Category

Consulenza aziendale

Category

I migliori Corsi Vendita e marketing in Italia sono quelli condotti dal dott. Daniele Trevisani, secondo la speciale classifica di Google Scholar che valuta qualità, continuità e diffusione delle pubblicazioni sul tema marketing e vendita. Il dott. Daniele Trevisani, laureato con Lode in DAMS-Comunicazione, ha conseguito “With Distinction” il Master in Communication, biennale, presso la University of Florida (USA). Si è specializzato ulteriormente in Marketing presso IFOA conseguendo il Master in International Marketing e presso la American University of Washington, DC sulla Comunicazione Interculturale. Autore di 30 libri in 5l lingue, ha ottenuto il premio Fulbright come migliore consulente italiano per i contributi apportati al marketing management e comunicazione. Ha realizzato consulenza e formazione per oltre 200 aziende nazionali e multinazionali come Siemens, ABB, SAS, Maserati, Politecnico di Milano, Università di Bologna, Carnival Corporation (vedi qui l’elenco delle referenze).

corsi vendita e marketing

Se desideri un contatto con il dott. Daniele Trevisani compila questo form, ti contatteremo al più presto

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Marketing

Il marketing è il processo di identificazione dei clienti e di “creazione, comunicazione, consegna e scambio” di beni e servizi per la soddisfazione e la fidelizzazione di tali clienti. [1] È una delle componenti primarie della gestione aziendale e del commercio . [2]

Il marketing è in genere condotto dal venditore, in genere un rivenditore o un produttore. I prodotti possono essere commercializzati ad altre aziende ( B2B ) o direttamente ai consumatori ( B2C ). [3] A volte i compiti vengono affidati a società di marketing dedicate, come media , ricerche di mercato o agenzie pubblicitarie . Più raramente, un’associazione di categoria o un ente governativo (come l’ Agricultural Marketing Service ) pubblicizza per conto di un’intera industria o località, spesso un tipo specifico di cibo (ad esempio, Got Milk? ), cibo proveniente da un’area specifica, o da una città o regione come destinazione turistica.

Gli orientamenti di mercato sono filosofie riguardanti i fattori che dovrebbero entrare nella pianificazione del mercato. [4] Il marketing mix, che delinea le specifiche del prodotto e il modo in cui verrà venduto, [5] [6] è influenzato dall’ambiente che circonda il prodotto, [7] dai risultati delle ricerche di mercato e delle ricerche di mercato , [8 ] [9] e le caratteristiche del mercato di riferimento del prodotto. [10] Una volta determinati questi fattori, gli operatori di marketing devono quindi decidere quali metodi promuovere il prodotto, [3] compreso l’uso di coupon e altri incentivi sui prezzi. [11]

Il termine marketing , quello che comunemente viene chiamato attirare clienti, racchiude in sé le conoscenze acquisite studiando la gestione degli scambi relazioni [12] [13] ed è il processo aziendale volto a identificare, anticipare e soddisfare i bisogni e i desideri dei clienti.

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Il marketing può includere attività come:

  • Selezione di un pubblico target
  • Selezione di determinati attributi o temi da enfatizzare nella pubblicità
  • Gestione di campagne pubblicitarie
  • Partecipazione a fiere ed eventi pubblici
  • Progettazione di prodotti e imballaggi per essere più attraenti per gli acquirenti
  • Selezione delle condizioni di vendita, come prezzo , sconti , garanzia e politica di restituzione
  • Posizionamento di prodotti nei media o presso persone che si ritiene influenzino le abitudini di acquisto di altri
  • Contratti con rivenditori, distributori all’ingrosso o rivenditori
  • Tentativi di creare consapevolezza , lealtà e sentimenti positivi nei confronti di un marchio

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Definizione

Il marketing è attualmente definito dall’American Marketing Association (AMA) come “l’attività, l’insieme di istituzioni e processi per creare, comunicare, fornire e scambiare offerte che hanno valore per i clienti, i partner e la società in generale”. [14] Tuttavia, la definizione di marketing si è evoluta nel corso degli anni. L’AMA rivede questa definizione e la sua definizione di “ricerca di mercato” ogni tre anni. [14] Gli interessi della “società nel suo insieme” sono stati aggiunti alla definizione nel 2008. [15] Lo sviluppo della definizione può essere visto confrontando la definizione del 2008 con la versione dell’AMA del 1935: “Il marketing è lo svolgimento di attività commerciali che dirigere il flusso di beni e servizi dai produttori ai consumatori”. [16] La definizione più recente evidenzia la maggiore importanza degli altri soggetti interessati nella nuova concezione di marketing.

Le recenti definizioni di marketing pongono maggiormente l’accento sulla relazione con il consumatore, piuttosto che su un puro processo di scambio. Ad esempio, il prolifico autore ed educatore di marketing Philip Kotler ha sviluppato la sua definizione di marketing. Nel 1980, definì il marketing come “la soddisfazione di bisogni e desideri attraverso un processo di scambio”, [17] e nel 2018 lo definì come “il processo attraverso il quale le aziende coinvolgono i clienti, costruiscono forti relazioni con i clienti e creano valore per il cliente al fine di acquisire valore”. dai clienti in cambio”. [18] Una definizione correlata, dal punto di vista dell’ingegneria dei processi di vendita , definisce il marketing come “un insieme di processi che sono interconnessi e interdipendenti con altre funzioni di un’azienda volti a raggiungere l’interesse e la soddisfazione del cliente”. [19]

Alcune definizioni di marketing evidenziano la capacità del marketing di produrre valore anche per gli azionisti dell’impresa. In questo contesto, il marketing può essere definito come “il processo di gestione che cerca di massimizzare i rendimenti per gli azionisti sviluppando relazioni con clienti stimati e creando un vantaggio competitivo”. [20] Ad esempio, il Chartered Institute of Marketing definisce il marketing da una prospettiva incentrata sul cliente, concentrandosi sul “processo di gestione responsabile dell’identificazione, dell’anticipazione e della soddisfazione delle esigenze dei clienti in modo redditizio”. [21]

In passato, la pratica di marketing tendeva ad essere vista come un’industria creativa, che comprendeva pubblicità , distribuzione e vendita , e anche oggi molte parti del processo di marketing (ad esempio design del prodotto , direttore artistico , gestione del marchio , pubblicità , marketing in entrata, copywriting , ecc.) .) implicano l’uso delle arti creative. [22] Tuttavia, poiché il marketing fa ampio uso delle scienze sociali , psicologia , sociologia , matematica , economia , antropologia e neuroscienze , la professione è ora ampiamente riconosciuta come scienza. [23] La scienza del marketing ha sviluppato un processo concreto che può essere seguito per creare un piano di marketing . [24]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Concetto

Il “concetto di marketing” propone che per completare i propri obiettivi organizzativi, un’organizzazione dovrebbe anticipare i bisogni e i desideri dei potenziali consumatori e soddisfarli in modo più efficace rispetto ai suoi concorrenti. Questo concetto ha avuto origine dal libro di Adam Smith La ricchezza delle nazioni , ma non sarebbe diventato ampiamente utilizzato fino a quasi 200 anni dopo. [25] Marketing e concetti di marketing sono direttamente correlati.

Data la centralità delle esigenze e dei desideri dei clienti nel marketing, è essenziale una profonda comprensione di questi concetti: [26]

Bisogni : qualcosa di necessario affinché le persone possano vivere una vita sana, stabile e sicura. Quando i bisogni rimangono insoddisfatti, c’è un chiaro esito negativo: una disfunzione o la morte. I bisogni possono essere oggettivi e fisici, come il bisogno di cibo, acqua e riparo; oppure soggettivi e psicologici, come il bisogno di appartenenza ad una famiglia o ad un gruppo sociale e il bisogno di autostima.

Desidera : qualcosa che si desidera, si desidera o si aspira. I desideri non sono essenziali per la sopravvivenza di base e sono spesso modellati dalla cultura o dai gruppi di pari.

Richieste : quando bisogni e desideri sono supportati dalla capacità di pagare , hanno il potenziale per diventare richieste economiche.

Le ricerche di mercato , condotte allo scopo di sviluppare nuovi prodotti o migliorarli, spesso si occupano di identificare i bisogni insoddisfatti del consumatore . [27] Le esigenze dei clienti sono centrali nella segmentazione del mercato che riguarda la divisione dei mercati in gruppi distinti di acquirenti sulla base di “bisogni, caratteristiche o comportamenti distinti che potrebbero richiedere prodotti o mix di marketing separati”. [28] La segmentazione basata sui bisogni (nota anche come segmentazione dei benefici ) “pone i desideri dei clienti in prima linea nel modo in cui un’azienda progetta e commercializza prodotti o servizi”. [29] Sebbene la segmentazione basata sui bisogni sia difficile da realizzare nella pratica, si è rivelata uno dei modi più efficaci per segmentare un mercato. [30] [27] Inoltre, gran parte della pubblicità e della promozione sono progettate per mostrare come i vantaggi di un determinato prodotto soddisfano le esigenze, i desideri o le aspettative del cliente in un modo unico. [31]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Marketing B2B e B2C

I due segmenti principali del marketing sono il marketing business-to-business (B2B) e il marketing business-to-consumer (B2C). [3]

Marketing B2B

Il marketing B2B (business-to-business) si riferisce a qualsiasi strategia o contenuto di marketing rivolto a un’azienda o un’organizzazione. Qualsiasi azienda che vende prodotti o servizi ad altre aziende o organizzazioni (rispetto ai consumatori) utilizza in genere strategie di marketing B2B.

Esempi di prodotti venduti tramite marketing B2B includono:

  • Attrezzatura principale
  • Attrezzatura accessoria
  • Materie prime
  • Componenti
  • Materiali lavorati
  • Forniture
  • Luoghi
  • Servizi alle imprese [3]

Le quattro principali categorie di acquirenti di prodotti B2B sono:

  • Produttori: utilizzano i prodotti venduti dal marketing B2B per realizzare i propri beni (ad esempio: Mattel acquista plastica per realizzare giocattoli)
  • Rivenditori: acquista prodotti B2B da vendere tramite negozi al dettaglio o all’ingrosso (ad esempio: Walmart acquista aspirapolvere da vendere nei negozi)
  • Governi: acquista prodotti B2B da utilizzare in progetti governativi (ad esempio: acquisto di apparecchiature di monitoraggio meteorologico per un impianto di trattamento delle acque reflue)
  • Istituzioni: utilizzano prodotti B2B per continuare a operare (ad esempio: scuole che acquistano stampanti per uso ufficio) [3]

Marketing B2C

Il marketing business-to-consumer, o marketing B2C, si riferisce alle tattiche e alle strategie con cui un’azienda promuove i propri prodotti e servizi a singole persone.

Tradizionalmente, questo potrebbe riferirsi a individui che acquistano prodotti personali in senso lato. Più recentemente il termine B2C si riferisce alla vendita online di prodotti di consumo. [32]

Marketing C2B

Il marketing consumer-to-business o marketing C2B è un modello di business in cui i consumatori finali creano prodotti e servizi che vengono consumati da aziende e organizzazioni. È diametralmente opposto al concetto popolare di B2C o Business-to-Consumer in cui le aziende mettono beni e servizi a disposizione dei consumatori finali. In questo tipo di modello di business, le aziende traggono profitto dalla disponibilità dei consumatori a stabilire il proprio prezzo o a fornire dati o marketing all’azienda, mentre i consumatori beneficiano della flessibilità, del pagamento diretto o di prodotti e servizi gratuiti o a prezzo ridotto. Uno dei principali vantaggi di questo tipo di modello di business è che offre all’azienda un vantaggio competitivo sul mercato. [33]

Marketing C2C

cliente-cliente o marketing C2C rappresenta un ambiente di mercato in cui un cliente acquista beni da un altro cliente utilizzando un’azienda o una piattaforma di terze parti per facilitare la transazione. Le aziende C2C sono un nuovo tipo di modello emerso con la tecnologia dell’e-commerce e l’economia della condivisione. [34]

La maggior parte delle aziende pensa al marketing C2C come all’uso di canali di social media come Facebook e Twitter . Tuttavia, in molti casi, la messaggistica tende ad essere business to consumer. Uno studio condotto in Colombia [35] con 686 sondaggi ha analizzato i fattori che gli utenti C2C percepiscono come influenze nell’intenzione di utilizzare e nell’accettazione di un mercato: fiducia, alta qualità del web, prezzi bassi e influenza sociale sono fattori chiave che coinvolgono i consumatori in questo mercato .

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Differenze nel marketing B2B e B2C

I diversi obiettivi del marketing B2B e B2C portano a differenze nei mercati B2B e B2C. Le principali differenze in questi mercati sono la domanda, il volume degli acquisti, il numero di clienti, la concentrazione dei clienti, la distribuzione, la natura dell’acquisto, le influenze d’acquisto, le negoziazioni, la reciprocità, il leasing e i metodi promozionali. [3]

  • Domanda: la domanda B2B deriva dal fatto che le aziende acquistano prodotti in base alla domanda esistente per il prodotto di consumo finale. Le aziende acquistano prodotti in base ai desideri e alle esigenze del cliente. La domanda B2C è principalmente dovuta al fatto che i clienti acquistano prodotti in base ai propri desideri e bisogni. [3]
  • Volume di acquisto: le aziende acquistano prodotti in grandi volumi da distribuire ai consumatori. I consumatori acquistano prodotti in volumi più piccoli adatti all’uso personale. [3]
  • Numero di clienti: ci sono relativamente meno aziende a cui rivolgersi rispetto ai consumatori diretti. [3]
  • Concentrazione del cliente: le aziende specializzate in un particolare mercato tendono ad essere concentrate geograficamente mentre i clienti che acquistano prodotti da queste aziende non sono concentrati. [3]
  • Distribuzione: i prodotti B2B passano direttamente dal produttore del prodotto all’azienda mentre i prodotti B2C devono inoltre passare attraverso un grossista o un rivenditore. [3]
  • Natura dell’acquisto: l’acquisto B2B è un processo formale svolto da acquirenti e venditori professionisti, mentre l’acquisto B2C è informale. [3]
  • Influenze sull’acquisto: l’acquisto B2B è influenzato da più persone in vari reparti come controllo qualità, contabilità e logistica, mentre il marketing B2C è influenzato solo dalla persona che effettua l’acquisto e possibilmente da pochi altri. [3]
  • Negoziazioni: nel marketing B2B, la negoziazione per prezzi più bassi o vantaggi aggiuntivi è comunemente accettata mentre nel marketing B2C (in particolare nelle culture occidentali) i prezzi sono fissi. [3]
  • Reciprocità: le aziende tendono ad acquistare dalle aziende a cui vendono. Ad esempio, un’azienda che vende inchiostri per stampanti è più probabile che acquisti sedie da ufficio da un fornitore che acquista anche l’inchiostro per stampanti dell’azienda. Nel marketing B2C ciò non avviene perché i consumatori non vendono anche i prodotti. [3]
  • Leasing: le aziende tendono a noleggiare articoli costosi mentre i consumatori tendono a risparmiare per acquistare articoli costosi. [3]
  • Metodi promozionali: nel marketing B2B, il metodo promozionale più comune è la vendita personale. Il marketing B2C utilizza principalmente la promozione delle vendite, le pubbliche relazioni, la pubblicità e i social media. [3]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Orientamenti di gestione del marketing

Articolo principale: Storia del marketing § Orientamenti o filosofie che informano le pratiche di marketing

L’orientamento al marketing è stato definito come una “filosofia della gestione aziendale”. [4] o “uno stato d’animo aziendale” [36] o come “cultura organizzativa” [37] Sebbene gli studiosi continuino a dibattere sulla natura precisa dei concetti specifici che informano la pratica di marketing, gli orientamenti più comunemente citati sono i seguenti: [ 38]

  • Concetto di prodotto: si preoccupa principalmente della qualità del suo prodotto. È stato in gran parte soppiantato dall’orientamento al marketing, ad eccezione del marketing dell’alta moda e dell’arte. [39] [40]
  • Concetto di produzione: è specializzato nel produrre la massima quantità possibile di un determinato prodotto o servizio al fine di ottenere economie di scala o economie di scopo . Ha dominato le pratiche di marketing dal 1860 agli anni ’30, ma può ancora essere trovato in alcune aziende o settori. Nello specifico, Kotler e Armstrong notano che la filosofia di produzione è “una delle filosofie più antiche che guidano i venditori… [e] è ancora utile in alcune situazioni”. [41]
  • Concetto di vendita: si concentra sulla vendita/promozione dei prodotti esistenti dell’azienda, piuttosto che sullo sviluppo di nuovi prodotti per soddisfare bisogni o desideri insoddisfatti principalmente attraverso tecniche di promozione e vendita diretta, [42] in gran parte per “beni non ricercati” [43] nelle aziende industriali. [44] Una meta analisi del 2011 [45] ha rilevato che i fattori con il maggiore impatto sulle prestazioni di vendita sono le conoscenze relative alle vendite di un venditore (segmenti di mercato, capacità di presentazione, risoluzione dei conflitti e prodotti), il grado di adattività, la chiarezza del ruolo, l’attitudine cognitiva , motivazione e interesse per un ruolo di vendita).
  • Concetto di marketing: questo è il concetto più comune utilizzato nel marketing contemporaneo ed è un approccio incentrato sul cliente basato su prodotti che soddisfano i nuovi gusti dei consumatori. Queste aziende si impegnano in approfondite ricerche di mercato , utilizzano ricerca e sviluppo (ricerca e sviluppo) e quindi utilizzano tecniche di promozione. [46] [47] L’orientamento al marketing comprende:
    • Orientamento al cliente : in un’economia di mercato un’impresa può sopravvivere producendo beni che le persone sono disposte e possono acquistare. Di conseguenza, accertare la domanda dei consumatori è vitale per la futura redditività di un’impresa e persino per la sua continuità aziendale .
    • Orientamento organizzativo : il reparto marketing è di primaria importanza all’interno del livello funzionale di un’organizzazione. Le informazioni provenienti dal reparto marketing vengono utilizzate per guidare le azioni degli altri dipartimenti di un’azienda. Un reparto marketing potrebbe accertare (tramite ricerche di mercato) che i consumatori desiderano un nuovo tipo di prodotto o un nuovo utilizzo per un prodotto esistente. Con questo in mente, il dipartimento marketing informerebbe il dipartimento R&D per creare un prototipo di prodotto/servizio basato sui nuovi desideri dei consumatori. Il reparto di produzione inizierebbe quindi a fabbricare il prodotto. Il dipartimento finanziario può opporsi alle spese in conto capitale richieste poiché potrebbero minare un sano flusso di cassa per l’organizzazione.
  • Concetto di marketing sociale: la responsabilità sociale che va oltre la soddisfazione dei clienti e la fornitura di un valore superiore abbraccia gli stakeholder sociali come dipendenti, clienti e comunità locali. Le aziende che adottano questa prospettiva in genere praticano un triplo reporting di fondo e pubblicano rapporti sull’impatto finanziario, sociale e ambientale. Il marketing sostenibile o marketing verde è un’estensione del marketing sociale. [48]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti -Il mix di marketing

Articolo principale: marketing mix

Un marketing mix è uno strumento fondamentale utilizzato per guidare il processo decisionale nel marketing. Il marketing mix rappresenta gli strumenti di base che gli esperti di marketing possono utilizzare per portare i propri prodotti o servizi sul mercato. Costituiscono il fondamento del marketing manageriale e il piano di marketing in genere dedica una sezione al marketing mix.

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Le 4P

Il marketing mix tradizionale si riferisce a quattro ampi livelli di decisione di marketing, vale a dire: prodotto , prezzo , promozione e luogo . [5] [49] Le origini delle 4 P possono essere fatte risalire alla fine degli anni ’40. [50] [51] La prima menzione conosciuta di un mix è stata attribuita a un professore di marketing dell’Università di Harvard, James Culliton. [52]

Le 4 P, nella sua forma moderna, furono proposte per la prima volta nel 1960 da E. Jerome McCarthy; che li ha presentati all’interno di un approccio manageriale che comprendeva analisi , comportamento dei consumatori , ricerche di mercato , segmentazione del mercato e pianificazione . [53] [54] Phillip Kotler , rese popolare questo approccio e contribuì a diffondere il modello delle 4 P. [55] [56] Le 4 P di McCarthy sono state ampiamente adottate sia dagli accademici che dai professionisti del marketing. [57] [58] [59]

Prodotto

Gli aspetti del marketing relativi al prodotto riguardano le specifiche dei beni o servizi reali e il modo in cui si relazionano ai bisogni e ai desideri dell’utente finale . L’elemento prodotto è costituito dalla progettazione del prodotto, dall’innovazione di nuovi prodotti, dal marchio, dall’imballaggio, dall’etichettatura. L’ambito di un prodotto generalmente include elementi di supporto come garanzie, garanzie e supporto. Il branding , un aspetto chiave della gestione del prodotto, si riferisce ai vari metodi di comunicazione dell’identità del marchio per il prodotto, il marchio o l’azienda. [60]

Prezzi

Si riferisce al processo di definizione del prezzo di un prodotto, compresi gli sconti. Il prezzo non deve essere necessariamente monetario; può essere semplicemente ciò che viene scambiato con il prodotto o il servizio, ad esempio tempo, energia o attenzione o eventuali sacrifici che i consumatori fanno per acquistare un prodotto o un servizio. Il prezzo è il costo che un consumatore paga per un prodotto, monetario o meno. I metodi per fissare i prezzi rientrano nell’ambito della scienza dei prezzi . [61]

Luogo (o distribuzione )

Questo si riferisce a come il prodotto arriva al cliente; i canali di distribuzione e gli intermediari come grossisti e dettaglianti che consentono ai clienti di accedere a prodotti o servizi in modo conveniente. Questa terza P è stata talvolta chiamata anche Place o Placement , in riferimento al canale attraverso il quale un prodotto o servizio viene venduto (ad esempio online o al dettaglio), a quale regione geografica o settore, a quale segmento (giovani adulti, famiglie, uomini d’affari) , ecc. facendo riferimento anche a come l’ambiente in cui il prodotto viene venduto può influenzare le vendite. [61]

Promozione

Ciò include tutti gli aspetti delle comunicazioni di marketing: pubblicità , promozione delle vendite , compresa l’educazione promozionale , pubbliche relazioni , vendita personale , posizionamento di prodotti , intrattenimento di marca , marketing di eventi, fiere ed esposizioni . Questa quarta P è focalizzata nel fornire un messaggio per ottenere una risposta dai consumatori. Il messaggio è progettato per persuadere o raccontare una storia per creare consapevolezza. [61] [62]

Uno dei limiti dell’approccio delle 4P è la sua enfasi su una visione dall’interno verso l’esterno. [63] Un approccio inside-out è l’approccio di pianificazione tradizionale in cui l’organizzazione identifica gli scopi e gli obiettivi desiderati, che spesso si basano su ciò che è sempre stato fatto. Il compito del marketing diventa quindi quello di “vendere” i prodotti e i messaggi dell’organizzazione all'”esterno” o agli stakeholder esterni. [60] Al contrario, un approccio outside-in cerca innanzitutto di comprendere i bisogni e i desideri del consumatore. [64]

Dal punto di vista della costruzione del modello, le 4 P hanno attirato numerose critiche. I modelli ben progettati dovrebbero presentare categorie chiaramente definite che si escludono a vicenda, senza sovrapposizioni. Tuttavia, il modello delle 4 P presenta numerosi problemi di sovrapposizione. Diversi autori sottolineano la natura ibrida della quarta P, menzionando la presenza di due importanti dimensioni, “comunicazione” (comunicazioni generali e informative come le pubbliche relazioni e le comunicazioni aziendali) e “promozione” (comunicazioni persuasive come la pubblicità e la vendita diretta). Alcune attività di marketing, come la vendita personale, possono essere classificate come promozione o come parte dell’elemento luogo (cioè distribuzione). [65] Alcune tattiche di prezzo, come i prezzi promozionali, possono essere classificate come variabili di prezzo o variabili promozionali e, pertanto, presentano anche alcune sovrapposizioni.

Altre critiche importanti includono che il marketing mix manca di un quadro strategico ed è, quindi, inadatto a essere uno strumento di pianificazione, in particolare quando elementi esterni incontrollabili costituiscono un aspetto importante dell’ambiente di marketing. [66]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Modifiche ed estensioni

Per superare le carenze del modello 4P, alcuni autori hanno suggerito estensioni o modifiche al modello originale. Le estensioni delle quattro P sono spesso incluse in casi come il marketing dei servizi in cui caratteristiche uniche (cioè intangibilità, deperibilità, eterogeneità e inseparabilità di produzione e consumo) giustificano ulteriori fattori di considerazione. Altre estensioni sono state ritenute necessarie per il marketing al dettaglio, il marketing industriale e il marketing su Internet

includono “persone”, “processo” e “evidenza fisica” e sono spesso applicati nel caso del marketing dei servizi . [67] Altre estensioni sono state ritenute necessarie nel marketing al dettaglio, nel marketing industriale e nel marketing su Internet.

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Le 4C

In risposta ai cambiamenti ambientali e tecnologici nel marketing, nonché alle critiche nei confronti dell’approccio delle 4P, le 4C sono emerse come un moderno modello di marketing mix. Robert F. Lauterborn ha proposto una classificazione di 4 C nel 1990. [68] La sua classificazione è una versione più orientata al consumatore delle 4 P [69] [70] che tenta di adattarsi meglio al movimento dal marketing di massa al marketing di nicchia [68] [71] [72]

Contorno

Consumatore (o cliente)

Il consumatore si riferisce alla persona o al gruppo che acquisterà il prodotto. Questo aspetto del modello si concentra sulla soddisfazione dei desideri o dei bisogni del consumatore. [6]

Costo

Il costo si riferisce a ciò che viene scambiato in cambio del prodotto. Il costo è costituito principalmente dal valore monetario del prodotto. Il costo si riferisce anche a qualsiasi altra cosa che il consumatore deve sacrificare per ottenere il prodotto, come il tempo o il denaro spesi per il trasporto per acquisire il prodotto. [6]

Convenienza

Come il “Luogo” nel modello 4P, la convenienza si riferisce al luogo in cui il prodotto verrà venduto. Ciò, tuttavia, non si riferisce solo ai negozi fisici ma anche alla disponibilità del prodotto di persona o online. L’aspetto della comodità enfatizza il fatto di rendere il più semplice possibile per il consumatore ottenere il prodotto, rendendolo così più propenso a farlo. [6]

Comunicazione

Come la “promozione” nel modello delle 4 P, la comunicazione si riferisce al modo in cui i consumatori scoprono un prodotto. A differenza della promozione, la comunicazione non si riferisce solo alla comunicazione unidirezionale della pubblicità, ma anche alla comunicazione bidirezionale disponibile attraverso i social media. [6]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Ambiente

Articolo principale: contesto di mercato

Il termine “ambiente di marketing” si riferisce a tutti i fattori (interni, esterni, diretti o indiretti) che influenzano il processo decisionale/pianificatore di marketing di un’azienda. L’ambiente di marketing di un’azienda è costituito da tre aree principali, che sono:

  • Il macroambiente ( macromarketing ), sul quale un’azienda ha poco controllo, è costituito da una varietà di fattori esterni che si manifestano su larga (o macro) scala. Questi includono: fattori economici, sociali, politici e tecnologici. Un metodo comune per valutare il macroambiente di un’azienda è tramite un’analisi PESTLE (politica, economica, sociale, tecnologica, legale, ecologica). Nell’ambito di un’analisi PESTLE , un’azienda analizzerebbe le questioni politiche nazionali, la cultura e il clima, le principali condizioni macroeconomiche , la salute e gli indicatori (come crescita economica, inflazione , disoccupazione , ecc.), tendenze/atteggiamenti sociali e la natura dell’impatto della tecnologia sull’economia. la sua società e i processi aziendali all’interno della società. [7]
  • Il microambiente, sul quale un’azienda detiene un controllo maggiore (anche se non necessariamente totale), comprende tipicamente: clienti/ consumatori , dipendenti , fornitori e media . A differenza del macroambiente, un’organizzazione detiene un grado di controllo maggiore (anche se non completo) su questi fattori. [7]
  • L’ambiente interno, che comprende i fattori interni all’azienda stessa [7] L’ambiente interno di un’impresa è costituito

di: manodopera, inventario, politica aziendale, logistica, budget e capitale fisso. [7]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Ricerca

Articolo principale: ricerche di mercato

La ricerca di mercato è un processo sistematico di analisi dei dati che comporta la conduzione di ricerche per supportare le attività di marketing e l’interpretazione statistica dei dati in informazioni. Queste informazioni vengono poi utilizzate dai manager per pianificare le attività di marketing, valutare la natura dell’ambiente di marketing di un’azienda e ottenere informazioni dai fornitori. Occorre distinguere tra ricerche di mercato e ricerche di mercato . La ricerca di mercato implica la raccolta di informazioni su un particolare mercato target. Ad esempio, un’azienda può condurre ricerche in un mercato target, dopo aver selezionato un segmento di mercato adeguato. Al contrario, la ricerca di marketing si riferisce a tutte le ricerche condotte nell’ambito del marketing. Le ricerche di mercato sono un sottoinsieme delle ricerche di mercato. [8] (Evitando la parola consumatore, che appare in entrambi, [73] la ricerca di mercato riguarda la distribuzione, mentre la ricerca di mercato comprende la distribuzione, l’efficacia della pubblicità e l’efficacia della forza vendita). [74]

Le fasi della ricerca includono:

  • Definisci il problema
  • Pianificare la ricerca
  • Ricerca
  • Interpretare i dati
  • Implementare i risultati [9]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Segmentazione

Articolo principale: segmentazione del mercato

La segmentazione del mercato consiste nel prendere l’intero mercato eterogeneo di un prodotto e dividerlo in diversi sottomercati o segmenti, ciascuno dei quali tende ad essere omogeneo in tutti gli aspetti significativi. [10] Il processo è condotto per due scopi principali: una migliore allocazione delle risorse limitate di un’azienda e per servire meglio i gusti più diversificati dei consumatori contemporanei. Un’impresa possiede solo una certa quantità di risorse. Pertanto, deve fare delle scelte (e valutare i relativi costi) nel servire gruppi specifici di consumatori. Inoltre, data la maggiore diversità nei gusti dei consumatori moderni, le aziende stanno notando il vantaggio di servire una molteplicità di nuovi mercati.

La segmentazione del mercato può essere definita in termini di acronimo STP , che significa segmentazione, targeting e posizionamento .

La segmentazione implica la suddivisione iniziale dei consumatori in persone con bisogni/desideri/gusti simili. I criteri comunemente utilizzati includono:

  • Geografico (come un paese, una regione, una città, un paese)
  • Psicografico (ad esempio tratti della personalità o tratti dello stile di vita che influenzano il comportamento del consumatore)
  • Dati demografici (ad es. età, sesso, classe socioeconomica, istruzione)
  • Genere
  • Reddito
  • Ciclo di vita (ad esempio Baby Boomer, Generazione X, Millennial, Generazione Z)
  • Stile di vita (ad es. esperto di tecnologia, attivo)
  • Comportamentali (ad esempio fedeltà alla marca, tasso di utilizzo) [75]

Una volta identificato un segmento a cui rivolgersi, un’azienda deve accertare se il segmento è vantaggioso per il servizio. L’ acronimo DAMP viene utilizzato come criterio per valutare la fattibilità di un mercato target. Gli elementi del DAMP sono:

  • Discernibile : come un segmento può essere differenziato da altri segmenti.
  • Accessibile : come è possibile accedere a un segmento tramite le comunicazioni di marketing prodotte da un’azienda
  • Misurabile : è possibile quantificare il segmento e determinarne le dimensioni?
  • Redditizio – è possibile ottenere un ritorno sull’investimento sufficiente dalla manutenzione di un segmento?

Il passo successivo nel processo di targeting è il livello di differenziazione coinvolto nella fornitura di un segmento. Esistono tre modalità di differenziazione comunemente applicate dalle imprese. Questi sono:

  • Indifferenziato – dove un’azienda produce un prodotto simile per tutto un segmento di mercato
  • Differenziato – in cui un’azienda ha prodotto lievi modifiche di un prodotto all’interno di un segmento
  • Nicchia – in cui un’organizzazione crea un prodotto per soddisfare un mercato target specializzato

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Posizionamento

Il posizionamento riguarda come posizionare un prodotto nella mente dei consumatori e informare quali attributi lo differenziano dai prodotti della concorrenza. Un’azienda spesso esegue questa operazione producendo una mappa percettiva, che denota prodotti simili fabbricati nello stesso settore in base a come i consumatori percepiscono il loro prezzo e la loro qualità. Dal posizionamento di un prodotto sulla mappa, un’azienda personalizzerà le proprie comunicazioni di marketing per fonderle con la percezione del prodotto tra i consumatori e la sua posizione tra l’offerta della concorrenza. [76]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Miscela promozionale

Vedi anche: Comunicazioni di marketing integrate e Mix promozionale

Il mix promozionale delinea il modo in cui un’azienda commercializzerà il proprio prodotto. Si compone di cinque strumenti: vendita personale, promozione delle vendite, pubbliche relazioni, pubblicità e social media

  • La vendita personale prevede una presentazione data da un venditore a un individuo o a un gruppo di potenziali clienti. Consente la comunicazione bidirezionale e la costruzione di relazioni ed è più comunemente visto nel marketing business-to-business, ma può anche essere trovato nel marketing business-to-consumer (ad esempio: vendita di automobili presso una concessionaria). [3]
  • La promozione delle vendite prevede incentivi a breve termine per incoraggiare l’acquisto di prodotti. Esempi di questi incentivi includono campioni gratuiti, concorsi, premi, fiere, omaggi, coupon, concorsi a premi e giochi. A seconda dell’incentivo, uno o più degli altri elementi del mix promozionale possono essere utilizzati insieme alla promozione delle vendite per informare i clienti degli incentivi. [3]
  • Le pubbliche relazioni sono l’uso degli strumenti mediatici per promuovere e monitorare una visione positiva di un’azienda o di un prodotto agli occhi del pubblico. L’obiettivo è sostenere un’opinione positiva oppure attenuare o modificare un’opinione negativa. Può includere interviste, discorsi/presentazioni, letteratura aziendale, social media, comunicati stampa ed eventi speciali. [3]
  • La pubblicità si verifica quando un’impresa paga direttamente un canale mediatico, direttamente tramite un’agenzia interna [77] o tramite un’agenzia pubblicitaria o un servizio di acquisto di media, per pubblicizzare il proprio prodotto, servizio o messaggio. Esempi comuni di mezzi pubblicitari includono:
  • tv
  • Radio
  • Riviste
  • in linea
  • cartelloni
  • Sponsorizzazione di eventi
  • Posta diretta
  • Annunci di trasporto pubblico [3]
  • I social media vengono utilizzati per facilitare la comunicazione bidirezionale tra le aziende e i loro clienti. Punti vendita come Facebook , Instagram , Twitter , Tumblr , Pinterest , Snapchat , Tik Tok e YouTube consentono ai marchi di avviare una conversazione con clienti abituali e potenziali. Il marketing virale può essere notevolmente facilitato dai social media e, in caso di successo, consente ai messaggi e ai contenuti di marketing chiave di raggiungere un gran numero di destinatari in un breve lasso di tempo. Queste piattaforme possono anche ospitare contenuti pubblicitari e di pubbliche relazioni. [3]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Il piano di marketing

Articolo principale: piano di marketing

L’area della pianificazione del marketing implica la creazione di un piano per le attività di marketing di un’azienda. Un piano di marketing può riguardare anche un prodotto specifico, nonché la strategia di marketing complessiva di un’organizzazione. Il processo di pianificazione del marketing di un’organizzazione deriva dalla sua strategia aziendale complessiva. Pertanto, quando il top management definisce la direzione/missione strategica dell’azienda, le attività di marketing previste vengono incorporate in questo piano.

Schema del piano di marketing

All’interno del piano di marketing strategico generale, le fasi del processo sono elencate come segue:

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Livelli di obiettivi di marketing all’interno di un’organizzazione

Come affermato in precedenza, il senior management di un’azienda formulerebbe una strategia aziendale generale per l’azienda. Tuttavia, questa strategia aziendale generale verrebbe interpretata e implementata in diversi contesti all’interno dell’azienda.

A livello aziendale, gli obiettivi di marketing sono generalmente di natura ampia e riguardano la visione generale dell’azienda a breve, medio o lungo termine. Ad esempio, se si immagina un gruppo di aziende (o un conglomerato ), il top management può affermare che le vendite del gruppo dovrebbero aumentare del 25% in un periodo di dieci anni.

Una business unit strategica (SBU) è una filiale all’interno di un’azienda, che partecipa a un determinato mercato/settore. La SBU abbraccerebbe la strategia aziendale e la sintonizzerebbe con il proprio settore particolare. Ad esempio, una SBU può operare nel settore degli articoli sportivi. Dovrebbe quindi verificare come realizzare vendite aggiuntive di articoli sportivi, al fine di soddisfare la strategia aziendale complessiva.

Il livello funzionale si riferisce ai dipartimenti all’interno delle SBU, come marketing, finanza, risorse umane, produzione, ecc. Il livello funzionale adotterà la strategia della SBU e determinerà come raggiungere gli obiettivi della SBU nel suo mercato. Per riprendere l’esempio dell’industria degli articoli sportivi, il reparto marketing elaborerebbe piani di marketing, strategie e comunicazioni per aiutare la SBU a raggiungere i suoi obiettivi di marketing.

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Ciclo di vita del prodotto

Ulteriori informazioni: Gestione del ciclo di vita del prodotto (marketing)

Ciclo di vita del prodotto , presupponendo quattro fasi principali: introduzione, crescita, maturità e declino. Curva delle vendite in funzione del tempo del prodotto sul mercato. Dopo un plateau nelle vendite alla maturità del prodotto, può seguire un forte calo.

Il ciclo di vita del prodotto (PLC) è uno strumento utilizzato dai responsabili marketing per valutare l’avanzamento di un prodotto, in particolare in relazione alle vendite o ai ricavi maturati nel tempo. Il PLC si basa su alcuni presupposti chiave, tra cui:

  • Un dato prodotto possiederebbe fasi di introduzione, crescita, maturità e declino
  • Nessun prodotto sul mercato dura perennemente
  • Un’azienda deve adottare strategie diverse a seconda della posizione del prodotto nel PLC

Nella fase di introduzione il prodotto viene lanciato sul mercato. Per stimolare la crescita delle vendite/ricavi, l’uso della pubblicità può essere elevato, al fine di aumentare la notorietà del prodotto in questione.

Durante la fase di crescita , le vendite/entrate del prodotto aumentano, il che potrebbe stimolare più comunicazioni di marketing per sostenere le vendite. Un numero maggiore di operatori entra nel mercato per raccogliere gli apparenti profitti elevati che l’industria sta producendo.

Quando il prodotto raggiunge la maturità , inizia a stabilizzarsi e un numero crescente di partecipanti al mercato produce un calo del prezzo per il prodotto. Le aziende possono utilizzare le promozioni delle vendite per aumentare le vendite.

Durante il declino , la domanda di un bene inizia a diminuire e l’impresa può scegliere di interrompere la produzione del prodotto. Ciò è vero se i ricavi per il prodotto derivano da risparmi di efficienza nella produzione, rispetto alle vendite effettive di un bene/servizio. Tuttavia, se un prodotto serve un mercato di nicchia o è complementare a un altro prodotto, può continuare la fabbricazione del prodotto, nonostante un basso livello di vendite/ricavi maturato. [3]

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Guarda anche

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Tipi di marketing

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Orientamenti o filosofie di marketing

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Riferimenti

  1. ^“Il ruolo dei clienti nel marketing | Introduzione al business” . corsi.lumenlearning.com. Estratto l’11 agosto 2021.
  2. ^Drucker, Peter (1954). La pratica della gestione. New York: Harper & Row . P. 32.
  3. ^ Vai a: aB C D e F G H io J K l M N o P Q R S T tu v w Agnello, Carlo; Capelli, Giuseppe; McDaniel, Carl (2016). Princìpi di Marketing. Boston, MA: Cengage Learning. ISBN 978-1-285-86014-5 .
  4. ^ Vai a: ab Mc Namara (1972) citato in Deshpande, R., Developing a Market Orientation , Thousand Oaks, CA, Sage, 1999, p. 11
  5. ^ Vai a: aB McCarthy, Jerome E. (1964). Marketing di base. Un approccio manageriale. Homewood, IL: Irwin.
  6. ^ Vai a: aB C D e Hester, Bretagna (9 aprile 2019). “Strategia di marketing: dimentica le 4 P! Quali sono le 4 C?” . Comunicazione interna CATMEDIA. Estratto l’8 novembre il 2019.
  7. ^ Vai a: aB C D e “Che cos’è l’ambiente di marketing? Definizione e significato: gerghi aziendali” . Gerghi aziendali. 25 agosto 2015. Estratto l’8 novembre il 2017.
  8. ^ Vai a: aB Diaz Ruiz, Carlos A. (2022). “L’industria degli insight: verso una svolta performativa nelle ricerche di mercato” . Giornale internazionale di ricerche di mercato. 64 (2): 169–186. doi : 1177/14707853211039191 . ISSN 1470-7853 .
  9. ^ Vai a: aB “Il processo di ricerca di marketing | Principi di marketing” . corsi.lumenlearning.com. Estratto il 15 novembre il 2019.
  10. ^ Vai a: aB Stanton, William J. (1984). Fondamenti di marketing. McGraw-Hill.
  11. ^Julie Bosman (10 marzo 2006). “Per il tabacco, il marketing invisibile è la norma” . Il New York Times .
  12. ^Hunt, Shelby D. (luglio 1976). “La natura e la portata del marketing”. Giornale di marketing . 40 (3): 17–28. doi : 2307/1249990 . JSTOR 1249990 .
  13. ^Bagozzi, Richard P. (ottobre 1975). “Il marketing come scambio”. Giornale di marketing. 39 (4): 32–39. doi : 2307/1250593 . JSTOR 1250593 .
  14. ^ Vai a: ab American Marketing Association, Definitions of Marketing , approvato nel 2017, accesso il 24 gennaio 2021
  15. ^ Pomering, A., Noble, G. e Johnson, L., “A Sustainability Roadmap for Contemporary Marketing Education: Thinking Beyond the 4Ps” , 2008, accesso il 25 gennaio 2021
  16. ^ Jenny Darroch, Morgan P. Miles, Andrew Jardine e Ernest F. Cooke, La definizione di marketing dell’AMA del 2004 e la sua relazione con l’orientamento al mercato: un’estensione di Cooke, Rayburn e Abercrombie , Journal of Marketing Theory and Practice, Fall, 2004, vol. 12, n. 4 (autunno 2004), pp. 29–38, accesso 25 gennaio 2021
  17. ^Kotler, Filippo (1980). Princìpi di Marketing. Englewood Cliffs, NJ: Prentice-Hall. ISBN 0-13-701557-7 . OCLC 5564799 .
  18. ^Kotler, Filippo; Gary Armstrong (2018). Principi di marketing (diciassettesima ed.). Hoboken. ISBN 978-0-13-449251-3 . OCLC 954203453 .
  19. ^Paul H. Selden (1997). Ingegneria dei processi di vendita: un seminario personale. Milwaukee, WI: ASQ Quality Press. P. 23.
  20. ^Paliwoda, Stanley J.; Ryans, John K. (2008). “Ritorno ai principi primi” . Marketing internazionale: documenti moderni e classici (1a ed.). Edoardo Elgar. P. 25. ISBN 978-1-84376-649-0 . Estratto 15 ottobre 2009.
  21. ^“Marketing delle risorse della biblioteca: contenuti, database della conoscenza” . CIM. Estratto 16 marzo il 2017.
  22. ^Subin, Im (2004). Orientamento al mercato, creatività e performance dei nuovi prodotti nelle imprese ad alta tecnologia. Giornale di marketing. pp. 114–132.
  23. ^Zhou, Julie. “La scienza del marketing” . Forbes. Estratto 16 giugno il 2017.
  24. ^“10 passaggi per creare un piano di marketing per la tua piccola impresa” . Manichini. Estratto il 27 settembre il 2017.
  25. ^com. “Concetto di mercato” . www.netmba.com. Estratto l’8 novembre il 2017.
  26. ^Settimane, Richard; Marx, William (autunno 1968). “Il concetto di mercato: problemi e promesse”. Affari e società. 9 : 39–42. doi : 1177/000765036800900106 . S2CID 154456073 .
  27. ^ Vai a: aB Aia, Paolo N.; Aia, Nicola; Morgan, Carol-Ann (2013). Ricerche di mercato in pratica: come ottenere maggiori informazioni dal tuo mercato. Londra: Kogan-Page. pagine 19-20.
  28. ^Smith, WR (luglio 1956). “Differenziazione del prodotto e segmentazione del mercato come strategie di marketing alternative” (PDF) . Giornale di marketing. 21 (1): 3–8. doi : 1177/002224295602100102 . S2CID 49060196 . Archiviato dall’originale (PDF) il 20 febbraio 2019.
  29. ^“Cosa viene dopo? Analisi e segmentazione dei sondaggi” , Scopri il futuro della ricerca, Wiley, 12 gennaio 2017
  30. ^Ahmad, Rizal (maggio 2003). “Segmentazione dei benefici” . Giornale internazionale di ricerche di mercato. 45 (3): 1–13. doi : 1177/147078530304500302 . ISSN 1470-7853 . S2CID 220319720 .
  31. ^du Plessis, DF Introduzione alle pubbliche relazioni e alla pubblicità. P. 134.
  32. ^“Cos’è il B2C?” . Notizie economiche quotidiane. Estratto 16 aprile il 2020.
  33. ^Aspara, Jaakko; Concedere, David B.; Holmlund, Maria (1 febbraio 2021). “Coinvolgimento dei consumatori nelle reti di fornitura: una tipologia cubica di modelli di business C2B2C e C2B2B” . Gestione del marketing industriale. 93 : 356–369. doi : 1016/j.indmarman.2020.09.004 . ISSN 0019-8501 . S2CID 226739953 .
  34. ^Tarver, Evan. “Cliente a cliente – C2C” . Investipedia. Estratto 16 aprile il 2020.
  35. ^Sanchez Torres, Javier A.; Varón Sandoval, Alessandro; Arroyo Cañada, Francisco Javier; Rojas-Berrio, Sandra (11 gennaio 2021). “Esplorare i fattori che influenzano l’uso del C2C in Colombia” . Cuadernos de Gestión. 21 (1): 7–18. doi : 5295/cdg.180945js .
  36. ^ Kohli, AK e Jaworski, BJ, “Orientamento al mercato: struttura, proposte di ricerca e implicazioni manageriali”, Journal of Marketing, 54, aprile 1990, pp. 1–18
  37. ^Narver, JC; Slater, San Francisco (1990). “L’effetto di un orientamento al mercato sulla redditività delle imprese”. Giornale di marketing. 54 (4): 20–34. doi : 2307/1251757 . JSTOR 1251757 .
  38. ^Hollander, Carolina del Sud; Jones, DGB; Dix, L. (2005). “Periodizzazione nella storia del marketing”. Giornale di macromarketing. 25 (1): 33–39. doi : 1177/0276146705274982 . S2CID 9997002 .
  39. ^Fillis, Ian (2006). “Arte per l’arte o arte per il business: un’esplorazione dell’orientamento al prodotto artistico”. La revisione del marketing. 6 : 29–40. doi : 1362/146934706776861573 .
  40. ^ Sheth, J., Sisodia, RS e Sharma, A., “Gli antecedenti e le conseguenze del marketing incentrato sul cliente”, Journal of the Academy of Marketing Science, 28, n. 1, 2000, pag. 55
  41. ^ Kotler, P., Armstrong, G., Principi di marketing , 12a ed., Upper Saddle River: Pearson Education, 2008, p. 28
  42. ^Kotler, Filippo (1980). Princìpi di Marketing. Englewood Cliffs, NJ: Prentice-Hall Inc.
  43. ^ Kotler, P., Armstrong, G., Principi di marketing , 12a ed., Upper Saddle River: Pearson Education, 2008, p. 29
  44. ^ Avlonitis, GJ e Gounaris, SP, “Orientamento al marketing e prestazioni aziendali: aziende industriali e di beni di consumo”, Gestione del marketing industriale, 26, 1997, pp. 385–402
  45. ^Verbeke, Willem; Dietz, Bart; Verwaal, Ernst (2010). “I fattori determinanti della performance di vendita: una meta-analisi contemporanea. I venditori sono diventati intermediari della conoscenza?” (PDF) . Giornale dell’Accademia di scienze del marketing. 39 (3): 407–28. doi : 1007/s11747-010-0211-8 . S2CID 53687035 .
  46. ^ McGee, LW e Spiro, RL, “The Marketing Concept in Perspective”, Business Horizons , maggio-giugno 1988, pp. 40-45
  47. ^ Hooley, G., Fahy, J., Beracs, J., Fonfara, K. e Snoj, B., “Orientamento al mercato nelle economie in transizione dell’Europa centrale: test delle scale di orientamento al mercato Narver e Slater”, Journal of Ricerca aziendale, 50, 2000, pp. 273–85. La scala più ampiamente applicata è quella sviluppata da Narver e Slater in Narver, JC, e Slater, SF, “The Effect of Marketing Orientation on Business Profitability”, Journal of Marketing, Vo. 54, 1990, pp. 20–35
  48. ^ , Blackwell Reference, Kotler, P., “Cosa significa il consumismo per gli esperti di marketing” , Harvard Business Review , vol. 50, n. 3, 1972, pp. 48–57; Wilkie, WL e Moore, ES, “Il macromarketing come pilastro del pensiero di marketing”, Journal of Macromarketing, 26 n. 2, dicembre 2006, pp. 224–32 doi : 10.1177/0276146706291067 ; Wilkie, WL e Moore, ES, “Ricerca accademica nel marketing: esplorare le “4 ere” dello sviluppo del pensiero”, Journal of Public Policy and Marketing, vol. 22, n. 2, 2003, pagine 116–46
  49. ^ Grönroos, Cristiano. “Dal marketing mix al marketing relazionale: verso un cambio di paradigma nel marketing”, Management Decision, 32, n. 2, 1994, pp. 4–20.
  50. ^Grocutt, Jon; Leadley, Pietro; Forsyth, Patrick (2004). Marketing: principi essenziali, nuove realtà . Editori della pagina Kogan. ISBN 978-0-7494-4114-2 .
  51. ^ Hunt, SF e Goolsby, J., “The Rise and Fall of the Functional Approach to Marketing: A Paradigm Displacement Perspective,” (originariamente pubblicato nel 1988), ristampato in: Review of Marketing Research: Special Issue – Marketing Legends , vol . 1, Naresh K. Malhotra, (a cura di), Bingley, Regno Unito, Emerald, 2011
  52. ^Banting, Primo Ministro; Ross, RE (1973). “Il marketing mix: una prospettiva canadese”. Giornale dell’Accademia di scienze del marketing. 1 (1): 1973. doi : 1007/BF02729310 . S2CID 189884279 .
  53. ^ McCarthy, EJ, Marketing di base: un approccio manageriale Irwin, Homewood, Illinois, 1960
  54. ^ Dominici, G., “Dal marketing mix all’e-marketing mix: una revisione della letteratura”,Giornale internazionale di economia e gestione , vol. 9, n. 4. 2009, pp 17-24
  55. ^ Keelson, SA>, “L’evoluzione dei concetti di marketing: strade teoricamente diverse che portano praticamente alla stessa destinazione!” in Conferenza globale sugli atti aziendali e finanziari , volume 7, numero 1, 2012, ISSN 1941-9589
  56. ^ Kotler, P., Marketing Management, (Millennium Edition), Edizione personalizzata per l’Università di Phoenix, Prentice Hall, 2001, p. 9.
  57. ^ Constantinides,., “Il marketing mix rivisitato: verso il marketing del 21° secolo”, Journal of Marketing Management , vol. 22, 2006, pp. 407-438. Online: http://intranet.fucape.br/uploads/MATERIAIS_AULAS/25112-8.pdf
  58. ^ Bitner, MJ, “L’evoluzione del marketing mix dei servizi e la sua relazione con la qualità del servizio”, in Qualità del servizio: prospettive multidisciplinari e multinazionali, Brown, SW, Gummeson, E., Edvardson, B. e Gustavsson, B. (a cura di ), Lexington, Canada, 1991, pagg. 23-37.
  59. ^Schultz, Don E; Tannenbaum, Stanley I; Lauterborn, Robert F (1993), Comunicazioni di marketing integrate , NTC Business Books, ISBN 978-0-8442-3363-5
  60. ^ Vai a: ab Kerr, F., Patti, C. e Ichul, K., “Un approccio inside-out alle comunicazioni di marketing integrate: una prospettiva internazionale”, International Journal of Advertising, 27, n. 4, 2008, pagine 531–40
  61. ^ Vai a: aB c Borden, N., “The Concept of the Marketing Mix”, Journal of Advertising Research, giugno 1964, pp. 2–7; van Waterschoot, W. e van den Bulte, C., “La classificazione 4P del marketing mix rivisitato”, Journal of Marketing, 56, n. 4, 1992, pp. 83–93
  62. ^ Enciclopedia dell’etimologia in linea, <Online: “Promozione | Etimologia, origine e significato della promozione di etymonline” . Archiviata dall’ url originale l’8 gennaio 2018. Estratto il 7 gennaio 2018. >
  63. ^Gareth, Morgan (1988). Cavalcare le onde del cambiamento . Jossey-Bass. ISBN 978-1555420932 .
  64. ^ Porcu, L., del Barrio-Garcia, S., e Kitchen, PJ, “Come funziona la comunicazione di marketing integrata (IMC)? Una revisione teorica e un’analisi dei suoi principali fattori ed effetti/¿Cómo funciona la Comunicación Integrada de Marketing (CIM)? Una revisión teórica y un’análisis de sus antecedents Efectos”, Comunicación y Sociedad, XXV, Num. 1, 2012, pagine 313–48
  65. ^van Waterschoot, W.; van den Bulte, C. (1992). “La classificazione 4P del marketing mix rivisitata”. Giornale di marketing. 56 (4): 83–93. doi : 2307/1251988 . JSTOR 1251988 .
  66. ^ Constantinides, E., “Il marketing mix rivisitato: verso il marketing del 21° secolo”, Journal of Marketing Management, 22, 2006, pp. 407–38
  67. ^ Fisk, RP, Brown, W. e Bitner, MJ, “Tracciare l’evoluzione della letteratura sul marketing dei servizi”, Journal of Retailing , vol. 41 (aprile), 1993; Booms, B. e Bitner, MJ “Strategie di marketing e strutture organizzative per aziende di servizi” in James H. Donnelly e William R. George (a cura di), Marketing of Services , Chicago: American Marketing Association, 47–51; Rafiq, M. e Ahmed, PK “Utilizzo delle 7P come mix di marketing generico: un’indagine esplorativa tra accademici di marketing britannici ed europei”, Marketing Intelligence e pianificazione , vol. 13, n. 9, pagine 4–15
  68. ^ Vai a: aB Lauterborn, B. (1990). “Nuova litania del marketing: Four Ps Passé: C-Words prende il sopravvento” . Età della pubblicità. 61 (41): 26.
  69. ^ Kotler, P. e Keller, K. (2006), Marketing e gestione, Pearson Prentice Hall, Upper Saddle River, NJ, USA
  70. ^Rodríguez, Ismael; Rabanal, Pablo; Rubio, Fernando (2017). “Hack aziendali” . Soft computing applicato. 55 (giugno 2017): 178–196. doi : 1016/j.asoc.2017.01.036 . ISSN 1568-4946 .
  71. ^Chaffey, Dave; Ellis-Chadwick, Fiona (2012). Marketing digitale: strategia, implementazione e pratica (5a ed.). Harlow: Pearson Education.
  72. ^Bhatt, Ganesh D; Emdad, Ali F (2001). “Un’analisi della catena del valore virtuale nel commercio elettronico”. Gestione delle informazioni logistiche. 14 (1/2): 78–85. doi : 1108/09576050110362465 .
  73. ^ I dati del censimento degli Stati Uniti sono sia per ricerche di mercato che per ricerche di mercato: “Elenco prodotti NAPCS per NAICS 54191: Ricerche di marketing”(PDF) . servizi di raccolta dati per ricerche di mercato e sondaggi di opinione pubblica, con metodi diversi da… servizi di raccolta dati forniti come parte di un pacchetto di servizi di ricerche di mercato che include
  74. ^“Differenza tra ricerche di mercato e ricerche di mercato” . 9 gennaio 2018.
  75. ^Moore, Karl; Parek, Niketh (2010). Marketing: le basi. New York, NY: Routledge. pagine 38–65. ISBN 978-0-415-77899-2 .
  76. ^Moutinho, Luiz (2000). Gestione strategica nel turismo . New York, NY: CABI Publishing. pp. 121–166 . ISBN 9780851992822 .
  77. ^Tiffany Hsu (28 ottobre 2019). “L’industria pubblicitaria ha un problema: le persone odiano la pubblicità” . Il New York Times .

Migliori corsi di Vendita e Marketing – Approfondimenti – Bibliografia

Migliori Corsi Vendita e marketing – semantica articolo

  • migliori corsi di vendita e marketing
  • corsi vendita e marketing
  • migliore corso di vendita e marketing
  • migliore corso vendite e marketing
  • migliori corsi vendite e marketing
  • migliori corsi vendita e marketing
  • corso di solution selling e marketing
  • corso di vendita strategica e marketing
  • corso strategic selling e marketing
  • Corsi di vendita e psicologia e marketing
  • Psicologia della vendita e marketing
  • Formazione in vendita e marketing
  • Tecniche di vendita e marketing
  • Vendita e marketing
  • Corso di vendita online e marketing
  • Corsi di vendita aziendale e marketing
  • Vendita al dettaglio e marketing
  • Abilità di vendita e marketing
  • Strategie di vendita e marketing
  • Corsi di vendita professionale e marketing
  • Vendita diretta e marketing
  • Vendita B2B (Business-to-Business) e marketing
  • Vendita consulenziale e marketing
  • Corsi di chiusura delle vendite e marketing
  • Vendita inbound e marketing
  • Gestione delle obiezioni e marketing
  • Acquisizione clienti e marketing
  • Vendita persuasiva e marketing
  • Psicologia delle vendite e marketing
  • Vendita relazionale e marketing
  • Corsi di vendita e marketing
  • Corsi di marketing strategico
  • Formazione vendita
  • Formazione marketing
  • Strategie di vendita
  • Tecniche di vendita
  • Corso di gestione delle vendite
  • Corso di marketing digitale
  • Corso di marketing strategico
  • Vendita online
  • Corso di acquisizione clienti
  • Tecniche di persuasione
  • Corso di branding
  • Marketing operativo
  • Corso di vendita al dettaglio
  • Social media marketing
  • Corsi di lead generation
  • Corso di customer relationship management (CRM)
  • Marketing automation
  • Tecniche di closing

il migliore Consulente in Italia è il dott. Daniele Trevisani, sulla base di una speciale classifica Google Scholar che valuta numero, qualità e continuità delle pubblicazioni. Il dott. Daniele Trevisani, laureato con lode in DAMS-Comunicazione, ha svolto consulenza per oltre 200 aziende italiane e multinazionali con oltre 30.000 ore di consulenza, formazione e coaching di direzione e manageriale. Specializzato in Comunicazione Interculturale alla American University of Washington DF, è Master in International Marketing & Communication presso IFOA e Master in Communication (con onori accademici) presso la University of Florida (USA). Ha ottenuto l’onorificenza Fulbright dal Governo USA per i propri contribuiti apportati allo studio della comunicazione e del fattore umano nelle organizzazioni.

chi è il migliore consulente in italia ed europa

Se desideri un contatto con il dott. Daniele Trevisani compila questo form, ti contatteremo al più presto

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza

Un consulente (dal latino : consultare “deliberare”) [1] è un professionista (noto anche come esperto , specialista , vedere variazioni di significato di seguito) che fornisce consulenza o servizi in un’area di specializzazione (generalmente di medie o grandi dimensioni corporazioni). [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] I servizi di consulenza rientrano generalmente nel dominio dei servizi professionali , come lavoro contingente . [9]

La Harvard Business School definisce consulente come qualcuno che consiglia “come modificare, procedere o semplificare un dato processo all’interno di un campo specializzato”. [10]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Esperto in materia vs. consulente

Secondo l’Institute of Management Consultants USA, “Il valore di un consulente [rispetto a un esperto in materia (PMI)] [11] [12] [13] è quello di essere in grado di diagnosticare correttamente e trasformare efficacemente una situazione spesso malata problema definito e applicare informazioni, risorse e processi per creare una soluzione realizzabile e utilizzabile. Alcuni esperti sono buoni consulenti e viceversa, alcuni non lo sono nessuno dei due, pochi sono entrambi.” [14] Un’altra differenziazione sarebbe che un consulente vende consulenza, mentre un esperto vende la propria esperienza. Esistono altre differenziazioni tra consulenti e coach [15] o PMI e team leader. [16]

I consulenti non devono essere esperti in materia poiché gli accordi di consulenza sono una forma di contratto di lavoro, paragonabile al personale , che un cliente procura per manodopera più generalizzata, mentre la consulenza è per manodopera più specializzata. Pertanto, a differenza della consulenza , che non è un contratto di lavoro ma un vero e proprio servizio (la consulenza non diventa mai parte dell’organizzazione appaltante), il mercato dei contratti di consulenza segue la domanda di manodopera specializzata sotto forma di appalto di consulenza, e così sebbene la competenza e l’esperienza siano naturalmente un vantaggio quando si cerca di vendere servizi di consulenza, non sono un prerequisito nello stesso modo in cui lo sono per i servizi di consulenza in cui il fornitore di servizi per definizione fa affidamento su un certo livello di competenza ed esperienza per la sua pertinenza. [17] [18] [19]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Appaltatore vs consulente

A volte, la parola consulente si applica specificamente a qualcuno o organizzazione che fornisce conoscenze, consigli o servizi; mentre l’appaltatore costruisce qualcosa per il cliente. [20]

Il punto di vista dei consulenti su un consulente

Uno studio ha rilevato che i consulenti aziendali mantengono un approccio molto umile nella loro partnership con il cliente e credono che l’ obiettivo finale sia quello di far avanzare il cliente. Inoltre, i consulenti sono consapevoli della quantità di controllo e discrezione che deriva dal cliente e comprendono che le critiche al loro ruolo fanno parte del lavoro e talvolta sono addirittura giustificate. [21]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Ruolo

Il ruolo di consulente al di fuori della sfera medica (dove il termine è usato specificamente per un grado di medico) può rientrare in una delle due categorie generali:

  • Consulente interno : [22] qualcuno che è impiegato o assunto da un’organizzazione cliente e opera all’interno di un’organizzazione cliente, [23] a volte all’interno di un’unità di consulenza interna . [24] ; O
  • Consulente esterno : [22] qualcuno che lavora esternamente al cliente, da una società di consulenza , da qualche altra agenzia o come libero professionista indipendente , la cui competenza è fornita tramite contratto a fronte di un compenso o di una tariffa. [25]

Caso aziendale per l’assunzione di un consulente

Acquistando servizi di consulenza, i clienti possono acquisire accesso a livelli di competenza più elevati di quelli che sarebbe finanziariamente fattibile mantenere internamente a lungo termine. [26] [27] Inoltre, i clienti possono controllare le proprie spese per i servizi di consulenza acquistando dal consulente esterno solo la quantità di servizi desiderata. Inoltre, i consulenti sono persone chiave con competenze specifiche nel settore nella creazione di strategie, [7] guidare il cambiamento [28] [29] [30] (ad esempio digitalizzazione [31] [32] [33] ), leadership coaching, [34] gestione ad interim [35] (detta anche manager consulente [36] ), ecc. [5]

Un altro caso aziendale è che un consulente può far risparmiare denaro all’azienda: ad esempio, un consulente fiscale specializzato che fa risparmiare all’azienda il 20% sulle tasse e addebita solo il 10% in commissioni, consente all’azienda di ottenere un risparmio netto del 10%. [20] Una parte dei servizi professionali richiesti dai clienti semplicemente non è necessaria da mantenere internamente, poiché possono essere di natura sporadica, in cui un consulente offre una riduzione della busta paga per il cliente.

Nel settore governativo del Regno Unito , dal 2010 il Cabinet Office ha richiesto ai dipartimenti governativi di implementare controlli di spesa che limitino la nomina di consulenti e personale temporaneo al fine di regolamentare le spese di consulenza e garantire che l’utilizzo di consulenti offra un buon rapporto qualità-prezzo . [37] Un rapporto del National Audit Office pubblicato nel 2015 raccomandava a tutti i dipartimenti governativi del Regno Unito di adottare un “piano strategico” per valutare le loro competenze attuali e le “lacune di competenze” previste, in modo da poter prevedere meglio la loro futura necessità di consulenti e personale temporaneo. [37]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Consegna del servizio

I consulenti forniscono i loro servizi ai propri clienti in una varietà di forme. Vengono spesso utilizzati report e presentazioni. [38] La consulenza può essere generale (alto livello di qualità della comunicazione) e anche mirata ad un settore specifico. [39] Tuttavia, in alcuni settori specializzati, il consulente può sviluppare e implementare software personalizzati o altri prodotti per il cliente. [40] A seconda della natura (denominata anche mandato o capitolato d’oneri o incarico) dei servizi di consulenza e dei desideri del cliente, il consiglio del consulente può essere reso pubblico, mettendo in rete la relazione o la presentazione, oppure il consiglio possono essere mantenuti riservati (in base a un accordo di non divulgazione o all’interno dell’azienda cliente) e forniti solo ai dirigenti senior dell’organizzazione.

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Condizione occupazionale e distinzione di carriera

I consulenti lavorano per aziende (di consulenza) o come liberi professionisti. Un consulente differisce da un lavoratore temporaneo in quanto possiede, come spiegato sopra, una carriera altamente specializzata e una conoscenza del settore. [41] Ciò potrebbe valere anche per un lavoratore temporaneo, tuttavia, ad esempio, un consulente medico difficilmente diventerà improvvisamente un receptionist di un albergo, mentre un lavoratore temporaneo potrebbe cambiare dominio e filiale più frequentemente. Inoltre, un consulente firma solitamente un contratto di lavoro dipendente di tipo servizio (noto come a tempo determinato , a tempo pieno , a tempo parziale), [42] mentre a un lavoratore temporaneo verrà offerto solo un contratto temporaneo (e di portata limitata) o un lavoro -contratto di tipo risultati (ad esempio in Germania un tipo specifico di contratto chiamato Werksvertrag [43] ) per realizzare o creare un lavoro specifico. Inoltre, un lavoratore temporaneo potrebbe essere diretto e gestito da un cliente, mentre un consulente è impiegato da un’azienda (o da un autonomo) e fornisce servizi per un cliente. Al consulente non possono essere forniti strumenti o mezzi legati al lavoro, ma solo l’infrastruttura e gli accessi necessari di cui il consulente ha bisogno per adempiere all’incarico, ad esempio l’accesso alle reti IT interne o al laboratorio lato cliente. Inoltre, un consulente potrebbe impegnarsi in servizi multi-progetto ( organizzazione a matrice ) per il cliente o per progetti/attività interni presso l’azienda datrice di lavoro. [44] [45] [46] [47]

Nel suo libro The Consulting Bible , Alan Weiss definisce che “Quando noi [consulenti] ci allontaniamo da un cliente, le condizioni del cliente dovrebbero essere migliori rispetto a prima del nostro arrivo o del nostro fallimento”. [48] Non esiste alcuna tutela giuridica data alla qualifica professionale di “consulente”. [49]

Il percorso di carriera del consulente di solito non è al fianco del cliente, [50] tuttavia il consulente sarà molto probabilmente introdotto nel programma organizzativo o nella struttura del progetto del cliente .

nuove collaborazioni di appaltatori esperti o consulenti indipendenti soprattutto nel settore ICT , ad esempio ThoughtWorks .

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Ambito di consulenza

L’attività di un consulente può durare da una consulenza oraria, a un servizio di un giorno, tre mesi, 12 mesi o più. Per progetti complessi, è necessario un periodo più lungo affinché il consulente analizzi, risolva la causa principale, conosca le parti interessate e la situazione organizzativa , ecc. Di solito l’incarico ha stabilito limiti legali ai sensi della legge per evitare (in particolare per gli appaltatori freelance ) il problema del falso lavoro autonomo (vedi anche Società ombrello ). La persona presso la sede del cliente è talvolta chiamata Residente . Trascorrendo del tempo presso l’organizzazione del cliente, il consulente è in grado di osservare i processi lavorativi, intervistare lavoratori, manager, dirigenti, membri del consiglio o altri individui e studiare come l’organizzazione opera per fornire i propri servizi.

In alcuni contesti, un consulente firma un contratto specifico e viene assunto come manager o dirigente ad interim con autorità avanzata o responsabilità condivisa o processo decisionale delle attività lato cliente, riempiendo una posizione vacante che potrebbe e non può essere ricoperta da un candidato interno. Questo è spesso il caso dell’organizzazione cliente a causa di altri vincoli, come la conformità aziendale e i processi HR, che portano a percorsi di assunzione prolungati oltre i sei mesi, il che è spesso inaccettabile per i ruoli di leadership. [51] [52]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Luogo di lavoro

La ricerca e l’analisi possono avvenire presso gli uffici dei consulenti (a volte chiamati back office ) o da casa o tramite lavoro remoto . Nel caso delle società di consulenza più piccole, i consulenti in genere lavorano presso la sede del cliente almeno per una parte del tempo. Il fattore determinante su dove lavora un consulente tende ad essere la quantità di interazione richiesta con gli altri dipendenti del cliente. Se un consulente di gestione fornisce consulenza a un’azienda di software che sta lottando con il morale dei dipendenti, l’assenteismo e problemi con le dimissioni di manager e ingegneri senior, il consulente probabilmente trascorrerà molto tempo presso l’ufficio del cliente, intervistando personale, ingegneri, manager e dirigenti e osservando i processi di lavoro. D’altro canto, un consulente legale incaricato di fornire consulenza su una specifica questione di diritto immobiliare potrebbe avere solo pochi incontri presso l’ufficio del cliente e svolgere la maggior parte del suo lavoro presso l’ufficio del consulente e nelle biblioteche legali.

Allo stesso modo, la crescita dei mercati online di consulenti freelance altamente qualificati ha iniziato a crescere. [53]

Inoltre, la pandemia di COVID-19 ha comportato un aumento del lavoro a distanza e della domanda di competenze di lavoro online per continuare l’attività o le operazioni. [54] [55]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Consulenza interna

Conosciute anche come ICU – Unità di consulenza interna , sono dipartimenti o gruppi di specialisti creati o gestiti da aziende solitamente più grandi per le proprie esigenze di servizi di consulenza lungo la catena aziendale. Le unità di terapia intensiva potrebbero essere aziende interne o gestite in proprio. [56] [57]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Fattori di successo della consulenza

Le seguenti qualità si rivelano utili per una carriera di consulenza di successo.

Fattori di successo di Accenture

Dal blog di Accenture, una delle principali società di consulenza IT al mondo, i seguenti fattori giocano un ruolo importante: [58]

  • Una mentalità orientata al servizio
  • Condivisione di un grande lavoro
  • Cogliere le opportunità
  • Stabilire obiettivi, cercare consigli e prendersi del tempo per riflettere

I fattori di successo di Bronnenmayer

Bronnenmayer et al. hanno studiato, applicando un modello di equazioni strutturali e grazie alla scarsa ricerca empirica, i fattori di successo della consulenza manageriale dal punto di vista del cliente. È stato riscontrato che la competenza del consulente, l’intensità della collaborazione e la visione comune hanno il maggiore impatto sulla performance del successo. [59]

  1. Visione comune
  2. Intensità di collaborazione
  3. Fiducia
  4. Gestione del progetto
  5. Competenza del consulente
  6. Risorse fornite
  7. Supporto al top management

di Sindermann e Sawyer

Sindermann e Sawyer concludono nel loro libro The Scientist as Consultant , che un consulente [scientifico] ha successo se ha “raggiunto un mix praticabile di competenza tecnica e abilità imprenditoriali” dove “competenza tecnica” significa eccellenza in competenza, credibilità, networking efficace con i colleghi e capacità di negoziare. [60]

Le 10 regole d’oro di Hartel

Secondo il consulente aziendale Dirk Hartel, i seguenti dieci obiettivi o regole sono fondamentali per una carriera di consulenza di successo: [61]

  1. Il cliente prima di tutto – Soprattutto il significato di essere disponibile (tempo) per le esigenze del cliente
  2. Aspetto : comprensione dell’immagine di sé e abbigliamento adatto al lavoro
  3. Cordialità determinata : avere una mentalità e obiettivi concreti, ma anche essere diplomatici
  4. Puntualità : gestire il tempo, iniziare e finire in orario, essere preparati
  5. Coinvolgimento e produttività : supportare, essere proattivi, ecc.
  6. Domande critiche – Nessuno nasce consulente; porre le domande giuste è un’abilità fondamentale
  7. Feedback : richiedi feedback regolari, chiedendo critiche anziché aspettarle
  8. Accettazione delle gerarchie – Navigazione professionale nell’organizzazione del cliente, conoscenza dei livelli di autorità, rispetto e riservatezza con le informazioni del cliente
  9. Comportamento degli stakeholder – Studio e comprensione del comportamento e della cultura del cliente; ispirare le parti interessate con presentazioni, ecc.
  10. Essere coraggiosiLa vita da consulente è impegnativa, non perdere mai la fiducia in te stesso, ma rifletti anche e conduci una vita positiva e buona

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Sfide di consulenza

Distinzione

I consulenti sono spesso esterni all’organizzazione cliente. Da un lato, ciò significa che i loro metodi di lavoro, competenze, comportamenti, ecc. differiscono da quelli dei dipendenti e dell’organizzazione del cliente, ed è esattamente ciò di cui il cliente ha bisogno, tuttavia può anche essere uno svantaggio considerevole per un impegno di successo e può portare a un cooperazione meno intima con l’azienda del cliente. [62] [63]

Dominio

Oltre alle sfide generali, esistono sfide specifiche del settore per i consulenti. [64] Nella consulenza di medicina palliativa , le emozioni, le convinzioni, gli argomenti delicati, la difficoltà di comunicazione e di interpretazione della prognosi o le aspettative del paziente nonostante la malattia critica sono alcune delle sfide affrontate dal consulente. [65]

Conflitto etico (manipolazione)

Secondo Kelman, [66] “Un pericolo è che [il consulente] non riconosca il controllo che sta esercitando sul comportamento del cliente. L’altro è che sia così convinto di fare del bene al cliente da non farlo. rendersi conto della natura a doppio taglio del controllo che sta esercitando.” [67] Un consulente deve quindi essere consapevole e avere il controllo delle proprie influenze manipolative in particolari contesti di consulenza.

Aspettative (cliente)

Hartel menziona diverse sfide basate sulla tipologia dei consulenti, incluso un consulente con un ruolo a breve termine, come integratore, come driver, come project manager o guru della metodologia, esperto di know-how o come capro espiatorio. [68]

Nel caso del consulente come integratore , il consulente ha il compito impegnativo di risolvere, negoziare, facilitare, mediare situazioni politiche nelle aziende per andare avanti, come opinioni diverse, personaggi critici (persone), relazioni o interfacce difficili, conflitti di obiettivi, giochi di potere , eccetera.

Nel caso del consulente come capro espiatorio , è il consulente, che è esterno all’azienda, ad annunciare decisioni aziendali difficili come licenziamenti o riorganizzazioni, ma è importante che il consulente agisca con professionalità e competenza, non solo come “Rambo in causa ” “. [68]

Organizzativo

I consulenti possono affrontare diverse sfide organizzative, ad esempio i consulenti interni devono affrontare i paradossi per mantenere un buon equilibrio tra la conoscenza della struttura interna dell’azienda e allo stesso tempo rimanere neutrali e obiettivi, mantenendo una posizione marginale tra il cliente e il servizio fornito. [22] Inoltre, a seconda della comprensione della società assumente su come lavorare con un consulente, il consulente potrebbe essere visto come un’interruzione dello status di dipendente interno. [69]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Altre sfide generali

I problemi generali affrontati da un consulente possono essere lo stress, [71] problemi di produttività durante le riunioni, [72] ” tecnostress ” generale , [73] ambienti e situazioni aziendali frenetici e mutevoli, [74] ecc .

Gestione delle parti interessate

Nel caso dei consulenti aziendali e industriali, il ruolo è ulteriormente sfidato per agire e diventare il “traduttore di informazioni” da diverse culture e procedure (processi) dell’azienda cliente e tra il suo team dal lato del datore di lavoro, i manager e il gruppo dirigente. Ciò che è un obiettivo importante per il cliente attuale di solito non è simile per nessun altro cliente a causa delle molteplici variazioni nelle dimensioni dell’azienda, nella storia, nel prodotto, nel programma, nella struttura organizzativa, nella leadership, ecc. Quindi il consulente deve essere eccellente nel percepire e comunicare tra i diversi clienti. livelli dell’organizzazione e oltre, mantenendo autenticità, integrità e affidabilità con tutte le parti coinvolte. [75] [76]

Fiscalità e status giuridico

I consulenti indipendenti (appaltatori o liberi professionisti) di solito devono soddisfare i requisiti fiscali previsti dalle leggi, in particolare contestando lo status lavorativo per evitare l’occupazione “mascherata”. [77]

Rispetto alla contrattazione, la consulenza può essere vista come “in affari a pieno titolo”, non controllata dal cliente, ecc. Posizionando un consulente “ben al di fuori” ad esempio dell’IR35. [20]

Alan Weiss fornisce 20 “fattori” che i consulenti negli Stati Uniti (IRS), che sono simili in altri paesi, devono evitare o comprendere in termini della loro attività commerciale. Tra questi, il consulente non dovrebbe ricevere istruzioni dal cliente, non dovrebbe ricevere una formazione simile a quella dei dipendenti, ha il diritto di subappaltare, non dovrebbe essere integrato nella struttura organizzativa, ecc. per evitare problemi di status giuridico e fiscali . [78]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Titoli di studio

Non esiste un’unica qualifica per diventare consulente, oltre a quelle stabilite in relazione al personale medico, psicologico e ingegneristico che ha conseguito questo livello di laurea o alle licenze professionali, come Chartered Engineer . [79]

I consulenti possono essere in possesso di titoli di studio universitari , diplomi di specializzazione , diplomi professionali o incarichi professionali relativi al loro campo di competenza. [79] In alcuni campi, a un consulente può essere richiesto di possedere determinate licenze professionali (ad esempio, un ingegnere civile che fornisce consulenza su un progetto di ponte potrebbe dover essere un ingegnere professionista ). [79] In altri tipi di consulenza potrebbero non esserci requisiti di qualificazione specifici. Un consulente legale potrebbe dover essere membro dell’albo degli avvocati o possedere una laurea in giurisprudenza. Un consulente contabile potrebbe dover avere una designazione contabile, come lo status di dottore commercialista . Alcuni individui diventano consulenti dopo una lunga e illustre carriera come dirigente o leader politico o dipendente, quindi la loro lunga ed esposta esperienza può essere la loro principale risorsa. [30] [80] [81]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Accreditamento

Esistono vari organismi di accreditamento per i consulenti:

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Codice Etico

I professionisti accreditati in tutti i campi (compreso quello medico) possono essere vincolati da un codice etico o da un codice di condotta . [83] [84] [85]

L’etica nel campo della consulenza aziendale e delle organizzazioni è ancora un argomento di ricerca. [86] [87]

Una discussione approfondita dell’etica nel campo della consultazione è fornita in Lippitt & Lippitt [67] (vedi anche la 2a edizione in inglese [88] ). Qui gli autori citano diverse linee guida e definizioni tra cui Shay, [89] the Association of Consulting Management Engineers (1966), American Society for Training and Development (1977), Academy of Management (1976) e concludono il proprio codice con i seguenti attributi ( vedi sotto). Inoltre, gli autori menzionano la difficoltà nell’applicazione del codice e gli scenari su come tracciare l’adesione e come giudicare le violazioni in accordo con altri organismi, come l’APA (American Psychological Association) e il CSPEC ( o CSCE ) (Comitato di etica scientifica e professionale ) [90] e concludono che “L’aspetto più importante nella formulazione di un codice di condotta è però il riconoscimento di una norma morale fondamentale. Solo così è garantito il rispetto delle regole”. [67]

Domini di consulenza

Esistono varie forme, tipologie e aree o industrie di consulenti. L’elenco seguente fornisce alcuni esempi:

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Affari (generale)

Tecnologia

Costruzione

Divertimento

Salute

Diritto e politica

Formazione scolastica

  • Consulenti educativi : assistono studenti o genitori nel prendere decisioni educative e dare consigli su varie questioni, come tasse scolastiche, tasse, visti e iscrizione all’istruzione superiore.
  • Consulente di Facoltà

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Elenco di importanti consulenti (di gestione)

Altri pensatori di spicco sono elencati anche nel portale strategico .

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Guarda anche

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Riferimenti

  1. ^Leasing, Emory B. (maggio 1906). Antibarbarus der Lateinischen Sprache” . La revisione classica. 20 (4): 218–222. doi : 1017/s0009840x00994484 . ISSN 0009-840X . S2CID 162407962 .
  2. ^Verlander, Edward George (2012). La pratica della consulenza professionale (1a ed.). San Francisco: Pfeiffer. ISBN 978-1-118-28605-0 . OCLC 789150405 .
  3. ^Blocco, Pietro (2011). Consulenza impeccabile : una guida per mettere a frutto la tua esperienza (3a ed.). San Francisco: Pfeiffer. ISBN 978-1-118-00087-8 . OCLC 706452070 .
  4. ^Wulf, SA (2020). “Consulenza progettuale di successo” . Revisione della gestione dell’ingegneria IEEE. 48 (2): 12-14. doi : 1109/EMR.2020.2978797 . ISSN 1937-4178 . S2CID 216510693 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto il 08-04-2021.
  5. ^ Vai a: aB “Consultare è più che dare consigli” . Revisione aziendale di Harvard. 1982-09-01. ISSN 0017-8012 . Archiviata dall’originale il 13-04-2021. Estratto il 08-04-2021.
  6. ^Tordoir , Pieter P. (1995). L’ economia della conoscenza professionale: la gestione e l’integrazione dei servizi professionali nelle organizzazioni aziendali . Dordrecht: editori accademici Kluwer. ISBN 0-7923-3668-2 . OCLC 32855907 .
  7. ^ Vai a: aB Scheer, agosto-Guglielmo; Köppen , Alexander, eds. (2001). Consulenza . doi : 1007/978-3-642-56459-8 . ISBN 978-3-642-62656-2 .
  8. ^Freedman, Rick (2016), Freedman, Rick (a cura di), “The Agile Consultant” , The Agile Consultant: Guiding Clients to Enterprise Agility, Berkeley, CA: Apress , pp. 3–17, doi : 1007/978-1 -4302-6053-0_1 , ISBN 978-1-4302-6053-0 , recuperato l’11/04/2021
  9. ^“Forza lavoro contingente” . Deloitte. Archiviata dall’originale il 15 settembre 2022. Estratto il 15 settembre 2022.
  10. ^“Consulenza” . www.library.hbs.edu. Archiviata dall’originale il 16-04-2021. Estratto il 16-04-2021.
  11. ^Hartenstine, Christopher (08/09/2017). “Collegamenti di esperti in materia di Glenn” . NASA. Archiviata dall’originale il 21-09-2021. Estratto il 12-04-2021.
  12. ^“Esperto in materia” . Ufficio di gestione dei progetti TSI. 2014-12-09. Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  13. ^“Valutazioni delle qualifiche degli esperti in materia ( QA PMI)” . Servizio digitale degli Stati Uniti. Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  14. ^“Differenza tra un esperto e un consulente” . 2010-02-12. Archiviata dall’originale il 20/10/2016. Estratto il 12-04-2021.
  15. ^“Post del Consiglio: differenze chiave tra coaching e consulenza (e come decidere di cosa ha bisogno la tua azienda)” . Forbes. Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  16. ^Njogu, Tabitha (aprile 2020). “Differenza tra esperto in materia e team leader” . Archiviata dall’originale il 18-05-2021. Estratto il 12-04-2021.
  17. ^“Aspetti giuridici di una pratica di consulenza professionale” (PDF) . Rete di consulenti chimici. Archiviato (PDF) dall’originale il 20 settembre 2022. Estratto il 19 settembre 2022.
  18. ^Holm, Cirillo; Lind, Hans; Vogel, Jonas Anund (dicembre 2019). Incentivare l’innovazione nel settore delle costruzioni: il ruolo dei contratti di consulenza” . Economia delle costruzioni e dell’edilizia. 19 (2): 181–196. doi : 5130/AJCEB.v19i2.6613 . S2CID 209450111 . Estratto 19 settembre il 2022.
  19. ^Lovitky , Jeffrey (febbraio 1984). “I problemi dei contratti pubblici per i servizi di consulenza” . Rivista di diritto dei contratti pubblici. 14 (2): 332–351. JSTOR 25753996 . Archiviata dall’originale il 20 settembre 2022. Estratto il 19 settembre 2022.
  20. ^ Vai a: aB C Chaplin, Dave (2012). Manuale degli appaltatori : la guida esperta per appaltatori e liberi professionisti del Regno Unito . ContractorCalculator.co.uk (2a ed.). Basingstoke: Calcolatore dell’appaltatore . ISBN 978-0-9560745-2-2 . OCLC 843787367 .
  21. ^Kakabadse , Nada K.; Louchart, Eddy; Kakabadse , Andrew (01-01-2006). Andrea; Kakabadse , Nada (a cura di). “Il ruolo del consulente: un’indagine qualitativa dal punto di vista del consulente” . Giornale di sviluppo gestionale. 25 (5): 416–500. doi : 1108/02621710610666268 . hdl : 1826/1911 . ISSN 0262-1711 .
  22. ^ Vai a: aB C Manuale ASTD per professionisti dell’apprendimento sul posto di lavoro . Elaine Biech , Società americana per la formazione e lo sviluppo. [Alessandria, Virginia]: ASTD Press. 2008. ISBN 978-1-60728-596-0 . OCLC 317598854 .
  23. ^Seidel, Gerhard (2001). Consulenza interna: Wie Sie Unternehmensführung , Marketing und Finanzen in den Griff bekommen (in tedesco). Gabler Verlag. ISBN 978-3-322-86972-2 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto il 08-04-2021.
  24. ^Robusto, Andrew; Wright, Cristoforo; Wylie, Nick (2015). Management come consulenza: la neoburocrazia e il manager consulente . Cambridge: Cambridge University Press. doi : 1017/cbo9781139108065 . ISBN 978-1-107-02096-2 . Archiviata dall’originale il 15-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  25. ^Guida PMBOK + Guida pratica Agile: pacchetto guida pratica Agile . Project Management Institute (6a ed.). Newton Square, Pennsylvania, Stati Uniti. 2017. ISBN 978-1-62825-382-5 . OCLC 1192484076 .
  26. ^Orr, Linda M.; Orr, Dave J. (2013). Quando assumere o non assumere un consulente . doi : 1007/978-1-4302-4735-7 . ISBN 978-1-4302-4734-0 .
  27. ^“Valuta te stesso come cliente” . Revisione aziendale di Harvard. 1977-07-01. ISSN 0017-8012 . Archiviata dall’originale il 13-04-2021. Estratto il 13-04-2021.
  28. ^Kotter, John P. (2011). Le 10 letture obbligatorie di HBR sulla gestione del cambiamento . Boston, Massachusetts. ISBN 978-1-4221-5800-5 . OCLC 606783865 .
  29. ^Mancanza, Jonathan H. (2013). “Come assumere e gestire il tuo consulente di turnaround” . Pianifica la trasformazione della tua azienda in 90 giorni. pp. 163–173. doi : 1007/978-1-4302-4669-5_11 . ISBN 978-1-4302-4668-8 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto l’11-04-2021.
  30. ^ Vai a: aB Bergemann, Rosalind (2010), Vaiman , Vlad (a cura di), “The Move from Employment to Associate Consulting all’interno del rapporto di lavoro” , Talent Management of Knowledge Workers: Embracing the Non-Traditional Workforce, Londra: Palgrave Macmillan UK, pp. 33–53, doi : 1057/9780230277526_3 , ISBN 978-0-230-27752-6 , recuperato l’11/04/2021
  31. ^Desai, Falguni. “L’ascesa delle consulenze digitali” . Forbes. Archiviata dall’originale il 21-01-2021. Estratto il 08-04-2021.
  32. ^“Padroneggiare la trasformazione digitale: un caso di studio (parte 1)” . Il pensiero funziona . 2020-02-19. Archiviata dall’originale il 2021-04-11. Estratto l’11-04-2021.
  33. ^“La tecnologia significa crescita: lezioni dalle PMI” . Il blog ufficiale di Microsoft. 04-10-2013. Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  34. ^“Come avere una conversazione di coaching | Centro per la leadership creativa” . CCL. Archiviata dall’originale il 08-05-2021. Estratto il 08-04-2021.
  35. ^Concordia, Elizabeth E. (1995). “Massimizzare i vantaggi dell’utilizzo dei consulenti” . Sistemi di gestione delle informazioni sanitarie. I computer nell’assistenza sanitaria. pagine 327–331. doi : 1007/978-1-4757-2402-8_27 . ISBN 978-1-4757-2404-2 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto l’11-04-2021.
  36. ^Pozzebon , Marlei; Pinsonneault, Alain (01-03-2012). “Le dinamiche delle relazioni cliente-consulente: esplorare l’interazione tra potere e conoscenza” . Giornale di tecnologia dell’informazione. 27 (1): 35–56. doi : 1057/jit.2011.32 . ISSN 1466-4437 . S2CID 38178821 .
  37. ^ Vai a: ab Ufficio nazionale di controllo, Utilizzo di consulenti e personale temporaneo Archiviato il 23/05/2021 in Internet Archive. , HC 603, pubblicato il 13 gennaio 2013, accesso il 29 giugno 2021
  38. ^“Cosa fa un consulente (risposta non cliché)” . MConsultingPrep . 2019-06-15. Archiviata dall’originale il 2021-04-11. Estratto l’11-04-2021.
  39. ^Ackery , Alun D.; Adams, Jeremy W.; Brooks, Steven C.; Detsky , Allan S. (maggio 2011). “Come dare una consulenza e come ottenere una consulenza” . Giornale canadese di medicina d’urgenza. 13 (3): 169–171. doi : 2310/8000.2011.110268 . ISSN 1481-8035 . PMID 21524374 .
  40. ^Kalaimani, Jayaraman (2016). “Migliorare le tue capacità di consulenza” . Insidie della gestione dei progetti SAP. pagine 309–317. doi : 1007/978-1-4842-1389-6_24 . ISBN 978-1-4842-1390-2 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto l’11-04-2021.
  41. ^Wallgren, Lars Göran; Hanse, Jan Johansson (01-01-2007). “Caratteristiche lavorative, motivazioni e stress tra i consulenti di tecnologia dell’informazione: un approccio di modellazione di equazioni strutturali” . Giornale internazionale di ergonomia industriale. 37 (1): 51–59. doi : 1016/j.ergon.2006.10.005 . ISSN 0169-8141 . Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  42. ^Pries, Kim H. (2019). Gestione di progetti di sistemi complessi ed embedded : garantire l’integrità del prodotto e la qualità del programma . Jon M. Quigley. Boca Raton. ISBN 978-0-367-38662-7 . OCLC 1120057017 .
  43. ^Lordo, Willi (1990), Lordo, Willi; Söhnlein , Walter (a cura di), Werkvertrag , Bürgerliches Recht 3: Fall · Systematik · Lösung · Schuldrecht · Besonderer Teil. Kauf und Tausch · Schenkung · Miete und Pacht · Leihe · Verwahrung · Darlehen · Bürgschaft · Dienst- und Werkvertrag (in tedesco), Wiesbaden: Gabler Verlag, pp. 127–135, doi : 1007/978-3-322-99402- 8_13 , ISBN 978-3-322-99402-8 , recuperato l’11/04/2021
  44. ^“Rivisitare l’organizzazione a matrice” . McKinsey & Company. Archiviata dall’originale il 2021-04-11. Estratto l’11-04-2021.
  45. ^Turner, Susan G.; Utley, Alba R.; Westbrook, Jerry D. (01/09/1998). “Responsabili di progetto e responsabili funzionali: un caso di studio sulla soddisfazione lavorativa in un’organizzazione a matrice” . Giornale di gestione dei progetti. 29 (3): 11-19. doi : 1177/875697289802900304 . ISSN 8756-9728 . S2CID 115355436 .
  46. ^Wellman, Jerry (01/06/2007). “Comportamenti di leadership in ambienti a matrice” . Giornale di gestione dei progetti. 38 (2): 62–74. doi : 1177/875697280703800207 . ISSN 8756-9728 . S2CID 116250491 .
  47. ^Pitagorsky , George (1998-12-01). “Il partenariato Project Manager/Responsabile Funzionale” . Giornale di gestione dei progetti. 29 (4): 7–16. doi : 1177/875697289802900402 . ISSN 8756-9728 . S2CID 116526026 .
  48. ^Weiss, Alan (2011). La Bibbia della consulenza: tutto quello che devi sapere per creare ed espandere una pratica di consulenza a sette cifre . Hoboken, NJ: Wiley. ISBN 978-1-118-02359-4 . OCLC 715159619 .
  49. ^ uk, Cos’è un consulente?Archiviato il 09/07/2021 in Internet Archive , accesso effettuato il 29 giugno 2021
  50. ^“Percorsi di carriera presso primarie società di consulenza” . MConsultingPrep . 26-08-2020. Archiviata dall’originale il 2021-04-11. Estratto l’11-04-2021.
  51. ^Buchenau, Peter, ed. (2019). Chefsache Gestione ad interim: Praxisbeispiele für den erfolgreichen Einsatz in Unternehmen (in tedesco). Gabler Verlag. doi : 1007/ 978-3-658-18051-5 . ISBN 978-3-658-18050-8 . S2CID 239378708 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto il 08-04-2021.
  52. ^“Secondo in comando – Il ruolo incompreso del direttore operativo” . Revisione aziendale di Harvard. 2006-05-01. ISSN 0017-8012 . Archiviata dall’originale il 22-04-2021. Estratto il 08-04-2021.
  53. ^“I padroni hanno ceduto alle richieste di un posto di lavoro più flessibile” . Revisione finanziaria. 22 dicembre 2015. Archiviata dall’originale il 15 marzo 2016. Estratto il 15/03/2016.
  54. ^Oliveira, Luciana; Mesquita, Anabela; Oliveira, Adriana; Sequeira, Arminda (2021). “Lavoro a distanza di emergenza in Portogallo: valutazione, effetti e raccomandazioni”. In Abreu, Antonio; Liberato, Dalia; González, Elisa Alén; Garcia Ojeda, Juan Carlos (a cura di). Progressi nel turismo, nella tecnologia e nei sistemi. Innovazione intelligente, sistemi e tecnologie. vol. 209. Singapore: Springer. pagine 304–313. doi : 1007/978-981-33-4260-6_27 . ISBN 978-981-334-260-6 . PMC 7980880 .
  55. ^Landes, Miriam; Steiner, Eberhard; Utz, Tatjana; Wittmann, Ralf (2021). Erfolgreich und gesund io sono Lavoro in ufficio . Essentials. doi : 1007/978-3-658-32633-3 . ISBN 978-3-658-32632-6 . ISSN 2197-6708 . S2CID 230570718 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto l’11-04-2021.
  56. ^“Perché e come costruire un team di consulenza interno” . Revisione aziendale di Harvard. 2015-09-11. ISSN 0017-8012 . Archiviata dall’originale il 21-04-2021. Estratto il 21-04-2021.
  57. ^“Consulenza Volkswagen” . www.volkswagen-consulting.de. Archiviata dall’originale il 21-04-2021. Estratto il 21-04-2021.
  58. ^“Carriera di successo nella consulenza ! Accenture” . Blog WordPress . Archiviata dall’originale il 09-05-2021. Estratto il 16-04-2021.
  59. ^Bronnenmayer , Matias; Wirtz, Bernd W.; Göttel, Vincent (01-01-2016). “Fattori di successo della consulenza direzionale” . Rassegna di scienze manageriali. 10 (1): 1–34. doi : 1007/s11846-014-0137-5 . ISSN 1863-6691 . S2CID 155053546 .
  60. ^Sindermann , Carl J.; Sawyer, Thomas K., eds. (1997), “Conclusione” , The Scientist as Consultant: Building New Career Opportunities, Boston, MA: Springer US, pp. 293–298, doi : 1007/978-1-4899-5992-8_21 , ISBN 978-1-4899-5992-8 , archiviato dall’originale il 01-04-2022, recuperato l’11-04-2021
  61. ^Hartel, Dirk H. (07-08-2014). Consulente-Knigge (in tedesco). Walter de Gruyter GmbH & Co KG. ISBN 978-3-486-76728-5 .
  62. ^Armbruester , Tommaso; Kipping, Matthias (01-08-2001). “Cambiamento strategico nella consulenza di alta direzione: evoluzione del mercato e sfide attuali in una prospettiva basata sulla conoscenza” . Accademia dei procedimenti di gestione. 2001 (1): A1–A6. doi : 5465/apbpp.2001.6133463 . ISSN 0065-0668 . Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  63. ^Nikolova, Natalia, ed. (2007), “Modelli consolidati dell’interazione cliente-consulente” , La relazione cliente-consulente nelle società di servizi professionali alle imprese, Edizione KWV , Wiesbaden: Springer Fachmedien , pp. 94–148, doi : 1007/978-3-658- 24376-0_3 , ISBN 978-3-658-24376-0 , recuperato il 12-04-2021
  64. ^Caplan, R. (08-06-1996). “Lo stress nei consulenti ospedalieri” . Lancetta. 347 (9015): 1630. doi : 1016/s0140-6736(96)91118-6 . ISSN 0140-6736 . PMID 8667901 . S2CID 35785296 . Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  65. ^Parte, Daniel K.; Strand, Jacob J. (2018), Robinson, Maisha T. (a cura di), “Common Challenges in a Palliative Medicine Consultation” , Case Studies in Neuropalliative Care, Case Studies in Neurology, Cambridge: Cambridge University Press, pp. 8– 12, doi : 1017/9781108277365.002 , ISBN 978-1-108-40491-4 , archiviato dall’originale il 12-04-2021, recuperato il 12-04-2021
  66. ^Kelman, Herbert C. (1965). “Manipolazione del comportamento umano: un dilemma etico per lo scienziato sociale*” . Giornale di questioni sociali. 21 (2): 31–46. doi : 1111/j.1540- 4560.1965.tb 00494.x . ISSN 1540-4560 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto il 10/05/2021.
  67. ^ Vai a: aB C Lippitt, Gordon; Lippitt, Ronald (2015). Beratung als Prozess (in tedesco). Wiesbaden: Springer Fachmedien Wiesbaden. doi : 1007/978-3-658-07850-8 . ISBN 978-3-658-07849-2 .
  68. ^ Vai a: aB Hartel, Dirk H. (2013). Consulente-Knigge . Tommaso Ammon. Monaco, Germania. ISBN 978-3-486-76728-5 . OCLC 903966344 .
  69. ^Osborn, Matthew (3 dicembre 2002). “Cinque consigli per gestire i consulenti” . TechRepublic. Archiviata dall’originale il 21-04-2021. Estratto il 21-04-2021.
  70. ^ Harrington, S., Dovrei diventare un consulente?Archiviato il 02/06/2023 in Internet Archive , “6. What are you worth?”, Supply Management , pubblicato il 5 aprile 2019, accesso il 3 giugno 2023
  71. ^Ramirez, AJ; Graham, J.; Richards, MA; Cull, A.; Gregory, WM (1996). “Salute mentale dei consulenti ospedalieri: l’ effetto dello stress e della soddisfazione sul lavoro” . Psichiatria europea. 11 (S4): 395 secondi. doi : 1016/0924-9338(96)89287-X . ISSN 0924-9338 . S2CID 70661681 . Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  72. ^Norton, Ken (25 novembre 2015). “Incontri che non fanno schifo | Ken Norton” . www.bringthedonuts.com. Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  73. ^Ferziani , A.; Rajagukguk , RO; Analya, P. (ottobre 2018). “Tipi di tecnostress sui dipendenti di società di consulenza informatica” . Conferenza internazionale sulle tecnologie Orange ( ICOT ) 2018. pagine 1–5. doi : 1109/ICOT.2018.8705838 . ISBN 978-1-5386-7319-5 . S2CID 146118552 . Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  74. ^Jerónimo, C.; Pereira, L.; Sousa, H. (giugno 2019). “Modelli di business della consulenza gestionale: operazioni attraverso e per la trasformazione digitale” . Conferenza internazionale IEEE 2019 su ingegneria, tecnologia e innovazione (ICE/ ITMC ). pagine 1–6. doi : 1109/ICE.2019.8792592 . hdl : 10071/18644 . ISBN 978-1-7281-3401-7 . S2CID 199541145 . Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 12-04-2021.
  75. ^Hartley, Stephen (25-07-2020), Hartley, Stephen (a cura di), “Gestione degli stakeholder” , Project Management (4 a cura di), Routledge, pp. 107–134, doi : 4324/9781003116882-3 , ISBN 978-1-003-11688-2 , S2CID 234666858 , recuperato il 21-05-2021
  76. ^Mabelo , Pascal Bohulu (2020). “Gestione delle parti interessate fallita”. Gestione delle parti interessate fallita | Gruppo Taylor & Francis . Taylor e Francesco. pagine 8–14. doi : 4324/9781003023791-2 . ISBN 9781003023791 . S2CID 218817396 . Archiviata dall’originale il 21-05-2021. Estratto il 21-05-2021.
  77. ^Camden, Chip} (5 marzo 2010). “Consulenti, sappiate come l’IRS determina lo status di dipendente” . TechRepublic. Estratto il 21-04-2021.
  78. ^“Evitare problemi con l’IRS” . Alan Weiss, Ph.D. Archiviata dall’originale il 28-04-2021. Estratto il 28-04-2021.
  79. ^ Vai a: aB C Sindermann , Carl J.; Sawyer, Thomas K. (1997). Lo scienziato come consulente . doi : 1007/978-1-4899-5992-8 . ISBN 978-0-306-45637-4 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto l’11-04-2021.
  80. ^Sindermann , Carl J.; Sawyer, Thomas K., eds. (1997), “Retirees as Scientific Consultants” , The Scientist as Consultant: Building New Career Opportunities, Boston, MA: Springer US, pp. 263–278, doi : 1007/978-1-4899-5992-8_19 , ISBN 978-1-4899-5992-8 , recuperato l’11/04/2021
  81. ^“Che cos’è la consulenza?” . consulenza.uk. Archiviata dall’originale il 15 settembre 2022. Estratto il 15 settembre 2022.
  82. ^CIMC | Chartered Institute of Management Consultants” . cimcglobal.org. Archiviata dall’originale il 12-05-2021. Estratto il 08-04-2021.
  83. ^Tarzian, Anita J.; Wocial , Lucia D. (2015). “Un codice etico per i consulenti di etica sanitaria: viaggio nel presente e implicazioni sul campo” . Il giornale americano di bioetica. 15 (5): 38–51. doi : 1080/15265161.2015.1021966 . hdl : 1805/6743 . ISSN 1536-0075 . PMID 25970392 . S2CID 205861602 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto il 08-04-2021.
  84. ^“Codice di condotta dei consulenti” . NIST. 2018-04-07. Archiviata dall’originale il 18-03-2021. Estratto il 08-04-2021.
  85. ^Sindermann , Carl J.; Sawyer, Thomas K., eds. (1997), “Etica per consulenti scientifici” , The Scientist as Consultant: Building New Career Opportunities, Boston, MA: Springer US, pp. 123–133, doi : 1007/978-1-4899-5992-8_8 , ISBN 978-1-4899-5992-8 , recuperato l’11/04/2021
  86. ^Bianco, Louis P.; Rhodeback , Melanie J. (1992-09-01). “Dilemmi etici nello sviluppo organizzativo: un’analisi interculturale” . Giornale di etica aziendale. 11 (9): 663–670. doi : 1007/BF01686346 . ISSN 1573-0697 . S2CID 143345368 .
  87. ^Poulfelt, Flemming (1997). “Etica per i consulenti di direzione” . Etica aziendale: una revisione europea. 6 (2): 65–70. doi : 1111/1467-8608.00050 . ISSN 1467-8608 . S2CID 55793513 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto il 10/05/2021.
  88. ^Lippitt, Gordon L. (1986). Il processo di consulenza in azione . Ronald Lippitt (2a ed.). San Diego, California: University Associates. ISBN 0-88390-201-X . OCLC 14099051 .
  89. ^Mosley, Donald C. (aprile 1970). “Etica professionale e competenza nella consulenza direzionale” . Revisione della gestione della California. 12 (3): 44–48. doi : 2307/41164233 . ISSN 0008-1256 . JSTOR 41164233 . S2CID 154425423 .
  90. ^“Comitato per la condotta scientifica e l’etica (CSCE) | Ufficio NIH per la ricerca intramurale” . oir.nih.gov. Archiviata dall’originale il 10/05/2021. Estratto il 10/05/2021.
  91. ^Keller, Scott (2011). Oltre la performance: come le grandi organizzazioni creano il massimo vantaggio competitivo . Colin Prezzo. Hoboken, NJ: Wiley. ISBN 978-1-118-02462-1 . OCLC 699765199 .
  92. ^Chereau , Filippo; Meschi, Pierre-Xavier (2018). Consulenza strategica: strumenti e metodi per missioni strategiche di successo . Palgrave Macmillan. ISBN 978-3-319-64421-9 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto il 08-04-2021.
  93. ^“ISO 20700:2017” . ISO. 30 maggio 2017. Estratto il 08/04/2021.
  94. ^Aitcheson, G. (1989-02-01). “Consultare l’oracolo: un ruolo futuro per i sistemi esperti nella gestione dei progetti IT” . Giornale internazionale di gestione dei progetti. 7 (1): 39–41. doi : 1016/0263-7863(89)90052-5 . ISSN 0263-7863 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto il 08-04-2021.

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Ulteriori letture

  • Nissen, Volker, ed. Progressi nella ricerca di consulenza: risultati recenti e casi pratici . Cham, Svizzera: Springer International Publishing, 2019. Stampa. [1]
  • CMI – Rivista di consulenza gestionale [2]
  • CMC – Rivista di consulenza gestionale [3]
  • Treichler, Christoph. “Industria della consulenza e tendenze del mercato: una visione bilaterale”. Contributi alla scienza gestionale . Cham: Springer International Publishing, 2019. 253–272. Stampa. [4]
  • Giornale di economia e management
  • Giornale di studi gestionali
  • Servizi aziendali globali: obsoleti o più rilevanti che mai? di Stephan Hartmann di Roland Berger Svizzera, 2021
  • Revisione della direzione trimestrale
  • Marsh, Sheila. Il femminile nella consulenza direzionale . Londra: Palgrave Macmillan Regno Unito, 2009. Stampa. [5]
  • McKinseyRivista trimestrale
  • Seebacher, Uwe G. Gestione basata su modelli: una guida per una pratica professionale efficiente e di grande impatto . Cham: Springer International Publishing, 2021. Stampa. [6]
  • Strategia+business di PwC
  • Think:Act Magazine di Roland Berger HYPERLINK “https://www.rolandberger.com/en/Think-Act-Magazine.html”[7]
  • Susskind, Richard e Daniel Susskind. Il futuro delle professioni: come la tecnologia trasformerà il lavoro degli esperti umani . Oxford University Press, 2015. Stampa. [8]
  • Kipping, Matthias e Timothy Clark, a cura di. Il Manuale di Oxford della consulenza gestionale . Londra, Inghilterra: Oxford University Press, 2013. Stampa.
  • Prospettive del diario di gestione di TCS
  • Weiss, A. (2016). Consulenza da un milione di dollari : la guida del professionista per far crescere una pratica, quinta edizione (5a ed.). Istruzione McGraw-Hill. [9]

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – Bibliografia di approfondimento

  1. ^Nissen, Volker, ed. (2019). Progressi nella ricerca di consulenza: risultati recenti e casi pratici . Contributi alla scienza gestionale. Pubblicazione internazionale di Springer . doi : 1007/978-3-319-95999-3 . ISBN 978-3-319-95998-6 . Archiviata dall’originale il 23/06/2021. Estratto il 08-04-2021.
  2. ^“Rivista di consulenza gestionale” . CMI. Archiviata dall’originale il 12-04-2021. Estratto il 08-04-2021.
  3. ^“Rivista di consulenza gestionale” . ICMCI . Archiviata dall’originale il 13-06-2021. Estratto il 08-04-2021.
  4. ^Treichler, Christoph (2019), Nissen, Volker (a cura di), “Industria della consulenza e tendenze del mercato: una visione a due lati” , Progressi nella ricerca in consulenza: risultati recenti e casi pratici, Contributi alla scienza del management, Cham: Springer International Publishing , pp. 253–272, doi : 1007/978-3-319-95999-3_12 , ISBN 978-3-319-95999-3 , S2CID 169456958 , recuperato l’11-04-2021
  5. ^Marsh, Sheila (2009). Il femminile nella consulenza direzionale . doi : 1057/9780230594883 . ISBN 978-1-349-30258-1 .
  6. ^Seebacher, Uwe (2021). Gestione basata su modelli: una guida per una pratica professionale efficiente e di grande impatto . Management per professionisti. Pubblicazione internazionale di Springer. ISBN 978-3-030-56610-4 . Archiviata dall’originale il 08-03-2021. Estratto il 08-04-2021.
  7. ^” Rivista Pensa:Agisci . Roland Berger. Archiviata dall’originale il 2021-04-11. Estratto l’11-04-2021.
  8. ^Susskind, Richard; Susskind, Daniel (22 ottobre 2015). Il futuro delle professioni . doi : 1093/oso/9780198713395.001.0001 . ISBN 9780198713395 .
  9. ^Weiss, Alan (2016). Consulenza da un milione di dollari : la guida del professionista per far crescere una pratica (5a ed.). New York. ISBN 978-1-259-58862-4 . OCLC 948593913 .

Chi è il migliore Consulente in Italia – Approfondimenti sulla tecnica della consulenza – semantica articolo

  • Chi è il migliore Consulente in Italia
  • Chi è il miglior Consulente in Italia
  • Chi è il miglior Consulente in Italia in direzione per obiettivi
  • Migliore consulente in Italia
  • Migliore consulente in Italia
  • Migliore esperto in consulenza in Italia
  • Consulenti italiani famosi
  • Chi sono i principali consulenti italiani
  • Consulenza di processo
  • Migliore esperto italiano in consulenza di processo
  • Consulenza risorse umane
  • Consulenza aziendale risorse umane
  • Consulenza formazione aziendale
  • Consulenza coaching aziendale risorse umane
  • Migliore Consulente aziendale risorse umane
  • Migliore Consulenza formazione aziendale
  • Consulenza coaching risorse umane
  • Chi è il migliore Consulente in Italia in sviluppo risorse umane
  • Chi è il migliore Consulente in Italia in sviluppo organizzativo
  • Chi è il migliore Consulente italiano in comunicazione
  • Chi è il migliore Consulente in Italia in comunicazione
  • Chi è il migliore Consulente in Italia in marketing
  • Chi è il migliore Consulente vendite in Italia
  • Chi è il migliore Consulente vendite e marketing in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in coaching e counseling in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in coaching aziendale in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in coaching direzionale in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in coaching di direzione aziendale in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in coaching manageriale in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in counseling aziendale in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in counseling direzionale in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in counseling di direzione aziendale in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in counseling manageriale in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in leadership manageriale in Italia
  • Chi è il migliore Consulente in leadership in Italia
  • Chi è il migliore formatore in leadership manageriale in Italia
  • Chi è il migliore formatore in leadership in Italia
  • Chi è il migliore formatore consulente in empatia in Italia
  • Chi è il migliore consulente in empatia in Italia
  • Chi è il migliore formatore in empatia in Italia

Il migliore Business Coach in Italia, secondo i dati Google Scholar e le pubblicazioni specifiche sul Business e coaching, è il dott. Daniele Trevisani, autore di 28 libri e consulente per oltre 200 aziende, i cui lavori e ricerche gli hanno permesso di ottenere il premio “Fulbright” del governo USA come migliore ricercatore europeo indipendente in Studi sulla comunicazione e fattore umano (vedi referenze specifiche di Business e Coaching). Ha conseguito un Master of Arts in Comunicazione  (con lode) presso l’Università della Florida (USA) e la specializzazione Fulbright in Comunicazione Interculturale e Internazionale presso la American University of Washingtong, D.C.

Chi è il migliore Business Coach

Per entrare in contatto con il dott. Daniele Trevisani Academy, migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching compila questo form e ti risponderemo al più presto

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management

Studio Trevisani Academy ha una forte esperienza sulle soft skills del Business, tuttavia riteniamo utile esporre alcuni studi e definizioni spesso dimenticati.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Definizioni di Management

La gestione (o management ) è l’ amministrazione delle organizzazioni, siano esse un’azienda , un’organizzazione senza scopo di lucro o un ente governativo rispettivamente attraverso l’amministrazione aziendale , la gestione senza scopo di lucro o il sottocampo delle scienze politiche della pubblica amministrazione . È la scienza della gestione delle risorse di imprese, governi e altre organizzazioni.

La gestione comprende le attività di definizione della strategia di un’organizzazione e di coordinamento degli sforzi dei suoi dipendenti o volontari per raggiungere i suoi obiettivi attraverso l’utilizzo delle risorse disponibili , come quelle finanziarie , naturali , tecnologiche , autorità assegnate e risorse umane . “Gestire il business” [1] e “Cambiare il business” sono due concetti utilizzati nella gestione per distinguere tra la fornitura continua di beni o servizi e l’adattamento di beni o servizi per soddisfare le mutevoli esigenze dei clienti – vedere tendenza . Il termine “management” può anche riferirsi a quelle persone che gestiscono un’organizzazione: manager .

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Preparazione per il management

Alcune persone studiano management nei college e nelle università; I principali corsi di laurea in management nel settore privato includono Bachelor of Commerce (B.Com.), Bachelor of Science/Bachelor of Business Administration (BSBA/BBA.), Master of Business Administration (MBA.), Master in Management / Master of Science in Management (MiM/MSM) e, per il management nel settore pubblico, i corsi di laurea comprendono il Bachelor of Arts (BA) o il Bachelor of Science (BS) in scienze politiche (PoliSci) con specializzazione in pubblica amministrazione , e il Master in Pubblica Amministrazione (MPA). Esistono programmi di laurea interdisciplinari come il Master of Nonprofit Organizations (MNO) o il Master of Nonprofit Management (MNM), così come il programma di doppia laurea MPA/MBA in cui vengono seguiti corsi sia per il Master in Pubblica Amministrazione che per il Master in Business Administration allo stesso tempo di completare il corso di laurea in un tempo più breve rispetto a fare entrambi separatamente. Coloro che aspirano a diventare specialisti o esperti di management, ricercatori di management o professori possono completare il Doctor of Management (DM), il Doctor of Business Administration (DBA), il Doctor of Public Administration (DPA), il PhD in business Administration, il Dottorato di ricerca in management, oppure dottorato di ricerca in scienze politiche con specializzazione nella pubblica amministrazione. Negli ultimi decenni si è assistito ad un movimento a favore della gestione basata sull’evidenza . [2] 

Una tendenza recente per la formazione avanzata in campo manageriale sono i Master sviluppati da Academy private, come per Daniele Trevisani Academy:

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Livelli gerarchici

Le organizzazioni più grandi hanno generalmente tre livelli gerarchici di manager, [3] in una struttura piramidale:

  • I senior manager come i membri di un consiglio di amministrazione e un amministratore delegato (CEO) o un presidente di un’organizzazione stabiliscono gli obiettivi strategici e le politiche dell’organizzazione e prendono decisioni su come funzionerà l’organizzazione nel suo complesso. I senior manager sono generalmente professionisti di livello esecutivo che forniscono indicazioni al middle management e riferiscono loro direttamente o indirettamente.
  • Direttori intermedi come direttori di filiale, direttori regionali, direttori di dipartimento e direttori di sezione, che forniscono indicazioni ai manager di prima linea. Comunicano gli obiettivi strategici e le politiche del senior management ai manager di prima linea.
  • I manager di linea , come supervisori e team leader in prima linea , supervisionano il lavoro dei dipendenti regolari o dei volontari in alcune organizzazioni di volontariato e forniscono indicazioni sul loro lavoro. I manager di linea spesso svolgono le funzioni manageriali che sono tradizionalmente considerate il nucleo della gestione. Nonostante il nome, sono generalmente considerati parte della forza lavoro e non della classe dirigente dell’organizzazione.
  • Alcuni dipendenti di servizi professionali che hanno compiti simili e utilizzano le stesse competenze dei manager senza compiti di supervisione, come i dipendenti regolari classificati come colletti bianchi con formazione specializzata nelle arti liberali e nell’istruzione nelle scienze pure o nell’educazione allo sviluppo professionale rispetto agli operai lavorare nel lavoro manuale o nei mestieri specializzati .
  • Alcuni colletti grigi che si trovano in una fase transitoria o intermedia di avanzamento di carriera tra il lavoro dei colletti blu e quello dei colletti bianchi, dove gli ex colletti blu svolgono compiti manageriali supervisionando altri che svolgono lavori manuali o mestieri qualificati.

Nelle organizzazioni più piccole, un manager può avere un ambito molto più ampio e può svolgere diversi ruoli o addirittura tutti i ruoli comunemente osservati in una grande organizzazione.

Gli scienziati sociali studiano il management come disciplina accademica , indagando aree quali l’organizzazione sociale , l’adattamento organizzativo e la leadership organizzativa . [4]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Etimologia

Il verbo inglese gestire affonda le sue radici nel verbo francese del XV secolo mesnager , spesso citato nel linguaggio equestre “tenere in mano le redini di un cavallo”. [5] È possibile anche il termine italiano maneggiare (maneggiare, soprattutto attrezzi o un cavallo). In spagnolo , maneggiare può anche significare governare i cavalli. [6] Questi tre termini derivano dalle due parole latine manus (mano) e agere (agire).

La parola francese per pulizie domestiche , ménagerie , derivata da ménager (“tenere la casa”; confronta ménage per “domestico”), comprende anche la cura degli animali domestici. Ménagerie è la traduzione francese del famoso libro di Senofonte Oeconomicus [7] ( greco : Οἰκονομικός) sulle questioni domestiche e sull’allevamento . La parola francese mesnagement (o ménagement ) influenzò lo sviluppo semantico della parola inglese management nei secoli XVII e XVIII. [8]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Definizioni

Le opinioni sulla definizione e sull’ambito della gestione includono:

  • Henri Fayol (1841-1925) affermava: “gestire è prevedere e pianificare, organizzare, comandare, coordinare e controllare”. [9]
  • Fredmund Malik (1944–) definisce la gestione come “la trasformazione delle risorse in utilità”. [10]
  • La gestione è inclusa [ da chi? ] come uno dei fattori di produzione – insieme alle macchine, ai materiali e al denaro.
  • Ghislain Deslandes definisce il management come “una forza vulnerabile, sotto pressione per raggiungere risultati e dotata del triplice potere di costrizione, imitazione e immaginazione, che opera a livello soggettivo, interpersonale , istituzionale e ambientale”. [undici]
  • Peter Drucker (1909–2005) considerava duplice il compito fondamentale del management: marketing e innovazione . Tuttavia, l’innovazione è anche legata al marketing (l’innovazione del prodotto è una questione centrale di marketing strategico).  Drucker identifica il marketing come un’essenza chiave per il successo aziendale, ma la gestione e il marketing sono generalmente intesi [ da chi? ] come due diversi rami della conoscenza dell’amministrazione aziendale.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Portata teorica

La gestione implica l’identificazione della missione , dell’obiettivo, delle procedure , delle regole e della manipolazione [12] del capitale umano di un’impresa per contribuire al successo dell’impresa. [13] Gli studiosi si sono concentrati sulla gestione delle relazioni individuali, [14] organizzative, [15] e interorganizzative. Questa comunicazione efficace implica : un ambiente aziendale (in contrapposizione a un meccanismo fisico o meccanico) implica la motivazione umana e implica una sorta di progresso positivo o risultato del sistema . [16] In quanto tale, la gestione non è la manipolazione di un meccanismo (macchina o programma automatizzato), né l’allevamento di animali, e può avvenire in un’impresa o in un ambiente legale o illegale. Dal punto di vista individuale, la gestione non ha bisogno di essere vista esclusivamente dal punto di vista aziendale, perché la gestione è una funzione [ quantificata ] essenziale per migliorare la propria vita e le proprie relazioni . [17] Il management è quindi ovunque [18] e ha una gamma più ampia di applicazioni. [ chiarimento necessario ] La comunicazione e uno sforzo positivo sono due aspetti principali di esso, sia attraverso l’impresa che attraverso la ricerca indipendente. [ citazione necessaria ] Piani, misurazioni , strumenti psicologici motivazionali , obiettivi e misure economiche (profitto, ecc.) possono o meno essere componenti necessari affinché ci sia gestione. Inizialmente, si vede la gestione in modo funzionale, come misurare la quantità, adeguare i piani e raggiungere gli obiettivi , [ citazione necessaria ] ma questo vale anche in situazioni in cui non avviene la pianificazione. In questa prospettiva, Henri Fayol (1841–1925) [19] [ pagina necessaria ] ritiene che la gestione sia composta da cinque funzioni :

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Funzioni del Management

  • pianificazione (previsione)
  • organizzare
  • comandare
  • coordinamento
  • controllando

In un altro modo di pensare, Mary Parker Follett (1868-1933), avrebbe definito il management come “l’arte di portare a termine le cose attraverso le persone”. [20] Ha descritto la gestione come una filosofia. [21] [ è necessario un preventivo per verificare ]

Critici, [ quali? ] Tuttavia, trovo questa definizione utile ma decisamente troppo ristretta. La frase “il management è ciò che fanno i manager” ricorre ampiamente, [22] suggerendo la difficoltà di definire il management senza circolarità , la natura mutevole delle definizioni [ citazione necessaria ] e la connessione delle pratiche manageriali con l’esistenza di un quadro manageriale o di una classe .

Un’abitudine di pensiero considera la gestione equivalente all’“ amministrazione aziendale ” e quindi esclude la gestione in luoghi al di fuori del commercio , come ad esempio negli enti di beneficenza e nel settore pubblico . Più in generale, ogni organizzazione deve “gestire” il proprio lavoro, le persone, i processi, la tecnologia, ecc. per massimizzare l’efficacia. [ citazione necessaria ] Tuttavia, molte persone si riferiscono ai dipartimenti universitari che insegnano il management come ” business school “. Alcune di queste istituzioni (come la Harvard Business School ) usano quel nome, mentre altre (come la Yale School of Management ) utilizzano il termine più ampio “management”.

Gli anglofoni possono anche usare il termine “management” o “the management” come parola collettiva che descrive i manager di un’organizzazione, ad esempio di una società . [23] Storicamente questo uso del termine spesso contrastava con il termine lavoro , riferito a coloro che venivano gestiti. [24]

Ma nell’era attuale [ quando? ] il concetto di management è individuato [ da chi? ] nelle aree vaste [ quali? ] e le sue frontiere sono state ampliate [ da chi? ] a una gamma più ampia. [ citazione necessaria ] Oltre alle organizzazioni redditizie, anche le organizzazioni senza scopo di lucro applicano concetti di gestione. Il concetto e i suoi usi non sono vincolati [ da chi? ] . La gestione nel suo insieme è il processo di pianificazione, organizzazione, direzione, guida e controllo. [25]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Livelli

Una struttura di gestione comune delle organizzazioni comprende tre livelli di gestione: manager di primo livello, livello medio e livello superiore. I manager di prima linea sono il livello più basso di gestione e gestiscono il lavoro di individui non manageriali che sono direttamente coinvolti nella produzione o nella creazione dei prodotti dell’organizzazione. I manager di prima linea sono spesso chiamati supervisori, ma possono anche essere chiamati manager di linea, responsabili di ufficio o persino caposquadra. I quadri intermedi comprendono tutti i livelli di gestione tra il livello di prima linea e il livello più alto dell’organizzazione. Questi manager gestiscono il lavoro dei manager di prima linea e possono avere titoli come capo dipartimento, capo progetto, direttore di stabilimento o direttore di divisione. I top manager sono responsabili di prendere decisioni a livello di organizzazione e di stabilire piani e obiettivi che influenzano l’intera organizzazione. Questi individui in genere hanno titoli come vicepresidente esecutivo, presidente, amministratore delegato, direttore operativo, amministratore delegato o presidente del consiglio di amministrazione.

Questi manager sono classificati in una gerarchia di autorità e svolgono compiti diversi. In molte organizzazioni, il numero di manager ad ogni livello assomiglia ad una piramide. Ogni livello è spiegato di seguito nelle specifiche delle diverse responsabilità e dei probabili titoli di lavoro. [26]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Top management

Il livello dirigenziale più alto o senior è un piccolo gruppo composto dal consiglio di amministrazione (compresi amministratori non esecutivi , amministratori esecutivi e amministratori indipendenti ), presidente , vicepresidente , amministratori delegati e altri membri dei dirigenti di livello C. Diverse organizzazioni hanno diversi membri nella loro C-suite, che possono includere un chief financial officer , un chief technology officer e così via. Sono responsabili del controllo e della supervisione delle operazioni dell’intera organizzazione. Stabiliscono un ” tono al vertice ” e sviluppano piani strategici , politiche aziendali e prendono decisioni sulla direzione generale dell’organizzazione. Inoltre, i manager di alto livello svolgono un ruolo significativo nella mobilitazione delle risorse estere. Gli alti dirigenti sono responsabili nei confronti degli azionisti, del pubblico in generale e degli enti pubblici che supervisionano le società e organizzazioni simili. Alcuni membri del senior management possono fungere da volto pubblico dell’organizzazione e possono tenere discorsi per introdurre nuove strategie o apparire nel marketing .

Il consiglio di amministrazione è generalmente composto principalmente da non dirigenti che hanno un dovere fiduciario nei confronti degli azionisti e non sono strettamente coinvolti nelle attività quotidiane dell’organizzazione, sebbene ciò vari a seconda del tipo (ad esempio, pubblico o privato) , dimensioni e cultura dell’organizzazione. Questi amministratori sono teoricamente responsabili per le violazioni di tale dovere e generalmente sono assicurati con un’assicurazione sulla responsabilità civile per amministratori e funzionari . Si stima che i direttori di Fortune 500 trascorrano 4,4 ore settimanali in compiti di consiglio e il compenso medio è stato di $ 212.512 nel 2010. Il consiglio definisce la strategia aziendale, prende decisioni importanti come acquisizioni importanti, [27] e assunzioni, valutazioni e licenzia i dirigenti più importanti . manager di livello ( amministratore delegato o CEO). Il CEO in genere assume altre posizioni. Tuttavia, è aumentato il coinvolgimento del consiglio di amministrazione nell’assunzione di altre posizioni, come quella di direttore finanziario (CFO). [28] Nel 2013, un sondaggio condotto su oltre 160 amministratori delegati e direttori di aziende pubbliche e private ha rilevato che i principali punti deboli degli amministratori delegati erano le ” capacità di mentoring ” e il “coinvolgimento del consiglio di amministrazione”, e il 10% delle aziende non ha mai valutato l’amministratore delegato. [29] Il consiglio può anche far riferire ad alcuni dipendenti (ad esempio, i revisori interni ) o assumere direttamente collaboratori esterni ; ad esempio, il consiglio (attraverso il comitato di audit ) generalmente seleziona il revisore dei conti .

Le competenze utili del top management variano a seconda del tipo di organizzazione, ma in genere includono [30] un’ampia comprensione della concorrenza, delle economie mondiali e della politica. Inoltre, l’amministratore delegato è responsabile dell’attuazione e della determinazione (nell’ambito del consiglio) delle politiche generali dell’organizzazione. La direzione esecutiva realizza i dettagli quotidiani, tra cui: istruzioni per la preparazione dei budget, delle procedure e dei programmi del dipartimento; nomina di dirigenti di medio livello come responsabili di dipartimento; coordinamento dei dipartimenti; media e relazioni governative; e comunicazione agli azionisti .

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Quadri intermedi

È composto da direttori generali , direttori di filiale e responsabili di reparto. Sono responsabili nei confronti del top management per la funzione del loro dipartimento. Dedicano più tempo alle funzioni organizzative e direzionali. I loro ruoli possono essere enfatizzati come l’esecuzione di piani organizzativi in conformità con le politiche aziendali e gli obiettivi del top management, definiscono e discutono informazioni e politiche dal top management al management inferiore e, soprattutto, ispirano e forniscono guida ai manager di livello inferiore. verso prestazioni migliori.

Il middle management è la gestione intermedia di un’organizzazione categorizzata, essendo secondario rispetto al senior management ma al di sopra dei livelli più profondi dei membri operativi. Un manager operativo può essere ben pensato dal middle management o può essere classificato come operante non manageriale, responsabile della politica dell’organizzazione specifica. L’efficienza del livello medio è vitale in qualsiasi organizzazione poiché colma il divario tra il personale di livello superiore e quello di livello inferiore.

Le loro funzioni includono:

  • Progettare e implementare efficaci sistemi di lavoro e di informazione di gruppo e intergruppo
  • Definizione e monitoraggio degli indicatori di performance a livello di gruppo
  • Diagnosi e risoluzione dei problemi all’interno e tra i gruppi di lavoro
  • Progettare e implementare sistemi di ricompensa che supportino il comportamento cooperativo, nonché prendere decisioni e condividere idee con i top manager

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Gestione della linea

I manager di linea includono supervisori , capi sezione, caposquadra e capi squadra. Si concentrano sul controllo e sulla direzione dei dipendenti regolari. Di solito sono responsabili dell’assegnazione dei compiti ai dipendenti, della guida e della supervisione dei dipendenti nelle attività quotidiane, dell’assicurazione della qualità e della quantità della produzione e/o del servizio, della formulazione di raccomandazioni e suggerimenti ai dipendenti sul loro lavoro e dell’incanalamento delle preoccupazioni dei dipendenti che essi non può risolvere i problemi con manager di medio livello o altri amministratori. I manager di primo livello o di “prima linea” fungono anche da modelli per i propri dipendenti. In alcuni tipi di lavoro, i manager di prima linea possono anche svolgere alcuni degli stessi compiti svolti dai dipendenti, almeno una parte del tempo. Ad esempio, in alcuni ristoranti, i gestori di prima linea serviranno i clienti anche durante i periodi più impegnativi della giornata. In generale, i manager di linea sono considerati parte dell’organico e non della gestione vera e propria dell’organizzazione nonostante svolgano funzioni gestionali tradizionali.

I manager di prima linea in genere forniscono:

  • Formazione per i nuovi dipendenti
  • Supervisione di base
  • Motivazione
  • Feedback e guida sulle prestazioni

Alcuni manager di prima linea possono anche fornire una pianificazione della carriera per i dipendenti che mirano a crescere all’interno dell’organizzazione.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Formazione e istruzione

Ulteriori informazioni: Business School , Scuola di politiche pubbliche e College of Arts and Sciences

I college e le università di tutto il mondo offrono diplomi di laurea, lauree post-laurea, diplomi e certificati in management; generalmente all’interno delle loro facoltà di economia, business school o facoltà di management, ma anche in altri dipartimenti correlati. Negli anni 2010, si è verificato un aumento dell’istruzione e della formazione manageriale online sotto forma di tecnologia educativa elettronica (chiamata anche e-learning). L’istruzione online ha aumentato l’accessibilità alla formazione manageriale per le persone che non vivono vicino a un college o università o che non possono permettersi di recarsi in una città in cui tale formazione è disponibile.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Requisito

Mentre alcune professioni richiedono credenziali accademiche per poter esercitare la professione (ad esempio, giurisprudenza, medicina, ingegneria, che richiedono rispettivamente la laurea in Giurisprudenza , Dottore in Medicina e Laurea in Ingegneria ), le posizioni di gestione e amministrazione non richiedono necessariamente il conseguimento dei titoli accademici. Alcuni noti dirigenti senior negli Stati Uniti che non hanno conseguito una laurea includono Steve Jobs , Bill Gates e Mark Zuckerberg . Tuttavia, molti manager e dirigenti hanno completato qualche tipo di formazione aziendale o gestionale, come una laurea in Commercio o un Master in Amministrazione aziendale . Alcune grandi organizzazioni, tra cui aziende, organizzazioni senza scopo di lucro e governi, richiedono ai candidati a posizioni manageriali o esecutive di possedere almeno una laurea in un campo correlato all’amministrazione o alla gestione o, nel caso di lavori aziendali, una laurea in commercio o una laurea in commercio. grado simile.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Università

Ulteriori informazioni: Formazione aziendale § Istruzione universitaria , Scienze politiche e Pubblica amministrazione

A livello universitario, i programmi aziendali più comuni sono il Bachelor of Business Administration (BBA) e il Bachelor of Commerce (B.Com.). Questi comprendono tipicamente un programma quadriennale progettato per fornire agli studenti una panoramica del ruolo dei manager nella pianificazione e nella direzione all’interno di un’organizzazione. Gli argomenti del corso includono contabilità, gestione finanziaria, statistica, marketing, strategia e altre aree correlate.

Ci sono molti altri diplomi universitari che includono lo studio del management, come i diplomi Bachelor of Arts e Bachelor of Science con specializzazione in amministrazione aziendale o gestione e il Bachelor of Arts (BA) o Bachelor of Science (BS) in scienze politiche ( PoliSci) con una concentrazione nella pubblica amministrazione o il Bachelor of Public Administration (BPA), una laurea progettata per individui che mirano a lavorare come burocrati nei lavori governativi . Molti college e università offrono anche certificati e diplomi in amministrazione o gestione aziendale, che in genere richiedono uno o due anni di studio a tempo pieno.

Per gestire aree tecnologiche spesso è necessaria una laurea in un’area STEM .

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Formazione Universitaria

Vedi MASTER IN COACHING AZIENDALE E SVILUPPO DEL POTENZIALE MANAGERIALE – METODO ALM (ACTION LINE MANAGEMENT)

Ulteriori informazioni: Formazione aziendale § Formazione post-laurea

A livello universitario gli studenti che mirano a una carriera come manager o dirigenti possono scegliere di specializzarsi nelle principali sottoaree della gestione o dell’amministrazione aziendale come l’imprenditorialità , le risorse umane , gli affari internazionali , il comportamento organizzativo , la teoria organizzativa , la gestione strategica , [31] contabilità , finanza aziendale , intrattenimento, gestione globale, gestione sanitaria , gestione degli investimenti , sostenibilità e settore immobiliare .

Un Master in Business Administration (MBA) è il titolo professionale più popolare a livello di master e può essere conseguito presso molte università degli Stati Uniti. I programmi MBA forniscono ulteriore formazione in gestione e leadership per gli studenti laureati. Altri master in economia e gestione includono il Master of Management (MM) e il Master of Science (M.Sc.) in amministrazione aziendale o gestione, che viene generalmente frequentato da studenti che aspirano a diventare ricercatori o professori.

Esistono anche master specialistici in amministrazione per coloro che aspirano a una carriera al di fuori dell’impresa , come il Master in Pubblica Amministrazione (MPA) (offerto anche come Master of Arts o Master of Science in pubblica amministrazione in alcune università), per gli studenti che mirano a diventare manager o dirigenti del servizio pubblico e il Master in Amministrazione Sanitaria , per gli studenti che aspirano a diventare manager o dirigenti del settore sanitario e ospedaliero.

diplomi terminali più avanzati nel campo degli affari e del management. La maggior parte delle persone che ottengono un dottorato in gestione seguono programmi per ottenere la formazione in metodi di ricerca, analisi statistica e scrittura di documenti accademici di cui avranno bisogno per intraprendere una carriera come ricercatori, consulenti senior e/o professori in amministrazione o gestione aziendale. Esistono diversi tipi di dottorati in management: il Dottore in Management (DM), il Dottore in Amministrazione Aziendale (DBA), il Dottore in Pubblica Amministrazione (DPA), il Dottorato in Economia Aziendale, il Dottorato in Management e il Dottorato in Politica. scienza con una concentrazione nella pubblica amministrazione. Negli anni 2010 erano disponibili dottorati in economia e gestione aziendale con molte specializzazioni.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Buone pratiche

Sebbene le tendenze gestionali possano cambiare rapidamente, la tendenza a lungo termine nella gestione è stata definita da un mercato che abbraccia la diversità e da un settore dei servizi in crescita. I manager vengono attualmente formati per incoraggiare una maggiore uguaglianza per le minoranze e le donne sul posto di lavoro, offrendo una maggiore flessibilità nell’orario di lavoro, una migliore riqualificazione e indicatori di performance innovativi (e solitamente specifici del settore). I manager destinati al settore dei servizi vengono formati per utilizzare tecniche di misurazione uniche, un migliore supporto ai lavoratori e stili di leadership più carismatici. [32] Le risorse umane si trovano a collaborare sempre più con il management con capacità di formazione per aiutare a raccogliere dati gestionali sul successo (o sul fallimento) delle azioni di gestione con i dipendenti. [33]

Le buone pratiche identificate per i manager includono “camminare in fabbrica” [34] e, soprattutto per i manager che sono nuovi in carica, identificare e ottenere alcune “vittorie rapide” che dimostrino un successo visibile nello stabilire obiettivi appropriati. Lo scrittore di leadership John Kotter usa la frase “vittorie a breve termine” per esprimere la stessa idea. [35] Come in ogni lavoro, il raggiungimento di un adeguato equilibrio tra lavoro e vita privata per sé e per gli altri è un’importante pratica di gestione. [36]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Gestione basata sull’evidenza

Articolo principale: gestione basata sull’evidenza

La gestione basata sull’evidenza è un movimento emergente che utilizza le migliori evidenze attuali nella gestione e nel processo decisionale . Fa parte di un movimento più ampio verso pratiche basate sull’evidenza . La gestione basata sull’evidenza implica decisioni manageriali e pratiche organizzative informate dalle migliori evidenze disponibili. [37] Come altre pratiche basate sull’evidenza, questa si basa su tre principi: evidenza di ricerche pubblicate sottoposte a revisione paritaria (spesso in riviste di management o di scienze sociali) che influiscono sul se e perché una particolare pratica di gestione funziona; giudizio ed esperienza dalla pratica di gestione contestuale, per comprendere le dinamiche organizzative e interpersonali in una situazione e determinare i rischi e i benefici delle azioni disponibili; e le preferenze e i valori delle persone colpite. [38] [39]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Storia

Alcuni vedono il management come una concettualizzazione tardo-moderna (nel senso di tarda modernità ). [40] In questi termini non può avere una storia premoderna – solo messaggeri (come gli steward ). Altri, tuttavia, rilevano un pensiero di tipo gestionale tra gli antichi commercianti sumeri e i costruttori delle piramidi dell’antico Egitto . Nel corso dei secoli i proprietari di schiavi dovettero affrontare il problema di sfruttare e motivare una forza lavoro dipendente ma talvolta poco entusiasta o recalcitrante, ma molte imprese preindustriali , data la loro piccola scala, non si sentirono obbligate ad affrontare sistematicamente i problemi di gestione. Tuttavia, innovazioni come la diffusione dei numeri arabi (dal V al XV secolo) e la codificazione della contabilità in partita doppia (1494) fornirono strumenti per la valutazione, la pianificazione e il controllo della gestione.

  • Un’organizzazione è più stabile se i suoi membri hanno il diritto di esprimere le proprie differenze e risolvere i propri conflitti al suo interno.
  • Sebbene una persona possa avviare un’organizzazione, “essa è duratura quando viene lasciata alle cure di molti e quando molti desiderano mantenerla”.
  • Un manager debole può seguirne uno forte, ma non un altro debole, e mantenere l’autorità.
  • Un manager che cerca di cambiare un’organizzazione consolidata “dovrebbe conservare almeno un’ombra delle antiche usanze”.

Con il cambiamento dei luoghi di lavoro causato dalle rivoluzioni industriali nel XVIII e XIX secolo, la teoria e la pratica militare contribuirono ad approcci alla gestione delle nuove fabbriche popolari . [41]

Considerata la portata della maggior parte delle operazioni commerciali e la mancanza di registrazioni e registrazioni meccanizzate prima della rivoluzione industriale, a quei tempi era logico che la maggior parte dei proprietari di imprese svolgessero funzioni di gestione da soli e per conto proprio. Ma con la crescente dimensione e complessità delle organizzazioni, la distinzione tra proprietari (individui, dinastie industriali o gruppi di azionisti ) e manager quotidiani (specialisti indipendenti in pianificazione e controllo) è diventata gradualmente più comune.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – I primi scritti

Il campo del management ha avuto origine nell’antica Cina, [42] includendo forse il primo stato burocratico altamente centralizzato e il primo esempio (nel II secolo a.C.) di un’amministrazione basata sul merito attraverso test . [43] Alcuni teorici hanno citato antichi testi militari come lezioni per i manager civili. Ad esempio, il generale cinese Sun Tzu nella sua opera del VI secolo a.C. L’arte della guerra raccomanda [ citazione necessaria ] (se riformulato nella terminologia moderna) di essere consapevoli e di agire in base ai punti di forza e di debolezza sia dell’organizzazione di un manager che di quella del nemico. [44] [ è necessaria una citazione per verificare ] Gli scritti dell’influente filosofo legalista cinese Shen Buhai possono essere considerati [ da chi? ] per incarnare un raro esempio premoderno di teoria astratta dell’amministrazione. [45] [46] Il filosofo americano Herrlee G. Creel e altri studiosi riscontrano l’influenza dell’amministrazione cinese in Europa nel XII secolo. [47] [48] [49] [50] Thomas Taylor Meadows, console britannico a Guangzhou , sostenne nelle sue Desultory Notes on the Government and People of China (1847) che “la lunga durata dell’impero cinese è esclusivamente e interamente dovuta al buon governo che consiste nella promozione solo di uomini di talento e di merito”, e che gli inglesi devono riformare il loro servizio civile rendendo l’istituzione meritocratica . [51] Influenzato dall’antico esame imperiale cinese , il Rapporto Northcote-Trevelyan del 1854 raccomandava che il reclutamento dovesse avvenire sulla base del merito determinato attraverso un esame competitivo, che i candidati dovessero avere una solida istruzione generale per consentire i trasferimenti interdipartimentali e che la promozione dovrebbe essere essere attraverso il successo piuttosto che “la preferenza, il patrocinio o l’acquisto”. [52] [51] Ciò ha portato all’implementazione del servizio civile di Sua Maestà come burocrazia sistematica e meritocratica del servizio civile. [53] Come quella britannica, lo sviluppo della burocrazia francese fu influenzato dal sistema cinese. Voltaire sosteneva che i cinesi avevano “perfezionato la scienza morale” e François Quesnay sosteneva un sistema economico e politico modellato su quello cinese. [54] Anche gli esami del servizio civile francese adottati alla fine del XIX secolo erano fortemente basati su studi culturali generali. Queste caratteristiche sono state paragonate al precedente modello cinese. [55]

Varie civiltà antiche e medievali produssero libri ” specchi per principi “, che miravano a consigliare i nuovi monarchi su come governare. Platone descrisse la specializzazione lavorativa nel 350 a.C. e Alfarabi elencò diversi tratti di leadership nel 900 d.C. [56] Altri esempi includono l’indiano Arthashastra di Chanakya (scritto intorno al 300 a.C.) e Il principe dell’autore italiano Niccolò Machiavelli (1515 circa). [57]

Ulteriori informazioni: Specchi per principi

Scritto nel 1776 da Adam Smith , uno scozzese filosofo morale , La ricchezza delle nazioni ha discusso l’organizzazione efficiente del lavoro attraverso la divisione del lavoro . [57] Smith descrisse come i cambiamenti nei processi potrebbero aumentare la produttività nella produzione di spilli . Mentre gli individui potevano produrre 200 spille al giorno, Smith analizzò le fasi coinvolte nella produzione e, con 10 specialisti, permise la produzione di 48.000 spille al giorno. [57] [ è necessario un preventivo per verificare ]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – XIX secolo

Economisti classici come Adam Smith (1723–1790) e John Stuart Mill (1806–1873) fornirono un background teorico all’allocazione delle risorse , alla produzione (economia) e alle questioni relative ai prezzi . Più o meno nello stesso periodo, innovatori come Eli Whitney (1765–1825), James Watt (1736–1819) e Matthew Boulton (1728–1809) svilupparono elementi di produzione tecnica come standardizzazione , procedure di controllo della qualità , contabilità dei costi , intercambiabilità delle parti e pianificazione del lavoro . Molti di questi aspetti della gestione esistevano nel settore dell’economia statunitense precedente al 1861, basato sugli schiavi. Quell’ambiente vide 4 milioni di persone, secondo gli usi contemporanei, “gestite” in una redditizia produzione quasi di massa [58] prima che la schiavitù salariale eclissasse la schiavitù dei beni mobili.

I manager salariati come gruppo identificabile divennero prominenti per la prima volta alla fine del XIX secolo. [59] Quando le grandi aziende iniziarono a mettere in ombra le piccole imprese familiari, la necessità di posizioni di gestione del personale divenne più necessaria. [60] Le imprese si trasformarono in grandi società e la necessità di impiegati, contabili, segretari e manager si espanse. La richiesta di manager qualificati ha portato gli amministratori di college e università a prendere in considerazione e portare avanti i piani per creare le prime scuole di business nei loro campus.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – 2secolo

All’inizio del XX secolo la necessità di manager qualificati e formati era diventata sempre più evidente. La domanda si è verificata quando i dipartimenti del personale hanno iniziato a espandersi rapidamente. Nel 1915, meno di un’impresa manifatturiera su venti aveva un reparto dedicato al personale. Nel 1929 quel numero era cresciuto fino a oltre un terzo. [61] La formazione manageriale formale divenne standardizzata nei college e nelle università. [62] I college e le università hanno sfruttato le esigenze delle aziende formando business school e dipartimenti di collocamento aziendale. [63] Questo spostamento verso l’istruzione aziendale formale ha segnato la creazione di un’élite aziendale negli Stati Uniti.

Intorno al 1900 si trovano manager che cercano di collocare le loro teorie su quella che consideravano una base completamente scientifica (vedi scientismo per i limiti percepiti di questa convinzione). Gli esempi includono Science of management di Henry R. Towne nel 1890, The Principles of Scientific Management di Frederick Winslow Taylor (1911), Psychology of Management di Lillian Gilbreth (1914), [64] Studio sul movimento applicato di Frank e Lillian Gilbreth (1917) e grafici di Henry L. Gantt (anni ’10). J. Duncan scrisse il primo libro di testo sulla gestione universitaria nel 1911. Nel 1912 Yoichi Ueno introdusse il taylorismo in Giappone e divenne il primo consulente aziendale dello ” stile di gestione giapponese “. Suo figlio Ichiro Ueno è stato il pioniere del controllo qualità giapponese .

Le prime teorie complete sul management apparvero intorno al 1920. [ citazione necessaria ] La Harvard Business School offrì il primo Master in Business Administration (MBA) nel 1921. Persone come Henri Fayol (1841-1925) e Alexander Church (1866-1936) descrissero i vari rami del management e le loro interrelazioni. All’inizio del XX secolo, persone come Ordway Tead (1891–1973), Walter Scott (1869–1955) e J. Mooney applicarono i principi della psicologia al management. Altri scrittori, come Elton Mayo (1880–1949), Mary Parker Follett (1868–1933), Chester Barnard (1886–1961), Max Weber (1864–1920), che vedevano quello che chiamava “amministratore” come burocrate , [65] Rensis Likert (1903–1981) e Chris Argyris (nato nel 1923) si avvicinarono al fenomeno del management da una prospettiva sociologica .

Gli anni ’30 e ’40 videro lo sviluppo di una tendenza alla militarizzazione nella gestione di alcune parti dell’Eurasia : sia l’ NKVD (nell’Unione Sovietica) che le SS (nel Grande Reich Germanico ), ad esempio, gestirono i campi di lavoro come imprese industriali che utilizzavano il lavoro forzato. supervisionato da quadri uniformi. [66] [67] Le abitudini militari persistevano in alcuni circoli dirigenziali. [68]

Peter Drucker (1909–2005) scrisse uno dei primi libri sulla gestione applicata: Concept of the Corporation (pubblicato nel 1946). Il risultato fu che Alfred Sloan (presidente della General Motors fino al 1956) commissionò uno studio sull’organizzazione . Drucker ha continuato a scrivere 39 libri, molti nella stessa vena.

  1. Dodge, Ronald Fisher (1890–1962) e Thornton C. Fry introdussero tecniche statistiche negli studi gestionali. Negli anni ’40 Patrick Blackett lavorò allo sviluppo della matematica applicatascienza della ricerca operativa , inizialmente per operazioni militari. La ricerca operativa, a volte nota come ” scienza gestionale ” (ma distinta dalla gestione scientifica di Taylor ), tenta di adottare un approccio scientifico per risolvere problemi decisionali e può applicarsi direttamente a molteplici problemi gestionali, in particolare nelle aree della logistica e delle operazioni.

Alcuni degli sviluppi successivi del XX secolo includono la teoria dei vincoli (introdotta nel 1984), la gestione per obiettivi (sistematizzata nel 1954), la reingegnerizzazione (primi anni ’90), Six Sigma (1986), la gestione camminando intorno (anni ’70), il modello del sistema Viable (1972), e varie teorie basate sulla tecnologia dell’informazione come lo sviluppo agile del software (così chiamato dal 2001), così come teorie sulla gestione di gruppo come Cog’s Ladder (1972) e la nozione di “prosperare su caos” [69] (1987).

Mentre il riconoscimento generale dei manager come classe si è consolidato nel corso del XX secolo e ha dato un certo prestigio ai professionisti percepiti dell’arte/scienza del management, così si è aperta la strada ai sistemi popolari di idee di management per vendere la propria merce . In questo contesto molte mode del management potrebbero aver avuto più a che fare con la psicologia popolare che con le teorie scientifiche del management.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Gestione aziendale e sue evoluzioni

Gestione aziendale  comprende i seguenti rami:

  1. gestione finanziaria
  2. gestione delle risorse umane
  3. Cibernetica gestionale
  4. gestione delle tecnologie dell’informazione (responsabile della gestione dei sistemi informativi )
  5. gestione del marketing
  6. gestione delle operazioni e gestione della produzione
  7. gestione strategica

21° secolo

Nel 21° secolo gli osservatori hanno trovato sempre più difficile suddividere in questo modo la gestione in categorie funzionali. Sempre più processi coinvolgono contemporaneamente più categorie. Si tende invece a pensare in termini di vari processi, compiti e oggetti soggetti a gestione. [ citazione necessaria ]

Esistono anche rami della teoria della gestione relativi alle organizzazioni non profit e al governo: come la pubblica amministrazione , la gestione pubblica e la gestione educativa . Inoltre, i programmi di gestione legati alle organizzazioni della società civile hanno dato vita anche a programmi di gestione senza scopo di lucro e di imprenditoria sociale .

Si noti che molte delle ipotesi formulate dal management sono state attaccate da punti di vista di etica aziendale , studi critici sulla gestione e attivismo anti-aziendale .

Di conseguenza, la democrazia sul posto di lavoro (a volte definita autogestione dei lavoratori ) è diventata più comune e più sostenuta, in alcuni luoghi distribuendo tutte le funzioni gestionali tra i lavoratori, ciascuno dei quali si assume una parte del lavoro. Tuttavia, questi modelli sono antecedenti a qualsiasi questione politica attuale e possono verificarsi in modo più naturale rispetto a una gerarchia di comando . Tutto il management abbraccia in una certa misura un principio democratico: nel lungo termine, la maggioranza dei lavoratori deve sostenere il management. Altrimenti se ne vanno per cercare un altro lavoro o scioperano. Nonostante il passaggio alla democrazia sul posto di lavoro , le strutture organizzative di comando e controllo rimangono comuni come strutture organizzative di fatto . In effetti, la natura radicata del comando e controllo è evidente nel modo in cui il recente [ quando? ] i licenziamenti sono stati condotti con i livelli dirigenziali colpiti molto meno dei dipendenti ai livelli inferiori. [ citazione necessaria ] In alcuni casi, la direzione si è persino ricompensata con dei bonus dopo aver licenziato i lavoratori di livello inferiore. [70]

Secondo l’accademico Manfred FR Kets de Vries , un gruppo dirigente moderno avrà quasi inevitabilmente alcuni disturbi della personalità . [71]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Natura del lavoro

Nelle organizzazioni redditizie, la funzione primaria del management è la soddisfazione di una serie di stakeholder . Ciò in genere comporta la realizzazione di un profitto (per gli azionisti), la creazione di prodotti di valore a un costo ragionevole (per i clienti) e l’offerta di grandi opportunità di lavoro ai dipendenti. In caso di gestione senza scopo di lucro, una delle funzioni principali è mantenere la fiducia dei donatori. Nella maggior parte dei modelli di gestione e governance , gli azionisti votano per il consiglio di amministrazione e il consiglio assume quindi il senior management. Alcune organizzazioni hanno sperimentato altri metodi (come i modelli di voto dei dipendenti) per selezionare o rivedere i manager, ma questo è raro.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Nozioni di base

Secondo Fayol , il management opera attraverso cinque funzioni fondamentali: pianificazione, organizzazione, comando, coordinamento e controllo.

  • Pianificazione : decidere cosa deve accadere in futuro e generare piani d’azione (decidere in anticipo).
  • Organizzazione (o personale): assicurarsi che le risorse umane e non umane siano messe in atto. [72]
  • Comandare (o guidare): determinare cosa deve essere fatto in una situazione e convincere le persone a farlo.
  • Coordinamento : creazione di una struttura attraverso la quale è possibile raggiungere gli obiettivi di un’organizzazione.
  • Controllo : verifica dei progressi rispetto ai piani.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Ruoli di base

  • Interpersonale : ruoli che implicano il coordinamento e l’interazione con i dipendenti.

Polena, leader, collegamento

  • Informativo : ruoli che implicano la gestione, la condivisione e l’analisi delle informazioni.

Centro nevralgico, divulgatore, portavoce

  • Decisione : ruoli che richiedono un processo decisionale.

Imprenditore, negoziatore, allocatore, gestore dei disturbi

Competenze _ _ _

Le competenze gestionali includono:

  • Politico: utilizzato per costruire una base di potere e stabilire
  • Interpersonale : utilizzato per comunicare, motivare , guidare e delegare.
  • Diagnostica: capacità di visualizzare risposte appropriate a una situazione.
  • Leadership : capacità di comunicare una visione e ispirare le persone ad abbracciarla. [73]
  • Comportamentali: percezione verso gli altri, risoluzione dei conflitti, gestione del tempo, miglioramento personale, gestione dello stress e resilienza, pazienza, comunicazione chiara. [74]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management Attuazione di politiche e strategie

  • Tutte le politiche e le strategie devono essere discusse con tutto il personale dirigente e il personale.
  • I manager devono capire dove e come possono implementare le loro politiche e strategie.
  • È necessario elaborare un piano d’azione per ciascun dipartimento.
  • Le politiche e le strategie devono essere riviste regolarmente.
  • È necessario elaborare piani di emergenza nel caso in cui l’ambiente cambi.
  • I manager di livello superiore dovrebbero effettuare valutazioni periodiche dei progressi compiuti.
  • L’attività richiede spirito di squadra e un buon ambiente.
  • Le missioni, gli obiettivi, i punti di forza e di debolezza di ciascun dipartimento devono essere analizzati per determinare il loro ruolo nel raggiungimento della missione aziendale.
  • Il metodo di previsione sviluppa un quadro affidabile dell’ambiente futuro dell’azienda.
  • È necessario creare un’unità di pianificazione per garantire che tutti i piani siano coerenti e che le politiche e le strategie siano mirate al raggiungimento della stessa missione e degli stessi obiettivi.

Politiche e strategie nel processo di pianificazione

  • Forniscono ai manager di livello medio e inferiore una buona idea dei piani futuri per ciascun dipartimento di un’organizzazione.
  • Viene creato un quadro in base al quale vengono presi piani e decisioni.
  • Il management di livello medio e inferiore può aggiungere i propri piani alle strategie aziendali.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Studi sul Management – Riferimenti

  1. ^ KATHRYN DILL. (2021, 12 gennaio). IL TUO PROSSIMO BOSS: PIÙ ARMONIA, MENO AUTORITÀ. Giornale di Wall Street . [1]
  2. ^“Che cos’è la gestione basata sull’evidenza? – Centro per la gestione basata sull’evidenza” . Estratto il 03/03/2022.
  3. ^DuBrin, Andrew J. (2009). Elementi essenziali di gestione (8a ed.). Mason, OH: Thomson Business & Economics. ISBN 978-0-324-35389-1 . OCLC 227205643 .
  4. ^ Waring, S.P., 2016. Taylorismo trasformato: teoria della gestione scientifica dal 1945 . UNC Press Books.
  5. ^Mintzberg, Henry. (2014). Manager l’essentiel: ce que font vraiment les manager… et ce qu’ils pourraient faire mieux. Parigi: Vuibert. ISBN 978-2-311-40094-6 .
  6. ^Reale Accademia Spagnola, Dizionario della lingua spagnola. “manejar | Dizionario della lingua spagnola” (in spagnolo).
  7. ^Senofonte (1734). “Oikonomikos. Oder Ciceronis notte übrig” .
  8. ^“Home: Dizionario inglese di Oxford” .
  9. ^SS Gulshan. Principi e pratiche di gestione di Lallan Prasad e SS Gulshan . Libri Excel India. pag. 6–. ISBN 978-93-5062-099-1 .
  10. ^Anna Viola Ulvin
  11. ^ Deslandes G., (2014), “Management in Xenophon’s Philosophy: a Retrospective Analysis”, 38a conferenza annuale di ricerca, Filosofia del management, 2014, 14-16 luglio, Chicago
  12. ^ Prabbal Frank tenta di fare una sottile distinzione tra gestione e manipolazione: Frank, Prabbal (2007). Manipolazione delle persone: un approccio positivo (2 ed.). Nuova Delhi: Sterling Publishers Pvt. Ltd (pubblicato nel 2009). pag. 3–7. ISBN978-81-207-4352-6 . Estratto il 05-09-2015. C’è differenza tra gestione e manipolazione. La differenza è sottile […] Se gestione è manipolazione, allora la manipolazione è manipolazione abile. In breve, la manipolazione è una gestione abile. […] La manipolazione è essenzialmente una gestione a leva. […] È una cosa viva mentre il management è un concetto morto. Richiede un approccio proattivo piuttosto che reattivo. […] Le persone non si possono gestire.
  13. ^Powell, Thomas C. (2001). “Vantaggio competitivo: considerazioni logiche e filosofiche” . Giornale di gestione strategica. 22 (9): 875–888. doi : 1002/smj.173 . ISSN 1097-0266 .
  14. ^Langfred, Claus (2000). “Il paradosso dell’autogestione : autonomia individuale e di gruppo nei gruppi di lavoro.” Giornale del comportamento organizzativo. 21 (5): 563–585. doi : 1002/1099-1379(200008)21:5<563::AID-JOB31>3.0.CO;2-H .
  15. ^Legno, Roberto; Bandura, Albert (1989). “Teoria cognitiva sociale della gestione organizzativa”. L’Accademia di revisione gestionale. 14 (3): 361–384. doi : 2307/258173 . ISSN 0363-7425 . JSTOR 258173 .
  16. ^Julie Zink, Ph.D.; Zink, Julie (2017). “Capitolo 1: Introduzione alla comunicazione organizzativa” .
  17. ^“Competenze manageriali: 3 tipi di competenze di cui ogni manager avrà bisogno” . Scatola degli imprenditori. 2021-06-06. Estratto il 18/06/2022.
  18. ^“La gestione è un processo e un fenomeno universale (spiegato)” . www.iedunote.com. 2018-06-12. Estratto il 18/06/2022.
  19. ^Administration industrielle et générale – organizzazione di prevoyance – comandamento, coordinamento – contrôle , Parigi: Dunod, 1966
  20. ^Jones, Norman L. (02/10/2013). “Capitolo due: di poesia e politica: la cultura manageriale dell’Inghilterra del sedicesimo secolo” . In Kaufman, Peter Iver (a cura di). Leadership e cultura elisabettiana. Studi Jepson sulla leadership. Palgrave Macmillan (pubblicato nel 2013). P. 17. ISBN 978-1-137-34029-0 . Estratto il 29 agosto 2015. Mary Parker Follett, la “profeta del management”, definisce il management come “l’arte di portare a termine le cose attraverso le persone”. […] Che lo abbia detto o meno, Follett descrive gli attributi della gestione dinamica come coattivi piuttosto che coercitivi.
  21. ^Imprenditorialità professionale: formazione, sviluppo e motivazione delle persone di Richard Barrett – Business & Economics – 2003. p. 51.
  22. ^ Confronta: Holmes, Leonard (28-11-2012). Il dominio del management: una critica partecipativa . Voci nella gestione dello sviluppo. Ashgate Publishing, Ltd. (pubblicato nel 2012). P. 20. ISBN978-1-4094-8866-8 . Estratto il 29 agosto 2015. La nozione di Lupton (1983: 17) secondo cui la gestione è “ciò che i manager fanno durante il loro orario di lavoro”, se valida, potrebbe applicarsi solo a concettualizzazioni descrittive della gestione, dove “gestione” è effettivamente sinonimo di “gestione” e dove “gestione” si riferisce ad un’attività, o insieme di attività svolte dai gestori.
  23. ^Harper, Douglas. “gestione” . Dizionario etimologico online . Estratto il 29 agosto 2015. – “Il significato di ‘organo direttivo’ (originariamente di un teatro) risale al 1739.”
  24. ^ Vedi per esempi Melling, Joseph; McKinlay, Alan, eds. (millenovecentonovantasei). Management, lavoro e politica industriale nell’Europa moderna: la ricerca della crescita della produttività nel ventesimo secolo . Edoardo Elgar. ISBN978-1-85898-016-4 . Estratto il 29 agosto 2015.
  25. ^ Confronta: Vasconcelos e Sá, Jorge (2012). Non esiste leadership: solo gestione efficace: lezioni dalla battaglia perfetta di Lee, Ciro il Grande di Senofonte e la pratica dei migliori manager del mondo . Porto: Editoriale Vida Economica. P. 19. Codice ISBN9789727886012 . Estratto il 22/01/2020. […] chiedere che cosa sia la leadership […] è una domanda falsa. La domanda giusta è: cos’è una gestione efficace?
  26. ^“Livelli e tipologie di gestione | Gestione illimitata” . corsi.lumenlearning.com. Estratto il 05-07-2021.
  27. ^Consiglio di amministrazione: compiti e responsabilità Archiviato il 24 marzo 2014 in Internet Archive . Stanford Graduate School of Business.
  28. ^ DeMars L. (2006). Controllo pesante: i consigli di amministrazione ora vogliono parlare con gli aspiranti CFO e viceversa . Rivista del CFO .
  29. ^Sondaggio 2013 sulla valutazione delle prestazioni degli amministratori delegati . Stanford Graduate School of Business.
  30. ^ Kleiman, Lawrence S. “Gestione e sviluppo esecutivo.” Riferimento per il business: Encyclopedia of Business (2010): np 25 marzo 2011. [2]
  31. ^“Presentazioni di posizionamento AOM” .
  32. ^“Quattro modi per essere un capo migliore” . www.randstadusa.com. Randstad USA. Estratto il 18 gennaio 2015.
  33. ^“Il ruolo delle risorse umane in tempi incerti” (PDF) . Economist Intelligence Unit. Economist Intelligence Unit. Estratto il 18 gennaio 2015.
  34. ^ Verity, J., Cinque vantaggi di camminare in ‘officina’ , People Puzzles , accesso 11 marzo 2023
  35. ^ Kotter, J., The 8-Step Process for Leading Change , accesso 11 marzo 2023
  36. ^ Britt, H., 14 modi per migliorare l’equilibrio tra lavoro e vita privata , accesso l’11 marzo 2023
  37. ^Pfeffer J , Sutton RI (marzo 2006). Fatti concreti, mezze verità pericolose e sciocchezze totali: trarre profitto dalla gestione basata sull’evidenza (prima ed.). Boston, Massachusetts: Harvard Business Review Press. ISBN 978-1-59139-862-2 .
  38. ^Primavera B (luglio 2007). “Pratica basata sull’evidenza in psicologia clinica: cos’è, perché è importante; cosa devi sapere.” Giornale di psicologia clinica. 63 (7): 611–31. CiteSeerX 1.1.456.9970 . doi : 10.1002/jclp.20373 . PMID 17551934 .
  39. ^Lilienfeld SO, Ritschel LA, Lynn SJ, Cautin RL, Latzman RD (novembre 2013). “Perché molti psicologi clinici sono resistenti alla pratica basata sull’evidenza: cause profonde e rimedi costruttivi.” Revisione di psicologia clinica. 33 (7): 883–900. doi : 1016/j.cpr.2012.09.008 . PMID 23647856 .
  40. ^ Waring, S.P., 2016, Taylorismo trasformato: teoria della gestione scientifica dal 1945 . UNC Press Books.
  41. ^Giddens, Anthony (1981). Una critica contemporanea del materialismo storico . Teoria sociale e politica da Polity Press. Vol. 1. Stampa dell’Università della California. P. 125. ISBN 978-0-520-04490-6 . Estratto il 29/12/2013. Nelle caserme e nel coordinamento di massa degli uomini sul campo di battaglia (simboleggiato dalle innovazioni militari del principe Maurizio d’Orange e di Nassau nel XVI secolo) si trova il prototipo dell’irreggimentazione della fabbrica – poiché sia Notarono Marx e Weber.
  42. ^ Ewan Ferlie, Laurence E. Lynn, Christopher Pollitt (2005) Il manuale di Oxford sulla gestione pubblica , p.30.
  43. ^ Kazin, Edwards e Rothman (2010), 142. Uno dei più antichi esempi di sistema di servizio civile basato sul merito esisteva nella burocrazia imperiale cinese.
    • Tan, Chung; Geng, Yinzheng (2005). India e Cina: venti secoli di interazioni e vibrazioni di civiltà. Stampa dell’Università del Michigan. P. 128. La Cina non solo ha prodotto la prima “burocrazia” al mondo, ma anche la prima “meritocrazia” al mondo
    • Konner, Melvin (2003). Instabile: un’antropologia degli ebrei . Bussola vichinga. P. 217 . ISBN9780670032440 . La Cina è la meritocrazia più antica del mondo
    • Tucker, Mary Evelyn (2009). “Toccare la profondità delle cose: coltivare la natura nell’Asia orientale”. Ecologia e ambiente: prospettive dalle discipline umanistiche: 51. Per fornire personale a queste istituzioni, hanno creato la più antica meritocrazia del mondo, in cui le nomine governative si basavano su esami di servizio civile che si ispiravano ai valori dei classici confuciani
  44. ^Gomez-Mejia, Luis R.; David B. Balkin; Robert L. Cardy (2008). Management: Persone, Performance, Cambiamento, 3a edizione. New York: McGraw-Hill . P. 19. Codice ISBN 978-0-07-302743-2 .
  45. ^ Creel, 1974 pp. 4–5 Shen Pu-hai: un filosofo politico cinese del IV secolo aC
  46. ^ Creel, Cos’è il taoismo?, 94
  47. ^ Ewan Ferlie, Laurence E. Lynn, Christopher Pollitt 2005 p.30, The Oxford Handbook of Public Management
  48. ^ Herrlee G. Creel, 1974 p.119. “Shen Pu-Hai: un filosofo secolare dell’amministrazione”, Journal of Chinese Philosophy Volume 1.
  49. ^ Creel, “Le origini dell’arte di governare in Cina, I”, The Western Chou Empire , Chicago, pp.9–27
  50. ^ Otto B. Van der Sprenkel, “Max Weber sulla Cina”, Storia e teoria3 (1964), 357.
  51. ^ Vai a: aB Bodde, Derke. “Cina: un quaderno di esercizi per l’insegnamento” . Università della Columbia.
  52. ^Testo completo del rapporto Northcote-Trevelyan Archiviato il 22 dicembre 2014 in Internet Archive
  53. ^Walker, David (09-07-2003). “Gioco onesto” . Il guardiano. Londra, Regno Unito. Estratto il 09-07-2003.
  54. ^Mark W. Huddleston; William W. Boyer (1996). Il servizio civile superiore negli Stati Uniti: ricerca di riforme. Università di Pittsburgh Pre. P. 15. ISBN 0822974738 .
  55. ^Rung, Margaret C. (2002). Servitori dello Stato: gestione della diversità e della democrazia nella forza lavoro federale, 1933-1953 . Stampa dell’Università della Georgia. pag. 8, 200–201. ISBN 0820323624 .
  56. ^ Griffin, Ricky W. CUSTOM Management: principi e pratiche, edizione internazionale, 11a edizione. Cengage Learning Regno Unito, 08/2014
  57. ^ Vai a: aB C Gomez-Mejia, Luis R.; David B. Balkin; Robert L. Cardy (2008). Gestione: persone, prestazioni, cambiamento (3 ed.). New York: McGraw-Hill . P. 20. ISBN 978-0-07-302743-2 .
  58. ^Rosenthal, Caitlin (2018). Contabilità della schiavitù: padroni e gestione . Stampa dell’Università di Harvard. ISBN 9780674988576 . Estratto il 3 ottobre il 2020.
  59. ^Khurana, Rakesh (2010) [2007]. Dagli obiettivi più ambiziosi alle braccianti: la trasformazione sociale delle business school americane e la promessa non mantenuta del management come professione . Stampa dell’Università di Princeton. P. 3. ISBN 978-1-4008-3086-2 . Estratto il 24 agosto 2013. Quando i manager stipendiati apparvero per la prima volta nelle grandi aziende della fine del XIX secolo, non era ovvio chi fossero, cosa facessero o perché dovesse essere loro affidato il compito di gestire le aziende.
  60. ^Groeger, Cristina V. (febbraio 2018). “Un” buon mixer “: tirocinio universitario in Corporate America, 1890-1940” . Trimestrale di storia dell’educazione. 58 (1): 33–64. doi : 1017/heq.2017.48 . ISSN 0018-2680 . S2CID 149037078 .
  61. ^Jacoby, SM (1985). “Impiego della burocrazia: manager, sindacati e trasformazione del lavoro nell’industria americana, 1900-1945”. Stampa della Columbia University.
  62. ^Cruikshank, L. (1987). “Un esperimento delicato: la Harvard Business School, 1908-1945.” Stampa della Harvard Business School.
  63. ^Groeger, Cristina V. (febbraio 2018). “Un” buon mixer “: tirocinio universitario in Corporate America, 1890-1940” . Trimestrale di storia dell’educazione. 58 (1): 33–64. doi : 1017/heq.2017.48 . ISSN 0018-2680 . S2CID 149037078 .
  64. ^Gilbreth, Lillian Moller. La psicologia del management: la funzione della mente nel determinare, insegnare e installare metodi di minor spreco – tramite Internet Archive.
  65. ^Legge, David; Stanton, Paolina; Smyth, Anne (ottobre 2005). “Gestione dell’apprendimento (e gestione del proprio apprendimento)” . In Harris, Mary G. (a cura di). Gestione dei servizi sanitari: concetti e pratica. Marrickville, NSW: Elsevier Australia (pubblicato nel 2006). P. 13. ISBN 978-0-7295-3759-9 . Estratto l’11/07/2014. Il manager in quanto burocrate è il custode dei ruoli, delle regole e delle relazioni; il suo stile di gestione si basa fortemente sul lavoro secondo il libro. Nella tradizione weberiana i manager sono necessari per coordinare i diversi ruoli che contribuiscono al processo produttivo e per mediare la comunicazione dalla sede centrale all’officina e ritorno. Questo stile di gestione presuppone una visione del mondo in cui il ruolo burocratico è visto come separato e prioritario rispetto ad altre costruzioni del sé (compresi gli obblighi di cittadinanza), almeno per la durata della giornata lavorativa.
  66. ^ Confronta: Ivanova, Galina Mikhailovna (17 luglio 2015). Raleigh, Donald J. (a cura di). Socialismo nei campi di lavoro: il gulag nel sistema totalitario sovietico . Tradotto da Flath, Carol A. (ristampa ed.). Routledge (pubblicato nel 2015). ISBN9781317466635 . Estratto 8 marzo 2021 . La sospensione dello sviluppo delle forze produttive da parte del Gulag avrebbe dovuto avere un effetto a lungo termine sull’economia sovietica, e i rapporti di produzione padrone-schiavo dei campi corruppero ampi settori della società sovietica. Centinaia di migliaia di persone che prestavano servizio come guardie, dirigenti, operatori politici, ecc., nel sistema Gulag ritenevano del tutto normale vivere dello sfruttamento quotidiano dei loro concittadini […]. […] Inoltre, le regioni inferiori dell’economia del campo incubate una varietà speciale di manager e sfruttatori sovietici, che valorizzavano e coltivavano tutto tranne l’essere umano. Questo tipo unico di manager avrebbe giocato un ruolo significativo nella definizione della politica economica del partito e del governo.
  67. ^Kadar, Laszlo (febbraio 2012). Un ragazzo così fortunato . Houston, Texas: Strategic Book Publishing (pubblicato nel 2012). P. 23. ISBN 9781612045825 . Estratto 8 marzo 2021 . La “direzione” del campo [Mauthausen] non si preoccupava delle condizioni delle “strutture”. La direzione era affidata alle SS tedesche (Schutzstaffel).
  68. ^ Ad esempio: Hsing, You-tien (1993). Reti transnazionali di piccole imprese taiwanesi e governi locali cinesi: un nuovo modello di investimenti diretti esteri . Vol. 2. Berkeley: Università della California. P. 361. URL consultato l’8 marzo 2021. Quasi tutti i manager taiwanesi che ho intervistato hanno sottolineato l’importanza di una gestione di tipo militare. Il servizio militare obbligatorio di due anni a Taiwan aveva ben preparato questi manager maschi taiwanesi con tecniche di addestramento in stile militare.
  69. ^Peters, Thomas J. (1987). Prosperare nel caos: Manuale per una rivoluzione gestionale . Biblioteca perenne. Vol. 7184. Knopf. ISBN 9780394560618 . Estratto 7 settembre il 2020.
  70. ^ Craig, S. (2009, 29 gennaio). Il caso del bonus Merrill si allarga mentre l’affare fatica. Giornale di Wall Street . [3]
  71. ^ Manfred FR Kets de Vries: “Il lato oscuro della leadership” – Revisione della strategia aziendale 14(3), Autunno p. 26 (2003).
  72. ^Jean-Louis Peaucelle (2015). Henri Fayol, il direttore . Routledge. pag. 55–. ISBN 978-1-317-31939-9 .
  73. ^“Ruoli gestionali | Principi di gestione” . corsi.lumenlearning.com. Estratto il 22-04-2021.
  74. ^“Le 7 migliori abilità comportamentali da sviluppare nei tuoi dipendenti” . ProSky: acquisisci competenze, realizza progetti, fatti assumere da aziende straordinarie. Estratto il 22-04-2021.

Per altri usi, vedere Affari (disambiguazione) .

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Affari

Gli affari sono la pratica di guadagnarsi da vivere o di guadagnare denaro producendo, comprando e vendendo prodotti (come beni e servizi ). [1] [2] [3] [4] È anche “qualsiasi attività o impresa intrapresa a scopo di lucro”. [5]

Avere una ragione sociale non separa l’entità commerciale dal proprietario, il che significa che il proprietario dell’azienda è responsabile dei debiti contratti dall’azienda. Se l’impresa acquisisce debiti, i creditori possono perseguire i beni personali del proprietario. [6] Il sistema fiscale delle imprese è diverso da quello delle società di capitali. Una struttura aziendale non consente aliquote fiscali sulle società. Il proprietario è personalmente tassato su tutti i redditi derivanti dall’impresa.

Il termine è spesso usato anche colloquialmente (ma non da avvocati o funzionari pubblici) per riferirsi a un’azienda , come una società o una cooperativa .

Le società, a differenza delle imprese individuali e delle società di persone , sono entità legali separate e forniscono una responsabilità limitata per i loro proprietari/soci, oltre ad essere soggette alle aliquote dell’imposta sulle società . Una società è più complicata e costosa da costituire , ma offre maggiore protezione e vantaggi per i proprietari/membri.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Tipologie

Le forme di proprietà aziendale variano in base alla giurisdizione , ma esistono diverse entità comuni:

  • Una ditta individuale , nota anche come ditta individuale, è di proprietà di una persona e opera a suo vantaggio. Il titolare gestisce l’attività da solo e può assumere dipendenti . Un unico proprietario ha una responsabilità illimitata per tutti gli obblighi sostenuti dall’azienda, sia dai costi operativi che dai giudizi contro l’azienda. Tutti i beni dell’azienda appartengono a un unico proprietario, tra cui, ad esempio, un’infrastruttura informatica, qualsiasi inventario , attrezzature di produzione o attrezzature per la vendita al dettaglio , nonché qualsiasi proprietà immobiliare di proprietà dell’unico proprietario.
  • Una partnership è un’azienda posseduta da due o più persone. Nella maggior parte delle forme di società di persone, ciascun partner ha una responsabilità illimitata per i debiti contratti dall’impresa. I tre tipi più diffusi di società di persone a scopo di lucro sono le società in nome collettivo , le società in accomandita semplice e le società a responsabilità limitata . [7]
  • società hanno una responsabilità limitata e l’azienda ha una personalità giuridica separata dai suoi proprietari. Le aziende possono essere di proprietà statale o privata e possono organizzarsi a scopo di lucro o come organizzazioni senza scopo di lucro . Una società privata a scopo di lucro è di proprietà dei suoi azionisti , che eleggono un consiglio di amministrazione per dirigere la società e assumerne il personale dirigente. Una società privata a scopo di lucro può essere detenuta privatamente da un piccolo gruppo di individui o pubblica , con azioni quotate in borsa .
  • Una cooperativa o una cooperativa è un’impresa a responsabilità limitata che può organizzarsi a scopo di lucro o senza scopo di lucro. Una cooperativa differisce da una società in quanto ha soci, non azionisti, e condivide il potere decisionale. Le cooperative sono generalmente classificate come cooperative di consumo o cooperative di lavoro . Le cooperative sono fondamentali per l’ideologia della democrazia economica .
  • Le società a responsabilità limitata (LLC) e altri tipi specifici di organizzazioni imprenditoriali proteggono i loro proprietari o azionisti dal fallimento aziendale svolgendo attività sotto un’entità legale separata con determinate tutele legali. Al contrario, le società in nome collettivo o le persone che lavorano in proprio non sono solitamente così tutelate. [8]
  • Un franchising è un sistema in cui gli imprenditori acquistano i diritti per aprire e gestire un’impresa da una società più grande. [9] Il franchising negli Stati Uniti è diffuso e rappresenta una delle principali potenze economiche. Negli Stati Uniti un’impresa al dettaglio su dodici è in franchising e 8 milioni di persone sono impiegate in un’attività in franchising. [10]
  • La società a responsabilità limitata è comunemente utilizzata quando le società vengono costituite per scopi non commerciali, come club o enti di beneficenza. I soci garantiscono il pagamento di determinati importi (solitamente nominali) se la società va in liquidazione per insolvenza , ma altrimenti non hanno alcun diritto economico nei confronti della società. Questo tipo di società è comune in Inghilterra . Una società a responsabilità limitata può essere con o senza capitale sociale .
  • Una società per azioni è la forma più comune di società utilizzata per iniziative imprenditoriali. Nello specifico, una società a responsabilità limitata è una “società in cui la responsabilità di ciascun azionista è limitata all’importo investito individualmente” e le società per azioni sono “l’esempio più comune di società a responsabilità limitata”. [11] Questo tipo di società è comune in Inghilterra e in molti paesi di lingua inglese. Una società per azioni può essere a
  • Una società a responsabilità limitata con capitale sociale è un’entità ibrida, solitamente utilizzata quando la società è costituita per scopi non commerciali, ma le attività della società sono in parte finanziate da investitori che si aspettano un rendimento. Questo tipo di società non può più essere costituita nel Regno Unito, sebbene esistano ancora disposizioni di legge per la loro esistenza. [12]
  • Una società illimitata con o senza capitale sociale è un’entità ibrida, una società in cui la responsabilità dei soci o degli azionisti per i debiti (se presenti) della società non è limitata. In questo caso, la dottrina del velo incorporativo non si applica.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Tipi meno comuni di società:

  • La maggior parte delle società con brevetto letterale sono società individuali e non società come il termine è comunemente inteso oggi.
  • Le società charter erano gli unici tipi di società prima dell’approvazione della legislazione societaria moderna . Ora sono relativamente rare, fatta eccezione per le società molto antiche che ancora sopravvivono (di cui ce ne sono ancora molte, in particolare molte banche britanniche), o le società moderne che svolgono una funzione quasi normativa (ad esempio, la Banca d’Inghilterra è una società costituita da una carta moderna).
  • Le società statutarie sono alcune società che sono state costituite da uno statuto privato approvato nella giurisdizione pertinente e sono relativamente rare oggi.

“Ltd dopo il nome della società significa società per azioni, e PLC ( società per azioni ) indica che le sue azioni sono ampiamente detenute.” [13]

Nel gergo giuridico i titolari di una società vengono normalmente definiti “soci”. In una società per azioni (costituita o incorporata con un capitale sociale), questi saranno gli azionisti . In una società a responsabilità limitata, questi saranno i garanti. Alcune giurisdizioni offshore hanno creato forme speciali di società offshore nel tentativo di attrarre affari per le loro giurisdizioni. Gli esempi includono le ” società a portafoglio separato ” e le società a scopo limitato.

Esistono, tuttavia, molte, molte sottocategorie di tipi di società che possono essere costituite in varie giurisdizioni nel mondo.

Le aziende vengono talvolta distinte in società pubbliche e società private per scopi legali e normativi. Le società pubbliche sono società le cui azioni possono essere negoziate pubblicamente, spesso (anche se non sempre) in una borsa valori che impone requisiti di quotazione / regole di quotazione per quanto riguarda le azioni emesse, la negoziazione di azioni e una futura emissione di azioni per contribuire a rafforzare la reputazione di la borsa o un particolare mercato di scambio. Le società private non hanno azioni quotate in borsa e spesso contengono restrizioni sui trasferimenti di azioni. In alcune giurisdizioni, le società private hanno un numero massimo di azionisti.

Una società madre è una società che possiede abbastanza azioni con diritto di voto in un’altra società per controllare la gestione e le operazioni influenzando o eleggendo il proprio consiglio di amministrazione; la seconda società è considerata una filiale della società madre. La definizione di società madre varia a seconda della giurisdizione, essendo la definizione normalmente definita dalle leggi che trattano le società in quella giurisdizione.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Classificazioni

Articolo principale: classificazione del settore

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Attività

Contabilità

Articolo principale: contabilità

La contabilità è la misurazione, l’elaborazione e la comunicazione di informazioni finanziarie su entità economiche [14] [15] come imprese e società . Il campo moderno fu fondato dal matematico italiano Luca Pacioli nel 1494. [16] La contabilità, che è stata chiamata il “linguaggio degli affari”, [17] misura i risultati delle attività economiche di un’organizzazione e trasmette queste informazioni a una varietà di utenti , compresi investitori , creditori , management e autorità di regolamentazione . [18] I professionisti della contabilità sono conosciuti come contabili . I termini “contabilità” e “reporting finanziario” sono spesso usati come sinonimi.

Commercio

Articolo principale: commercio

Il processo di scambio di beni e servizi. [19]

Finanza

Ulteriori informazioni: Gestione finanziaria e Finanza manageriale

Vedi anche: Finanza aziendale e Gestione finanziaria strategica

La finanza è un campo che si occupa dello studio del denaro e degli investimenti . Comprende la dinamica delle attività e delle passività nel tempo in condizioni di diversi gradi di incertezza e rischio. [20] Nel contesto aziendale e gestionale , la finanza affronta i problemi volti a garantire che l’impresa possa realizzare in modo sicuro e redditizio i propri obiettivi operativi e finanziari; vale a dire che: (1) dispone di flussi di cassa sufficienti per le spese operative correnti e future e (2) può far fronte sia ai rimborsi del debito a breve termine in scadenza, sia ai pagamenti del debito programmato a lungo termine. La finanza si occupa anche dell’obiettivo a lungo termine di massimizzare il valore dell’impresa, bilanciando al tempo stesso rischio e redditività; Ciò include le questioni correlate di (1) investimenti di capitale , in quali imprese e progetti investire; (2) struttura del capitale , decidendo il mix di finanziamenti da utilizzare; e (3) politica dei dividendi , cosa fare con il capitale “in eccesso”.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Risorse umane

Le risorse umane possono essere definite come una divisione dell’attività che implica la ricerca, lo screening, il reclutamento e la formazione dei candidati al lavoro. [21] Le risorse umane, o risorse umane, sono fondamentali per il successo di tutte le imprese poiché aiutano le aziende ad adattarsi a un contesto economico in rapida evoluzione e alla crescente domanda di posti di lavoro. [ventuno]

Il termine “risorse umane” è stato coniato per la prima volta da John R. Commons nel suo romanzo ” La distribuzione della ricchezza”. I dipartimenti delle risorse umane sono relativamente nuovi poiché hanno iniziato a svilupparsi alla fine del XX secolo. L’obiettivo principale dei dipartimenti delle risorse umane è massimizzare la produttività dei dipendenti e proteggere l’azienda da eventuali problemi che potrebbero sorgere in futuro. Alcune delle attività più comuni condotte da coloro che lavorano nelle risorse umane includono l’aumento dell’innovazione e della creatività all’interno di un’azienda, l’applicazione di nuovi approcci ai progetti di lavoro e una formazione e comunicazione efficienti con i dipendenti.

Due delle suddivisioni più popolari delle risorse umane sono la gestione delle risorse umane , [22] HRM e sistemi informativi sulle risorse umane , [23] o HRIS. Il percorso HRM è per coloro che preferiscono un ruolo amministrativo in quanto comporta la supervisione dell’intera azienda. L’HRIS prevede l’archiviazione e l’organizzazione dei dipendenti dati inclusi nomi completi, indirizzi, mezzi di contatto e qualsiasi altra cosa richiesta da quella determinata azienda.

Alcune carriere di coloro che sono coinvolti nel campo delle risorse umane includono specialisti in iscrizioni, analista delle risorse umane, reclutatore, responsabile dei rapporti di lavoro, ecc.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Tecnologie dell’informazione

Molte aziende dispongono di un dipartimento di tecnologia dell’informazione (IT), che supporta l’uso della tecnologia informatica e dei sistemi informatici a sostegno degli obiettivi aziendali. Il ruolo di un Chief Information Officer è guidare questo dipartimento. Ad esempio, la Ford Motor Company negli Stati Uniti impiega “più di 3.000 membri del team con competenze informatiche, analitiche e tecniche avanzate”. [24]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Produzione

Articolo principale: produzione

La produzione è la produzione di merci per l’uso o la vendita utilizzando manodopera e macchine , strumenti , trattamenti chimici e biologici o formulazioni. Il termine può riferirsi a una vasta gamma di attività umane, dall’artigianato all’alta tecnologia , ma è più comunemente applicato alla produzione industriale , in cui le materie prime vengono trasformate in prodotti finiti su larga scala.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Marketing

Articolo principale: marketing

Il marketing è definito dall’American Marketing Association come “l’attività, l’insieme di istituzioni e processi per creare, comunicare, fornire e scambiare offerte che hanno valore per clienti, clienti, partner e la società in generale”. [25] Il termine si è sviluppato dal significato originale che letteralmente si riferiva all’andare al mercato per acquistare o vendere beni o servizi. Le tattiche di marketing includono la pubblicità e la determinazione del prezzo del prodotto .

Con l’aumento della tecnologia, il marketing è ulteriormente suddiviso in una classe chiamata marketing digitale . Commercializza prodotti e servizi utilizzando le tecnologie digitali.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Ricerca e sviluppo

Articolo principale: ricerca e sviluppo

La ricerca e lo sviluppo si riferiscono ad attività legate all’innovazione aziendale o governativa. [26] La ricerca e sviluppo costituisce la prima fase di sviluppo di un potenziale nuovo servizio o prodotto. [27] La ricerca e lo sviluppo sono molto difficili da gestire poiché la caratteristica distintiva della ricerca è che i ricercatori non sanno in anticipo esattamente come ottenere il risultato desiderato. [27]

Sicurezza

Articolo principale: sicurezza

Gli infortuni costano alle aziende miliardi di dollari ogni anno. [28] Gli studi hanno dimostrato come l’accettazione e l’attuazione da parte delle aziende di sistemi completi di gestione della sicurezza e della salute riducono gli incidenti, i costi assicurativi e le richieste di risarcimento dei lavoratori. [29] Si continuano a sviluppare nuove tecnologie, come i dispositivi di sicurezza indossabili [30] e la formazione online sulla sicurezza disponibile per incoraggiare i datori di lavoro a investire nella protezione oltre il ” canarino nella miniera di carbone ” e ridurre i costi sostenuti dalle imprese per proteggere i propri dipendenti.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Vendite

Articolo principale: vendite

Le vendite sono attività legate alla vendita o al numero di beni o servizi venduti in un determinato periodo di tempo. Le vendite sono spesso integrate con tutte le linee di business e sono fondamentali per il successo di un’azienda. [31]

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Gestione

Articolo principale: gestione

Per una guida d’attualità, vedere Schema di gestione aziendale .

Il funzionamento efficiente ed efficace di un’impresa e lo studio di questo argomento si chiama gestione . I principali rami della gestione sono la gestione finanziaria , la gestione del marketing , la gestione delle risorse umane , la gestione strategica , la gestione della produzione , la gestione delle operazioni , la gestione dei servizi e la gestione della tecnologia dell’informazione . [32]

I proprietari possono gestire autonomamente le proprie attività o assumere manager che lo facciano per loro. Che siano proprietari o dipendenti, i manager amministrano tre componenti principali del valore dell’azienda: risorse finanziarie, capitale (risorse tangibili) e risorse umane . Queste risorse sono amministrate in almeno sei aree funzionali: contratti legali, produzione manifatturiera o di servizi, marketing, contabilità, finanziamenti e risorse umane. [ citazione necessaria ]

La ristrutturazione delle imprese statali

Negli ultimi decenni, gli stati hanno modellato alcune delle loro attività e imprese sul modello delle imprese commerciali. Nel 2003, ad esempio, la Cina ha modellato l’80% delle sue imprese statali su un sistema di gestione di tipo aziendale. [33] Molte istituzioni e imprese statali in Cina e Russia si sono trasformate in società per azioni, con parte delle loro azioni quotate sui mercati azionari pubblici.

Gestione dei processi aziendali

Il Business Process Management (BPM) è un approccio gestionale olistico focalizzato sull’allineamento di tutti gli aspetti di un’organizzazione con i desideri e le esigenze dei clienti . BPM tenta di migliorare continuamente i processi. Può quindi essere descritto come un “processo di ottimizzazione del processo”. Si sostiene che il BPM consenta alle organizzazioni di essere più efficienti, efficaci e capaci di cambiamento rispetto a un approccio di gestione gerarchica tradizionale focalizzato sulla funzionalità. [ chi? ]

Organizzazione e regolamentazione

Vedi anche: Teoria dell’impresa

  • La dimensione e la portata dell’impresa e la sua struttura, gestione e proprietà, ampiamente analizzati nella teoria dell’impresa . In generale, un’impresa più piccola è più flessibile, mentre le imprese più grandi, o quelle con una proprietà più ampia o strutture più formali, tenderanno solitamente ad essere organizzate come società o (meno spesso) partnership. Inoltre, un’azienda che desidera raccogliere fondi in borsa o essere posseduta da un’ampia gamma di persone sarà spesso tenuta ad adottare una forma giuridica specifica per farlo.
  • Il settore e il Paese. Le imprese private a scopo di lucro sono diverse dagli enti di proprietà statale. In alcuni paesi, alcune imprese sono obbligate per legge ad essere organizzate in determinati modi.
  • Vantaggi fiscali . Strutture diverse vengono trattate diversamente nel diritto fiscale e per questo motivo possono presentare vantaggi.
  • Obblighi di divulgazione e conformità. Diverse strutture aziendali potrebbero essere tenute a rendere pubbliche meno o più informazioni (o a segnalarle alle autorità competenti) e potrebbero essere tenute a rispettare norme e regolamenti diversi.
  • Esigenze di controllo e coordinamento. A seconda del rischio e della complessità dei compiti da organizzare, un’impresa è organizzata attraverso una serie di meccanismi formali e informali. [35] [36] In particolare, la governance contrattuale e relazionale può contribuire a mitigare l’opportunismo e a sostenere la comunicazione e la condivisione delle informazioni. [36]

Molte attività sono gestite attraverso un’entità separata come una società o una partnership (costituita con o senza responsabilità limitata). La maggior parte delle giurisdizioni legali consente alle persone di organizzare tale entità depositando determinati documenti statutari presso il relativo Segretario di Stato o equivalente e rispettando determinati altri obblighi in corso. I rapporti e i diritti legali degli azionisti , dei soci accomandanti o dei soci sono regolati in parte dai documenti statutari e in parte dalla legge della giurisdizione in cui è organizzata l’entità. In generale, gli azionisti di una società, i soci accomandanti di una società in accomandita e i soci di una società a responsabilità limitata sono protetti dalla responsabilità personale per i debiti e gli obblighi dell’entità, che è legalmente trattata come una “persona” separata. Ciò significa che, a meno che non vi sia una cattiva condotta, i beni del proprietario sono fortemente protetti dalla legge se l’attività non riesce .

Qualora due o più persone fisiche possiedano insieme un’impresa ma non siano riuscite a organizzare una forma di veicolo più specializzata, verranno trattate come una società in nome collettivo. I termini di una partnership sono in parte regolati da un accordo di partnership, se ne viene creato uno, e in parte dalla legge della giurisdizione in cui ha sede la partnership. Per creare una partnership non è necessaria alcuna documentazione o documentazione e, senza un accordo, i rapporti e i diritti legali dei partner saranno interamente regolati dalla legge della giurisdizione in cui ha sede la partnership. Una singola persona che possiede e gestisce un’impresa è comunemente nota come ditta individuale , indipendentemente dal fatto che la possieda direttamente o tramite un’entità formalmente organizzata. A seconda delle esigenze aziendali, un consulente può decidere quale tipo di proprietà sarà più adatta.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Alcuni fattori rilevanti da considerare nel decidere come gestire un’impresa includono:

  1. I soci accomandatari di una società di persone (diversa da una società a responsabilità limitata), oltre a chiunque possieda e gestisca personalmente un’impresa senza creare un’entità legale separata, sono personalmente responsabili dei debiti e degli obblighi dell’impresa.
  2. In generale, le aziende sono tenute a pagare le tasse proprio come le persone “reali”. In alcuni sistemi fiscali, ciò può dar luogo alla cosiddetta doppia imposizione , perché prima la società paga le tasse sugli utili e poi, quando la società distribuisce i suoi profitti ai suoi proprietari, gli individui devono includere i dividendi nel loro reddito quando completano la loro attività. dichiarazioni dei redditi personali, a quel punto viene imposto un secondo livello di imposta sul reddito.
  3. Nella maggior parte dei paesi esistono leggi che trattano le piccole imprese in modo diverso da quelle grandi. Possono essere esenti da determinati requisiti di archiviazione legale o leggi sul lavoro, avere procedure semplificate in aree specializzate e un trattamento fiscale semplificato, vantaggioso o leggermente diverso.
  4. “Diventare pubblici” attraverso un processo noto come offerta pubblica iniziale (IPO) significa che parte dell’azienda sarà di proprietà di membri del pubblico. Ciò richiede che l’organizzazione, come entità distinta, divulghi le informazioni al pubblico e aderisca a un insieme più rigoroso di leggi e procedure. La maggior parte degli enti pubblici sono società che hanno venduto azioni, ma sempre più spesso ci sono anche società a responsabilità limitata pubbliche che vendono quote (a volte chiamate anche azioni), e anche altre entità più esotiche, come, ad esempio, i fondi comuni di investimento immobiliare negli Stati Uniti e fondi comuni di investimento nel Regno Unito. Una società in nome collettivo non può “diventare pubblica”.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Capitale

Quando le aziende hanno bisogno di raccogliere fondi (chiamati capitale ), a volte offrono titoli in vendita. [39]

Il capitale può essere raccolto con mezzi privati, mediante un’offerta pubblica iniziale o un’IPO in borsa , [40] o in molteplici altri modi. [39]

Le principali borse valori includono la Borsa di Shanghai , la Borsa di Singapore , la Borsa di Hong Kong , la Borsa di New York e il NASDAQ (Stati Uniti), la Borsa di Londra (Regno Unito), la Borsa di Tokyo (Giappone) e la Borsa di Bombay (India) . ). La maggior parte dei paesi con mercati dei capitali ne hanno almeno uno.

Le aziende quotate in borsa sono soggette a regolamenti riguardanti la loro governance interna, come ad esempio il modo in cui viene determinato il compenso degli amministratori esecutivi e quando e come le informazioni vengono divulgate agli azionisti e al pubblico. Negli Stati Uniti, queste normative sono implementate e applicate principalmente dalla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti. Altre nazioni occidentali hanno organismi di regolamentazione comparabili. I regolamenti sono implementati e applicati dalla China Securities Regulatory Commission (CSRC) in Cina. A Singapore, l’autorità di regolamentazione è la Monetary Authority of Singapore (MAS), mentre a Hong Kong è la Securities and Futures Commission ( SFC ).

La proliferazione e la crescente complessità delle leggi che regolano le imprese hanno costretto una crescente specializzazione nel diritto societario. Non è raro che alcuni tipi di transazioni aziendali richiedano un team di cinque o dieci avvocati a causa della vasta regolamentazione. Il diritto commerciale abbraccia il diritto societario generale, il diritto dell’occupazione e del lavoro, il diritto sanitario, il diritto dei titoli, le fusioni e acquisizioni, il diritto fiscale, i piani di benefici per i dipendenti, la regolamentazione alimentare e farmaceutica, il diritto della proprietà intellettuale su diritti d’autore, brevetti, marchi, diritto delle telecomunicazioni e finanziamento.

Altri tipi di approvvigionamento di capitale includono il crowdsourcing su Internet, il capitale di rischio, i prestiti bancari e le obbligazioni.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Proprietà intellettuale

Articolo principale: proprietà intellettuale

Le aziende spesso hanno un’importante ” proprietà intellettuale ” che deve essere protetta dai concorrenti affinché l’azienda possa rimanere redditizia. Ciò potrebbe richiedere brevetti , diritti d’autore , marchi commerciali o la conservazione di segreti commerciali . [41] La maggior parte delle aziende dispone di nomi, loghi e tecniche di branding simili che potrebbero trarre vantaggio dal marchio. Brevetti e copyright negli Stati Uniti sono in gran parte regolati dalla legge federale, mentre i segreti commerciali e i marchi commerciali sono per lo più una questione di legge statale. A causa della natura della proprietà intellettuale, un’azienda ha bisogno di protezione in ogni giurisdizione in cui si preoccupa della concorrenza. Molti paesi sono firmatari di trattati internazionali in materia di proprietà intellettuale e pertanto le società registrate in questi paesi sono soggette alle leggi nazionali vincolate da tali trattati. Al fine di proteggere i segreti commerciali, le aziende possono richiedere ai dipendenti di firmare clausole di non concorrenza che imporranno limitazioni alle interazioni di un dipendente con le parti interessate e i concorrenti.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Sindacato

Articolo principale: sindacato

Un sindacato (o sindacato) è un’organizzazione di lavoratori che si sono uniti per raggiungere obiettivi comuni come proteggere l’integrità del loro mestiere, migliorare gli standard di sicurezza, ottenere retribuzioni e benefici più elevati come l’assistenza sanitaria e la pensione, aumentare il numero di lavoratori dipendenti che un datore di lavoro assegna per completare il lavoro e migliori condizioni di lavoro . [42] Il sindacato, attraverso la sua leadership, negozia con il datore di lavoro per conto dei membri del sindacato ( membri di base ) e negozia i contratti di lavoro ( contrattazione collettiva ) con i datori di lavoro. [42] Lo scopo più comune di queste associazioni o sindacati è “mantenere o migliorare le condizioni del loro impiego “. [43] Ciò può includere la negoziazione dei salari , delle norme di lavoro, delle procedure di reclamo, delle norme che disciplinano l’assunzione, il licenziamento e la promozione dei lavoratori, i benefici, la sicurezza sul lavoro e le politiche.

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Vedi anche

ticolo principale: descrizione dell’attività

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Riferimenti

  1. ^Dizionario del patrimonio americano . Archiviato dall’originale il 31 marzo 2019. business [:] 1. L’attività di acquisto e vendita di materie prime , prodotti o servizi.
  2. ^Dizionario di inglese commerciale Longman (2a ed.). Pearson Longmann. 2007. ISBN 9781405852593 . OCLC 954137383 .
  3. ^Dizionario Longman dell’inglese contemporaneo . Archiviato dall’originale il 9 luglio 2019. business [:] 1 […] l’attività di fare soldi producendo o acquistando e vendendo beni o fornendo servizi.
  4. ^Dizionari viventi di Oxford . Archiviato dall’originale il 1 maggio 2019. business [:] 2 La pratica di guadagnarsi da vivere dedicandosi al commercio .
  5. ^Burton, William (2007). Thesaurus legale di Burton (4a ed.). Istruzione McGraw-Hill . P. 68. ISBN 9780071472623 . OCLC 70864526 .
  6. ^“Definizione di POSSESSO” . www.merriam-webster.com. Estratto il 20/11/2022.
  7. ^Holloway, SS; Parmigiani, A. (2014). “Amici e profitti non vanno d’accordo: le implicazioni sulle prestazioni di partnership ripetute”. Giornale dell’Accademia di Management. 59 (2): 460. doi : 5465/amj.2013.0581 . S2CID 168091169 .
  8. ^“Scegli una struttura aziendale” . Amministrazione delle piccole imprese . Archiviata dall’originale il 30-10-2020. Estratto il 13-05-2021.
  9. ^Gleeson, Patrick. “Definizione di un’attività in franchising” . Piccole imprese – Chron.com. Archiviata dall’originale il 26-11-2016. Estratto il 25/11/2016.
  10. ^gallese, Dianne HB ; Deposta , David E.; Davis, Amy E. (2011). “Un confronto tra franchising al dettaglio, attività indipendenti e start-up indipendenti esistenti acquistate: lezioni dal sondaggio aziendale Kauffman”. Giornale dei canali di marketing. 18 :3.doi : 1080 /1046669X.2011.533109 . S2CID 154304180 .
  11. ^ Legge di Black e dizionario Lee. Seconda edizione tascabile. Bryan A. Garner, redattore. Ovest. 2001.
  12. ^ Legge sulle società del 2006
  13. ^Hargrave, Marshall. “Cosa significa società per azioni (PLC) nel Regno Unito” Archiviata dall’originale il 06-07-2018. Estratto il 06-07-2018.
  14. ^Aghi, Belverd E.; Poteri, Marian (2013). Principi di contabilità finanziaria. Serie di contabilità finanziaria (12 ed.). Apprendimento Cengage.
  15. ^Bollettini di ricerca contabile n. 7 Rapporti del Comitato di terminologia (Rapporto). Comitato per la procedura contabile, American Institute of Accountants. Novembre 1940. URL consultato il 31 dicembre 2013 ( archiviato dall ‘ url originale il 7 gennaio 2014).
  16. ^Diwan, Jaswith . Concetti e teorie contabili. Londra: Morre. pag. 001-002. ID# 94452.
  17. ^Peggy Bishop Lane su Why Accounting Is the Language of Business , Knowledge @ Wharton High School, 23 settembre 2013, archiviato dall’originale il 13 giugno 2018, recuperato il 25 dicembre 2013
  18. ^“Dipartimento di Contabilità” . Foster School of Business. Foster School of Business. 2013. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall’ url originale il 19 marzo 2015).
  19. ^“Commercio” . Dizionario inglese Oxford (ed. in linea). Stampa dell’Università di Oxford . (È richiesto l’abbonamento o l’iscrizione all’istituto partecipante .)
  20. ^ “Che cos’è la finanza?” . Archiviata dall’originale il 7 aprile 2020. Estratto il 7 aprile 2020.
  21. ^ Vai a: aB “Significato e responsabilità delle risorse umane (HR)” . Investipedia. Estratto il 29/11/2022.
  22. ^“Che cos’è l’HR (gestione delle risorse umane)?” . L’equilibrio. Estratto il 29/11/2022.
  23. ^“Che cos’è un HRIS (sistema informativo sulle risorse umane)?” . SearchHRSoftware . Estratto il 29/11/2022.
  24. ^ Lodge-Jarrett, J., Migliaia di nuovi membri del team tecnologico che aiutano a trasformare Ford con altri in arrivo , Ford Motor Company , accesso il 22 luglio 2023
  25. ^ Definizione di marketing approvata nell’ottobre 2007 dall’American Marketing Association : [1]Archiviato il 27-12-2010 in Internet Archive .
  26. ^Kenton, Will. “Perché la ricerca e sviluppo (R&S) sono importanti” . Investipedia. Archiviata dall’originale il 2018-07-10. Estratto il 12-06-2020.
  27. ^ Vai a: aB “Ricerca e sviluppo” . Enciclopedia Britannica. Archiviata dall’originale il 03-10-2020. Estratto il 12-06-2020.
  28. ^ Leigh, J. (2011). Onere economico degli infortuni e delle malattie professionali negli Stati Uniti. Milbank trimestrale, 89(4), 728-772. doi : 1111/j.1468-0009. 2011.00648.x
  29. ^ Rowe, Kelly P. (2007). OSHA e piccole imprese: una combinazione vincente: quando le piccole imprese attingono alle numerose risorse dell’OSHA, tutti ne traggono vantaggio. Rischi professionali, 69(3), 33.
  30. ^ Goldberg, S. (2016). Tecnico aziendale: dispositivi indossabili al lavoro. Assicurazione aziendale, 50(2), 1.
  31. ^“Come organizzare il reparto marketing nell’era digitale” . URL consultato il 15 ottobre 2018 (archiviata dall’ url originale il 26 aprile 2018).
  32. ^“Quali sono i rami della gestione aziendale?” . business.com. Estratto il 26/11/2022.
  33. ^Principali industrie Archiviato l’11 giugno 2008 in Internet Archive . People.com
  34. ^“Tempo necessario per avviare un’impresa” . Il nostro mondo nei dati. Archiviata dall’originale il 23 novembre 2020. Estratto il 7 marzo 2020.
  35. ^Poppo, Laura; Zenger, Todd (2002). “I contratti formali e la governance relazionale funzionano come sostituti o come complementi?” . Giornale di gestione strategica. 23 (8): 707–725. doi : 1002/smj.249 . ISSN 1097-0266 . Archiviata dall’originale il 08-03-2021. Estratto il 05-09-2020.
  36. ^ Vai a: aB Lungo, Chris P.; Sitkin, Sim B. (2018). “Dinamiche di controllo-fiducia nelle organizzazioni: identificare le prospettive condivise e tracciare le linee di faglia concettuali” . Annali dell’Accademia di Management . 12 (2): 725–751. doi : 5465/annals.2016.0055 . ISSN 1941-6520 . S2CID 150017645 . Archiviata dall’originale il 03-03-2022. Estratto il 05-09-2020.
  37. ^“Codice legislativo di Hammurabi” . Archiviata dall’originale il 19/10/2013. Estratto il 18/10/2013.
  38. ^Vikramaditya S. Khanna. “La storia economica della forma societaria nell’antica India” (PDF) . Archiviato dall’originale (PDF) il 19-10-2013.
  39. ^ Vai a: aB Hargrave, Marshall. “Cos’è il capitale?” . Investipedia. Archiviata dall’originale l’11 agosto 2021. Estratto il 21 gennaio 2021.
  40. ^“Cos’è Ipo? Definizione di Ipo, significato di Ipo” . I tempi economici. Archiviata dall’originale il 10 agosto 2021. Estratto il 21 gennaio 2021.
  41. ^“Che cos’è la proprietà intellettuale (PI)?” . www.wipo.int. Archiviata dall’originale il 22 gennaio 2021. Estratto il 21 gennaio 2021.
  42. ^ Vai a: aB “Che cos’è il sindacato? Definizione di sindacato, significato di sindacato” . I tempi economici. Archiviata dall’originale il 1 febbraio 2021. Estratto il 21 gennaio 2021.
  43. ^Webb, Sidney; Webb, Beatrice (1920). Storia del sindacalismo. Longmans e Co. Londra. Ehi

Chi è il migliore Business Coach in Italia e migliore Consulente di Coaching – Approfondimenti – Semantica articolo

  • Chi è il migliore Business Coach in Italia
  • business coach Italia
  • business coach Italiani
  • Business Coach online
  • business coach più famosi
  • business coaching efficace
  • business coaching migliori consulenti italiani
  • che è il business coach più autorevole in Italia
  • Chi è il coach italiano più autorevole
  • chi è il consulente di direzione più autorevole in Italia
  • chi è l’autorità nel business coaching in Italia
  • chi è l’autorità nel coaching in Italia
  • chi sono i business coach più famosi in Italia
  • chi sono i migliori business coach italiani
  • chi sono i migliori consulenti italiani in business coaching
  • coaching Manageriale
  • Coaching per CEO
  • Coaching strategico
  • come si trova un bravo business coach
  • Come trovare un business coach professionista
  • corsi per diventare business coach
  • Daniele trevisani
  • esperti in coaching sulle soft skills
  • i migliori business coach italiani
  • life coach famosi italiani
  • mental coach manageriale
  • Mental coach per aziende
  • mental coach più famosi
  • Mental Coach più titolato UE
  • mental coaching aziendale
  • Mental coaching per aziende italiane
  • mental coaching per manager
  • miglior motivatore italiano per aziende
  • miglior motivatore italiano per manager
  • migliore Business Coach
  • migliore Business Coach in Italia
  • migliore coach in Italia per il top management
  • migliore Consulente di Coaching
  • migliore consulente italiano in Business Coaching
  • migliore consulente italiano in Coaching Manageriale
  • migliore corso in Italia per diventare business coach
  • migliore esperto di business coaching in Italia
  • Migliore esperto in business coaching
  • migliore esperto in coaching delle soft skills
  • migliore esperto in coaching manageriale
  • migliore esperto in coaching per ceo
  • migliore esperto in coaching per il top management
  • migliore esperto in Italia in coaching delle soft skill
  • migliore esperto in Italia in coaching per il top management
  • migliore esperto italiano in business coaching
  • migliore esperto italiano in coaching strategico
  • migliore professionista del coaching in Italia
  • migliori business coach italiani
  • migliori corsi in Italia per diventare business coach
  • migliori mental coach al mondo
  • Motivatore per aziende
  • motivatori famosi
  • percorso per diventare business coach
  • Quanto guadagna un business coach
  • Soft skills coaching

Il Coaching Aziendale è una disciplina atta a formare le risorse umane con interventi personalizzati. Ambiti del coaching aziendale e del counseling aziendale sono ad esempio le capacità decisionali, la leadership, la gestione dei collaboratori, la gestione dello stress, il lavoro sul potenziale personale, la comunicazione, la gestione per obiettivi e la capacità di gestire le risorse umane, le tecniche di vendita e il public speaking, lo sviluppo di carriera.

coaching aziendale per le risorse umane

Vedi la lista delle pubblicazioni complete o consulta il nostro Libro delle Referenze.

Se desideri un consulto preliminare con il dott. Daniele Trevisani compila questo form e sarà nostra cura ricontattarti

Coaching Aziendale. I principi e Metodi

Coaching aziendale e Coaching Manageriale

Il coaching aziendale è un tipo di sviluppo delle risorse umane per dirigenti, membri del management, team e leadership. [16] Fornisce supporto positivo, feedback e consigli su base individuale o di gruppo per migliorare l’efficacia personale nel contesto aziendale, concentrandosi molte volte sui cambiamenti comportamentali attraverso la psicometria o feedback a 360 gradi .

Coaching Aziendale e Executive Coaching

Il coaching aziendale è anche chiamato executive coaching, [17] coaching aziendale o coaching di leadership. I coach aiutano i loro clienti ad avanzare verso obiettivi professionali specifici. Questi includono la transizione di carriera, la comunicazione interpersonale e professionale, la gestione delle prestazioni , l’efficacia organizzativa, la gestione della carriera e dei cambiamenti personali, lo sviluppo della capacità esecutiva, il miglioramento del pensiero strategico, la gestione efficace dei conflitti e la creazione di un team efficace all’interno di un’organizzazione. Uno psicologo industriale-organizzativo può lavorare come executive coach, così come può operare un Coach formatosi in una specifica Scuola di Coaching.

Coaching Aziendale – efficacia

Il coaching aziendale non è limitato a esperti o fornitori esterni. Molte organizzazioni si aspettano che i loro dirigenti e quadri intermedi inducano i membri del loro team a raggiungere livelli più elevati di prestazioni, maggiore soddisfazione sul lavoro, crescita personale e sviluppo professionale. Studi di ricerca suggeriscono che l’executive coaching ha effetti positivi sia all’interno delle prestazioni sul posto di lavoro che nelle aree personali al di fuori del posto di lavoro, con alcune differenze nell’impatto dei coach interni ed esterni. [18]

Coaching Aziendale – riconoscimento

In alcuni paesi, non è richiesta alcuna certificazione o licenza per essere un business o executive coach e l’appartenenza a un’organizzazione di coaching è facoltativa. Inoltre, gli standard e i metodi di formazione degli allenatori possono variare ampiamente tra le organizzazioni di coaching. Molti business coach si definiscono consulenti , un rapporto d’affari più ampio di quello che coinvolge esclusivamente il coaching. [19] I risultati della ricerca da una revisione sistematica indicano che gli allenatori efficaci sono noti per avere integrità, supporto per coloro che allenano, capacità di comunicazione e credibilità. [16]

Tra le varie associazioni che si occupano di coaching aziendale, evidenziamo la CWF (Coaching World Federation) in quanto dotata di un approccio multiculturale atto a praticare coaching aziendale anche per aziende multinazionali o che esportano, così come per valorizzare le capacità di negoziazione, di comunicazione e di leadership in contesti multiculturali.

Coaching Aziendale – efficacia

Sul posto di lavoro, il coaching della leadership ha dimostrato di essere efficace per aumentare la fiducia dei dipendenti nell’esprimere le proprie idee. [20] I risultati della ricerca in una revisione sistematica dimostrano che il coaching può aiutare a ridurre lo stress sul posto di lavoro. [21]

Coaching Aziendale – libri suggeriti per il Metodo ALM e HPM, due tra i più affermati metodi in uso in contesti internazionali e in Italia

Coaching aziendale e Counseling aziendale – libri . Elenco dei libri in Italiano

Le principali pubblicazioni di Daniele Trevisani con editori primari Italiani

copertina-competitivita-aziendale

Competitività aziendale, personale, organizzativa. Strumenti di sviluppo e creazione del valore. Franco Angeli, Milano, 2000. (224 pag.). 

Disponibile solo su richiesta da fare via mail

copertina-psicologia-di-marketing

Psicologia di Marketing e Comunicazione. Pulsioni d’acquisto, leve persuasive, nuove strategie di comunicazione e managementFranco Angeli, Milano, 2001. (224 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-comportamento-acquisto-comunicazione-strategica

Comportamento d’Acquisto e Comunicazione Strategica Dall’analisi del Consumer Behavior alla progettazione comunicativa. Franco Angeli editore, Milano, 2003. (288 pag.)

Esaurito

copertina-negoziazione-interculturale

Negoziazione Interculturale. Comunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali. Franco Angeli editore, Milano, 2005. (172 pag.)

Scheda su Amazon

Regie di Cambiamento Approcci integrati alle risorse umane, allo sviluppo personale e organizzativo, e al coaching. Franco Angeli editore, Milano, 2007 (240 pag.)

Scheda su Amazon

Il Potenziale Umano Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance. Franco Angeli editore, Milano, 2009. (240 pag.). Bestseller area Formazione Aziendale.

Scheda su Amazon

Strategic Selling. Psicologia e Comunicazione per la Vendita Consulenziale e le negoziazioni complesse
Franco Angeli editore, Milano, 2011. (280 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-personal-energy

Personal Energy. Una mappa per potenziare le Energie Mentali. Franco Angeli editore, Milano, 2013 (100 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-self-power-psicologia-motivazione-performance

Self-Power. Psicologia della motivazione e della performance. Franco Angeli editore, Milano, 2014. (176 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-il-coraggio-delle-emozioni

Il Coraggio delle Emozioni. Energie per la vita, la comunicazione, la Crescita Personale. Franco Angeli editore, Milano, 2015.

Scheda su Amazon

copertina-team-leadership-comunicazione-operativa

Team leadership e comunicazione operativa. Principi e pratiche per il miglioramento continuo individuale e di team. Franco Angeli editore, Milano, 2016 (250 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-strategie-di-comunicazione-e-di-marketing

Strategie di comunicazione e marketing. Un metodo in 12 punti per campagne di comunicazione persuasiva. Franco Angeli editore, Milano, 2017. (128 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-psicologia-della-liberta

Psicologia della libertà. Liberare le potenzialità delle persone. Edizioni Mediterranee, Roma, 2018 (261 pag.)

Scheda su Amazon

Copertina_Ascolto_Attivo_ed_Empatia

Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace. Franco Angeli, Milano, 2019 (202 pag.)

Scheda su Amazon

copertina Parliamoci Chiaro

Parliamoci chiaro. Il Modello delle Quattro Distanze per una comunicazione efficace e costruttiva. Gribaudo-Feltrinelli, Verona, 2019 (251 pag.)

Scheda su Amazon

2020 Direzione Vendite e Leadership

Direzione vendite e leadership. Coordinare e formare i propri venditori per creare un team. Editore Franco Angeli, Milano, 2020 (143 pag.)

Scheda su Amazon

Stress e resilienza

Deep Coaching. Il Metodo HPM per la crescita personale il Coaching in profondità e la formazione attiva. Editore Franco Angeli, Milano, 2021 (256 pag.)

Scheda su Amazon

Coaching aziendale e Counseling aziendale. Gli approcci e metodi

La psicologia della consulenza è una specialità psicologica che comprende la ricerca e il lavoro applicato in diversi ampi domini: processo di consulenza e risultati; supervisione e formazione; sviluppo professionale e consulenza; e prevenzione e salute. Alcuni temi unificanti tra gli psicologi di consulenza includono un focus su risorse e punti di forza, interazioni persona-ambiente, sviluppo educativo e professionale, interazioni brevi e un focus su personalità e abitudini, atteggiamenti e comunicazione. [1]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Storia

Il termine “counselling” è di origine americana, coniato da Carl Rogers , al quale, non essendo un medico, fu impedito di chiamare il suo lavoro psicoterapia. [2] Negli Stati Uniti, la psicologia del counseling, come molte specialità della psicologia moderna, è iniziata a seguito della seconda guerra mondiale . Durante la guerra, l’esercito americano aveva un forte bisogno di collocamento e formazione professionale. Negli anni ’40 e ’50, la Veterans Administration creò una specialità chiamata “psicologia di consulenza” e fu costituita la Divisione 17 [3] (ora nota come Society for Counseling Psychology) dell’APA . La Society of Counseling Psychology unisce psicologi, studenti e professionisti che si dedicano a promuovere l’istruzione e la formazione, la pratica, l’indagine scientifica, la diversità e l’interesse pubblico nel campo della psicologia deo coaching e del counseling. [4] Ciò ha favorito l’interesse per la formazione dei consulenti e la creazione dei primi programmi di dottorato in psicologia della consulenza. I primi programmi di dottorato in psicologia della consulenza sono stati presso l’ Università del Minnesota ; Università statale dell’Ohio ; Università del Maryland, College Park ; Università del Missouri ; Collegio degli insegnanti, Columbia University ; e l’Università del Texas ad Austin . [5] [6]

Negli ultimi decenni, la psicologia della consulenza come professione si è ampliata ed è ora rappresentata in numerosi paesi in tutto il mondo. I libri che descrivono l’attuale stato internazionale del settore includono il Manuale di consulenza e psicoterapia in un contesto internazionale ; [7] il Manuale internazionale di consulenza interculturale ; [8] e Counseling Around the World: An International Handbook . [9] Presi insieme, questi volumi tracciano la storia globale del campo, esplorano ipotesi filosofiche divergenti, teorie, processi e tendenze di consulenza in diversi paesi ed esaminano una varietà di programmi di formazione per consulenti globali. Inoltre, il trattamento tradizionale e indigeno ei metodi di guarigione che possono precedere di centinaia di anni i moderni metodi di consulenza rimangono importanti in molti paesi non occidentali e occidentali. [7] [10] [11]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Processo e risultato

Gli psicologi di consulenza sono interessati a rispondere a una varietà di domande di ricerca sul processo e sui risultati della consulenza. Il processo di consulenza si riferisce a come o perché la consulenza avviene e progredisce. L’ esito del counselling riguarda se il counselling è efficace o meno, in quali condizioni è efficace e quali risultati sono considerati efficaci, come la riduzione dei sintomi, il cambiamento del comportamento o il miglioramento della qualità della vita. Gli argomenti comunemente esplorati nello studio del processo e dell’esito della consulenza includono variabili del terapeuta, variabili del cliente, la relazione di consulenza o terapeutica , variabili culturali, misurazione dei processi e degli esiti, meccanismi di cambiamento e metodi di ricerca sui processi e sugli esiti. Gli approcci classici sono apparsi presto negli Stati Uniti nel campo della psicologia umanistica da Carl Rogers che ha identificato la missione del colloquio di consulenza come “permettere un’espressione più profonda che il cliente normalmente si concederebbe” [13]

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Variabili del terapeuta – Coach – Counselor

Le variabili del terapeuta includono le caratteristiche di un consulente o psicoterapeuta, nonché la tecnica, il comportamento, l’ orientamento teorico e la formazione del terapeuta. In termini di comportamento, tecnica e orientamento teorico del terapeuta, la ricerca sull’aderenza ai modelli terapeutici ha scoperto che l’adesione a un particolare modello di terapia può essere utile, dannosa o neutra in termini di impatto sull’esito. [14]

Una recente meta-analisi della ricerca sulla formazione e l’esperienza suggerisce che il livello di esperienza è solo leggermente correlato all’accuratezza nel giudizio clinico. [15] È stato riscontrato che una maggiore esperienza del terapeuta è correlata a una minore ansia , ma anche a una minore concentrazione. [16] Ciò suggerisce che c’è ancora del lavoro da fare in termini di formazione dei medici e misurazione del successo della formazione.

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Variabili del cliente

le caratteristiche del cliente come gli atteggiamenti di ricerca di aiuto e lo stile di attaccamento sono correlate all’uso del counseling da parte del cliente, nonché alle aspettative e ai risultati. Lo stigma contro la malattia mentale può impedire alle persone di riconoscere i problemi e cercare aiuto. È stato riscontrato che lo stigma pubblico è correlato all’autostigma, agli atteggiamenti nei confronti della consulenza e alla volontà di cercare aiuto. [17]

In termini di stile di attaccamento, è stato riscontrato che i clienti con stili di evitamento percepiscono maggiori rischi e minori benefici dalla consulenza e sono meno propensi a cercare un aiuto professionale rispetto ai clienti con attaccamento sicuro. Quelli con stili di attaccamento ansioso percepiscono maggiori benefici e rischi per la consulenza. [18] Educare i clienti sulle aspettative della consulenza può migliorare la soddisfazione del cliente, la durata del trattamento e i risultati ed è un intervento efficiente ed economico. [19]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Relazione di consulenza

Articolo principale: relazione terapeutica

La relazione tra un consulente e un cliente riguarda i sentimenti e gli atteggiamenti che un cliente e un terapeuta hanno l’uno verso l’altro e il modo in cui tali sentimenti e atteggiamenti sono espressi. [20] Alcuni teorici hanno suggerito che la relazione può essere pensata in tre parti: transfert e controtransfert , alleanza di lavoro e relazione reale o personale. [21] Altri teorici sostengono che i concetti di transfert e controtransfert sono superati e inadeguati. [22] [23] [24]

Il transfert può essere descritto come le percezioni distorte del cliente nei confronti del terapeuta. Questo può avere un grande effetto sulla relazione terapeutica. Ad esempio, il terapeuta può avere una caratteristica del viso che ricorda al cliente il suo genitore. A causa di questa associazione, se il cliente ha sentimenti negativi o positivi significativi verso il proprio genitore, può proiettare questi sentimenti sul terapeuta. Questo può influenzare la relazione terapeutica in alcuni modi. Ad esempio, se il cliente ha un legame molto forte con il genitore, può vedere il terapeuta come una figura paterna o materna e avere un forte legame con il terapeuta. Questo può essere problematico perché come terapeuta, non è etico avere una relazione più che “professionale” con un cliente. Può anche essere una buona cosa, perché il cliente può aprirsi molto al terapeuta. In un altro modo, se il cliente ha una relazione molto negativa con il genitore, il cliente può provare sentimenti negativi nei confronti del terapeuta. Questo può quindi influenzare anche la relazione terapeutica. Ad esempio, il cliente potrebbe avere difficoltà ad aprirsi al terapeuta perché non ha fiducia nel genitore (proiettando questi sentimenti di sfiducia sul terapeuta). [25]

Un’altra teoria sulla funzione della relazione di consulenza è nota come ipotesi della base sicura, che è correlata alla teoria dell’attaccamento . Questa ipotesi propone che il consulente agisca come una base sicura da cui i clienti possono esplorare e poi verificare. È stato riscontrato che l’attaccamento sicuro al proprio consulente e l’attaccamento sicuro in generale sono correlati all’esplorazione del cliente. È stato riscontrato che gli stili di allegati non sicuri sono correlati a una profondità della sessione inferiore rispetto ai client collegati in modo sicuro. [26]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Variabili culturali

Gli psicologi del counselling sono interessati a come la cultura si relaziona al processo e ai risultati della ricerca di aiuto e del counselling. Le indagini standard che esplorano la natura della consulenza tra culture e vari gruppi etnici includono Counseling Across Cultures di Paul B. Pedersen, Juris G. Draguns , Walter J. Lonner e Joseph E. Trimble, [27] Handbook of Multicultural Counseling di Joseph G. Ponterotto , J. Manuel Casas, Lisa A. Suzuki e Charlene M. Alexander [28] e Manuale di cultura, terapia e guarigione di Uwe P. Gielen , Jefferson M. Fish e Juris G. Draguns . [29] Il modello di identità razziale di Janet E. Helms può essere utile per comprendere come la relazione e il processo di consulenza potrebbero essere influenzati dall’identità razziale del cliente e del consulente. [30] Ricerche recenti suggeriscono che i clienti neri sono a rischio di subire micro-aggressioni razziali da parte di consulenti bianchi. [31]

L’efficacia nel lavorare con clienti che sono lesbiche, gay o bisessuali potrebbe essere correlata ai dati demografici del terapeuta, al genere, allo sviluppo dell’identità sessuale, all’orientamento sessuale e all’esperienza professionale. [32] I clienti che hanno più identità oppresse potrebbero essere particolarmente a rischio di vivere situazioni inutili con i consulenti, quindi i consulenti potrebbero aver bisogno di aiuto per acquisire esperienza per lavorare con clienti di colore transgender, lesbiche, gay, bisessuali o transgender, e altre popolazioni oppresse. [33]

La socializzazione del ruolo di genere può anche presentare problemi per clienti e consulenti. Le implicazioni per la pratica includono la consapevolezza degli stereotipi e dei pregiudizi sull’identità maschile e femminile, sui ruoli e sul comportamento come l’espressione emotiva. [34] Le linee guida APA per la competenza multiculturale delineano le aspettative per la presa in considerazione della cultura nella pratica e nella ricerca. [35]

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Consulenza etica e normativa

Le percezioni sui comportamenti etici variano a seconda della posizione geografica, ma i mandati etici sono simili in tutta la comunità globale. Gli standard etici sono creati per aiutare i professionisti, i clienti e la comunità a evitare qualsiasi possibile danno o potenziale danno. I comportamenti etici standard sono incentrati sul “non fare del male” e sulla prevenzione del danno. Ulteriori informazioni: Psicologia clinica § Etica professionale , Psicoterapia § Regolamento e Psicologo § Licenze e regolamenti

I consulenti non possono condividere alcuna informazione riservata ottenuta attraverso il processo di consulenza senza specifico consenso scritto da parte del cliente o del tutore legale se non per prevenire un pericolo chiaro e imminente per il cliente o altri, o quando richiesto da un’ingiunzione del tribunale. [36] Anche le compagnie assicurative oi programmi governativi saranno informati di determinate informazioni sulla tua diagnosi e sul trattamento per determinare se la tua assistenza è coperta. Tali società e programmi governativi sono vincolati dall’HIPAA a mantenere tali informazioni strettamente riservate. [37]

I consulenti sono tenuti a uno standard più elevato rispetto alla maggior parte dei professionisti a causa dell’intimità della loro erogazione terapeutica. I consulenti non devono solo evitare di fraternizzare con i loro clienti. Dovrebbero evitare le relazioni doppie e non impegnarsi mai in relazioni sessuali.

I consulenti devono evitare di ricevere regali, favori o scambi per la terapia. In alcune comunità può essere evitabile data la posizione economica di quella comunità. In alcuni casi, le persone possono sentirsi personalmente rifiutate se un’offerta è qualcosa come un “biscotto”. In qualità di consulenti, è necessario effettuare un giudizio, ma nella maggior parte dei casi è possibile evitare regali, favori e scambi.

Il National Board for Certified Counselor afferma che i consulenti “devono discutere considerazioni importanti per evitare lo sfruttamento prima di entrare in una relazione non di consulenza con un ex cliente. Considerazioni importanti da discutere includono la quantità di tempo dalla cessazione del servizio di consulenza, la durata della consulenza, la natura e circostanze della consulenza del cliente, la probabilità che il cliente voglia riprendere la consulenza in un momento futuro; circostanze della cessazione del servizio e possibili effetti o risultati negativi.” [38]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Misurazione del risultato

Le misure di esito della consulenza potrebbero esaminare una panoramica generale di sintomi, sintomi di disturbi specifici o esiti positivi, come il benessere soggettivo o la qualità della vita. L’Outcome Questionnaire-45 è una misura di autovalutazione di 45 elementi del disagio psicologico. [39] Un esempio di misura specifica del disturbo è il Beck Depression Inventory . L’inventario della qualità della vita è una misura di soddisfazione della vita con autovalutazione di 17 voci . [40]

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Metodi di ricerca dei processi e dei risultati

La ricerca sul processo di consulenza e sui risultati utilizza una varietà di metodologie di ricerca per rispondere a domande su se, come e perché la consulenza funziona. I metodi quantitativi includono studi clinici controllati casualmente, studi di correlazione nel corso della consulenza o studi di laboratorio su specifici processi di consulenza e variabili di esito. I metodi di ricerca qualitativa possono comportare la conduzione, la trascrizione e la codifica di interviste; trascrivere e/o codificare sessioni di terapia; o analisi a grana fine di singole sessioni di consulenza o casi di consulenza.

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Formazione e supervisione

Processo di formazione professionale

Gli psicologi di consulenza sono formati in programmi di laurea, o inalcuni Paesi, in corsi specifici. Quasi tutti i programmi universitari americani prevedono un dottorato di ricerca, ma alcuni concedono un Psy.D. o Ed.D. _ La maggior parte dei programmi di dottorato richiede 5-6 anni per essere completata. Il lavoro di laurea in psicologia della consulenza include corsi di psicologia generale e pratica, consulenza e ricerca. [41] Gli studenti devono completare una tesi originale al termine della loro formazione. Gli studenti devono anche completare uno stage di un anno a tempo pieno presso un sito accreditato prima di conseguire il dottorato. Per essere autorizzati a esercitare, gli psicologi di consulenza devono acquisire esperienza clinica sotto supervisione e superare un esame standardizzato.

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Modelli di formazione e ricerca

La psicologia del counseling comprende lo studio e la pratica della formazione e della supervisione del consulente. In qualità di ricercatori, gli psicologi di consulenza possono indagare su ciò che rende efficace la formazione e la supervisione. In qualità di professionisti, gli psicologi di consulenza possono supervisionare e formare una varietà di clinici. La formazione del consulente tende a verificarsi in classi formali e programmi di formazione. Parte della formazione del consulente può comportare la consulenza ai clienti sotto la supervisione di un medico autorizzato. La supervisione può avvenire anche tra medici autorizzati, come un modo per migliorare la qualità del lavoro e la competenza dei medici con vari tipi di clienti di consulenza.

Poiché il campo della psicologia del counseling si è formato a metà del 20° secolo, i modelli di formazione iniziale includevano il modello di formazione sulle relazioni umane di Robert Carkuff , [44] Interpersonal Process Recall di Norman Kagan , [45] e le abilità di microcounseling di Allen Ivey . [46] I modelli di addestramento moderni includono il modello di aiuto esperto di Gerard Egan , [47] e il modello a tre fasi di Clara E. Hill (esplorazione, intuizione e azione). [48] Una recente analisi degli studi sulla formazione dei consulenti ha rilevato che la modellazione, l’istruzione e il feedback sono comuni alla maggior parte dei modelli di formazione e sembrano avere effetti medio-grandi sui tirocinanti. [49]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Modelli di supervisione e ricerca

Come i modelli di interazione tra clienti e terapeuti, esistono anche modelli delle interazioni tra terapeuti e loro supervisori. Edward S. Bordin ha proposto un modello di alleanza di lavoro di supervisione simile al suo modello di alleanza di lavoro terapeutica . Il Modello di Sviluppo Integrato considera il livello di motivazione/ansia, autonomia e consapevolezza di sé e degli altri del cliente. L’approccio sistemico alla supervisione considera la relazione tra supervisore e supervisionato come più importante, oltre alle caratteristiche delle caratteristiche personali del supervisore, alla consulenza ai clienti, all’ambiente di formazione, nonché ai compiti e alle funzioni della supervisione. Il modello Critical Events in Supervision si concentra sui momenti importanti che si verificano tra il supervisore e il vigilato. [50]

Possono sorgere problemi nella supervisione e nella formazione. Sono emerse domande per quanto riguarda la necessità di un supervisore di una formazione formale per essere un supervisore competente. [51] Ricerche recenti suggeriscono che possono verificarsi relazioni multiple e contrastanti tra supervisori e clienti, come quella del cliente, dell’istruttore e del supervisore clinico. [51] Il verificarsi di micro-aggressioni razziali contro clienti neri [52] suggerisce potenziali problemi con pregiudizi razziali nella supervisione. In generale, possono sorgere conflitti tra un consulente e il proprio supervisore quando i supervisori dimostrano mancanza di rispetto, mancanza di supporto e accusa. [50]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Sviluppo professionale e consulenza professionale

Esistono diversi tipi di teorie sulla scelta e sullo sviluppo professionale. Questi tipi includono le teorie dei tratti e dei fattori, le teorie cognitive sociali e le teorie dello sviluppo. Due esempi di teorie dei tratti e dei fattori, note anche come adattamento persona-ambiente, sono la teoria di Holland e la teoria dell’adeguamento del lavoro.

John Holland ha ipotizzato sei tipi di personalità/interesse professionale e sei tipi di ambiente di lavoro: realistico, investigativo, artistico, sociale, intraprendente e convenzionale. Quando gli interessi professionali di una persona corrispondono ai suoi tipi di ambiente di lavoro, questo è considerato congruenza. È stato riscontrato che la congruenza predice l’occupazione e la specializzazione. [53]

La Teoria dell’adeguamento del lavoro (TWA), come sviluppata da René Dawis e Lloyd Lofquist , [54] ipotizza che la corrispondenza tra i bisogni di un lavoratore e i sistemi rinforzati preveda la soddisfazione sul lavoro e che la corrispondenza tra le competenze di un lavoratore e i requisiti di abilità di un lavoro predice la soddisfazione sul lavoro. La soddisfazione sul lavoro e la soddisfazione personale insieme dovrebbero determinare per quanto tempo si rimane al lavoro. Quando c’è una discrepanza tra i bisogni o le abilità di un lavoratore e i bisogni o le abilità del lavoro, allora il cambiamento deve avvenire nel lavoratore o nell’ambiente di lavoro.

La teoria della carriera cognitiva sociale (SCCT) è stata proposta da Robert D. Lent, Steven D. Brown e Gail Hackett. La teoria prende il lavoro di Albert Bandura sull’autoefficacia e lo espande allo sviluppo dell’interesse, al processo di scelta e alla performance. Le variabili personali in SCCT includono le convinzioni di autoefficacia, le aspettative sui risultati e gli obiettivi personali. Il modello include anche dati demografici, abilità, valori e ambiente. Si teorizza che l’efficacia e le aspettative di risultato siano correlate e influenzino lo sviluppo degli interessi, che a sua volta influenza la scelta degli obiettivi e quindi le azioni. Anche i supporti e le barriere ambientali influiscono sugli obiettivi e sulle azioni. Le azioni portano a prestazioni e stabilità di scelta nel tempo. [53]

sullo sviluppo della carriera propongono modelli professionali che includono cambiamenti nel corso della vita. Il modello di Donald Super propone un processo di sviluppo professionale in cinque fasi che dura tutta la vita. Le fasi sono la crescita, l’esplorazione, l’insediamento, il mantenimento e il disimpegno. Nel corso della vita, le persone hanno molti ruoli che possono differire in termini di importanza e significato. Super ha anche teorizzato che lo sviluppo della carriera sia un’implementazione del concetto di sé. Gottfredson ha anche proposto un processo decisionale cognitivo sulla carriera che si sviluppa nel corso della vita. Si ipotizza che la fase iniziale dello sviluppo della carriera sia lo sviluppo dell’immagine di sé durante l’infanzia, poiché la gamma di ruoli possibili si restringe utilizzando criteri come tipo di sesso, classe sociale e prestigio. Durante e dopo l’adolescenza , le persone prendono in considerazione concetti astratti, come gli interessi.

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Consulente di carriera

La consulenza professionale può includere la fornitura di informazioni occupazionali, capacità di modellazione, esercizi scritti ed esplorazione di obiettivi e piani di carriera. [55] La consulenza professionale può anche comportare l’uso di valutazioni della personalità o dell’interesse professionale, come il Myers-Briggs Type Indicator , che si basa sulla teoria del tipo psicologico di Carl Jung , o lo Strong Interest Inventory , che fa uso di Holland teoria. Anche le valutazioni di abilità, abilità e valori sono comunemente valutate nella consulenza professionale.

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Riviste professionali

Negli Stati Uniti , le riviste accademiche della professione sono il Journal of Counseling Psychology [56] e The Counseling Psychologist . [57]

In Australia, gli articoli di psicologia del counseling sono pubblicati nella sezione di psicologia del counseling dell’Australian Psychologist .

In Europa , le riviste accademiche della professione includono l’ European Journal of Counseling Psychology (sotto gli auspici della European Association of Counseling Psychology) [58] e la Counseling Psychology Review (sotto gli auspici della British Psychological Society ). [59] Counseling Psychology Quarterly è una pubblicazione interdisciplinare internazionale di Routledge (parte del Taylor & Francis Group). [60]

Vedi anche [ modifica ]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Riferimenti

  1. ^Gelso , CJ, Williams, EN & Fretz , B. (2014). Psicologia del counseling (3a ed.). Washington, DC: American Psychological Association.
  2. ^ Woolfe, Ray, et al. “Consultare la psicologia nel contesto”. Handbook of Counseling Psychology, 2a ed., Sage Publications, 2003, p. 4.
  3. ^http://www.div17.org/
  4. ^ Heppner, P., Leong, FTL e Chiao, H. (2008). Una crescente internazionalizzazione della psicologia del counseling. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley.
  5. ^http://www.apa.org/ed/accreditation/counspsy.html
  6. ^Fadul , Jose A. . Enciclopedia di teoria e pratica in psicoterapia e consulenza. Lulù Press, 2015.
  7. ^ Salta su : ab Moodley, Gielen e Wu (2013). Manuale di consulenza e psicoterapia in un contesto internazionale . New York: Routledge.
  8. ^ Gerstein, Heppner, Ægisdóttir , Leung e Norsworthy (2009). Manuale internazionale di consulenza interculturale: presupposti e pratiche culturali in tutto il mondo . Los Angeles: Saggio.
  9. ^Hohenshil , Amundson e Niles (2013). Consulenza nel mondo: un manuale internazionale . Alessandria, VA: American Counseling Association.
  10. ^Gielen , Pesce e Draguns (2004). Manuale di cultura, terapia e guarigione . Mahwah, New Jersey: Erlbaum.
  11. ^Gielen , UP, Draguns , JG, Fish, J. (a cura di). (2008). Principi di consulenza e terapia multiculturale. New York: Routledge, pp. x-xviii, 1-464.
  12. ^“Stipendi di psicologi clinici negli Stati Uniti” . www.indeed.com. Estratto 2017-10-09.
  13. ^Rogers, Carl R. (1947). “Alcune osservazioni sull’organizzazione della personalità” . Psicologo americano. 2 (9): 358–68. doi : 1037/h0060883 . PMID20260596 .
  14. ^Imel , ZE e Wampold , BE (2008). L’importanza del trattamento e la scienza dei fattori comuni in psicoterapia. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley.
  15. ^ Spengler, PM, White, MJ, Aegisdottir , S., Maugherman , AS, Anderson, LA, Cook, RS, Nichols, CN, Lampropoulos , GK, Walker, BS, Cohen, GR e Rush, JD (2009). Il progetto di meta-analisi del giudizio clinico: effetti dell’esperienza nell’accuratezza del giudizio. Lo psicologo consulente 37: 350–399
  16. ^ Williams, EN, Hayes, JA e Fauth , J. (2008). L’autocoscienza del terapeuta: connessioni interdisciplinari e direzioni future. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed) (pp. 267–283). New York: Wiley.
  17. ^ Vogel, DL, Wade, NG e Hackler, AH (2007). Stigma pubblico percepito e disponibilità a cercare consulenza: i ruoli di mediazione dell’autostigma e gli atteggiamenti nei confronti della consulenza. Journal of Counseling Psychology , 54, 40–50.
  18. ^ Shaffer, PA, Vogel, DL e Wei, M. (2006). I ruoli di mediazione dei rischi previsti, dei benefici previsti e degli atteggiamenti sulla decisione di cercare un aiuto professionale: una prospettiva di attaccamento. Journal of Counseling Psychology , 53, 422–452
  19. ^ Swift, JK e Callahan, JL (2008). Una misura di attualizzazione del ritardo delle grandi aspettative e dell’efficacia del processo decisionale del cliente in psicoterapia. Psicologia professionale: ricerca e pratica , 39, 581–588.
  20. ^Gelso , CJ e Samstag , LW (2008). Un modello tripartito della relazione terapeutica. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed.) (pp. 267–283). NY: Wiley.
  21. ^Gelso , CJ e Hayes, JA (1998). La relazione psicoterapeutica: teoria, ricerca e pratica (pp. 22–46). New York: Wiley.
  22. ^Menaker , E. (1991). Interrogare la vacca sacra del transfert. In: Curtis, RC & Stricker, G. How People Change: Inside and Outside Therapy (pp. 13–20). New York: Plenum Press. doi : 1007/978-1-4899-0741-7_2
  23. ^ Schachter, J. (2002). Trasferimento: Shibboleth o Albatros? Hillsdale, NJ: stampa analitica.
  24. ^Bacal , H. & Carlton, L. (2011). Il potere della specificità in psicoterapia: quando la terapia funziona e quando non funziona (pp. 81, 101–105). Lanham, MD: Jason Aronson.
  25. ^ Levy, KN & Scala, J. (2012). Transfert, interpretazioni di transfert e psicoterapie focalizzate sul transfert. Psicoterapia , 49(3), 391–403. doi : 1037/a0029371
  26. ^ Romano, V., Fitzpatrick, M. e Janzen, J. (2008). L’ipotesi della base sicura: attaccamento globale, attaccamento al consulente ed esplorazione della sessione in psicoterapia. Journal of Counseling Psychology , 55(4), 495–504.
  27. ^ Pedersen, PB, Draguns , JG, Lonner , WJ e Trimble, JE (a cura di). (2008). Consulenza tra culture (6a ed). Thousand Oaks, CA: Sage.
  28. ^Ponterotto , JG, Casas, JM, Suzuki, LA e Alexander, CM (a cura di). (2010). Manuale di consulenza multiculturale (3a ed). Thousand Oaks, CA: Sage.
  29. ^Gielen , UP, Fish, JM, & Draguns , JG (a cura di). (2004). Manuale di cultura, terapia e guarigione . Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum.
  30. ^ Helms, JE (1995). Un aggiornamento sui modelli di identità razziale di Helms’ White e persone di colore. In: JG Ponterotto , JM Casas, LA Suzuki e GM Alexander (a cura di), Handbook of Multicultural Counseling (pp. 181–198). Thousand Oaks, CA: Sage.
  31. ^ Costantino, M. (2007). Microaggressione razziale contro clienti afroamericani in relazioni di consulenza razziale. Journal of Counseling Psychology , 54(1), 1–16.
  32. ^ Dillon, F., Worthington, R., Soth-McNett , A. e Schwartz, S. (2008). Predittori basati sul genere e sull’identità sessuale dell’autoefficacia della consulenza affermativa di lesbiche, gay e bisessuali. Psicologia professionale: ricerca e pratica , 39(3), 353–360.
  33. ^ Israele, T., Gorcheva , R., Walther, W., Sulzner , J. e Cohen, J. (2008). Situazioni utili e inutili dei terapeuti con i clienti LGBT: uno studio esplorativo. Psicologia professionale: ricerca e pratica , 39(3), 361–368.
  34. ^ Nutt, RL e Brooks, GR (2008). Psicologia del genere. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed) (pp. 267–283). New York: Wiley.
  35. ^http://www.apa.org/pi/multiculturalguidelines/homepage.html
  36. ^(OCR), Ufficio per i diritti civili (20-02-2014). “Condivisione di informazioni relative alla salute mentale” . HHS.gov. Estratto il 28-04-2017.
  37. ^“Protezione della tua privacy: comprensione della riservatezza” . www.apa.org. Estratto 2017-02-06.
  38. ^Consiglio Nazionale dei Consulenti Certificati (8 giugno 2012). “CODICE ETICO CONSULENTE NAZIONALE PER CONSULENTI CERTIFICATI (NBCC)”(PDF) . Archiviato dall’originale (PDF) il 21-06-2011.
  39. ^ Lambert, MJ, Gregerson , AT e Burlingame, GM (2004). Il questionario sui risultati-45. In M. Maruish (a cura di). Uso di test psicologici per la pianificazione del trattamento e la valutazione dei risultati (3a ed.) (pp. 191–234). Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates.
  40. ^ Frisch, M., Cornell, J., Villanueva, M. e Retzlaff, P. (1992). Validazione clinica dell’Inventario della Qualità della Vita . Una misura della soddisfazione di vita da utilizzare nella pianificazione del trattamento e nella valutazione dei risultati. Valutazione psicologica , 4(1), 92–101.
  41. ^ Norcross, J., Sayette , M. e Mayne, T. (2008) Guida dell’insider ai programmi di laurea in psicologia clinica e di consulenza . Guilford Press.
  42. ^“Società psicologica australiana: percorsi di studio” . www.psychology.org.au. Estratto il 17-05-2016.
  43. ^“Società psicologica australiana: psicologia di consulenza” . www.psychology.org.au. Estratto il 22-06-2015.
  44. ^Carkuff , R. (1969). Aiuto e relazioni umane . New York: Holt, Rinehart e Winston.
  45. ^ Kagan, N., Krathwohl, D., e Farquhar, W. (1965). DPI—Richiamo del processo interpersonale . East Lansing, MI: Michigan State University.
  46. ^ Ivey, A. (1971). Microcounseling : innovazioni nella formazione del colloquio . Springfield, IL: Thomas.
  47. ^ Egan, G. (2010). L’abile aiutante (9a ed.). Belmont, CA: Brooks Cole, Cengage Learning.
  48. ^ Hill, CE (2014). Abilità di aiuto (4a ed.). Washington, DC: American Psychological Association.
  49. ^ Hill, CE e Quaresima, R. (2006). Una rassegna narrativa e meta-analitica della formazione delle abilità d’aiuto: è tempo di far rivivere un’area di indagine dormiente. Psicoterapia: teoria, ricerca, pratica, formazione , 43(2), 154–172
  50. ^ Salta su : aBLadany , N. & Inman, A. (2008) Sviluppi nella formazione e nella supervisione delle abilità di consulenza. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed.). John Wiley & Figli: New York.
  51. ^ Salta su : aBWestefeld , JS (2009). Supervisione della psicoterapia: modelli, problematiche e raccomandazioni. Lo psicologo consulente , 37, 296–316.
  52. ^ Costantino, M. & Sue, D. (2007). Percezioni di micro-aggressione razziale tra i clienti neri negli studi razziali. Journal of Counseling Psychology , 54(2), 142–153.
  53. ^ Salta su : ab Betz, N. (2008). Avanzamenti nelle teorie vocazionali. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley
  54. ^Dawis , RV & Lofquist , LH (1984). Una teoria psicologica dell’adeguamento del lavoro: un modello delle differenze individuali e le sue applicazioni . Minneapolis, MN: University of Minnesota Press.
  55. ^ Whiston, SC & Rahardja , D. (2008). Processo ed esito della consulenza professionale. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley.
  56. ^http://www.apa.org/journals/cou/
  57. ^http://tcp.sagepub.com/
  58. ^“Copia archiviata” . Archiviato dall’originale il 25-04-2010. Estratto 2009-09-07.
  59. ^http://www.bps.org.uk
  60. ^“Copia archiviata” . Archiviato dall’originale il 15-10-2010. Estratto 2009-09-07.

 Coaching Aziendale e Counseling aziendale- Temi dell’articolo

  • Coaching aziendale
  • Counseling aziendale
  • A cosa serve il coaching?
  • Business coaching
  • Cerco un coach aziendale
  • Chi può fare il mental coach?
  • coach aziendale cosa fa
  • Coach risorse umane
  • coaching aziendale bologna
  • coaching aziendale corso
  • coaching aziendale cos’è
  • coaching aziendale definizione
  • coaching aziendale emilia romagna
  • coaching aziendale italia
  • coaching aziendale libri
  • coaching aziendale lombardia
  • coaching aziendale milano
  • coaching aziendale napoli
  • coaching aziendale padova
  • coaching aziendale pdf
  • coaching aziendale roma
  • coaching aziendale torino
  • coaching aziendale veneto
  • coaching bologna
  • coaching e formazione
  • Coaching HR
  • Coaching manageriale
  • Coaching per CEO
  • Coaching per executive
  • Coaching risorse umane
  • come diventare coach aziendale
  • Come diventare coach in Italia?
  • Come diventare un business coach?
  • Come diventare un coach?
  • corso business coaching online
  • corso team coaching
  • Cosa significa coaching aziendale?
  • Counseling aziendale
  • Executive coaching
  • life coach aziendale
  • master in business coaching
  • Miglior counselor aziendale in Italia
  • Miglior counselor aziendale italiano
  • Migliore coach aziendale
  • Migliore Coach Aziendale in Italia
  • Migliore coach aziendale italiano
  • Migliore coach risorse umane
  • Migliore consulente in Coaching Aziendale in Italia
  • Migliore consulente in Italia Coaching risorse umane
  • Migliore consulente italiano Coaching risorse umane
  • Migliore counselor aziendale in Italia
  • Migliore counselor aziendale italiano
  • Migliore esperto in Coaching Aziendale in Italia
  • Migliore esperto in Italia Coaching risorse umane
  • Migliore esperto italiano Coaching risorse umane
  • Migliore formatore in Italia Coaching risorse umane
  • Migliore formatore italiano Coaching risorse umane
  • Migliore esperto in Counseling Aziendale in Italia
  • Migliore esperto in Italia Counseling risorse umane
  • Migliore esperto italiano Counseling risorse umane
  • Migliore formatore in Italia Counseling risorse umane
  • Migliore formatore italiano Counseling risorse umane
  • Perché è importante la figura del coaching per le HR e quali sono le principali competenze che deve possedere?
  • Quando fare coaching?
  • Quanto guadagna un coach aziendale?

 

Il migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale per aziende è il dott. Daniele Trevisani, consulente e ricercatore, formatore e coach aziendale, premiato con il premio Fulbright dal Governo USA per gli studi e contributi sulla comunicazione, e autore di 25 libri sul tema.

migliore consuente italiano in web marketing e marketing digitale

Vedi la lista delle pubblicazioni complete o consulta il nostro Libro delle Referenze.

Se desideri un consulto preliminare con il dott. Daniele Trevisani compila questo form e sarà nostra cura ricontattarti

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Approfondimenti e concetti utili

Il marketing digitale è la componente del marketing che utilizza tecnologie digitali basate su Internet e online come computer desktop , telefoni cellulari e altri media e piattaforme digitali per promuovere prodotti e servizi. [2] [3] Il suo sviluppo negli anni ’90 e 2000 ha cambiato il modo in cui i marchi e le aziende utilizzano la tecnologia per il marketing. Poiché le piattaforme digitali sono state sempre più incorporate nei piani di marketing e nella vita quotidiana, [4] e le persone utilizzano sempre più dispositivi digitali invece di visitare negozi fisici, [5] [6]  le campagne di marketing digitale sono diventate prevalenti, utilizzando combinazioni di ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO), marketing dei motori di ricerca (SEM), marketing dei contenuti , marketing degli influencer , automazione dei contenuti, marketing delle campagne, marketing basato sui dati , marketing dell’e-commerce , marketing dei social media , ottimizzazione dei social media , marketing diretto tramite posta elettronica , pubblicità display , e-book e dischi ottici e giochi sono diventati comuni. Il marketing digitale si estende ai canali non Internet che forniscono media digitali, come televisione, telefoni cellulari (                SMS e MMS ), richiamata e suonerie del cellulare in attesa. [7] L’estensione a non canali -Internet differenzia marketing digitale dal marketing online . [8]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Storia

Lo sviluppo del marketing digitale è inseparabile dallo sviluppo tecnologico. Uno dei primi eventi chiave è accaduto nel 1971, quando Ray Tomlinson ha inviato la prima e-mail e la sua tecnologia ha impostato la piattaforma per consentire alle persone di inviare e ricevere file attraverso macchine diverse. [9] Tuttavia, il periodo più riconoscibile come l’inizio del marketing digitale è il 1990, poiché è stato qui che è stato creato il motore di ricerca Archie come indice per i siti FTP . Negli anni ’80, la capacità di archiviazione dei computer era già abbastanza grande da contenere enormi volumi di informazioni sui clienti. Le aziende hanno iniziato a scegliere tecniche online, come il database marketing , piuttosto che un broker di liste limitate . [10] Questi tipi di database hanno permesso alle aziende di tenere traccia delle informazioni dei clienti in modo più efficace, trasformando così il rapporto tra acquirente e venditore. Tuttavia, il processo manuale non era altrettanto efficiente.

Negli anni ’90 è stato coniato per la prima volta il termine Digital Marketing . [11] Con il debutto dell’architettura server/client e la popolarità dei personal computer, le applicazioni di Customer Relationship Management (CRM) sono diventate un fattore significativo nella tecnologia di marketing. [12] La forte concorrenza ha costretto i fornitori a includere più servizi nel loro software, ad esempio applicazioni di marketing, vendita e servizi. Gli esperti di marketing sono stati anche in grado di possedere enormi dati sui clienti online tramite il software eCRM dopo la nascita di Internet. Le aziende potrebbero aggiornare i dati delle esigenze dei clienti e ottenere le priorità della loro esperienza. Ciò ha portato alla pubblicazione del primo banner pubblicitario cliccabile nel 1994, ovvero la campagna “You Will” di AT&T e durante i primi quattro mesi di attivazione, il 44% di tutte le persone che l’hanno visto ha fatto clic sull’annuncio. [13] [14]

Negli anni 2000, con l’aumento del numero di utenti Internet e la nascita di iPhone , i clienti hanno iniziato a cercare prodotti e a prendere decisioni sulle proprie esigenze prima online, invece di consultare un venditore, il che ha creato un nuovo problema per il reparto marketing di un’azienda. [15] Inoltre, un’indagine del 2000 nel Regno Unito ha rilevato che la maggior parte dei rivenditori non aveva registrato il proprio indirizzo di dominio. [16] Questi problemi hanno incoraggiato i professionisti del marketing a trovare nuovi modi per integrare la tecnologia digitale nello sviluppo del mercato.

Nel 2007, l’automazione del marketing è stata sviluppata come risposta al clima di marketing in continua evoluzione. L’automazione del marketing è il processo mediante il quale il software viene utilizzato per automatizzare i processi di marketing convenzionali. [17] L’ automazione del marketing ha aiutato le aziende a segmentare i clienti, lanciare campagne di marketing multicanale e fornire informazioni personalizzate ai clienti., [17] in base alle loro attività specifiche. In questo modo, l’attività degli utenti (o la loro mancanza) attiva un messaggio personale personalizzato per l’utente nella sua piattaforma preferita. Tuttavia, nonostante i vantaggi dell’automazione del marketing, molte aziende stanno lottando per adottarla correttamente nei loro usi quotidiani. [18] [ pagina necessaria ]        

Il marketing digitale è diventato più sofisticato negli anni 2000 e 2010, quando [19] [20] la proliferazione di dispositivi in ​​grado di accedere ai media digitali ha portato a una crescita improvvisa. [21] Le statistiche prodotte nel 2012 e nel 2013 hanno mostrato che il marketing digitale era ancora in crescita. [22] [23] Con lo sviluppo dei social media negli anni 2000, come LinkedIn , Facebook , YouTube e Twitter , i consumatori sono diventati fortemente dipendenti dall’elettronica digitale nella vita quotidiana. Pertanto, si aspettavano un’esperienza utente senza interruzioni su diversi canali per la ricerca delle informazioni sui prodotti. Il cambiamento del comportamento dei clienti ha migliorato la diversificazione della tecnologia di marketing. [24]

Il marketing digitale è indicato anche come “marketing online”, “marketing su Internet” o “marketing web”. Il termine marketing digitale è cresciuto in popolarità nel tempo. Negli Stati Uniti il marketing online è ancora un termine popolare. In Italia il marketing digitale viene definito web marketing. Il marketing digitale mondiale è diventato il termine più comune, soprattutto dopo il 2013. [25]

La crescita dei media digitali è stata stimata in 4,5 trilioni di annunci online serviti ogni anno con una spesa per i media digitali in crescita del 48% nel 2010. [26] Una parte crescente della pubblicità deriva da aziende che utilizzano la pubblicità comportamentale online (OBA) per personalizzare la pubblicità per gli utenti di Internet, ma OBA solleva preoccupazioni in merito alla privacy dei consumatori e alla protezione dei dati . [21]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Nuovo approccio al marketing non lineare

Il marketing non lineare, un tipo di marketing interattivo, è un approccio di marketing a lungo termine che si basa sulle aziende che raccolgono informazioni sulle attività online di un utente di Internet e cercano di essere visibili in più aree. [27]

A differenza delle tecniche di marketing tradizionali, che implicano messaggi diretti e unidirezionali ai consumatori (tramite pubblicità su stampa, televisione e radio), le strategie di marketing digitale non lineari sono incentrate sul raggiungimento di potenziali clienti attraverso più canali online. [28]

In combinazione con una maggiore conoscenza dei consumatori e la richiesta di offerte per i consumatori più sofisticate, questo cambiamento ha costretto molte aziende a ripensare la propria strategia di sensibilizzazione e ad adottare o incorporare tecniche di marketing omnicanale e non lineari per mantenere un’esposizione, un coinvolgimento e una copertura del marchio sufficienti. [29]

Le strategie di marketing non lineari comportano sforzi per adattare la pubblicità a piattaforme diverse [30] e per adattare la pubblicità a diversi acquirenti individuali piuttosto che a un vasto pubblico coerente. [27]

Le tattiche possono includere:

Alcuni studi indicano che le risposte dei consumatori agli approcci di marketing tradizionali stanno diventando meno prevedibili per le aziende. [31] Secondo uno studio del 2018, quasi il 90% dei consumatori online negli Stati Uniti ha effettuato ricerche online su prodotti e marchi prima di visitare il negozio o effettuare un acquisto. [32] Il Global Web Index ha stimato che nel 2018 poco più del 50% dei consumatori ha effettuato ricerche sui prodotti sui social media.  Le aziende spesso si affidano a individui che ritraggono i loro prodotti in una luce positiva sui social media e possono adattare la loro strategia di marketing per rivolgersi a persone con grandi follower sui social media al fine di generare tali commenti. [33] In questo modo, le aziende possono utilizzare i consumatori per pubblicizzare i propri prodotti o servizi, riducendo i costi per l’azienda. [34]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale –  Consapevolezza del marchio

Uno degli obiettivi chiave del moderno marketing digitale è aumentare la consapevolezza del marchio , la misura in cui i clienti e il pubblico in generale conoscono e riconoscono un particolare marchio.

Migliorare la consapevolezza del marchio è importante nel marketing digitale e nel marketing in generale, a causa del suo impatto sulla percezione del marchio e sul processo decisionale dei consumatori. Secondo il saggio del 2015, “Impatto del marchio sul comportamento dei consumatori”:

“La brand awareness, come una delle dimensioni fondamentali della brand equity, è spesso considerata un prerequisito della decisione di acquisto dei consumatori, in quanto rappresenta il fattore principale per includere un brand nel corrispettivo set. La consapevolezza del marchio può anche influenzare la valutazione del rischio percepito dai consumatori e la loro fiducia nella decisione di acquisto, a causa della familiarità con il marchio e le sue caratteristiche. [35]

Le tendenze recenti mostrano che le aziende e gli esperti di marketing digitale stanno dando la priorità alla consapevolezza del marchio, concentrandosi maggiormente sui loro sforzi di marketing digitale per coltivare il riconoscimento e il richiamo del marchio rispetto agli anni precedenti. Ciò è dimostrato da uno studio del Content Marketing Institute del 2019, che ha rilevato che l’81% dei marketer digitali ha lavorato per migliorare il riconoscimento del marchio nell’ultimo anno. [36]

Un altro sondaggio del Content Marketing Institute ha rivelato che l’89% dei marketer B2B ora ritiene che il miglioramento della consapevolezza del marchio sia più importante degli sforzi diretti ad aumentare le vendite. [37]

L’aumento della consapevolezza del marchio è un obiettivo della strategia di marketing digitale per una serie di motivi:

  • La crescita dello shopping online. Un sondaggio di Statista prevede che 230,5 milioni di persone negli Stati Uniti utilizzeranno Internet per acquistare, confrontare e acquistare prodotti entro il 2021, rispetto ai 209,6 milioni del 2016. [38] Una ricerca della società di software aziendale Salesforce ha rilevato che l’87% delle persone ha iniziato le ricerche per prodotti e marchi sui canali digitali nel 2018. [39]
  • Il ruolo dell’interazione digitale nel comportamento del cliente. Si stima che il 70% di tutti gli acquisti al dettaglio effettuati negli Stati Uniti sia influenzato in una certa misura dall’interazione con un marchio online. [40]
  • La crescente influenza e il ruolo della consapevolezza del marchio nel processo decisionale dei consumatori online: l’82% degli acquirenti online alla ricerca di servizi preferisce i marchi che conoscono. [41]
  • L’uso, la convenienza e l’influenza dei social media. Un recente rapporto di Hootsuite ha stimato che ci fossero più di 3,4 miliardi di utenti attivi sulle piattaforme di social media, un aumento del 9% rispetto al 2018. [42] Un sondaggio del 2019 di The Manifest afferma che il 74% degli utenti di social media segue i marchi sui siti di social media e Il 96% delle persone che seguono le aziende interagisce anche con quei marchi sulle piattaforme social. [43] Secondo Deloitte, un consumatore statunitense su tre è influenzato dai social media quando acquista un prodotto, mentre il 47% dei millennial tiene conto della propria interazione con un marchio sui social quando effettua un acquisto. [44]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale –  Metodi online utilizzati per aumentare la consapevolezza del marchio

Le strategie di marketing digitale possono includere l’uso di uno o più canali e tecniche online (omnichannel) per aumentare la consapevolezza del marchio tra i consumatori.

La costruzione della consapevolezza del marchio può coinvolgere metodi/strumenti come:

Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)

Le tecniche di ottimizzazione dei motori di ricerca possono essere utilizzate per migliorare la visibilità dei siti Web aziendali e dei contenuti relativi al marchio per le query di ricerca comuni relative al settore. [45]

Si dice che l’importanza della SEO per aumentare la consapevolezza del marchio sia correlata alla crescente influenza dei risultati di ricerca e delle funzionalità di ricerca come snippet in primo piano, pannelli di conoscenza e SEO locale sul comportamento dei clienti. [46]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Marketing sui motori di ricerca (SEM)

SEM, noto anche come pubblicità PPC, prevede l’acquisto di spazi pubblicitari in posizioni ben visibili e visibili in cima alle pagine dei risultati di ricerca e ai siti web. È stato dimostrato che gli annunci della rete di ricerca hanno un impatto positivo sul riconoscimento del marchio, sulla consapevolezza e sulle conversioni. [47]

Il 33% degli utenti che fanno clic su annunci a pagamento lo fa perché rispondono direttamente alla loro particolare query di ricerca. [48]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Social media marketing

Il 70% dei marketer elenca l’aumento della consapevolezza del marchio come obiettivo numero uno per il marketing sulle piattaforme di social media. Facebook, Instagram, Twitter e YouTube sono elencati come le principali piattaforme attualmente utilizzate dai team di social media marketing. [49] A partire dal 2021, LinkedIn è stato aggiunto come una delle piattaforme di social media più utilizzate dai leader aziendali per le sue capacità di networking professionale. [50]

Marketing dei contenuti

Il 56% degli esperti di marketing ritiene che i contenuti personalizzati (blog, articoli, aggiornamenti social, video, pagine di destinazione incentrati sul marchio) migliorino il ricordo e il coinvolgimento del marchio. [51]

Sviluppi e strategie

Uno dei principali cambiamenti avvenuti nel marketing tradizionale è stato “l’emergere del marketing digitale”, che ha portato alla reinvenzione delle strategie di marketing per adattarsi a questo grande cambiamento nel marketing tradizionale.

Poiché il marketing digitale dipende da una tecnologia in continua evoluzione e in rapida evoluzione, ci si dovrebbero aspettare le stesse caratteristiche dagli sviluppi e dalle strategie di marketing digitale. Questa parte è un tentativo di qualificare o separare i punti salienti notevoli esistenti e in uso al momento della stampa. [ quando? ]

  • Segmentazione : maggiore attenzione è stata posta sulla segmentazione all’interno del marketing digitale, al fine di indirizzare mercati specifici nei settori business-to-business e business-to-consumer.
  • Influencer marketing : i nodi importanti vengono identificati all’interno delle comunità correlate, note come influencer. Questo sta diventando un concetto importante nel targeting digitale. [52] Gli influencer consentono ai marchi di sfruttare i social media e il vasto pubblico disponibile su molte di queste piattaforme. [52] È possibile raggiungere gli influencer tramite pubblicità a pagamento, come le campagne Facebook Advertising o Google Ads, o tramite sofisticati software sCRM (social customer relationship management), come SAP C4C, Microsoft Dynamics, Sage CRM e Salesforce CRM. Molte università ora si concentrano, a livello di Master, su strategie di coinvolgimento per gli influencer.

Per riassumere, il marketing digitale Pull è caratterizzato da consumatori che cercano attivamente contenuti di marketing mentre il marketing digitale Push si verifica quando i professionisti del marketing inviano messaggi senza che il contenuto venga attivamente cercato dai destinatari.

  • La pubblicità comportamentale online è la pratica di raccogliere informazioni sull’attività online di un utente nel tempo, “su un particolare dispositivo e su diversi siti Web non correlati, al fine di fornire annunci pubblicitari personalizzati in base agli interessi e alle preferenze di tale utente. [53] [54] Tali annunci pubblicitari si basano sul retargeting del sito sono personalizzati in base al comportamento e al modello di ciascun utente.
  • Ambiente collaborativo : è possibile creare un ambiente collaborativo tra l’organizzazione, il fornitore di servizi tecnologici e le agenzie digitali per ottimizzare lo sforzo, la condivisione delle risorse, la riutilizzabilità e le comunicazioni. [55] Inoltre, le organizzazioni invitano i propri clienti ad aiutarli a capire meglio come servirli. Questa fonte di dati è denominata contenuto generato dall’utente . Gran parte di questo viene acquisito tramite siti web aziendali dove l’organizzazione invita le persone a condividere idee che vengono poi valutate da altri utenti del sito. Le idee più popolari vengono valutate e implementate in qualche forma. L’utilizzo di questo metodo di acquisizione dei dati e di sviluppo di nuovi prodotti può favorire il rapporto dell’organizzazione con i propri clienti e generare idee che altrimenti verrebbero trascurate. UGC è pubblicità a basso costo in quanto proviene direttamente dai consumatori e può far risparmiare i costi pubblicitari per l’organizzazione.
  • Pubblicità basata sui dati: gli utenti generano molti dati in ogni fase che intraprendono nel percorso del percorso del cliente e i marchi possono ora utilizzare tali dati per attivare il loro pubblico noto con acquisti di media programmatici basati sui dati. Senza esporre la privacy dei clienti, i dati degli utenti possono essere raccolti dai canali digitali (ad esempio: quando il cliente visita un sito Web, legge un’e-mail o avvia e interagisce con l’app mobile di un marchio), i marchi possono anche raccogliere dati da interazioni con i clienti mondiali, come le visite ai negozi fisici e dai set di dati di CRM e motori di vendita. Conosciuto anche come marketing basato sulle persone o media indirizzabili, la pubblicità basata sui dati consente ai marchi di trovare i loro clienti fedeli nel loro pubblico e fornire in tempo reale una comunicazione molto più personale, altamente pertinente al momento e alle azioni di ciascun cliente. [56]

Una considerazione importante oggi mentre si decide una strategia è che gli strumenti digitali hanno democratizzato il panorama promozionale.

  • Remarketing: il remarketing svolge un ruolo importante nel marketing digitale. Questa tattica consente ai professionisti del marketing di pubblicare annunci mirati di fronte a una categoria di interesse o a un pubblico definito, generalmente chiamati ricercatori in web speak, che hanno cercato prodotti o servizi particolari o visitato un sito Web per qualche scopo.
  • Pubblicità di giochi : gli annunci di giochi sono pubblicità che esistono all’interno di giochi per computer o videogiochi. Uno degli esempi più comuni di pubblicità in-game sono i cartelloni pubblicitari che compaiono nei giochi sportivi. Gli annunci in-game potrebbero anche apparire come prodotti di marca come pistole, automobili o vestiti che esistono come status symbol di gioco.

Sei principi per la creazione di contenuti di marca online: [57]

  • Non considerare gli individui come consumatori;
  • Avere una posizione editoriale;
  • Definire un’identità per il marchio;
  • Mantenere una continuità di contenuti;
  • Garantire un’interazione regolare con il pubblico;
  • Avere un canale per gli eventi.

La nuova era digitale ha consentito ai marchi di indirizzare in modo selettivo i propri clienti che potrebbero essere potenzialmente interessati al proprio marchio o in base a precedenti interessi di navigazione. Le aziende possono ora utilizzare i social media per selezionare la fascia d’età, la posizione, il sesso e gli interessi di chi desiderano che venga visualizzato il loro post mirato. Inoltre, in base alla cronologia di ricerca recente di un cliente, possono essere “seguiti” su Internet in modo che vedano annunci pubblicitari di marchi, prodotti e servizi simili, [58] Ciò consente alle aziende di rivolgersi a clienti specifici che sanno e ritengono trarranno i maggiori vantaggi dal loro prodotto o servizio, qualcosa che aveva capacità limitate fino all’era digitale.

  • Marketing turistico: turismo avanzato, turismo responsabile e sostenibile, social media e marketing turistico online e sistemi di informazione geografica. Man mano che un campo di ricerca più ampio matura e attrae ricerche accademiche più diversificate e approfondite [59]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Forme inefficaci di marketing digitale

L’attività di marketing digitale è ancora in crescita in tutto il mondo secondo l’indice di marketing globale principale. Uno studio pubblicato nel settembre 2018 ha rilevato che le spese globali per le tattiche di marketing digitale si avvicinano ai 100 miliardi di dollari. [60] I media digitali continuano a crescere rapidamente. Mentre i budget di marketing si stanno espandendo, i media tradizionali stanno diminuendo. [61] I media digitali aiutano i marchi a raggiungere i consumatori per interagire con il loro prodotto o servizio in modo personalizzato. Cinque aree, che sono delineate come pratiche del settore attuali che sono spesso inefficaci, sono la priorità dei clic, il bilanciamento di ricerca e visualizzazione, la comprensione dei cellulari, il targeting, la visibilità, la sicurezza del marchio e il traffico non valido e la misurazione multipiattaforma. [62] Il motivo per cui queste pratiche sono inefficaci e alcuni modi per rendere efficaci questi aspetti sono discussi nei seguenti punti.

Priorità ai clic

La priorità dei clic si riferisce agli annunci display con clic, anche se vantaggiosa in quanto le tariffe per gli annunci display “semplici, veloci ed economiche” nel 2016 sono solo dello 0,10 percento negli Stati Uniti. Ciò significa che un annuncio su mille clic è pertinente e quindi con scarso effetto. Ciò dimostra che le società di marketing non dovrebbero limitarsi a utilizzare gli annunci con clic per valutare l’efficacia degli annunci display. [62]

Bilanciamento ricerca e visualizzazione

È importante bilanciare la ricerca e la visualizzazione per gli annunci display digitali. i marketer tendono a guardare all’ultima ricerca e ad attribuire tutta l’efficacia di questa. Questo, a sua volta, ignora altri sforzi di marketing, che stabiliscono il valore del marchio nella mente del consumatore. ComScore ha determinato attraverso l’elaborazione di dati online, prodotti da oltre cento rivenditori multicanale, che il marketing display digitale rappresenta punti di forza se confrontato o posizionato accanto alla ricerca a pagamento. [62] Questo è il motivo per cui si consiglia che quando qualcuno fa clic su un annuncio display l’azienda apra una pagina di destinazione, non la sua home page. Una pagina di destinazione in genere ha qualcosa in cui attirare il cliente per la ricerca oltre questa pagina. Comunemente i marketer vedono un aumento delle vendite tra le persone esposte a un annuncio della rete di ricerca. Ma va considerato il fatto di quante persone puoi raggiungere con una campagna display rispetto a una campagna di ricerca. I rivenditori multicanale hanno una portata maggiore se si considera il display in sinergia con le campagne di ricerca. Nel complesso, vengono valutati sia gli aspetti di ricerca che quelli di visualizzazione in quanto le campagne display aumentano la consapevolezza del marchio in modo che sia probabile che più persone facciano clic su questi annunci digitali durante l’esecuzione di una campagna di ricerca. [62]

Capire i cellulari

Comprendere i dispositivi mobili è un aspetto significativo del marketing digitale perché smartphone e tablet sono ora responsabili del 64% del tempo in cui i consumatori statunitensi sono online. [62] Le app rappresentano una grande opportunità oltre che una sfida per i professionisti del marketing perché in primo luogo l’app deve essere scaricata e in secondo luogo la persona deve utilizzarla effettivamente. Questo può essere difficile in quanto “la metà del tempo trascorso sulle app per smartphone è dedicato alla singola app più utilizzata dagli individui e quasi l’85% del loro tempo alle quattro app più votate”. [62] La pubblicità mobile può aiutare a raggiungere una varietà di obiettivi commerciali ed è efficace perché occupa l’intero schermo, ed è probabile che la voce o lo stato siano considerati altamente. Tuttavia, il messaggio non deve essere visto o pensato come invadente. [62] Gli svantaggi dei media digitali utilizzati sui dispositivi mobili includono anche capacità creative limitate e portata. Sebbene ci siano molti aspetti positivi tra cui il diritto dell’utente a selezionare le informazioni sul prodotto, i media digitali creano una piattaforma di messaggi flessibile e c’è il potenziale per la vendita diretta. [63]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Misurazione multipiattaforma

Il numero di canali di marketing continua ad espandersi, poiché le pratiche di misurazione stanno diventando sempre più complesse. È necessario utilizzare una visualizzazione multipiattaforma per unificare la misurazione del pubblico e la pianificazione dei media. I ricercatori di mercato devono capire come l’Omni-canale influisce sul comportamento del consumatore, anche se quando gli annunci pubblicitari sono sul dispositivo di un consumatore questo non viene misurato. Gli aspetti significativi della misurazione multipiattaforma implicano la deduplica e la comprensione di aver raggiunto un livello incrementale con un’altra piattaforma, piuttosto che fornire più impressioni su persone che sono state raggiunte in precedenza. [62] Un esempio è “ESPN e comScore hanno collaborato al progetto Blueprint scoprendo che l’emittente sportiva ha ottenuto un aumento del 21% della copertura giornaliera non duplicata grazie alla pubblicità digitale”. [62] Le industrie televisive e radiofoniche sono i media elettronici, che competono con la pubblicità digitale e altre tecnologie. Tuttavia, la pubblicità televisiva non è in concorrenza diretta con la pubblicità digitale online poiché è in grado di incrociare la piattaforma con la tecnologia digitale. La radio acquisisce potere anche attraverso piattaforme incrociate, nei contenuti in streaming online. La televisione e la radio continuano a persuadere e influenzare il pubblico su più piattaforme. [64]

Targeting, visibilità, sicurezza del brand e traffico non valido

Targeting, visibilità, sicurezza del marchio e traffico non valido sono tutti aspetti utilizzati dai professionisti del marketing per sostenere la pubblicità digitale. I cookie sono una forma di pubblicità digitale, che sono strumenti di tracciamento all’interno dei dispositivi desktop, causando difficoltà, con carenze tra cui la cancellazione da parte dei browser Web, l’impossibilità di ordinare tra più utenti di un dispositivo, stime imprecise per i visitatori unici, sopravvalutazione della portata, comprensione della frequenza, problemi con gli ad server, che non possono distinguere tra quando i cookie sono stati eliminati e quando i consumatori non sono stati precedentemente esposti a un annuncio. A causa delle imprecisioni influenzate dai cookie, i dati demografici nel mercato di riferimento sono bassi e variano. [62] Un altro elemento, che è influenzato dal marketing digitale, è la “visibilità” o se l’annuncio è stato effettivamente visto dal consumatore. Molti annunci non vengono visualizzati da un consumatore e potrebbero non raggiungere mai il segmento demografico corretto. La sicurezza del marchio è un altro problema relativo al fatto che l’annuncio sia stato prodotto o meno in un contesto non etico o con contenuti offensivi. Riconoscere le frodi quando viene esposto un annuncio è un’altra sfida che i professionisti del marketing devono affrontare. Ciò si riferisce al traffico non valido poiché i siti premium sono più efficaci nel rilevare il traffico fraudolento, sebbene i siti non premium siano più il problema. [62]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Canali

I canali di marketing digitale sono sistemi basati su Internet in grado di creare, accelerare e trasmettere il valore del prodotto dal produttore al terminale del consumatore, attraverso le reti digitali. [65] [66] Il marketing digitale è facilitato da più canali di marketing digitale, in quanto l’obiettivo principale di un inserzionista è trovare canali che si traducano in una comunicazione bidirezionale massima e un ROI complessivo migliore per il marchio. Sono disponibili più canali di marketing digitale, vale a dire: [67]

  1. Marketing di affiliazione – Il marketing di affiliazione non è considerato un mezzo di marketing sicuro, affidabile e facile attraverso le piattaforme online. Ciò è dovuto alla mancanza di affidabilità in termini di affiliati che possono produrre il numero richiesto di nuovi clienti. Come risultato di questo rischio e di cattive affiliate, lascia il marchio incline allo sfruttamento in termini di pretese di commissioni che non vengono onestamente acquisite. I mezzi legali possono offrire una certa protezione contro questo, ma ci sono limitazioni nel recuperare eventuali perdite o investimenti. Nonostante ciò, il marketing di affiliazione consente al marchio di rivolgersi a editori e siti Web più piccoli con traffico ridotto. I marchi che scelgono di utilizzare questo marketing spesso dovrebbero fare attenzione a tali rischi e cercare di associarsi con affiliati in cui sono stabilite regole tra le parti coinvolte per assicurare e ridurre al minimo il rischio coinvolto. [68]
  2. Pubblicità display – Come suggerisce il termine, la pubblicità display online si occupa di mostrare messaggi o idee promozionali al consumatore su Internet. Ciò include una vasta gamma di annunci pubblicitari come blog pubblicitari, reti, annunci interstitial, dati contestuali, annunci sui motori di ricerca, annunci classificati o dinamici, ecc. Il metodo può mirare a un pubblico specifico che si sintonizza da diversi tipi di persone locali per visualizzare un particolare annuncio, le variazioni possono essere trovate come l’elemento più produttivo di questo metodo.
  3. Email marketing – L’email marketing rispetto ad altre forme di marketing digitale è considerato economico. È anche un modo per comunicare rapidamente un messaggio come la loro proposta di valore ai clienti esistenti o potenziali. Tuttavia, questo canale di comunicazione può essere percepito dai destinatari come fastidioso e irritante soprattutto per i nuovi o potenziali clienti, quindi il successo dell’email marketing dipende dal linguaggio e dall’appeal visivo applicati. In termini di appeal visivo, ci sono indicazioni che l’utilizzo di grafica/grafica pertinente al messaggio che si sta tentando di inviare, ma meno grafica visiva da applicare con le e-mail iniziali è a sua volta più efficace creando un’atmosfera relativamente personale al e-mail. In termini di linguaggio, lo stile è il fattore principale nel determinare quanto sia accattivante l’e-mail. L’uso di un tono casual evoca un’atmosfera più calda, gentile e invitante per l’e-mail, rispetto a un tono più formale.
  4. Marketing sui motori di ricerca – Il marketing sui motori di ricerca (SEM) è una forma di marketing su Internet che prevede la promozione di siti Web aumentando la loro visibilità nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP) principalmente attraverso la pubblicità a pagamento. SEM può incorporare l’ ottimizzazione per i motori di ricerca , che regola o riscrive il contenuto del sito Web e l’architettura del sito per ottenere un posizionamento più elevato nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca per migliorare gli elenchi pay per click (PPC).
  5. Social Media Marketing – Il termine ‘Digital Marketing’ ha una serie di sfaccettature di marketing in quanto supporta diversi canali utilizzati e tra questi, i Social Media. Quando utilizziamo i canali dei social media (Facebook, Twitter, Pinterest, Instagram, Google+, ecc.) per commercializzare un prodotto o un servizio, la strategia si chiama Social Media Marketing. È una procedura in cui vengono create ed eseguite strategie per attirare traffico per un sito Web o per attirare l’attenzione degli acquirenti sul Web utilizzando diverse piattaforme di social media.
  6. Servizio di social network – Un servizio di social network è una piattaforma online che le persone utilizzano per costruire reti sociali o relazioni sociali con altre persone che condividono interessi, attività, background o connessioni nella vita reale personali o di carriera simili
  7. Pubblicità in-game – La pubblicità in-game è definita come “l’inclusione di prodotti o marchi all’interno di un gioco digitale”. [69] Il gioco consente a marchi o prodotti di inserire annunci all’interno del gioco, in modo sottile o sotto forma di banner pubblicitario. Esistono molti fattori che determinano il successo dei marchi nella pubblicità del loro marchio/prodotto, ovvero: tipo di gioco, piattaforma tecnica, tecnologia 3-D e 4-D, genere di gioco, congruenza tra marchio e gioco, importanza pubblicità all’interno del gioco. I fattori individuali consistono in atteggiamenti nei confronti degli annunci pubblicitari, del coinvolgimento nel gioco, del coinvolgimento del prodotto, del flusso o dell’intrattenimento. L’atteggiamento nei confronti della pubblicità tiene conto anche non solo del messaggio mostrato ma anche dell’atteggiamento nei confronti del gioco. A seconda di quanto sia divertente il gioco, determinerà il modo in cui viene percepito il marchio, il che significa che se il gioco non è molto divertente il consumatore può inconsciamente avere un atteggiamento negativo nei confronti del marchio/prodotto pubblicizzato. In termini di comunicazione di marketing integrata, “l’integrazione della pubblicità nei giochi digitali nella strategia generale di pubblicità, comunicazione e marketing dell’azienda” [69] è importante in quanto si traduce in una maggiore chiarezza sul marchio/prodotto e crea un effetto complessivo più ampio .
  8. Pubbliche relazioni online – L’uso di Internet per comunicare con clienti potenziali e attuali nella sfera pubblica.
  9. Pubblicità video – Questo tipo di pubblicità in termini di mezzi digitali/online sono pubblicità che vengono riprodotti su video online, ad esempio video di YouTube. Questo tipo di marketing ha visto un aumento di popolarità nel tempo. [70] La pubblicità video online di solito consiste in tre tipi: annunci pubblicitari pre-roll che vengono riprodotti prima che il video venga guardato, annunci pubblicitari mid-roll che vengono riprodotti durante il video o annunci pubblicitari post-roll che vengono riprodotti dopo che il video è stato visto. [71] È stato dimostrato che le pubblicità post-roll hanno un migliore riconoscimento del marchio rispetto agli altri tipi, mentre “la congruità/incongruenza del contesto dell’annuncio gioca un ruolo importante nel rafforzare la memorabilità dell’annuncio”. [70] A causa dell’attenzione selettiva degli spettatori, esiste la possibilità che il messaggio non venga ricevuto. [72] Il vantaggio principale della pubblicità video è che interrompe l’esperienza visiva del video e quindi è difficile tentare di evitarli. Il modo in cui un consumatore interagisce con la pubblicità video online può essere suddiviso in tre fasi: pre-attenzione, attenzione e decisione comportamentale. [73] Queste pubblicità online forniscono opzioni e scelte al marchio/azienda. Questi consistono in lunghezza, posizione, contenuto video adiacente che influiscono tutti direttamente sull’efficacia del tempo pubblicitario prodotto, [70] quindi la manipolazione di queste variabili produrrà risultati diversi. La lunghezza della pubblicità ha dimostrato di influire sulla memorabilità, mentre una durata più lunga ha comportato un aumento del riconoscimento del marchio. [70] Questo tipo di pubblicità, per la sua natura di interruzione dello spettatore, è probabile che il consumatore possa sentirsi come se la sua esperienza venga interrotta o invasa, creando una percezione negativa del marchio. [70] Questi annunci possono anche essere condivisi dagli spettatori, aumentando l’attrattiva di questa piattaforma. La condivisione di questi video può essere equiparata alla versione online del marketing passaparola, estendendo il numero di persone raggiunte. [74] La condivisione di video crea sei diversi risultati: “piacere, affetto, inclusione, fuga, rilassamento e controllo”. [70] Inoltre, i video che hanno un valore di intrattenimento hanno maggiori probabilità di essere condivisi, ma il piacere è la motivazione più forte per trasmettere i video. La creazione di una tendenza “virale” da una quantità massiccia di pubblicità di un marchio può massimizzare il risultato di una pubblicità video online, sia essa positiva o negativa.
  10. Pubblicità nativa – Ciò comporta il posizionamento di contenuti a pagamento che replicano l’aspetto, la sensazione e, spesso, la voce del contenuto esistente di una piattaforma. È più efficace se utilizzato su piattaforme digitali come siti Web, newsletter e social media. Può essere alquanto controverso in quanto alcuni critici ritengono che inganni intenzionalmente i consumatori. [75]
  11. Content Marketing – Questo è un approccio al marketing che si concentra sull’acquisizione e la fidelizzazione dei clienti offrendo contenuti utili ai clienti che migliorano l’esperienza di acquisto e creano consapevolezza del marchio. Un marchio può utilizzare questo approccio per attirare l’attenzione del cliente con l’obiettivo di influenzare le potenziali decisioni di acquisto. [76]
  12. Contenuto sponsorizzato : utilizza il contenuto creato e pagato da un marchio per promuovere un prodotto o servizio specifico. [77]
  13. Inbound Marketing: una strategia di mercato che prevede l’utilizzo di contenuti come mezzo per attirare i clienti verso un marchio o un prodotto. Richiede una ricerca approfondita sui comportamenti, gli interessi e le abitudini del mercato di riferimento del marchio. [78]
  14. SMS Marketing : sebbene la popolarità stia diminuendo di giorno in giorno, il marketing via SMS gioca ancora un ruolo enorme per portare nuovi utenti, fornire aggiornamenti diretti, fornire nuove offerte ecc.
  15. Notifiche push : in questa era digitale, le notifiche push sono responsabili di portare clienti nuovi e abbandonati attraverso una segmentazione intelligente. Molti marchi online lo utilizzano per fornire appelli personalizzati a seconda dello scenario di acquisizione dei clienti.

È importante che un’azienda raggiunga i consumatori e crei un modello di comunicazione bidirezionale, poiché il marketing digitale consente ai consumatori di restituire feedback all’azienda su un sito basato sulla comunità o direttamente all’azienda tramite e-mail. [79] Le imprese dovrebbero cercare questa relazione di comunicazione a lungo termine utilizzando più forme di canali e utilizzando strategie promozionali relative al loro consumatore target, nonché il marketing del passaparola. [79]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale –  Vantaggi del marketing sui social media

I possibili vantaggi del marketing sui social media includono:

  • Consente alle aziende di promuovere se stesse a un pubblico ampio e diversificato che non è stato possibile raggiungere attraverso il marketing tradizionale come la pubblicità basata su telefono ed e-mail. [80]
  • Il marketing sulla maggior parte delle piattaforme di social media ha un costo minimo o nullo, rendendolo accessibile praticamente a aziende di qualsiasi dimensione. [80]
  • Supporta il marketing personalizzato e diretto che si rivolge a specifici dati demografici e mercati. [80]
  • Le aziende possono interagire direttamente con i clienti, consentendo loro di ottenere feedback e risolvere i problemi quasi immediatamente. [80]
  • Ambiente ideale per un’azienda per condurre ricerche di mercato. [81]
  • Può essere utilizzato come mezzo per ottenere informazioni sui concorrenti e aumentare il vantaggio competitivo. [81]
  • Le piattaforme social possono essere utilizzate per promuovere eventi, offerte e notizie del marchio. [81]
  • Le piattaforme social possono essere utilizzate anche per offrire incentivi sotto forma di punti fedeltà e sconti. [81]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Autoregolamentazione

Il Codice ICC ha regole integrate che si applicano alle comunicazioni di marketing che utilizzano media digitali interattivi in ​​tutte le linee guida. C’è anche una sezione completamente aggiornata che si occupa di questioni specifiche per le tecniche e le piattaforme dei media interattivi digitali. L’autoregolamentazione del codice sull’uso dei media digitali interattivi comprende:

  • Meccanismi chiari e trasparenti per consentire ai consumatori di scegliere di non raccogliere i propri dati per scopi pubblicitari o di marketing;
  • Chiara indicazione che un sito di social network è commerciale ed è sotto il controllo o l’influenza di un operatore di marketing;
  • Vengono fissati limiti in modo che gli operatori di marketing comunichino direttamente solo quando vi sono ragionevoli motivi per ritenere che il consumatore abbia un interesse per ciò che viene offerto;
  • Rispetto delle regole e degli standard di comportamento commerciale accettabile nei social network e l’invio di messaggi di marketing solo quando il forum o il sito ha chiaramente indicato la propria disponibilità a riceverli;
  • Particolare attenzione e protezione per i bambini. [82]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Strategia

Pianificazione

La pianificazione del marketing digitale è un termine utilizzato nella gestione del marketing. Descrive la prima fase della formazione di una strategia di marketing digitale per il più ampio sistema di marketing digitale . La differenza tra la pianificazione del marketing digitale e quella tradizionale è che utilizza strumenti e tecnologie di comunicazione basati sul digitale come Social, Web, Mobile, Scannable Surface. [83] [84] Tuttavia, entrambi sono allineati con la visione, la missione dell’azienda e la strategia aziendale globale. [85]

Fasi di pianificazione

Utilizzando l’approccio del Dr. Dave Chaffey, la pianificazione del marketing digitale (DMP) ha tre fasi principali: opportunità, strategia e azione. Suggerisce che qualsiasi azienda che desideri implementare una strategia di marketing digitale di successo deve strutturare il proprio piano esaminando opportunità, strategia e azione. Questo approccio strategico generico ha spesso fasi di revisione della situazione, definizione degli obiettivi, formulazione della strategia, allocazione delle risorse e monitoraggio. [85]

1) Opportunità

Per creare un DMP efficace, un’azienda deve prima rivedere il mercato e impostare obiettivi “SMART” (specifici, misurabili, attuabili, pertinenti e vincolati al tempo). [86] Possono fissare obiettivi SMART rivedendo gli attuali parametri di riferimento e gli indicatori chiave di prestazione (KPI) dell’azienda e dei concorrenti. È pertinente che le analisi utilizzate per i KPI siano personalizzate in base al tipo, agli obiettivi, alla missione e alla visione dell’azienda. [87] [88]

Le aziende possono cercare opportunità di marketing e di vendita rivedendo il proprio raggio d’azione e quello degli influencer. Ciò significa che hanno un vantaggio competitivo perché sono in grado di analizzare l’influenza dei loro co-marketing e le associazioni di marca. [89]

Per cogliere l’opportunità, l’azienda dovrebbe riassumere i personaggi dei suoi attuali clienti e il percorso di acquisto da cui sono in grado di dedurre la loro capacità di marketing digitale. Ciò significa che devono formarsi un quadro chiaro di dove si trovano attualmente e quante risorse possono allocare per la loro strategia di marketing digitale, ad esempio lavoro, tempo, ecc. Riassumendo il percorso di acquisto, possono anche riconoscere le lacune e la crescita per future opportunità di marketing che raggiungeranno gli obiettivi o proporranno nuovi obiettivi e aumenteranno il profitto.

2) Strategia

Per creare una strategia digitale pianificata, l’azienda deve rivedere la propria proposta digitale (ciò che si offre ai consumatori) e comunicarla utilizzando tecniche di targeting digitale del cliente. Quindi, devono definire la proposta di valore online (OVP), questo significa che l’azienda deve esprimere chiaramente ciò che stanno offrendo ai clienti online, ad esempio il posizionamento del marchio.

L’azienda dovrebbe anche (ri)selezionare i segmenti di mercato target e le persone e definire approcci di targeting digitale.

Dopo averlo fatto in modo efficace, è importante rivedere il marketing mix per le opzioni online. Il marketing mix comprende le 4P: prodotto, prezzo, promozione e luogo. [90] [91] Alcuni accademici hanno aggiunto tre elementi aggiuntivi alle tradizionali 4P del processo di marketing, del luogo e dell’aspetto fisico, rendendole le 7P del marketing. [92]

3) Azione

La terza e ultima fase prevede che l’azienda definisca un budget e dei sistemi di gestione. Questi devono essere punti di contatto misurabili, come il pubblico raggiunto su tutte le piattaforme digitali. Inoltre, i professionisti del marketing devono garantire che il budget e i sistemi di gestione integrino i media a pagamento, di proprietà e guadagnati dell’azienda. [93] L’azione e la fase finale della pianificazione richiedono anche che l’azienda metta in atto la creazione di contenuti misurabili, ad esempio media online orali, visivi o scritti. [94]

Dopo aver confermato il piano di marketing digitale, dovrebbe essere codificato un formato programmato di comunicazioni digitali (ad es. Diagramma di Gantt) durante le operazioni interne dell’azienda. Ciò garantisce che tutte le piattaforme utilizzate si allineino e si completino a vicenda per le fasi successive della strategia di marketing digitale.

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Capire il mercato

Un modo in cui i professionisti del marketing possono raggiungere i consumatori e comprendere il loro processo di pensiero è attraverso quella che viene chiamata una mappa dell’empatia. Una mappa dell’empatia è un processo in quattro fasi. Il primo passo consiste nel porre domande che il consumatore penserebbe nella sua fascia demografica. Il secondo passo è descrivere le sensazioni che il consumatore potrebbe provare. Il terzo passo è pensare a cosa direbbe il consumatore nella sua situazione. Il passaggio finale consiste nell’immaginare cosa cercherà di fare il consumatore in base agli altri tre passaggi. Questa mappa è così che i team di marketing possono mettersi nei panni dei loro dati demografici target. [95] Anche i Web Analytics sono un modo molto importante per comprendere i consumatori. Mostrano le abitudini che le persone hanno online per ogni sito web. [96] Una forma particolare di queste analisi è l’ analisi predittiva che aiuta i professionisti del marketing a capire su quale percorso si trovano i consumatori. Questo utilizza le informazioni raccolte da altre analisi e quindi crea diverse previsioni su ciò che le persone faranno in modo che le aziende possano elaborare strategie su cosa fare dopo, in base alle tendenze delle persone. [97]

  • Comportamento del consumatore: le abitudini o gli atteggiamenti di un consumatore che influenzano il processo di acquisto di un prodotto o servizio. [98] Il comportamento dei consumatori influisce praticamente su ogni fase del processo di acquisto, in particolare in relazione agli ambienti e ai dispositivi digitali. [98]
  • Analisi predittiva: una forma di data mining che prevede l’utilizzo dei dati esistenti per prevedere potenziali tendenze o comportamenti futuri. [99] Può aiutare le aziende a prevedere il comportamento futuro dei clienti.
  • Persona dell’acquirente: utilizzo di ricerche sul comportamento dei consumatori in merito ad abitudini come la consapevolezza del marchio e il comportamento di acquisto per profilare i potenziali clienti. [99] La creazione di una persona acquirente aiuta un’azienda a comprendere meglio il proprio pubblico e i propri desideri/bisogni specifici.
  • Strategia di marketing: pianificazione strategica impiegata da un marchio per determinare il potenziale posizionamento all’interno di un mercato e il potenziale pubblico di destinazione. Coinvolge due elementi chiave: segmentazione e posizionamento. [99] Sviluppando una strategia di marketing, un’azienda è in grado di anticipare e pianificare meglio ogni fase del processo di marketing e di acquisto.

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Economia della condivisione

La “sharing economy” si riferisce a un modello economico che mira a ottenere una risorsa che non è completamente utilizzata. [100] Al giorno d’oggi, l’ economia della condivisione ha avuto un effetto inimmaginabile su molti elementi tradizionali tra cui il lavoro, l’industria e il sistema di distribuzione. [100] Questo effetto non è trascurabile poiché alcune industrie sono ovviamente minacciate. [100] [101] L’economia della condivisione sta influenzando i tradizionali canali di marketing modificando la natura di alcuni concetti specifici tra cui proprietà, risorse e reclutamento. [101]

I canali di marketing digitale e i canali di marketing tradizionali sono simili in funzione del fatto che il valore del prodotto o servizio viene trasmesso dal produttore originale all’utente finale tramite una sorta di catena di approvvigionamento. [102] I canali di marketing digitale, tuttavia, consistono in sistemi Internet che creano, promuovono e forniscono prodotti o servizi dal produttore al consumatore attraverso le reti digitali. [103] L’aumento delle modifiche ai canali di marketing ha contribuito in modo significativo all’espansione e alla crescita dell’economia della condivisione. [103] Tali modifiche ai canali di marketing hanno provocato una crescita storica e senza precedenti. [103] Oltre a questo approccio tipico, il controllo integrato, l’efficienza e il basso costo dei canali di marketing digitale sono caratteristiche essenziali nell’applicazione della sharing economy. [102]

I canali di marketing digitale all’interno dell’economia della condivisione sono generalmente divisi in tre domini, tra cui e-mail, social media e marketing per i motori di ricerca o SEM. [103]

  • E-mail: una forma di marketing diretto caratterizzata come informativa, promozionale e spesso un mezzo di gestione delle relazioni con i clienti. [103] L’ organizzazione può aggiornare le informazioni sull’attività o sulla promozione all’utente iscrivendosi alla newsletter che è avvenuta durante il consumo. Il successo dipende dalla capacità di un’azienda di accedere alle informazioni di contatto della sua clientela passata, presente e futura. [103]
  • Social media: i social media hanno la capacità di raggiungere un pubblico più ampio in un lasso di tempo più breve rispetto ai canali di marketing tradizionali. [103] Ciò rende i social media un potente strumento per il coinvolgimento dei consumatori e la diffusione delle informazioni. [103]
  • Marketing sui motori di ricerca o SEM: richiede una conoscenza più specializzata della tecnologia incorporata nelle piattaforme online. [103] Questa strategia di marketing richiede impegno e dedizione a lungo termine per il miglioramento continuo della presenza digitale di un’azienda. [103]

Altri canali di marketing digitale emergenti, in particolare le app mobili di marca, si sono distinti nella sharing economy. [103] Le app mobili con marchio sono create appositamente per avviare il coinvolgimento tra i clienti e l’azienda. Questo impegno è in genere facilitato attraverso l’intrattenimento, l’informazione o la transazione di mercato. [103]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Guarda anche

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Riferimenti

  1. ^ Nakamura, Leonard I. (FRB); Samuels, Jon (BEA); Soloveichik, Rachel H. (BEA) (24 ottobre 2017). “Misurare l’economia digitale “libera” all’interno dei conti del PIL e della produttività” (PDF) . SSRN.com. Social Science Research Network pubblicazione del documento di lavoro 17-37 del Dipartimento di ricerca, Federal Reserve Bank di Filadelfia. P. 37 (fig.3). Archiviato (PDF) dall’originale il 20 marzo 2021.
  2. “Definizione di marketing digitale” . Financial Times. Archiviato dall’originale il 29 novembre 2017. Estratto il 22 agosto 2015.
  3. “I quattro volti del marketing digitale” . Associazione americana di marketing. Estratto il 22 agosto 2019.
  4. ^ Nielsen (10 marzo 2016). “La pubblicità digitale è in aumento in Canada, richiedendo misure di successo più sofisticate” . Nielsen. Nielsen. Estratto il 25 marzo 2016.
  5. ^ Nielsen (20 gennaio 2016). “Il commercio connesso sta creando acquirenti senza frontiere” . Nielsen Global. Nielsen Global. Estratto il 25 marzo 2016.
  6. ^ Dahlen, Micael (2010). Comunicazioni di marketing: un approccio narrativo del marchio. Chichester, West Sussex Regno Unito: John Wiley & Sons Ltd. p. 36.
  7. “Marketing digitale” . Tecnopedia. Estratto il 22 agosto 2015.
  8. “Sistemi e tecniche di marketing digitale” . Warwick. Estratto il 28 agosto 2019.
  9. ^ ciao_mondo. “Prima e-mail di rete inviata da Ray Tomlinson” . www.computingstory.co.uk. Estratto il 9 marzo 2018.
  10. ^ Schoenbachler, Denise D.; Gordon, Geoffrey L.; Foley, Alba; Spellman, Linda (1997). “Comprendere il marketing del database dei consumatori”. Giornale di marketing dei consumatori. 15 (1): 5-19. doi : 10.1108/07363769710155820 .
  11. ^ Clark, Dorie (11 novembre 2012), “The End of the Expert: Why No One in Marketing Knows What They’re” , Forbes, archiviato dall’originale il 4 novembre 2013
  12. ^ Bhat, Suhail Ahmad; Darzi, Mushtaq Ahmad (2016-05-16). “La gestione delle relazioni con i clienti: un approccio al vantaggio competitivo nel settore bancario esplorando il ruolo di mediazione della fidelizzazione”. Giornale internazionale di marketing bancario. 34 (3): 388-410. doi : 10.1108/IJBM-11-2014-0160 . ISSN 0265-2323 .
  13. ^ McCambley, Joe (2013-12-12). “Il primo banner pubblicitario in assoluto: perché ha funzionato così bene?” . Il guardiano. Estratto il 14 marzo 2018.
  14. ^ Curran, James; Fenton, Natalie; Freedman, Des (2016-02-05). Incomprensione di Internet. doi : 10.4324/9781315695624 . ISBN 9781315695624 .
  15. ^ Kannan, PK; Li, Hongshuang “Alice” (marzo 2017). “Marketing digitale: un programma quadro, revisione e ricerca”. Giornale internazionale di ricerca nel marketing. 34 (1): 22-45. doi : 10.1016/j.ijresmar.2016.11.006 . ISSN 0167-8116 . S2CID 168288051 .
  16. ^ Hart, Cathy; Doherty, Neil; Ellis – Chadwick, Fiona (2000-09-01). “Adozione di Internet da parte dei rivenditori – Implicazioni per il marketing al dettaglio”. Giornale Europeo di Marketing. 34 (8): 954–974. doi : 10.1108/03090560010331441 . ISSN 0309-0566 .
  17. Salta a: b Balmer, John MT (maggio 2009). Balmer, John MT (ed.). “Marketing aziendale: apocalisse, avvento ed epifania”. Decisione di gestione. 47 (4): 544–572. doi : 10.1108/00251740910959413 . ISSN 0025-1747 .
  18. ^ McGruer, Alba (2020-01-21). Marketing digitale dinamico: padroneggia il mondo del marketing online e dei social media per far crescere la tua attività . John Wiley & Figli. ISBN 978-1-119-63588-8 .
  19. “L’agenzia pubblicitaria si unisce ad AOL per le indagini di marketing” . Estratto l’11/ 03/2015.
  20. ^ Kates, Matthew (17 aprile 2013), Making digital and tradizionali marketing work together , Econsultancy, archiviato dall’originale il 25 novembre 2013
  21. Salta a: “Comunicazione di marketing digitale” . iccwbo.org. Estratto il 17 ottobre 2015.
  22. ^ Brinkley, Claire (18 ottobre 2012), Il marketing digitale sta crescendo in Australia, ma lo è anche il divario di competenze , Econsultancy, archiviato dall’originale il 21 ottobre 2012
  23. ^ eMarketer (25 settembre 2013), Worldwide Ad Growth Buoyed by Digital, Mobile Adoption , eMarketer, archiviato dall’originale il 12 novembre 2013
  24. “Il commercio connesso sta creando acquirenti senza frontiere” . Nielsen Global. Estratto il 6 marzo 2018.
  25. ^ Google, tendenze. “Google Trend” . Google Inc. Estratto il 9 febbraio 2014.
  26. “Comunicazione di marketing digitale” . Camera di Commercio Internazionale. Estratto il 12 settembre 2017.
  27. Salta a: b Clerck, J.-P. De (2014-01-10). “Marketing integrato: il percorso dell’acquirente connesso non lineare” . i-SCOOP. Estratto 19/05/2020.
  28. “Cos’è il marketing non lineare? E come può essere utilizzato per aumentare le vendite e i ricavi?” . www.linkedin.com. Estratto il 21/05/2020.
  29. ^ Su, Bill (2018-06-08). “L’evoluzione del comportamento dei consumatori nell’era digitale” . Medio. Estratto 19/05/2020.
  30. “5 marchi principali che utilizzano il marketing digitale non lineare per coinvolgere i consumatori” . Diario di affari Filippine. Estratto 19/05/2020.
  31. ^ Turner, Jamie; Scià, Reshma; Jain, Varsha (2018-03-01). “Come i marchi utilizzano il marketing non lineare per affrontare la resistenza dei consumatori alle strategie di marketing tradizionali” . Journal of Brand Strategy. 6 (4): 397-408. Estratto 19/05/2020.
  32. ^ PYMNTS (2018-01-09). “Lo studio rileva che i consumatori effettuano ricerche prima dell’acquisto” . PYMNTS.com. Estratto 19/05/2020.
  33. ^ Brown, Eileen. “I consumatori si fidano dei contenuti generati dagli utenti più della pubblicità tradizionale” . ZDNet. Estratto 19/05/2020.
  34. “6 vantaggi chiave dei contenuti generati dagli utenti (e come ottenerli)” . I social oggi. Estratto 19/05/2020.
  35. ^ Chovanová, Henrieta Hrablik; Korshunov, Aleksander Ivanovich; Babčanová, Dagmar (2015-01-01). “Impatto del marchio sul comportamento dei consumatori” . Procedia Economia e Finanza. Conferenza scientifica internazionale: Economia e gestione aziendale (BEM2015). 34 : 615-621. doi : 10.1016/S2212-5671(15)01676-7 . ISSN 2212-5671 .
  36. “Ricerca di marketing dei contenuti B2B 2019: conviene mettere il pubblico al primo posto” . Istituto di marketing dei contenuti. 2018-10-10. Estratto 02-06-2020.
  37. ^ Pulizzi, Joe (1 giugno 2020). “Marketing dei contenuti di produzione B2B” (PDF) . Istituto di marketing dei contenuti. Estratto il 1 giugno 2020.
  38. “Numero di acquirenti digitali negli Stati Uniti 2021” . Statista. Estratto 02-06-2020.
  39. Salta su “Shopper-First Retailing: New Research da 6.000 consumatori e 1,4 miliardi di visite e-commerce rivela ciò che gli acquirenti vogliono realmente” . Blog di Salesforce. Estratto 02-06-2020.
  40. “Le vendite in negozio sono ancora in regola, ma il digitale aiuta” . eMarketer. Estratto 02-06-2020.
  41. “Perché la consapevolezza del marchio è importante” . CMSWire.com. Estratto 02-06-2020.
  42. “Biblioteca dei rapporti” . DataReportal – Global Digital Insights. Estratto 02-06-2020.
  43. “Come i social media possono aiutare le aziende a conquistare clienti fedeli | Il manifesto” . themanifest.com. Estratto 02-06-2020.
  44. ^ Digitale, Deliotte (1 giugno 2020). “Navigare nel nuovo divario digitale” (PDF) . Deliotta. Estratto il 1 giugno 2020.
  45. “Come usare la SEO per costruire il tuo marchio” . Neil Patel. 2016-02-20. Estratto 02-06-2020.
  46. ^ 1.0k condivisioni; 22kreads. “Perché il tuo focus SEO dovrebbe essere la costruzione del marchio” . Diario del motore di ricerca. Estratto 02-06-2020.
  47. “Nuovo studio: gli annunci di ricerca aumentano la consapevolezza del marchio” . Dentro AdWords. Estratto 02-06-2020.
  48. “Come avvicinarsi al marketing di ricerca utilizzando la pubblicità PPC e i servizi SEO | Clutch.co” . frizione.co. Estratto 02-06-2020.
  49. ^ Approfondimenti, intelligenti (1 giugno 2020). “Aumentare la brand awareness è l’obiettivo principale delle strategie sui social media” . Intuizioni intelligenti. Estratto il 1 giugno 2020.
  50. “Post del Consiglio: le prime cinque piattaforme di social media per i leader aziendali” . Forbes .
  51. “Perché il marketing dei contenuti è il marketing di oggi? 10 statistiche che lo dimostrano” . Istituto di marketing dei contenuti. 2016-08-29. Estratto 02-06-2020.
  52. Salta a: b Stubb, Carolina; Nyström, Anna-Greta; Colliander, Jonas (2019-05-07). “Influencer marketing: l’impatto della divulgazione della giustificazione del compenso della sponsorizzazione sull’efficacia dei contenuti sponsorizzati”. Giornale di gestione della comunicazione. 23 (2): 109-122. doi : 10.1108/JCOM-11-2018-0119 . ISSN 1363-254X . S2CID 181772720 .
  53. “654 oba Resource Guide final” (PDF) . codecenter.com. Archiviato (PDF) dall’originale il 4 aprile 2018.
  54. ^ Gibbs, Samuel (18 settembre 2015). “Il nuovo opt-out di Facebook per il monitoraggio degli annunci non è sufficiente, afferma l’esperto di privacy” . Il guardiano.
  55. “White paper che collabora con l’agenzia digitale” (PDF) . hcltech.com.
  56. “Il marketing basato sulle persone è la strategia del futuro, afferma un nuovo rapporto” . 5 maggio 2016. Estratto 2016-09-26.
  57. ^ Arrivo, Sandra (2021-08-19). “Digital brand content: natura alla base e logiche di una pratica di marketing ibrida” . Giornale di marketing strategico: 1–15. doi : 10.1080/0965254X.2021.1907612 . ISSN 0965-254X .
  58. ^ Kim, Angella J.; Johnson, Kim KP (2016). “Potere dei consumatori che utilizzano i social media: esaminare le influenze dei contenuti generati dagli utenti relativi al marchio su Facebook”. Computer nel comportamento umano. 58 : 98-108. doi : 10.1016/j.chb.2015.12.047 .
  59. ^ Correia, Antonia; Kozak, Metin; Fyall, Alan; Gnoth, Juergen (2016-01-02). “Tecnologie di marketing digitale e nuovi mercati: dai mercati embrionali al marketing digitale” . Anatolia. 27 (1): 1-3. doi : 10.1080/13032917.2015.1083203 . ISSN 1303-2917 .
  60. ^ Redazione Reuters. “La spesa globale per il marketing digitale si avvicina ai 100 miliardi di dollari: studio” . Recuperato negli Stati Uniti il 24/09/2018.
  61. ^ Economia mondiale (giugno 2015). “Digitale e mobile continua a dominare la quota dei budget di marketing” . Warc.com. Estratto il 10 gennaio 2018.
  62. Salta a: k Whiteside, S (gennaio 2016). “Cinque lezioni di marketing digitale da comScore” . Warc.com. Estratto il 10 gennaio 2018.
  63. ^ Rutto, E; Belch, A (2012). Pubblicità e promozione: una prospettiva di comunicazione di marketing integrata ((9a ed) ed.). New York, NY: McGraw-Hill/Irwin.
  64. ^ Riempi, C; Hughes, G; De Francesco, S (2013). Strategia pubblicitaria, creatività e media. Londra, Regno Unito: Pearson.
  65. ^ Chiave, Thomas Martin (2017). “Domini dei canali di marketing digitale nella Sharing Economy”. Giornale dei canali di marketing. 24 (1–2): 27–38. doi : 10.1080/1046669X.2017.1346977 . S2CID 158277744 .
  66. ^ Heikki, Karjaluoto (2015). “L’utilizzo dei canali di marketing digitale nelle PMI” . Journal of Small Business and Enterprise Development. 22 (4): 633–651. doi : 10.1108/JSBED-05-2013-0073 .
  67. ^ Pratik Dholakiya (14 aprile 2015). “3 canali di marketing digitale che funzionano per ogni inserzionista” . Imprenditore. Estratto il 17 ottobre 2015.
  68. ^ Edelmann, B.; Brandi, W. (2015). “Rischio, informazioni e incentivi nel marketing di affiliazione online”. Giornale di ricerche di mercato. 52 (1): 1-12. CiteSeerX 10.1.1.589.9857 . doi : 10.1509/jmr.13.0472 . S2CID 15601535 .
  69. Salta a: b Terlutter, R.; Capella, ML (2013). “La ludicizzazione della pubblicità: analisi e indicazioni di ricerca della pubblicità in-game, dei giochi pubblicitari e della pubblicità nei giochi sui social network”. Giornale della pubblicità. 42 (2/3): 95-112. doi : 10.1080/00913367.2013.774610 . S2CID 144798265 .
  70. Salta fino a: f Li, H.; Lo, H. (2015). “Riconosci il suo marchio? L’efficacia degli annunci video in-stream online”. Giornale della pubblicità. 44 (3): 208-218. doi : 10.1080/00913367.2014.956376 . S2CID 143783547 .
  71. ^ PricewaterhouseCoopers (2013), “2012 Internet Advertising Revenue Full-Year Report”, aprile, http://www.iab.net/media/file/IABInternet AdvertisingRevenueReportFY2012POSTED.pdf/
  72. ^ Basilio, Michael D (1994). “Teoria delle risorse multiple I: applicazione alla visione televisiva”. Ricerca sulla comunicazione. 21 (2): 177-207. doi : 10.1177/009365094021002003 . S2CID 141021179 .
  73. ^ Chatterjee, Patrali (2001), “Beyond CPMs and Clickthroughs: Understanding Consumer Interaction with Web Advertising”, in Internet Marketing Research: Theory and Practice, Ook Lee, ed., Hershey, PA: Idea Group, 209-16.
  74. ^ Lee, J.; Prosciutto, C.; Kim, M. (2013). “Perché le persone trasmettono la pubblicità video online: dalle prospettive della scala dei motivi della comunicazione interpersonale e della teoria dell’azione ragionata”. Giornale di pubblicità interattiva. 13 (1): 1-13. doi : 10.1080/15252019.2013.768048 . S2CID 145332829 .
  75. ^ L’enciclopedia internazionale Sage dei mass media e della società. Merskin, Debra L. Thousand Oaks, California. 2019. ISBN 978-1-4833-7551-9 . OCLC 1130315057 .
  76. Salta su^ “Content Marketing” , The SAGE International Encyclopedia of Mass Media and Society, SAGE Publications, Inc., 2020, doi : 10.4135/9781483375519.n154 , ISBN 978-1-4833-7553-3 , consultato il 19/04/2020.
  77. ^ Chandler, Daniel. (marzo 2016). Un dizionario dei social media. Munday, Rod., Oxford University Press. (Prima ed.). Oxford. ISBN 978-0-19-180309-3 . OCLC 952388585 .
  78. ^ Patrutiu-Baltes, Loredana (2016). “Inbound Marketing – la più importante strategia di marketing digitale”. Bollettino dell’Università della Transilvania di Brasov. Scienze economiche. 9 : 61–68 – tramite ProQuest.
  79. Salta a: b Tiago, Maria Teresa Pinheiro Melo Borges;Veríssimo, José Manuel Cristóvão (2014). “Marketing digitale e social media; perché preoccuparsi?”. INBAM, Orizzonti d’impresa. 57 (6): 703-708. doi : 10.1016/j.bushor.2014.07.002 .
  80. Salta a: d Ramsaran-Fowdar, Rooma Roshnee (2013-03-31). “Le implicazioni del marketing di Facebook per le organizzazioni” . Ricerca manageriale contemporanea. 9 (1): 73-84. doi : 10.7903/cmr.9710 .
  81. Salta a: d Parsons, Amy L.; Lepkowska-Bianco, Elzbieta (2018-04-03). “Gestione del marketing dei social media: un quadro concettuale”. Giornale di commercio di Internet. 17 (2): 81-95. doi : 10.1080/15332861.2018.1433910 . ISSN 1533-2861 . S2CID 158177839 .
  82. “Codice ICC, media interattivi digitali – Centro codici ICC” . codecenter.com. Archiviato dall’originale il 23 settembre 2018. Estratto il 17 ottobre 2015.
  83. ^ Dodson, I (2016). L’arte del marketing digitale : la guida definitiva per creare campagne online strategiche, mirate e misurabili. Hoboken, New Jersey: Wiley. ISBN 9781119265702 .
  84. ^ Ryan, D (2014). Comprendere il marketing digitale : strategie di marketing per coinvolgere la generazione digitale. Pagina di Kogan. ISBN 9780749471026 .
  85. Salta a: b Chaffey, Dave; Ellis-Chadwick, Fiona (2012). Marketing digitale: strategia, implementazione e pratica. Harlow: Pearson Education. ISBN 978-0273746225 .
  86. ^ Fill, C. (2006). Comunicazioni di marketing. 1a ed. Harlow: FT Prentice Hall, pp.372-373.
  87. ^ Parmenter, D. (2007). Indicatore chiave di prestazione. 1a ed. Hoboken, NJ: John Wiley & Sons.
  88. ^ Marr, B. (2012). Indicatore chiave di prestazione. 1a ed. Harlow, Inghilterra; New York: Pearson Financial Times Pub.
  89. ^ Francese, A.; Smith, G. (2013). “Misurare la forza dell’associazione di marca: un approccio al valore del marchio basato sul consumatore” . Giornale Europeo di Marketing. 47 (8): 1356–1367. doi : 10.1108/03090561311324363 .
  90. ^ McCarthy, EJ (1964), Marketing di base, Richard D. Irwin, Homewood, IL.
  91. ^ Mercer, D. (1999). Marketing. 1a ed. Oxford [ua]: Blackwell.
  92. ^ Booms, BH e Bitner, MJ, 1981. Strategie di marketing e strutture organizzative per le aziende di servizi. Marketing dei servizi, 25(3), pp.47-52
  93. ^ Chaffey, D. e Ellis-Chadwick, F. (2012). Marketing digitale: strategia, implementazione e pratica. 1a ed. Harlow: Pearson Education.
  94. ^ Ryan, D. (2014). Comprendere il marketing digitale: strategie di marketing per coinvolgere la generazione digitale Ed. 3. 1a ed. Pagina di Kogan.
  95. ^ Schiele, Kristen; Chen, Steven (2018-03-26). “Design Thinking e competenze di marketing digitale nell’educazione al marketing: un modulo sulla creazione di applicazioni mobili”. Revisione dell’educazione al marketing. 28 (3): 150–154. doi : 10.1080/10528008.2018.1448283 . ISSN 1052-8008 . S2CID 169359274 .
  96. ^ Staton, Mark G. (2015-12-07). “Migliorare l’inserimento lavorativo e la valutazione degli studenti attraverso l’uso di programmi di certificazione del marketing digitale”. Revisione dell’educazione al marketing. 26 (1): 20-24. doi : 10.1080/10528008.2015.1091665 . ISSN 1052-8008 . S2CID 167964641 .
  97. ^ Liu, Xia; Burns, Alvin C. (2018-01-02). “Progettare un corso di Marketing Analytics per l’era digitale”. Revisione dell’educazione al marketing. 28 (1): 28-40. doi : 10.1080/10528008.2017.1421049 . ISSN 1052-8008 . S2CID 169752871 .
  98. Salta a: b Kannan, PK; Li, Hongshuang “Alice” (2017). “Marketing digitale: un programma quadro, revisione e ricerca”. Giornale internazionale di ricerca nel marketing. 34 (1): 22-45. doi : 10.1016/j.ijresmar.2016.11.006 . S2CID 168288051 .
  99. Salta a: c Doyle, Charles, 1959- (2016). Un dizionario di marketing. La stampa dell’università di Oxford. (Quarta ed.). Oxford. ISBN 978-0-19-180022-1 . OCLC 957198795 .
  100. Salta a: c Kyle, Huggins (2017). “Cambiamenti sismici nell’economia della condivisione: scuotere i canali di marketing e le catene di approvvigionamento”. Giornale dei canali di marketing. 24 (3): 3-12. doi : 10.1080/1046669X.2017.1346973 . S2CID 158667931 .
  101. Salta a: b Herndon, Neil C. (2017). “La Sharing Economy: opportunità e sfide per i canali di marketing e le filiere” . Giornale dei canali di marketing. 24 (1–2): 1-2. doi : 10.1080/1046669X.2017.1346970 .
  102. Salta a: b Thomas, Martin (2017). “Domini dei canali di marketing digitale nella Sharing Economy”. Giornale dei canali di marketing. 24 (27): 27-38. doi : 10.1080/1046669X.2017.1346977 . S2CID 158277744 .
  103. Salta a: l Key, Thomas Martin (2017-04-03). “Domini dei canali di marketing digitale nella Sharing Economy”. Giornale dei canali di marketing. 24 (1–2): 27–38. doi : 10.1080/1046669X.2017.1346977 . ISSN 1046-669X . S2CID 158277744 .

Ulteriori letture

  • Ryan, Damiano; Jones, Calvin (2009), Capire il marketing digitale: strategie di marketing per coinvolgere la generazione digitale , Kogan Page, ISBN 978-0749453893
  • Carter, Ben; Brooks, Gregorio; Catalano, Frank; Smith, Bud (2007), Digital Marketing for Dummies , John Wiley & Sons, ISBN 9.780.470,057933

Categorie :

 

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Intento dell’utente

L’intento dell’utente , altrimenti noto come intento di query o intento di ricerca , è l’identificazione e la categorizzazione di ciò che un utente online intendeva o desiderava trovare quando digitava i termini di ricerca in un motore di ricerca web online allo scopo di ottimizzare i motori di ricerca o di ottimizzazione del tasso di conversione . [1] Esempi di intenti dell’utente sono il controllo dei fatti, lo shopping comparativo o la navigazione su altri siti web.

Ottimizzazione per l’intento dell’utente

Per aumentare il posizionamento sui motori di ricerca, i professionisti del marketing devono creare contenuti che soddisfino al meglio le query immesse dagli utenti sui propri smartphone o desktop. La creazione di contenuti con l’intento dell’utente in mente aiuta ad aumentare il valore delle informazioni mostrate. [2] La ricerca per parole chiave può aiutare a determinare l’intento dell’utente. I termini di ricerca che un utente immette in un motore di ricerca web per trovare contenuti, servizi o prodotti sono le parole che dovrebbero essere utilizzate nella pagina web per ottimizzare le intenzioni dell’utente. [3]

Google , Petal , Sogou possono mostrare funzionalità SERP come snippet in primo piano, schede della conoscenza o pannelli della conoscenza per le query in cui l’intento di ricerca è chiaro. I professionisti della SEO ne tengono conto perché Google , Petal , Sogou possono spesso soddisfare l’intento dell’utente senza che l’utente lasci la SERP di Google , Petal , Sogou . Meglio Google , Petal , Sogou riesce a capire l’intento dell’utente, meno utenti faranno clic sui risultati di ricerca. A partire dal 2019, meno della metà delle ricerche su Google genera clic.

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – tipi

Sebbene ci siano vari modi per classificare le categorie di intenti dell’utente, nel complesso, tendono a seguire gli stessi cluster. Fino a poco tempo, c’erano tre grandi categorie : informativo, transazionale e di navigazione. [4] Tuttavia, dopo l’aumento [5] della ricerca mobile , altre categorie sono apparse o si sono segmentate in categorizzazioni più specifiche. [6] [7] Ad esempio, poiché gli utenti di dispositivi mobili potrebbero voler trovare indicazioni stradali o informazioni su un luogo fisico specifico, alcuni esperti di marketing hanno proposto categorie come “intento locale”, come nelle ricerche come “XY vicino a me”. Inoltre, esiste un intento di ricerca commerciale, ovvero quando qualcuno cerca un prodotto o servizio per saperne di più o confrontare altre alternative prima di finalizzare l’acquisto.

Guarda i principali tipi con gli esempi di seguito:

Intento informativo : Donald Trump, Chi è Maradona?, Come perdere peso?

Intento di navigazione : accesso a Facebook, pagina dei contributi di Wikipedia

Intento transazionale: iPhone più recente, coupon Amazon, laptop Dell economico, installatori di recinzione

Intento commerciale : migliori cuffie, migliore agenzia di marketing, recensione x polvere proteica,

Intento di ricerca locale : ristoranti vicino a me, stazione di servizio più vicina,

Molte query di ricerca hanno anche intenti di ricerca misti. Ad esempio, quando qualcuno cerca “Il miglior negozio di riparazioni iPhone vicino a me” è un intento di ricerca transazionale e locale. L’intento di ricerca misto può facilmente verificarsi con gli omonimi e tali SERP tendono ad essere volatili perché i segnali degli utenti differiscono.

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Guarda anche

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Riferimenti

  1. ^ Jansen, Jim (luglio 2011). Comprensione della ricerca sponsorizzata: elementi fondamentali della pubblicità con parole chiave . New York, NY, USA: Cambridge University Press. P. 44. ISBN 9781107011977 .
  2. “Come creare una strategia SEO per l’intento dell’utente” .
  3. ^ L., Ledford, Jerri (2015). Bibbia per l’ottimizzazione dei motori di ricerca, 2a ed . Wiley. ISBN 978-1-118-08081-8 . OCLC 933401063 .
  4. ^ Broder, Andrei (autunno 2002). “Una tassonomia della ricerca sul Web” (PDF) . Forum SIGIR. 36 (2): 5–6. doi : 10.1145/792550.792552 . S2CID 207602540 . Estratto il 27 dicembre 2016.
  5. “L’ascesa della ricerca mobile: dal 2012 al 2015” . Texo Design. Texo Design. Estratto il 26 dicembre 2016.
  6. ^ KhudaBukhsh, Ashiqur; Bennet, Paul; Bianco, Ryen (2015). “Costruire classificatori di query efficaci: un caso di studio nel rilevamento dell’intento di autolesionismo” (PDF) . CIKM ’15 Atti del 24° ACM International on Conference on Information and Knowledge Management: 1735–1738. Estratto il 26 dicembre 2016.
  7. Linee guida del valutatore della qualità di ricerca (PDF) . 28 marzo 2016. pp. 61–74. Estratto il 26 dicembre 2016.

Categorie :

 

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale –  Ricerca per parole chiave

La ricerca per parole chiave è una pratica che i professionisti dell’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) utilizzano per trovare e ricercare i termini di ricerca che gli utenti inseriscono nei motori di ricerca quando cercano prodotti, servizi o informazioni generali. Le parole chiave sono correlate alle query poste dagli utenti nei motori di ricerca. Esistono tre tipi di query : 1. Query di ricerca di navigazione 2. Query di ricerca informativa 3. Query di ricerca transazionale. I professionisti dell’ottimizzazione dei motori di ricerca prima ricercano le parole chiave e quindi allineano le pagine Web con queste parole chiave per ottenere un posizionamento migliore nei motori di ricerca. Una volta trovata una parola chiave di nicchia, la espandono per trovare parole chiave simili. Gli strumenti di suggerimento delle parole chiave di solito aiutano il processo, come lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Ads , che offre un dizionario dei sinonimi e suggerimenti di parole chiave alternative. I dati proprietari di Google aiutano anche questa ricerca attraverso il completamento automatico di Google, le ricerche correlate o People Also Ask. [1]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Importanza della ricerca SEO

Ricerca per parole chiave

L’obiettivo della ricerca di parole chiave è generare, con buona precisione e richiamo , un gran numero di termini altamente pertinenti ma non ovvi alla parola chiave di input data. [2] Il processo di ricerca delle parole chiave prevede il brainstorming e l’uso di strumenti di ricerca delle parole chiave. Per ottenere i migliori risultati SEO, è importante ottimizzare il contenuto di un sito Web e i backlink per le parole chiave più pertinenti. È buona norma cercare parole chiave correlate che hanno una bassa concorrenza e comunque un numero elevato di ricerche. Ciò rende più facile ottenere un posizionamento più elevato nei motori di ricerca che di solito si traduce in un traffico web più elevato . Lo svantaggio di questa pratica è che il sito web è ottimizzato per parole chiave alternative invece della parola chiave principale; le parole chiave principali potrebbero essere molto difficili da classificare a causa dell’elevata concorrenza. [3] Ci sono tre concetti essenziali da considerare quando si conduce una ricerca per parole chiave. Le buone parole chiave sono strettamente correlate all’argomento del sito web. La maggior parte dei motori di ricerca utilizza un sistema di qualità interno per verificare la pertinenza del sito Web in relazione a possibili parole chiave, è improbabile che una parola chiave non pertinente si posizioni bene per un sito Web. [4] Buone parole chiave altamente competitive hanno meno probabilità di posizionarsi tra i primi. Si ritiene che le parole chiave che non hanno ricerche mensili generino poco o nessun traffico e quindi di scarso valore per la SEO. Il riempimento di parole chiave in una pagina Web dovrebbe essere evitato.

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Tipi di parole chiave

Le parole chiave sono divise in due gruppi principali in base al volume di ricerca.

  • Parole chiave a coda corta : le parole chiave a coda corta sono le parole chiave più comunemente cercate e il tasso di conversione è compreso tra il 15 e il 20%. Non contengono dettagli specifici e hanno un numero inferiore di parole (1-2 parole). Ottengono un elevato traffico di ricerca, ma hanno un tasso di conversione inferiore. Ad esempio: “Compra scarpe” è una parola chiave a coda corta.
  • Parole chiave a coda lunga: il tasso di conversione delle parole chiave a coda lunga è compreso tra il 70 e l’80%. Contengono dettagli più specifici e hanno un numero di parole più lungo (2-5 parole). Ottengono meno traffico di ricerca, ma hanno un tasso di conversione più elevato. Ad esempio: “Compra scarpe da corsa traspiranti” è una parola chiave a coda lunga.

Esempi di ricerca

Una parola chiave molto popolare e altamente competitiva sul motore di ricerca di Google è “fare soldi”. Ha 4.860.000.000 di risultati di ricerca, il che significa che miliardi di siti Web sono pertinenti o competono per quella parola chiave. La ricerca delle parole chiave inizia con la ricerca di tutte le possibili combinazioni di parole pertinenti alla parola chiave “fare soldi”. Ad esempio, una parola chiave “acquisire denaro” ha un numero significativamente inferiore di risultati di ricerca, solo 116.000.000, ma ha lo stesso significato di “guadagnare”. Un altro modo è quello di essere più specifici su una parola chiave aggiungendo filtri aggiuntivi. Ad esempio, la parola chiave “fare soldi online da casa in Canada” è meno competitiva su scala globale e quindi più facile da classificare. Inoltre, le parole chiave hanno anche vari intenti che possono influire sul fatto che il marketer voglia scegliere come target quella parola chiave. Sono disponibili più strumenti (sia gratuiti che commerciali) per trovare le parole chiave e analizzarle.

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Strumenti di ricerca per parole chiave

Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Ads

Google offre strumenti gratuiti per eseguire alcune analisi di parole chiave di base. Tutti i risultati sono basati sui dati del motore di ricerca Google .

Google ha recentemente rilasciato un aggiornamento al pianificatore di parole chiave di Google e modifica parte della sua politica in base alla quale la prima campagna deve essere impostata per ripristinare il pianificatore di parole chiave. Questo è un tipo di account Google Ads utilizzato da agenzie e consulenti per gestire molti account pubblicitari diversi.

Funzionalità di Google Ads Keyword Planner: [5]

  • Ottieni stime del volume di ricerca per la parola chiave.
  • Genera nuove parole chiave combinando diversi elenchi di parole chiave.
  • Crea nuove varianti di parole chiave in base alla parola chiave principale.
  • Fornire parole chiave utilizzate per i siti Web: utili per l’analisi della concorrenza.

Limitazioni di Google Ads Keyword Planner:

  • Nasconde i dati delle parole chiave a coda lunga poiché lo strumento è realizzato per Google Ads e non per scopi SEO.
  • Le parole chiave generate dal dispositivo potrebbero non produrre buoni risultati poiché lo strumento è rivolto agli inserzionisti e non al SEO.
  • Il volume di ricerca visualizzato ha ricevuto una modifica nel 2016, Google ha iniziato a limitare le opzioni di output agli inserzionisti (o account) con una spesa mensile inferiore o nulla. [6]

Google Trend

Google Trends è uno strumento di ricerca gratuito fornito da Google per vedere le tendenze di una determinata parola chiave. Aiuta in particolare a visualizzare e confrontare i dati delle ricerche su Google. Lo strumento utilizza grafici per mostrare l’andamento dei dati nel tempo. Consente agli utenti di confrontare più tendenze delle parole chiave per scoprire quali parole chiave sono più popolari di altre in determinate regioni in un determinato momento.

Google Suggest

Google ha introdotto Google Suggest nel 2012. Google Suggest viene in genere utilizzato come funzionalità live mentre un utente digita una frase di ricerca nel browser o nel sito Web di Google. Google Suggest utilizza l’input della ricerca organica di miliardi di utenti e cerca di “indovinare” in questo modo ciò che un utente potrebbe cercare anche prima di aver completato l’immissione della query o di tutte le parole di una frase chiave.

Ciò rende Google Suggest una fonte rilevante per la ricerca di parole chiave, in quanto contiene un gran numero di parole chiave organiche strettamente correlate a una parola chiave completa o parziale e può essere utilizzato per trovare ulteriori parole chiave in aggiunta più cercate che rendono l’intera parola chiave meno competitiva. Google Suggest può essere ricercato tramite il sito web di Ricerca Google o tramite un browser compatibile per un numero limitato di parole chiave ma anche su larga scala utilizzando strumenti gratuiti di scraper.

Strumento di pianificazione delle parole chiave di Bing Ads

Lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Bing Ads [7] fornisce suggerimenti per parole chiave e gruppi di annunci e mostra le tendenze del volume di ricerca mensile medio, la concorrenza relativa e le offerte suggerite. Caratteristiche di Bing Keyword Planner:

  • Ottieni dati e tendenze del volume di ricerca.
  • Ottieni stime di prestazioni e costi.
  • Moltiplica gli elenchi di parole chiave per ottenere nuove parole chiave.

Limitazioni dello Strumento di pianificazione delle parole chiave di Bing Ads:

  • Bing detiene solo il 20 percento della quota di mercato dei motori di ricerca statunitensi, i dati forniti potrebbero non essere affidabili, almeno non per l’ottimizzazione dei siti Web per il motore di ricerca Google.
  • Simile a Google Ads Keyword Planner, i dati forniti dallo strumento servono per aiutare gli inserzionisti e non i publisher.

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Guarda anche

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Riferimenti

  1. “Come funziona il completamento automatico di Google nella ricerca” . Google. 2018-04-20. Estratto 20/07/2020.
  2. ^ Joshi, A; Motwani, R (2006). Generazione di parole chiave per la pubblicità sui motori di ricerca. Workshop sull’estrazione di dati. P. 493. doi : 10.1109/ICDMW.2006.104 . ISBN 978-0-7695-2702-4 .
  3. ^ Jerkovic, John (2009). Guerriero SEO. O’Reilly Media. pp. 213-236. ISBN 978-0596157074 .
  4. ^ Ross, A. Malaga (2008). “Pratiche peggiori nell’ottimizzazione dei motori di ricerca”. Comune ACM. 51 (12): 147. doi : 10.1145/1409360.1409388 .
  5. “Ricerca e strategia per parole chiave con Keyword Planner – Annunci Google” . ads.google.com. Estratto il 23/06/2019.
  6. “Re: Aggiornamenti allo Strumento di pianificazione delle parole chiave” . 2016-08-12. Estratto 05/04/2017.
  7. “Pianificatore di parole chiave” . Annunci Bing. Estratto 05/04/2017.

Categorie :

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale –  Ottimizzazione del motore di ricerca (SEO)

L’ottimizzazione per i motori di ricerca ( SEO ) è il processo di miglioramento della qualità e della quantità del traffico di un sito Web verso un sito Web o una pagina Web dai motori di ricerca . [1] La SEO mira al traffico non pagato (noto come risultati “naturali” o ” organici “) piuttosto che al traffico diretto oa pagamento . Il traffico non pagato può provenire da diversi tipi di ricerche, tra cui ricerca di immagini , ricerca video , ricerca accademica , [2] ricerca di notizie e motori di ricerca verticali specifici del settore .

Come strategia di marketing su Internet , la SEO considera come funzionano i motori di ricerca, gli algoritmi programmati al computer che determinano il comportamento dei motori di ricerca, ciò che le persone cercano, i termini di ricerca effettivi o le parole chiave digitate nei motori di ricerca e quali motori di ricerca sono preferiti dal loro pubblico di destinazione . La SEO viene eseguita perché un sito Web riceverà più visitatori da un motore di ricerca quando i siti Web si posizionano più in alto nella pagina dei risultati del motore di ricerca (SERP). Questi visitatori possono quindi essere potenzialmente convertiti in clienti. [3]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale –  Storia

I webmaster e i fornitori di contenuti hanno iniziato a ottimizzare i siti Web per i motori di ricerca a metà degli anni ’90, quando i primi motori di ricerca stavano catalogando il primo Web . Inizialmente, tutti i webmaster dovevano solo inviare l’indirizzo di una pagina, o URL , ai vari motori che avrebbero inviato un web crawler a scansionare quella pagina, estrarre collegamenti ad altre pagine da essa e restituire le informazioni trovate nella pagina da indicizzare . [4] Il processo prevede che lo spider di un motore di ricerca scarichi una pagina e la memorizzi sul server del motore di ricerca. Un secondo programma, noto come indicizzatore , estrae informazioni sulla pagina, come le parole che contiene, dove si trovano e qualsiasi peso per parole specifiche, nonché tutti i collegamenti contenuti nella pagina. Tutte queste informazioni vengono quindi inserite in uno scheduler per la scansione in un secondo momento.

I proprietari di siti web hanno riconosciuto il valore di un alto posizionamento e visibilità nei risultati dei motori di ricerca, [5] creando un’opportunità sia per i professionisti SEO white hat che black hat . Secondo l’analista del settore Danny Sullivan , l’espressione “ottimizzazione per i motori di ricerca” è probabilmente entrata in uso nel 1997. Sullivan attribuisce a Bruce Clay il merito di essere stato uno dei primi a rendere popolare il termine. [6]

Le prime versioni degli algoritmi di ricerca si basavano su informazioni fornite dai webmaster come il meta tag delle parole chiave o i file di indice in motori come ALIWEB . I meta tag forniscono una guida al contenuto di ogni pagina. Tuttavia, l’utilizzo dei metadati per indicizzare le pagine è risultato poco affidabile, poiché la scelta delle parole chiave da parte del webmaster nel meta tag potrebbe essere una rappresentazione imprecisa del contenuto effettivo del sito. I dati difettosi nei meta tag, come quelli che non erano precisi, completi o attributi errati, creavano la possibilità che le pagine venissero caratterizzate in modo errato nelle ricerche irrilevanti. [7] [ dubbio – discuti ] I fornitori di contenuti Web hanno anche manipolato alcuni attributi all’interno della sorgente HTML di una pagina nel tentativo di posizionarsi bene nei motori di ricerca. [8] Nel 1997, i progettisti dei motori di ricerca si sono resi conto che i webmaster stavano facendo sforzi per posizionarsi bene nel loro motore di ricerca e che alcuni webmaster stavano persino manipolando le loro classifiche nei risultati di ricerca riempiendo le pagine con parole chiave eccessive o irrilevanti. I primi motori di ricerca, come Altavista e Infoseek , hanno adattato i loro algoritmi per impedire ai webmaster di manipolare le classifiche. [9]

Facendo affidamento su fattori come la densità delle parole chiave , che erano esclusivamente all’interno del controllo di un webmaster, i primi motori di ricerca soffrivano di abusi e manipolazione del ranking. Per fornire risultati migliori ai propri utenti, i motori di ricerca hanno dovuto adattarsi per garantire che le loro pagine dei risultati mostrassero i risultati di ricerca più pertinenti, piuttosto che pagine non correlate piene di numerose parole chiave da webmaster senza scrupoli. Ciò significava passare da una forte dipendenza dalla densità dei termini a un processo più olistico per valutare i segnali semantici. [10] Poiché il successo e la popolarità di un motore di ricerca sono determinati dalla sua capacità di produrre i risultati più pertinenti per una determinata ricerca, risultati di ricerca di scarsa qualità o irrilevanti potrebbero indurre gli utenti a trovare altre fonti di ricerca. I motori di ricerca hanno risposto sviluppando algoritmi di ranking più complessi, tenendo conto di fattori aggiuntivi che erano più difficili da manipolare per i webmaster.

Le aziende che impiegano tecniche eccessivamente aggressive possono far bandire i siti web dei propri clienti dai risultati di ricerca. Nel 2005, il Wall Street Journal ha riferito di una società, Traffic Power , che avrebbe utilizzato tecniche ad alto rischio e non ha rivelato tali rischi ai propri clienti. [11] La rivista Wired ha riferito che la stessa azienda ha citato in giudizio il blogger e SEO Aaron Wall per aver scritto del divieto. [12] Matt Cutts di Google ha successivamente confermato che Google ha effettivamente vietato Traffic Power e alcuni dei suoi clienti. [13]

Alcuni motori di ricerca hanno anche contattato l’industria SEO e sono frequenti sponsor e ospiti a conferenze, webchat e seminari SEO. I principali motori di ricerca forniscono informazioni e linee guida per aiutare con l’ottimizzazione del sito web. [14] [15] Google dispone di un programma Sitemaps per aiutare i webmaster a scoprire se Google sta riscontrando problemi nell’indicizzazione del proprio sito web e fornisce anche dati sul traffico di Google verso il sito web. [16] Bing Webmaster Tools fornisce ai webmaster un modo per inviare una mappa del sito e feed Web, consente agli utenti di determinare la “frequenza di scansione” e di tenere traccia dello stato dell’indice delle pagine web.

Nel 2015, è stato riferito che Google stava sviluppando e promuovendo la ricerca mobile come funzionalità chiave all’interno dei prodotti futuri. In risposta, molti marchi hanno iniziato ad adottare un approccio diverso alle loro strategie di marketing su Internet. [17]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale –  Rapporto con Google

Nel 1998, due studenti laureati alla Stanford University , Larry Page e Sergey Brin , hanno sviluppato “Backrub”, un motore di ricerca che si basava su un algoritmo matematico per valutare l’importanza delle pagine web. Il numero calcolato dall’algoritmo, PageRank , è funzione della quantità e forza dei link in entrata . [18] PageRank stima la probabilità che una determinata pagina venga raggiunta da un utente Web che naviga casualmente sul Web e segue i collegamenti da una pagina all’altra. In effetti, ciò significa che alcuni link sono più forti di altri, poiché è più probabile che una pagina PageRank più elevata venga raggiunta dal navigatore casuale del Web.

Page e Brin hanno fondato Google nel 1998. [19] Google ha attirato un fedele seguito tra il numero crescente di utenti di Internet , a cui è piaciuto il suo design semplice. [20] Sono stati presi in considerazione fattori off-page (come PageRank e analisi dei collegamenti ipertestuali) e fattori on-page (come frequenza delle parole chiave, meta tag , intestazioni, link e struttura del sito) per consentire a Google di evitare il tipo di manipolazione riscontrato nei motori di ricerca che consideravano solo i fattori on-page per il loro posizionamento. Sebbene il PageRank fosse più difficile da giocare , i webmaster avevano già sviluppato strumenti e schemi di link building per influenzare il motore di ricerca Inktomi , e questi metodi si sono dimostrati applicabili in modo simile al PageRank dei giochi. Molti siti si concentravano sullo scambio, l’acquisto e la vendita di link, spesso su vasta scala. Alcuni di questi schemi, o link farm , prevedevano la creazione di migliaia di siti al solo scopo di link spamming . [21]

Nel 2004, i motori di ricerca avevano incorporato una vasta gamma di fattori non divulgati nei loro algoritmi di ranking per ridurre l’impatto della manipolazione dei link. Nel giugno 2007, Saul Hansell del New York Times ha dichiarato che Google classifica i siti utilizzando più di 200 segnali diversi. [22] I principali motori di ricerca, Google, Bing e Yahoo , non rivelano gli algoritmi che utilizzano per classificare le pagine. Alcuni professionisti SEO hanno studiato diversi approcci all’ottimizzazione dei motori di ricerca e hanno condiviso le loro opinioni personali. [23] I brevetti relativi ai motori di ricerca possono fornire informazioni per comprendere meglio i motori di ricerca. [24] Nel 2005, Google ha iniziato a personalizzare i risultati di ricerca per ogni utente. A seconda della cronologia delle ricerche precedenti, Google ha creato risultati per gli utenti che hanno effettuato l’accesso. [25]

Nel 2007, Google ha annunciato una campagna contro i link a pagamento che trasferiscono PageRank. [26] Il 15 giugno 2009, Google ha rivelato di aver adottato misure per mitigare gli effetti della scultura del PageRank mediante l’uso dell’attributo nofollow sui link. Matt Cutts , un noto ingegnere informatico di Google, ha annunciato che Google Bot non tratterà più i link nofollow, allo stesso modo, per impedire ai fornitori di servizi SEO di utilizzare il nofollow per la creazione di PageRank. [27] Come risultato di questo cambiamento, l’uso di nofollow ha portato all’evaporazione del PageRank. Per evitare quanto sopra, gli ingegneri SEO hanno sviluppato tecniche alternative che sostituiscono i tag nofollow con JavaScript offuscato e quindi consentono lo sculpting del PageRank. Inoltre, sono state suggerite diverse soluzioni che includono l’utilizzo di iframe , Flash e JavaScript. [28]

Nel dicembre 2009, Google ha annunciato che avrebbe utilizzato la cronologia delle ricerche web di tutti i suoi utenti per popolare i risultati di ricerca. [29] L’8 giugno 2010 è stato annunciato un nuovo sistema di indicizzazione web chiamato Google Caffeine . Progettato per consentire agli utenti di trovare risultati di notizie, post del forum e altri contenuti molto prima della pubblicazione rispetto a prima, Google Caffeine è stato un cambiamento nel modo in cui Google ha aggiornato il suo indice per far sì che le cose vengano visualizzate su Google più velocemente di prima. Secondo Carrie Grimes, l’ingegnere del software che ha annunciato Caffeine per Google, “La caffeina fornisce il 50% di risultati più aggiornati per le ricerche web rispetto al nostro ultimo indice…” [30] Google Instant , la ricerca in tempo reale, è stato introdotto alla fine del 2010 in un tentativo di rendere i risultati di ricerca più tempestivi e pertinenti. Storicamente gli amministratori del sito hanno trascorso mesi o addirittura anni a ottimizzare un sito Web per aumentare le classifiche di ricerca. Con la crescita della popolarità dei siti di social media e dei blog, i principali motori hanno apportato modifiche ai loro algoritmi per consentire ai nuovi contenuti di posizionarsi rapidamente nei risultati di ricerca. [31]

Nel febbraio 2011, Google ha annunciato l’ aggiornamento Panda , che penalizza i siti Web con contenuti duplicati da altri siti Web e fonti. Storicamente i siti Web hanno copiato i contenuti l’uno dall’altro e hanno beneficiato del posizionamento nei motori di ricerca impegnandosi in questa pratica. Tuttavia, Google ha implementato un nuovo sistema che punisce i siti il ​​cui contenuto non è unico. [32] Il Google Penguin del 2012 ha tentato di penalizzare i siti web che utilizzavano tecniche manipolative per migliorare il proprio posizionamento sul motore di ricerca. [33] Sebbene Google Penguin sia stato presentato come un algoritmo volto a combattere lo spam web, in realtà si concentra sui link spam [34] misurando la qualità dei siti da cui provengono i link. L’ aggiornamento di Google Hummingbird del 2013 prevedeva una modifica dell’algoritmo progettata per migliorare l’elaborazione del linguaggio naturale di Google e la comprensione semantica delle pagine web. Il sistema di elaborazione del linguaggio di Hummingbird rientra nel nuovo termine riconosciuto di ” ricerca conversazionale ” in cui il sistema presta maggiore attenzione a ogni parola nella query per abbinare meglio le pagine al significato della query piuttosto che a poche parole. [35] Per quanto riguarda le modifiche apportate all’ottimizzazione dei motori di ricerca, per gli editori e gli scrittori di contenuti, Hummingbird ha lo scopo di risolvere i problemi eliminando contenuti irrilevanti e spam, consentendo a Google di produrre contenuti di alta qualità e fare affidamento su di essi per essere ” autori di fiducia.

Nell’ottobre 2019, Google ha annunciato che avrebbe iniziato ad applicare i modelli BERT per le query di ricerca in lingua inglese negli Stati Uniti. Le rappresentazioni dell’encoder bidirezionale di Transformers (BERT) è stato un altro tentativo di Google di migliorare l’elaborazione del linguaggio naturale, ma questa volta per comprendere meglio le query di ricerca dei propri utenti. [36] In termini di ottimizzazione dei motori di ricerca, BERT intendeva connettere più facilmente gli utenti a contenuti pertinenti e aumentare la qualità del traffico proveniente dai siti Web che si posizionano nella pagina dei risultati dei motori di ricerca.

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale –  metodi

I motori di ricerca utilizzano algoritmi matematici complessi per interpretare quali siti Web cerca un utente. In questo diagramma, dove ogni bolla rappresenta un sito Web, i programmi a volte chiamati spider esaminano quali siti si collegano a quali altri siti, con le frecce che rappresentano questi collegamenti. Si presume che i siti Web che ottengono più collegamenti in entrata o collegamenti più forti siano più importanti e ciò che l’utente sta cercando. In questo esempio, poiché il sito web B è il destinatario di numerosi link in entrata, si posiziona più in alto in una ricerca web. E i collegamenti “portano avanti”, in modo tale che il sito C, anche se ha un solo collegamento in entrata, ha un collegamento in entrata da un sito molto popolare (B), mentre il sito E no. Nota: le percentuali sono arrotondate.

I principali motori di ricerca, come Google, Bing e Yahoo!, utilizzano i crawler per trovare le pagine dei risultati di ricerca algoritmica. Le pagine che sono collegate da altre pagine indicizzate dai motori di ricerca non devono essere inviate perché vengono trovate automaticamente. Il Yahoo! Directory e DMOZ , due directory principali chiuse rispettivamente nel 2014 e nel 2017, hanno richiesto l’invio manuale e la revisione editoriale umana. [37] Google offre Google Search Console , per il quale è possibile creare e inviare gratuitamente un feed Sitemap XML per garantire che tutte le pagine vengano trovate, in particolare le pagine che non sono rilevabili seguendo automaticamente i collegamenti [38] oltre alla console di invio dell’URL . [39] Yahoo! in precedenza gestiva un servizio di invio a pagamento che garantiva la scansione a un costo per clic ; [40] tuttavia, questa pratica è stata interrotta nel 2009.

I crawler dei motori di ricerca possono prendere in considerazione una serie di fattori diversi durante la scansione di un sito. Non tutte le pagine sono indicizzate dai motori di ricerca. Anche la distanza delle pagine dalla directory principale di un sito può essere un fattore determinante per la scansione o meno delle pagine. [41]

Oggi la maggior parte delle persone effettua ricerche su Google utilizzando un dispositivo mobile. [42] Nel novembre 2016, Google ha annunciato un importante cambiamento nel modo in cui scansionare i siti Web e ha iniziato a rendere il loro indice mobile-first, il che significa che la versione mobile di un determinato sito Web diventa il punto di partenza per ciò che Google include nel loro indice. [43] Nel maggio 2019, Google ha aggiornato il motore di rendering del suo crawler per essere l’ultima versione di Chromium (74 al momento dell’annuncio). Google ha indicato che aggiorneranno regolarmente il motore di rendering Chromium all’ultima versione. [44] Nel dicembre 2019, Google ha iniziato ad aggiornare la stringa User-Agent del proprio crawler per riflettere l’ultima versione di Chrome utilizzata dal proprio servizio di rendering. Il ritardo era quello di consentire ai webmaster di aggiornare il proprio codice che rispondeva a particolari stringhe User-Agent del bot. Google ha eseguito delle valutazioni e si sentiva sicuro che l’impatto sarebbe stato minimo. [45]

Migliore consulente italiano in Web Marketing e Marketing Digitale – Prevenire la scansione

Articolo principale: standard di esclusione dei robot

Per evitare contenuti indesiderati negli indici di ricerca, i webmaster possono indicare agli spider di non eseguire la scansione di determinati file o directory attraverso il file robots.txt standard nella directory principale del dominio. Inoltre, una pagina può essere esplicitamente esclusa dal database di un motore di ricerca utilizzando un meta tag specifico per i robot (di solito <meta name=”robots” content=”noindex”> ). Quando un motore di ricerca visita un sito, il file robots.txt che si trova nella directory principale è il primo file sottoposto a scansione. Il file robots.txt viene quindi analizzato e istruirà il robot su quali pagine non devono essere sottoposte a scansione. Poiché un crawler di un motore di ricerca può conservare una copia cache di questo file, a volte può eseguire la scansione di pagine che un webmaster non desidera sottoporre a scansione. Le pagine in genere a cui è impedita la scansione includono pagine specifiche per l’accesso come carrelli della spesa e contenuti specifici dell’utente come risultati di ricerca da ricerche interne. Nel marzo 2007, Google ha avvertito i webmaster di impedire l’indicizzazione dei risultati di ricerca interni perché tali pagine sono considerate spam di ricerca. [46] Nel 2020 Google ha annullato lo standard (e reso open source il suo codice) e ora lo tratta come un suggerimento, non come una direttiva. Per garantire adeguatamente che le pagine non siano indicizzate, dovrebbe essere incluso un meta tag del robot a livello di pagina. [47]

Protagonista crescente

Una varietà di metodi può aumentare l’importanza di una pagina Web all’interno dei risultati di ricerca. Il collegamento incrociato tra le pagine dello stesso sito Web per fornire più collegamenti a pagine importanti può migliorarne la visibilità. Il design della pagina fa sì che gli utenti si fidino di un sito e vogliano rimanere una volta che lo trovano. Quando le persone rimbalzano su un sito, conta a sfavore del sito e influisce sulla loro credibilità. [48] Scrivere contenuti che includono frasi chiave ricercate di frequente, in modo da essere pertinenti a un’ampia varietà di query di ricerca, tenderà ad aumentare il traffico. L’aggiornamento dei contenuti in modo da mantenere i motori di ricerca che tornano spesso indietro può dare ulteriore peso a un sito. L’aggiunta di parole chiave pertinenti ai metadati di una pagina Web, inclusi il tag del titolo e la meta descrizione , tenderà a migliorare la pertinenza degli elenchi di ricerca di un sito, aumentando così il traffico. La canonicalizzazione degli URL delle pagine Web accessibili tramite più URL, utilizzando l’ elemento di collegamento canonico [49] o tramite reindirizzamenti 301, può aiutare a garantire che i collegamenti a diverse versioni dell’URL contino tutti nel punteggio di popolarità dei collegamenti della pagina. Questi sono noti come collegamenti in entrata, che puntano all’URL e possono contare sul punteggio di popolarità del collegamento alla pagina, influendo sulla credibilità di un sito web. [48]

Inoltre, negli ultimi tempi Google sta dando più priorità agli elementi sottostanti per SERP (Search Engine Ranking Position).

  • Versione HTTPS (sito protetto)
  • Velocità pagina
  • Dati strutturati
  • Compatibilità mobile
  • AMP (pagine per dispositivi mobili accelerati)
  • BERTA

Tecniche di cappello bianco contro cappello nero

Le tecniche SEO possono essere classificate in due grandi categorie: tecniche che le società di motori di ricerca raccomandano come parte del buon design (“cappello bianco”) e quelle tecniche che i motori di ricerca non approvano (“cappello nero”). I motori di ricerca cercano di minimizzare l’effetto di quest’ultimo, tra i quali lo spamdexing . I commentatori del settore hanno classificato questi metodi, e i professionisti che li impiegano, come SEO white hat o SEO black hat . [50] I cappelli bianchi tendono a produrre risultati che durano a lungo, mentre i cappelli neri prevedono che i loro siti potrebbero essere banditi temporaneamente o permanentemente una volta che i motori di ricerca scoprono cosa stanno facendo. [51]

Una tecnica SEO è considerata un cappello bianco se è conforme alle linee guida dei motori di ricerca e non comporta inganni. Poiché le linee guida del motore di ricerca [14] [15] [52] non sono scritte come una serie di regole o comandamenti, questa è una distinzione importante da notare. White hat SEO non riguarda solo il seguire le linee guida, ma anche garantire che il contenuto indicizzato da un motore di ricerca e successivamente classificato sia lo stesso contenuto che vedrà un utente. Il consiglio del cappello bianco è generalmente riassunto come creare contenuti per gli utenti, non per i motori di ricerca, e quindi rendere quel contenuto facilmente accessibile agli algoritmi “spider” online, piuttosto che tentare di ingannare l’algoritmo dallo scopo previsto. White hat SEO è per molti versi simile allo sviluppo web che promuove l’accessibilità, [53] sebbene i due non siano identici.

Black Hat SEO tenta di migliorare il posizionamento in modi che non sono approvati dai motori di ricerca o implicano l’inganno. Una tecnica black hat utilizza il testo nascosto, come testo colorato in modo simile allo sfondo, in un div invisibile o posizionato fuori dallo schermo. Un altro metodo fornisce una pagina diversa a seconda che la pagina venga richiesta da un visitatore umano o da un motore di ricerca, una tecnica nota come cloaking . Un’altra categoria a volte utilizzata è Grey Hat SEO . Questo è tra gli approcci black hat e white hat, in cui i metodi impiegati evitano che il sito venga penalizzato ma non agiscono nel produrre i migliori contenuti per gli utenti. Grey Hat SEO è interamente focalizzato sul miglioramento del posizionamento nei motori di ricerca.

I motori di ricerca possono penalizzare i siti che scoprono utilizzando metodi black o gray hat, riducendo le loro classifiche o eliminando del tutto le loro inserzioni dai loro database. Tali sanzioni possono essere applicate sia automaticamente dagli algoritmi dei motori di ricerca, sia da una revisione manuale del sito. Un esempio è stata la rimozione da parte di Google, nel febbraio 2006, di BMW Germany e Ricoh Germany per l’uso di pratiche ingannevoli. [54] Entrambe le società, tuttavia, si sono scusate rapidamente, hanno corretto le pagine incriminate e sono state ripristinate nella pagina dei risultati del motore di ricerca di Google. [55]

Come strategia di marketing

La SEO non è una strategia appropriata per ogni sito Web e altre strategie di marketing su Internet possono essere più efficaci, come la pubblicità a pagamento tramite campagne pay per click (PPC) , a seconda degli obiettivi dell’operatore del sito. Il marketing per i motori di ricerca (SEM) è la pratica di progettazione, esecuzione e ottimizzazione di campagne pubblicitarie sui motori di ricerca. La sua differenza rispetto alla SEO è rappresentata più semplicemente come la differenza tra il posizionamento prioritario a pagamento e non a pagamento nei risultati di ricerca. SEM si concentra sull’importanza più che sulla pertinenza; gli sviluppatori di siti Web dovrebbero considerare SEM con la massima importanza in considerazione della visibilità poiché la maggior parte naviga verso gli elenchi principali della propria ricerca. [56] Una campagna di marketing su Internet di successo può anche dipendere dalla creazione di pagine Web di alta qualità per coinvolgere e persuadere gli utenti di Internet, dall’impostazione di programmi di analisi per consentire ai proprietari di siti di misurare i risultati e dal miglioramento del tasso di conversione di un sito . [57] Nel novembre 2015, Google ha rilasciato al pubblico una versione completa di 160 pagine delle sue Linee guida per la valutazione della qualità della ricerca, [58] che hanno rivelato uno spostamento della loro attenzione verso l'”utilità” e la ricerca locale mobile . Negli ultimi anni il mercato mobile è esploso, superando l’uso dei desktop, come mostrato da StatCounter nell’ottobre 2016 dove hanno analizzato 2,5 milioni di siti Web e hanno scoperto che il 51,3% delle pagine è stato caricato da un dispositivo mobile. [59] Google è stata una delle aziende che stanno sfruttando la popolarità dell’utilizzo dei dispositivi mobili incoraggiando i siti Web a utilizzare la propria Google Search Console , il Mobile-Friendly Test, che consente alle aziende di confrontare il proprio sito Web con i risultati dei motori di ricerca e determinare come i loro siti web sono user-friendly. Più le parole chiave sono vicine, più la loro classificazione migliorerà in base ai termini chiave. [48]

La SEO può generare un adeguato ritorno sull’investimento . Tuttavia, i motori di ricerca non vengono pagati per il traffico di ricerca organico, i loro algoritmi cambiano e non ci sono garanzie di continui referral. A causa di questa mancanza di garanzie e dell’incertezza, un’azienda che fa molto affidamento sul traffico dei motori di ricerca può subire gravi perdite se i motori di ricerca smettono di inviare visitatori. [60] I motori di ricerca possono modificare i propri algoritmi, influendo sul posizionamento nei motori di ricerca di un sito Web, con il rischio di una grave perdita di traffico. Secondo il CEO di Google, Eric Schmidt, nel 2010 Google ha apportato oltre 500 modifiche all’algoritmo , quasi 1,5 al giorno. [61] È considerata una saggia pratica commerciale per gli operatori di siti web liberarsi dalla dipendenza dal traffico dei motori di ricerca. [62] Oltre all’accessibilità in termini di crawler web (di cui sopra), l’ accessibilità al web degli utenti è diventata sempre più importante per la SEO.

Mercati internazionali

Le tecniche di ottimizzazione sono altamente sintonizzate sui motori di ricerca dominanti nel mercato di riferimento. Le quote di mercato dei motori di ricerca variano da mercato a mercato, così come la concorrenza. Nel 2003, Danny Sullivan ha dichiarato che Google rappresentava circa il 75% di tutte le ricerche. [63] Nei mercati al di fuori degli Stati Uniti, la quota di Google è spesso maggiore e Google rimane il motore di ricerca dominante a livello mondiale nel 2007. [64] Nel 2006, Google aveva una quota di mercato dell’85-90% in Germania. [65] Mentre a quel tempo c’erano centinaia di aziende SEO negli Stati Uniti, in Germania ce n’erano solo cinque. [65] A giugno 2008, la quota di mercato di Google nel Regno Unito era vicina al 90% secondo Hitwise . [66] Tale quota di mercato viene raggiunta in diversi paesi.

A partire dal 2009, ci sono solo alcuni grandi mercati in cui Google non è il principale motore di ricerca. Nella maggior parte dei casi, quando Google non è leader in un determinato mercato, è in ritardo rispetto a un attore locale. I mercati di esempio più notevoli sono Cina, Giappone, Corea del Sud, Russia e Repubblica Ceca, dove rispettivamente Baidu , Yahoo! Japan , Naver , Yandex e Seznam sono leader di mercato.

Una corretta ottimizzazione della ricerca per i mercati internazionali può richiedere la traduzione professionale di pagine web, la registrazione di un nome di dominio con un dominio di primo livello nel mercato di destinazione e un web hosting che fornisca un indirizzo IP locale . Altrimenti, gli elementi fondamentali dell’ottimizzazione della ricerca sono essenzialmente gli stessi, indipendentemente dalla lingua. [65]

Precedenti legali

Il 17 ottobre 2002, SearchKing ha intentato causa alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti , Distretto Occidentale dell’Oklahoma, contro il motore di ricerca Google. L’affermazione di SearchKing era che le tattiche di Google per prevenire lo spamdexing costituissero un’interferenza illecita con le relazioni contrattuali. Il 27 maggio 2003, il tribunale ha accolto la mozione di Google di respingere il reclamo perché SearchKing “non ha formulato un reclamo su cui può essere concesso un risarcimento”. [67] [68]

Nel marzo 2006, KinderStart ha intentato una causa contro Google per il posizionamento nei motori di ricerca. Il sito web di KinderStart è stato rimosso dall’indice di Google prima della causa e la quantità di traffico verso il sito è diminuita del 70%. Il 16 marzo 2007, la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Settentrionale della California ( Divisione di San Jose ) ha respinto la denuncia di KinderStart senza autorizzazione a emendare e ha parzialmente accolto la mozione di Google per le sanzioni della Rule 11 contro l’avvocato di KinderStart, richiedendogli di pagare parte del risarcimento di Google spese legali. [69] [70]

Guarda anche

Appunti

  1. “SEO – ottimizzazione dei motori di ricerca” . Webopedia. 19 dicembre 2001.
  2. ^ Beel, Jöran e Gipp, Bela e Wilde, Erik (2010). “Academic Search Engine Optimization (ASEO): Ottimizzazione della letteratura accademica per Google Scholar and Co” (PDF) . Journal of Scholarly Publishing. pp. 176-190. Estratto il 18 aprile 2010.
  3. ^ Ortiz-Cordova, A. e Jansen, BJ (2012) Classificazione delle query di ricerca Web al fine di identificare i clienti che generano entrate elevate . Journal of the American Society for Information Sciences and Technology. 63(7), 1426 – 1441.
  4. ^ Brian Pinkerton. “Trovare ciò che le persone vogliono: esperienze con il WebCrawler” (PDF) . The Second International WWW Conference Chicago, USA, 17-20 ottobre 1994. URL consultato il 7 maggio 2007.
  5. “Introduzione all’ottimizzazione per i motori di ricerca | Osservazione sui motori di ricerca” . searchenginewatch.com. 12 marzo 2007. Estratto il 7 ottobre 2020.
  6. ^ Danny Sullivan (14 giugno 2004). “Chi ha inventato il termine “ottimizzazione per i motori di ricerca”?” Guarda il motore di ricerca . Archiviato dall’originale il 23 aprile 2010. URL consultato il 14 maggio 2007. Vedi il thread dei gruppi di Google .
  7. Salta su “The Challenge is Open” , Brain vs Computer, WORLD SCIENTIFIC, pp. 189–211, 17 novembre 2020, doi : 10.1142/9789811225017_0009 , ISBN 978-981-12-2500-0 , S2CID 243130517 , recuperato il 20 settembre 2021
  8. ^ Pringle, G., Allison, L. e Dowe, D. (aprile 1998). “Cos’è un papavero alto tra le pagine web?” . Proc. 7° Int. Conferenza mondiale sul web. Estratto l’8 maggio 2007.
  9. ^ Laurie J. Flynn (11 novembre 1996). “Cercasi disperatamente surfisti” . New York Times. Estratto il 9 maggio 2007.
  10. ^ Jason Demers (20 gennaio 2016). “La densità delle parole chiave è ancora importante per la SEO” . Forbes. Estratto il 15 agosto 2016.
  11. ^ David Kesmodel (22 settembre 2005). “I siti vengono eliminati dai motori di ricerca dopo aver cercato di ‘ottimizzare’ le classifiche” . Wall Street Journal . Estratto il 30 luglio 2008.
  12. ^ Adam L. Penenberg (8 settembre 2005). “Resa dei conti legale in Search Fracas” . Rivista cablata . Estratto l’11 agosto 2016.
  13. Matt Cutts (2 febbraio 2006). “Conferma di una penalità” . mattcutts.com/blog. Estratto il 9 maggio 2007.
  14. Salta a: “Linee guida di Google sulla progettazione del sito” . Estratto il 18 aprile 2007.
  15. Salta a: “Linee guida per i webmaster di Bing” . bing.com. Estratto l’11 settembre 2014.
  16. “Mappe del sito” . Estratto il 4 maggio 2012.
  17. Salta su^ “By the Data: For Consumers, Mobile is the Internet” Google for Entrepreneurs Startup Grind 20 settembre 2015.   
  18. ^ Brin, Sergey & Page, Larry (1998). “L’anatomia di un motore di ricerca Web ipertestuale su larga scala” . Atti della settima conferenza internazionale sul World Wide Web. pp. 107-117. Estratto l’8 maggio 2007.
  19. “I co-fondatori di Google potrebbero non avere il nome di, ad esempio, Bill Gates, ma date loro il tempo: Google non esiste da quasi quanto Microsoft” . 15 ottobre 2008.
  20. ^ Thompson, Bill (19 dicembre 2003). “Google va bene per te?” . Notizie della BBC. Estratto il 16 maggio 2007.
  21. ^ Zoltan Gyongyi e Hector Garcia-Molina (2005). “Link Spam Alliances” (PDF) . Atti della 31a Conferenza VLDB, Trondheim, Norvegia. Estratto il 9 maggio 2007.
  22. ^ Hansell, Saul (3 giugno 2007). “Google continua a modificare il suo motore di ricerca” . New York Times. Estratto il 6 giugno 2007.
  23. Sullivan, Danny (29 settembre 2005). “Rundown sui fattori di ranking di ricerca” . Guarda il motore di ricerca . Archiviato dall’originale il 28 maggio 2007. Estratto l’8 maggio 2007.
  24. ^ Christine Churchill (23 novembre 2005). “Capire i brevetti dei motori di ricerca” . Guarda il motore di ricerca . Archiviato dall’originale il 7 febbraio 2007. Estratto l’8 maggio 2007.
  25. “La ricerca personalizzata di Google lascia Google Labs” . searchenginewatch.com. Guarda il motore di ricerca. Archiviato dall’originale il 25 gennaio 2009. URL consultato il 5 settembre 2009.
  26. “8 cose che abbiamo imparato su Google PageRank” . www.searchenginejournal.com. 25 ottobre 2007. Estratto il 17 agosto 2009.
  27. “Scultura di PageRank” . Matt Cutt. Estratto il 12 gennaio 2010.
  28. “Google perde la “compatibilità con le versioni precedenti” per il blocco dei link a pagamento e la scultura del PageRank” . searchengineland.com. 3 giugno 2009. Estratto il 17 agosto 2009.
  29. “Ricerca personalizzata per tutti” . Estratto il 14 dicembre 2009.
  30. “Il nostro nuovo indice di ricerca: Caffeina” . Google: blog ufficiale. Estratto il 10 maggio 2014.
  31. “La rilevanza incontra il web in tempo reale” . Blog di Google .
  32. “Aggiornamenti sulla qualità della Ricerca Google” . Blog di Google .
  33. “Cosa c’è da sapere sull’aggiornamento Penguin di Google” . Inc.com . 20 giugno 2012.
  34. “Google Penguin guarda principalmente alla fonte del tuo link, dice Google” . Terra del motore di ricerca. 10 ottobre 2016. Estratto il 20 aprile 2017.
  35. “Domande frequenti: tutto sul nuovo algoritmo “Colibrì” di Google” . www.searchengineland.com. 26 settembre 2013. Estratto il 17 marzo 2018.
  36. “Comprendere le ricerche meglio che mai” . Google. 25 ottobre 2019. Estratto il 12 maggio 2020.
  37. “Invio alle directory: Yahoo e Open Directory” . Guarda il motore di ricerca . 12 marzo 2007. URL consultato il 15 maggio 2007 ( archiviato dall’ url originale il 19 maggio 2007).
  38. “Che cos’è un file Sitemap e perché dovrei averne uno?” . Estratto il 19 marzo 2007.
  39. “Search Console – Scansiona URL” . Estratto il 18 dicembre 2015.
  40. “Invio ai crawler di ricerca: Google, Yahoo, Ask e Live Search di Microsoft” . Guarda il motore di ricerca . 12 marzo 2007. URL consultato il 15 maggio 2007 ( archiviato dall’ url originale il 10 maggio 2007).
  41. ^ Cho, J., Garcia-Molina, H. (1998). “Scansione efficiente tramite l’ordinamento degli URL” . Atti della settima conferenza sul World Wide Web, Brisbane, Australia. Estratto il 9 maggio 2007.
  42. “Indice mobile-first” . Estratto il 19 marzo 2018.
  43. ^ Phan, Doantam (4 novembre 2016). “Indicizzazione mobile-first” . Blog ufficiale di Google Webmaster Central. Estratto il 16 gennaio 2019.
  44. “Il nuovo Googlebot sempreverde” . Blog ufficiale di Google Webmaster Central. Estratto il 2 marzo 2020.
  45. “Aggiornamento dell’agente utente di Googlebot” . Blog ufficiale di Google Webmaster Central. Estratto il 2 marzo 2020.
  46. “Giornali Amok! New York Times spamming Google? LA Times Hijacking Cars.com?” Terra del motore di ricerca . 8 maggio 2007. Estratto il 9 maggio 2007.
  47. ^ Jill Kocher Brown (24 febbraio 2020). “Google esegue il downgrade della direttiva Nofollow. E adesso?” . E-commerce pratico. Estratto l’11 febbraio 2021.
  48. Salta a: c Morey, Sean (2008). Lo scrittore digitale. Stampa della testata. pp. 171–187.
  49. “Bing – Collaborazione per aiutare a risolvere problemi di contenuto duplicato – Blog dei webmaster – Comunità di Bing” . www.bing.com. Estratto il 30 ottobre 2009.
  50. ^ Andrew Goodman. “Search Engine Showdown: cappelli neri contro cappelli bianchi a SES” . Motore di ricerca Guarda. Archiviato dall’originale il 22 febbraio 2007. Estratto il 9 maggio 2007.
  51. Jill Whalen (16 novembre 2004). “Ottimizzazione per i motori di ricerca Black Hat/White Hat” . searchengineguide.com. Archiviato dall’originale il 17 novembre 2004. Estratto il 9 maggio 2007.
  52. “Cos’è un SEO? Google consiglia di collaborare con aziende che si offrono di rendere il mio sito compatibile con Google?” . Estratto il 18 aprile 2007.
  53. ^ Andy Hagans (8 novembre 2005). “L’elevata accessibilità è un’efficace ottimizzazione per i motori di ricerca” . Una lista a parte . Estratto il 9 maggio 2007.
  54. Matt Cutts (4 febbraio 2006). “Aumentare lo spam web internazionale” . mattcutts.com/blog. Estratto il 9 maggio 2007.
  55. Matt Cutts (7 febbraio 2006). “Reinclusioni recenti” . mattcutts.com/blog. Estratto il 9 maggio 2007.
  56. ^ Tapan, Panda (2013). “Marketing sui motori di ricerca: il processo di individuazione della conoscenza aiuta i rivenditori online?”. IUP Journal of Knowledge Management. 11 (3): 56-66. ProQuest 1430517207 .
  57. ^ Melissa Burdon (13 marzo 2007). “La battaglia tra ottimizzazione per i motori di ricerca e conversione: chi vince?” . Grok.com. Archiviato dall’originale il 15 marzo 2008. URL consultato il 10 aprile 2017.
  58. Salta su^ “Linee guida per la valutazione della qualità della ricerca” Come funziona la ricerca 12 novembre 2015.   
  59. ^ Titcomb, James (novembre 2016). “L’utilizzo del Web mobile supera per la prima volta il desktop” . Il Telegrafo. Estratto il 17 marzo 2018.
  60. ^ Andy Greenberg (30 aprile 2007). “Condannato a Google Hell” . Forbes . Archiviato dall’originale il 2 maggio 2007. Estratto il 9 maggio 2007.
  61. ^ Matt McGee (21 settembre 2011). “La testimonianza di Schmidt rivela come Google verifica i cambiamenti dell’algoritmo” .
  62. Jakob Nielsen (9 gennaio 2006). “Motori di ricerca come sanguisughe sul Web” . useit.com. Estratto il 14 maggio 2007.
  63. ^ Graham, Jefferson (26 agosto 2003). “Il motore di ricerca che potrebbe” . USA Oggi. Estratto il 15 maggio 2007.
  64. ^ Greg Jarboe (22 febbraio 2007). “Stats Show Google domina il panorama della ricerca internazionale” . Guarda il motore di ricerca . Estratto il 15 maggio 2007.
  65. Salta a: c Mike Grehan (3 aprile 2006). “Ottimizzazione per i motori di ricerca per l’Europa” . Clic. Estratto il 14 maggio 2007.
  66. ^ Jack Schofield (10 giugno 2008). “Google UK chiude con una quota di mercato del 90%” . Guardiano . Londra. Estratto il 10 giugno 2008.
  67. “Search King, Inc. contro Google Technology, Inc., CIV-02-1457-M” (PDF) . docstoc.com. 27 maggio 2003. Estratto il 23 maggio 2008.
  68. ^ Stefanie Olsen (30 maggio 2003). “Il giudice respinge la causa contro Google” . CNET . Estratto il 10 maggio 2007.
  69. Salta su “Blog di legge sulla tecnologia e sul marketing: KinderStart contro Google respinto con sanzioni contro il consiglio di KinderStart” . blog.ericgoldman.org. Estratto il 23 giugno 2008.
  70. “Blog su tecnologia e marketing: Google ha citato in giudizio le classifiche—KinderStart.com contro Google” . blog.ericgoldman.org. Estratto il 23 giugno 2008.

Le parole chiave di questo articolo tratte dal migliore esperto in italia in web marketing e digital marketing

  • Migliore consulente In Italia in analisi della usabilità dei siti web
  • Migliore consulente In Italia in analisi della usability
  • Migliore consulente In Italia in campagne di marketing digitale
  • Migliore consulente In Italia in comunicazione online
  • Migliore consulente In Italia in digital innovation
  • Migliore Consulente In Italia in Digital Marketing
  • Migliore Consulente In Italia in Marketing Digitale
  • Migliore consulente In Italia in marketing online
  • Migliore consulente In Italia in Marketing sui motori di ricerca
  • Migliore consulente In Italia in Marketing turistico online
  • Migliore consulente In Italia in online Branding
  • Migliore consulente In Italia in Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)
  • Migliore Consulente In Italia in progettazione di siti web
  • Migliore consulente In Italia in retargeting del sito
  • Migliore consulente In Italia in SEO
  • Migliore consulente In Italia in social media marketing
  • Migliore consulente In Italia in visibilità online
  • Migliore consulente in Italia in Web Marketing
  • Migliore Consulente In Italia in Web Marketing e Marketing Digitale
  • Migliore consulente Italiano in analisi della usabilità dei siti web
  • Migliore consulente Italiano in analisi della usability
  • Migliore consulente Italiano in campagne di marketing digitale
  • Migliore consulente Italiano in comunicazione online
  • Migliore consulente Italiano in digital innovation
  • Migliore Consulente Italiano in Digital Marketing
  • Migliore Consulente Italiano in Marketing Digitale
  • Migliore consulente Italiano in marketing online
  • Migliore consulente Italiano in Marketing sui motori di ricerca
  • Migliore consulente Italiano in Marketing turistico online
  • Migliore consulente Italiano in online Branding
  • Migliore consulente Italiano in Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)
  • Migliore Consulente Italiano in progettazione di siti web
  • Migliore consulente Italiano in retargeting del sito
  • Migliore consulente Italiano in SEO
  • Migliore consulente Italiano in social media marketing
  • Migliore consulente Italiano in visibilità online
  • Migliore Consulente Italiano in Web Marketing
  • Migliore Consulente Italiano in Web Marketing e Marketing Digitale
  • Migliore esperto In Italia in campagne di marketing digitale
  • Migliore esperto In Italia in comunicazione online
  • Migliore esperto In Italia in CRM
  • Migliore esperto In Italia in Customer Relationship Management
  • Migliore esperto In Italia in digital innovation
  • Migliore esperto In Italia in Digital Marketing
  • Migliore esperto In Italia in Internet Marketing
  • Migliore esperto In Italia in Marketing Digitale
  • Migliore esperto In Italia in marketing multicanale
  • Migliore esperto In Italia in marketing online
  • Migliore esperto In Italia in Marketing su Internet
  • Migliore esperto In Italia in Marketing turistico online
  • Migliore esperto In Italia in Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)
  • Migliore esperto In Italia in progettazione di siti web
  • Migliore esperto In Italia in retargeting del sito
  • Migliore esperto In Italia in SEO
  • Migliore esperto In Italia in Social Media Marketing
  • Migliore esperto In Italia in visibilità online
  • Migliore esperto In Italia in Web Marketing
  • Migliore esperto in Italia in Web Marketing e Marketing Digitale per aziende
  • Migliore esperto In Italia in Web Marketing e Marketing Digitale
  • Migliore esperto Italiano in campagne di marketing digitale
  • Migliore esperto Italiano in comunicazione online
  • Migliore esperto Italiano in CRM
  • Migliore esperto Italiano in Customer Relationship Management
  • Migliore esperto Italiano in digital innovation
  • Migliore esperto Italiano in Digital Marketing
  • Migliore esperto Italiano in Internet Marketing
  • Migliore esperto Italiano in Marketing Digitale
  • Migliore esperto Italiano in marketing multicanale
  • Migliore esperto Italiano in marketing online
  • Migliore esperto Italiano in Marketing su Internet
  • Migliore esperto Italiano in Marketing turistico online
  • Migliore esperto Italiano in Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)
  • Migliore esperto Italiano in progettazione di siti web
  • Migliore esperto Italiano in retargeting del sito
  • Migliore esperto Italiano in SEO
  • Migliore esperto Italiano in Social Media Marketing
  • Migliore esperto Italiano in visibilità online
  • Migliore esperto Italiano in Web Marketing
  • Migliore esperto Italiano in Web Marketing e Marketing Digitale
  • Migliore SEO specialist in Italia
  • Migliore esperto in Italia in webmarketing per l’export
  • Migliore esperto in italia in marketing interculturale
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione interculturale online

Il Principale Esperto Italiano in Comunicazione è il dott. Daniele Trevisani, vincitore del Premio Fulbright (Governo USA) per le scienze della comunicazione interpersonale e interculturale e autore di 25 libri in 5 lingue editi da primarie case editrici, consulente di oltre 200 aziende e formatore in comunicazione dal 1987.

principale esperto italiano in comunicazione aziendale e interculturale

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Approfondimenti sulla Comunicazione per la Consulenza in Comunicazione e la Formazione in Comunicazione

Vedi la lista delle pubblicazioni complete o consulta il nostro Libro delle Referenze.

Se desideri un consulto preliminare con il dott. Daniele Trevisani compila questo form e sarà nostra cura ricontattarti

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Cosa è la Comunicazione

La comunicazione (dal latino communicare , che significa “condividere” o “essere in relazione con”) [1] [2] [3] è “una risposta apparente alle dolorose divisioni tra sé e l’altro, privato e pubblico, e il pensiero interiore e il mondo esterno”. [4] Come indica questa definizione, la comunicazione è difficile da definire in modo coerente, [5] [6] perché è comunemente usata per riferirsi a una vasta gamma di comportamenti diversi (in senso lato: “il trasferimento di informazioni” [7] ), o per limitare ciò che può essere incluso nella categoria della comunicazione (ad esempio, richiedere un “intento consapevole” per persuadere [8]      ). John Peters sostiene che la difficoltà di definire la comunicazione emerge dal fatto che la comunicazione è sia un fenomeno universale (perché tutti comunicano) sia una disciplina specifica dello studio accademico istituzionale. [9]

Una possibile definizione di comunicazione è l’atto di sviluppare significato tra entità o gruppi attraverso l’uso di segni , simboli e convenzioni semiotiche sufficientemente compresi tra loro .

In Claude Shannon ‘s e Warren Weaver influente’ s [10] [11] il modello, la comunicazione umana è stato immaginato per funzionare come un telefono o telegrafo. [12] Di conseguenza, hanno concettualizzato la comunicazione come implicante passaggi discreti:

  1. La formazione della motivazione o ragione comunicativa .
  2. Composizione del messaggio (ulteriore elaborazione interna o tecnica su cosa esattamente esprimere).
  3. Codifica dei messaggi (ad esempio, in dati digitali , testo scritto , parlato , immagini , gesti e così via).
  4. Trasmissione del messaggio codificato come sequenza di segnali utilizzando un canale o mezzo specifico .
  5. Sorgenti di rumore come le forze naturali e in alcuni casi l’attività umana (sia intenzionale che accidentale) iniziano a influenzare la qualità dei segnali che si propagano dal mittente a uno o più ricevitori.
  6. Ricezione di segnali e ricomposizione del messaggio codificato da una sequenza di segnali ricevuti.
  7. Decodifica del messaggio codificato riassemblato.
  8. Interpretazione e senso del presunto messaggio originario.

Questi elementi sono ora intesi come attività sostanzialmente sovrapposte e ricorsive piuttosto che passaggi in una sequenza. [13] Ad esempio, le azioni comunicative possono iniziare prima che un comunicatore formuli un tentativo cosciente di farlo, [14] come nel caso dei fatici ; allo stesso modo, i comunicatori modificano le proprie intenzioni e formulazioni di un messaggio in risposta a feedback in tempo reale (ad esempio, un cambiamento nell’espressione facciale ). [15] Le pratiche di decodifica e interpretazione sono messe in atto culturalmente, non solo dagli individui (le convenzioni di genere , ad esempio, innescano aspettative anticipatrici su come un messaggio deve essere ricevuto) e i destinatari di qualsiasi messaggio rendono operativi i propri quadri di riferimento nell’interpretazione. [16]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – lo studio scientifico della comunicazione

Lo studio scientifico della comunicazione può essere suddiviso in:

  • Teoria dell’informazione che studia la quantificazione, l’archiviazione e la comunicazione delle informazioni in generale;
  • Studi di comunicazione che riguardano la comunicazione umana;
  • Biosemiotica che esamina la comunicazione all’interno e tra gli organismi viventi in generale.
  • Biocomunicazione che esemplifica le interazioni mediate dai segni all’interno e tra gli organismi di tutti i domini della vita, inclusi i virus.

Il canale di comunicazione può essere visivo , uditivo , tattile / tattile (es. Braille o altri mezzi fisici), olfattivo , elettromagnetico o biochimico . La comunicazione umana è unica per il suo ampio uso del linguaggio astratto .

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – tipologie di comunicazione

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Comunicazione non verbale

Articolo principale: comunicazione non verbale

La comunicazione non verbale spiega i processi che veicolano un tipo di informazione sotto forma di rappresentazioni non linguistiche. Esempi di comunicazione non verbale includono comunicazione tattile , comunicazione cronica , gesti , linguaggio del corpo , espressioni facciali , contatto visivo , ecc. La comunicazione non verbale si riferisce anche all’intento di un messaggio. Esempi di intenti sono movimenti volontari e intenzionali come stringere una mano o strizzare l’occhio, nonché involontari, come la sudorazione. [17] Il discorso contiene anche elementi non verbali noti come paralinguaggio , ad esempio ritmo , intonazione , tempo e accento . Colpisce maggiormente la comunicazione a livello subconscio e stabilisce la fiducia. Allo stesso modo, i testi scritti includono elementi non verbali come lo stile della scrittura a mano, la disposizione spaziale delle parole e l’uso di emoticon per trasmettere emozioni.

La comunicazione non verbale dimostra una delle leggi di Paul Watzlawick : non puoi non comunicare. Una volta che la vicinanza ha formato la consapevolezza, le creature viventi iniziano a interpretare i segnali ricevuti. [18] Alcune delle funzioni della comunicazione non verbale negli esseri umani sono di completare e illustrare, rafforzare ed enfatizzare, sostituire e sostituire, controllare e regolare e contraddire il messaggio denotativo.

I segnali non verbali sono fortemente utilizzati per esprimere la comunicazione e per interpretare la comunicazione degli altri e possono sostituire o sostituire i messaggi verbali. Tuttavia, la comunicazione non verbale è ambigua. Quando i messaggi verbali contraddicono i messaggi non verbali, si fa affidamento sull’osservazione del comportamento non verbale per giudicare gli atteggiamenti e i sentimenti di un altro, piuttosto che presumere la verità del solo messaggio verbale.

Ci sono diverse ragioni per cui la comunicazione non verbale gioca un ruolo vitale nella comunicazione:

“La comunicazione non verbale è onnipresente”. [19] Sono inclusi in ogni singolo atto di comunicazione. Per avere una comunicazione totale, tutti i canali non verbali come il corpo, il viso, la voce, l’aspetto, il tatto, la distanza, i tempi e altre forze ambientali devono essere coinvolti durante l’interazione faccia a faccia. La comunicazione scritta può anche avere attributi non verbali. E-mail, chat web e social media hanno opzioni per cambiare i colori dei caratteri del testo, elementi decorativi, aggiungere emoticon, lettere maiuscole e immagini per catturare segnali non verbali in un mezzo verbale. [20]

“I comportamenti non verbali sono multifunzionali.” [21] Molti diversi canali non verbali sono coinvolti contemporaneamente in atti di comunicazione e consentono la possibilità di inviare e ricevere messaggi simultanei.

“I comportamenti non verbali possono formare un sistema linguistico universale”. [21] Sorridere, piangere, indicare, accarezzare e guardare male sono comportamenti non verbali che vengono usati e compresi dalle persone indipendentemente dalla nazionalità. Tali segnali non verbali consentono la forma più elementare di comunicazione quando la comunicazione verbale non è efficace a causa delle barriere linguistiche.

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Comunicazione verbale

La comunicazione verbale è la trasmissione orale o scritta di un messaggio. Il linguaggio umano può essere definito come un sistema di simboli (a volte noti come lessemi ) e le grammatiche ( regole ) con cui vengono manipolati i simboli. La parola “linguaggio” si riferisce anche a proprietà comuni delle lingue. L’apprendimento delle lingue normalmente avviene più intensamente durante l’infanzia umana. La maggior parte del gran numero di lingue umane usa modelli di suoni o gesti per simboli che consentono la comunicazione con gli altri intorno a loro. Le lingue tendono a condividere determinate proprietà, sebbene ci siano delle eccezioni. I linguaggi costruiti come l’ esperanto , i linguaggi di programmazione e vari formalismi matematici non sono necessariamente limitati alle proprietà condivise dai linguaggi umani.

Come accennato in precedenza, il linguaggio può essere caratterizzato come simbolico. Charles Ogden e IA Richards hanno sviluppato il modello Il triangolo del significato per spiegare il simbolo (la relazione tra una parola), il referente (la cosa che descrive) e il significato (il pensiero associato alla parola e alla cosa).

Le proprietà del linguaggio sono regolate da regole. La lingua segue regole fonologiche (suoni che appaiono in una lingua), regole sintattiche (disposizione delle parole e punteggiatura in una frase), regole semantiche (il significato concordato delle parole) e regole pragmatiche (significato derivato dal contesto).

I significati associati alle parole possono essere letterali o altrimenti noti come denotativi; relative all’argomento in discussione, ovvero, i significati tengono conto del contesto e delle relazioni, altrimenti dette connotative; relazione con i sentimenti, la storia e le dinamiche di potere dei comunicatori. [22]

Contrariamente alla credenza popolare, le lingue dei segni del mondo (ad esempio, la lingua dei segni americana ) sono considerate comunicazioni verbali perché il loro vocabolario dei segni, la grammatica e altre strutture linguistiche rispettano tutte le classificazioni necessarie come lingue parlate. Ci sono tuttavia elementi non verbali nelle lingue dei segni, come la velocità, l’intensità e la dimensione dei segni che vengono creati. Un firmatario potrebbe firmare “sì” in risposta a una domanda, oppure potrebbe firmare un sì lento e sarcastico per trasmettere un diverso significato non verbale. Il segno sì è il messaggio verbale mentre gli altri movimenti aggiungono un significato non verbale al messaggio.

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – La comunicazione scritta e il suo sviluppo storico

Nel tempo le forme e le idee sulla comunicazione si sono evolute attraverso il continuo progresso della tecnologia. I progressi includono la psicologia della comunicazione e la psicologia dei media , un campo di studio emergente.

La progressione della comunicazione scritta può essere suddivisa in tre “rivoluzioni della comunicazione dell’informazione”: [23]

  1. La comunicazione scritta è emersa dapprima attraverso l’uso di pittogrammi. I pittogrammi erano realizzati in pietra, quindi la comunicazione scritta non era ancora mobile. I pittogrammi iniziarono a sviluppare forme standardizzate e semplificate.
  2. Il passo successivo si è verificato quando la scrittura ha cominciato ad apparire su carta , papiro, argilla, cera e altri supporti con sistemi di scrittura comunemente condivisi, portando ad alfabeti adattabili . La comunicazione è diventata mobile.
  3. La fase finale è caratterizzata dal trasferimento di informazioni attraverso onde controllate di radiazioni elettromagnetiche (cioè radio, microonde, infrarossi) e altri segnali elettronici .

La comunicazione è quindi un processo attraverso il quale il significato viene assegnato e veicolato nel tentativo di creare una comprensione condivisa. Gregory Bateson lo definì “la replica delle tautologie nell’universo. [24] Questo processo, che richiede un vasto repertorio di abilità nell’elaborazione interpersonale , nell’ascolto, nell’osservazione, nel parlare, nel fare domande, nell’analisi, nei gesti e nella valutazione, consente la collaborazione e la cooperazione . [ 25] [ citazione completa necessaria ]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Modelli di comunicazione

Il primo modello importante per la comunicazione è stato introdotto da Claude Shannon e Warren Weaver per i Bell Laboratories nel 1949 [26] Il modello originale è stato progettato per rispecchiare il funzionamento delle tecnologie radio e telefoniche. Il loro modello iniziale consisteva di tre parti principali: mittente, canale e destinatario. Il mittente era la parte di un telefono con cui una persona parlava, il canale era il telefono stesso e il ricevitore era la parte del telefono in cui si poteva sentire l’altra persona. Shannon e Weaver hanno anche riconosciuto che spesso c’è dell’elettricità statica che interferisce con l’ascolto di una conversazione telefonica , che consideravano rumore.

In un modello semplice, spesso indicato come il modello di trasmissione o vista standard di comunicazione, informazioni o contenuti (ad esempio, un messaggio in linguaggio naturale ) viene inviato in qualche forma (come la lingua parlata ) da un emettitore ( emisor nella foto) / mittente /codificatore a una destinazione/ricevitore/decodificatore. Questa concezione comune della comunicazione vede semplicemente la comunicazione come un mezzo per inviare e ricevere informazioni. I punti di forza di questo modello sono la semplicità, la generalità e la quantificabilità. Claude Shannon e Warren Weaver hanno strutturato questo modello sulla base dei seguenti elementi:

  1. Una fonte di informazioni, che produce un messaggio.
  2. Un trasmettitore, che codifica il messaggio in segnali.
  3. Un canale, a cui i segnali sono adattati per la trasmissione.
  4. Una sorgente di rumore, che distorce il segnale mentre si propaga attraverso il canale.
  5. Un ricevitore, che ‘decodifica’ (ricostruisce) il messaggio dal segnale.
  6. Una destinazione, dove arriva il messaggio.

Shannon e Weaver hanno sostenuto che c’erano tre livelli di problemi per la comunicazione all’interno di questa teoria.

  1. Il problema tecnico: con che precisione può essere trasmesso il messaggio?
  2. Il problema semantico: con che precisione viene trasmesso il significato?
  3. Il problema dell’efficacia: quanto efficacemente il significato ricevuto influenza il comportamento?

Daniel Chandler [27] critica il modello di trasmissione affermando:

  • Presuppone che i comunicatori siano individui isolati.
  • Nessuna indennità per scopi diversi.
  • Nessuna tolleranza per diverse interpretazioni.
  • Nessuna indennità per rapporti di potere ineguali.
  • Nessuna tolleranza per i contesti situazionali.

Nel 1960, David Berlo ha ampliato il modello lineare di comunicazione di Shannon e Weaver (1949) e ha creato il modello di comunicazione SMCR. [28] Il modello di comunicazione Sender-Message-Channel-Receiver ha separato il modello in parti chiare ed è stato ampliato da altri studiosi.

La comunicazione è solitamente descritta lungo alcune dimensioni principali: messaggio (che tipo di cose vengono comunicate), sorgente/emettitore/mittente/codificatore (da chi), forma (in quale forma), canale (attraverso quale mezzo ), destinazione/destinatario/ target/decodificatore (a chi). Wilbur Schram (1954) ha anche indicato che dovremmo anche esaminare l’impatto che un messaggio ha (sia desiderato che indesiderato) sul target del messaggio. [29] Tra le parti, la comunicazione include atti che conferiscono conoscenze ed esperienze, danno consigli e comandi e pongono domande. Questi atti possono assumere molte forme, in uno dei vari modi di comunicazione. La forma dipende dalle capacità di comunicazione del gruppo. Insieme, contenuto e forma della comunicazione creano messaggi che vengono inviati verso una destinazione. L’obiettivo può essere se stessi, un’altra persona o essere, un’altra entità (come una società o un gruppo di esseri).

La comunicazione può essere vista come processi di trasmissione di informazioni con tre livelli di regole semiotiche :

  1. Pragmatico (riguarda le relazioni tra segni/espressioni e i loro utenti).
  2. Semantico (studio delle relazioni tra segni e simboli e ciò che rappresentano).
  3. Sintattica (proprietà formali di segni e simboli).

Pertanto, la comunicazione è interazione sociale in cui almeno due agenti interagenti condividono un insieme comune di segni e un insieme comune di regole semiotiche . Questa regola comunemente accettata in un certo senso ignora l’ autocomunicazione , inclusa la comunicazione intrapersonale tramite diari o dialogo interno, entrambi fenomeni secondari che hanno seguito l’acquisizione primaria di competenze comunicative all’interno delle interazioni sociali.

Alla luce di queste debolezze, Barnlund (2008) ha proposto un modello di comunicazione transazionale. [30] La premessa di base del modello di comunicazione transazionale è che gli individui si impegnano simultaneamente nell’invio e nella ricezione di messaggi.

In una forma leggermente più complessa, un mittente e un destinatario sono collegati reciprocamente . Questo secondo atteggiamento di comunicazione, denominato modello costitutivo o visione costruzionista, si concentra sul modo in cui un individuo comunica come fattore determinante del modo in cui il messaggio verrà interpretato. La comunicazione è vista come un canale; un passaggio in cui l’informazione viaggia da un individuo all’altro e questa informazione si separa dalla comunicazione stessa. Un particolare esempio di comunicazione è chiamato atto linguistico . I filtri personali del mittente ei filtri personali del destinatario possono variare a seconda delle diverse tradizioni regionali, culture o genere; che pos