui corsi di vendita – Tipologie di venditore diretto

Approfondimenti sui corsi di vendita – Venditori influenti e teorici delle vendite

  • Dale Carnegie – autore e conferenziere; sostenitore della capacità di vendere, parlare in pubblico e auto-miglioramento
  • St. Elmo Lewis – venditori di NCR e sviluppatore del modello di vendita AIDA
  • Thomas J. Watson , venditore di NCR e CEO di IBM; spesso descritto come il “più grande venditore americano “
  • Walter Dill Scott – psicologo e autore; ha scritto numerosi libri sulla psicologia della vendita all’inizio del XX secolo
  • William Thomas Rawleigh -fondatore dell’azienda Rawleigh con uno dei più grandi gruppi di vendite itineranti degli Stati Uniti

Approfondimenti sui corsi di vendita – Riferimenti

  1. ^Cant , MC e van Heerde , CV, Personal Selling, Juta, 2004, p. 3
  2. ^ Shaw, EH e Jones, DGB , “A History of Marketing Thought”, in Handbook of Marketing, Barton A Weitz e Robin Wensley (a cura di), Sage, 2003, p. 41, Online: https://www.researchgate.netpublication235362475_A_History_of_Marketing_Thought [ link morto permanente ]
  3. ^ Shaw, EH e Jones, DGB , “A History of Marketing Thought”, in Handbook of Marketing, Barton A Weitz e Robin Wensley (a cura di), Sage, 2003, p. 41
  4. ^ Shaw, EH e Jones, DGB , “A History of Marketing Thought”, in Handbook of Marketing, Barton A Weitz e Robin Wensley (a cura di), Sage, 2003, pp 41-42
  5. ^ Braudel, F. e Reynold, S., The Wheels of Commerce: Civilization and Capitalism, dal XV al XVIII secolo, Berkeley, CA, University of California Press, 1992
  6. ^ Casson, M. e Lee, J., “L’origine e lo sviluppo dei mercati: una prospettiva di storia aziendale”, Business History Review, vol 85, primavera, 2011, doi: 10.1017/S0007680511000018, pp 22–26
  7. ^ Pevsner, N. e Hubbard, E., The Buildings of England: Cheshire Penguin, 1978, p. 170
  8. ^ Cox, NC e Dannehl, K., Percezioni della vendita al dettaglio nell’Inghilterra moderna, Aldershot, Hampshire, Ashgate, 2007, p,. 129
  9. ^ Honig, EA, Pittura e mercato nella prima età moderna di Anversa, Yale University Press, 1998, pp 6-10
  10. ^ Tadajewski, M. e Jones, DGB ., “Ricerca storica nella teoria e nella pratica del marketing: un saggio di revisione”, Journal of Marketing Management, 30, n. 11-12, 2014 [Numero speciale: Superare i confini, delineare il futuro], pp 1239-1291
  11. ^ Argento, AW, Manchester Men and Indian Cotton, 1847-1872, pp 54-58 e p. 226
  12. ^ Casson, M. e Lee, J., “L’origine e lo sviluppo dei mercati: una prospettiva di storia aziendale”, Business History Review, vol 85, primavera, 2011, doi:10.1017/S0007680511000018, p. 33
  13. ^ Murphy, PE, “George E Brenkert – Marketing Ethics” , [Recensione del libro], Notre Dame Philosophical Reviews, 24 maggio 2009
  14. ^ Boone, LE e Kurtz, KL ., Marketing contemporaneo, Stamford, CT, Cengage, 2014, p. 579
  15. ^ Boone, LE e Kurtz, KL ., Marketing contemporaneo, Stamford, CT, Cengage, 2014, p. 580
  16. ^ Boyan, L., Vendita tramite chiamata a freddo di successo, American Management Association, 1989
  17. ^ Agnello, CWL ., Capelli, JF . e McDaniel, C., Marketing, South-Western, 2011, pag. 286
  18. ^ Friedman, WA, Nascita di un venditore: la trasformazione della vendita in America, 158
  19. ^ Boone, LE e Kurtz, KL ., Marketing contemporaneo, Stamford, CT, Cengage, 2014, p. 583
  20. ^ Vai a: aB C D Spiro, Roseann; Gregorio ricco; Stanton, William (2007). Gestione di una forza vendita (12a ed.). McGraw-Hill Irwin.
  21. ^Marrone, Alex. “Capitolo 20, Vendita personale e gestione delle vendite, appunti del corso” . Estratto il 28 luglio 2012.
  22. ^ Fennis, BM e Stel, M., “La pantomima della persuasione: adattamento tra comunicazione non verbale e strategie di influenza”, Journal of Experimental Social Psychology, 2011, doi:10.1016/j.jesp .2011.02.01
  23. ^ Cialdini, RB, Vincent, JE, Lewis, SK Catal an, J., Wheeler, D., & Darby, BL, “Procedura di concessioni reciproche per indurre la conformità: la tecnica Door-In-The-Face,” Journal of Personality e psicologia sociale, 31, pp 206-215
  24. ^ Price-Davis, B. e Knowles, ES ., “Una tecnica di influenza sociale disrup-then-reframe”, Journal of Personality and Social Psychology, 76, n. 2, 1999, pp 192-199
  25. ^ Niblick, J., Il consulente redditizio: avviare, crescere e vendere la propria esperienza, Wiley, 2013
  26. ^ Eisenberg, B., INVITO ALL’AZIONE: formule segrete per migliorare i risultati online, Nashville, Tennessee, Thomas Nelson, 2006, p. 20
  27. ^Cant , MC e van Heerden, CH, Personal Selling, Juta Academic, 2008, p. 176
  28. ^ Hogan, P., “Cosa sono gli script di vendita?”Archiviato l’11-11-2018 nel blog Tenfold di Wayback Machine
  29. ^ Solomon, MR, Surprenant, CF, Czepiel, JA e Suprenant, CF “A Role Theory Perspective on Dadic Interactions: The Service Encounter” (1991) in Bateson, J, Managing Services Marketing: Text, Cases and Readings, Dryden, Orlando , Fl, pp 106-122

Approfondimenti sui corsi di vendita – Ulteriori letture

Approfondimenti sui corsi di vendita – semantica articolo

  • corsi di vendita
  • corso di vendita
  • corso vendite
  • corsi vendite
  • corsi vendita
  • migliori corsi di vendita
  • migliore corso di vendita
  • migliore corso vendite
  • migliori corsi vendite
  • migliori corsi vendita
  • corsi di vendita e marketing
  • corso di vendita e marketing
  • corso vendite
  • corsi vendite
  • corsi vendita e marketing
  • migliori corsi di vendita e marketing
  • migliore corso di vendita e marketing
  • migliore corso vendite
  • migliori corsi vendite
  • migliori corsi vendita e marketing
  • corso di solution selling
  • corso di vendita strategica
  • corso strategic selling
  • Corsi di vendita e psicologia
  • Psicologia della vendita
  • Formazione in vendita
  • Tecniche di vendita
  • Vendita e marketing
  • Corso di vendita online
  • Corsi di vendita aziendale
  • Vendita al dettaglio
  • Abilità di vendita
  • Strategie di vendita
  • Corsi di vendita professionale
  • Vendita diretta
  • Vendita B2B (Business-to-Business)
  • Vendita consulenziale
  • Corsi di chiusura delle vendite
  • Vendita inbound
  • Gestione delle obiezioni
  • Acquisizione clienti
  • Vendita persuasiva
  • Psicologia delle vendite
  • Vendita relazionale
  • Corsi di vendita
  • Formazione vendite
  • Tecniche di vendita
  • Vendita al dettaglio
  • Strategie di vendita
  • Corso di vendita online
  • Vendita diretta
  • Abilità di vendita
  • Vendita e marketing
  • Corso di chiusura vendite
  • Gestione delle vendite
  • Vendita consulenza
  • Corso di negoziazione
  • Vendita B2B (business-to-business)
  • Vendita B2C (business-to-consumer)
  • Corsi di acquisizione clienti
  • Vendita e-commerce
  • Corso di comunicazione di vendita
  • Vendita strategica
  • Vendita relazionale

Il migliore Business Coach in Italia, secondo i dati Google Scholar e le pubblicazioni specifiche sul Business e coaching, è il dott. Daniele Trevisani, autore di 28 libri e consulente per oltre 200 aziende, i cui lavori e ricerche gli hanno permesso di ottenere il premio “Fulbright” del governo USA come migliore ricercatore europeo indipendente in Studi sulla comunicazione e fattore umano (vedi referenze specifiche di Business e Coaching). Ha conseguito un Master of Arts in Comunicazione  (con lode) presso l’Università della Florida (USA) e la specializzazione Fulbright in Comunicazione Interculturale e Internazionale presso la American University of Washingtong, D.C.

Chi è il migliore Business Coach

Per entrare in contatto con il dott. Daniele Trevisani Academy, migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching compila questo form e ti risponderemo al più presto

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management

Studio Trevisani Academy ha una forte esperienza sulle soft skills del Business, tuttavia riteniamo utile esporre alcuni studi e definizioni spesso dimenticati.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Definizioni di Management

La gestione (o management ) è l’ amministrazione delle organizzazioni, siano esse un’azienda , un’organizzazione senza scopo di lucro o un ente governativo rispettivamente attraverso l’amministrazione aziendale , la gestione senza scopo di lucro o il sottocampo delle scienze politiche della pubblica amministrazione . È la scienza della gestione delle risorse di imprese, governi e altre organizzazioni.

La gestione comprende le attività di definizione della strategia di un’organizzazione e di coordinamento degli sforzi dei suoi dipendenti o volontari per raggiungere i suoi obiettivi attraverso l’utilizzo delle risorse disponibili , come quelle finanziarie , naturali , tecnologiche , autorità assegnate e risorse umane . “Gestire il business” [1] e “Cambiare il business” sono due concetti utilizzati nella gestione per distinguere tra la fornitura continua di beni o servizi e l’adattamento di beni o servizi per soddisfare le mutevoli esigenze dei clienti – vedere tendenza . Il termine “management” può anche riferirsi a quelle persone che gestiscono un’organizzazione: manager .

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Preparazione per il management

Alcune persone studiano management nei college e nelle università; I principali corsi di laurea in management nel settore privato includono Bachelor of Commerce (B.Com.), Bachelor of Science/Bachelor of Business Administration (BSBA/BBA.), Master of Business Administration (MBA.), Master in Management / Master of Science in Management (MiM/MSM) e, per il management nel settore pubblico, i corsi di laurea comprendono il Bachelor of Arts (BA) o il Bachelor of Science (BS) in scienze politiche (PoliSci) con specializzazione in pubblica amministrazione , e il Master in Pubblica Amministrazione (MPA). Esistono programmi di laurea interdisciplinari come il Master of Nonprofit Organizations (MNO) o il Master of Nonprofit Management (MNM), così come il programma di doppia laurea MPA/MBA in cui vengono seguiti corsi sia per il Master in Pubblica Amministrazione che per il Master in Business Administration allo stesso tempo di completare il corso di laurea in un tempo più breve rispetto a fare entrambi separatamente. Coloro che aspirano a diventare specialisti o esperti di management, ricercatori di management o professori possono completare il Doctor of Management (DM), il Doctor of Business Administration (DBA), il Doctor of Public Administration (DPA), il PhD in business Administration, il Dottorato di ricerca in management, oppure dottorato di ricerca in scienze politiche con specializzazione nella pubblica amministrazione. Negli ultimi decenni si è assistito ad un movimento a favore della gestione basata sull’evidenza . [2] 

Una tendenza recente per la formazione avanzata in campo manageriale sono i Master sviluppati da Academy private, come per Daniele Trevisani Academy:

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Livelli gerarchici

Le organizzazioni più grandi hanno generalmente tre livelli gerarchici di manager, [3] in una struttura piramidale:

  • I senior manager come i membri di un consiglio di amministrazione e un amministratore delegato (CEO) o un presidente di un’organizzazione stabiliscono gli obiettivi strategici e le politiche dell’organizzazione e prendono decisioni su come funzionerà l’organizzazione nel suo complesso. I senior manager sono generalmente professionisti di livello esecutivo che forniscono indicazioni al middle management e riferiscono loro direttamente o indirettamente.
  • Direttori intermedi come direttori di filiale, direttori regionali, direttori di dipartimento e direttori di sezione, che forniscono indicazioni ai manager di prima linea. Comunicano gli obiettivi strategici e le politiche del senior management ai manager di prima linea.
  • I manager di linea , come supervisori e team leader in prima linea , supervisionano il lavoro dei dipendenti regolari o dei volontari in alcune organizzazioni di volontariato e forniscono indicazioni sul loro lavoro. I manager di linea spesso svolgono le funzioni manageriali che sono tradizionalmente considerate il nucleo della gestione. Nonostante il nome, sono generalmente considerati parte della forza lavoro e non della classe dirigente dell’organizzazione.
  • Alcuni dipendenti di servizi professionali che hanno compiti simili e utilizzano le stesse competenze dei manager senza compiti di supervisione, come i dipendenti regolari classificati come colletti bianchi con formazione specializzata nelle arti liberali e nell’istruzione nelle scienze pure o nell’educazione allo sviluppo professionale rispetto agli operai lavorare nel lavoro manuale o nei mestieri specializzati .
  • Alcuni colletti grigi che si trovano in una fase transitoria o intermedia di avanzamento di carriera tra il lavoro dei colletti blu e quello dei colletti bianchi, dove gli ex colletti blu svolgono compiti manageriali supervisionando altri che svolgono lavori manuali o mestieri qualificati.

Nelle organizzazioni più piccole, un manager può avere un ambito molto più ampio e può svolgere diversi ruoli o addirittura tutti i ruoli comunemente osservati in una grande organizzazione.

Gli scienziati sociali studiano il management come disciplina accademica , indagando aree quali l’organizzazione sociale , l’adattamento organizzativo e la leadership organizzativa . [4]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Etimologia

Il verbo inglese gestire affonda le sue radici nel verbo francese del XV secolo mesnager , spesso citato nel linguaggio equestre “tenere in mano le redini di un cavallo”. [5] È possibile anche il termine italiano maneggiare (maneggiare, soprattutto attrezzi o un cavallo). In spagnolo , maneggiare può anche significare governare i cavalli. [6] Questi tre termini derivano dalle due parole latine manus (mano) e agere (agire).

La parola francese per pulizie domestiche , ménagerie , derivata da ménager (“tenere la casa”; confronta ménage per “domestico”), comprende anche la cura degli animali domestici. Ménagerie è la traduzione francese del famoso libro di Senofonte Oeconomicus [7] ( greco : Οἰκονομικός) sulle questioni domestiche e sull’allevamento . La parola francese mesnagement (o ménagement ) influenzò lo sviluppo semantico della parola inglese management nei secoli XVII e XVIII. [8]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Definizioni

Le opinioni sulla definizione e sull’ambito della gestione includono:

  • Henri Fayol (1841-1925) affermava: “gestire è prevedere e pianificare, organizzare, comandare, coordinare e controllare”. [9]
  • Fredmund Malik (1944–) definisce la gestione come “la trasformazione delle risorse in utilità”. [10]
  • La gestione è inclusa [ da chi? ] come uno dei fattori di produzione – insieme alle macchine, ai materiali e al denaro.
  • Ghislain Deslandes definisce il management come “una forza vulnerabile, sotto pressione per raggiungere risultati e dotata del triplice potere di costrizione, imitazione e immaginazione, che opera a livello soggettivo, interpersonale , istituzionale e ambientale”. [undici]
  • Peter Drucker (1909–2005) considerava duplice il compito fondamentale del management: marketing e innovazione . Tuttavia, l’innovazione è anche legata al marketing (l’innovazione del prodotto è una questione centrale di marketing strategico).  Drucker identifica il marketing come un’essenza chiave per il successo aziendale, ma la gestione e il marketing sono generalmente intesi [ da chi? ] come due diversi rami della conoscenza dell’amministrazione aziendale.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Portata teorica

La gestione implica l’identificazione della missione , dell’obiettivo, delle procedure , delle regole e della manipolazione [12] del capitale umano di un’impresa per contribuire al successo dell’impresa. [13] Gli studiosi si sono concentrati sulla gestione delle relazioni individuali, [14] organizzative, [15] e interorganizzative. Questa comunicazione efficace implica : un ambiente aziendale (in contrapposizione a un meccanismo fisico o meccanico) implica la motivazione umana e implica una sorta di progresso positivo o risultato del sistema . [16] In quanto tale, la gestione non è la manipolazione di un meccanismo (macchina o programma automatizzato), né l’allevamento di animali, e può avvenire in un’impresa o in un ambiente legale o illegale. Dal punto di vista individuale, la gestione non ha bisogno di essere vista esclusivamente dal punto di vista aziendale, perché la gestione è una funzione [ quantificata ] essenziale per migliorare la propria vita e le proprie relazioni . [17] Il management è quindi ovunque [18] e ha una gamma più ampia di applicazioni. [ chiarimento necessario ] La comunicazione e uno sforzo positivo sono due aspetti principali di esso, sia attraverso l’impresa che attraverso la ricerca indipendente. [ citazione necessaria ] Piani, misurazioni , strumenti psicologici motivazionali , obiettivi e misure economiche (profitto, ecc.) possono o meno essere componenti necessari affinché ci sia gestione. Inizialmente, si vede la gestione in modo funzionale, come misurare la quantità, adeguare i piani e raggiungere gli obiettivi , [ citazione necessaria ] ma questo vale anche in situazioni in cui non avviene la pianificazione. In questa prospettiva, Henri Fayol (1841–1925) [19] [ pagina necessaria ] ritiene che la gestione sia composta da cinque funzioni :

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Funzioni del Management

  • pianificazione (previsione)
  • organizzare
  • comandare
  • coordinamento
  • controllando

In un altro modo di pensare, Mary Parker Follett (1868-1933), avrebbe definito il management come “l’arte di portare a termine le cose attraverso le persone”. [20] Ha descritto la gestione come una filosofia. [21] [ è necessario un preventivo per verificare ]

Critici, [ quali? ] Tuttavia, trovo questa definizione utile ma decisamente troppo ristretta. La frase “il management è ciò che fanno i manager” ricorre ampiamente, [22] suggerendo la difficoltà di definire il management senza circolarità , la natura mutevole delle definizioni [ citazione necessaria ] e la connessione delle pratiche manageriali con l’esistenza di un quadro manageriale o di una classe .

Un’abitudine di pensiero considera la gestione equivalente all’“ amministrazione aziendale ” e quindi esclude la gestione in luoghi al di fuori del commercio , come ad esempio negli enti di beneficenza e nel settore pubblico . Più in generale, ogni organizzazione deve “gestire” il proprio lavoro, le persone, i processi, la tecnologia, ecc. per massimizzare l’efficacia. [ citazione necessaria ] Tuttavia, molte persone si riferiscono ai dipartimenti universitari che insegnano il management come ” business school “. Alcune di queste istituzioni (come la Harvard Business School ) usano quel nome, mentre altre (come la Yale School of Management ) utilizzano il termine più ampio “management”.

Gli anglofoni possono anche usare il termine “management” o “the management” come parola collettiva che descrive i manager di un’organizzazione, ad esempio di una società . [23] Storicamente questo uso del termine spesso contrastava con il termine lavoro , riferito a coloro che venivano gestiti. [24]

Ma nell’era attuale [ quando? ] il concetto di management è individuato [ da chi? ] nelle aree vaste [ quali? ] e le sue frontiere sono state ampliate [ da chi? ] a una gamma più ampia. [ citazione necessaria ] Oltre alle organizzazioni redditizie, anche le organizzazioni senza scopo di lucro applicano concetti di gestione. Il concetto e i suoi usi non sono vincolati [ da chi? ] . La gestione nel suo insieme è il processo di pianificazione, organizzazione, direzione, guida e controllo. [25]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Livelli

Una struttura di gestione comune delle organizzazioni comprende tre livelli di gestione: manager di primo livello, livello medio e livello superiore. I manager di prima linea sono il livello più basso di gestione e gestiscono il lavoro di individui non manageriali che sono direttamente coinvolti nella produzione o nella creazione dei prodotti dell’organizzazione. I manager di prima linea sono spesso chiamati supervisori, ma possono anche essere chiamati manager di linea, responsabili di ufficio o persino caposquadra. I quadri intermedi comprendono tutti i livelli di gestione tra il livello di prima linea e il livello più alto dell’organizzazione. Questi manager gestiscono il lavoro dei manager di prima linea e possono avere titoli come capo dipartimento, capo progetto, direttore di stabilimento o direttore di divisione. I top manager sono responsabili di prendere decisioni a livello di organizzazione e di stabilire piani e obiettivi che influenzano l’intera organizzazione. Questi individui in genere hanno titoli come vicepresidente esecutivo, presidente, amministratore delegato, direttore operativo, amministratore delegato o presidente del consiglio di amministrazione.

Questi manager sono classificati in una gerarchia di autorità e svolgono compiti diversi. In molte organizzazioni, il numero di manager ad ogni livello assomiglia ad una piramide. Ogni livello è spiegato di seguito nelle specifiche delle diverse responsabilità e dei probabili titoli di lavoro. [26]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Top management

Il livello dirigenziale più alto o senior è un piccolo gruppo composto dal consiglio di amministrazione (compresi amministratori non esecutivi , amministratori esecutivi e amministratori indipendenti ), presidente , vicepresidente , amministratori delegati e altri membri dei dirigenti di livello C. Diverse organizzazioni hanno diversi membri nella loro C-suite, che possono includere un chief financial officer , un chief technology officer e così via. Sono responsabili del controllo e della supervisione delle operazioni dell’intera organizzazione. Stabiliscono un ” tono al vertice ” e sviluppano piani strategici , politiche aziendali e prendono decisioni sulla direzione generale dell’organizzazione. Inoltre, i manager di alto livello svolgono un ruolo significativo nella mobilitazione delle risorse estere. Gli alti dirigenti sono responsabili nei confronti degli azionisti, del pubblico in generale e degli enti pubblici che supervisionano le società e organizzazioni simili. Alcuni membri del senior management possono fungere da volto pubblico dell’organizzazione e possono tenere discorsi per introdurre nuove strategie o apparire nel marketing .

Il consiglio di amministrazione è generalmente composto principalmente da non dirigenti che hanno un dovere fiduciario nei confronti degli azionisti e non sono strettamente coinvolti nelle attività quotidiane dell’organizzazione, sebbene ciò vari a seconda del tipo (ad esempio, pubblico o privato) , dimensioni e cultura dell’organizzazione. Questi amministratori sono teoricamente responsabili per le violazioni di tale dovere e generalmente sono assicurati con un’assicurazione sulla responsabilità civile per amministratori e funzionari . Si stima che i direttori di Fortune 500 trascorrano 4,4 ore settimanali in compiti di consiglio e il compenso medio è stato di $ 212.512 nel 2010. Il consiglio definisce la strategia aziendale, prende decisioni importanti come acquisizioni importanti, [27] e assunzioni, valutazioni e licenzia i dirigenti più importanti . manager di livello ( amministratore delegato o CEO). Il CEO in genere assume altre posizioni. Tuttavia, è aumentato il coinvolgimento del consiglio di amministrazione nell’assunzione di altre posizioni, come quella di direttore finanziario (CFO). [28] Nel 2013, un sondaggio condotto su oltre 160 amministratori delegati e direttori di aziende pubbliche e private ha rilevato che i principali punti deboli degli amministratori delegati erano le ” capacità di mentoring ” e il “coinvolgimento del consiglio di amministrazione”, e il 10% delle aziende non ha mai valutato l’amministratore delegato. [29] Il consiglio può anche far riferire ad alcuni dipendenti (ad esempio, i revisori interni ) o assumere direttamente collaboratori esterni ; ad esempio, il consiglio (attraverso il comitato di audit ) generalmente seleziona il revisore dei conti .

Le competenze utili del top management variano a seconda del tipo di organizzazione, ma in genere includono [30] un’ampia comprensione della concorrenza, delle economie mondiali e della politica. Inoltre, l’amministratore delegato è responsabile dell’attuazione e della determinazione (nell’ambito del consiglio) delle politiche generali dell’organizzazione. La direzione esecutiva realizza i dettagli quotidiani, tra cui: istruzioni per la preparazione dei budget, delle procedure e dei programmi del dipartimento; nomina di dirigenti di medio livello come responsabili di dipartimento; coordinamento dei dipartimenti; media e relazioni governative; e comunicazione agli azionisti .

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Quadri intermedi

È composto da direttori generali , direttori di filiale e responsabili di reparto. Sono responsabili nei confronti del top management per la funzione del loro dipartimento. Dedicano più tempo alle funzioni organizzative e direzionali. I loro ruoli possono essere enfatizzati come l’esecuzione di piani organizzativi in conformità con le politiche aziendali e gli obiettivi del top management, definiscono e discutono informazioni e politiche dal top management al management inferiore e, soprattutto, ispirano e forniscono guida ai manager di livello inferiore. verso prestazioni migliori.

Il middle management è la gestione intermedia di un’organizzazione categorizzata, essendo secondario rispetto al senior management ma al di sopra dei livelli più profondi dei membri operativi. Un manager operativo può essere ben pensato dal middle management o può essere classificato come operante non manageriale, responsabile della politica dell’organizzazione specifica. L’efficienza del livello medio è vitale in qualsiasi organizzazione poiché colma il divario tra il personale di livello superiore e quello di livello inferiore.

Le loro funzioni includono:

  • Progettare e implementare efficaci sistemi di lavoro e di informazione di gruppo e intergruppo
  • Definizione e monitoraggio degli indicatori di performance a livello di gruppo
  • Diagnosi e risoluzione dei problemi all’interno e tra i gruppi di lavoro
  • Progettare e implementare sistemi di ricompensa che supportino il comportamento cooperativo, nonché prendere decisioni e condividere idee con i top manager

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Gestione della linea

I manager di linea includono supervisori , capi sezione, caposquadra e capi squadra. Si concentrano sul controllo e sulla direzione dei dipendenti regolari. Di solito sono responsabili dell’assegnazione dei compiti ai dipendenti, della guida e della supervisione dei dipendenti nelle attività quotidiane, dell’assicurazione della qualità e della quantità della produzione e/o del servizio, della formulazione di raccomandazioni e suggerimenti ai dipendenti sul loro lavoro e dell’incanalamento delle preoccupazioni dei dipendenti che essi non può risolvere i problemi con manager di medio livello o altri amministratori. I manager di primo livello o di “prima linea” fungono anche da modelli per i propri dipendenti. In alcuni tipi di lavoro, i manager di prima linea possono anche svolgere alcuni degli stessi compiti svolti dai dipendenti, almeno una parte del tempo. Ad esempio, in alcuni ristoranti, i gestori di prima linea serviranno i clienti anche durante i periodi più impegnativi della giornata. In generale, i manager di linea sono considerati parte dell’organico e non della gestione vera e propria dell’organizzazione nonostante svolgano funzioni gestionali tradizionali.

I manager di prima linea in genere forniscono:

  • Formazione per i nuovi dipendenti
  • Supervisione di base
  • Motivazione
  • Feedback e guida sulle prestazioni

Alcuni manager di prima linea possono anche fornire una pianificazione della carriera per i dipendenti che mirano a crescere all’interno dell’organizzazione.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Formazione e istruzione

Ulteriori informazioni: Business School , Scuola di politiche pubbliche e College of Arts and Sciences

I college e le università di tutto il mondo offrono diplomi di laurea, lauree post-laurea, diplomi e certificati in management; generalmente all’interno delle loro facoltà di economia, business school o facoltà di management, ma anche in altri dipartimenti correlati. Negli anni 2010, si è verificato un aumento dell’istruzione e della formazione manageriale online sotto forma di tecnologia educativa elettronica (chiamata anche e-learning). L’istruzione online ha aumentato l’accessibilità alla formazione manageriale per le persone che non vivono vicino a un college o università o che non possono permettersi di recarsi in una città in cui tale formazione è disponibile.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Requisito

Mentre alcune professioni richiedono credenziali accademiche per poter esercitare la professione (ad esempio, giurisprudenza, medicina, ingegneria, che richiedono rispettivamente la laurea in Giurisprudenza , Dottore in Medicina e Laurea in Ingegneria ), le posizioni di gestione e amministrazione non richiedono necessariamente il conseguimento dei titoli accademici. Alcuni noti dirigenti senior negli Stati Uniti che non hanno conseguito una laurea includono Steve Jobs , Bill Gates e Mark Zuckerberg . Tuttavia, molti manager e dirigenti hanno completato qualche tipo di formazione aziendale o gestionale, come una laurea in Commercio o un Master in Amministrazione aziendale . Alcune grandi organizzazioni, tra cui aziende, organizzazioni senza scopo di lucro e governi, richiedono ai candidati a posizioni manageriali o esecutive di possedere almeno una laurea in un campo correlato all’amministrazione o alla gestione o, nel caso di lavori aziendali, una laurea in commercio o una laurea in commercio. grado simile.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Università

Ulteriori informazioni: Formazione aziendale § Istruzione universitaria , Scienze politiche e Pubblica amministrazione

A livello universitario, i programmi aziendali più comuni sono il Bachelor of Business Administration (BBA) e il Bachelor of Commerce (B.Com.). Questi comprendono tipicamente un programma quadriennale progettato per fornire agli studenti una panoramica del ruolo dei manager nella pianificazione e nella direzione all’interno di un’organizzazione. Gli argomenti del corso includono contabilità, gestione finanziaria, statistica, marketing, strategia e altre aree correlate.

Ci sono molti altri diplomi universitari che includono lo studio del management, come i diplomi Bachelor of Arts e Bachelor of Science con specializzazione in amministrazione aziendale o gestione e il Bachelor of Arts (BA) o Bachelor of Science (BS) in scienze politiche ( PoliSci) con una concentrazione nella pubblica amministrazione o il Bachelor of Public Administration (BPA), una laurea progettata per individui che mirano a lavorare come burocrati nei lavori governativi . Molti college e università offrono anche certificati e diplomi in amministrazione o gestione aziendale, che in genere richiedono uno o due anni di studio a tempo pieno.

Per gestire aree tecnologiche spesso è necessaria una laurea in un’area STEM .

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Formazione Universitaria

Vedi MASTER IN COACHING AZIENDALE E SVILUPPO DEL POTENZIALE MANAGERIALE – METODO ALM (ACTION LINE MANAGEMENT)

Ulteriori informazioni: Formazione aziendale § Formazione post-laurea

A livello universitario gli studenti che mirano a una carriera come manager o dirigenti possono scegliere di specializzarsi nelle principali sottoaree della gestione o dell’amministrazione aziendale come l’imprenditorialità , le risorse umane , gli affari internazionali , il comportamento organizzativo , la teoria organizzativa , la gestione strategica , [31] contabilità , finanza aziendale , intrattenimento, gestione globale, gestione sanitaria , gestione degli investimenti , sostenibilità e settore immobiliare .

Un Master in Business Administration (MBA) è il titolo professionale più popolare a livello di master e può essere conseguito presso molte università degli Stati Uniti. I programmi MBA forniscono ulteriore formazione in gestione e leadership per gli studenti laureati. Altri master in economia e gestione includono il Master of Management (MM) e il Master of Science (M.Sc.) in amministrazione aziendale o gestione, che viene generalmente frequentato da studenti che aspirano a diventare ricercatori o professori.

Esistono anche master specialistici in amministrazione per coloro che aspirano a una carriera al di fuori dell’impresa , come il Master in Pubblica Amministrazione (MPA) (offerto anche come Master of Arts o Master of Science in pubblica amministrazione in alcune università), per gli studenti che mirano a diventare manager o dirigenti del servizio pubblico e il Master in Amministrazione Sanitaria , per gli studenti che aspirano a diventare manager o dirigenti del settore sanitario e ospedaliero.

diplomi terminali più avanzati nel campo degli affari e del management. La maggior parte delle persone che ottengono un dottorato in gestione seguono programmi per ottenere la formazione in metodi di ricerca, analisi statistica e scrittura di documenti accademici di cui avranno bisogno per intraprendere una carriera come ricercatori, consulenti senior e/o professori in amministrazione o gestione aziendale. Esistono diversi tipi di dottorati in management: il Dottore in Management (DM), il Dottore in Amministrazione Aziendale (DBA), il Dottore in Pubblica Amministrazione (DPA), il Dottorato in Economia Aziendale, il Dottorato in Management e il Dottorato in Politica. scienza con una concentrazione nella pubblica amministrazione. Negli anni 2010 erano disponibili dottorati in economia e gestione aziendale con molte specializzazioni.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Buone pratiche

Sebbene le tendenze gestionali possano cambiare rapidamente, la tendenza a lungo termine nella gestione è stata definita da un mercato che abbraccia la diversità e da un settore dei servizi in crescita. I manager vengono attualmente formati per incoraggiare una maggiore uguaglianza per le minoranze e le donne sul posto di lavoro, offrendo una maggiore flessibilità nell’orario di lavoro, una migliore riqualificazione e indicatori di performance innovativi (e solitamente specifici del settore). I manager destinati al settore dei servizi vengono formati per utilizzare tecniche di misurazione uniche, un migliore supporto ai lavoratori e stili di leadership più carismatici. [32] Le risorse umane si trovano a collaborare sempre più con il management con capacità di formazione per aiutare a raccogliere dati gestionali sul successo (o sul fallimento) delle azioni di gestione con i dipendenti. [33]

Le buone pratiche identificate per i manager includono “camminare in fabbrica” [34] e, soprattutto per i manager che sono nuovi in carica, identificare e ottenere alcune “vittorie rapide” che dimostrino un successo visibile nello stabilire obiettivi appropriati. Lo scrittore di leadership John Kotter usa la frase “vittorie a breve termine” per esprimere la stessa idea. [35] Come in ogni lavoro, il raggiungimento di un adeguato equilibrio tra lavoro e vita privata per sé e per gli altri è un’importante pratica di gestione. [36]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Gestione basata sull’evidenza

Articolo principale: gestione basata sull’evidenza

La gestione basata sull’evidenza è un movimento emergente che utilizza le migliori evidenze attuali nella gestione e nel processo decisionale . Fa parte di un movimento più ampio verso pratiche basate sull’evidenza . La gestione basata sull’evidenza implica decisioni manageriali e pratiche organizzative informate dalle migliori evidenze disponibili. [37] Come altre pratiche basate sull’evidenza, questa si basa su tre principi: evidenza di ricerche pubblicate sottoposte a revisione paritaria (spesso in riviste di management o di scienze sociali) che influiscono sul se e perché una particolare pratica di gestione funziona; giudizio ed esperienza dalla pratica di gestione contestuale, per comprendere le dinamiche organizzative e interpersonali in una situazione e determinare i rischi e i benefici delle azioni disponibili; e le preferenze e i valori delle persone colpite. [38] [39]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Storia

Alcuni vedono il management come una concettualizzazione tardo-moderna (nel senso di tarda modernità ). [40] In questi termini non può avere una storia premoderna – solo messaggeri (come gli steward ). Altri, tuttavia, rilevano un pensiero di tipo gestionale tra gli antichi commercianti sumeri e i costruttori delle piramidi dell’antico Egitto . Nel corso dei secoli i proprietari di schiavi dovettero affrontare il problema di sfruttare e motivare una forza lavoro dipendente ma talvolta poco entusiasta o recalcitrante, ma molte imprese preindustriali , data la loro piccola scala, non si sentirono obbligate ad affrontare sistematicamente i problemi di gestione. Tuttavia, innovazioni come la diffusione dei numeri arabi (dal V al XV secolo) e la codificazione della contabilità in partita doppia (1494) fornirono strumenti per la valutazione, la pianificazione e il controllo della gestione.

  • Un’organizzazione è più stabile se i suoi membri hanno il diritto di esprimere le proprie differenze e risolvere i propri conflitti al suo interno.
  • Sebbene una persona possa avviare un’organizzazione, “essa è duratura quando viene lasciata alle cure di molti e quando molti desiderano mantenerla”.
  • Un manager debole può seguirne uno forte, ma non un altro debole, e mantenere l’autorità.
  • Un manager che cerca di cambiare un’organizzazione consolidata “dovrebbe conservare almeno un’ombra delle antiche usanze”.

Con il cambiamento dei luoghi di lavoro causato dalle rivoluzioni industriali nel XVIII e XIX secolo, la teoria e la pratica militare contribuirono ad approcci alla gestione delle nuove fabbriche popolari . [41]

Considerata la portata della maggior parte delle operazioni commerciali e la mancanza di registrazioni e registrazioni meccanizzate prima della rivoluzione industriale, a quei tempi era logico che la maggior parte dei proprietari di imprese svolgessero funzioni di gestione da soli e per conto proprio. Ma con la crescente dimensione e complessità delle organizzazioni, la distinzione tra proprietari (individui, dinastie industriali o gruppi di azionisti ) e manager quotidiani (specialisti indipendenti in pianificazione e controllo) è diventata gradualmente più comune.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – I primi scritti

Il campo del management ha avuto origine nell’antica Cina, [42] includendo forse il primo stato burocratico altamente centralizzato e il primo esempio (nel II secolo a.C.) di un’amministrazione basata sul merito attraverso test . [43] Alcuni teorici hanno citato antichi testi militari come lezioni per i manager civili. Ad esempio, il generale cinese Sun Tzu nella sua opera del VI secolo a.C. L’arte della guerra raccomanda [ citazione necessaria ] (se riformulato nella terminologia moderna) di essere consapevoli e di agire in base ai punti di forza e di debolezza sia dell’organizzazione di un manager che di quella del nemico. [44] [ è necessaria una citazione per verificare ] Gli scritti dell’influente filosofo legalista cinese Shen Buhai possono essere considerati [ da chi? ] per incarnare un raro esempio premoderno di teoria astratta dell’amministrazione. [45] [46] Il filosofo americano Herrlee G. Creel e altri studiosi riscontrano l’influenza dell’amministrazione cinese in Europa nel XII secolo. [47] [48] [49] [50] Thomas Taylor Meadows, console britannico a Guangzhou , sostenne nelle sue Desultory Notes on the Government and People of China (1847) che “la lunga durata dell’impero cinese è esclusivamente e interamente dovuta al buon governo che consiste nella promozione solo di uomini di talento e di merito”, e che gli inglesi devono riformare il loro servizio civile rendendo l’istituzione meritocratica . [51] Influenzato dall’antico esame imperiale cinese , il Rapporto Northcote-Trevelyan del 1854 raccomandava che il reclutamento dovesse avvenire sulla base del merito determinato attraverso un esame competitivo, che i candidati dovessero avere una solida istruzione generale per consentire i trasferimenti interdipartimentali e che la promozione dovrebbe essere essere attraverso il successo piuttosto che “la preferenza, il patrocinio o l’acquisto”. [52] [51] Ciò ha portato all’implementazione del servizio civile di Sua Maestà come burocrazia sistematica e meritocratica del servizio civile. [53] Come quella britannica, lo sviluppo della burocrazia francese fu influenzato dal sistema cinese. Voltaire sosteneva che i cinesi avevano “perfezionato la scienza morale” e François Quesnay sosteneva un sistema economico e politico modellato su quello cinese. [54] Anche gli esami del servizio civile francese adottati alla fine del XIX secolo erano fortemente basati su studi culturali generali. Queste caratteristiche sono state paragonate al precedente modello cinese. [55]

Varie civiltà antiche e medievali produssero libri ” specchi per principi “, che miravano a consigliare i nuovi monarchi su come governare. Platone descrisse la specializzazione lavorativa nel 350 a.C. e Alfarabi elencò diversi tratti di leadership nel 900 d.C. [56] Altri esempi includono l’indiano Arthashastra di Chanakya (scritto intorno al 300 a.C.) e Il principe dell’autore italiano Niccolò Machiavelli (1515 circa). [57]

Ulteriori informazioni: Specchi per principi

Scritto nel 1776 da Adam Smith , uno scozzese filosofo morale , La ricchezza delle nazioni ha discusso l’organizzazione efficiente del lavoro attraverso la divisione del lavoro . [57] Smith descrisse come i cambiamenti nei processi potrebbero aumentare la produttività nella produzione di spilli . Mentre gli individui potevano produrre 200 spille al giorno, Smith analizzò le fasi coinvolte nella produzione e, con 10 specialisti, permise la produzione di 48.000 spille al giorno. [57] [ è necessario un preventivo per verificare ]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – XIX secolo

Economisti classici come Adam Smith (1723–1790) e John Stuart Mill (1806–1873) fornirono un background teorico all’allocazione delle risorse , alla produzione (economia) e alle questioni relative ai prezzi . Più o meno nello stesso periodo, innovatori come Eli Whitney (1765–1825), James Watt (1736–1819) e Matthew Boulton (1728–1809) svilupparono elementi di produzione tecnica come standardizzazione , procedure di controllo della qualità , contabilità dei costi , intercambiabilità delle parti e pianificazione del lavoro . Molti di questi aspetti della gestione esistevano nel settore dell’economia statunitense precedente al 1861, basato sugli schiavi. Quell’ambiente vide 4 milioni di persone, secondo gli usi contemporanei, “gestite” in una redditizia produzione quasi di massa [58] prima che la schiavitù salariale eclissasse la schiavitù dei beni mobili.

I manager salariati come gruppo identificabile divennero prominenti per la prima volta alla fine del XIX secolo. [59] Quando le grandi aziende iniziarono a mettere in ombra le piccole imprese familiari, la necessità di posizioni di gestione del personale divenne più necessaria. [60] Le imprese si trasformarono in grandi società e la necessità di impiegati, contabili, segretari e manager si espanse. La richiesta di manager qualificati ha portato gli amministratori di college e università a prendere in considerazione e portare avanti i piani per creare le prime scuole di business nei loro campus.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – 2secolo

All’inizio del XX secolo la necessità di manager qualificati e formati era diventata sempre più evidente. La domanda si è verificata quando i dipartimenti del personale hanno iniziato a espandersi rapidamente. Nel 1915, meno di un’impresa manifatturiera su venti aveva un reparto dedicato al personale. Nel 1929 quel numero era cresciuto fino a oltre un terzo. [61] La formazione manageriale formale divenne standardizzata nei college e nelle università. [62] I college e le università hanno sfruttato le esigenze delle aziende formando business school e dipartimenti di collocamento aziendale. [63] Questo spostamento verso l’istruzione aziendale formale ha segnato la creazione di un’élite aziendale negli Stati Uniti.

Intorno al 1900 si trovano manager che cercano di collocare le loro teorie su quella che consideravano una base completamente scientifica (vedi scientismo per i limiti percepiti di questa convinzione). Gli esempi includono Science of management di Henry R. Towne nel 1890, The Principles of Scientific Management di Frederick Winslow Taylor (1911), Psychology of Management di Lillian Gilbreth (1914), [64] Studio sul movimento applicato di Frank e Lillian Gilbreth (1917) e grafici di Henry L. Gantt (anni ’10). J. Duncan scrisse il primo libro di testo sulla gestione universitaria nel 1911. Nel 1912 Yoichi Ueno introdusse il taylorismo in Giappone e divenne il primo consulente aziendale dello ” stile di gestione giapponese “. Suo figlio Ichiro Ueno è stato il pioniere del controllo qualità giapponese .

Le prime teorie complete sul management apparvero intorno al 1920. [ citazione necessaria ] La Harvard Business School offrì il primo Master in Business Administration (MBA) nel 1921. Persone come Henri Fayol (1841-1925) e Alexander Church (1866-1936) descrissero i vari rami del management e le loro interrelazioni. All’inizio del XX secolo, persone come Ordway Tead (1891–1973), Walter Scott (1869–1955) e J. Mooney applicarono i principi della psicologia al management. Altri scrittori, come Elton Mayo (1880–1949), Mary Parker Follett (1868–1933), Chester Barnard (1886–1961), Max Weber (1864–1920), che vedevano quello che chiamava “amministratore” come burocrate , [65] Rensis Likert (1903–1981) e Chris Argyris (nato nel 1923) si avvicinarono al fenomeno del management da una prospettiva sociologica .

Gli anni ’30 e ’40 videro lo sviluppo di una tendenza alla militarizzazione nella gestione di alcune parti dell’Eurasia : sia l’ NKVD (nell’Unione Sovietica) che le SS (nel Grande Reich Germanico ), ad esempio, gestirono i campi di lavoro come imprese industriali che utilizzavano il lavoro forzato. supervisionato da quadri uniformi. [66] [67] Le abitudini militari persistevano in alcuni circoli dirigenziali. [68]

Peter Drucker (1909–2005) scrisse uno dei primi libri sulla gestione applicata: Concept of the Corporation (pubblicato nel 1946). Il risultato fu che Alfred Sloan (presidente della General Motors fino al 1956) commissionò uno studio sull’organizzazione . Drucker ha continuato a scrivere 39 libri, molti nella stessa vena.

  1. Dodge, Ronald Fisher (1890–1962) e Thornton C. Fry introdussero tecniche statistiche negli studi gestionali. Negli anni ’40 Patrick Blackett lavorò allo sviluppo della matematica applicatascienza della ricerca operativa , inizialmente per operazioni militari. La ricerca operativa, a volte nota come ” scienza gestionale ” (ma distinta dalla gestione scientifica di Taylor ), tenta di adottare un approccio scientifico per risolvere problemi decisionali e può applicarsi direttamente a molteplici problemi gestionali, in particolare nelle aree della logistica e delle operazioni.

Alcuni degli sviluppi successivi del XX secolo includono la teoria dei vincoli (introdotta nel 1984), la gestione per obiettivi (sistematizzata nel 1954), la reingegnerizzazione (primi anni ’90), Six Sigma (1986), la gestione camminando intorno (anni ’70), il modello del sistema Viable (1972), e varie teorie basate sulla tecnologia dell’informazione come lo sviluppo agile del software (così chiamato dal 2001), così come teorie sulla gestione di gruppo come Cog’s Ladder (1972) e la nozione di “prosperare su caos” [69] (1987).

Mentre il riconoscimento generale dei manager come classe si è consolidato nel corso del XX secolo e ha dato un certo prestigio ai professionisti percepiti dell’arte/scienza del management, così si è aperta la strada ai sistemi popolari di idee di management per vendere la propria merce . In questo contesto molte mode del management potrebbero aver avuto più a che fare con la psicologia popolare che con le teorie scientifiche del management.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Gestione aziendale e sue evoluzioni

Gestione aziendale  comprende i seguenti rami:

  1. gestione finanziaria
  2. gestione delle risorse umane
  3. Cibernetica gestionale
  4. gestione delle tecnologie dell’informazione (responsabile della gestione dei sistemi informativi )
  5. gestione del marketing
  6. gestione delle operazioni e gestione della produzione
  7. gestione strategica

21° secolo

Nel 21° secolo gli osservatori hanno trovato sempre più difficile suddividere in questo modo la gestione in categorie funzionali. Sempre più processi coinvolgono contemporaneamente più categorie. Si tende invece a pensare in termini di vari processi, compiti e oggetti soggetti a gestione. [ citazione necessaria ]

Esistono anche rami della teoria della gestione relativi alle organizzazioni non profit e al governo: come la pubblica amministrazione , la gestione pubblica e la gestione educativa . Inoltre, i programmi di gestione legati alle organizzazioni della società civile hanno dato vita anche a programmi di gestione senza scopo di lucro e di imprenditoria sociale .

Si noti che molte delle ipotesi formulate dal management sono state attaccate da punti di vista di etica aziendale , studi critici sulla gestione e attivismo anti-aziendale .

Di conseguenza, la democrazia sul posto di lavoro (a volte definita autogestione dei lavoratori ) è diventata più comune e più sostenuta, in alcuni luoghi distribuendo tutte le funzioni gestionali tra i lavoratori, ciascuno dei quali si assume una parte del lavoro. Tuttavia, questi modelli sono antecedenti a qualsiasi questione politica attuale e possono verificarsi in modo più naturale rispetto a una gerarchia di comando . Tutto il management abbraccia in una certa misura un principio democratico: nel lungo termine, la maggioranza dei lavoratori deve sostenere il management. Altrimenti se ne vanno per cercare un altro lavoro o scioperano. Nonostante il passaggio alla democrazia sul posto di lavoro , le strutture organizzative di comando e controllo rimangono comuni come strutture organizzative di fatto . In effetti, la natura radicata del comando e controllo è evidente nel modo in cui il recente [ quando? ] i licenziamenti sono stati condotti con i livelli dirigenziali colpiti molto meno dei dipendenti ai livelli inferiori. [ citazione necessaria ] In alcuni casi, la direzione si è persino ricompensata con dei bonus dopo aver licenziato i lavoratori di livello inferiore. [70]

Secondo l’accademico Manfred FR Kets de Vries , un gruppo dirigente moderno avrà quasi inevitabilmente alcuni disturbi della personalità . [71]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Natura del lavoro

Nelle organizzazioni redditizie, la funzione primaria del management è la soddisfazione di una serie di stakeholder . Ciò in genere comporta la realizzazione di un profitto (per gli azionisti), la creazione di prodotti di valore a un costo ragionevole (per i clienti) e l’offerta di grandi opportunità di lavoro ai dipendenti. In caso di gestione senza scopo di lucro, una delle funzioni principali è mantenere la fiducia dei donatori. Nella maggior parte dei modelli di gestione e governance , gli azionisti votano per il consiglio di amministrazione e il consiglio assume quindi il senior management. Alcune organizzazioni hanno sperimentato altri metodi (come i modelli di voto dei dipendenti) per selezionare o rivedere i manager, ma questo è raro.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Nozioni di base

Secondo Fayol , il management opera attraverso cinque funzioni fondamentali: pianificazione, organizzazione, comando, coordinamento e controllo.

  • Pianificazione : decidere cosa deve accadere in futuro e generare piani d’azione (decidere in anticipo).
  • Organizzazione (o personale): assicurarsi che le risorse umane e non umane siano messe in atto. [72]
  • Comandare (o guidare): determinare cosa deve essere fatto in una situazione e convincere le persone a farlo.
  • Coordinamento : creazione di una struttura attraverso la quale è possibile raggiungere gli obiettivi di un’organizzazione.
  • Controllo : verifica dei progressi rispetto ai piani.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Ruoli di base

  • Interpersonale : ruoli che implicano il coordinamento e l’interazione con i dipendenti.

Polena, leader, collegamento

  • Informativo : ruoli che implicano la gestione, la condivisione e l’analisi delle informazioni.

Centro nevralgico, divulgatore, portavoce

  • Decisione : ruoli che richiedono un processo decisionale.

Imprenditore, negoziatore, allocatore, gestore dei disturbi

Competenze _ _ _

Le competenze gestionali includono:

  • Politico: utilizzato per costruire una base di potere e stabilire
  • Interpersonale : utilizzato per comunicare, motivare , guidare e delegare.
  • Diagnostica: capacità di visualizzare risposte appropriate a una situazione.
  • Leadership : capacità di comunicare una visione e ispirare le persone ad abbracciarla. [73]
  • Comportamentali: percezione verso gli altri, risoluzione dei conflitti, gestione del tempo, miglioramento personale, gestione dello stress e resilienza, pazienza, comunicazione chiara. [74]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management Attuazione di politiche e strategie

  • Tutte le politiche e le strategie devono essere discusse con tutto il personale dirigente e il personale.
  • I manager devono capire dove e come possono implementare le loro politiche e strategie.
  • È necessario elaborare un piano d’azione per ciascun dipartimento.
  • Le politiche e le strategie devono essere riviste regolarmente.
  • È necessario elaborare piani di emergenza nel caso in cui l’ambiente cambi.
  • I manager di livello superiore dovrebbero effettuare valutazioni periodiche dei progressi compiuti.
  • L’attività richiede spirito di squadra e un buon ambiente.
  • Le missioni, gli obiettivi, i punti di forza e di debolezza di ciascun dipartimento devono essere analizzati per determinare il loro ruolo nel raggiungimento della missione aziendale.
  • Il metodo di previsione sviluppa un quadro affidabile dell’ambiente futuro dell’azienda.
  • È necessario creare un’unità di pianificazione per garantire che tutti i piani siano coerenti e che le politiche e le strategie siano mirate al raggiungimento della stessa missione e degli stessi obiettivi.

Politiche e strategie nel processo di pianificazione

  • Forniscono ai manager di livello medio e inferiore una buona idea dei piani futuri per ciascun dipartimento di un’organizzazione.
  • Viene creato un quadro in base al quale vengono presi piani e decisioni.
  • Il management di livello medio e inferiore può aggiungere i propri piani alle strategie aziendali.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Riferimenti

  1. ^ KATHRYN DILL. (2021, 12 gennaio). IL TUO PROSSIMO BOSS: PIÙ ARMONIA, MENO AUTORITÀ. Giornale di Wall Street . [1]
  2. ^“Che cos’è la gestione basata sull’evidenza? – Centro per la gestione basata sull’evidenza” . Estratto il 03/03/2022.
  3. ^DuBrin, Andrew J. (2009). Elementi essenziali di gestione (8a ed.). Mason, OH: Thomson Business & Economics. ISBN 978-0-324-35389-1 . OCLC 227205643 .
  4. ^ Waring, S.P., 2016. Taylorismo trasformato: teoria della gestione scientifica dal 1945 . UNC Press Books.
  5. ^Mintzberg, Henry. (2014). Manager l’essentiel: ce que font vraiment les manager… et ce qu’ils pourraient faire mieux. Parigi: Vuibert. ISBN 978-2-311-40094-6 .
  6. ^Reale Accademia Spagnola, Dizionario della lingua spagnola. “manejar | Dizionario della lingua spagnola” (in spagnolo).
  7. ^Senofonte (1734). “Oikonomikos. Oder Ciceronis notte übrig” .
  8. ^“Home: Dizionario inglese di Oxford” .
  9. ^SS Gulshan. Principi e pratiche di gestione di Lallan Prasad e SS Gulshan . Libri Excel India. pag. 6–. ISBN 978-93-5062-099-1 .
  10. ^Anna Viola Ulvin
  11. ^ Deslandes G., (2014), “Management in Xenophon’s Philosophy: a Retrospective Analysis”, 38a conferenza annuale di ricerca, Filosofia del management, 2014, 14-16 luglio, Chicago
  12. ^ Prabbal Frank tenta di fare una sottile distinzione tra gestione e manipolazione: Frank, Prabbal (2007). Manipolazione delle persone: un approccio positivo (2 ed.). Nuova Delhi: Sterling Publishers Pvt. Ltd (pubblicato nel 2009). pag. 3–7. ISBN978-81-207-4352-6 . Estratto il 05-09-2015. C’è differenza tra gestione e manipolazione. La differenza è sottile […] Se gestione è manipolazione, allora la manipolazione è manipolazione abile. In breve, la manipolazione è una gestione abile. […] La manipolazione è essenzialmente una gestione a leva. […] È una cosa viva mentre il management è un concetto morto. Richiede un approccio proattivo piuttosto che reattivo. […] Le persone non si possono gestire.
  13. ^Powell, Thomas C. (2001). “Vantaggio competitivo: considerazioni logiche e filosofiche” . Giornale di gestione strategica. 22 (9): 875–888. doi : 1002/smj.173 . ISSN 1097-0266 .
  14. ^Langfred, Claus (2000). “Il paradosso dell’autogestione : autonomia individuale e di gruppo nei gruppi di lavoro.” Giornale del comportamento organizzativo. 21 (5): 563–585. doi : 1002/1099-1379(200008)21:5<563::AID-JOB31>3.0.CO;2-H .
  15. ^Legno, Roberto; Bandura, Albert (1989). “Teoria cognitiva sociale della gestione organizzativa”. L’Accademia di revisione gestionale. 14 (3): 361–384. doi : 2307/258173 . ISSN 0363-7425 . JSTOR 258173 .
  16. ^Julie Zink, Ph.D.; Zink, Julie (2017). “Capitolo 1: Introduzione alla comunicazione organizzativa” .
  17. ^“Competenze manageriali: 3 tipi di competenze di cui ogni manager avrà bisogno” . Scatola degli imprenditori. 2021-06-06. Estratto il 18/06/2022.
  18. ^“La gestione è un processo e un fenomeno universale (spiegato)” . www.iedunote.com. 2018-06-12. Estratto il 18/06/2022.
  19. ^Administration industrielle et générale – organizzazione di prevoyance – comandamento, coordinamento – contrôle , Parigi: Dunod, 1966
  20. ^Jones, Norman L. (02/10/2013). “Capitolo due: di poesia e politica: la cultura manageriale dell’Inghilterra del sedicesimo secolo” . In Kaufman, Peter Iver (a cura di). Leadership e cultura elisabettiana. Studi Jepson sulla leadership. Palgrave Macmillan (pubblicato nel 2013). P. 17. ISBN 978-1-137-34029-0 . Estratto il 29 agosto 2015. Mary Parker Follett, la “profeta del management”, definisce il management come “l’arte di portare a termine le cose attraverso le persone”. […] Che lo abbia detto o meno, Follett descrive gli attributi della gestione dinamica come coattivi piuttosto che coercitivi.
  21. ^Imprenditorialità professionale: formazione, sviluppo e motivazione delle persone di Richard Barrett – Business & Economics – 2003. p. 51.
  22. ^ Confronta: Holmes, Leonard (28-11-2012). Il dominio del management: una critica partecipativa . Voci nella gestione dello sviluppo. Ashgate Publishing, Ltd. (pubblicato nel 2012). P. 20. ISBN978-1-4094-8866-8 . Estratto il 29 agosto 2015. La nozione di Lupton (1983: 17) secondo cui la gestione è “ciò che i manager fanno durante il loro orario di lavoro”, se valida, potrebbe applicarsi solo a concettualizzazioni descrittive della gestione, dove “gestione” è effettivamente sinonimo di “gestione” e dove “gestione” si riferisce ad un’attività, o insieme di attività svolte dai gestori.
  23. ^Harper, Douglas. “gestione” . Dizionario etimologico online . Estratto il 29 agosto 2015. – “Il significato di ‘organo direttivo’ (originariamente di un teatro) risale al 1739.”
  24. ^ Vedi per esempi Melling, Joseph; McKinlay, Alan, eds. (millenovecentonovantasei). Management, lavoro e politica industriale nell’Europa moderna: la ricerca della crescita della produttività nel ventesimo secolo . Edoardo Elgar. ISBN978-1-85898-016-4 . Estratto il 29 agosto 2015.
  25. ^ Confronta: Vasconcelos e Sá, Jorge (2012). Non esiste leadership: solo gestione efficace: lezioni dalla battaglia perfetta di Lee, Ciro il Grande di Senofonte e la pratica dei migliori manager del mondo . Porto: Editoriale Vida Economica. P. 19. Codice ISBN9789727886012 . Estratto il 22/01/2020. […] chiedere che cosa sia la leadership […] è una domanda falsa. La domanda giusta è: cos’è una gestione efficace?
  26. ^“Livelli e tipologie di gestione | Gestione illimitata” . corsi.lumenlearning.com. Estratto il 05-07-2021.
  27. ^Consiglio di amministrazione: compiti e responsabilità Archiviato il 24 marzo 2014 in Internet Archive . Stanford Graduate School of Business.
  28. ^ DeMars L. (2006). Controllo pesante: i consigli di amministrazione ora vogliono parlare con gli aspiranti CFO e viceversa . Rivista del CFO .
  29. ^Sondaggio 2013 sulla valutazione delle prestazioni degli amministratori delegati . Stanford Graduate School of Business.
  30. ^ Kleiman, Lawrence S. “Gestione e sviluppo esecutivo.” Riferimento per il business: Encyclopedia of Business (2010): np 25 marzo 2011. [2]
  31. ^“Presentazioni di posizionamento AOM” .
  32. ^“Quattro modi per essere un capo migliore” . www.randstadusa.com. Randstad USA. Estratto il 18 gennaio 2015.
  33. ^“Il ruolo delle risorse umane in tempi incerti” (PDF) . Economist Intelligence Unit. Economist Intelligence Unit. Estratto il 18 gennaio 2015.
  34. ^ Verity, J., Cinque vantaggi di camminare in ‘officina’ , People Puzzles , accesso 11 marzo 2023
  35. ^ Kotter, J., The 8-Step Process for Leading Change , accesso 11 marzo 2023
  36. ^ Britt, H., 14 modi per migliorare l’equilibrio tra lavoro e vita privata , accesso l’11 marzo 2023
  37. ^Pfeffer J , Sutton RI (marzo 2006). Fatti concreti, mezze verità pericolose e sciocchezze totali: trarre profitto dalla gestione basata sull’evidenza (prima ed.). Boston, Massachusetts: Harvard Business Review Press. ISBN 978-1-59139-862-2 .
  38. ^Primavera B (luglio 2007). “Pratica basata sull’evidenza in psicologia clinica: cos’è, perché è importante; cosa devi sapere.” Giornale di psicologia clinica. 63 (7): 611–31. CiteSeerX 1.1.456.9970 . doi : 10.1002/jclp.20373 . PMID 17551934 .
  39. ^Lilienfeld SO, Ritschel LA, Lynn SJ, Cautin RL, Latzman RD (novembre 2013). “Perché molti psicologi clinici sono resistenti alla pratica basata sull’evidenza: cause profonde e rimedi costruttivi.” Revisione di psicologia clinica. 33 (7): 883–900. doi : 1016/j.cpr.2012.09.008 . PMID 23647856 .
  40. ^ Waring, S.P., 2016, Taylorismo trasformato: teoria della gestione scientifica dal 1945 . UNC Press Books.
  41. ^Giddens, Anthony (1981). Una critica contemporanea del materialismo storico . Teoria sociale e politica da Polity Press. Vol. 1. Stampa dell’Università della California. P. 125. ISBN 978-0-520-04490-6 . Estratto il 29/12/2013. Nelle caserme e nel coordinamento di massa degli uomini sul campo di battaglia (simboleggiato dalle innovazioni militari del principe Maurizio d’Orange e di Nassau nel XVI secolo) si trova il prototipo dell’irreggimentazione della fabbrica – poiché sia Notarono Marx e Weber.
  42. ^ Ewan Ferlie, Laurence E. Lynn, Christopher Pollitt (2005) Il manuale di Oxford sulla gestione pubblica , p.30.
  43. ^ Kazin, Edwards e Rothman (2010), 142. Uno dei più antichi esempi di sistema di servizio civile basato sul merito esisteva nella burocrazia imperiale cinese.
    • Tan, Chung; Geng, Yinzheng (2005). India e Cina: venti secoli di interazioni e vibrazioni di civiltà. Stampa dell’Università del Michigan. P. 128. La Cina non solo ha prodotto la prima “burocrazia” al mondo, ma anche la prima “meritocrazia” al mondo
    • Konner, Melvin (2003). Instabile: un’antropologia degli ebrei . Bussola vichinga. P. 217 . ISBN9780670032440 . La Cina è la meritocrazia più antica del mondo
    • Tucker, Mary Evelyn (2009). “Toccare la profondità delle cose: coltivare la natura nell’Asia orientale”. Ecologia e ambiente: prospettive dalle discipline umanistiche: 51. Per fornire personale a queste istituzioni, hanno creato la più antica meritocrazia del mondo, in cui le nomine governative si basavano su esami di servizio civile che si ispiravano ai valori dei classici confuciani
  44. ^Gomez-Mejia, Luis R.; David B. Balkin; Robert L. Cardy (2008). Management: Persone, Performance, Cambiamento, 3a edizione. New York: McGraw-Hill . P. 19. Codice ISBN 978-0-07-302743-2 .
  45. ^ Creel, 1974 pp. 4–5 Shen Pu-hai: un filosofo politico cinese del IV secolo aC
  46. ^ Creel, Cos’è il taoismo?, 94
  47. ^ Ewan Ferlie, Laurence E. Lynn, Christopher Pollitt 2005 p.30, The Oxford Handbook of Public Management
  48. ^ Herrlee G. Creel, 1974 p.119. “Shen Pu-Hai: un filosofo secolare dell’amministrazione”, Journal of Chinese Philosophy Volume 1.
  49. ^ Creel, “Le origini dell’arte di governare in Cina, I”, The Western Chou Empire , Chicago, pp.9–27
  50. ^ Otto B. Van der Sprenkel, “Max Weber sulla Cina”, Storia e teoria3 (1964), 357.
  51. ^ Vai a: aB Bodde, Derke. “Cina: un quaderno di esercizi per l’insegnamento” . Università della Columbia.
  52. ^Testo completo del rapporto Northcote-Trevelyan Archiviato il 22 dicembre 2014 in Internet Archive
  53. ^Walker, David (09-07-2003). “Gioco onesto” . Il guardiano. Londra, Regno Unito. Estratto il 09-07-2003.
  54. ^Mark W. Huddleston; William W. Boyer (1996). Il servizio civile superiore negli Stati Uniti: ricerca di riforme. Università di Pittsburgh Pre. P. 15. ISBN 0822974738 .
  55. ^Rung, Margaret C. (2002). Servitori dello Stato: gestione della diversità e della democrazia nella forza lavoro federale, 1933-1953 . Stampa dell’Università della Georgia. pag. 8, 200–201. ISBN 0820323624 .
  56. ^ Griffin, Ricky W. CUSTOM Management: principi e pratiche, edizione internazionale, 11a edizione. Cengage Learning Regno Unito, 08/2014
  57. ^ Vai a: aB C Gomez-Mejia, Luis R.; David B. Balkin; Robert L. Cardy (2008). Gestione: persone, prestazioni, cambiamento (3 ed.). New York: McGraw-Hill . P. 20. ISBN 978-0-07-302743-2 .
  58. ^Rosenthal, Caitlin (2018). Contabilità della schiavitù: padroni e gestione . Stampa dell’Università di Harvard. ISBN 9780674988576 . Estratto il 3 ottobre il 2020.
  59. ^Khurana, Rakesh (2010) [2007]. Dagli obiettivi più ambiziosi alle braccianti: la trasformazione sociale delle business school americane e la promessa non mantenuta del management come professione . Stampa dell’Università di Princeton. P. 3. ISBN 978-1-4008-3086-2 . Estratto il 24 agosto 2013. Quando i manager stipendiati apparvero per la prima volta nelle grandi aziende della fine del XIX secolo, non era ovvio chi fossero, cosa facessero o perché dovesse essere loro affidato il compito di gestire le aziende.
  60. ^Groeger, Cristina V. (febbraio 2018). “Un” buon mixer “: tirocinio universitario in Corporate America, 1890-1940” . Trimestrale di storia dell’educazione. 58 (1): 33–64. doi : 1017/heq.2017.48 . ISSN 0018-2680 . S2CID 149037078 .
  61. ^Jacoby, SM (1985). “Impiego della burocrazia: manager, sindacati e trasformazione del lavoro nell’industria americana, 1900-1945”. Stampa della Columbia University.
  62. ^Cruikshank, L. (1987). “Un esperimento delicato: la Harvard Business School, 1908-1945.” Stampa della Harvard Business School.
  63. ^Groeger, Cristina V. (febbraio 2018). “Un” buon mixer “: tirocinio universitario in Corporate America, 1890-1940” . Trimestrale di storia dell’educazione. 58 (1): 33–64. doi : 1017/heq.2017.48 . ISSN 0018-2680 . S2CID 149037078 .
  64. ^Gilbreth, Lillian Moller. La psicologia del management: la funzione della mente nel determinare, insegnare e installare metodi di minor spreco – tramite Internet Archive.
  65. ^Legge, David; Stanton, Paolina; Smyth, Anne (ottobre 2005). “Gestione dell’apprendimento (e gestione del proprio apprendimento)” . In Harris, Mary G. (a cura di). Gestione dei servizi sanitari: concetti e pratica. Marrickville, NSW: Elsevier Australia (pubblicato nel 2006). P. 13. ISBN 978-0-7295-3759-9 . Estratto l’11/07/2014. Il manager in quanto burocrate è il custode dei ruoli, delle regole e delle relazioni; il suo stile di gestione si basa fortemente sul lavoro secondo il libro. Nella tradizione weberiana i manager sono necessari per coordinare i diversi ruoli che contribuiscono al processo produttivo e per mediare la comunicazione dalla sede centrale all’officina e ritorno. Questo stile di gestione presuppone una visione del mondo in cui il ruolo burocratico è visto come separato e prioritario rispetto ad altre costruzioni del sé (compresi gli obblighi di cittadinanza), almeno per la durata della giornata lavorativa.
  66. ^ Confronta: Ivanova, Galina Mikhailovna (17 luglio 2015). Raleigh, Donald J. (a cura di). Socialismo nei campi di lavoro: il gulag nel sistema totalitario sovietico . Tradotto da Flath, Carol A. (ristampa ed.). Routledge (pubblicato nel 2015). ISBN9781317466635 . Estratto 8 marzo 2021 . La sospensione dello sviluppo delle forze produttive da parte del Gulag avrebbe dovuto avere un effetto a lungo termine sull’economia sovietica, e i rapporti di produzione padrone-schiavo dei campi corruppero ampi settori della società sovietica. Centinaia di migliaia di persone che prestavano servizio come guardie, dirigenti, operatori politici, ecc., nel sistema Gulag ritenevano del tutto normale vivere dello sfruttamento quotidiano dei loro concittadini […]. […] Inoltre, le regioni inferiori dell’economia del campo incubate una varietà speciale di manager e sfruttatori sovietici, che valorizzavano e coltivavano tutto tranne l’essere umano. Questo tipo unico di manager avrebbe giocato un ruolo significativo nella definizione della politica economica del partito e del governo.
  67. ^Kadar, Laszlo (febbraio 2012). Un ragazzo così fortunato . Houston, Texas: Strategic Book Publishing (pubblicato nel 2012). P. 23. ISBN 9781612045825 . Estratto 8 marzo 2021 . La “direzione” del campo [Mauthausen] non si preoccupava delle condizioni delle “strutture”. La direzione era affidata alle SS tedesche (Schutzstaffel).
  68. ^ Ad esempio: Hsing, You-tien (1993). Reti transnazionali di piccole imprese taiwanesi e governi locali cinesi: un nuovo modello di investimenti diretti esteri . Vol. 2. Berkeley: Università della California. P. 361. URL consultato l’8 marzo 2021. Quasi tutti i manager taiwanesi che ho intervistato hanno sottolineato l’importanza di una gestione di tipo militare. Il servizio militare obbligatorio di due anni a Taiwan aveva ben preparato questi manager maschi taiwanesi con tecniche di addestramento in stile militare.
  69. ^Peters, Thomas J. (1987). Prosperare nel caos: Manuale per una rivoluzione gestionale . Biblioteca perenne. Vol. 7184. Knopf. ISBN 9780394560618 . Estratto 7 settembre il 2020.
  70. ^ Craig, S. (2009, 29 gennaio). Il caso del bonus Merrill si allarga mentre l’affare fatica. Giornale di Wall Street . [3]
  71. ^ Manfred FR Kets de Vries: “Il lato oscuro della leadership” – Revisione della strategia aziendale 14(3), Autunno p. 26 (2003).
  72. ^Jean-Louis Peaucelle (2015). Henri Fayol, il direttore . Routledge. pag. 55–. ISBN 978-1-317-31939-9 .
  73. ^“Ruoli gestionali | Principi di gestione” . corsi.lumenlearning.com. Estratto il 22-04-2021.
  74. ^“Le 7 migliori abilità comportamentali da sviluppare nei tuoi dipendenti” . ProSky: acquisisci competenze, realizza progetti, fatti assumere da aziende straordinarie. Estratto il 22-04-2021.

Per altri usi, vedere Affari (disambiguazione) .

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Affari

Gli affari sono la pratica di guadagnarsi da vivere o di guadagnare denaro producendo, comprando e vendendo prodotti (come beni e servizi ). [1] [2] [3] [4] È anche “qualsiasi attività o impresa intrapresa a scopo di lucro”. [5]

Avere una ragione sociale non separa l’entità commerciale dal proprietario, il che significa che il proprietario dell’azienda è responsabile dei debiti contratti dall’azienda. Se l’impresa acquisisce debiti, i creditori possono perseguire i beni personali del proprietario. [6] Il sistema fiscale delle imprese è diverso da quello delle società di capitali. Una struttura aziendale non consente aliquote fiscali sulle società. Il proprietario è personalmente tassato su tutti i redditi derivanti dall’impresa.

Il termine è spesso usato anche colloquialmente (ma non da avvocati o funzionari pubblici) per riferirsi a un’azienda , come una società o una cooperativa .

Le società, a differenza delle imprese individuali e delle società di persone , sono entità legali separate e forniscono una responsabilità limitata per i loro proprietari/soci, oltre ad essere soggette alle aliquote dell’imposta sulle società . Una società è più complicata e costosa da costituire , ma offre maggiore protezione e vantaggi per i proprietari/membri.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Tipologie

Le forme di proprietà aziendale variano in base alla giurisdizione , ma esistono diverse entità comuni:

  • Una ditta individuale , nota anche come ditta individuale, è di proprietà di una persona e opera a suo vantaggio. Il titolare gestisce l’attività da solo e può assumere dipendenti . Un unico proprietario ha una responsabilità illimitata per tutti gli obblighi sostenuti dall’azienda, sia dai costi operativi che dai giudizi contro l’azienda. Tutti i beni dell’azienda appartengono a un unico proprietario, tra cui, ad esempio, un’infrastruttura informatica, qualsiasi inventario , attrezzature di produzione o attrezzature per la vendita al dettaglio , nonché qualsiasi proprietà immobiliare di proprietà dell’unico proprietario.
  • Una partnership è un’azienda posseduta da due o più persone. Nella maggior parte delle forme di società di persone, ciascun partner ha una responsabilità illimitata per i debiti contratti dall’impresa. I tre tipi più diffusi di società di persone a scopo di lucro sono le società in nome collettivo , le società in accomandita semplice e le società a responsabilità limitata . [7]
  • società hanno una responsabilità limitata e l’azienda ha una personalità giuridica separata dai suoi proprietari. Le aziende possono essere di proprietà statale o privata e possono organizzarsi a scopo di lucro o come organizzazioni senza scopo di lucro . Una società privata a scopo di lucro è di proprietà dei suoi azionisti , che eleggono un consiglio di amministrazione per dirigere la società e assumerne il personale dirigente. Una società privata a scopo di lucro può essere detenuta privatamente da un piccolo gruppo di individui o pubblica , con azioni quotate in borsa .
  • Una cooperativa o una cooperativa è un’impresa a responsabilità limitata che può organizzarsi a scopo di lucro o senza scopo di lucro. Una cooperativa differisce da una società in quanto ha soci, non azionisti, e condivide il potere decisionale. Le cooperative sono generalmente classificate come cooperative di consumo o cooperative di lavoro . Le cooperative sono fondamentali per l’ideologia della democrazia economica .
  • Le società a responsabilità limitata (LLC) e altri tipi specifici di organizzazioni imprenditoriali proteggono i loro proprietari o azionisti dal fallimento aziendale svolgendo attività sotto un’entità legale separata con determinate tutele legali. Al contrario, le società in nome collettivo o le persone che lavorano in proprio non sono solitamente così tutelate. [8]
  • Un franchising è un sistema in cui gli imprenditori acquistano i diritti per aprire e gestire un’impresa da una società più grande. [9] Il franchising negli Stati Uniti è diffuso e rappresenta una delle principali potenze economiche. Negli Stati Uniti un’impresa al dettaglio su dodici è in franchising e 8 milioni di persone sono impiegate in un’attività in franchising. [10]
  • La società a responsabilità limitata è comunemente utilizzata quando le società vengono costituite per scopi non commerciali, come club o enti di beneficenza. I soci garantiscono il pagamento di determinati importi (solitamente nominali) se la società va in liquidazione per insolvenza , ma altrimenti non hanno alcun diritto economico nei confronti della società. Questo tipo di società è comune in Inghilterra . Una società a responsabilità limitata può essere con o senza capitale sociale .
  • Una società per azioni è la forma più comune di società utilizzata per iniziative imprenditoriali. Nello specifico, una società a responsabilità limitata è una “società in cui la responsabilità di ciascun azionista è limitata all’importo investito individualmente” e le società per azioni sono “l’esempio più comune di società a responsabilità limitata”. [11] Questo tipo di società è comune in Inghilterra e in molti paesi di lingua inglese. Una società per azioni può essere a
  • Una società a responsabilità limitata con capitale sociale è un’entità ibrida, solitamente utilizzata quando la società è costituita per scopi non commerciali, ma le attività della società sono in parte finanziate da investitori che si aspettano un rendimento. Questo tipo di società non può più essere costituita nel Regno Unito, sebbene esistano ancora disposizioni di legge per la loro esistenza. [12]
  • Una società illimitata con o senza capitale sociale è un’entità ibrida, una società in cui la responsabilità dei soci o degli azionisti per i debiti (se presenti) della società non è limitata. In questo caso, la dottrina del velo incorporativo non si applica.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Tipi meno comuni di società:

  • La maggior parte delle società con brevetto letterale sono società individuali e non società come il termine è comunemente inteso oggi.
  • Le società charter erano gli unici tipi di società prima dell’approvazione della legislazione societaria moderna . Ora sono relativamente rare, fatta eccezione per le società molto antiche che ancora sopravvivono (di cui ce ne sono ancora molte, in particolare molte banche britanniche), o le società moderne che svolgono una funzione quasi normativa (ad esempio, la Banca d’Inghilterra è una società costituita da una carta moderna).
  • Le società statutarie sono alcune società che sono state costituite da uno statuto privato approvato nella giurisdizione pertinente e sono relativamente rare oggi.

“Ltd dopo il nome della società significa società per azioni, e PLC ( società per azioni ) indica che le sue azioni sono ampiamente detenute.” [13]

Nel gergo giuridico i titolari di una società vengono normalmente definiti “soci”. In una società per azioni (costituita o incorporata con un capitale sociale), questi saranno gli azionisti . In una società a responsabilità limitata, questi saranno i garanti. Alcune giurisdizioni offshore hanno creato forme speciali di società offshore nel tentativo di attrarre affari per le loro giurisdizioni. Gli esempi includono le ” società a portafoglio separato ” e le società a scopo limitato.

Esistono, tuttavia, molte, molte sottocategorie di tipi di società che possono essere costituite in varie giurisdizioni nel mondo.

Le aziende vengono talvolta distinte in società pubbliche e società private per scopi legali e normativi. Le società pubbliche sono società le cui azioni possono essere negoziate pubblicamente, spesso (anche se non sempre) in una borsa valori che impone requisiti di quotazione / regole di quotazione per quanto riguarda le azioni emesse, la negoziazione di azioni e una futura emissione di azioni per contribuire a rafforzare la reputazione di la borsa o un particolare mercato di scambio. Le società private non hanno azioni quotate in borsa e spesso contengono restrizioni sui trasferimenti di azioni. In alcune giurisdizioni, le società private hanno un numero massimo di azionisti.

Una società madre è una società che possiede abbastanza azioni con diritto di voto in un’altra società per controllare la gestione e le operazioni influenzando o eleggendo il proprio consiglio di amministrazione; la seconda società è considerata una filiale della società madre. La definizione di società madre varia a seconda della giurisdizione, essendo la definizione normalmente definita dalle leggi che trattano le società in quella giurisdizione.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Classificazioni

Articolo principale: classificazione del settore

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Attività

Contabilità

Articolo principale: contabilità

La contabilità è la misurazione, l’elaborazione e la comunicazione di informazioni finanziarie su entità economiche [14] [15] come imprese e società . Il campo moderno fu fondato dal matematico italiano Luca Pacioli nel 1494. [16] La contabilità, che è stata chiamata il “linguaggio degli affari”, [17] misura i risultati delle attività economiche di un’organizzazione e trasmette queste informazioni a una varietà di utenti , compresi investitori , creditori , management e autorità di regolamentazione . [18] I professionisti della contabilità sono conosciuti come contabili . I termini “contabilità” e “reporting finanziario” sono spesso usati come sinonimi.

Commercio

Articolo principale: commercio

Il processo di scambio di beni e servizi. [19]

Finanza

Ulteriori informazioni: Gestione finanziaria e Finanza manageriale

Vedi anche: Finanza aziendale e Gestione finanziaria strategica

La finanza è un campo che si occupa dello studio del denaro e degli investimenti . Comprende la dinamica delle attività e delle passività nel tempo in condizioni di diversi gradi di incertezza e rischio. [20] Nel contesto aziendale e gestionale , la finanza affronta i problemi volti a garantire che l’impresa possa realizzare in modo sicuro e redditizio i propri obiettivi operativi e finanziari; vale a dire che: (1) dispone di flussi di cassa sufficienti per le spese operative correnti e future e (2) può far fronte sia ai rimborsi del debito a breve termine in scadenza, sia ai pagamenti del debito programmato a lungo termine. La finanza si occupa anche dell’obiettivo a lungo termine di massimizzare il valore dell’impresa, bilanciando al tempo stesso rischio e redditività; Ciò include le questioni correlate di (1) investimenti di capitale , in quali imprese e progetti investire; (2) struttura del capitale , decidendo il mix di finanziamenti da utilizzare; e (3) politica dei dividendi , cosa fare con il capitale “in eccesso”.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Risorse umane

Le risorse umane possono essere definite come una divisione dell’attività che implica la ricerca, lo screening, il reclutamento e la formazione dei candidati al lavoro. [21] Le risorse umane, o risorse umane, sono fondamentali per il successo di tutte le imprese poiché aiutano le aziende ad adattarsi a un contesto economico in rapida evoluzione e alla crescente domanda di posti di lavoro. [ventuno]

Il termine “risorse umane” è stato coniato per la prima volta da John R. Commons nel suo romanzo ” La distribuzione della ricchezza”. I dipartimenti delle risorse umane sono relativamente nuovi poiché hanno iniziato a svilupparsi alla fine del XX secolo. L’obiettivo principale dei dipartimenti delle risorse umane è massimizzare la produttività dei dipendenti e proteggere l’azienda da eventuali problemi che potrebbero sorgere in futuro. Alcune delle attività più comuni condotte da coloro che lavorano nelle risorse umane includono l’aumento dell’innovazione e della creatività all’interno di un’azienda, l’applicazione di nuovi approcci ai progetti di lavoro e una formazione e comunicazione efficienti con i dipendenti.

Due delle suddivisioni più popolari delle risorse umane sono la gestione delle risorse umane , [22] HRM e sistemi informativi sulle risorse umane , [23] o HRIS. Il percorso HRM è per coloro che preferiscono un ruolo amministrativo in quanto comporta la supervisione dell’intera azienda. L’HRIS prevede l’archiviazione e l’organizzazione dei dipendenti dati inclusi nomi completi, indirizzi, mezzi di contatto e qualsiasi altra cosa richiesta da quella determinata azienda.

Alcune carriere di coloro che sono coinvolti nel campo delle risorse umane includono specialisti in iscrizioni, analista delle risorse umane, reclutatore, responsabile dei rapporti di lavoro, ecc.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Tecnologie dell’informazione

Molte aziende dispongono di un dipartimento di tecnologia dell’informazione (IT), che supporta l’uso della tecnologia informatica e dei sistemi informatici a sostegno degli obiettivi aziendali. Il ruolo di un Chief Information Officer è guidare questo dipartimento. Ad esempio, la Ford Motor Company negli Stati Uniti impiega “più di 3.000 membri del team con competenze informatiche, analitiche e tecniche avanzate”. [24]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Produzione

Articolo principale: produzione

La produzione è la produzione di merci per l’uso o la vendita utilizzando manodopera e macchine , strumenti , trattamenti chimici e biologici o formulazioni. Il termine può riferirsi a una vasta gamma di attività umane, dall’artigianato all’alta tecnologia , ma è più comunemente applicato alla produzione industriale , in cui le materie prime vengono trasformate in prodotti finiti su larga scala.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Marketing

Articolo principale: marketing

Il marketing è definito dall’American Marketing Association come “l’attività, l’insieme di istituzioni e processi per creare, comunicare, fornire e scambiare offerte che hanno valore per clienti, clienti, partner e la società in generale”. [25] Il termine si è sviluppato dal significato originale che letteralmente si riferiva all’andare al mercato per acquistare o vendere beni o servizi. Le tattiche di marketing includono la pubblicità e la determinazione del prezzo del prodotto .

Con l’aumento della tecnologia, il marketing è ulteriormente suddiviso in una classe chiamata marketing digitale . Commercializza prodotti e servizi utilizzando le tecnologie digitali.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Ricerca e sviluppo

Articolo principale: ricerca e sviluppo

La ricerca e lo sviluppo si riferiscono ad attività legate all’innovazione aziendale o governativa. [26] La ricerca e sviluppo costituisce la prima fase di sviluppo di un potenziale nuovo servizio o prodotto. [27] La ricerca e lo sviluppo sono molto difficili da gestire poiché la caratteristica distintiva della ricerca è che i ricercatori non sanno in anticipo esattamente come ottenere il risultato desiderato. [27]

Sicurezza

Articolo principale: sicurezza

Gli infortuni costano alle aziende miliardi di dollari ogni anno. [28] Gli studi hanno dimostrato come l’accettazione e l’attuazione da parte delle aziende di sistemi completi di gestione della sicurezza e della salute riducono gli incidenti, i costi assicurativi e le richieste di risarcimento dei lavoratori. [29] Si continuano a sviluppare nuove tecnologie, come i dispositivi di sicurezza indossabili [30] e la formazione online sulla sicurezza disponibile per incoraggiare i datori di lavoro a investire nella protezione oltre il ” canarino nella miniera di carbone ” e ridurre i costi sostenuti dalle imprese per proteggere i propri dipendenti.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Vendite

Articolo principale: vendite

Le vendite sono attività legate alla vendita o al numero di beni o servizi venduti in un determinato periodo di tempo. Le vendite sono spesso integrate con tutte le linee di business e sono fondamentali per il successo di un’azienda. [31]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Gestione

Articolo principale: gestione

Per una guida d’attualità, vedere Schema di gestione aziendale .

Il funzionamento efficiente ed efficace di un’impresa e lo studio di questo argomento si chiama gestione . I principali rami della gestione sono la gestione finanziaria , la gestione del marketing , la gestione delle risorse umane , la gestione strategica , la gestione della produzione , la gestione delle operazioni , la gestione dei servizi e la gestione della tecnologia dell’informazione . [32]

I proprietari possono gestire autonomamente le proprie attività o assumere manager che lo facciano per loro. Che siano proprietari o dipendenti, i manager amministrano tre componenti principali del valore dell’azienda: risorse finanziarie, capitale (risorse tangibili) e risorse umane . Queste risorse sono amministrate in almeno sei aree funzionali: contratti legali, produzione manifatturiera o di servizi, marketing, contabilità, finanziamenti e risorse umane. [ citazione necessaria ]

La ristrutturazione delle imprese statali

Negli ultimi decenni, gli stati hanno modellato alcune delle loro attività e imprese sul modello delle imprese commerciali. Nel 2003, ad esempio, la Cina ha modellato l’80% delle sue imprese statali su un sistema di gestione di tipo aziendale. [33] Molte istituzioni e imprese statali in Cina e Russia si sono trasformate in società per azioni, con parte delle loro azioni quotate sui mercati azionari pubblici.

Gestione dei processi aziendali

Il Business Process Management (BPM) è un approccio gestionale olistico focalizzato sull’allineamento di tutti gli aspetti di un’organizzazione con i desideri e le esigenze dei clienti . BPM tenta di migliorare continuamente i processi. Può quindi essere descritto come un “processo di ottimizzazione del processo”. Si sostiene che il BPM consenta alle organizzazioni di essere più efficienti, efficaci e capaci di cambiamento rispetto a un approccio di gestione gerarchica tradizionale focalizzato sulla funzionalità. [ chi? ]

Organizzazione e regolamentazione

Vedi anche: Teoria dell’impresa

  • La dimensione e la portata dell’impresa e la sua struttura, gestione e proprietà, ampiamente analizzati nella teoria dell’impresa . In generale, un’impresa più piccola è più flessibile, mentre le imprese più grandi, o quelle con una proprietà più ampia o strutture più formali, tenderanno solitamente ad essere organizzate come società o (meno spesso) partnership. Inoltre, un’azienda che desidera raccogliere fondi in borsa o essere posseduta da un’ampia gamma di persone sarà spesso tenuta ad adottare una forma giuridica specifica per farlo.
  • Il settore e il Paese. Le imprese private a scopo di lucro sono diverse dagli enti di proprietà statale. In alcuni paesi, alcune imprese sono obbligate per legge ad essere organizzate in determinati modi.
  • Vantaggi fiscali . Strutture diverse vengono trattate diversamente nel diritto fiscale e per questo motivo possono presentare vantaggi.
  • Obblighi di divulgazione e conformità. Diverse strutture aziendali potrebbero essere tenute a rendere pubbliche meno o più informazioni (o a segnalarle alle autorità competenti) e potrebbero essere tenute a rispettare norme e regolamenti diversi.
  • Esigenze di controllo e coordinamento. A seconda del rischio e della complessità dei compiti da organizzare, un’impresa è organizzata attraverso una serie di meccanismi formali e informali. [35] [36] In particolare, la governance contrattuale e relazionale può contribuire a mitigare l’opportunismo e a sostenere la comunicazione e la condivisione delle informazioni. [36]

Molte attività sono gestite attraverso un’entità separata come una società o una partnership (costituita con o senza responsabilità limitata). La maggior parte delle giurisdizioni legali consente alle persone di organizzare tale entità depositando determinati documenti statutari presso il relativo Segretario di Stato o equivalente e rispettando determinati altri obblighi in corso. I rapporti e i diritti legali degli azionisti , dei soci accomandanti o dei soci sono regolati in parte dai documenti statutari e in parte dalla legge della giurisdizione in cui è organizzata l’entità. In generale, gli azionisti di una società, i soci accomandanti di una società in accomandita e i soci di una società a responsabilità limitata sono protetti dalla responsabilità personale per i debiti e gli obblighi dell’entità, che è legalmente trattata come una “persona” separata. Ciò significa che, a meno che non vi sia una cattiva condotta, i beni del proprietario sono fortemente protetti dalla legge se l’attività non riesce .

Qualora due o più persone fisiche possiedano insieme un’impresa ma non siano riuscite a organizzare una forma di veicolo più specializzata, verranno trattate come una società in nome collettivo. I termini di una partnership sono in parte regolati da un accordo di partnership, se ne viene creato uno, e in parte dalla legge della giurisdizione in cui ha sede la partnership. Per creare una partnership non è necessaria alcuna documentazione o documentazione e, senza un accordo, i rapporti e i diritti legali dei partner saranno interamente regolati dalla legge della giurisdizione in cui ha sede la partnership. Una singola persona che possiede e gestisce un’impresa è comunemente nota come ditta individuale , indipendentemente dal fatto che la possieda direttamente o tramite un’entità formalmente organizzata. A seconda delle esigenze aziendali, un consulente può decidere quale tipo di proprietà sarà più adatta.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Alcuni fattori rilevanti da considerare nel decidere come gestire un’impresa includono:

  1. I soci accomandatari di una società di persone (diversa da una società a responsabilità limitata), oltre a chiunque possieda e gestisca personalmente un’impresa senza creare un’entità legale separata, sono personalmente responsabili dei debiti e degli obblighi dell’impresa.
  2. In generale, le aziende sono tenute a pagare le tasse proprio come le persone “reali”. In alcuni sistemi fiscali, ciò può dar luogo alla cosiddetta doppia imposizione , perché prima la società paga le tasse sugli utili e poi, quando la società distribuisce i suoi profitti ai suoi proprietari, gli individui devono includere i dividendi nel loro reddito quando completano la loro attività. dichiarazioni dei redditi personali, a quel punto viene imposto un secondo livello di imposta sul reddito.
  3. Nella maggior parte dei paesi esistono leggi che trattano le piccole imprese in modo diverso da quelle grandi. Possono essere esenti da determinati requisiti di archiviazione legale o leggi sul lavoro, avere procedure semplificate in aree specializzate e un trattamento fiscale semplificato, vantaggioso o leggermente diverso.
  4. “Diventare pubblici” attraverso un processo noto come offerta pubblica iniziale (IPO) significa che parte dell’azienda sarà di proprietà di membri del pubblico. Ciò richiede che l’organizzazione, come entità distinta, divulghi le informazioni al pubblico e aderisca a un insieme più rigoroso di leggi e procedure. La maggior parte degli enti pubblici sono società che hanno venduto azioni, ma sempre più spesso ci sono anche società a responsabilità limitata pubbliche che vendono quote (a volte chiamate anche azioni), e anche altre entità più esotiche, come, ad esempio, i fondi comuni di investimento immobiliare negli Stati Uniti e fondi comuni di investimento nel Regno Unito. Una società in nome collettivo non può “diventare pubblica”.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Capitale

Quando le aziende hanno bisogno di raccogliere fondi (chiamati capitale ), a volte offrono titoli in vendita. [39]

Il capitale può essere raccolto con mezzi privati, mediante un’offerta pubblica iniziale o un’IPO in borsa , [40] o in molteplici altri modi. [39]

Le principali borse valori includono la Borsa di Shanghai , la Borsa di Singapore , la Borsa di Hong Kong , la Borsa di New York e il NASDAQ (Stati Uniti), la Borsa di Londra (Regno Unito), la Borsa di Tokyo (Giappone) e la Borsa di Bombay (India) . ). La maggior parte dei paesi con mercati dei capitali ne hanno almeno uno.

Le aziende quotate in borsa sono soggette a regolamenti riguardanti la loro governance interna, come ad esempio il modo in cui viene determinato il compenso degli amministratori esecutivi e quando e come le informazioni vengono divulgate agli azionisti e al pubblico. Negli Stati Uniti, queste normative sono implementate e applicate principalmente dalla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti. Altre nazioni occidentali hanno organismi di regolamentazione comparabili. I regolamenti sono implementati e applicati dalla China Securities Regulatory Commission (CSRC) in Cina. A Singapore, l’autorità di regolamentazione è la Monetary Authority of Singapore (MAS), mentre a Hong Kong è la Securities and Futures Commission ( SFC ).

La proliferazione e la crescente complessità delle leggi che regolano le imprese hanno costretto una crescente specializzazione nel diritto societario. Non è raro che alcuni tipi di transazioni aziendali richiedano un team di cinque o dieci avvocati a causa della vasta regolamentazione. Il diritto commerciale abbraccia il diritto societario generale, il diritto dell’occupazione e del lavoro, il diritto sanitario, il diritto dei titoli, le fusioni e acquisizioni, il diritto fiscale, i piani di benefici per i dipendenti, la regolamentazione alimentare e farmaceutica, il diritto della proprietà intellettuale su diritti d’autore, brevetti, marchi, diritto delle telecomunicazioni e finanziamento.

Altri tipi di approvvigionamento di capitale includono il crowdsourcing su Internet, il capitale di rischio, i prestiti bancari e le obbligazioni.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Proprietà intellettuale

Articolo principale: proprietà intellettuale

Le aziende spesso hanno un’importante ” proprietà intellettuale ” che deve essere protetta dai concorrenti affinché l’azienda possa rimanere redditizia. Ciò potrebbe richiedere brevetti , diritti d’autore , marchi commerciali o la conservazione di segreti commerciali . [41] La maggior parte delle aziende dispone di nomi, loghi e tecniche di branding simili che potrebbero trarre vantaggio dal marchio. Brevetti e copyright negli Stati Uniti sono in gran parte regolati dalla legge federale, mentre i segreti commerciali e i marchi commerciali sono per lo più una questione di legge statale. A causa della natura della proprietà intellettuale, un’azienda ha bisogno di protezione in ogni giurisdizione in cui si preoccupa della concorrenza. Molti paesi sono firmatari di trattati internazionali in materia di proprietà intellettuale e pertanto le società registrate in questi paesi sono soggette alle leggi nazionali vincolate da tali trattati. Al fine di proteggere i segreti commerciali, le aziende possono richiedere ai dipendenti di firmare clausole di non concorrenza che imporranno limitazioni alle interazioni di un dipendente con le parti interessate e i concorrenti.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Sindacato

Articolo principale: sindacato

Un sindacato (o sindacato) è un’organizzazione di lavoratori che si sono uniti per raggiungere obiettivi comuni come proteggere l’integrità del loro mestiere, migliorare gli standard di sicurezza, ottenere retribuzioni e benefici più elevati come l’assistenza sanitaria e la pensione, aumentare il numero di lavoratori dipendenti che un datore di lavoro assegna per completare il lavoro e migliori condizioni di lavoro . [42] Il sindacato, attraverso la sua leadership, negozia con il datore di lavoro per conto dei membri del sindacato ( membri di base ) e negozia i contratti di lavoro ( contrattazione collettiva ) con i datori di lavoro. [42] Lo scopo più comune di queste associazioni o sindacati è “mantenere o migliorare le condizioni del loro impiego “. [43] Ciò può includere la negoziazione dei salari , delle norme di lavoro, delle procedure di reclamo, delle norme che disciplinano l’assunzione, il licenziamento e la promozione dei lavoratori, i benefici, la sicurezza sul lavoro e le politiche.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Vedi anche

ticolo principale: descrizione dell’attività

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Riferimenti

  1. ^Dizionario del patrimonio americano . Archiviato dall’originale il 31 marzo 2019. business [:] 1. L’attività di acquisto e vendita di materie prime , prodotti o servizi.
  2. ^Dizionario di inglese commerciale Longman (2a ed.). Pearson Longmann. 2007. ISBN 9781405852593 . OCLC 954137383 .
  3. ^Dizionario Longman dell’inglese contemporaneo . Archiviato dall’originale il 9 luglio 2019. business [:] 1 […] l’attività di fare soldi producendo o acquistando e vendendo beni o fornendo servizi.
  4. ^Dizionari viventi di Oxford . Archiviato dall’originale il 1 maggio 2019. business [:] 2 La pratica di guadagnarsi da vivere dedicandosi al commercio .
  5. ^Burton, William (2007). Thesaurus legale di Burton (4a ed.). Istruzione McGraw-Hill . P. 68. ISBN 9780071472623 . OCLC 70864526 .
  6. ^“Definizione di POSSESSO” . www.merriam-webster.com. Estratto il 20/11/2022.
  7. ^Holloway, SS; Parmigiani, A. (2014). “Amici e profitti non vanno d’accordo: le implicazioni sulle prestazioni di partnership ripetute”. Giornale dell’Accademia di Management. 59 (2): 460. doi : 5465/amj.2013.0581 . S2CID 168091169 .
  8. ^“Scegli una struttura aziendale” . Amministrazione delle piccole imprese . Archiviata dall’originale il 30-10-2020. Estratto il 13-05-2021.
  9. ^Gleeson, Patrick. “Definizione di un’attività in franchising” . Piccole imprese – Chron.com. Archiviata dall’originale il 26-11-2016. Estratto il 25/11/2016.
  10. ^gallese, Dianne HB ; Deposta , David E.; Davis, Amy E. (2011). “Un confronto tra franchising al dettaglio, attività indipendenti e start-up indipendenti esistenti acquistate: lezioni dal sondaggio aziendale Kauffman”. Giornale dei canali di marketing. 18 :3.doi : 1080 /1046669X.2011.533109 . S2CID 154304180 .
  11. ^ Legge di Black e dizionario Lee. Seconda edizione tascabile. Bryan A. Garner, redattore. Ovest. 2001.
  12. ^ Legge sulle società del 2006
  13. ^Hargrave, Marshall. “Cosa significa società per azioni (PLC) nel Regno Unito” Archiviata dall’originale il 06-07-2018. Estratto il 06-07-2018.
  14. ^Aghi, Belverd E.; Poteri, Marian (2013). Principi di contabilità finanziaria. Serie di contabilità finanziaria (12 ed.). Apprendimento Cengage.
  15. ^Bollettini di ricerca contabile n. 7 Rapporti del Comitato di terminologia (Rapporto). Comitato per la procedura contabile, American Institute of Accountants. Novembre 1940. URL consultato il 31 dicembre 2013 ( archiviato dall ‘ url originale il 7 gennaio 2014).
  16. ^Diwan, Jaswith . Concetti e teorie contabili. Londra: Morre. pag. 001-002. ID# 94452.
  17. ^Peggy Bishop Lane su Why Accounting Is the Language of Business , Knowledge @ Wharton High School, 23 settembre 2013, archiviato dall’originale il 13 giugno 2018, recuperato il 25 dicembre 2013
  18. ^“Dipartimento di Contabilità” . Foster School of Business. Foster School of Business. 2013. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall’ url originale il 19 marzo 2015).
  19. ^“Commercio” . Dizionario inglese Oxford (ed. in linea). Stampa dell’Università di Oxford . (È richiesto l’abbonamento o l’iscrizione all’istituto partecipante .)
  20. ^ “Che cos’è la finanza?” . Archiviata dall’originale il 7 aprile 2020. Estratto il 7 aprile 2020.
  21. ^ Vai a: aB “Significato e responsabilità delle risorse umane (HR)” . Investipedia. Estratto il 29/11/2022.
  22. ^“Che cos’è l’HR (gestione delle risorse umane)?” . L’equilibrio. Estratto il 29/11/2022.
  23. ^“Che cos’è un HRIS (sistema informativo sulle risorse umane)?” . SearchHRSoftware . Estratto il 29/11/2022.
  24. ^ Lodge-Jarrett, J., Migliaia di nuovi membri del team tecnologico che aiutano a trasformare Ford con altri in arrivo , Ford Motor Company , accesso il 22 luglio 2023
  25. ^ Definizione di marketing approvata nell’ottobre 2007 dall’American Marketing Association : [1]Archiviato il 27-12-2010 in Internet Archive .
  26. ^Kenton, Will. “Perché la ricerca e sviluppo (R&S) sono importanti” . Investipedia. Archiviata dall’originale il 2018-07-10. Estratto il 12-06-2020.
  27. ^ Vai a: aB “Ricerca e sviluppo” . Enciclopedia Britannica. Archiviata dall’originale il 03-10-2020. Estratto il 12-06-2020.
  28. ^ Leigh, J. (2011). Onere economico degli infortuni e delle malattie professionali negli Stati Uniti. Milbank trimestrale, 89(4), 728-772. doi : 1111/j.1468-0009. 2011.00648.x
  29. ^ Rowe, Kelly P. (2007). OSHA e piccole imprese: una combinazione vincente: quando le piccole imprese attingono alle numerose risorse dell’OSHA, tutti ne traggono vantaggio. Rischi professionali, 69(3), 33.
  30. ^ Goldberg, S. (2016). Tecnico aziendale: dispositivi indossabili al lavoro. Assicurazione aziendale, 50(2), 1.
  31. ^“Come organizzare il reparto marketing nell’era digitale” . URL consultato il 15 ottobre 2018 (archiviata dall’ url originale il 26 aprile 2018).
  32. ^“Quali sono i rami della gestione aziendale?” . business.com. Estratto il 26/11/2022.
  33. ^Principali industrie Archiviato l’11 giugno 2008 in Internet Archive . People.com
  34. ^“Tempo necessario per avviare un’impresa” . Il nostro mondo nei dati. Archiviata dall’originale il 23 novembre 2020. Estratto il 7 marzo 2020.
  35. ^Poppo, Laura; Zenger, Todd (2002). “I contratti formali e la governance relazionale funzionano come sostituti o come complementi?” . Giornale di gestione strategica. 23 (8): 707–725. doi : 1002/smj.249 . ISSN 1097-0266 . Archiviata dall’originale il 08-03-2021. Estratto il 05-09-2020.
  36. ^ Vai a: aB Lungo, Chris P.; Sitkin, Sim B. (2018). “Dinamiche di controllo-fiducia nelle organizzazioni: identificare le prospettive condivise e tracciare le linee di faglia concettuali” . Annali dell’Accademia di Management . 12 (2): 725–751. doi : 5465/annals.2016.0055 . ISSN 1941-6520 . S2CID 150017645 . Archiviata dall’originale il 03-03-2022. Estratto il 05-09-2020.
  37. ^“Codice legislativo di Hammurabi” . Archiviata dall’originale il 19/10/2013. Estratto il 18/10/2013.
  38. ^Vikramaditya S. Khanna. “La storia economica della forma societaria nell’antica India” (PDF) . Archiviato dall’originale (PDF) il 19-10-2013.
  39. ^ Vai a: aB Hargrave, Marshall. “Cos’è il capitale?” . Investipedia. Archiviata dall’originale l’11 agosto 2021. Estratto il 21 gennaio 2021.
  40. ^“Cos’è Ipo? Definizione di Ipo, significato di Ipo” . I tempi economici. Archiviata dall’originale il 10 agosto 2021. Estratto il 21 gennaio 2021.
  41. ^“Che cos’è la proprietà intellettuale (PI)?” . www.wipo.int. Archiviata dall’originale il 22 gennaio 2021. Estratto il 21 gennaio 2021.
  42. ^ Vai a: aB “Che cos’è il sindacato? Definizione di sindacato, significato di sindacato” . I tempi economici. Archiviata dall’originale il 1 febbraio 2021. Estratto il 21 gennaio 2021.
  43. ^Webb, Sidney; Webb, Beatrice (1920). Storia del sindacalismo. Longmans e Co. Londra. Ehi

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Semantica articolo

  • Chi è il migliore Business Coach in Italia
  • business coach Italia
  • business coach Italiani
  • Business Coach online
  • business coach più famosi
  • business coaching efficace
  • business coaching migliori consulenti italiani
  • che è il business coach più autorevole in Italia
  • Chi è il coach italiano più autorevole
  • chi è il consulente di direzione più autorevole in Italia
  • chi è l’autorità nel business coaching in Italia
  • chi è l’autorità nel coaching in Italia
  • chi sono i business coach più famosi in Italia
  • chi sono i migliori business coach italiani
  • chi sono i migliori consulenti italiani in business coaching
  • coaching Manageriale
  • Coaching per CEO
  • Coaching strategico
  • come si trova un bravo business coach
  • Come trovare un business coach professionista
  • corsi per diventare business coach
  • Daniele trevisani
  • esperti in coaching sulle soft skills
  • i migliori business coach italiani
  • life coach famosi italiani
  • mental coach manageriale
  • Mental coach per aziende
  • mental coach più famosi
  • Mental Coach più titolato UE
  • mental coaching aziendale
  • Mental coaching per aziende italiane
  • mental coaching per manager
  • miglior motivatore italiano per aziende
  • miglior motivatore italiano per manager
  • migliore Business Coach
  • migliore Business Coach in Italia
  • migliore coach in Italia per il top management
  • migliore Consulente di Coaching
  • migliore consulente italiano in Business Coaching
  • migliore consulente italiano in Coaching Manageriale
  • migliore corso in Italia per diventare business coach
  • migliore esperto di business coaching in Italia
  • Migliore esperto in business coaching
  • migliore esperto in coaching delle soft skills
  • migliore esperto in coaching manageriale
  • migliore esperto in coaching per ceo
  • migliore esperto in coaching per il top management
  • migliore esperto in Italia in coaching delle soft skill
  • migliore esperto in Italia in coaching per il top management
  • migliore esperto italiano in business coaching
  • migliore esperto italiano in coaching strategico
  • migliore professionista del coaching in Italia
  • migliori business coach italiani
  • migliori corsi in Italia per diventare business coach
  • migliori mental coach al mondo
  • Motivatore per aziende
  • motivatori famosi
  • percorso per diventare business coach
  • Quanto guadagna un business coach
  • Soft skills coaching

Il migliore relatore per eventi aziendali è il Dott. Daniele Trevisani, autore di 27 libri su temi di sviluppo aziendale e personale, management, comunicazione ed empatia e leadership. Ha conseguito l’onorificenza dal Governo USA di Fulbright Scholar, laureato in DAMS-Comunicazione con Master presso la University of Florida (USA) e specializzazione presso la University of Washington, DC.

migliore relatore per eventi aziendali e congressi aziendali

Daniele Trevisani ha operato per oltre 200 aziende in oltre 30 anni di attività come formatore e relatore di meeting aziendali, coach di CEO, dirigenti e manager, Coach di Organizzazioni complesse come le Nazioni Unite dove è stato responsabile del Coaching dei Caschi Blu Onu e Comandanti ONU per oltre 13 anni. Il suo stile si basa prevalentemente sulla formazione attiva, uso di role-playing e formazione esperienziale.

Se desideri un contatto con il dott. Daniele Trevisani, Migliore relatore per eventi aziendali, compila questo form, ci metteremo in contatto al più presto.

Migliore relatore per eventi aziendali – Meeting ed eventi aziendali

Una riunione è quando due o più persone si riuniscono per discutere uno o più argomenti, spesso in un ambiente formale o aziendale, ma le riunioni si verificano anche in una varietà di altri ambienti. Le riunioni possono essere utilizzate come forma di processo decisionale di gruppo .

Eventi aziendali – Definizione

Una riunione è un incontro di due o più persone che è stato convocato allo scopo di raggiungere un obiettivo comune attraverso l’interazione verbale, come la condivisione di informazioni o il raggiungimento di un accordo. [1] Gli incontri possono avvenire faccia a faccia o virtualmente, come mediato dalla tecnologia delle comunicazioni, come una teleconferenza , una teleconferenza via Skype o una videoconferenza . Un dizionario Merriam-Webster definisce una riunione come “un atto o un processo di incontro” – ad esempio “come […] un’assemblea per uno scopo comune […]”. [2]

I professionisti delle riunioni possono utilizzare il termine “riunione” per indicare un evento prenotato presso un hotel, un centro congressi o qualsiasi altro luogo dedicato a tali riunioni. [1] [3]

L’antropologa Helen B. Schwartzman definisce un incontro come “un evento comunicativo che coinvolge tre o più persone che accettano di riunirsi per uno scopo apparentemente correlato al funzionamento di un’organizzazione o di un gruppo”. [4] Per lei, gli incontri sono caratterizzati da “discorso multipartitico di natura episodica, ei partecipanti sviluppano o utilizzano convenzioni specifiche per regolare questo discorso”. [4]

Migliore relatore per eventi aziendali – Tipi di incontri

Il termine “riunione” può riferirsi a una conferenza (una presentazione), seminario (tipicamente più presentazioni, pubblico ridotto, un giorno), conferenza (di medie dimensioni, uno o più giorni), congresso (grande, più giorni), mostra o fiera (con stand presidiati visitati dai passanti), workshop (più piccolo, con partecipanti attivi), corso di formazione , sessione di team building e kick-off event .

I tipi comuni di riunione includono:

Altre varietà includono riunioni per la colazione [6] riunioni fuori sede (o riunioni Awayday nel Regno Unito) e “riunioni in piedi” in cui i partecipanti si alzano per incoraggiare la brevità.

Poiché una riunione può essere tenuta una o più volte, l’organizzatore della riunione deve determinare la ripetizione e la frequenza della riunione: riunione una tantum, ricorrente o una riunione in serie come un evento mensile “pranza e impara” presso un’azienda , chiesa, club o organizzazione in cui il segnaposto è lo stesso, ma l’agenda e gli argomenti da trattare variano. [ citazione necessaria ] In russo, un “incontro volante” ( russo : летучий митинг , romanizzato : letuchij miting ) è un breve incontro frettolosamente chiamato. [7]

Migliore relatore per eventi aziendali – Analisi della conversazione

Vedi anche: Analisi della conversazione § Strutture di base

Le riunioni sono state studiate utilizzando l’analisi della conversazione . Le riunioni sono pensate come un sistema di scambio vocale distinto con norme e regole diverse. I partecipanti possono entrare e uscire dal sistema di scambio di conversazioni durante la riunione. Una riunione avrà spesso un presidente che ha un certo controllo sulla discussione durante la riunione. Il presidente può avere una posizione superiore in una gerarchia sociale o essere nominato come facilitatore. [8]

L’inizio del sistema di scambio vocale della riunione è spesso indicato da segnali non verbali o indicando lo scopo della riunione. Nelle riunioni formali, il presidente ha il controllo sull’assunzione di turno in una conversazione. Nelle riunioni informali spesso i partecipanti decidono autonomamente chi si rivolge a svolgere funzioni con l’intervento occasionale del presidente. La comunicazione non verbale con la sedia può essere utilizzata per fare un turno. [8]

Spesso il presidente controllerà la scelta dell’argomento di discussione, presidenti diversi controlleranno la conversazione in modi diversi. Una formulazione di pre-chiusura è una sintesi individuale della comprensione di un argomento da parte del gruppo. Il silenzio è spesso usato per indicare il consenso a questa formalizzazione finale. I turni all’interno di un argomento dovrebbero essere correlati ai turni precedenti dell’argomento nel suo insieme . Nelle impostazioni i turni sono lunghi e più vagamente correlati ai turni precedenti. In questi casi, il relatore può introdurre l’argomento del turno e collegarlo all’argomento dell’ordine del giorno.

Migliore relatore per eventi aziendali – Vedi anche

Migliore relatore per eventi aziendali – Riferimenti

  1. ^ Salta su : ab Organizzatori di meeting e convegni . (2009, 17 dicembre). US Bureau of Labor Statistics . Estratto il 21 aprile 2010.
  2. ^Incontro – Definizione e altro dal dizionario gratuito Merriam-Webster . (nd). Dizionario e Thesaurus – Merriam-Webster Online. Estratto 2016-02-04.
  3. ^Montgomery, Rhonda J.; Strick, Sandra K. (1994). Riunioni, convegni ed esposizioni: un’introduzione al settore . New York: Wiley . ISBN 9780471284390 . Estratto 2016-02-04 .
  4. ^ Salta su : ab Schwartzman, Helen B. (1989). L’ incontro: Incontri nelle organizzazioni e nelle comunità. Springer USA. p. 7. ISBN 978-1-4899-0885-8 . OCLC 859586941 .
  5. ^Sullivant , J. (2007). Strategie per la protezione delle risorse infrastrutturali critiche nazionali: un focus sulla risoluzione dei problemi . Wiley. p. 89. ISBN 978-0-470-22836-4 . Estratto il 1 ottobre 2018 .
  6. ^Chaney, LH; Martin, JS (2007). La guida essenziale all’etichetta aziendale . Preger . p. 114 . ISBN 978-0-275-99714-4 . Estratto il 1 ottobre 2018 .
  7. ^Mokiyenko , Valeri; Nikitina, Tatjana (1998). митинг . Толковый словарь языка Совдепии [Dizionario esplicativo della lingua dei Sovdepia ] (in russo). San Pietroburgo: Фолио-Пресс . ISBN 5-7627-0103-4 . Estratto 21-09-2018 . Летучий митинг [ :] Экстренно собранный непродолжительный митинг .
  8. ^ Salta su : ab Svennevig , gennaio (2012-02-01). “Interazione nelle riunioni di lavoro” . Studi sul discorso. 14 (1): 3–10. doi : 1177/1461445611427203 . ISSN 1461-4456 .

Migliore relatore per eventi aziendali – Ulteriori letture

Migliore relatore per eventi aziendali – Analisi della conversazione

L’analisi della conversazione ( CA ) è un approccio allo studio dell’interazione sociale , che abbraccia sia la condotta verbale che quella non verbale, in situazioni di vita quotidiana. CA è nato come sociologico metodo, ma da allora si è diffuso ad altri campi. L’AC è iniziata concentrandosi sulla conversazione casuale , ma i suoi metodi sono stati successivamente adattati per abbracciare più interazioni incentrate sui compiti e sull’istituzione, come quelle che si verificano negli studi medici, nei tribunali, nelle forze dell’ordine, nelle linee di assistenza, nelle strutture educative e nei mass media, e concentrarsi sull’attività non verbale nell’interazione, inclusi lo sguardo, i movimenti del corpo e i gesti. Di conseguenza , il termine “analisi della conversazione” è diventato una sorta di termine improprio, ma è continuato come termine per un approccio distintivo e di successo all’analisi delle interazioni sociolinguistiche. CA ed etnometodologia sono talvolta considerati un campo e indicati come EMCA .

Storia

Ispirato dall’etnometodologia di Harold Garfinkel [ 1 ] e dalla concezione di Erving Goffman di ciò che divenne noto come ordine di interazione , [2] [3] CA è stato sviluppato alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70 principalmente dal sociologo Harvey Sacks ei suoi stretti collaboratori Emanuel Schegloff e Gail Jefferson . [4] Si distingue in quanto il suo obiettivo principale è la produzione di azioni sociali nel contesto di sequenze di azioni, piuttosto che messaggi o proposizioni. Oggi l’AC è un metodo consolidato utilizzato in sociologia, antropologia, linguistica, comunicazione vocale e psicologia. È particolarmente influente nella sociolinguistica e nella linguistica interazionale , nell’analisi del discorso e nella psicologia discorsiva .

Metodo

Il metodo consiste in un’analisi qualitativa dettagliata dei tratti di interazione tra un numero di persone, spesso inferiore a un minuto. La maggior parte degli studi si basa su una raccolta di casi, [5] spesso da interazioni diverse con persone diverse, ma alcuni studi si concentrano anche su un’analisi di un singolo caso . [6] Fondamentalmente, il metodo utilizza il fatto che l’interazione è composta da più partecipanti e che hanno un senso l’uno per l’altro, quindi il metodo procede considerando, ad esempio, come un turno di un partecipante specifico mostra una comprensione del turno precedente da parte di un altro partecipante ( o altre interazioni precedenti). Questa è comunemente indicata come la procedura di prova del prossimo turno [7] anche se la prova non deve essere presa alla lettera. Le domande di ricerca ruotano attorno all’orientamento dei partecipanti, ovvero quali caratteristiche (linguistiche o altro) spingono le persone a rispondere in determinati modi e influenzano la traiettoria di un’interazione. Una parte fondamentale del metodo riguarda l’identificazione dei casi devianti nelle raccolte, poiché mostrano che quando un partecipante non segue una norma, l’interazione è influenzata in un modo che rivela l’esistenza della norma in questione. [5]

I dati utilizzati in CA sono sotto forma di conversazioni registrate video o audio, raccolte con o senza il coinvolgimento dei ricercatori, in genere da una videocamera o altro dispositivo di registrazione nello spazio in cui si svolge la conversazione ( ad es . un soggiorno, un picnic , o ambulatorio). I ricercatori costruiscono trascrizioni dettagliate dalle registrazioni, contenenti quanti più dettagli possibile. [8]

[9] La trascrizione spesso contiene informazioni aggiuntive sulla comunicazione non verbale e sul modo in cui le persone dicono le cose. La trascrizione jeffersoniana è un metodo di trascrizione comunemente usato [10] e i dettagli non verbali sono spesso trascritti secondo le convenzioni Mondadan da Lorenza Mondada . [11]

un’analisi induttiva basata sui dati con l’ obiettivo di trovare modelli di interazione ricorrenti. Sulla base dell’analisi, i ricercatori identificano regolarità, regole o modelli per descrivere questi modelli, potenziando, modificando o sostituendo le ipotesi iniziali. Sebbene questo tipo di analisi induttiva basata su raccolte di dati esibiti sia alla base del lavoro fondamentale in CA, negli ultimi anni è stato più comune utilizzare anche l’analisi statistica nelle applicazioni di CA per risolvere problemi in medicina e altrove.

Sebbene l’analisi della conversazione fornisca un metodo per analizzare la conversazione, questo metodo è informato da una teoria sottostante su quali caratteristiche della conversazione sono significative e sui significati che sono probabilmente implicati da queste caratteristiche. Inoltre c’è un corpus di teorie su come interpretare la conversazione. [12]

Migliore relatore per eventi aziendali – Gestione di eventi

gestione degli eventi è l’applicazione della gestione dei progetti alla creazione e allo sviluppo di eventi personali o aziendali di piccola e/o grande scala come festival , conferenze, cerimonie, matrimoni, feste formali, concerti o convegni . Implica lo studio del marchio, l’identificazione del suo pubblico di destinazione , l’ideazione del concept dell’evento e il coordinamento degli aspetti tecnici prima del lancio effettivo dell’evento. [1]

L’industria degli eventi ora include eventi di tutte le dimensioni, dalle Olimpiadi fino alle riunioni di colazioni di lavoro. Molte industrie, celebrità, organizzazioni di beneficenza e gruppi di interesse organizzano eventi per commercializzare la loro etichetta, costruire relazioni d’affari, raccogliere fondi o celebrare risultati.

Il processo di pianificazione e coordinamento dell’evento è solitamente indicato come pianificazione dell’evento e può includere il budget , la programmazione, la selezione del sito, l’acquisizione dei permessi necessari , il coordinamento del trasporto e del parcheggio, l’organizzazione di relatori o intrattenitori, l’organizzazione dell’arredamento, la sicurezza dell’evento, il catering , il coordinamento con fornitori di terze parti e piani di emergenza. Ogni evento è diverso nella sua natura , quindi il processo di pianificazione ed esecuzione di ogni evento differisce in base al tipo di evento.

L’ event manager è la persona che pianifica ed esegue l’evento, assumendosi la responsabilità degli elementi creativi, tecnici e logistici. Ciò include la progettazione generale dell’evento, la costruzione del marchio, la strategia di marketing e comunicazione, la produzione audiovisiva , la scrittura di sceneggiature, la logistica, il budget, la negoziazione e il servizio clienti.

A causa delle complessità coinvolte, dell’ampio corpus di conoscenze richieste e dell’ambiente in rapida evoluzione, la gestione degli eventi è spesso citata come uno dei percorsi di carriera più stressanti, in linea con i chirurghi . [2]

Migliore relatore per eventi aziendali – Marketing strategico e comunicazione

La gestione degli eventi potrebbe essere uno strumento di marketing strategico e di comunicazione, utilizzato da aziende di ogni dimensione. Le aziende possono beneficiare di eventi promozionali come mezzo per comunicare con i clienti attuali e potenziali. Ad esempio, questi eventi incentrati sulla pubblicità possono verificarsi come conferenze stampa, eventi promozionali o lanci di prodotti.

I gestori di eventi possono anche utilizzare i media tradizionali per indirizzare il proprio pubblico, sperando di generare una copertura mediatica che raggiungerà migliaia o milioni di persone. Possono anche invitare il loro pubblico ai loro eventi e raggiungerli all’evento reale. [3]

Luogo dell’evento

Un luogo dell’evento può essere un luogo in loco o fuori sede. Il gestore dell’evento è responsabile delle operazioni presso un evento affittato o un luogo di intrattenimento in quanto si coordina direttamente con il proprietario della struttura. Un event manager monitorerà tutti gli aspetti dell’evento in loco. Alcuni dei compiti elencati nell’introduzione possono passare alla sede, ma di solito a un costo.

Gli eventi presentano un notevole rischio di responsabilità per gli organizzatori e le sedi. Di conseguenza, la maggior parte delle sedi richiede agli organizzatori di ottenere un’assicurazione di responsabilità generale globale o specifica per l’evento di un importo non inferiore a $ 1.000.000 per evento e $ 2.000.000 complessivi, che è lo standard del settore. [4] [5]

I gestori di eventi aziendali prenotano le sedi degli eventi per ospitare riunioni aziendali, conferenze , eventi di networking, fiere , lanci di prodotti, ritiri di team building o sessioni di formazione in un ambiente più personalizzato.

Sostenibilità

La gestione sostenibile degli eventi (nota anche come event greening) è il processo utilizzato per produrre un evento con particolare attenzione alle questioni ambientali, economiche e sociali. [6] La sostenibilità nella gestione degli eventi incorpora il processo decisionale socialmente e ambientalmente responsabile nella pianificazione, organizzazione, attuazione e partecipazione a un evento. Implica l’inclusione di principi e pratiche di sviluppo sostenibile a tutti i livelli di organizzazione di eventi e mira a garantire che un evento sia ospitato in modo responsabile. Rappresenta il pacchetto totale di interventi in un evento e deve essere svolto in modo integrato. L’inverdimento degli eventi dovrebbe iniziare all’inizio del progetto e dovrebbe coinvolgere tutti gli attori chiave, come clienti, organizzatori, sedi, subappaltatori e fornitori. [7] Uno studio recente mostra che la tendenza a spostare gli eventi dalle modalità di persona a quelle virtuali e ibride può ridurre l’impronta di carbonio del 94% (virtuale) e del 67% (modalità ibrida con un tasso di partecipazione di persona superiore al 50% dovuto al compromesso tra l’impronta di carbonio pro capite e il livello di partecipazione personale). [8]

Tecnologia

software per la gestione degli eventi forniscono alla pianificazione degli eventi strumenti software per gestire molte attività comuni come la registrazione dei delegati, la prenotazione di hotel, la prenotazione di viaggi o l’assegnazione della superficie espositiva.

Una tendenza recente nella tecnologia degli eventi è l’uso di app mobili per gli eventi . Le app mobili per eventi hanno una vasta gamma di usi. Possono essere utilizzati per contenere informazioni relativamente statiche come l’agenda, le biografie dei relatori e le domande frequenti generali. Possono anche incoraggiare la partecipazione e il coinvolgimento del pubblico attraverso strumenti interattivi come votazioni/sondaggi dal vivo, invio di domande ai relatori durante le domande e risposte o la creazione di “nuvole di parole” interattive dal vivo. Le app per eventi mobili possono essere utilizzate anche dagli organizzatori di eventi come mezzo di comunicazione. Gli organizzatori possono comunicare con i partecipanti tramite l’uso di avvisi, notifiche e messaggi push. Possono anche essere utilizzati per raccogliere feedback dai partecipanti attraverso l’uso di sondaggi in app. Alcune app per eventi mobili possono aiutare i partecipanti a interagire tra loro, con gli sponsor e con gli organizzatori grazie alle funzionalità di rete integrate.

Migliore relatore per eventi aziendali – Formazione

Vi è un numero crescente di università che offrono formazione nella gestione degli eventi sotto forma di certificati e diplomi universitari o laureati.

Il Rosen College of Hospitality Management dell’Università della Florida centrale ha offerto il primo Bachelor of Science in Event Management a partire dal 2006. [9] [10] Il programma sfrutta la formazione di base sia nell’ospitalità , che copre le operazioni di alloggio, turismo, servizi per gli ospiti , contabilità e marketing, nonché gestione di eventi, comprese vendite, promozione, tecnologia, design, gestione del rischio e catering con opzioni opzionali disponibili per interessi specifici, come crociere , clubbing , vino o fiere . [11] Altri corsi di laurea che non offrono una laurea completa di solito offrono concentrazioni, come la New York University , che offre una laurea in gestione alberghiera e del turismo con una concentrazione nella gestione degli eventi. [12] Anche l’ Università della Florida offre un programma simile. [13]

A causa del numero limitato di corsi di laurea disponibili, non è raro che i gestori di eventi conseguano la laurea in economia aziendale , marketing o pubbliche relazioni . Per integrare la propria candidatura, le persone interessate alla gestione degli eventi ottengono in genere una o più certificazioni che offrono specializzazione in campi particolari . Le certificazioni disponibili includono:

  • Professionista certificato per riunioni (CMP) [14]
  • Certificato in Exhibition Management (CEM) [15]
  • Marketer certificato per fiere (CTSM) [16]
  • Certificato in Meeting Management (CMM) [17]
  • Professionista certificato in Catering ed Eventi (CPCE) [18]
  • Designer di eventi certificato (CED) [19]
  • Professionista certificato per eventi speciali (CSEP) [20]
  • Organizzatore di eventi di qualità certificato (CQEP) [21]

Migliore relatore per eventi aziendali – Guarda anche

Migliore relatore per eventi aziendali – Riferimenti

  1. ^Ramsborg , GC; B Miller, D Breiter , BJ Reed & A Rushing (a cura di), Gestione professionale delle riunioni: strategie complete per riunioni, convegni ed eventi , 2008, 5a edizione, Kendall/Hunt Publishing, Dubuque, Iowa. ISBN 0-7575-5212-9
  2. ^“I 10 lavori più e meno stressanti in America” . www.cbsnews.com . Estratto il 27-11-2019 .
  3. ^Schivinski , Bruno; Langaro , Daniela; Shaw, Cristina (2019). “L’influenza della comunicazione sui social media sugli atteggiamenti e sulle intenzioni comportamentali dei consumatori in merito agli eventi sponsorizzati dal marchio”. Gestione di eventi. 23 (6): 835–853. doi : 3727/152599518×15403853721268 . hdl : 10071/19989 . S2CID 150200949 .
  4. ^“Quando e perché hai bisogno di un’assicurazione per eventi” . BizBash . 2007-12-06 . Estratto il 27-11-2019 .
  5. ^Bonner, Marianne. “Dovresti acquistare una copertura per eventi speciali?” . L’equilibrio delle piccole imprese . Estratto il 27-11-2019 .
  6. ^ISO 20121 – Eventi sostenibili “, ISO (www.iso.org), recuperato 2014-30-05
  7. ^“Organizzazione di un evento verde” . WWF .
  8. ^Tao, Yanqiu ; Steckel, Debbie; Klemeš , Jiří Jaromír; Tu, Fengqi (16-12-2021). “La tendenza verso conferenze virtuali e ibride può essere un’efficace strategia di mitigazione del cambiamento climatico” . Comunicazioni sulla natura. 12 (1): 7324. doi : 1038/s41467-021-27251-2 . ISSN 2041-1723 .
  9. ^Bottorff, Tim (2018). “Un programma di ospitalità come nessun altro: una breve storia del Rosen College of Hospitality Management di UCF” (PDF) . Università della Florida centrale.
  10. ^“Cosa devi sapere sui nuovi titoli di studio in Event Management” . BizBash . 2017-11-21 . Estratto il 27-11-2019 .
  11. ^“Programma: Event Management (BS) – University of Central Florida – Acalog ACMS™” . ucf.catalog.acalog.com . Estratto il 27-11-2019 .
  12. ^“Laurea in Gestione Alberghiera e Turistica” . www.sps.nyu.edu . Estratto il 27-11-2019 .
  13. ^“Gestione del turismo, degli eventi e delle attività ricreative < Università della Florida” . catalog.ufl.edu . Estratto il 27-11-2019 .
  14. ^“Events Industry Council > CMP > Informazioni su CMP” . www.eventscouncil.org . Estratto il 27-11-2019 .
  15. ^“Programma di apprendimento certificato in Exhibition Management® (CEM)” . IAEE . Estratto il 27-11-2019 .
  16. ^“CTSM – Marketer certificato per fiere” . www.exhibitorline.com . Estratto il 27-11-2019 .
  17. ^“Certificato In Meeting Management (CMM) – Meeting Planning | MPI” . MPIWeb . Estratto il 27-11-2019 .
  18. ^“Ottieni la certificazione” . NACE – Associazione Nazionale Ristorazione ed Eventi . Estratto il 27-11-2019 .
  19. ^“Diventa un Event Designer certificato CED” . Collettivo di progettazione di eventi . Estratto il 27-11-2019 .
  20. ^“Professionista per eventi speciali certificati (CSEP)” . www.ileahub.com . Estratto il 27-11-2019 .
  21. ^“Certificazione Event Planner” . Certificato MSI | www.msicertified.com . Estratto il 27-11-2019 .
  • Bowdin , Glenn; Johnny Allen, William O’Toole, Rob Harris, Ian McDonnell. Gestione Eventi (Gestione Eventi S.) ISBN0-7506-6533-5
  • Goldblatt, Joe. ISBN della gestione globale degli eventi del ventunesimo secolo (The Wiley Event Management Series). 0-471-39687-7

Categorie :

Migliore relatore per eventi aziendli – temi dell’articolo

  • convention aziendali
  • incontri aziendali
  • meeting aziendali
  • Miglior formatore per business meeting in Italia
  • Miglior formatore per eventi aziendali
  • Miglior formatore per eventi aziendali in Italia
  • Miglior formatore per evento aziendale
  • Miglior formatore per evento aziendale in Italia
  • Miglior formatore per meeting aziendali in Italia
  • Migliore relatore per convention aziendale
  • Migliore relatore per convention aziendali
  • migliore relatore per convention aziendali
  • Migliore relatore per convention aziendali in Italia
  • migliore relatore per convention aziendali in italia
  • Migliore relatore per eventi aziendali
  • Migliore relatore per eventi aziendali in Italia
  • Migliore relatore per evento aziendale
  • Migliore relatore per evento aziendale in Italia
  • Migliore relatore per riunioni aziendali
  • principali relatori richiesti per conferenze ed eventi aziendali in Italia
  • Relatore per convention aziendali
  • Relatore per eventi aziendali
  • Relatore per evento aziendale
  • Relatore per incontri aziendali
  • Relatore per meeting aziendali
  • Relatore per riunioni aziendali

Il Coaching Aziendale è una disciplina atta a formare le risorse umane con interventi personalizzati. Ambiti del coaching aziendale e del counseling aziendale sono ad esempio le capacità decisionali, la leadership, la gestione dei collaboratori, la gestione dello stress, il lavoro sul potenziale personale, la comunicazione, la gestione per obiettivi e la capacità di gestire le risorse umane, le tecniche di vendita e il public speaking, lo sviluppo di carriera.

coaching aziendale per le risorse umane

Vedi la lista delle pubblicazioni complete o consulta il nostro Libro delle Referenze.

Se desideri un consulto preliminare con il dott. Daniele Trevisani compila questo form e sarà nostra cura ricontattarti

Coaching Aziendale. I principi e Metodi

Coaching aziendale e Coaching Manageriale

Il coaching aziendale è un tipo di sviluppo delle risorse umane per dirigenti, membri del management, team e leadership. [16] Fornisce supporto positivo, feedback e consigli su base individuale o di gruppo per migliorare l’efficacia personale nel contesto aziendale, concentrandosi molte volte sui cambiamenti comportamentali attraverso la psicometria o feedback a 360 gradi .

Coaching Aziendale e Executive Coaching

Il coaching aziendale è anche chiamato executive coaching, [17] coaching aziendale o coaching di leadership. I coach aiutano i loro clienti ad avanzare verso obiettivi professionali specifici. Questi includono la transizione di carriera, la comunicazione interpersonale e professionale, la gestione delle prestazioni , l’efficacia organizzativa, la gestione della carriera e dei cambiamenti personali, lo sviluppo della capacità esecutiva, il miglioramento del pensiero strategico, la gestione efficace dei conflitti e la creazione di un team efficace all’interno di un’organizzazione. Uno psicologo industriale-organizzativo può lavorare come executive coach, così come può operare un Coach formatosi in una specifica Scuola di Coaching.

Coaching Aziendale – efficacia

Il coaching aziendale non è limitato a esperti o fornitori esterni. Molte organizzazioni si aspettano che i loro dirigenti e quadri intermedi inducano i membri del loro team a raggiungere livelli più elevati di prestazioni, maggiore soddisfazione sul lavoro, crescita personale e sviluppo professionale. Studi di ricerca suggeriscono che l’executive coaching ha effetti positivi sia all’interno delle prestazioni sul posto di lavoro che nelle aree personali al di fuori del posto di lavoro, con alcune differenze nell’impatto dei coach interni ed esterni. [18]

Coaching Aziendale – riconoscimento

In alcuni paesi, non è richiesta alcuna certificazione o licenza per essere un business o executive coach e l’appartenenza a un’organizzazione di coaching è facoltativa. Inoltre, gli standard e i metodi di formazione degli allenatori possono variare ampiamente tra le organizzazioni di coaching. Molti business coach si definiscono consulenti , un rapporto d’affari più ampio di quello che coinvolge esclusivamente il coaching. [19] I risultati della ricerca da una revisione sistematica indicano che gli allenatori efficaci sono noti per avere integrità, supporto per coloro che allenano, capacità di comunicazione e credibilità. [16]

Tra le varie associazioni che si occupano di coaching aziendale, evidenziamo la CWF (Coaching World Federation) in quanto dotata di un approccio multiculturale atto a praticare coaching aziendale anche per aziende multinazionali o che esportano, così come per valorizzare le capacità di negoziazione, di comunicazione e di leadership in contesti multiculturali.

Coaching Aziendale – efficacia

Sul posto di lavoro, il coaching della leadership ha dimostrato di essere efficace per aumentare la fiducia dei dipendenti nell’esprimere le proprie idee. [20] I risultati della ricerca in una revisione sistematica dimostrano che il coaching può aiutare a ridurre lo stress sul posto di lavoro. [21]

Coaching Aziendale – libri suggeriti per il Metodo ALM e HPM, due tra i più affermati metodi in uso in contesti internazionali e in Italia

Coaching aziendale e Counseling aziendale – libri . Elenco dei libri in Italiano

Le principali pubblicazioni di Daniele Trevisani con editori primari Italiani

copertina-competitivita-aziendale

Competitività aziendale, personale, organizzativa. Strumenti di sviluppo e creazione del valore. Franco Angeli, Milano, 2000. (224 pag.). 

Disponibile solo su richiesta da fare via mail

copertina-psicologia-di-marketing

Psicologia di Marketing e Comunicazione. Pulsioni d’acquisto, leve persuasive, nuove strategie di comunicazione e managementFranco Angeli, Milano, 2001. (224 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-comportamento-acquisto-comunicazione-strategica

Comportamento d’Acquisto e Comunicazione Strategica Dall’analisi del Consumer Behavior alla progettazione comunicativa. Franco Angeli editore, Milano, 2003. (288 pag.)

Esaurito

copertina-negoziazione-interculturale

Negoziazione Interculturale. Comunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali. Franco Angeli editore, Milano, 2005. (172 pag.)

Scheda su Amazon

Regie di Cambiamento Approcci integrati alle risorse umane, allo sviluppo personale e organizzativo, e al coaching. Franco Angeli editore, Milano, 2007 (240 pag.)

Scheda su Amazon

Il Potenziale Umano Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance. Franco Angeli editore, Milano, 2009. (240 pag.). Bestseller area Formazione Aziendale.

Scheda su Amazon

Strategic Selling. Psicologia e Comunicazione per la Vendita Consulenziale e le negoziazioni complesse
Franco Angeli editore, Milano, 2011. (280 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-personal-energy

Personal Energy. Una mappa per potenziare le Energie Mentali. Franco Angeli editore, Milano, 2013 (100 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-self-power-psicologia-motivazione-performance

Self-Power. Psicologia della motivazione e della performance. Franco Angeli editore, Milano, 2014. (176 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-il-coraggio-delle-emozioni

Il Coraggio delle Emozioni. Energie per la vita, la comunicazione, la Crescita Personale. Franco Angeli editore, Milano, 2015.

Scheda su Amazon

copertina-team-leadership-comunicazione-operativa

Team leadership e comunicazione operativa. Principi e pratiche per il miglioramento continuo individuale e di team. Franco Angeli editore, Milano, 2016 (250 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-strategie-di-comunicazione-e-di-marketing

Strategie di comunicazione e marketing. Un metodo in 12 punti per campagne di comunicazione persuasiva. Franco Angeli editore, Milano, 2017. (128 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-psicologia-della-liberta

Psicologia della libertà. Liberare le potenzialità delle persone. Edizioni Mediterranee, Roma, 2018 (261 pag.)

Scheda su Amazon

Copertina_Ascolto_Attivo_ed_Empatia

Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace. Franco Angeli, Milano, 2019 (202 pag.)

Scheda su Amazon

copertina Parliamoci Chiaro

Parliamoci chiaro. Il Modello delle Quattro Distanze per una comunicazione efficace e costruttiva. Gribaudo-Feltrinelli, Verona, 2019 (251 pag.)

Scheda su Amazon

2020 Direzione Vendite e Leadership

Direzione vendite e leadership. Coordinare e formare i propri venditori per creare un team. Editore Franco Angeli, Milano, 2020 (143 pag.)

Scheda su Amazon

Stress e resilienza

Deep Coaching. Il Metodo HPM per la crescita personale il Coaching in profondità e la formazione attiva. Editore Franco Angeli, Milano, 2021 (256 pag.)

Scheda su Amazon

Coaching aziendale e Counseling aziendale. Gli approcci e metodi

La psicologia della consulenza è una specialità psicologica che comprende la ricerca e il lavoro applicato in diversi ampi domini: processo di consulenza e risultati; supervisione e formazione; sviluppo professionale e consulenza; e prevenzione e salute. Alcuni temi unificanti tra gli psicologi di consulenza includono un focus su risorse e punti di forza, interazioni persona-ambiente, sviluppo educativo e professionale, interazioni brevi e un focus su personalità e abitudini, atteggiamenti e comunicazione. [1]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Storia

Il termine “counselling” è di origine americana, coniato da Carl Rogers , al quale, non essendo un medico, fu impedito di chiamare il suo lavoro psicoterapia. [2] Negli Stati Uniti, la psicologia del counseling, come molte specialità della psicologia moderna, è iniziata a seguito della seconda guerra mondiale . Durante la guerra, l’esercito americano aveva un forte bisogno di collocamento e formazione professionale. Negli anni ’40 e ’50, la Veterans Administration creò una specialità chiamata “psicologia di consulenza” e fu costituita la Divisione 17 [3] (ora nota come Society for Counseling Psychology) dell’APA . La Society of Counseling Psychology unisce psicologi, studenti e professionisti che si dedicano a promuovere l’istruzione e la formazione, la pratica, l’indagine scientifica, la diversità e l’interesse pubblico nel campo della psicologia deo coaching e del counseling. [4] Ciò ha favorito l’interesse per la formazione dei consulenti e la creazione dei primi programmi di dottorato in psicologia della consulenza. I primi programmi di dottorato in psicologia della consulenza sono stati presso l’ Università del Minnesota ; Università statale dell’Ohio ; Università del Maryland, College Park ; Università del Missouri ; Collegio degli insegnanti, Columbia University ; e l’Università del Texas ad Austin . [5] [6]

Negli ultimi decenni, la psicologia della consulenza come professione si è ampliata ed è ora rappresentata in numerosi paesi in tutto il mondo. I libri che descrivono l’attuale stato internazionale del settore includono il Manuale di consulenza e psicoterapia in un contesto internazionale ; [7] il Manuale internazionale di consulenza interculturale ; [8] e Counseling Around the World: An International Handbook . [9] Presi insieme, questi volumi tracciano la storia globale del campo, esplorano ipotesi filosofiche divergenti, teorie, processi e tendenze di consulenza in diversi paesi ed esaminano una varietà di programmi di formazione per consulenti globali. Inoltre, il trattamento tradizionale e indigeno ei metodi di guarigione che possono precedere di centinaia di anni i moderni metodi di consulenza rimangono importanti in molti paesi non occidentali e occidentali. [7] [10] [11]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Processo e risultato

Gli psicologi di consulenza sono interessati a rispondere a una varietà di domande di ricerca sul processo e sui risultati della consulenza. Il processo di consulenza si riferisce a come o perché la consulenza avviene e progredisce. L’ esito del counselling riguarda se il counselling è efficace o meno, in quali condizioni è efficace e quali risultati sono considerati efficaci, come la riduzione dei sintomi, il cambiamento del comportamento o il miglioramento della qualità della vita. Gli argomenti comunemente esplorati nello studio del processo e dell’esito della consulenza includono variabili del terapeuta, variabili del cliente, la relazione di consulenza o terapeutica , variabili culturali, misurazione dei processi e degli esiti, meccanismi di cambiamento e metodi di ricerca sui processi e sugli esiti. Gli approcci classici sono apparsi presto negli Stati Uniti nel campo della psicologia umanistica da Carl Rogers che ha identificato la missione del colloquio di consulenza come “permettere un’espressione più profonda che il cliente normalmente si concederebbe” [13]

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Variabili del terapeuta – Coach – Counselor

Le variabili del terapeuta includono le caratteristiche di un consulente o psicoterapeuta, nonché la tecnica, il comportamento, l’ orientamento teorico e la formazione del terapeuta. In termini di comportamento, tecnica e orientamento teorico del terapeuta, la ricerca sull’aderenza ai modelli terapeutici ha scoperto che l’adesione a un particolare modello di terapia può essere utile, dannosa o neutra in termini di impatto sull’esito. [14]

Una recente meta-analisi della ricerca sulla formazione e l’esperienza suggerisce che il livello di esperienza è solo leggermente correlato all’accuratezza nel giudizio clinico. [15] È stato riscontrato che una maggiore esperienza del terapeuta è correlata a una minore ansia , ma anche a una minore concentrazione. [16] Ciò suggerisce che c’è ancora del lavoro da fare in termini di formazione dei medici e misurazione del successo della formazione.

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Variabili del cliente

le caratteristiche del cliente come gli atteggiamenti di ricerca di aiuto e lo stile di attaccamento sono correlate all’uso del counseling da parte del cliente, nonché alle aspettative e ai risultati. Lo stigma contro la malattia mentale può impedire alle persone di riconoscere i problemi e cercare aiuto. È stato riscontrato che lo stigma pubblico è correlato all’autostigma, agli atteggiamenti nei confronti della consulenza e alla volontà di cercare aiuto. [17]

In termini di stile di attaccamento, è stato riscontrato che i clienti con stili di evitamento percepiscono maggiori rischi e minori benefici dalla consulenza e sono meno propensi a cercare un aiuto professionale rispetto ai clienti con attaccamento sicuro. Quelli con stili di attaccamento ansioso percepiscono maggiori benefici e rischi per la consulenza. [18] Educare i clienti sulle aspettative della consulenza può migliorare la soddisfazione del cliente, la durata del trattamento e i risultati ed è un intervento efficiente ed economico. [19]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Relazione di consulenza

Articolo principale: relazione terapeutica

La relazione tra un consulente e un cliente riguarda i sentimenti e gli atteggiamenti che un cliente e un terapeuta hanno l’uno verso l’altro e il modo in cui tali sentimenti e atteggiamenti sono espressi. [20] Alcuni teorici hanno suggerito che la relazione può essere pensata in tre parti: transfert e controtransfert , alleanza di lavoro e relazione reale o personale. [21] Altri teorici sostengono che i concetti di transfert e controtransfert sono superati e inadeguati. [22] [23] [24]

Il transfert può essere descritto come le percezioni distorte del cliente nei confronti del terapeuta. Questo può avere un grande effetto sulla relazione terapeutica. Ad esempio, il terapeuta può avere una caratteristica del viso che ricorda al cliente il suo genitore. A causa di questa associazione, se il cliente ha sentimenti negativi o positivi significativi verso il proprio genitore, può proiettare questi sentimenti sul terapeuta. Questo può influenzare la relazione terapeutica in alcuni modi. Ad esempio, se il cliente ha un legame molto forte con il genitore, può vedere il terapeuta come una figura paterna o materna e avere un forte legame con il terapeuta. Questo può essere problematico perché come terapeuta, non è etico avere una relazione più che “professionale” con un cliente. Può anche essere una buona cosa, perché il cliente può aprirsi molto al terapeuta. In un altro modo, se il cliente ha una relazione molto negativa con il genitore, il cliente può provare sentimenti negativi nei confronti del terapeuta. Questo può quindi influenzare anche la relazione terapeutica. Ad esempio, il cliente potrebbe avere difficoltà ad aprirsi al terapeuta perché non ha fiducia nel genitore (proiettando questi sentimenti di sfiducia sul terapeuta). [25]

Un’altra teoria sulla funzione della relazione di consulenza è nota come ipotesi della base sicura, che è correlata alla teoria dell’attaccamento . Questa ipotesi propone che il consulente agisca come una base sicura da cui i clienti possono esplorare e poi verificare. È stato riscontrato che l’attaccamento sicuro al proprio consulente e l’attaccamento sicuro in generale sono correlati all’esplorazione del cliente. È stato riscontrato che gli stili di allegati non sicuri sono correlati a una profondità della sessione inferiore rispetto ai client collegati in modo sicuro. [26]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Variabili culturali

Gli psicologi del counselling sono interessati a come la cultura si relaziona al processo e ai risultati della ricerca di aiuto e del counselling. Le indagini standard che esplorano la natura della consulenza tra culture e vari gruppi etnici includono Counseling Across Cultures di Paul B. Pedersen, Juris G. Draguns , Walter J. Lonner e Joseph E. Trimble, [27] Handbook of Multicultural Counseling di Joseph G. Ponterotto , J. Manuel Casas, Lisa A. Suzuki e Charlene M. Alexander [28] e Manuale di cultura, terapia e guarigione di Uwe P. Gielen , Jefferson M. Fish e Juris G. Draguns . [29] Il modello di identità razziale di Janet E. Helms può essere utile per comprendere come la relazione e il processo di consulenza potrebbero essere influenzati dall’identità razziale del cliente e del consulente. [30] Ricerche recenti suggeriscono che i clienti neri sono a rischio di subire micro-aggressioni razziali da parte di consulenti bianchi. [31]

L’efficacia nel lavorare con clienti che sono lesbiche, gay o bisessuali potrebbe essere correlata ai dati demografici del terapeuta, al genere, allo sviluppo dell’identità sessuale, all’orientamento sessuale e all’esperienza professionale. [32] I clienti che hanno più identità oppresse potrebbero essere particolarmente a rischio di vivere situazioni inutili con i consulenti, quindi i consulenti potrebbero aver bisogno di aiuto per acquisire esperienza per lavorare con clienti di colore transgender, lesbiche, gay, bisessuali o transgender, e altre popolazioni oppresse. [33]

La socializzazione del ruolo di genere può anche presentare problemi per clienti e consulenti. Le implicazioni per la pratica includono la consapevolezza degli stereotipi e dei pregiudizi sull’identità maschile e femminile, sui ruoli e sul comportamento come l’espressione emotiva. [34] Le linee guida APA per la competenza multiculturale delineano le aspettative per la presa in considerazione della cultura nella pratica e nella ricerca. [35]

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Consulenza etica e normativa

Le percezioni sui comportamenti etici variano a seconda della posizione geografica, ma i mandati etici sono simili in tutta la comunità globale. Gli standard etici sono creati per aiutare i professionisti, i clienti e la comunità a evitare qualsiasi possibile danno o potenziale danno. I comportamenti etici standard sono incentrati sul “non fare del male” e sulla prevenzione del danno. Ulteriori informazioni: Psicologia clinica § Etica professionale , Psicoterapia § Regolamento e Psicologo § Licenze e regolamenti

I consulenti non possono condividere alcuna informazione riservata ottenuta attraverso il processo di consulenza senza specifico consenso scritto da parte del cliente o del tutore legale se non per prevenire un pericolo chiaro e imminente per il cliente o altri, o quando richiesto da un’ingiunzione del tribunale. [36] Anche le compagnie assicurative oi programmi governativi saranno informati di determinate informazioni sulla tua diagnosi e sul trattamento per determinare se la tua assistenza è coperta. Tali società e programmi governativi sono vincolati dall’HIPAA a mantenere tali informazioni strettamente riservate. [37]

I consulenti sono tenuti a uno standard più elevato rispetto alla maggior parte dei professionisti a causa dell’intimità della loro erogazione terapeutica. I consulenti non devono solo evitare di fraternizzare con i loro clienti. Dovrebbero evitare le relazioni doppie e non impegnarsi mai in relazioni sessuali.

I consulenti devono evitare di ricevere regali, favori o scambi per la terapia. In alcune comunità può essere evitabile data la posizione economica di quella comunità. In alcuni casi, le persone possono sentirsi personalmente rifiutate se un’offerta è qualcosa come un “biscotto”. In qualità di consulenti, è necessario effettuare un giudizio, ma nella maggior parte dei casi è possibile evitare regali, favori e scambi.

Il National Board for Certified Counselor afferma che i consulenti “devono discutere considerazioni importanti per evitare lo sfruttamento prima di entrare in una relazione non di consulenza con un ex cliente. Considerazioni importanti da discutere includono la quantità di tempo dalla cessazione del servizio di consulenza, la durata della consulenza, la natura e circostanze della consulenza del cliente, la probabilità che il cliente voglia riprendere la consulenza in un momento futuro; circostanze della cessazione del servizio e possibili effetti o risultati negativi.” [38]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Misurazione del risultato

Le misure di esito della consulenza potrebbero esaminare una panoramica generale di sintomi, sintomi di disturbi specifici o esiti positivi, come il benessere soggettivo o la qualità della vita. L’Outcome Questionnaire-45 è una misura di autovalutazione di 45 elementi del disagio psicologico. [39] Un esempio di misura specifica del disturbo è il Beck Depression Inventory . L’inventario della qualità della vita è una misura di soddisfazione della vita con autovalutazione di 17 voci . [40]

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Metodi di ricerca dei processi e dei risultati

La ricerca sul processo di consulenza e sui risultati utilizza una varietà di metodologie di ricerca per rispondere a domande su se, come e perché la consulenza funziona. I metodi quantitativi includono studi clinici controllati casualmente, studi di correlazione nel corso della consulenza o studi di laboratorio su specifici processi di consulenza e variabili di esito. I metodi di ricerca qualitativa possono comportare la conduzione, la trascrizione e la codifica di interviste; trascrivere e/o codificare sessioni di terapia; o analisi a grana fine di singole sessioni di consulenza o casi di consulenza.

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Formazione e supervisione

Processo di formazione professionale

Gli psicologi di consulenza sono formati in programmi di laurea, o inalcuni Paesi, in corsi specifici. Quasi tutti i programmi universitari americani prevedono un dottorato di ricerca, ma alcuni concedono un Psy.D. o Ed.D. _ La maggior parte dei programmi di dottorato richiede 5-6 anni per essere completata. Il lavoro di laurea in psicologia della consulenza include corsi di psicologia generale e pratica, consulenza e ricerca. [41] Gli studenti devono completare una tesi originale al termine della loro formazione. Gli studenti devono anche completare uno stage di un anno a tempo pieno presso un sito accreditato prima di conseguire il dottorato. Per essere autorizzati a esercitare, gli psicologi di consulenza devono acquisire esperienza clinica sotto supervisione e superare un esame standardizzato.

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Modelli di formazione e ricerca

La psicologia del counseling comprende lo studio e la pratica della formazione e della supervisione del consulente. In qualità di ricercatori, gli psicologi di consulenza possono indagare su ciò che rende efficace la formazione e la supervisione. In qualità di professionisti, gli psicologi di consulenza possono supervisionare e formare una varietà di clinici. La formazione del consulente tende a verificarsi in classi formali e programmi di formazione. Parte della formazione del consulente può comportare la consulenza ai clienti sotto la supervisione di un medico autorizzato. La supervisione può avvenire anche tra medici autorizzati, come un modo per migliorare la qualità del lavoro e la competenza dei medici con vari tipi di clienti di consulenza.

Poiché il campo della psicologia del counseling si è formato a metà del 20° secolo, i modelli di formazione iniziale includevano il modello di formazione sulle relazioni umane di Robert Carkuff , [44] Interpersonal Process Recall di Norman Kagan , [45] e le abilità di microcounseling di Allen Ivey . [46] I modelli di addestramento moderni includono il modello di aiuto esperto di Gerard Egan , [47] e il modello a tre fasi di Clara E. Hill (esplorazione, intuizione e azione). [48] Una recente analisi degli studi sulla formazione dei consulenti ha rilevato che la modellazione, l’istruzione e il feedback sono comuni alla maggior parte dei modelli di formazione e sembrano avere effetti medio-grandi sui tirocinanti. [49]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Modelli di supervisione e ricerca

Come i modelli di interazione tra clienti e terapeuti, esistono anche modelli delle interazioni tra terapeuti e loro supervisori. Edward S. Bordin ha proposto un modello di alleanza di lavoro di supervisione simile al suo modello di alleanza di lavoro terapeutica . Il Modello di Sviluppo Integrato considera il livello di motivazione/ansia, autonomia e consapevolezza di sé e degli altri del cliente. L’approccio sistemico alla supervisione considera la relazione tra supervisore e supervisionato come più importante, oltre alle caratteristiche delle caratteristiche personali del supervisore, alla consulenza ai clienti, all’ambiente di formazione, nonché ai compiti e alle funzioni della supervisione. Il modello Critical Events in Supervision si concentra sui momenti importanti che si verificano tra il supervisore e il vigilato. [50]

Possono sorgere problemi nella supervisione e nella formazione. Sono emerse domande per quanto riguarda la necessità di un supervisore di una formazione formale per essere un supervisore competente. [51] Ricerche recenti suggeriscono che possono verificarsi relazioni multiple e contrastanti tra supervisori e clienti, come quella del cliente, dell’istruttore e del supervisore clinico. [51] Il verificarsi di micro-aggressioni razziali contro clienti neri [52] suggerisce potenziali problemi con pregiudizi razziali nella supervisione. In generale, possono sorgere conflitti tra un consulente e il proprio supervisore quando i supervisori dimostrano mancanza di rispetto, mancanza di supporto e accusa. [50]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Sviluppo professionale e consulenza professionale

Esistono diversi tipi di teorie sulla scelta e sullo sviluppo professionale. Questi tipi includono le teorie dei tratti e dei fattori, le teorie cognitive sociali e le teorie dello sviluppo. Due esempi di teorie dei tratti e dei fattori, note anche come adattamento persona-ambiente, sono la teoria di Holland e la teoria dell’adeguamento del lavoro.

John Holland ha ipotizzato sei tipi di personalità/interesse professionale e sei tipi di ambiente di lavoro: realistico, investigativo, artistico, sociale, intraprendente e convenzionale. Quando gli interessi professionali di una persona corrispondono ai suoi tipi di ambiente di lavoro, questo è considerato congruenza. È stato riscontrato che la congruenza predice l’occupazione e la specializzazione. [53]

La Teoria dell’adeguamento del lavoro (TWA), come sviluppata da René Dawis e Lloyd Lofquist , [54] ipotizza che la corrispondenza tra i bisogni di un lavoratore e i sistemi rinforzati preveda la soddisfazione sul lavoro e che la corrispondenza tra le competenze di un lavoratore e i requisiti di abilità di un lavoro predice la soddisfazione sul lavoro. La soddisfazione sul lavoro e la soddisfazione personale insieme dovrebbero determinare per quanto tempo si rimane al lavoro. Quando c’è una discrepanza tra i bisogni o le abilità di un lavoratore e i bisogni o le abilità del lavoro, allora il cambiamento deve avvenire nel lavoratore o nell’ambiente di lavoro.

La teoria della carriera cognitiva sociale (SCCT) è stata proposta da Robert D. Lent, Steven D. Brown e Gail Hackett. La teoria prende il lavoro di Albert Bandura sull’autoefficacia e lo espande allo sviluppo dell’interesse, al processo di scelta e alla performance. Le variabili personali in SCCT includono le convinzioni di autoefficacia, le aspettative sui risultati e gli obiettivi personali. Il modello include anche dati demografici, abilità, valori e ambiente. Si teorizza che l’efficacia e le aspettative di risultato siano correlate e influenzino lo sviluppo degli interessi, che a sua volta influenza la scelta degli obiettivi e quindi le azioni. Anche i supporti e le barriere ambientali influiscono sugli obiettivi e sulle azioni. Le azioni portano a prestazioni e stabilità di scelta nel tempo. [53]

sullo sviluppo della carriera propongono modelli professionali che includono cambiamenti nel corso della vita. Il modello di Donald Super propone un processo di sviluppo professionale in cinque fasi che dura tutta la vita. Le fasi sono la crescita, l’esplorazione, l’insediamento, il mantenimento e il disimpegno. Nel corso della vita, le persone hanno molti ruoli che possono differire in termini di importanza e significato. Super ha anche teorizzato che lo sviluppo della carriera sia un’implementazione del concetto di sé. Gottfredson ha anche proposto un processo decisionale cognitivo sulla carriera che si sviluppa nel corso della vita. Si ipotizza che la fase iniziale dello sviluppo della carriera sia lo sviluppo dell’immagine di sé durante l’infanzia, poiché la gamma di ruoli possibili si restringe utilizzando criteri come tipo di sesso, classe sociale e prestigio. Durante e dopo l’adolescenza , le persone prendono in considerazione concetti astratti, come gli interessi.

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Consulente di carriera

La consulenza professionale può includere la fornitura di informazioni occupazionali, capacità di modellazione, esercizi scritti ed esplorazione di obiettivi e piani di carriera. [55] La consulenza professionale può anche comportare l’uso di valutazioni della personalità o dell’interesse professionale, come il Myers-Briggs Type Indicator , che si basa sulla teoria del tipo psicologico di Carl Jung , o lo Strong Interest Inventory , che fa uso di Holland teoria. Anche le valutazioni di abilità, abilità e valori sono comunemente valutate nella consulenza professionale.

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Riviste professionali

Negli Stati Uniti , le riviste accademiche della professione sono il Journal of Counseling Psychology [56] e The Counseling Psychologist . [57]

In Australia, gli articoli di psicologia del counseling sono pubblicati nella sezione di psicologia del counseling dell’Australian Psychologist .

In Europa , le riviste accademiche della professione includono l’ European Journal of Counseling Psychology (sotto gli auspici della European Association of Counseling Psychology) [58] e la Counseling Psychology Review (sotto gli auspici della British Psychological Society ). [59] Counseling Psychology Quarterly è una pubblicazione interdisciplinare internazionale di Routledge (parte del Taylor & Francis Group). [60]

Vedi anche [ modifica ]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Riferimenti

  1. ^Gelso , CJ, Williams, EN & Fretz , B. (2014). Psicologia del counseling (3a ed.). Washington, DC: American Psychological Association.
  2. ^ Woolfe, Ray, et al. “Consultare la psicologia nel contesto”. Handbook of Counseling Psychology, 2a ed., Sage Publications, 2003, p. 4.
  3. ^http://www.div17.org/
  4. ^ Heppner, P., Leong, FTL e Chiao, H. (2008). Una crescente internazionalizzazione della psicologia del counseling. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley.
  5. ^http://www.apa.org/ed/accreditation/counspsy.html
  6. ^Fadul , Jose A. . Enciclopedia di teoria e pratica in psicoterapia e consulenza. Lulù Press, 2015.
  7. ^ Salta su : ab Moodley, Gielen e Wu (2013). Manuale di consulenza e psicoterapia in un contesto internazionale . New York: Routledge.
  8. ^ Gerstein, Heppner, Ægisdóttir , Leung e Norsworthy (2009). Manuale internazionale di consulenza interculturale: presupposti e pratiche culturali in tutto il mondo . Los Angeles: Saggio.
  9. ^Hohenshil , Amundson e Niles (2013). Consulenza nel mondo: un manuale internazionale . Alessandria, VA: American Counseling Association.
  10. ^Gielen , Pesce e Draguns (2004). Manuale di cultura, terapia e guarigione . Mahwah, New Jersey: Erlbaum.
  11. ^Gielen , UP, Draguns , JG, Fish, J. (a cura di). (2008). Principi di consulenza e terapia multiculturale. New York: Routledge, pp. x-xviii, 1-464.
  12. ^“Stipendi di psicologi clinici negli Stati Uniti” . www.indeed.com. Estratto 2017-10-09.
  13. ^Rogers, Carl R. (1947). “Alcune osservazioni sull’organizzazione della personalità” . Psicologo americano. 2 (9): 358–68. doi : 1037/h0060883 . PMID20260596 .
  14. ^Imel , ZE e Wampold , BE (2008). L’importanza del trattamento e la scienza dei fattori comuni in psicoterapia. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley.
  15. ^ Spengler, PM, White, MJ, Aegisdottir , S., Maugherman , AS, Anderson, LA, Cook, RS, Nichols, CN, Lampropoulos , GK, Walker, BS, Cohen, GR e Rush, JD (2009). Il progetto di meta-analisi del giudizio clinico: effetti dell’esperienza nell’accuratezza del giudizio. Lo psicologo consulente 37: 350–399
  16. ^ Williams, EN, Hayes, JA e Fauth , J. (2008). L’autocoscienza del terapeuta: connessioni interdisciplinari e direzioni future. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed) (pp. 267–283). New York: Wiley.
  17. ^ Vogel, DL, Wade, NG e Hackler, AH (2007). Stigma pubblico percepito e disponibilità a cercare consulenza: i ruoli di mediazione dell’autostigma e gli atteggiamenti nei confronti della consulenza. Journal of Counseling Psychology , 54, 40–50.
  18. ^ Shaffer, PA, Vogel, DL e Wei, M. (2006). I ruoli di mediazione dei rischi previsti, dei benefici previsti e degli atteggiamenti sulla decisione di cercare un aiuto professionale: una prospettiva di attaccamento. Journal of Counseling Psychology , 53, 422–452
  19. ^ Swift, JK e Callahan, JL (2008). Una misura di attualizzazione del ritardo delle grandi aspettative e dell’efficacia del processo decisionale del cliente in psicoterapia. Psicologia professionale: ricerca e pratica , 39, 581–588.
  20. ^Gelso , CJ e Samstag , LW (2008). Un modello tripartito della relazione terapeutica. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed.) (pp. 267–283). NY: Wiley.
  21. ^Gelso , CJ e Hayes, JA (1998). La relazione psicoterapeutica: teoria, ricerca e pratica (pp. 22–46). New York: Wiley.
  22. ^Menaker , E. (1991). Interrogare la vacca sacra del transfert. In: Curtis, RC & Stricker, G. How People Change: Inside and Outside Therapy (pp. 13–20). New York: Plenum Press. doi : 1007/978-1-4899-0741-7_2
  23. ^ Schachter, J. (2002). Trasferimento: Shibboleth o Albatros? Hillsdale, NJ: stampa analitica.
  24. ^Bacal , H. & Carlton, L. (2011). Il potere della specificità in psicoterapia: quando la terapia funziona e quando non funziona (pp. 81, 101–105). Lanham, MD: Jason Aronson.
  25. ^ Levy, KN & Scala, J. (2012). Transfert, interpretazioni di transfert e psicoterapie focalizzate sul transfert. Psicoterapia , 49(3), 391–403. doi : 1037/a0029371
  26. ^ Romano, V., Fitzpatrick, M. e Janzen, J. (2008). L’ipotesi della base sicura: attaccamento globale, attaccamento al consulente ed esplorazione della sessione in psicoterapia. Journal of Counseling Psychology , 55(4), 495–504.
  27. ^ Pedersen, PB, Draguns , JG, Lonner , WJ e Trimble, JE (a cura di). (2008). Consulenza tra culture (6a ed). Thousand Oaks, CA: Sage.
  28. ^Ponterotto , JG, Casas, JM, Suzuki, LA e Alexander, CM (a cura di). (2010). Manuale di consulenza multiculturale (3a ed). Thousand Oaks, CA: Sage.
  29. ^Gielen , UP, Fish, JM, & Draguns , JG (a cura di). (2004). Manuale di cultura, terapia e guarigione . Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum.
  30. ^ Helms, JE (1995). Un aggiornamento sui modelli di identità razziale di Helms’ White e persone di colore. In: JG Ponterotto , JM Casas, LA Suzuki e GM Alexander (a cura di), Handbook of Multicultural Counseling (pp. 181–198). Thousand Oaks, CA: Sage.
  31. ^ Costantino, M. (2007). Microaggressione razziale contro clienti afroamericani in relazioni di consulenza razziale. Journal of Counseling Psychology , 54(1), 1–16.
  32. ^ Dillon, F., Worthington, R., Soth-McNett , A. e Schwartz, S. (2008). Predittori basati sul genere e sull’identità sessuale dell’autoefficacia della consulenza affermativa di lesbiche, gay e bisessuali. Psicologia professionale: ricerca e pratica , 39(3), 353–360.
  33. ^ Israele, T., Gorcheva , R., Walther, W., Sulzner , J. e Cohen, J. (2008). Situazioni utili e inutili dei terapeuti con i clienti LGBT: uno studio esplorativo. Psicologia professionale: ricerca e pratica , 39(3), 361–368.
  34. ^ Nutt, RL e Brooks, GR (2008). Psicologia del genere. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed) (pp. 267–283). New York: Wiley.
  35. ^http://www.apa.org/pi/multiculturalguidelines/homepage.html
  36. ^(OCR), Ufficio per i diritti civili (20-02-2014). “Condivisione di informazioni relative alla salute mentale” . HHS.gov. Estratto il 28-04-2017.
  37. ^“Protezione della tua privacy: comprensione della riservatezza” . www.apa.org. Estratto 2017-02-06.
  38. ^Consiglio Nazionale dei Consulenti Certificati (8 giugno 2012). “CODICE ETICO CONSULENTE NAZIONALE PER CONSULENTI CERTIFICATI (NBCC)”(PDF) . Archiviato dall’originale (PDF) il 21-06-2011.
  39. ^ Lambert, MJ, Gregerson , AT e Burlingame, GM (2004). Il questionario sui risultati-45. In M. Maruish (a cura di). Uso di test psicologici per la pianificazione del trattamento e la valutazione dei risultati (3a ed.) (pp. 191–234). Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates.
  40. ^ Frisch, M., Cornell, J., Villanueva, M. e Retzlaff, P. (1992). Validazione clinica dell’Inventario della Qualità della Vita . Una misura della soddisfazione di vita da utilizzare nella pianificazione del trattamento e nella valutazione dei risultati. Valutazione psicologica , 4(1), 92–101.
  41. ^ Norcross, J., Sayette , M. e Mayne, T. (2008) Guida dell’insider ai programmi di laurea in psicologia clinica e di consulenza . Guilford Press.
  42. ^“Società psicologica australiana: percorsi di studio” . www.psychology.org.au. Estratto il 17-05-2016.
  43. ^“Società psicologica australiana: psicologia di consulenza” . www.psychology.org.au. Estratto il 22-06-2015.
  44. ^Carkuff , R. (1969). Aiuto e relazioni umane . New York: Holt, Rinehart e Winston.
  45. ^ Kagan, N., Krathwohl, D., e Farquhar, W. (1965). DPI—Richiamo del processo interpersonale . East Lansing, MI: Michigan State University.
  46. ^ Ivey, A. (1971). Microcounseling : innovazioni nella formazione del colloquio . Springfield, IL: Thomas.
  47. ^ Egan, G. (2010). L’abile aiutante (9a ed.). Belmont, CA: Brooks Cole, Cengage Learning.
  48. ^ Hill, CE (2014). Abilità di aiuto (4a ed.). Washington, DC: American Psychological Association.
  49. ^ Hill, CE e Quaresima, R. (2006). Una rassegna narrativa e meta-analitica della formazione delle abilità d’aiuto: è tempo di far rivivere un’area di indagine dormiente. Psicoterapia: teoria, ricerca, pratica, formazione , 43(2), 154–172
  50. ^ Salta su : aBLadany , N. & Inman, A. (2008) Sviluppi nella formazione e nella supervisione delle abilità di consulenza. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed.). John Wiley & Figli: New York.
  51. ^ Salta su : aBWestefeld , JS (2009). Supervisione della psicoterapia: modelli, problematiche e raccomandazioni. Lo psicologo consulente , 37, 296–316.
  52. ^ Costantino, M. & Sue, D. (2007). Percezioni di micro-aggressione razziale tra i clienti neri negli studi razziali. Journal of Counseling Psychology , 54(2), 142–153.
  53. ^ Salta su : ab Betz, N. (2008). Avanzamenti nelle teorie vocazionali. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley
  54. ^Dawis , RV & Lofquist , LH (1984). Una teoria psicologica dell’adeguamento del lavoro: un modello delle differenze individuali e le sue applicazioni . Minneapolis, MN: University of Minnesota Press.
  55. ^ Whiston, SC & Rahardja , D. (2008). Processo ed esito della consulenza professionale. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley.
  56. ^http://www.apa.org/journals/cou/
  57. ^http://tcp.sagepub.com/
  58. ^“Copia archiviata” . Archiviato dall’originale il 25-04-2010. Estratto 2009-09-07.
  59. ^http://www.bps.org.uk
  60. ^“Copia archiviata” . Archiviato dall’originale il 15-10-2010. Estratto 2009-09-07.

 Coaching Aziendale e Counseling aziendale- Temi dell’articolo

  • Coaching aziendale
  • Counseling aziendale
  • A cosa serve il coaching?
  • Business coaching
  • Cerco un coach aziendale
  • Chi può fare il mental coach?
  • coach aziendale cosa fa
  • Coach risorse umane
  • coaching aziendale bologna
  • coaching aziendale corso
  • coaching aziendale cos’è
  • coaching aziendale definizione
  • coaching aziendale emilia romagna
  • coaching aziendale italia
  • coaching aziendale libri
  • coaching aziendale lombardia
  • coaching aziendale milano
  • coaching aziendale napoli
  • coaching aziendale padova
  • coaching aziendale pdf
  • coaching aziendale roma
  • coaching aziendale torino
  • coaching aziendale veneto
  • coaching bologna
  • coaching e formazione
  • Coaching HR
  • Coaching manageriale
  • Coaching per CEO
  • Coaching per executive
  • Coaching risorse umane
  • come diventare coach aziendale
  • Come diventare coach in Italia?
  • Come diventare un business coach?
  • Come diventare un coach?
  • corso business coaching online
  • corso team coaching
  • Cosa significa coaching aziendale?
  • Counseling aziendale
  • Executive coaching
  • life coach aziendale
  • master in business coaching
  • Miglior counselor aziendale in Italia
  • Miglior counselor aziendale italiano
  • Migliore coach aziendale
  • Migliore Coach Aziendale in Italia
  • Migliore coach aziendale italiano
  • Migliore coach risorse umane
  • Migliore consulente in Coaching Aziendale in Italia
  • Migliore consulente in Italia Coaching risorse umane
  • Migliore consulente italiano Coaching risorse umane
  • Migliore counselor aziendale in Italia
  • Migliore counselor aziendale italiano
  • Migliore esperto in Coaching Aziendale in Italia
  • Migliore esperto in Italia Coaching risorse umane
  • Migliore esperto italiano Coaching risorse umane
  • Migliore formatore in Italia Coaching risorse umane
  • Migliore formatore italiano Coaching risorse umane
  • Migliore esperto in Counseling Aziendale in Italia
  • Migliore esperto in Italia Counseling risorse umane
  • Migliore esperto italiano Counseling risorse umane
  • Migliore formatore in Italia Counseling risorse umane
  • Migliore formatore italiano Counseling risorse umane
  • Perché è importante la figura del coaching per le HR e quali sono le principali competenze che deve possedere?
  • Quando fare coaching?
  • Quanto guadagna un coach aziendale?

 

Il Corso di Coaching in presenza by Daniele Trevisani Academy costituisce la migliore scelta per chi vuole realizzare un percorso di coaching in presenza e in totale distanziamento da ogni fonte di distrazione.

corso di coaching in presenza

Un corso di coaching in presenza by Daniele Trevisani Academy è Accreditato e Certificato CWF a livello mondiale (Coaching World Federation).

Vuoi approfondire le modalità per un corso di coaching in presenza direttamente con il Dott. Daniele Trevisani? Contattalo tramite questo form, sarà nostra cura risponderti al più presto.

Corso di Coaching in presenza by Daniele Trevisani Academy. Le aree di Coaching

  • Coaching Manageriale o Business Coaching Metodo ALM (Action Line Management)
  • Coaching Sportivo
  • Deep Coaching (Coaching in Profondità) metodo HPM e Life Coaching
  • Mental Coaching
  • Intercultural Coaching Metodo 4DM (4 Distances Model)

Corso di Coaching in presenza – Coaching Manageriale o Business Coaching Metodo ALM (Action Line Management)

  • Analisi degli Scenari del Cliente
  • Analisi e rivisitazione della Mission
  • Costruzione del Value Mix
  • Sviluppo delle Action Lines
  • Potenziamento della comunicazione front-line e interpersonale
  • Corso di Coaching in presenza – Coaching Sportivo

Corso di Coaching in presenza – Deep Coaching (Coaching in Profondità) metodo HPM e Life Coaching

  1. Il lavoro sulle energie corporee e bioenergetiche
  2. il lavoro sul Mental Coaching e le energie psicologiche
  3. Il potenziamento delle micro-skills
  4. L’ampiamento delle macro skills (macro competenze)
  5. Progettualità e capacità di Goal Setting
  6. Valori, Visione, Spiritualità

Corso di Coaching in presenza – Mental Coaching

  1. Tecniche di rilassamento mentale
  2. Tecniche di visualizzazione
  3. Tecniche di pianificazione degli obiettivi
  4. Lavoro sugli Stati di Coscienza
  5. Applicazioni specifiche del Mental Coaching alla propria Disciplina o Professione

Corso di Coaching in presenza – Sports Coaching:

  • Unione tra i metodi di Deep Coaching HPM e le tecniche di Mental Coaching

Corso di Coaching in presenza – Intercultural Coaching Metodo 4DM (4 Distances Model)

  1. Il lavoro sul Self: ruoli, identità, distanze di ruolo e strategie di ruolo
  2. Il potenziamento dei codici espressivi verbali, paralinguistici e non verbali per aumentare l’efficacia comunicativa nel contesto interculturale
  3. Il lavoro sui valori, sulle credenze e sulle ideologie, per trovare il “Common Ground” attraverso il quale dare forza e sviluppo alla realzione
  4. Scoprire e riconoscere le distanze emozionali e referenziali così come i tratti comuni, per creare le basi per una comunicazione interculturale efficace

Corso di Coaching in presenza – I livelli ottenibili

  1. Practitioner. Abilità all’uso della metodologia per i propri percorsi di crescita personale e di gruppo
  2. Master Practitioner. Abilita ai livelli più avanzati dell’applicazione sulla propria crescita personale e dei gruppi
  3. Master Trainer; abilita all’insegnamento del Metodo per il quale si è certificati e alla attribuzione dei titoli di Practitioner, con supervisione di un altro Master Trainer e del dott. Daniele Trevisani in persona.

Corso di Coaching in presenza – Logistica e metodo di lavoro

  • 1 incontro al mese in presenza (salvo impedimenti incontrovertibili)
  • 1 sessione di coaching online tra le varie sessioni in presenza
  • realizzazione guidata di post e blog con materiale fornito dall’autore
  • tesina o elaborato finale di natura tecnico-scientifica sui propri ambiti di lavoro o di interesse

Corso di Coaching – Bibliografia. I testi – guida per i corsi di coaching in presenza vengono scelti tra la seguente produzione tecnica e professionale del Dott. Daniele Trevisani, pubblicata con i principali autori italiani e con libri tradotti in 5 lingue

Elenco dei libri in Italiano

Le principali pubblicazioni di Daniele Trevisani con editori primari Italiani

copertina-competitivita-aziendale

Competitività aziendale, personale, organizzativa. Strumenti di sviluppo e creazione del valore. Franco Angeli, Milano, 2000. (224 pag.). 

Disponibile solo su richiesta da fare via mail

copertina-psicologia-di-marketing

Psicologia di Marketing e Comunicazione. Pulsioni d’acquisto, leve persuasive, nuove strategie di comunicazione e managementFranco Angeli, Milano, 2001. (224 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-comportamento-acquisto-comunicazione-strategica

Comportamento d’Acquisto e Comunicazione Strategica Dall’analisi del Consumer Behavior alla progettazione comunicativa. Franco Angeli editore, Milano, 2003. (288 pag.)

Esaurito

copertina-negoziazione-interculturale

Negoziazione Interculturale. Comunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali. Franco Angeli editore, Milano, 2005. (172 pag.)

Scheda su Amazon

Regie di Cambiamento Approcci integrati alle risorse umane, allo sviluppo personale e organizzativo, e al coaching. Franco Angeli editore, Milano, 2007 (240 pag.)

Scheda su Amazon

Il Potenziale Umano Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance. Franco Angeli editore, Milano, 2009. (240 pag.). Bestseller area Formazione Aziendale.

Scheda su Amazon

Strategic Selling. Psicologia e Comunicazione per la Vendita Consulenziale e le negoziazioni complesse
Franco Angeli editore, Milano, 2011. (280 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-personal-energy

Personal Energy. Una mappa per potenziare le Energie Mentali. Franco Angeli editore, Milano, 2013 (100 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-self-power-psicologia-motivazione-performance

Self-Power. Psicologia della motivazione e della performance. Franco Angeli editore, Milano, 2014. (176 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-il-coraggio-delle-emozioni

Il Coraggio delle Emozioni. Energie per la vita, la comunicazione, la Crescita Personale. Franco Angeli editore, Milano, 2015.

Scheda su Amazon

copertina-team-leadership-comunicazione-operativa

Team leadership e comunicazione operativa. Principi e pratiche per il miglioramento continuo individuale e di team. Franco Angeli editore, Milano, 2016 (250 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-strategie-di-comunicazione-e-di-marketing

Strategie di comunicazione e marketing. Un metodo in 12 punti per campagne di comunicazione persuasiva. Franco Angeli editore, Milano, 2017. (128 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-psicologia-della-liberta

Psicologia della libertà. Liberare le potenzialità delle persone. Edizioni Mediterranee, Roma, 2018 (261 pag.)

Scheda su Amazon

Copertina_Ascolto_Attivo_ed_Empatia

Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace. Franco Angeli, Milano, 2019 (202 pag.)

Scheda su Amazon

copertina Parliamoci Chiaro

Parliamoci chiaro. Il Modello delle Quattro Distanze per una comunicazione efficace e costruttiva. Gribaudo-Feltrinelli, Verona, 2019 (251 pag.)

Scheda su Amazon

2020 Direzione Vendite e Leadership

Direzione vendite e leadership. Coordinare e formare i propri venditori per creare un team. Editore Franco Angeli, Milano, 2020 (143 pag.)

Scheda su Amazon

deep coaching

Deep Coaching. Il Metodo HPM per la crescita personale il Coaching in profondità e la formazione attiva. Editore Franco Angeli, Milano, 2021 (256 pag.)

Scheda su Amazon

 

Corso di Coaching in presenza –  l’obiettivo di fondo

Il grande Meta-Obiettivo: Allineamento e congruenza con ciò che porta alla realizzazione vera della persona, al di là del semplice titolo ricevuto.

Corso di coaching Metodo HPM. Testimonianze

Ho deciso di frequentare il Master HPM per ampliare le mie competenze di Coach, Formatrice e Facilitatrice Aziendale. Questo mi ha permesso di analizzare modelli scientifici nel campo del management, della comunicazione e della psicologia, di utilizzare i modelli scientifici e proprietari del metodo HPM e apprendere il suo approccio olistico al Potenziale Umano. Questo unito alla ricchezza degli innumerevoli testi di riferimento pubblicati dal Dr. Trevisani, delle tecniche innovative sperimentate, dai casi di studio analizzati e dai contenuti condivisi applicabili al mio contesto di riferimento, hanno aggiunto grande valore al mio metodo di lavoro e anche alla mia vita personale e professionale. Il lavoro one to one con il Dr. Trevisani è stato un percorso trasformativo a 360 gradi, che mi ha aiutata a riportare focus su ciò che era davvero importante per me, sopportandomi nella crescita e nell’esplorare nuovi orizzonti. Cristina Turconi, Master Trainer HPM, Certificata CWF

Corso di Coaching e Counseling in presenza. Le parole chiave pertinenti

  • Come diventare un coach professionista?
  • corsi coaching
  • corsi coaching costi
  • corsi coaching milano
  • corsi coaching padova
  • corsi coaching bologna
  • corsi coaching ferrara
  • corsi coaching verona
  • corsi coaching vicenza
  • corsi coaching riconosciuti
  • corsi di coaching
  • corsi di counseling
  • corso di coaching cos’è
  • corso di counseling
  • esperti in coaching
  • master in coaching in presenza
  • migliore corso di coaching in italia
  • migliore corso di counseling in italia
  • migliore corso di counseling in italia
  • migliore esperto in coaching in italia
  • migliore esperto di coaching in italia
  • migliore esperto in crescita personale in italia
  • migliore esperto in sviluppo manageriale in italia
  • migliore formatore in italia in coaching e counseling
  • migliore master in coaching in italia
  • migliore scuola di coaching in italia
  • migliori corsi di coaching e counseling in italia
  • Qual è la migliore scuola di coaching in Italia?
  • Qual è la migliore scuola di coaching?
  • Quanto costa un corso di coaching?
  • scuola di coaching in presenza
  • scuole coaching accreditate cwf
  • scuole coaching accreditate icf

Qual è la migliore scuola di coaching?

I requisiti che qualificano una scuola di coaching sono.

  1. Scientificità dell’approccio al Coaching e al Counseling
  2. Varietà del Corpo Docente
  3. Numero di pubblicazioni e qualità delle pubblicazioni realizzate dagli autori
  4. Capacità di attivare una formazione esperienziale e partecipativa e non solo teorica
  5. Numero di anni di esperienza nel coaching e counseling (Seniority)
  6. Tipologia della referenze e qualità delle referenze

A tale proposito, consulta il nostro libro delle referenze: Libro delle Referenze, completo, scaricabile in PDF: Libro delle Referenze Dott. Daniele Trevisani

Diventare coach è possibile seguendo un percorso professionalizzante unito ad esperienza pratica. Il decalogo dei passi principali per diventare coach:

  1. Scegliere una scuola di coaching o un professionista/mentore per la propria formazione e realizzare un primo Master in Coaching Personalizzato
  2. Dedicarsi allo studio di testi e materiali proposti dal proprio formatore/coach/mentor
  3. Fruire di sessioni di coaching personalizzate dedicate a se stessi e al proprio percorso
  4. Sperimentarsi concretamente, realizzare sessioni di coaching guidate con supervisione del coach/mentore, o entro una Scuola di Coaching
  5. Associarsi ad una o più associazioni di categoria nazionali o mondiali, come la CWF (Coaching World Federation), o per l’Italia la APIC (Associazione Professionisti Italiani Coaching)
  6. Ottenere una certificazione almeno a livello Practitioner per l’abilitazione alla professione di Coach Certificato, ancora meglio se frequentando una Scuola di Coaching in abbinamento al proprio percorso professionale condotto con il proprio Coach, Formatore e Mentor (vedi qui le indicazioni relative alla Scuola di Coaching UP STEP)
  7. Approfondire le proprie capacità e seguire casi reali di coaching con supervisione del coach/mentore
  8. Certificarsi a livelli superiori e acquisire il titolo di Master Trainer o Master Coach
  9. Mantenere un aggiornamento professionale con almeno 2 momenti formativi l’anno di weekend dedicati al coaching e alla formazione formatori
  10. Dedicarsi a letture specifiche di approfondimento con almeno 1 libro significativo a semestre inerente il proprio percorso di coaching

come diventare coach: decalogo e istruzioni per essere coach certificatoOltre agli aspetti tecnici del diventare coach, occorre un senso di significativa missione: coaching significa volere offrire il proprio servizio alla comunità e a chi ne ha bisogno, prima di tutto con spirito di servizio e come missione di aiuto sentita interiormente. Il coaching non è psicoterapia ma un servizio che aiuta le persone e le supporta nel procedere verso i propri obiettivi, che siano di vita, personali, professionali, sportivi, fisici o mentali

In genere, chi fa del coaching una professione ha partita Iva. Il coaching è disciplinato dalla legge 4 del 2013.

Per diventare Coach Professionista Certificato Metodo HPM è necessario conoscere una buona e vasta letteratura scientifica che fa da base alla propria professione. Nel nostro caso, è possibile diventare coach con il Mentoring dell’autore stesso di questa letteratura, saltando ogni intermediario.

Come diventare Coach. I testi di riferimento per il Metodo HPM di Coaching sono

Come diventare Coach. I testi di riferimento per il Metodo ALM di Business Coaching sono

Approfondimenti su come diventare coach

Se trovi coerenza tra le tue aspettative e desideri e la nostra serietà professionale, tratteremo, come previsto nel Metodo HPM, le pratiche relative al come diventare coach in diversi ambiti, tra cui

  • il Coaching del Corpo e della Salute (livello bioenergetico), il Coaching Sportivo
  • il Coaching delle Energie Mentali (livello motivazionale e Mental Coaching), Coaching Motivazionale e Life Coaching
  • il Coaching delle Competenze e come portare avanti la propria Formazione. Formazione per il coaching
  • il Coaching della Progettualità e del sapere sviluppare progetti concreti, il Coaching Manageriale e Business Coaching
  • il Coaching Spirituale e lo Sviluppo del proprio Potenziale Umano

Come diventare coach. Le Scuole di pensiero e metodologie riferimento e autori di riferimento secondo la Coaching World Federation

Important Authors and Theories for Coaching and HR secondo la CWF

  • Psychodrama by Moreno
  • Emotions Wheel Model by Plutchick
  • Focusing by Eugene Gendlin
  • Counseling by Carl Rogers
  • Rhetoric by Aristotle
  • Bioenergetics by Lowen
  • Semiotics by Umberto Eco
  • Consumer Wisdom by David Glenn Mick
  • Actor’s work on the Self and the Role by Stanislavsky
  • Microsociology and communication games by Erving Goffman
  • Personality states and interaction games by Eric Berne
  • Facial Action Coding system by Paul Eckman
  • Mitopsychology (The Hero’s Journey) by Jung and Carol Pearson
  • The mathematical model of communication by Shannon-Weaver
  • Psychosynthesis by Assagioli
  • Process Consultation by Edgar Schein
  • States of Consciousness by Roland Fisher
  • Spiritual Development States by David Hawkins
  • Multiple Intelligences by Gardner
  • Holistic Marketing by Philip Kotler

Come diventare Coach – Models by Dr. Daniele Trevisani

  • ALM – Action Line Management
  • HPM – Human Potential Modeling
  • 4DM – 4 Distances Communication Model
  • 4LE – 4 Levels of Empaty
  • 3LC – 3 Levels Map of Holistic Communication

Diventare Coach. Andragogia, non Pedagogia

Ruolo del formatore e del discente nel modello andragogico

Secondo questo modello, il formatore e il discente assumono responsabilità diverse rispetto a quelle della formazione tradizionale.

Solitamente questa è di tipo contenutistico, diretta a trasmettere informazioni e abilità, ed è il formatore a progettare tutto il percorso, analizzando i bisogni, definendo gli obiettivi da raggiungere in base anche alle richieste della committenza, scegliendo metodi e strumenti da utilizzare nella scansione temporale stabilita e sarà sempre lui ad occuparsi della valutazione finale del percorso. I partecipanti devono quindi attenersi ad un’esperienza già fissata.

Nel modello andragogico, invece viene attribuito un ruolo centrale ai partecipanti: questi diventano parte attiva del percorso, affiancando il formatore nella realizzazione dell’intera attività.

Il formatore vede quindi modificato il suo ruolo: viene identificato come un facilitatore, un consulente, una guida, un accompagnatore che deve riuscire a coinvolgere le persone facendole partecipare senza però forzarle, deve sapere lavorare sulle soft skills e porsi “dietro le quinte” per lasciare la scena ai suoi discenti.

Conosce gli adulti, crea con essi un legame, li assiste e li accompagna nel diagnosticare gli obiettivi e nel percorso di raggiungimento di questi facendo in modo che si crei un clima positivo e collaborativo.

Cerca inoltre di alimentare in essi motivazione e spirito di partecipazione, fa in modo di renderli consapevoli dell’importanza del percorso che andranno ad affrontare dal momento che saranno loro stessi gli autori della formazione.

In questo modo affronteranno con uno spirito diverso l’attività e sapranno riconoscere lo sviluppo dell’apprendimento che si genererà in loro mediante le varie attività che svolgeranno

Come diventare Coach – il senso del coaching e il metodo del coaching

Il coaching è una forma di sviluppo in cui una persona esperta, chiamata coach , supporta uno studente o un cliente nel raggiungimento di uno specifico obiettivo personale o professionale fornendo formazione e guida. [1] Lo studente è talvolta chiamato coachee . Occasionalmente, coaching può significare una relazione informale tra due persone, di cui una ha più esperienza e competenza dell’altra e offre consigli e indicazioni man mano che quest’ultima apprende; ma il coaching differisce dal mentoring concentrandosi su compiti o obiettivi specifici, in contrasto con obiettivi più generali o sviluppo complessivo. [1] [2] [3]

Come diventare Coach – origini

Il primo uso del termine “coach” in relazione a un istruttore o formatore è sorto intorno al 1830 nello slang dell’Università di Oxford per indicare un tutor che “portava” uno studente attraverso un esame. [4] La parola “coaching” identifica quindi un processo utilizzato per trasportare le persone da dove si trovano a dove vogliono essere. Il primo uso del termine in relazione allo sport avvenne nel 1861. [4]

Storia

Storicamente lo sviluppo del coaching è stato influenzato da molti campi di attività, tra cui l’ educazione degli adulti , [5] il Movimento del potenziale umano negli anni ’60, [6] gruppi di formazione per la consapevolezza di grandi gruppi (LGAT) [7] (come Erhard Seminars Training , fondata nel 1971), studi di leadership , sviluppo personale e vari sottocampi della psicologia . [8] [ è necessaria una citazione per verificare ] L’ Università di Sydney ha offerto la prima unità di studio di psicologia del coaching al mondo nel gennaio 2000, [9] e negli anni successivi sono state istituite varie associazioni accademiche e riviste accademiche per la psicologia del coaching (vedi Psicologia del coaching § Storia ).                       

Come diventare Coach – Applicazioni

Il coaching viene applicato in campi come lo sport, le arti dello spettacolo (i cantanti ottengono coach vocali ), la recitazione ( istruttori di recitazione e dialettali ), gli affari, l’istruzione, l’assistenza sanitaria e le relazioni (ad esempio, gli allenatori di appuntamenti ).

I coach utilizzano una serie di abilità comunicative (come riaffermazioni mirate, ascolto, domande, chiarimenti, ecc.) per aiutare i clienti a cambiare prospettiva e quindi a scoprire approcci diversi per raggiungere i loro obiettivi. [10] Queste abilità possono essere utilizzate in quasi tutti i tipi di coaching. In questo senso, il coaching è una forma di “meta-professione” che può applicarsi al supporto dei clienti in qualsiasi sforzo umano, che va dalle loro preoccupazioni in termini di salute, personali, professionali, sportivi, sociali, familiari, politici, spirituali, ecc. potrebbe esserci qualche sovrapposizione tra alcuni tipi di attività di coaching. [8] Gli approcci di coaching sono influenzati anche dalle differenze culturali. [11]

Come diventare Coach – Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)

Vedi anche: Gestione del disturbo da deficit di attenzione e iperattività

Il concetto di coaching per l’ ADHD è stato introdotto nel 1994 dagli psichiatri Edward M. Hallowell e John J. Ratey nel loro libro Driven to Distraction . [12] Il coaching ADHD è un tipo specializzato di life coaching che utilizza tecniche progettate per assistere le persone con disturbo da deficit di attenzione e iperattività mitigando gli effetti del deficit delle funzioni esecutive , che è un disturbo comune per le persone con ADHD. [13] I coach lavorano con i clienti per aiutarli a gestire meglio il tempo , organizzare, fissare obiettivi e completare i progetti. [14] Oltre ad aiutare i clienti a comprendere l’impatto che l’ADHD ha avuto sulla loro vita, i coach possono aiutare i clienti a sviluppare strategie ” workaround ” per affrontare sfide specifiche e determinare e utilizzare i punti di forza individuali. I coach aiutano anche i clienti a comprendere meglio quali sono le aspettative ragionevoli per loro come individui poiché le persone con “cablaggio cerebrale” ADHD spesso sembrano aver bisogno di “specchi” esterni per l’autoconsapevolezza del loro potenziale nonostante la loro disabilità. [15]

Come diventare Coach – Affari e dirigenti

Il coaching aziendale è un tipo di sviluppo delle risorse umane per dirigenti, membri della direzione, team e leadership. [16] Fornisce supporto positivo, feedback e consigli su base individuale o di gruppo per migliorare l’efficacia personale nel contesto aziendale, spesso concentrandosi sui cambiamenti comportamentali attraverso la psicometria o il feedback a 360 gradi . Il coaching aziendale è anche chiamato coaching esecutivo, [17] coaching aziendale o coaching di leadership. I coach aiutano i loro clienti ad avanzare verso obiettivi professionali specifici. Questi includono la transizione di carriera, la comunicazione interpersonale e professionale, la gestione delle prestazioni , l’efficacia organizzativa, la gestione della carriera e dei cambiamenti personali, lo sviluppo della presenza esecutiva, il miglioramento del pensiero strategico, la gestione efficace dei conflitti e la creazione di un team efficace all’interno di un’organizzazione. Uno psicologo industriale-organizzativo può lavorare come executive coach.

Il coaching aziendale non è limitato a esperti o fornitori esterni. Molte organizzazioni si aspettano che i propri dirigenti senior e quadri intermedi insegnino ai membri del proprio team a raggiungere livelli più elevati di prestazioni, maggiore soddisfazione sul lavoro, crescita personale e sviluppo di carriera. Gli studi di ricerca suggeriscono che l’executive coaching ha effetti positivi sia all’interno delle prestazioni sul posto di lavoro che nelle aree personali al di fuori del posto di lavoro, con alcune differenze nell’impatto dei coach interni ed esterni. [18]

In alcuni paesi, non è richiesta alcuna certificazione o licenza per essere un coach aziendale o esecutivo e l’appartenenza a un’organizzazione di coaching è facoltativa. Inoltre, gli standard e i metodi di formazione degli allenatori possono variare notevolmente tra le organizzazioni di coaching. Molti business coach si definiscono consulenti , una relazione d’affari più ampia di quella che coinvolge esclusivamente il coaching. [19] I risultati della ricerca di una revisione sistematica indicano che i coach efficaci sono noti per avere integrità, supporto per coloro che allenano, capacità di comunicazione e credibilità. [16]

Sul posto di lavoro, il coaching alla leadership si è dimostrato efficace per aumentare la fiducia dei dipendenti nell’esprimere le proprie idee. [20] I risultati della ricerca in una revisione sistematica dimostrano che il coaching può aiutare a ridurre lo stress sul posto di lavoro. [21]

Come diventare Coach – Carriera

Vedi anche: Consulenza professionale

Il coaching di carriera si concentra sul lavoro e sulla carriera ed è simile al consiglio di carriera . Il Career Coaching non deve essere confuso con il Life Coaching , che si concentra sullo sviluppo personale. Un altro termine comune per un allenatore di carriera è ” guida alla carriera “.

Come diventare Coach – cristiano

Vedi anche: consulenza cristiana

Un allenatore cristiano non è un pastore o un consigliere (sebbene l’allenatore possa anche essere qualificato in quelle discipline), ma qualcuno che è stato formato professionalmente per affrontare obiettivi di coaching specifici da una prospettiva tipicamente cristiana o biblica. [22]

Come diventare Coach – Co-coaching

Articolo principale: Co-coaching

Il co-coaching è una pratica strutturata di coaching tra pari con l’obiettivo di apprendere tecniche di coaching migliorate.

Come diventare Coach – Incontri

Articolo principale: Incontri

Gli allenatori di appuntamenti offrono coaching e prodotti e servizi correlati per migliorare il successo dei loro clienti negli appuntamenti e nelle relazioni.

Come diventare Coach – Finanziario

Vedi anche: Pianificatore finanziario

Il coaching finanziario è una forma relativamente nuova di coaching che si concentra sull’aiutare i clienti a superare la loro lotta per raggiungere obiettivi finanziari e aspirazioni specifici che si sono prefissati. Il coaching finanziario è un rapporto uno a uno in cui il coach lavora per fornire incoraggiamento e supporto volti a facilitare il raggiungimento dei piani economici del cliente. Un coach finanziario , chiamato anche money coach , in genere si concentra sull’aiutare i clienti a ristrutturare e ridurre il debito, ridurre la spesa, sviluppare abitudini di risparmio e sviluppare disciplina fiscale. Al contrario, il termine consulente finanziario si riferisce a una gamma più ampia di professionisti che in genere forniscono ai clienti prodotti e servizi finanziari. Sebbene le prime ricerche colleghino il coaching finanziario al miglioramento dei risultati del cliente, è necessaria un’analisi molto più rigorosa prima di poter stabilire qualsiasi nesso causale. [23]

Come diventare Coach – Salute e benessere

Articolo principale: Coaching sulla salute

Il coaching sanitario sta diventando riconosciuto come un nuovo modo per aiutare le persone a “gestire” le loro malattie e condizioni, specialmente quelle di natura cronica. [24] Il coach utilizzerà tecniche speciali, esperienza personale, competenza e incoraggiamento per assistere il coachee nel portare i suoi cambiamenti comportamentali, mirando a ridurre i rischi per la salute e i costi sanitari. [25] La National Society of Health Coaches (NSHC) ha differenziato il termine health coach da wellness coach . [25] Secondo l’NSHC, gli allenatori della salute sono qualificati “per guidare le persone con condizioni acute o croniche e/o un rischio per la salute da moderato ad alto”, e gli allenatori del benessere forniscono guida e ispirazione “a individui altrimenti “sani” che desiderano mantenere o migliorare il loro stato di salute generale». [25]

Come diventare Coach – Compiti a casa

Articolo principale: allenatore dei compiti

Il coaching per i compiti a casa si concentra sul fornire a uno studente le capacità di studio necessarie per avere successo negli studi. Questo approccio è diverso dal normale tutoraggio che in genere cerca di migliorare le prestazioni di uno studente in una materia specifica. [26]

Come diventare Coach – nell’istruzione

Vedi anche: Psicologia del coaching § In educazione e Tutor § Coaching accademico    

Il coaching viene applicato per supportare studenti, docenti e amministratori nelle organizzazioni educative. [27] Per gli studenti, le opportunità di coaching includono la collaborazione con altri studenti per migliorare i voti e le abilità, sia accademiche che sociali; per insegnanti e amministratori, il coaching può aiutare con le transizioni in nuovi ruoli. [27]

Come diventare Coach – Vita

Il life coaching è il processo che aiuta le persone a identificare e raggiungere obiettivi personali attraverso lo sviluppo di abilità e attitudini che portano all’auto-potenziamento. [8] [28] Il life coaching si occupa generalmente di questioni come l’equilibrio tra lavoro e vita privata e i cambiamenti di carriera e spesso si verifica al di fuori dell’ambiente di lavoro. [29] L’ impegno psicologico accademico sistematico con il life coaching risale agli anni ’80. [30] Gli scettici hanno criticato l’attenzione del life coaching sull’auto-miglioramento per il suo potenziale di commercializzazione di amicizie e altre relazioni umane, [31] ma critiche simili sono state fatte anche ad altre professioni di aiuto come la psicologia clinica. [32] [33]

Come diventare Coach – Relazione

Vedi anche: Consulenza relazionale

Il coaching relazionale è l’applicazione del coaching alle relazioni personali e di lavoro . [34]

Come diventare Coach – Gli sport

Articoli principali: Coach (sport) e psicologia dello sport § Coaching    

Nello sport , un allenatore è un individuo che fornisce supervisione e formazione alla squadra sportiva o ai singoli giocatori. Gli allenatori sportivi sono coinvolti nell’amministrazione, nella preparazione atletica, nell’allenamento delle competizioni e nella rappresentazione della squadra e dei giocatori. Un’indagine nel 2019 sulla letteratura sull’allenamento sportivo ha rilevato un aumento del numero di pubblicazioni e la maggior parte degli articoli presentava un approccio di ricerca quantitativa. [35] La psicologia dello sport emerse dal 1890. [36]

Come diventare Coach – Vocale

Articolo principale: Vocal coach

Un vocal coach, noto anche come voice coach (sebbene questo termine si applichi spesso a coloro che lavorano con la parola e la comunicazione piuttosto che con il canto), è un insegnante di musica , di solito un pianista accompagnatore, che aiuta i cantanti a prepararsi per un’esibizione, spesso aiutandoli anche per migliorare la propria tecnica di canto e prendersi cura e sviluppare la propria voce, ma non è la stessa cosa di un insegnante di canto (chiamato anche “insegnante di voce”). I vocal coach possono dare lezioni private di musica o workshop di gruppo o masterclass ai cantanti. Possono anche istruire i cantanti che stanno provando sul palco o che stanno cantando durante una sessione di registrazione.

Come diventare Coach – Scrivere

Un coach di scrittura aiuta gli scrittori, come studenti, [37] [38] giornalisti, [39] [40] e altri professionisti [41] [42], a migliorare la loro scrittura e produttività. [43]

Come diventare Coach – Etica e standard

Vedere anche: Concessione di licenza , Certificazione professionale ed Etica professionale

Dalla metà degli anni ’90, associazioni professionali di coaching come la CWF (Coaching World Federation),  l’Association for Coaching (AC), l’ European Mentoring and Coaching Council (EMCC), l’International Association of Coaching (IAC) e l’ International Coach Federation (ICF) hanno lavorato allo sviluppo standard di formazione. [1] : 287-312  [44] Lo psicologo Jonathan Passmore annotò nel 2016: [1] : 3 

Sebbene il coaching sia diventato un intervento riconosciuto, purtroppo non esistono ancora standard o accordi di licenza ampiamente riconosciuti. Gli organismi professionali hanno continuato a sviluppare i propri standard, ma la mancanza di regolamentazione significa che chiunque può definirsi un allenatore. […] Se il coaching è una professione che richiede regolamentazione, o è professionale e richiede standard, rimane oggetto di dibattito.

Una delle sfide nel campo del coaching è sostenere i livelli di professionalità, standard ed etica. [44] A tal fine, gli organismi e le organizzazioni di coaching hanno codici etici e standard per i membri. [1] : 287-312  [45] Tuttavia, poiché questi organismi non sono regolamentati e poiché gli allenatori non hanno bisogno di appartenere a tale organismo, l’etica e gli standard sono variabili nel campo. [44] [46] Nel febbraio 2016, l’AC e l’EMCC hanno lanciato un “Codice etico globale” per l’intero settore; individui, associazioni e organizzazioni sono invitati a diventarne firmatari. [47] [48] : 1 

Con la crescente popolarità del coaching, [49] molti college e università ora offrono programmi di formazione per coach accreditati da un’associazione professionale. [50] Alcuni corsi offrono un certificato di life coach dopo pochi giorni di formazione, ma tali corsi, se sono accreditati, sono considerati programmi di formazione “à la carte”, “che possono o meno offrire coaching dall’inizio alla fine formazione”. [51] Alcuni programmi di formazione “tutto compreso” accreditati dall’ICF, ad esempio, richiedono un minimo di 125 ore di contatto con gli studenti, 10 ore di tutoraggio e un processo di valutazione delle prestazioni. [52] [53] Si tratta di una formazione molto ridotta rispetto ai requisiti di formazione di alcune altre professioni di aiuto: ad esempio, l’ abilitazione come psicologo consulente nello Stato della California richiede 3.000 ore di esperienza professionale supervisionata. [54] Tuttavia, l’ICF, ad esempio, offre una credenziale “Master Certified Coach” che richiede la dimostrazione di “2.500 ore (2.250 retribuite) di esperienza di coaching con almeno 35 clienti” [55] e una credenziale “Professional Certified Coach” con meno requisiti. [56] Altri organismi professionali offrono allo stesso modo opzioni di accreditamento dell’allenatore di livello base, intermedio e avanzato. [57] Alcuni coach sono sia coach certificati che psicologi di consulenza autorizzati, che integrano coaching e consulenza. [58]

I critici considerano il life coaching simile alla psicoterapia, ma senza le restrizioni legali e la regolamentazione statale degli psicologi. [44] [59] [60] [61] Non ci sono regolamenti statali/requisiti di licenza per gli autobus. A causa della mancanza di regolamentazione, le persone che non hanno una formazione o una certificazione formale possono legalmente definirsi life o wellness coach. [62]

Come diventare Coach – Mercato

Un sondaggio del 2004 su 2.529 membri ICF ha riportato che il 52,5% lavora part-time come coach e guadagna 30.000 dollari o meno, mentre il 32,3% ha riferito di guadagnare meno di 10.000 dollari l’anno. [63]

Un sondaggio del 2016 dell’ICF , ha riportato che su 53.000 allenatori professionisti, la maggior parte operava in America. Hanno riportato un reddito medio di $ 51.000 con alcuni allenatori specializzati che hanno riferito di guadagnare $ 100.000 o più. [64]

Guarda anche

Come diventare Coach – Riferimenti

  1. Salta a: e Passmore, Jonathan, ed. (2016) [2006]. Eccellenza nel coaching: The Industry Guide (3a ed.). Londra; Filadelfia: Kogan Page . ISBN 9780749474461 . OCLC 927192333 .
  2. ^ Renton, Jane (2009). Coaching e Mentoring: cosa sono e come sfruttarli al meglio. New York: Bloomberg Press . ISBN 9781576603307 . OCLC 263978214 .
  3. ^ Chakravarthy, Pradeep (20 dicembre 2011). “La differenza tra coaching e mentoring” . Forbes . Estratto il 4 luglio 2015.
  4. Salta a: coach , Dizionario di etimologia online, consultato il 4 luglio 2015 .
  5. ^ Linee, David; Evans, Christina, ed. (2020). “Una meta-analisi del coaching: ripercorrere le radici e ri-analizzare la storia del coaching”. Il business globale del coaching: una prospettiva meta-analitica . Studi Routledge nello sviluppo delle risorse umane. New York: Routledge. ISBN 9780429884917 . Estratto il 26 luglio 2020. […] Brock (2014: 116–119) identifica che il coaching si basa sulle basi di conoscenza dell’educazione degli adulti. […] Né Brock (2014) né Grant (2005) stabiliscono un nesso causale tra l’educazione degli adulti e l’emergere del coaching. Tuttavia, entrambi riconoscono l’importanza e la relazione di diverse teorie e basi di conoscenza con il lavoro di un coach. Ciò fa emergere la pratica di adottare basi di conoscenza consolidate dalle professioni che esistevano prima del coaching.
  6. ^ Stelter, Reinhard (2012). Una guida al coaching di terza generazione: teoria e pratica collaborativa-narrativa [Coaching di tre generazioni – En guide til narrativ-samskabende teori og praksis]. Dordrecht: Springer Science+Business Media (pubblicato nel 2013). P. 2. ISBN 9789400771864 . Estratto il 26 luglio 2020. La storia del coaching e della psicologia del coaching può essere fatta risalire a due radici chiave: la psicologia dello sport e il movimento del potenziale umano.
  7. ^ Brock, Vikki G. (2018). “Le radici e l’evoluzione del Coaching”. In inglese, Susan; Sabatine, Janice Manzi; Brownell, Philip (a cura di). Coaching professionale: principi e pratica . Edizioni Springer . P. 13-14. ISBN 9780826180094 . Estratto il 26 luglio 2020. Diverse fonti di connessioni che hanno posto le basi per il coaching sono: […] Large Group Awareness training (LGAT) è stato il culmine del passaggio a una prospettiva di consapevolezza e responsabilità. I partecipanti hanno lasciato le riunioni con strutture di supporto limitate per cambiare, sebbene avessero dichiarazioni, impegni ed entusiasmo.
  8. Salta a: c Cox, Elaine; Bachkirova, Tatiana; Clutterbuck, David, ed. (2018) [2010]. Il manuale completo di Coaching (3a ed.). Los Angeles; Londra: Pubblicazioni Sage . ISBN 9781473973046 . OCLC 1023783439 .
  9. “Anthony Grant” . www.icfaustralasia.com. Estratto il 5 maggio 2019.
  10. ^ Cox, Elaine (2013), Coaching Understood: a Pragmatic Inquiry into the Coaching Process, Los Angeles; Londra: Sage Publications , ISBN 9780857028259 , OCLC 805014954 .
  11. ^ Rosinski, Filippo (2003). Coaching tra culture: nuovi strumenti per sfruttare le differenze nazionali, aziendali e professionali. Londra; Yarmouth, Maine: Pubblicazione di Nicholas Brealey . ISBN 1857883012 . OCLC 51020293 .
  12. ^ Hallowell, Edward M.; Ratey, John J. (2011) [1984]. Spinto alla distrazione: riconoscere e affrontare il disturbo da deficit di attenzione dall’infanzia all’età adulta (rivisto ed.). New York: libri di ancoraggio . ISBN 9780307743152 . OCLC 699763760 .
  13. ^ Barkley, Russell A. (2012). Funzioni esecutive: cosa sono, come funzionano e perché si sono evolute. New York: Guilford Press . ISBN 9781462505357 . OCLC 773666263 .
  14. ^ Hamilton, Jeff (6 gennaio 2011). “26 vantaggi del coaching ADHD per adulti” . Blog di psicologia oggi . Estratto il 4 luglio 2015.
  15. ^ Knouse, Laura E.; Bagwell, Catherine L.; Barkley, Russell A.; Murphy, Kevin R. (maggio 2005). “Accuratezza dell’autovalutazione negli adulti con ADHD: prove da uno studio di guida”. Giornale dei disturbi dell’attenzione. 8 (4): 221-234. doi : 10.1177/1087054705280159 . PMID 16110052 . S2CID 40724893 .
  16. Salta a: b Blackman, Anna; Moscardo, Gianna; Gray, David E. (2016). “Sfide per la teoria e la pratica del coaching aziendale: una revisione sistematica dell’evidenza empirica” (PDF) . Revisione dello sviluppo delle risorse umane . 15 (4): 459-486. doi : 10.1177/1534484316673177 . ISSN 1534-4843 . S2CID 152097437 .
  17. ^ Stern, Lewis R. (2004). “Executive coaching: una definizione operativa” (PDF) . Rivista di psicologia di consulenza: pratica e ricerca . 56 (3): 154-162. doi : 10.1037/1065-9293.56.3.154 . Archiviato dall’originale (PDF) il 6 luglio 2015. Estratto il 4 luglio 2015.
  18. ^ Jones, Rebecca J.; boschi, Stephen A.; Guillaume, Yves RF (giugno 2016). “L’efficacia del coaching sul posto di lavoro: una meta-analisi dei risultati dell’apprendimento e delle prestazioni del coaching” (PDF) . Giornale di psicologia del lavoro e delle organizzazioni . 89 (2): 249-277. doi : 10.1111/joop.12119 .
  19. ^ Lorber, Laura (10 aprile 2008). “Executive Coaching: vale la pena?” Il Wall Street Journal . Estratto il 12 novembre 2008.
  20. ^ Wang, Yanfei; Yuan, Chuqin (2017). “Coaching leadership e comportamento vocale dei dipendenti: uno studio multilivello”. Comportamento sociale e personalità . 45 (10): 1655–1664. doi : 10.2224/sbp.6593 .
  21. ^ Gyllensten, Kristina; Palmer, Stephen (luglio 2005). “Può il coaching ridurre lo stress sul posto di lavoro?”. Lo Psicologo Coach. 1 : 15-17. CiteSeerX 10.1.1.465.4855 .
  22. “Definizione di Christian Coaching” (PDF) . christiancoaches.com. Christian Coaches Network Internazionale. Ottobre 2017. Estratto il 20 marzo 2018. Il coaching cristiano è un approccio alla pratica del coaching professionale, incentrato sulla crescita personale o professionale, che integra la visione del mondo biblica quando si lavora con i clienti per riconoscere il loro potenziale ed effettuare il cambiamento personale.
  23. ^ Collins, J. Michael; Oliva, Peggy; O’Rourke, Collin M. (febbraio 2013). “Il potenziale del coaching finanziario per migliorare la sicurezza finanziaria della famiglia” . Giornale di estensione. 51 (1): 1FEA8. Estratto il 2 luglio 2013.
  24. ^ Engel, Reed Jordan (2011). Un esame dei coach del benessere e del loro impatto sugli esiti comportamentali del cliente (tesi). Purdue University . Estratto il 2 luglio 2015.
  25. Salta a: “Health Coaching e Health Coaching: definizione, qualifiche, rischio e responsabilità e differenziazione dal Wellness Coaching” (PDF) . Società nazionale degli allenatori della salute. Estratto il 7 gennaio 2016.
  26. ^ Maslin Nir, Sarah (8 novembre 2010). “Come un monitor più che un tutor” . Il New York Times . P. A21. Estratto il 4 luglio 2015.
  27. Salta a: Nieuwerburgh, Christian van (2012). Coaching nell’istruzione: ottenere risultati migliori per studenti, educatori e genitori . Serie di coaching professionale. Londra: Karnac Books. ISBN 9781780490793 . OCLC 778418798 .
  28. ^ Neenan, Michael (2018). Neenan, Michael (ed.). Coaching cognitivo comportamentale: caratteristiche distintive. Caratteristiche distintive del coaching. New York: Routledge . doi : 10.4324/9781351188555 . ISBN 9781351188555 . OCLC 1012616113 .
  29. ^ Grant, Anthony M. (2005). “Che cos’è l’esecutivo, il posto di lavoro e il life coaching basati sull’evidenza?”. In Cavanagh, Michael J.; Grant, Anthony M.; Kemp, Travis (a cura di). Coaching basato sull’evidenza, vol. 1: Teoria, ricerca e pratica dalle scienze comportamentali. Bowen Hills, Queensland: stampa accademica australiana. pp. 1-12. ISBN 9781875378579 . OCLC 67766842 .
  30. ^ Grant, Anthony M.; Cavanagh, Michael J. (2018). “Insegnamenti di vita”. In Cox, Elaine; Bachkirova, Tatiana; Clutterbuck, David (a cura di). Il manuale completo di Coaching (3 ed.). Los Angeles: Pubblicazioni prudenti . ISBN 9781526453112 . Estratto il 26 luglio 2020. Le radici del life coaching contemporaneo sembrano emergere dalle tradizioni umanistiche della psicologia (ad es. Maslow, 1954) e dalle pratiche dello Human Potential Movement (HPM) […]. Una delle influenze chiave sono stati gli Erhard Seminars Training o i programmi EST sviluppati da Werner Erhard (Kirsch & Glass, 1977). Questi sono stati commercializzati come trasformazione personale e come tali possono essere considerati come attinti dallo stesso slancio sociale che in seguito ha dato origine al life coaching. […] la psicologia come disciplina accademica e professione di aiuto tendeva ad essere associata, almeno nella mente del pubblico, alla malattia mentale e al trattamento del disagio, piuttosto che alla promozione del benessere. La psicologia non si è veramente impegnata con il life coaching fino a quando i pionieri del life coaching commerciale negli Stati Uniti, come Thomas Leonard, non hanno alzato il profilo del life coaching e della formazione del life coach durante la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90. Tuttavia, a quel tempo il life coaching era ancora visto da molti come bizzarro, teoricamente incoerente, new age e più un’opportunità di network marketing che una solida modalità di aiuto teoricamente fondata.
  31. Nisbet, Matthew C. (maggio-giugno 2020). “Tony Robbins della porta accanto: i personal coach sono i nuovi sommi sacerdoti dell’auto-aiuto” . Inquirente scettico . vol. 44 n. 3. Amherst, New York: Centro per l’inchiesta . Archiviato dall’originale il 26 novembre 2020. Estratto il 26 novembre 2020.
  32. Dawes, Robyn M. (1994). Castello di carte: psicologia e psicoterapia costruite sul mito . New York: stampa libera . ISBN 978-0029072059 . OCLC 28675086 .
  33. ^ Epstein, William M. (1995). L’illusione della psicoterapia. Nuovo Brunswick, NJ: Editori di transazione . ISBN 978-1560002154 . OCLC 32086626 .
  34. ^ Yossi, Ives; Cox, Elaine (2015). Coaching relazionale: la teoria e la pratica del coaching con single, coppie e genitori . Hove, East Sussex; New York: Routledge . ISBN 978-0415737951 . OCLC 881498486 .
  35. ^ Griffo, JM, Jensen, M., Anthony, CC, Baghurst, T. e Kulinna, PH, 2019. “Un decennio di letteratura di ricerca nel coaching sportivo (2005-2015)”. Rivista internazionale di scienze sportive e coaching , 14 (2), 205-215. doi : 10.1177/1747954118825058
  36. ^ Fiore di campo, Leni (2013). La storia nascosta del coaching . Coaching in pratica serie. Maidenhead: Pressa aperta dell’università . P. 38. ISBN 9780335245406 . OCLC 820107321 . […] la psicologia dello sport […] ha una storia che risale al 1890 in America. […] Nel 1920 la Germania aveva un college specializzato in educazione fisica, il cui fondatore, Robert Werner Schulte, scrisse un libro intitolato Corpo e mente nello sport. Le università di Mosca e Leningrado avevano dipartimenti di psicologia dello sport negli anni ’30.
  37. ^ Hamilton, David (maggio 1977). “allenatore di scrittura”. Composizione e comunicazione universitaria . 28 (2): 154-158. doi : 10.2307/356104 . JSTOR 356104 .
  38. ^ Stanley, Jane (settembre 1992). “Coaching studenti scrittori per essere valutatori tra pari efficaci”. Giornale di scrittura della seconda lingua . 1 (3): 217–233. doi : 10.1016/1060-3743(92)90004-9 .
  39. ^ Lupo, Rita; Thomason, Tommy (marzo 1986). “Allenatori di scrittura: le loro strategie per migliorare la scrittura”. Giornale Giornale Di Ricerca . 7 (3): 43-49. doi : 10.1177/073953298600700305 .
  40. ^ Laakaniemi, Ray (marzo 1987). “Un’analisi della scrittura di programmi di coaching sui quotidiani americani”. Giornalismo trimestrale . 64 (2–3): 569–575. doi : 10.1177/107769908706400242 .
  41. ^ Baldwin, Claire; Chandler, Genevieve E. (febbraio 2002). “Migliorare l’output di pubblicazione della facoltà: il ruolo di un coach di scrittura”. Giornale di infermieristica professionale. 18 (1): 8-15. doi : 10.1053/jpnu.2002.30896 . PMID 11859488 .
  42. ^ Jefferies, Diana; Johnson, Maree; Nicholls, Daniel; Lad, Shushila (agosto 2012). “Un programma di coaching per la scrittura basato sul reparto per migliorare la qualità della documentazione infermieristica”. Formazione infermieristica oggi . 32 (6): 647–651. doi : 10.1016/j.nedt.2011.08.017 . PMID 21982050 .
  43. ^ Gardiner, Maria; Kearns, Hugh (settembre 2012). “L’ABCDE della scrittura: coaching di alta qualità e alta quantità di scrittura” . Revisione internazionale della psicologia del coaching . 7 (2): 247-259.
  44. Salta a: d Grant, Anthony M.; Cavanagh, Michael J. (2011). “Coaching e psicologia positiva: credenziali, status professionale e organismi professionali” . A Sheldon, Kennon M.; Kashdan, Todd B.; Steger, Michael F. (a cura di). Progettare la psicologia positiva: fare il punto e andare avanti. Oxford; New York: Pressa dell’università di Oxford . pp. 295-312. doi : 10.1093/acprof:oso/9780195373585.003.0019 . ISBN 9780195373585 . OCLC 610144651 .
  45. ^ Passmore, Jonathan; Mortimer, Lance (2011). “Etica nel Coaching” (PDF) . A Hernez-Broome, Gina; Boyce, Lisa A. (a cura di). Advancing Executive Coaching: impostare la rotta per un Leadership Coaching di successo. La serie della pratica professionale. San Francisco: Jossey-Bass . pp. 205-227. ISBN 9780470553329 . OCLC 635455413 . Archiviato dall’originale (PDF) il 3 dicembre 2020. Estratto il 19 luglio 2021.
  46. ^ Ad esempio: “Codice Etico” . Federazione Internazionale Allenatori. URL consultato il 13 maggio 2016 ( archiviato dall’ url originale il 9 febbraio 2014. E: “Coaches Code of Ethics” . Federazione nazionale delle associazioni delle scuole superiori statali. Archiviato dall’originale il 17 marzo 2015. Estratto il 13 maggio 2016.
  47. ^ Boschi, Declan; Sleightholm, David (5 febbraio 2016). “Per la pubblicazione congiunta del 5 febbraio 2016 – Codice etico globale per allenatori e mentori” . PRWeb . Archiviato dall’originale l’8 febbraio 2016. Estratto il 13 maggio 2016.
  48. ^ Iordanou, Ioanna; Hawley, Rachel; Iordanou, Christiana (2017). Valori ed Etica nel Coaching . Mille querce, CA: Pubblicazioni prudenti . ISBN 9781473919563 . OCLC 948548464 .
  49. ^ Ad esempio, l’appartenenza a un’organizzazione di coaching, la International Coach Federation, è triplicata tra il 2006 e il 2016: Milne-Tyte, Ashley (25 febbraio 2016). “Il settore del business coaching è in piena espansione” . Mercato . Estratto il 4 dicembre 2018.
  50. ^ Ad esempio, un elenco di programmi accreditati dall’ICF: “List of All Accredited Coaching Training Programs (ACTP): Hour List” . Federazione Internazionale Allenatori . Estratto il 4 luglio 2015.
  51. ^ Secondo l’ICF: “Approved Coaching Specific Training Hours (ACSTH): Program Accreditation” . Federazione Internazionale Allenatori . Archiviato dall’originale il 24 luglio 2014. Estratto il 4 luglio 2015.
  52. “Programma di formazione di coaching accreditato (ACTP): accreditamento del programma” . Federazione Internazionale Allenatori . Archiviato dall’originale l’8 febbraio 2014. Estratto il 4 luglio 2015.
  53. “Associate Certified Coach (ACC) – Credenziali individuali – ICF” . Federazione Internazionale Allenatori . Archiviato dall’originale il 2 aprile 2017. Estratto il 9 maggio 2017.
  54. “Una panoramica della licenza come psicologo” . Consiglio di psicologia della California. Archiviato dall’originale il 6 luglio 2015. Estratto il 4 luglio 2015.
  55. “Master Certified Coach (MCC) – Credenziali individuali – ICF” . Federazione Internazionale Allenatori . Archiviato dall’originale il 14 maggio 2016. Estratto il 9 maggio 2016.
  56. “Professional Certified Coach (MCC) – Credenziali individuali – ICF” . Federazione Internazionale Allenatori . Archiviato dall’originale il 9 maggio 2016. Estratto il 9 maggio 2016.
  57. ^ Vedere “Tabella 17.1 I diversi livelli di accreditamento forniti da diversi organismi professionali” , in Passmore (2016 , p. 298), per un confronto tra le diverse opzioni di accreditamento dell’allenatore offerte da AC, EMCC, IAC, ICF e altri organismi professionali .
  58. ^ Popovic, Nash; Jinks, Debra (2014). Consulenza personale: un modello per l’integrazione di consulenza e coaching. Londra; New York: Routledge . ISBN 9780415833929 . OCLC 842330076 .
  59. ^ Guay, Jennifer (16 gennaio 2013). “I millennial entrano nel campo controverso e in crescita del Life Coaching” . USA Oggi . Archiviato dall’originale il 31 luglio 2018. Estratto il 4 luglio 2015.
  60. ^ Morgan, Spencer (27 gennaio 2012), “Un life coach dovrebbe avere una vita prima?” , The New York Times, consultato il 4 luglio 2015 .
  61. ^ Pagliarini, Roberto (20 dicembre 2011). “I 10 migliori miti del Life Coaching professionale” . Notizie CBS . Estratto il 4 luglio 2015.
  62. ^ O’Brien, Elizabeth (8 settembre 2014). “10 cose che i life coach non ti diranno” . MarketWatch . Estratto il 4 luglio 2015.
  63. ^ Grant, AM & Zackon, R. (2004). Coaching per dirigenti, sul posto di lavoro e per la vita: risultati di un sondaggio su larga scala dei membri della International Coach Federation. International Journal of Evidence-based Coaching and Mentoring, 2(2), 1–15.
  64. Salta su^ “Studio di coaching globale ICF 2016: riepilogo esecutivo” (PDF) . coachfederation.org. Estratto il 10 luglio 2019.

Come diventare Coach – Psicologia del coaching

La psicologia del coaching è un campo della psicologia applicata che applica teorie e concetti psicologici alla pratica del coaching . Il suo scopo è aumentare le prestazioni, i risultati e il benessere di individui, team e organizzazioni utilizzando metodi basati sull’evidenza fondati sulla ricerca scientifica. [1] La psicologia del coaching è influenzata da teorie in vari campi psicologici, come la psicologia umanistica , la psicologia positiva , la teoria dell’apprendimento e la psicologia sociale .

La psicologia del coaching è iniziata formalmente come sotto-disciplina psicologica nel 2000, quando è stato offerto il primo corso di “psicologia del coaching” presso l’ Università di Sydney . Da allora, sono state formate società scientifiche dedicate alla psicologia del coaching e riviste peer-reviewed pubblicano ricerche sulla psicologia del coaching. Le applicazioni della psicologia del coaching vanno dal coaching atletico ed educativo alla leadership e al coaching aziendale.

Come diventare Coach – Storia antica

Le prime applicazioni della teoria e della pratica psicologica all’allenamento (in particolare, l’allenamento atletico) possono essere fatte risalire agli anni ’20. [2] Nel 1926, Coleman Griffith pubblicò The Psychology of Coaching: A Study of Coaching Methods in the Point of View of Psychology. [2] Basandosi sulle osservazioni delle squadre di calcio e basket, Griffith ha discusso un’ampia varietà di aspetti del coaching come gli effetti dello spettatore, i problemi di over-coaching, i principi dell’apprendimento. [3] Griffith è stato notato come ” il primo psicologo sportivo d’America ” e un pioniere nell’applicare la scienza della psicologia al coaching. [4] Anni dopo, iniziarono ad emergere altri testi sulla psicologia del coaching. Nel 1951, John Lawther della Penn State University pubblicò Psicologia del coaching . [5] Il primo libro di WorldCat con il termine “psicologia del coaching” nel titolo è Modern Coaching Psychology di Curtiss Gaylord, pubblicato nel 1967. [6] [7]

21 ° secolo

Nonostante questi primi sviluppi, la psicologia del coaching contemporanea è stata formalmente stabilita solo all’inizio del 21° secolo. [4] Nel gennaio 2000, Anthony Grant ha implementato la prima unità di studio di “psicologia del coaching” presso l’ Università di Sydney e la sua tesi di dottorato ha posto le basi per ulteriori ricerche per stabilire il campo della psicologia del coaching come disciplina basata sull’evidenza. [8] [9] Molti psicologi di coaching considerano Grant un pioniere nel campo. [4] [10]

Un ulteriore sviluppo è iniziato nel 2006 quando l’ Australian Psychological Society (APS) ha tenuto una conferenza che ha fondato l’Interest Group in Coaching Psychology (IGCP). Al di fuori dell’Australia, Stephen Palmer della British Psychological Society (BPS) ha formato lo Special Group in Coaching Psychology (SGCP). [4] Sia l’IGCP che l’SGCP miravano a sviluppare ulteriormente la professione della psicologia del coaching in termini di teoria e applicazione fornendo una piattaforma per la condivisione di ricerche ed esperienze rilevanti tra gli psicologi del coaching. [4] [1] [11] Dall’istituzione dell’IGCP e dell’SGCP, sono state istituite più società internazionali dedicate alla psicologia del coaching in Europa, Medio Oriente e Sud Africa. [4] Il 18 dicembre 2006 è stata fondata la International Society for Coaching Psychology (ISCP) per promuovere lo sviluppo internazionale del settore. [4] [12]

Attualmente, ci sono una serie di riviste peer-reviewed dedicate alla letteratura e alla ricerca sulla psicologia del coaching. Ad esempio, The Coaching Psychologist (dal 2005) è fornito dall’SGCP. [13] L’IGCP e l’IGCP pubblicano congiuntamente l’ International Coaching Psychology Review (dal 2006). [14] Coaching Psychology International (dal 2009) è pubblicato dalla International Society of Coaching Psychology. [15]

Come diventare Coach – Influenze teoriche

Come diventare Coach – Psicologia umanistica

Vedi anche: Psicologia umanistica e terapia centrata sulla persona

L’ approccio umanistico alla psicologia è considerato un grande contributo alla psicologia del coaching. [3] Sia la psicologia umanistica che quella del coaching condividono la visione comune dell’essere umano come autorealizzante . Cioè, ogni volta che ne viene data l’opportunità, gli umani coglieranno la capacità di migliorare se stessi. [16] La psicologia del coaching considera questo sviluppo come un processo costituito da concreti cambiamenti positivi nella propria vita. Inoltre, questo processo di crescita è intrapreso sia dal cliente che dal coach che facilita l’autorealizzazione nei propri clienti. [1] [17]

In Carl Rogers ‘ terapia centrata sulla persona , il rapporto cliente-terapeuta è un elemento chiave nel facilitare la crescita. [17] Pertanto, la relazione tra il coach (il facilitatore) e il cliente (lo studente) è cruciale. [18] In particolare, Rogers ha identificato tre qualità chiave in un buon rapporto coach-cliente: “realtà” (genuinità), fiducia e comprensione empatica . [17] [18] Inoltre, viene fatta un’importante distinzione tra lavorare sul cliente e lavorare con il cliente. Un coach deve essere disposto a collaborare e impegnarsi attivamente con il cliente al fine di comprendere le sue esperienze e fare scelte che favoriscano la crescita . [17] Quando ciò si realizza, il rapporto coach-cliente diventa una partnership attiva . [19]

Inoltre, secondo Rogers, la crescita di un cliente si ottiene attraverso una considerazione positiva incondizionata . [20] I coach devono entrare in empatia con i loro clienti per comprendere le loro esperienze e punti di vista. [1] Per raggiungere questo obiettivo, il coach deve essere in grado di comprendere i propri clienti non solo a livello intellettuale, ma anche a livello emotivo. [17] Insieme all’empatia, i coach devono essere in grado di accettare i propri clienti per quello che sono veramente, poiché gli individui hanno bisogno di sentirsi apprezzati per il loro ” vero sé ” per autorealizzarsi. [1]

Come diventare Coach – Psicologia positiva

Vedi anche: psicologia positiva

La psicologia positiva (sviluppata da Martin Seligman e altri) si sofferma sugli aspetti positivi delle caratteristiche umane come forza e competenza. [17] [21] [22] Al centro, la psicologia del coaching condivide questo focus; un coaching efficace comporta il miglioramento delle prestazioni e del benessere del cliente. [23] La psicologia positiva fornisce quindi una base per il coaching. [21] La psicologia del coaching è stata considerata un tipo di psicologia positiva applicata. [23]

Le emozioni positive motivano gli individui a migliorare le proprie capacità e competenze. [24] La teoria del broaden-and-build di Barbara Fredrickson postula che le emozioni positive possono svolgere un ruolo nello stimolare non solo la motivazione , ma anche azioni che sono produttive e benefiche. [25] Nel coaching si enfatizza l’incoraggiamento delle emozioni positive per ispirare i clienti a intraprendere azioni concrete verso i loro obiettivi. [17]

Oltre alle emozioni, anche il pieno coinvolgimento nell’attività è un fattore per massimizzare le proprie prestazioni. [26] Mihaly Csikszentmihalyi ha descritto questo livello di massimo coinvolgimento in un compito come flusso . In altre parole, gli individui che sperimentano il flusso sono “nella zona”. [17] Gli allenatori svolgono un ruolo nella creazione di un ambiente che induce il flusso. Questo può essere ottenuto attraverso una chiara e coerente definizione degli obiettivi. [26] Fornire un feedback chiaro e immediato tiene anche il cliente informato sul fatto che le sue azioni stanno aiutando a raggiungere i suoi obiettivi. [17] I coach aiutano anche a trovare un equilibrio tra sfida e abilità, poiché compiti troppo facili o troppo difficili per il cliente possono ostacolare il raggiungimento degli obiettivi. [17] [26]

Come diventare Coach – Teorie dell’apprendimento

Vedi anche: comportamentismo e teoria dell’apprendimento sociale

Il condizionamento operante (come descritto da B.F. Skinner ) vede l’apprendimento come un processo che coinvolge rinforzo e punizione . [27] Gli allenatori sono incoraggiati a rafforzare sempre comportamenti sani e produttivi attraverso il rinforzo verbale, come parole e immagini motivazionali. [28] Anche il rinforzo intrinseco (cioè il rinforzo dall’interno dell’individuo) può svolgere un ruolo enorme nel migliorare le prestazioni e nell’incoraggiare l’azione mirata. [19] Sebbene la punizione possa indirizzare i clienti verso i comportamenti desiderati, la prestazione può essere ostacolata da effetti collaterali ingiustificati, come ansia e risentimento nei confronti del coach. [19] [27]

David A. Kolb ‘il esperienziali teoria dell’apprendimento postula che gli individui imparano attraverso le loro esperienze. [29] L’ apprendimento esperienziale è facilitato dall’autoriflessione, dall’autovalutazione e dall’azione. [21] I coach possono incoraggiare l’auto-riflessione critica delle esperienze attraverso “registri di coaching” in cui i coachee analizzano i loro pensieri ed emozioni in vari incidenti e circostanze. [21] Questo aiuta i clienti a esaminare e sfidare le proprie convinzioni, atteggiamenti e comportamenti. [21] L’ intuizione acquisita da questo aiuta nell’apprendimento trasformativo in cui i tirocinanti sviluppano un piano d’azione per un ulteriore auto-miglioramento e un aumento delle prestazioni in base alle proprie esperienze. [17] [29] [30]

Lev Vygotsky ha descritto la zona di sviluppo prossimale (ZPD) come uno spazio tra ciò che una persona sa (un’azione che può essere eseguita facilmente) e ciò che una persona non sa (ciò che è considerato difficile). [31] Vygotsky ha teorizzato che l’apprendimento è più efficace all’interno di questa zona. [32] I coach facilitano un apprendimento efficace fornendo ai coachee attività all’interno della ZPD, che non sono né troppo facili né troppo impegnative (questo è un processo chiamato scaffolding ). [31] [32]

La teoria dell’apprendimento sociale ha anche influenzato la psicologia del coaching. Secondo Albert Bandura , l’ apprendimento osservativo si verifica quando gli individui imparano dalle persone che li circondano (chiamati modelli ). [33] Gli allenatori dovrebbero essere consapevoli dei modelli del loro allievo in quanto ciò può modellare i loro atteggiamenti e comportamenti. [34] Inoltre, gli allenatori dovrebbero valutare i fattori che influenzano l’apprendimento osservativo nei loro allievi, come l’attenzione e la frequenza del comportamento osservato. [34]

Come diventare Coach – Altre influenze

Vedi anche: Psicologia della Gestalt , Psicologia sociale , Psicologia culturale e Psicopatologia

La teoria della Gestalt spiega che le persone percepiscono gli eventi intorno a noi in un modo conforme alle loro idee, credenze ed esperienze personali. [3] I coachee devono essere guidati nella consapevolezza dei propri atteggiamenti ed esperienze, che modellano la loro percezione del mondo. [3] Concetti in psicologia sociale come l’ influenza interpersonale e la compliance enfatizzano il potente ruolo che le interazioni sociali giocano nel plasmare il pensiero, le prestazioni e il comportamento negli allenatori. [19] La psicologia culturale assiste gli allenatori nel facilitare la crescita e l’apprendimento in clienti di diversi background culturali. [35] Lo studio della psicopatologia può anche essere importante nello sviluppo di metodi adeguati di coaching per individui mentalmente malati. [19]

Come diventare Coach – Modelli

La psicologia del coaching ha un gran numero di modelli e strutture derivati ​​da teorie e prove psicologiche. [1] Questi modelli sono utilizzati per guidare la pratica della psicologia del coaching e per garantire che il coaching sia informato da concetti scientificamente provati. [21]

CRESCERE

Articolo principale: modello GROW

Il modello GROW è considerato uno dei modelli di coaching comportamentale più popolari. [3] Le sue quattro fasi delineano il processo di risoluzione dei problemi, definizione degli obiettivi e miglioramento delle prestazioni. [3] [1] Il nome di ogni fase varia leggermente a seconda della fonte.

LA PRATICA

Stephen Palmer ha sviluppato il modello PRACTICE come guida alla risoluzione dei problemi e alla ricerca di soluzioni. [1] I problemi sono identificati durante la prima fase è P identificazione roblem. [36] Quindi, R ealistic obiettivi sono sviluppati per quanto riguarda i problemi. [1] [36] In seguito, A soluzioni lternate che il lavoro verso gli obiettivi sono brainstorming. [1] [36] I possibili esiti delle soluzioni vengono quindi valutati criticamente durante la C onsiderazione delle conseguenze. [1] [36] In seguito, le opzioni migliori sono scelti durante T argeting il maggior numero possibile soluzione (s). [1] [36] Poi viene la I ATTUAZIONE della C soluzione hosen (s). [1] [36] Il passaggio finale è la valutazione E in cui coach e coachee discutono l’efficacia della soluzione e le lezioni apprese dall’esperienza. [1] [36]

SPAZIO

Il modello SPACE è un framework bio-psico-sociale basato sulla psicologia cognitivo-comportamentale. [37] [38] Il suo scopo è guidare il coach nella valutazione e comprensione del comportamento dei propri clienti durante situazioni specifiche. [37] SPACE è un acronimo di S contesto OCIALE, P hysiology, A ction, C ognition e E movimento. [38] Può essere ulteriormente suddiviso in quadri più piccoli: ACE e PACE. Il framework ACE esamina le relazioni tra l’azione, le emozioni e le cognizioni dell’individuo. [38] Il framework PACE prende quindi il modello ACE e considera la risposta fisiologica o biologica che accompagna le cognizioni, le emozioni e il comportamento. [38] Infine, il modello SPACE principale tiene conto del contesto sociale in cui si verifica il comportamento. [37] [38]

Come diventare Coach – Altri modelli

Sono stati sviluppati altri approcci come il modello cognitivo ABCDE per la risoluzione dei problemi. [38] I modelli OSKAR, ACHIEVE e POSITIVE derivano dal modello GROW che si concentra sulla definizione degli obiettivi, sulla ricerca di soluzioni e sul nutrimento della relazione di coaching. [36] [38] Per il coaching di leadership, LASER (che sta per Learning, Assessing, Story-making, Enabling and Reframing) delinea un processo in cinque fasi per un coaching efficace. [38] Il modello transteorico del cambiamento (sviluppato da James O. Prochaska e altri) e l’ indagine elogiativa si concentrano sulla comprensione del processo di cambiamento e sull’incoraggiare i clienti ad agire verso un cambiamento positivo. [1]   Il Modello HPM sviluppato dal dr. Daniele Trevisani individua 6 specifiche sotto-aree ove agire ed è uno dei modelli di coaching con maggiori basi scientifiche disponibili in una apposita letteratura.

Come diventare Coach – Applicazioni

Ulteriori informazioni: Coaching § Applicazioni  

Come diventare Coach – Allenamento degli atleti

Articoli principali: Coach (sport) , Medicina dello sport e Psicologia dello sport § Coaching    

La psicologia del coaching influenza i metodi di allenamento per lo sviluppo dell’atleta . [18] Mira non solo a migliorare le prestazioni sportive , ma anche a sviluppare gli atleti in modo olistico . [39] Pertanto, i fattori che influenzano lo sviluppo come la motivazione dell’atleta sono stati studiati attraverso teorie cognitive, sociali ed emotive. [40] Uno studio ha scoperto che il narcisismo dell’atleta ha un impatto sull’efficacia delle aspettative di prestazione stabilite dall’allenatore. [41] Il potenziamento delle abilità fisiche e mentali è studiato anche con teorie cognitivo-comportamentali . [40] La ricerca ha dimostrato che un’efficace definizione degli obiettivi migliora le prestazioni nello sport. [42] Inoltre, l’autoefficacia è anche un fattore importante che influenza lo sviluppo dell’atleta. [40] Pertanto, gli allenatori sono incoraggiati ad aumentare l’autoefficacia negli atleti attraverso un feedback positivo ed essendo essi stessi un modello di fiducia in se stessi. [43] Anche le convinzioni degli allenatori circa il loro livello di abilità nel coaching influenzano lo sviluppo dell’autoefficacia negli atleti. [43]

Come diventare Coach – nell’istruzione

La psicologia del coaching può essere applicata anche nelle scuole. [37] Esamina i modi più efficaci di educare gli studenti fondati sulla teoria psicologica. [37] Ad esempio, le teorie sulla motivazione si concentrano sugli effetti dell’autoefficacia e della motivazione sulle prestazioni degli studenti. [37] Anche il miglioramento della fiducia e dell’autoefficacia degli insegnanti è un’area di studio per gli psicologi di coaching. [4] La psicologia del coaching guida anche studenti, insegnanti e personale nella definizione e nel raggiungimento degli obiettivi efficaci. [44] Inoltre, i metodi di coaching come il peer coaching reciproco (il processo degli insegnanti che valutano le prestazioni reciproche) sono incoraggiati perché coltivano il sostegno e la fiducia tra gli educatori. [45] Il peer coaching in classe fornisce anche un ambiente collaborativo per gli studenti, che è favorevole all’apprendimento. [45] [46]

Guarda anche

Riferimenti

  1. Salta a: o Allen, Kimberly (2016), Allen, Kimberly (a cura di), Theory, Research, and Practical Guidelines for Family Life Coaching, Springer International Publishing , doi : 10.1007/978-3-319-29331-8_2 , ISBN 9783319293318
  2. Salta a: b Griffith, Coleman (1926). Psicologia del Coaching. New York, NY: I figli di Charles Scribner.
  3. Salta a: f Palmer, Stephen; Whybrow, Alison (2007). Manuale di psicologia del coaching: una guida per i professionisti. Sussex orientale: Routledge.
  4. Salta a: h Adams, Mark (2016-03-17). “Psicologia del coaching: un approccio alla pratica per gli psicologi dell’educazione”. Psicologia dell’educazione in pratica. 32 (3): 231–244. doi : 10.1080/02667363.2016.1152460 . ISSN 0266-7363 .
  5. ^ Lawther, John (1951). Psicologia del Coaching. Englewood Cliffs, NJ: Prentice Hall.
  6. ^ Gaylord, Elisha Curtiss (1967). Psicologia del coaching moderno. Dubuque, Iowa: WC Brown. OCLC 969263 .
  7. ^ Ricerca WorldCat , 29 settembre 2019.
  8. ^ Grant, AM, 2001. Verso una psicologia del coaching. Manoscritto inedito, Sydney.
  9. ^ Boniwell, I. e Smith, WA, 2018. Coaching di psicologia positiva per una leadership positiva. In Coaching in Psicologia Positiva in Pratica (pp. 159-175). Routledge.
  10. “Anthony Grant” . www.icfaustralasia.com. Estratto 05-05-2019.
  11. “Gruppo Speciale in Psicologia del Coaching | BPS” . www.bps.org.uk. Estratto 05-05-2019.
  12. “Storia – Società internazionale di psicologia del coaching” . Estratto 05-05-2019.
  13. “Lo psicologo coaching | BPS” . www.bps.org.uk. Estratto 05-05-2019.
  14. “Revisione internazionale di psicologia del coaching | BPS” . www.bps.org.uk. Estratto 05-05-2019.
  15. “Coaching Psicologia Internazionale” . ISCP International Center for Coaching Psychology Research. Estratto il 5 maggio 2019.
  16. ^ Rogers, Carlo (1951). Terapia centrata sul cliente: pratica attuale, implicazioni e teoria. Londra: Conestabile.
  17. Salta a: k Stober, Diane; Grant, Anthony (2006). Manuale di coaching basato sull’evidenza: mettere in pratica le migliori pratiche per i tuoi clienti. Hoboken, New Jersey: John Wiley & Sons, Inc.
  18. Salta a: c Nelson, Lee; Cuscino, Christopher J.; Potrac, Paolo; Sposo, Ryan (2014-07-04). “Carl Rogers, apprendimento e pratica educativa: considerazioni critiche e applicazioni nel coaching sportivo”. Sport, Educazione e Società. 19 (5): 513–531. doi : 10.1080/13573322.2012.689256 . ISSN 1357-3322 .
  19. Salta a: e Peltier, Bruce (2010). La psicologia dell’Executive Coaching. New York, NY: Routledge Taylor & Francis Group.
  20. ^ Rogers, Carlo (1980). Un modo di essere. Boston, MA: Houghton Mifflin.
  21. Salta a: f Law, Ho (2013). Psicologia del coaching: una guida per il professionista. John Wiley & Sons, Ltd. ISBN 978-1-119-95467-5 .
  22. ^ Grant, Anthony (2006). “Una prospettiva personale sul coaching professionale e lo sviluppo della psicologia del coaching” (PDF) . Revisione internazionale di psicologia del coaching. 1 : 12-20.
  23. Salta a: b Linley, P. Alex; Harrington, Susan (luglio 2005). “Psicologia positiva e psicologia del coaching: prospettive sull’integrazione” (PDF) . Lo psicologo del coaching: 13–14.
  24. ^ Fredrickson, Barbara (2001). “Il ruolo delle emozioni positive nella psicologia positiva: la teoria amplia e costruisci delle emozioni positive” . Psicologa americana. 56 (3): 218-226. doi : 10.1037/0003-066X.56.3.218 . PMC 3122271 . PMID 11315248 .
  25. ^ Fredrickson, Barbara (2004). “La teoria amplia e costruisci delle emozioni positive” . Transazioni filosofiche della Royal Society di Londra. Serie B, Scienze Biologiche. 359 (1449): 1367–1377. doi : 10.1098/rstb.2004.1512 . PMC 1693418 . PMID 15347528 .
  26. Salta a: c Wesson, Karen; Boniwell, Ilona (2007). “Teoria del flusso – la sua applicazione alla psicologia del coaching”. Revisione internazionale di psicologia del coaching. 2 (1).
  27. Salta a: “BF Skinner | Condizionamento operante | Semplicemente psicologia” . www.simplypsychology.org. Estratto 08/05/2019.
  28. ^ Fazel, P. (2013). “Teorie dell’apprendimento all’interno del processo di coaching”. Rivista internazionale di scienze psicologiche e comportamentali. 7 (8).
  29. Salta a: b Turesky, Elizabeth Fisher; Gallagher, Dennis (2011). “Conosci te stesso: Coaching per la leadership utilizzando la teoria dell’apprendimento esperienziale di Kolb”. Lo Psicologo Coach. 7 (1): 5-14.
  30. ^ Pappas, James; Jerman, Jeremy (2015). Trasformare gli adulti attraverso il coaching . San Francisco, CA: John Wiley & Sons, Incorporated. ISBN 9781119215172 .
  31. Salta a: “Zona di sviluppo prossimale e impalcatura | Semplicemente psicologia” . www.simplypsychology.org. Estratto 09-05-2019.
  32. Salta a: b Saggio, Paperino; Jacobo, Ambra (2010). “Verso un quadro per il coaching di leadership”. Direzione e gestione della scuola. 30 (2): 159-169. doi : 10.1080/13632431003663206 .
  33. “Albert Bandura | Teoria dell’apprendimento sociale | Semplicemente psicologia” . www.simplypsychology.org. Estratto 09-05-2019.
  34. Salta a: b Connolly, Graeme (2017). “Applicazione della teoria cognitiva sociale negli atleti di coaching: il potere dei modelli di ruolo positivi”. Strategie. 30 (3): 23-29. doi : 10.1080/08924562.2017.1297750 .
  35. ^ Roth, Andrea (2017). “Coaching un cliente con un diverso background culturale – è importante?”. International Journal of Evidence Based Coaching e Mentoring. 11 : 30-43.
  36. Salta a: h Palmer, Stephen (2008). “Il modello PRACTICE di coaching: verso un approccio orientato alla soluzione”. Coaching Psicologia Internazionale. 1 (1): 4–6.
  37. Salta a: f Adams, Mark (2016). Psicologia del coaching nelle scuole. New York, NY: Routledge. ISBN 978-1-315-76263-0 .
  38. Salta a: h Edgerton, Nick; Palmer, Stephen (2005). “SPAZIO: un modello psicologico da utilizzare all’interno del coaching cognitivo comportamentale, della terapia e della gestione dello stress”. Lo Psicologo Coach. 2 (2): 25–31.
  39. ^ Jones, Robyn L.; Turner, Poppy (2006). “Insegnare ai coach a fare coaching olistico: può aiutare l’apprendimento basato sui problemi (PBL)?”. Educazione fisica e pedagogia dello sport. 11 (2): 181–202. doi : 10.1080/17408980600708429 . ISSN 1740-8989 .
  40. Salta a: c Tenenbaum, Gershon; Eklund, Robert (2007). Manuale di psicologia dello sport. Hoboken, NJ: John Wiley & Sons, Inc. ISBN 978-0-471-73811-4 .
  41. ^ Arthur, Calum Alexander; Boscaiolo, Tim; Ong, Chin Wei; Hardy, Lew; Ntoumanis, Nikos (2011). “Il ruolo del narcisismo dell’atleta nella moderazione della relazione tra i comportamenti trasformativi del leader degli allenatori e la motivazione dell’atleta” (PDF) . Giornale di psicologia dello sport e dell’esercizio. 33 (1): 3-19. doi : 10.1123/jsep.33.1.3 . PMID 21451168 .
  42. ^ Blaine Kyllo, L.; Landers, David M. (1995). “Definizione degli obiettivi nello sport e nell’esercizio: una sintesi di ricerca per risolvere la controversia”. Giornale di psicologia dello sport e dell’esercizio. 17 (2): 117-137. doi : 10.1123/jsep.17.2.117 .
  43. Salta a: un b Feltz, Deborah; Lirgg, Cathy D. (2001). Manuale di Psicologia dello Sport. New York: John Wiley & Figli. pp. 340-361.
  44. ^ van Niewerburgh, Christian (2012). Coaching in Educazione. New York, NY: Routledge. ISBN 9781780490793 .
  45. Salta a: b Hooker, Tracey (2013). “Coaching tra pari: una revisione della letteratura” . Waikato Journal of Education. 18 (2): 129-139. doi : 10.15663/wje.v18i2.166 .
  46. ^ Docce, Beverly; Joyce, Bruce (1996). “L’evoluzione del peer coaching”. Leadership educativa – tramite EBSCOhost.

Come diventare Coach – link esterni

Società di psicologia del coaching

Periodici di psicologia del coaching

Le parole chiave su questo corso su come diventare coach sono

  • Che cos’è il coaching?
  • Chi può fare il coach?
  • coach professione riconosciuta
  • Coaching corsi
  • Coaching corsi certificati
  • Coaching corso
  • Coaching migliori scuole in Italia
  • Coaching professionale
  • Coaching scuole
  • Come diventare coach
  • come diventare coach olistico
  • come diventare coach online
  • come diventare coach pnl
  • Come diventare life coach costi?
  • Come diventare life coach in Italia?
  • come diventare mental coach
  • Come diventare un coach professionista?
  • Come fare un coaching?
  • Come scegliere un life coach?
  • Come si diventa business coach
  • Come si diventa life coach
  • Come si diventa mental coach
  • Come si diventa sports coach
  • corsi coaching costi
  • corso di coaching cos’è
  • Cosa fa un coach ICF?
  • Cosa non è coaching?
  • I migliori corsi di coaching in Italia
  • migliore formazione per il coaching in italia
  • migliore programma per la formazione di coach in italia
  • migliore scuola di coaching in italia
  • migliori coach italiani
  • Qual è la migliore scuola di coaching in Italia?
  • Qual è la migliore scuola di coaching?
  • Quanti tipi di coach esistono?
  • quanto costa diventare coach
  • Quanto costa un corso di coaching?
  • Quanto guadagna un life coach?
  • scuola di coaching
  • scuola di coaching milano
  • scuola di coaching roma
  • scuola di coaching padova
  • scuola di coaching bologna
  • scuola di coaching online
  • scuola di coaching torino
  • scuole coaching accreditate icf
  • scuole coaching certificate apic
  • scuole di coaching con certificazione valida a livello mondiale CWF
  • scuole di coaching riconosciute

La figura professionale del Business Coach sta assumendo importanza sempre maggiore in un mondo del lavoro dinamico e in costante cambiamento

Il mondo del lavoro è in continua evoluzione, e offre uno scenario fluido e in perenne movimento, che impone alle imprese la necessità di ripensare l’organizzazione, per cercare nuove strategie che permettano di essere competitivi e vincenti.

Tra le nuove figure professionali che affiancano le organizzazioni in questo impegnativo compito, il Business Coach è una delle più richieste, come dimostrano le molte offerte per questo ruolo, che troviamo nei siti delle agenzie del lavoro più qualificate come Jobsora.

“Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento”

La metafora che ci offre il proverbio cinese è calzante, perché il Business coaching è un motore di novità, che spinge l’azienda nella direzione dettata dal vento del cambiamento, per supportarla, sostenerla e trasportarla verso un futuro di successo.

Cosa fa un Business Coach?

La funzione principale di un Business Coach è di fornire consulenza agli imprenditori. Possiamo così riassumere le sue mansioni:

  • Conoscenza dei valori e della mission aziendale
  • Identificazione dei punti di forza e debolezza dell’organizzazione
  • Determinazione delle esigenze formative finalizzate al raggiungimento degli obiettivi d’impresa
  • Analisi delle strategie di successo/fallimenti passati o in corso
  • Coinvolgimento dei diversi stakeholder per una visione completa della realtà aziendale
  • Proposta dei piani di azione e di sviluppo per l’impresa e i dipendenti
  • Follow up a breve e lungo termine e adeguamento delle strategie

Il Business Coach deve essere un professionista esterno all’azienda, per cogliere tutti gli aspetti che caratterizzano l’organizzazione, senza essere influenzato dall’appartenenza a essa, nella proposta delle soluzioni operative.

Come si diventa Business Coach?

Il Business Coaching è un lavoro che non richiede solo hard skills, cioè competenze tecniche specifiche, ma qualità caratteriali e abilità personali particolari, poiché il ruolo di questo professionista è di avviare e seguire un percorso di cambiamento nelle organizzazioni influenzando le performance degli individui.

Un Business coach deve perciò avere grandi capacità di ascolto, notevoli doti comunicative, forte attitudine al lavoro di squadra e al problem solving, ma anche essere flessibile, riservato ed empatico.

Le competenze tecniche specifiche invece si acquisiscono con la formazione per mezzo di corsi specializzati, per i quali non è indispensabile, ma consigliato, avere un background universitario idoneo, per esempio una laurea in discipline economiche, oppure in scienze della comunicazione, ma anche psicologia, o scienze dell’educazione. Ѐ importante frequentare corsi che abbiano ricevuto il riconoscimento e la validazione delle associazioni di riferimento, come ad esempio l’International Coaching Federation (ICF), l’Associazione Italiana Coach Professionisti (AICP), o APIC (Associazione Professionisti Italiani Coaching).

I corsi trattano diversi argomenti, fra i quali:

  • Principi di base del coaching
  • Le tecniche e gli strumenti del coaching
  • Logica di lavoro delle organizzazioni
  • Come le aziende sviluppano competenze
  • I bisogni formativi e lo sviluppo del potenziale
  • La definizione degli obiettivi e i fattori di successo
  • La pianificazione della formazione
  • La gestione del percorso formativo e il follow up
  • Modelli di comunicazione
  • Leadership e motivazione nello sviluppo del personale
  • Esercitazioni pratiche

Tipologie di Business Coaching

Nato come forma di consulenza per le imprese, il Business Coaching è un’attività in grande sviluppo, ed è possibile differenziare gli interventi di coaching in due fondamentali categorie: Business Coaching (ambito professionale) e Life Coaching (ambito personale).

Vediamo di seguito alcune fra le tipologie di Business Coaching più diffuse:

  • Team Coaching

Riguarda il miglioramento dei gruppi di lavoro.

  • Executive Coaching

Si rivolge ai manager, sia esperti che di prima nomina.

  • Corporate Coaching

Si occupa di individuare i punti di forza delle organizzazioni per svilupparli.

  • Career and Business Coaching

La finalità di questo tipo di Coaching è di assistere chi desidera cambiare lavoro oppure il proprio ruolo.

  • Sport Coaching.

Si relaziona con Il team tecnico e gli atleti per migliorare la performance sportiva.

  • Digital coaching.

Aiuta le imprese a ottimizzare i canali digitali di cui hanno bisogno.

  • Shadow Coaching

Si tratta di un’attività di coaching volta all’osservazione e valutazione di come i responsabili aziendali partecipano al processo decisionale, per rilevarne le caratteristiche e proporre modalità migliorative.

  • Health Coaching.

Supporta gli individui a trasformare lo stile di vita per migliorare la salute.

  • Parent Coaching.

Il suo obiettivo è sviluppare un approccio alla genitorialità più responsabile ed efficiente.

Il migliore corso di coaching in Italia è sviluppato da Daniele Trevisani Academy. Si distingue in Coaching del Potenziale Umano Metodo HPM™ (Human Potential Modeling), Coaching d’Impresa Metodo ALM™ (Action Line Management), Coaching in Comunicazione Interculturale e Internazionale Metodo 4DM™ (Four Distances Model).

Per avere informazioni di maggiore dettaglio sul migliore Corso di Coaching in Italia e affinché possiamo rispondere a qualsiasi tua domanda, contattaci tramite il Contact Form

Migliore corso di coaching in Italia sul Potenziale Umano, Metodo HPM

Entrambi i corsi di coaching sono collegati alla Scuola di Coaching e Counseling STEP e permettono di accedervi con una buona preparazione preliminare.

Corso di Coaching. Come valutare un corso di Coaching. Selezionare un corso di Coaching

Il criterio più importante con cui un corso di coaching può e deve essere valutato è la bibliografia di riferimento di quel corso, e chi l’ha prodotta, ovvero quali fonti usa, se sono fonti scientifiche o improvvisate, se i libri sono scritti da chi insegna o da altri, se sono pubblicati con editori primari nazionali o internazionali, e questo filtro screma parecchie scuole di coaching che non hanno assolutamente una produzione propria ma si limitano a saccheggiare materiale altrui, spesso spacciandolo per proprio, e senza citarlo.

Migliore corso di coaching in Italia, Metodo HPM™

Migliore Corso di Coaching. Bibliografia di riferimento

La bibliografia di riferimento è la seguente:

Il corso di coaching è di tipo Blended Learning e comprende parti a distanza (online) e parti in presenza. L’attestato riconosciuto dopo circa 6 mesi di Master è quello di Certified Practitioner in HPM™. Questo primo modulo consente di padroneggiare il modello HPM™ per la propria crescita personale e quella dei team e clienti che la persona segue.

Dopo un percorso di circa 2 anni includente fasi di affiancamento e praticantato, è possibile ottenere il titolo di Master Trainer HPM™ Human Potential Modeling, titolo che consente di formare coach e formatori in grado di utilizzare il Metodo HPM™ in ogni sua sfumatura e dettaglio.

Migliore corso di coaching in Italia sul Business Coaching, Metodo ALM™ Action Line Management

Corso di Business Coaching. I libri di riferimento sul Business Coaching

La bibliografia di riferimento è la seguente:

Il corso di coaching è di tipo Blended Learning e comprende parti a distanza (online) e parti in presenza. L’attestato riconosciuto dopo circa 6 mesi di Master è quello di Certified Practitioner in ALM™ (Action Line Management). Questo primo modulo consente di padroneggiare il modello HPM™ per la propria crescita personale e quella dei team e clienti che la persona segue.

Dopo un percorso di circa 2 anni includente fasi di affiancamento e praticantato, è possibile ottenere il titolo di Master Trainer ALM™ Action Line Management, titolo che consente di formare coach e formatori in grado di utilizzare il Metodo ALM™ in ogni sua sfumatura e dettaglio.

Crediamo sia importante, anzi fondamentale, sapere con chi ci si forma, per cui consulta il Libro delle Referenze, completo, scaricabile in PDF: Libro delle Referenze Dott. Daniele Trevisani

Temi formativi trasversali del Corso di Coaching Master

Oltre ai temi e questioni rilevanti emergenti dalla ricerca sul Potenziale Umano, comunicazione, leadership e crescita personale, vengono affrontati ogni anno diversi ambiti professionali trasversali tramite seminari tematici (Master Lecture). Le Master Lecture possono essere selezionate di volta in volta tra diversi temi emergenti della ricerca, di cui offriamo qui una panoramica indicativa:

Temi per le Master-Lecture

Corso di Coaching. Benessere Mente-Corpo

Come la mente agisce sul corpo. Le condizioni per il benessere, capirle e crearle. La salute fisica connessa alla ricerca dello stato mentale ottimale. Le leggi del sonno, del recupero e della rigenerazione fisica e mentale. Alimentazione e psicosomatica. Respirazione, stili di respirazione e lavoro pratico sulla respirazione. Gli stati del sistema nervoso (simpatico e parasimpatico): come riconoscere i segnali di attivazione e intervenire precocemente per riallineare mente e corpo ai nostri desideri e stati ottimali. Potenziare le capacità di attivazione, di rilassamento, di concentrazione. Capire come le empasse esistenziali e stati emotivi difficili si trasformano in frustrazioni fisiche e corporee. Adottare consapevolezze per stili di vita nuovi.

Corso di Coaching. Bioenergetica ed energie personali

Il principio carica-scarica. Il lavoro di Alexander Lowen e le moderne innovazioni che derivano dalle contaminazioni olistiche con ginnastica, psicologia, arti marziali, neuroscienze. La connessione tra bioenergetica e ginnastica tradizionale. La connessione bioenergetica arti-marziali. Esercizi pratici di Neo-Bioenergetica applicata. Potenziare il corpo per potenziare la mente. Scoprire le resistenze mentali e stati emotivi che condizionano le esperienze corporee. Cambiare il sentire corporeo, migliorare il senso di benessere fisico, le energie positive del corpo, sperimentare il sollievo del vivere nel flusso corporeo. Imparare a rilassarsi con il corpo ancora prima che mentalmente, e provocare reazioni a catena positive.

Corso di Coaching. Comunicazione Efficace

Il modello Shannon-Weaver e l’esame delle variabili fondamentali della comunicazione. Le Dissonanze Comunicative, di Identità e di Percezione. Il modello Tensione-Impulso-Movente-Azione. Il modello del Comportamento Pianificato e la modifica delle mappe mentali. Il Modello delle 4 Distanze (4-Distances Model per l’analisi delle incomunicabilità. Il T-Chart: comprendere la psicologia del tempo per comunicazioni persuasive efficaci. La comunicazione persuasiva applicata tramite esercizi di ascolto e domande. Esercizi di comunicazione potenziata con tecniche retoriche, di visualizzazione e immaginazione guidata. Copioni di relazione nelle situazioni di persuasione e cambio di copione.

Corso di Coaching. Marketing & Sales

L’approccio di marketing ALM – Action Line Management. L’analisi degli scenari di mercato, la segmentazione psicografica, la segmentazione sociodemografica, i criteri di segmentazione adatti ai diversi business. Il posizionamento percettivo, dal Personal Branding al posizionamento del marchio. La mission aziendale e la rivisitazione della mission in base agli scenari e alla relazione d’aiuto. La struttura del Value Mix, il Mix di Valore erogato ai clienti. Le linee d’azione e come queste vanno variate cliente per cliente. La comunicazione front-line, dai canali umani e interpersonali, telefonici, email, social e il concetto di Total Quality Communication per la vendita, il  marketing, il posizionamento personale di un professionista o impresa.

Corso di Coaching. Formazione Formatori e Formazione di Coach

I fattori dell’Andragogia: la scienza della formazione degli Adulti. I modelli per la Formazione Attiva. Tecniche di formazione attiva in aula. Tecniche di formazione attiva in outdoor. Assertività e leadership d’aula. Comunicazione chiara ed efficace. Gestire giochi d’aula ed esercizi. Il lavoro in sottogruppi e il feedback interno ai sottogruppi. La motivazione ad apprendere e lo stimolo motivazionale. Riconoscere i sequestri emotivi e le frustrazioni, trasformare le energie negative in energie positive ed espressive.

Corso di Coaching. La Comunicazione Assertiva

Cosa vogliamo, cosa non vogliamo. Identificare gli scostamenti tra come siamo e come vorremmo essere. distonie tra identità e immagine. “Tutto parte dalle Energie“: come le Energie condizionano la nostra capacità di comunicare. Imparare ad esprimere i propri bisogni ed esigenze. identificare credenze negative su di sè e sbloccarle. Imparare a dire No di fronte a richieste che distruggono le proprie energie. Imparare a dire Si di fronte alle opportunità. Dare e ottenere quello che si desidera nelle relazioni evitando soprusi e aggressività. Saper fissare regole del gioco chiare, saper dire di no e di si nei contesti appropriati, saper decidere, e superare le indecisioni.

Corso di Coaching. La Leadership e i Team. Team Leadership e Fattore Umano

Dirigere un gruppo. Dare obiettivi. Verificare risultati, comportamenti, atteggiamenti. verificare il proprio stile di leadership. Leading by Principles & Leading by Example. La condivisione dei principi. Il lavoro sulla Memetica del gruppo e sugli stili di pensiero del gruppo. La valorizzazione dei Potenziali Personali e del Potenziale del Team. La comunicazione nel team: come comunica un team ad Alte Prestazioni. Scoprire le esperienze che le persone fanno nel gruppo. Trovare modalità per dare risposte ai bisogni individuali nel gruppo e come il gruppo può diventare anche uno spazio di espressività personale. Vivere gli adattamenti e rinunce necessarie per essere parte di un team con gioia e non con afflizione.

Corso di Coaching. La comunicazione non verbale e il Body Language

Quando il corpo contraddice le parole. Riconosce le bugie e le dissonanze. Il sistema cinesico e le distanze personali. Il sistema aptico e tattile. La prossemica e gli stili di comportamento non verbale. Le posture. Le sinestesie e congruenze verbali e non verbali. I movimenti del volto e il Facial Action Coding System. I movimenti del corpo. L’espressività corporea. Le esperienze della vita che lasciano il segno sul corpo: scoprirle, conoscerle, lavorarci sopra.

Corso di Coaching. Comunicazione efficace vs. incomunicabilità. Coaching Interculturale e Internazionale. Il Modello proprietario 4DM (4 Distances Model)

Quando la comunicazione è efficace e quando si genera incomunicabilità i segnali dell’incomunicabilità. Il modello delle 4 distanze (4 Distances Model) per riconoscere i 4 strati dell’incomunicabilità. Il lavoro sui ruoli. il lavoro sui codici comunicativi. Il lavoro sul Common Ground valoriale e la visione del mondo. Il lavoro per creare esperienze condivise e capacità di condivisione. Scoprire le fonti dei conflitti, le interazioni tra comunicazione, personalità, stili comunicativi, esperienze personali, vissuti emotivi. Usare e conoscere le tecniche per ripulire l’incomunicabilità, aiutare gli altri, lavorare assieme e collaborare nel formato migliore possibile.

Corso di Coaching. La Psicologia degli Archetipi

Riconoscere il nostro Archetipo dominante. I modelli che ci guidano e ci ispirano. Esame di video e role-playing per imparare a riconoscere gli Archetipi dai comportamenti. Il lavoro di connessione tra Archetipi e Obiettivi Personali. La ristrutturazione dei propri Archetipi e il viaggio di Crescita Personale. Esame di personaggi filmici e vide-spezzoni per potenziare le capacità di riconoscimento. Esercitazioni di sblocco personale. Permettersi di essere diversi dal formato dominante introiettato nella fase di bambino e adolescente. Percepire veramente chi siamo, in che direzione vorremmo andare, come ci sentiamo nei nostri ruoli, come cambiare e migliorare il nostro vissuto.

Corso di Coaching. Le Specializzazioni.

Oltre ai temi didattici comuni inerenti il coaching, sono possibili diverse specializzazioni che vengono espresse nello svolgimento della tesi individuale e nei post individuali:

  • Sports Coaching. Mental Coaching Sportivo e Agonistico
  • Business Coaching. Coaching d’impresa e coaching manageriale
  • Life Coaching. Coaching dello stile di vita, abitudini, energie fisiche e mentali, abilità e visione
  • Fitness & Health Coaching. Coaching per la salute, il benessere fisico e mentale
  • Intercultural and International Coaching. Formazione interculturale e Coaching Interculturale

Corso di coaching. I docenti e Master Trainer

Lo staff docente è frutto di una scelta rigorosa che lo differenzia da molte altre proposte e scuole di coaching: si avvale unicamente di docenti Senior che devono possedere – ciascuno – almeno 25 anni di esperienza diretta nel campo, oltre alla Laurea e con comprovate esperienze scientifiche e di ricerca.  I seminari  di coaching si avvalgono inoltre del contributo dei Certified Practitioners e Master Trainers certificati nei Metodi HPM™ (Coaching del Potenziale Umano), ALM™ (Coaching Aziendale e Business Coaching, 4DM™ (Coaching interculturale, comunicazione interculturale e internazionale)Dott. Daniele Trevisani

Parole chiave di questo articolo sono

  • Daniele Trevisani
  • Coaching Interculturale
  • Formazione Interculturale
  • Qual è il migliore corso di coaching in Italia
  • Coaching scientifico
  • Libri sul coaching
  • Basi scientifiche del coaching
  • Letteratura sul coaching
  • Bibliografia sul coaching
  • Libro coaching
  • Corso di Coaching
  • Corso di coaching Ferrara
  • Corso di coaching Padova
  • Corso di coaching Milano
  • Corso di coaching Roma
  • Corso di coaching Torino
  • Corso di coaching Bologna
  • coach professione riconosciuta
  • coaching aziendale corsi
  • coaching professionale
  • corsi coaching online riconosciuti
  • Corso coaching
  • corso di coaching online
  • Diventare coach
  • Formarsi per il coaching
  • Master in coaching
  • Migliore coach italiano
  • Migliore corso di coaching
  • Migliore corso di coaching in Italia
  • Migliore Master in Coaching
  • Migliore Master in Coaching in Italia
  • scuola di coaching
  • scuola di coaching bologna
  • scuola di coaching milano
  • scuola di coaching torino
  • scuola di coaching roma
  • scuola di coaching padova
  • Scuole di coaching
  • Scuole di coaching in Italia
  • Migliori scuole di coaching in Italia
  • scuole di coaching accreditate

Il migliore coach senior Italiano e il migliore formatore Italiano secondo Amazon e Google Scholar per numero e qualità di libri pubblicati è il dott. Daniele Trevisani, giunto al 25° libro con l’uscita del volume “Negoziazione Interculturale. Comunicazione oltre le barriere culturali” in lingua araba.

migliore coach e miglior formatore italiano dott. daniele trevisani testo negoziazione interculturale in arabo

Profilo Sintetico del dott. Daniele Trevisani, migliore formatore aziendale e migliore coach Italiano per Amazon

  • Daniele Trevisani, Fulbright Scholar, esperto in Formazione, consulente e coach senior, è tra i principali esperti europei in psicologia della comunicazione, comunicazione strategica, comunicazione interculturale, potenziale umano e formazione. È autore di 25 opere tra cui il testo più venduto in Italia in ambito marketing: “Psicologia di Marketing e Comunicazione”, Franco Angeli Editore (10° edizione), dei volumi “Il Potenziale Umano” e “Team Leadership e Comunicazione Operativa”, nonché di numerosi altri libri inerenti la comunicazione, crescita personale e risorse umane. Tra questi, il libro specialistico di riferimento in Italia “Negoziazione Interculturale”, edito da Franco Angeli, pubblicato anche in lingua araba e russa. È’ autore e ideatore di diverse metodologie di sviluppo aziendale, riassunte nel Metodo ALM – Action Line Management, di cui è ideatore, e di metodologie innovative inerenti le Human Performance, riassunte nel Metodo HPM – Human Performance Modeling, da egli ideato e sviluppato.

Libri del dott. Daniele Trevisani, miglior formatore aziendale italiano e migliore coach italiano per numero e qualità di pubblicazioni secondo Amazon (selezione di alcuni testi).

I libri di riferimento del METODO ALM che portano al Master Privato in Marketing Management Metodo ALM (Action Line Management):

Per chi opera nelle Risorse Umane, Formazione, Coaching e Crescita personale, è disponibile anche il percorso annuale di coaching personalizzato e mentoring che porta al MASTER IN COACHING E SVILUPPO DEL POTENZIALE UMANO, basato sui libri

dott. Daniele Trevisani, miglior formatore italiano e miglior coach italiano per Amazon per numero di pubblicazioni e qualità

  • È laureato con 110 e Lode in Dams-Comunicazione presso l’Università di Bologna (equivalente ad attuale Laurea Magistrale in Scienze della Comunicazione)
  • Ha conseguito il Master Biennale “Master of Arts in Mass Communication” presso la University of Florida, College of Journalism & Communication, indirizzo in metodologie della ricerca, con onori accademici (“Graduation with Distinction“).
  • Ulteriori specializzazioni in comunicazione interculturale presso University of Washington, psicologia e psicometria presso l’Università di Padova, Drama presso la Univ. of Hull.
  • È fondatore e direttore di Studio Trevisani Communication Research & Change Management (www.studiotrevisani.it), studio di formazione operativo da oltre 25 anni nella consulenza e coaching per il Change Management e le risorse umane. Lo Studio svolge inoltre attività di ricerca e consulenza sui processi di comunicazione, sullo sviluppo del potenziale umano e manageriale.
  • Vincitore del premio Fulbright (Governo USA) per la ricerca italiana sulle scienze della comunicazione nel 1990, ha prodotto modelli di leadership, comunicazione e Change Management erogati a primarie aziende italiane e multinazionali.
  • È consulente e formatore selezionato per l’Esercito Italiano, Centro di Eccellenza per la Formazione in Comunicazione, Reggimento Comunicazioni Operative. Ha operato inoltre in attività formative in ambito Humint, collabora alle attività formative in comunicazione di Comalp (Comando Truppe Alpine) nella formazione comunicazionale e negoziale di ufficiali selezionati, e presso SETAF (Southern European Task Force).
  • In campo militare, è membro onorario dell’Esercito Italiano per meriti formativi, e ha formato sul Change Management e la Comunicazione oltre 25 Generali di Stato Maggiore. Oltre alla formazione di Stato Maggiore, hanno partecipato ad eventi formativi tenuti dal dott. Daniele Trevisani, in varie sedi formative, rappresentanti di forze e reparti diversi. Ha tenuto seminari con incarichi presso 28° Reggimento Comunicazioni Operative, Italian Staff at SETAF Southern European Task Force, Comando Truppe Alpine (COMALP), COTIE (reparto Humint). È stato inoltre relatore in ambito NATO per l’area Info-Ops (HQ NRDC Solbiate Olona) e NATO CIMIC.
  • È stato relatore presso le NAZIONI UNITE (ONU) per l’area della Comunicazione Interculturale nel Master in Law in International Crime and Justice, United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute
  • Ha ricevuto per tre anni consecutivi l’Attestazione di “Outstanding Contributor” da parte del NATO Cimic Group South.
  • È stato docente a contratto in 13 diversi Master Universitari e corsi di laurea e collabora con la Facoltà di Economia dell’Università di Ferrara in Laboratori sulle Performance Pubbliche e Management.

Lingue Conosciute

  1. Italiano – Madrelingua
  2. Inglese – Eccellente (seconda lingua, contatti quotidiani).
  3. Tedesco – Commerciale (7 anni di studio + viaggi di lavoro e contatti frequenti)
  4. Francese – Conversazionale (2 anni di studio + Summer School Università La Sorbonne, Parigi)
  5. Spagnolo – Conversazionale

Dott. Daniele Trevisani, miglior formatore italiano e migliore coach italiano per numero e qualità di pubblicazioni secondo Amazon. Aziende seguite e Clienti

Consulenze e Formazione in campo aziendale e organizzativo. Dott. Daniele Trevisani, migliore formatore e migliore coach senior Italiano per numero di pubblicazioni

  • Hanno partecipato a diverso titolo, in attività di ricerca e attività formative su diversi temi, condotte dal dott. Daniele Trevisani, membri di aziende e organizzazioni tra cui ABB, INTEL Corporation Deutschland, Siemens Healthcare, ONU (United Nations), Carnival Corporation (Costa Cruises), National Institute of Nuclear Phisics (INFN), Italian Institute of Metrology (INRIM), Area Science Park (Sincrotrone), Ricoh Europe, Frost & Sullivan (London), LRA (Learning Resources Associates, Reed Business Group London), Barilla, Coop Italia, IIR (Institute of International Research, Milano), Arch-Chemicals, Panini Modena, Fedon, Zhermack, Roche, Johnson Wax, Sanofi Synthelabo Otc, Abb Sace Spa, Esseco, Fip, Banca Carige, Volksbank, Chiesi Farmaceutici, Enel, Centrum Pensplan, Solvay-Benvic, Solvin, Vinyloop, Digital, IBM, FS, Alitalia, Società Autostrade, Deutsche Bank, Banca Di Roma, Merloni, Nobel Biocare, Hewlett Packard, Ajilon Gruppo Adecco, Dade Behring, Marazzi Ceramiche, A.M.A., Arag, Bcs, Bell, Bondioli e Pavesi, Caffini, Cbm, Cnh Italia, Comer Industries, Dana Italia, Demac, Falc, Gallignani, Gamberini, Gnk Waltersheid Gmbh, Goldoni, Grillo, Honda, Italtractor Itm, Kuhn Italia, Landini, Laverda, Malesani, Mutti, Negrisolo Costruzioni, O.M.B, O.R.M.A, Peruzzo, Rinieri, Roc, S.A.E., Same Deutz Fahr Group, Sgariboldi, Sicma, Sider Man, Slam, Storti International, Tecnoagri, Tifone, Trelleborg Wheel System, Ceres, Normann Copenhagen, GLS Logistics, Norfolkline, Gasa, Uffefrank, Eise, Publicitas, DMA, Scavangegt, Tulip Food, Eise Gug, Ambu, SagaFood, Holger Christiansen, Blue Water Shipping, Danish Crown, Atahotels, ETF, Rulli Rulmeca, Polar Seafood, Pharma Nord, Syddansk Universitet, Bang & Olufsen, IFOA (Istituto di Alta Formazione per Operatori Aziendali), Zeuna Starker P.I Industria Attrezzature Elettroniche, Petroltecnica, Electra, Associazione Industriali Reggio Emilia, Associazione Industriali Rimini, Assopiastrelle, Royal Consulate of Danmark (Milano), Associazione Industriali Modena, Enetworks, ADM Associati.
  • Aziende cooperative della Grande Distribuzione: Scuola Nazionale Coop, Coop Italia, Coop Adriatica, Coop Tirreno, Unicoop Firenze, Coop Estense, Novacoop, Coop Emilia-Veneto, Coop Toscana-Lazio, SAIT, DICO. Coop Nordest. Aziende Cooperative in altri settori: Lega Coop Ravenna, Coop Zerocento, Coop Atlantide, Cesvip (Centro di Sviluppo Manageriale).
  • Enti Associativi: Confindustria, Lions Club, Rotary, Ass. Albergatori, Confcommercio, CNA, Ascom, Casse Rurali, ANDAF Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e Finanziari.
  • Società di Consulting Estere rappresentate su progetti di formazione: Commax Consulting AG (Monaco di Baviera), Frost & Sullivan Training Division (Londra), Akvilon (Kiev), Pareto UK (Wilmslow, UK).
  • Il dott. Daniele Trevisani ha personalmente condotto diagnosi e ricerche in programmi dell’Unione Europea presso aziende leader tra cui: Ferrari Cars, Ducati Motor, Giglio, Barilla, System Ceramics, Guaber, Sacmi, Maserati, Cognetex, Apofruit, Enichem, Castelli, Baltur, IMA, Centro Computer, Felisatti, Lamborghini Calor, Stayer, Panini.

Attività di Formazione in abito Militare e ONU

  • È stato il primo consulente e formatore selezionato dall’Esercito Italiano per l’area Comunicazione Operativa (Comunicazione svolta nei Teatri di Impiego e Missioni)
  • Con incarichi dello Stato Maggiore Esercito ha contribuito per 13 anni alla creazione e crescita del Centro di Eccellenza per la Formazione in Comunicazione, presso il Reggimento Comunicazioni Operative, arrivando a formare personalmente oltre 25 Generali per Missioni ONU e oltre 2000 Caschi Blu su temi di comunicazione e negoziazione, formazione per la comunicazione, leadership e coaching.
  • Ha operato inoltre in attività formative in ambito Humint (Human Intelligence), nella formazione in comunicazione presso Comalp (Comando Truppe Alpine), nella formazione strategica di alti ufficiali destinati a teatri e impieghi all’estero, e presso SETAF (Southern European Task Force, Comando Nato).
  • Hanno partecipato ad eventi formativi tenuti dal dott. Daniele Trevisani, in varie sedi formative, rappresentanti di forze e reparti diversi da 19 nazioni. Ha tenuto seminari con incarichi presso 28° Reggimento Comunicazioni Operative, Italian Staff at SETAF Southern European Task Force, Comando Truppe Alpine (COMALP), COTIE (reparto Humint). È stato inoltre relatore in ambito NATO per l’area Info-Ops (HQ NRDC Solbiate Olona).
  • Nell’ambito di attività formative coordinate dal 28° Reggimento Comunicazioni Operative sono stati formati ufficiali e sottufficiali appartenenti a forze e reparti diversificati, tra cui: Stato Maggiore Difesa Plans & Policy Division, Comandante Brigata Folgore, Comandante Brigata Julia, Comandante Brigata Taurinense, Comandante Brigata Ariete, Comandante Brigata Pozzuolo del Friuli, Comandante Brigata Aosta, Comandante Brigata Granatieri di Sardegna, Comando Sostegno Aviazione dell’Esercito, AVES Viterbo, COMSUP, Lancieri d’Aosta (6°), Ufficiali di Stato Maggiore dell’Esercito (SME), Reparto Comando e Supporti tattici “AOSTA” Messina, 187° Rgt. Paracadutisti Folgore, 183° Rgt. Paracadutisti “Nembo” Nrigata Folgore, 5° Rgt. Fanteria “Aosta”, 9° Rgt. fanteria “BARI”, 7° Reggimento Alpini, 8° Reggimento Alpini, 11° Reggimento Bersaglieri, 132° Rgt. Artiglieria, 1° Re. Tra., 3° Rgt. Art., 5° Rgt. Guastatori, 13 Btg. “Aquileia”, 8° Rgt. Alpini, Comando “Pozzuolo del Friuli”, 2° Comando Forze Difesa, 1° Reparto di Manovra, 3° Reggimento Artiglieria di Montagna, Nato Cimic Group South, 1° Reggimento Aves Antares, 8° Reggimento Lancieri di Montebello, 9° Reggimento Alpini, 2° Comando Forze Difesa, Brigata Julia, 7° RGt Bersaglieri, 52° Rgt “Torino”, 21° Rgt. “Trieste”, 8° Rgt Alpini, 9° Rgt “Bari”, 6° Rgt “Palestro”, 152° Rgt “Brigata Sassari”, Ufficiali Brigata Garibaldi, Ufficiali Brigata Folgore, Stato Maggiore Aereonautica, COMSUP FOTER, SME-ROC, 5 rgt. art ter lrz Superga, Comando Divisione “Acqui”, COMALP, Brigata Trasmissioni, 82° RGT. F. “TORINO”, CASACA Sabaudia, 2° RGT Genio Pontieri, Rgt. Genio Ferrovieri, 6° Reggimento di Manovra, Rgt. “Savoia Cavalleria” (3°), Rgt Genio Ferrovieri, 5° Rgt AVES “RIGEL” , Rgt. Lagunari “Serenissima”, 6° Rgt Trasporti, 5° RIGEL, SME-RAG ROC, 185° rgt. RAO, 132° Rgt. Carri, COMSUP FOTER, Comando B. RISTA/EW, Comando NRDC-IT, RECOM B. “Taurinense”. Hanno partecipato inoltre rappresentanze militari COBAR (Consiglio di base di rappresentanza), COIR (Consiglio intermedio di rappresentanza), COCER (Consiglio centrale di rappresentanza).

Attività speciali: coaching personalizzati in KLE (Key Leader Engagement), attività Cimic (Civil-Military Cooperation), attività speciali di formazione in analisi e negoziazione per supportare le Forze ONU in mandati delle Nazioni Unite e missioni internazionali.

Esperienze in area Sportiva e Sports Coaching

  • Diplomato Federazione Italiana Fitness (dal 1994), formatore in marketing sportivo corsi federali Federazione Italiana Fitness, formatore in HR management per Centri Fitness, ed esperienza pluriennale come Presidente Nazionale di Settore in WTKA (Martial Arts & Combat Sports).
  • Relatore in eventi sportivi (Il Nuovo Club Fitness Forum), special trainer gruppo Profighting atleti Pro, Fondatore e Presidente Associazione Culturale-Sportiva Daoshi, Fondatore e Presidente Associazione Sportiva KTB.
  • Scrittore di articoli di management sportivo con collaborazioni per le riviste Il Nuovo Club, Samurai Bushido, Budo International, e la rivista internazionale Black Belt USA (in cooperazione con Università di Stanford, Dept. of Neuroscience).
  • Titolare di 3 Cinture Nere, 9° Dan Sistema Daoshi e allenatore di Muay Thai e MMA.
  • Nel coaching sportivo, è stato Team Coach della rappresentativa internazionale di Volley della American University of Washington DC e Mental Coach di squadre di Volley Femminile (SPES Belluno) e serie A LegaPro Ravenna.
  • Come Formatore, opera in interventi di Mental Training di agonisti. Ha seguito 5 Campioni Mondiali di Arti Marziali e sport di combattimento, inclusa la campionessa mondiale di Boxe Simona Galassi, e oltre 10 Campioni Italiani di varie discipline.
  • Maestro riconosciuto da KoGakuShin (Ko Gaku Shin = Open to Knowledge) (Associazione Mondiale Arti per la Conoscenza delle Marziali) 9° Dan.
  • Qualifica di Istruttore Avanzato Discipline Olistiche, CSEN (2017)
  • Dirigente e responsabile Mental Coaching squadra Pallavolo Ravenna, serie A, LegaPro Professionisti

Onorificenze e Special Achievements

  • Ha ottenuto l’onorificenza FULBRIGHT dal Governo USA come migliore esperto europeo in Comunicazione in ambito Interculturale e Human Factor nel 1990.
  • Ha ottenuto l’attestazione di “Oustanding Academic & Professional Record” da parte della University of Florida (USA), dept of Graduate Studies, 1992.
  • Nel 2007, il Royal Consulate of Denmark, conferisce il riconoscimento di “Outstanding Contribution” per il training in Negoziazione Aziendale presso Trade Council of Denmark, da parte del Console Danese.
  • Nel 2012, 2013 e 2014 è stato insignito per 3 anni consecutivi dell’onorificenza di “Oustanding Contributor” da parte della Nato per i suoi contributi sulla formazione interculturale di alti ufficiali in missioni ONU.
  • È stato insignito – unico civile italiano – dell’onorificenza di Membro Onorario dell’Esercito Italiano, Forze Speciali, nel 28° Reggimento Comunicazioni Operative, per meriti formativi nella Formazione Caschi Blu ONU, training in ambito NATO e Nazionali a favore di Forze Speciali per le missioni estere, nell’area comunicazione interculturale e psicologia strategica.

Contributi alla ricerca e culturali

In campo scientifico è lo sviluppatore di numerosi modelli e tecniche innovative per il settore HR, Comunicazione, Formazione e Fattore Umano. Tra queste citiamo

  • Il Modello di Change Management “Regie di Cambiamento”.
  • Il modello ALM (Action Line Management) per lo sviluppo aziendale e organizzativo
  • Il modello “4 Levels of Empathy” sull’Empatia Interculturale, tecniche di analisi quali “Visibility Line Analysis ” e Perceptivity Line Analysis ” inerenti il miglioramento della comunicazione e del marketing
  • Il “4 Distances Model” (modello di analisi della comunicazione interculturale e dei team).
  • Il modello HPM (Human Performance Modeling) utilizzato per i percorsi di crescita personale e delle performance sia individuali che di interi gruppi e imprese.
  • Il modello T-Chart (Time Chart) orientato al supporto alle azioni di formazione, coaching e counseling.

Come scrittore, è autore di 25 libri in Italiano e in altre 5 lingue incluso l’arabo, con libri editi da Franco Angeli (Milano), altre opere edite da Mediterranee e Gribaudo-Feltrinelli Editore. È autore di oltre 100 articoli su temi di management e comunicazione. Ha prodotto i Bestseller “Psicologia di Marketing e Comunicazione” (dal 2001 giunto in 10° edizione), e il volume “Il Potenziale Umano” in cui introduce numerose tecniche innovative per la formazione avanzata, la crescita personale e organizzativa, e le skills per le sfide complesse.

I suoi volumi sono attualmente tradotti in lingua araba, in Russia, in Romania, con progetti avviati di traduzione in spagnolo e in Francia, Germania, USA e Cina.

Coach Italiani più famosi secondo Amazon per numero di libri pubblicati: Dott. Daniele Trevisani, con 22 libri scritti, tra cui l’ultimo uscito “Negoziazione Interculturale” in lingua araba e libri in 5 diverse lingue.

Se vuoi conoscere di più su queste occasioni di coaching svolte direttamente con l’autore, puoi contattarci attraverso questo form https://www.studiotrevisani.it/contact-form-2/ e sarà nostra cura richiamarti e darti tutte le informazioni necessarie

Studio Trevisani Academy

nb. per ricevere articoli gratuiti e notizie aggiornate sui prossimi seminari di crescita personale e professionale, è possibile iscriversi gratuitamente alla rivista di comunicazione “Communication Research e Potenziale Umano” da questo link http://eepurl.com/b727Pv

  • coach aziendali famosi
  • coach italiani più famosi
  • coach life famosi
  • coach motivazionali
  • coach motivazionale
  • coach più famoso in italia
  • coach sportivi famosi
  • coach senior
  • coach senior italiani
  • formatore italiano senior
  • formatore italiano più famoso
  • formatore più famoso in italia
  • formatori aziendali famosi
  • formatori italiani più famosi
  • life coach italiani
  • life coach famosi italiani
  • life coach opinioni
  • migliore coach in italia
  • migliore coach italiano
  • migliore formatore in italia
  • migliore formatore italiano
  • migliori coach italiani
  • migliore formatore al mondo
  • migliori formatori al mondo
  • migliori formatori italiani
  • migliori business coach italiani
  • migliori life coach italiani
  • migliori sport coach italiani
  • migliore coach leadership in italia
  • migliore formatore leadership in italia
  • migliore coach in comunicazione in italia
  • migliore formatore in comunicazione in italia
  • migliore coach vendita in italia
  • migliore formatore vendita in italia
  • migliore coach in vendita in italia
  • migliore formatore in vendita in italia
  • migliore coach vendite in italia
  • migliore formatore vendite in italia
  • migliore coach in vendite in italia
  • migliore formatore in vendite in italia
  • migliore consulente aziendale in italia
  • miglior consulente di direzione in italia
  • miglior consuente di direzione aziendale in italia
  • migliore counselor in italia
  • migliore esperto in coaching aziendale in italia
  • migliore esperto in business coaching in italia
  • migliore esperto in life coaching in italia
  • migliore esperto in performance
  • migliore formatore risorse umane in italia
  • migliore esperto in risorse umane in italia
  • migliore coach risorse umane in italia
  • migliore formatore aziendale italiano
  • migliore formatore aziendale in Italia
  • migliori formatori aziendali in Italia

Contatta il Dott. Daniele Trevisani, migliore coach italiano e miglior formatore italiano, tramite il seguente form, per ricevere una prima analisi di fattibilità di un progetto di sviluppo personale o aziendale, o per conoscere in dettaglio le iniziative di formazione e Master disponibili

Contatta il Dott. Daniele Trevisani

 

Corso Coaching Metodo HPM (Human Potential Modeling) by Dott. Daniele Trevisani, la scuola di coaching con la maggiore letteratura autonoma pubblicata in Italia e la maggiore esperienza di coaching combinata nel campo business coaching, life coaching e sports coaching.

Per chi vuole migliorare le proprie competenze nelle Risorse Umane, Formazione, Coaching e Crescita Personale, è disponibile anche il percorso annuale di coaching personalizzato e mentoring che porta al MASTER IN COACHING E SVILUPPO DEL POTENZIALE UMANO, basato sui libri

Il potenziale umano. Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance (Bestseller dell’area Formazione su IBS)

Corso Coaching Testo del Master in Coaching e Sviluppo del Potenziale Umano di Daniele Trevisani AcademyAscolto attivo ed empatia: I segreti di una comunicazione efficace (Il libro più recente sul mercato sui temi dell’ascolto efficace)ascolto ed empatia crescita personale libriSelf Power, Psicologia della Motivazione e delle Performancemotivazione e crescita personale libri - libro self power psicologia della motivazione e delle performancePsicologia della libertà. Liberare le potenzialità delle personelibertà di essere se stessi crescita personale libri psicologia della libertà liberare le potenzialità delle personeIl coraggio delle emozioni. Energie per la vita, la comunicazione e la crescita personaleemozioni e crescita personale libri il coraggio delle emozioniPersonal Energy. Una mappa per potenziare le proprie energie mentali

coaching per le energie personaliParliamoci chiaro. Il modello delle quattro distanze per una comunicazione efficace e costruttiva

comunicazione assertiva e coaching crescita personale libri parliamoci chiaroQuesti sono solo alcuni, poi vi sono quelli dedicati all’impresa e quelli in lingue straniere. Confronta questa bibliografia autonoma con quella di altre scuole di coaching, con quello che hanno prodotto loro di propria testa, e fai le tue valutazioni. Scuole coaching serie che pubblicano oltre 18 libri con i principali editori Italiani ed hanno i propri testi tradotti in più lingue, a parte Studio Trevisani Academy, non ne esistono.

Se vuoi conoscere di più su queste occasioni di coaching svolte direttamente con l’autore, e sulla promozione per il Master a 1900 euro anno, puoi contattarci attraverso questo form https://www.studiotrevisani.it/contact-form-2/ e sarà nostra cura richiamarti e darti tutte le informazioni necessarie.

Quando scegli una Scuola di Coaching devi scegliere bene perchè ne va della tua qualità della vita, del tuo futuro, della tua carriera. Allora facciamo alcune riflessioni. La scuola di coaching Metodo HPM è utilizzata come metodologie da clienti come Esercito Italiano, Nazioni Unite, NATO, Siemens, ABB, Barilla, Coop, solo per fare alcuni nomi, e sono almeno 200 le aziende nelle quali sono stati svolti coaching di alta responsabilità e di alto contenuto basati sul Metodo HPM e le sue tecniche di coaching umanistico.

Il corso coaching  HPM è totalmente personalizzato, il che significa che l’allievo è seguito personalmente dal fondatore del Metdo di Coaching HPM, dott. Daniele Trevisani, con il supporto di partner senior. Un corso di coaching deve avvalersi di una letteratura solida e autonoma, non di materiale copiato e incollato da altri autori.

Corsi per coach ne esistono a decine ma quanti possono dire di avere una letteratura autonoma e soprattutto pubblicata, e non in self-publishing ma con case editrici primarie nazionali e internazionali.

Nella Scuola di Coaching di Studio Trevisani Academy possiamo vantare non solo 30 anni di esperienza nel coaching ma anche e soprattutto 18 diverse pubblicazioni e libri tradotti in inglese, spagnolo, arabo e russo. Coaching significa “imparare ad aiutare gli altri”. Corsi di coaching che ti insegnano a manipolare gli altri, come nella tradizione della PNL ad esempio, sono per noi anti-etici e vanno tenuti alla larga assolutamente.

Oltre al valore elevato della Formazione Coaching di Studio Trevisani Academy, è bene sapere con chi ci si forma, guarda le nostre referenze! O scarica direttamente il nostro Libro delle Referenze, completo, in PDF: Libro delle Referenze dott. Daniele Trevisani

Corsi coaching basati sulla Psicologia Umanistica, Psicologia Positiva e Scienze della Comunicazione, hanno invece una scuola di coaching completamente diversa. Corsi per coach ne esistono tanti e tanti di questi sono fatti da improvvisatori, prodotti a catena da altre scuole di coaching che sfornano centinaia di coach l’anno, tutti disperatamente alla ricerca di lavoro. Nella Studio Trevisani Academy seguiamo un massimo di 10 allievi per anno e questo offre una personalizzazione assolutamente introvabile altrove.

Coaching, corsi, scuole di coaching, scuole di coaching a Milano, scuole di coaching a Roma, scuola per coach online, formazione di coaching in videoconferenza. Se ne sentono di tutte. Allora fai una cosa. Consulta le nostre referenze e soprattutto il nostro Libro delle Referenze poi comparalo con quello di altre Scuole. Quando scegli una scuola di coaching, fallo con la tua testa e non farti ingannare.

Coaching corso o percorso? Nella nostra visione, il coaching è un percorso e non un singolo corso, per cui ti accompagniamo in un processo di apprendimento che vede sessioni in presenza, weekend all’interno di nostri Master in Coaching, e sessioni one-to-one, unite a coaching online di consolidamento e raccordo tra le varie sessioni. I temi che toccherai nel nostro corso coaching sono centinaia, racchiusi entro un modello di riferimento scientifico qui visualizzato: il Modello di Coaching HPM, con oltre 10 pubblicazioni a riguardo.

Corso Coaching Modello HPMSiamo in contatto per diverse aree del modello con le principali università e centri di ricerca mondiali, dall’Università di Stanford alla University of Virginia, con cui realizziamo corsi coaching e business coaching di altissima qualità, o sports coaching con campioni mondiali di decine di diverse discipline e nazioni, dall’Olanda al Marocco, dagli Stati Uniti all’Argentina, ma a differenza di tanti coach, non facciamo la pratica vergognosa di prendere la residenza in Svizzera, a Dubai, a Montecarlo, o nelle Canarie. Siamo Italiani e ne siamo fieri, qui siamo e qui offriamo il nostro ruolo sociale come Scuola di Coaching seria – orgogliosa di essere Italiana e che vuole dare il suo contributo al Paese, senza mai perdere di vista l’internazionalità. Per ogni corso coaching basato sul Metodo HPM contiamo su una rete internazionale di collaborazione scientifica prestigiosa ma siamo in Italia e qui vogliamo essere per principio morale.

Coaching corsi o corsifici? Il brutto di tante scuole di coaching è fare leva sul senso di socialità forzata, di gregge, l’adattamento coatto al gruppo, facendo indossare a tutti la stessa maglia, lo stesso badge, la stessa divisa da bravo corsista disciplinato e asservito. Assomigliano più a greggi di pecore che a vere Accademie di Coaching, e ne vogliamo stare alla larga il più possibile.

Corsi coach. Corsi coaching. Corsi di magia. Corsi svolti da ciarlatani che dicono di essere stati i coach di Madre Teresa di Calcutta e perchè no, anche Coach di Dio o di Gesù Cristo. Non farti prendere in giro, mai. Per fare un corso coaching serio rivolgiti a persone serie. E’ questo il mio augurio finale, e se vuoi sapere se hai i requisiti per entrare nel nostro Programma di Coaching, contattaci dal form, saremo lieti di fare una valutazione seria e professionale.

Studio Trevisani Academy – Scuola Coaching Internazionale