Category

Coaching sportivo

Category

Il Corso per diventare Coach in Veneto con la maggiore letteratura scientifica di supporto ed esperienza pratica dimostrabile e referenziata è tenuto da Daniele Trevisani Academy, con la sua rete di professionisti guidata dal Dott. Daniele Trevisani, formatore certificato AIF, con esperienza ultra-trentennale come ricercatore, scrittore, consulente e coach, migliore coach in Italia secondo la classifica di Google Scholar che misura quantità qualità e continuità delle pubblicazioni dedicate.

Corso per diventare Coach in Veneto

Corso per diventare Coach in Veneto: contatta subito il dott. Daniele Trevisani tramite l’apposito form, ti risponderemo al più presto.

Le nostre offerte sono pubbliche e sono anche possibili programmi su misura per aziende e istituzioni: segnaliamo tra le altre:

Corso per diventare Coach in Veneto. Una prima introduzione su cosa qualifica un corso di coaching e come scegliere un corso di coaching.

Un corso di coaching può essere qualificato da diversi fattori che ne determinano la qualità e l’efficacia. Ecco alcuni elementi chiave che possono essere considerati per qualificare un corso di coaching:

  1. Accreditamento e certificazioni: Verifica se il corso è accreditato da organizzazioni riconosciute nel settore del coaching. Questo può includere accreditamenti da parte di associazioni di coaching professionali o istituti accademici. Il corso di Coaching di Daniele Trevisani Academy è tenuto da professionisti associati AIF ed inoltre accreditato da CWF (Coaching World Federation).
  2. Curriculum e contenuti del corso: Esamina il curriculum del corso per assicurarti che copra una vasta gamma di argomenti pertinenti al coaching, come le competenze di coaching, la teoria del cambiamento, le pratiche etiche, la gestione delle relazioni, e così via. Assicurati che il corso fornisca una formazione completa e ben strutturata.
  3. Esperienza e competenza degli istruttori: Valuta le qualifiche, l’esperienza e la reputazione degli istruttori del corso. Gli istruttori dovrebbero avere una solida formazione nel settore del coaching e, preferibilmente, esperienza pratica come coach professionisti.
  4. Metodologia di insegnamento: Verifica la metodologia di insegnamento utilizzata nel corso. Un corso di coaching di qualità dovrebbe offrire una combinazione di teoria, pratica, studi di casi e opportunità di apprendimento esperienziale per sviluppare le competenze di coaching degli studenti.
  5. Supporto post-corso: Valuta se il corso offre supporto post-corso, come sessioni di supervisione, mentoring o risorse di sviluppo professionale continuo. Questo può essere essenziale per aiutare gli studenti a integrare e applicare le loro competenze di coaching nella pratica professionale.
  6. Feedback degli ex studenti: Cerca recensioni e testimonianze da parte di ex studenti del corso. Le loro opinioni possono darti un’idea più chiara dell’esperienza di apprendimento e dell’efficacia del corso.

Per scegliere il corso di coaching più adatto alle tue esigenze, considera i tuoi obiettivi di apprendimento, il tuo budget e la tua disponibilità di tempo. Puoi anche prendere in considerazione la reputazione del fornitore del corso nel settore del coaching e consultare altri professionisti del settore per ottenere raccomandazioni. Infine, prenditi il tempo necessario per valutare attentamente le opzioni disponibili prima di prendere una decisione. Noi siamo a disposizione per guidarti nella scelta delle nostre diverse opzioni in base al tuo budget e alle tue motivazioni.

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching

Il coaching è una forma di sviluppo in cui una persona esperta, chiamata coach , supporta uno studente o un cliente nel raggiungimento di uno specifico obiettivo personale o professionale fornendo formazione e guida. [1] Lo studente è talvolta chiamato coachee . Occasionalmente, il coaching può significare una relazione informale tra due persone, di cui una ha più esperienza e competenza dell’altra e offre consigli e guida man mano che quest’ultima impara; ma il coaching differisce dal mentoring poiché si concentra su compiti o obiettivi specifici, anziché su obiettivi più generali o sullo sviluppo complessivo. [1] [2] [3]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Origini

Il primo utilizzo del termine “coach” in relazione a un istruttore o formatore risale intorno al 1830 nello slang dell’Università di Oxford per un tutor che “accompagnava” uno studente attraverso un esame. [4] La parola “coaching” identifica quindi un processo utilizzato per trasportare le persone da dove si trovano a dove vogliono essere. Il primo utilizzo del termine in relazione allo sport risale al 1861. [4]

Storicamente lo sviluppo del coaching è stato influenzato da molti campi di attività, tra cui l’educazione degli adulti , [5] il Movimento per il Potenziale Umano negli anni ’60, [6] gruppi di formazione sulla consapevolezza per grandi gruppi (LGAT) [7] (come Erhard Seminars Training , fondato nel 1971), studi sulla leadership , sviluppo personale e vari sottocampi della psicologia . [8] [ è necessario un preventivo per verificare ] L’ Università di Sydney ha offerto la prima unità di studio al mondo sulla psicologia del coaching nel gennaio 2000, [9] e negli anni successivi sono state fondate varie associazioni accademiche e riviste accademiche per la psicologia del coaching (vedere Psicologia del coaching § Storia ).

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti –  Applicazioni

Il coaching viene applicato in campi come lo sport, le arti dello spettacolo (i cantanti ricevono allenatori di canto ), la recitazione ( istruttori di teatro e dialettali ), gli affari, l’istruzione, l’assistenza sanitaria e le relazioni (ad esempio, allenatori di appuntamenti ).

I coach utilizzano una serie di abilità comunicative (come riaffermazioni mirate, ascolto, domande, chiarimenti, ecc.) per aiutare i clienti a cambiare le loro prospettive e quindi a scoprire diversi approcci per raggiungere i loro obiettivi. [10] Queste abilità possono essere utilizzate in quasi tutti i tipi di coaching. In questo senso, il coaching è una forma di “meta-professione” che può applicarsi al sostegno dei clienti in qualsiasi attività umana, spaziando dalle loro preoccupazioni nella dimensione sanitaria, personale, professionale, sportiva, sociale, familiare, politica, spirituale, ecc. Potrebbero esserci delle sovrapposizioni tra alcuni tipi di attività di coaching. [8] Gli approcci di coaching sono influenzati anche dalle differenze culturali. [11]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Coaching Aziendale ed Executive

Il business coaching è un tipo di sviluppo delle risorse umane per dirigenti, membri del management, team e leadership. [16] Fornisce supporto positivo, feedback e consigli su base individuale o di gruppo per migliorare l’efficacia personale nel contesto aziendale, molte volte concentrandosi sui cambiamenti comportamentali attraverso la psicometria o il feedback a 360 gradi . Il business coaching è anche chiamato executive coaching, [17] corporate coaching o leadership coaching. I coach aiutano i loro clienti ad avanzare verso obiettivi professionali specifici. Questi includono la transizione di carriera, la comunicazione interpersonale e professionale, la gestione delle prestazioni , l’efficacia organizzativa, la gestione della carriera e dei cambiamenti personali, lo sviluppo della presenza esecutiva, il miglioramento del pensiero strategico, la gestione efficace dei conflitti e la costruzione di un team efficace all’interno di un’organizzazione. Uno psicologo industriale-organizzativo può svolgere la funzione di executive coach.

Il coaching aziendale non è limitato a esperti o fornitori esterni. Molte organizzazioni si aspettano che i dirigenti senior e i quadri intermedi istruiscano i membri del proprio team a raggiungere livelli di prestazione più elevati, maggiore soddisfazione sul lavoro, crescita personale e sviluppo di carriera. Studi di ricerca suggeriscono che l’executive coaching ha effetti positivi sia sulle prestazioni sul posto di lavoro che su aree personali al di fuori del posto di lavoro, con alcune differenze nell’impatto dei coach interni ed esterni. [18]

In alcuni paesi, non è richiesta alcuna certificazione o licenza per essere un business coach o un executive coach e l’appartenenza a un’organizzazione di coaching è facoltativa. Inoltre, gli standard e i metodi di formazione dei coach possono variare ampiamente tra le organizzazioni di coaching. Molti business coach si definiscono consulenti , un rapporto commerciale più ampio di quello che coinvolge esclusivamente il coaching. [19] I risultati della ricerca di una revisione sistematica indicano che gli allenatori efficaci sono noti per avere integrità, supporto per coloro che allenano, capacità di comunicazione e credibilità. [16]

Sul posto di lavoro, il coaching della leadership si è dimostrato efficace per aumentare la fiducia dei dipendenti nell’esprimere le proprie idee. [20] I risultati della ricerca in una revisione sistematica dimostrano che il coaching può aiutare a ridurre lo stress sul posto di lavoro. [21]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti –  Carriera

Vedi anche: Consulenza professionale

Il Career Coaching si concentra sul lavoro e sulla carriera ed è simile a consulente di carriera . Il career coaching non deve essere confuso con il life coaching , che si concentra sullo sviluppo personale. Un altro termine comune per un career coach è ” guida alla carriera “.

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti –  cristiano

Vedi anche: consulenza cristiana

Un coach cristiano non è un pastore o un consulente (anche se può essere qualificato anche in quelle discipline), ma qualcuno che è stato formato professionalmente per affrontare obiettivi specifici del coaching da una prospettiva tipicamente cristiana o biblica. [22]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Co-coaching

Articolo principale: co-coaching

Il co-coaching è una pratica strutturata di coaching tra pari con l’obiettivo di apprendere tecniche di coaching migliorate.

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Finanziario

Vedi anche: Pianificatore finanziario

Il coaching finanziario è una forma relativamente nuova di coaching che si concentra sull’aiutare i clienti a superare la loro difficoltà nel raggiungere specifici obiettivi finanziari e aspirazioni che si sono prefissati. Il coaching finanziario è una relazione individuale in cui il coach lavora per fornire incoraggiamento e supporto volti a facilitare il raggiungimento dei piani economici del cliente. Un coach finanziario , chiamato anche coach del denaro , si concentra tipicamente sull’aiutare i clienti a ristrutturare e ridurre il debito, ridurre la spesa, sviluppare abitudini di risparmio e sviluppare la disciplina fiscale. Al contrario, il termine consulente finanziario si riferisce a una gamma più ampia di professionisti che tipicamente forniscono ai clienti prodotti e servizi finanziari. Sebbene le prime ricerche colleghino il coaching finanziario al miglioramento dei risultati dei clienti, è necessaria un’analisi molto più rigorosa prima di poter stabilire qualsiasi collegamento causale. [23]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Salute e benessere

Articolo principale: coaching sulla salute

Il coaching sanitario viene riconosciuto come un nuovo modo per aiutare le persone a “gestire” le proprie malattie e condizioni, soprattutto quelle di natura cronica. [24] Il coach utilizzerà tecniche speciali, esperienza personale, competenza e incoraggiamento per assistere il coachee nell’apportare i suoi cambiamenti comportamentali mirando a ridurre i rischi per la salute e i costi sanitari. [25] La National Society of Health Coaches (NSHC) ha differenziato il termine coach della salute da coach del benessere . [25] Secondo l’NSHC, gli allenatori della salute sono qualificati “per guidare coloro che soffrono di condizioni acute o croniche e/o con un rischio per la salute da moderato ad alto”, e gli allenatori del benessere forniscono guida e ispirazione “a individui altrimenti ‘sani’ che desiderano mantenere o migliorare il loro stato generale di salute”. [25]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Compiti a casa

Articolo principale: allenatore dei compiti

i compiti a casa si concentra sul fornire allo studente le competenze di studio necessarie per avere successo a livello accademico. Questo approccio è diverso dal tutoraggio regolare che in genere cerca di migliorare le prestazioni di uno studente in una materia specifica. [26]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Nell’istruzione

Vedi anche: Psicologia del coaching § Nell’educazione e Tutor § Coaching accademico

Il coaching viene applicato per supportare studenti, docenti e amministratori nelle organizzazioni educative. [27] Per gli studenti, le opportunità di coaching includono la collaborazione con gli altri studenti per migliorare i voti e le competenze, sia accademiche che sociali; per insegnanti e amministratori, il coaching può aiutare nella transizione verso nuovi ruoli. [27]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Vita

Il life coaching è il processo che aiuta le persone a identificare e raggiungere obiettivi personali attraverso lo sviluppo di abilità e attitudini che portano all’auto-empowerment. [8] [28] Il life coaching si occupa generalmente di questioni quali l’equilibrio tra lavoro e vita privata e i cambiamenti di carriera e spesso avviene al di fuori del contesto lavorativo. [29] L’impegno psicologico accademico sistematico con il life coaching risale agli anni ’80. [30] Gli scettici hanno criticato l’attenzione del life coaching all’auto-miglioramento per il suo potenziale di commercializzazione di amicizie e altre relazioni umane, [31] ma critiche simili sono state fatte anche ad altre professioni di aiuto come la psicologia clinica. [32] [33]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Relazione

Vedi anche: Consulenza relazionale

Il coaching relazionale è l’applicazione del coaching alle relazioni personali e aziendali . [34]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Gli sport

Articoli principali: Allenatore (sport) e Psicologia dello sport § Coaching

Nello sport , un allenatore è un individuo che fornisce supervisione e formazione alla squadra sportiva o ai singoli giocatori. Gli allenatori sportivi sono coinvolti nell’amministrazione, nella preparazione atletica, nell’allenamento delle competizioni e nella rappresentanza della squadra e dei giocatori. Un’indagine condotta nel 2019 sulla letteratura sull’allenamento sportivo ha rilevato un aumento del numero di pubblicazioni e la maggior parte degli articoli presentava un approccio di ricerca quantitativo. [35] La psicologia dello sport è emersa a partire dal 1890. [36]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Vocale

Articolo principale: allenatore vocale

Un vocal coach, noto anche come voice coach (anche se questo termine spesso si applica a coloro che lavorano con la parola e la comunicazione piuttosto che con il canto), è un insegnante di musica , solitamente un accompagnatore di pianoforte, che aiuta i cantanti a prepararsi per un’esibizione, spesso aiutandoli anche migliorare la propria tecnica di canto e prendersi cura e sviluppare la propria voce, ma non è la stessa cosa di un insegnante di canto (chiamato anche “insegnante di canto”). Gli allenatori vocali possono dare lezioni di musica private o seminari di gruppo o masterclass ai cantanti. Possono anche istruire i cantanti che stanno provando sul palco o che cantano durante una sessione di registrazione.

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Scrivere

Un coach di scrittura aiuta gli scrittori, come studenti, [37] [38] giornalisti, [39] [40] e altri professionisti [41] [42] , a migliorare la loro scrittura e la loro produttività. [43]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Etica e standard

Vedi anche: Licenza , Certificazione professionale ed Etica professionale

Dalla metà degli anni ’90, le associazioni professionali del coaching come l’Association for Coaching (AC), l’ European Mentoring and Coaching Council (EMCC), l’International Association of Coaching (IAC) e l’ International Coach Federation (ICF) hanno lavorato per sviluppare standard di formazione. [1] : 287–312 [44] Lo psicologo Jonathan Passmore ha osservato nel 2016: [1] : 3

Anche se il coaching è diventato un intervento riconosciuto, purtroppo non esistono ancora standard o accordi di licenza ampiamente riconosciuti. Gli organismi professionali hanno continuato a sviluppare i propri standard, ma la mancanza di regolamentazione significa che chiunque può definirsi un coach. […] Se il coaching sia una professione che richiede regolamentazione, o sia professionale e richieda standard, rimane una questione di dibattito.

Una delle sfide nel campo del coaching è mantenere livelli di professionalità, standard ed etica. [44] A tal fine, gli organismi e le organizzazioni di coaching dispongono di codici etici e standard per i membri. [1] : 287–312 [45] Tuttavia, poiché questi organismi non sono regolamentati e poiché gli allenatori non hanno bisogno di appartenere a tale organismo, l’etica e gli standard sono variabili nel campo. [44] [46] Nel febbraio 2016, l’AC e l’EMCC hanno lanciato un “Codice etico globale” per l’intero settore; singoli individui, associazioni e organizzazioni sono invitati a diventarne firmatari. [47] [48] : 1

Con la crescente popolarità del coaching, [49] molti college e università ora offrono programmi di formazione per coach accreditati da un’associazione professionale. [50] Alcuni corsi offrono un certificato di life coach dopo solo pochi giorni di formazione, ma tali corsi, se sono accreditati, sono considerati programmi di formazione “à la carte”, “che possono o meno offrire coach dall’inizio alla fine”. formazione”. [51] Alcuni programmi di formazione “tutto compreso” accreditati dall’ICF, ad esempio, richiedono un minimo di 125 ore di contatto con gli studenti, 10 ore di tutoraggio e un processo di valutazione delle prestazioni. [52] [53] Si tratta di una formazione molto scarsa rispetto ai requisiti di formazione di alcune altre professioni di aiuto: ad esempio, la licenza come psicologo consulente nello Stato della California richiede 3.000 ore di esperienza professionale supervisionata. [54] Tuttavia, l’ICF, ad esempio, offre una credenziale di “Master Certified Coach” che richiede la dimostrazione di “2.500 ore (2.250 pagate) di esperienza di coaching con almeno 35 clienti” [55] e una credenziale di “Professional Certified Coach” con meno requisiti. [56] Altri organismi professionali offrono in modo simile opzioni di accreditamento degli allenatori di livello base, intermedio e avanzato. [57] Alcuni coach sono sia coach certificati che psicologi consulenti autorizzati, integrando coaching e consulenza. [58]

I critici vedono il life coaching come simile alla psicoterapia ma senza le restrizioni legali e la regolamentazione statale degli psicologi. [44] [59] [60] [61] Non esistono regolamenti statali/requisiti di licenza per gli autobus. A causa della mancanza di regolamentazione, le persone che non hanno una formazione o una certificazione formale possono legalmente definirsi life o coach del benessere. [62]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Mercato

Un sondaggio del 2004 su 2.529 membri ICF ha riferito che il 52,5% lavora part-time come coach e guadagna 30.000 dollari o meno, mentre il 32,3% ha riferito di guadagnare meno di 10.000 dollari all’anno. [63]

Un sondaggio del 2016 dell’ICF ha riportato che su 53.000 coach professionisti, la maggior parte operava in America. Hanno riferito un reddito medio di 51.000 dollari, con alcuni allenatori specializzati che hanno riferito di guadagnare 100.000 dollari o più. [64]

Guarda anche

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Riferimenti

  1. ^ Vai a: aB C D e Passmore, Jonathan, ed. (2016) [2006]. Eccellenza nel Coaching: The Industry Guide (3a ed.). Londra; Filadelfia: Pagina Kogan . ISBN 9780749474461 . OCLC 927192333 .
  2. ^Renton, Jane (2009). Coaching e Mentoring: cosa sono e come sfruttarli al meglio. New York: Bloomberg Press . ISBN 9781576603307 . OCLC 263978214 .
  3. ^Chakravarthy, Pradeep (20 dicembre 2011). “La differenza tra coaching e mentoring” . Forbes . Estratto il 4 luglio il 2015.
  4. ^ Vai a: aB coach , Dizionario etimologico online, recuperato il 4 luglio 2015 .
  5. ^Linee, David; Evans, Christina, a cura di. (2020). “Una meta-analisi del coaching: ripercorrere le radici e rianalizzare la storia del coaching”. Il business globale del coaching: una prospettiva meta-analitica . Studi Routledge sullo sviluppo delle risorse umane. New York: Routledge. ISBN 9780429884917 . Estratto 26 luglio 2020. […] Brock (2014: 116–119) identifica che il coaching si basa sulle basi di conoscenza dell’educazione degli adulti. […] Né Brock (2014) né Grant (2005) stabiliscono un nesso causale tra l’educazione degli adulti e l’emergere del coaching. Tuttavia, entrambi riconoscono l’importanza e la relazione delle diverse teorie e basi di conoscenza con il lavoro di un coach. Ciò fa emergere la pratica di adottare basi di conoscenze consolidate dalle professioni che esistevano prima del coaching.
  6. ^Stelter , Reinhard (2012). Una guida al coaching di terza generazione: teoria e pratica narrativa-collaborativa [ Tredje generation coaching – Guida all’uso narrativa-samskabende teori eg pratica ]. Dordrecht: Springer Science+Business Media (pubblicato nel 2013). P. 2. ISBN 9789400771864 . Estratto 26 luglio il 2020 . La storia del coaching e della psicologia del coaching può essere fatta risalire a due radici chiave: la psicologia dello sport e il movimento del potenziale umano.
  7. ^Brock, Vikki G. (2018). “Le radici e l’evoluzione del coaching”. In inglese, Susan; Sabatine , Janice Manzi ; Brownell, Filippo (a cura di). Coaching professionale: principi e pratica . Pubblicazione Springer . P. 13-14. ISBN 9780826180094 . Estratto 26 luglio 2020. Diverse fonti di connessioni che gettano le basi per il coaching sono: […] La formazione sulla consapevolezza di grandi gruppi (LGAT) è stata il culmine del passaggio a una prospettiva di consapevolezza e responsabilità. I partecipanti hanno lasciato le riunioni con strutture di supporto limitate per cambiare, sebbene avessero dichiarazioni, impegni ed entusiasmo.
  8. ^ Vai a: aB C Cox, Elaine; Bachkirova , Tatiana; Clutterbuck, David, a cura di. (2018) [2010]. Il manuale completo del coaching (3a ed.). Los Angeles; Londra: pubblicazioni Sage . ISBN 9781473973046 . OCLC 1023783439 .
  9. ^“Antonio Grant” . www.icfaustralasia.com. Estratto il 5 maggio il 2019.
  10. ^Cox, Elaine (2013), Il coaching compreso: un’indagine pragmatica nel processo di coaching, Los Angeles; Londra: Sage Publications , ISBN9780857028259 , OCLC 805014954 .
  11. ^Rosinski, Philippe (2003). Coaching attraverso le culture: nuovi strumenti per sfruttare le differenze nazionali, aziendali e professionali. Londra; Yarmouth, Maine: Nicholas Brealey Publishing . ISBN1857883012 . OCLC 51020293 .
  12. ^Hallowell, Edward M.; Ratey , John J. (2011) [1984]. Spinto alla distrazione: riconoscere e affrontare il disturbo da deficit di attenzione dall’infanzia all’età adulta (rivisto ed.). New York: Anchor Books . ISBN9780307743152 . OCLC 699763760 .
  13. ^Barkley, Russell A. (2012). Funzioni esecutive: cosa sono, come funzionano e perché si sono evolute. New York: Guilford Press . ISBN9781462505357 . OCLC 773666263 .
  14. ^Hamilton, Jeff (6 gennaio 2011). “26 vantaggi del coaching per l’ADHD negli adulti” . Blog di psicologia oggi . Estratto il 4 luglio il 2015.
  15. ^Knouse , Laura E.; Bagwell, Catherine L.; Barkley, Russell A.; Murphy, Kevin R. (maggio 2005). “Accuratezza dell’autovalutazione negli adulti con ADHD: prove da uno studio sulla guida”. Giornale dei disturbi dell’attenzione. 8 (4): 221–234. doi : 1177/1087054705280159 . PMID16110052 . S2CID 40724893 .
  16. ^ Vai a: aBUomo Nero, Anna; Moscardo , Gianna; Grigio, David E. (2016). “Sfide per la teoria e la pratica del business coaching: una revisione sistematica delle prove empiriche” (PDF) . Revisione dello sviluppo delle risorse umane . 15 (4): 459–486. doi : 1177/1534484316673177 . ISSN 1534-4843 . S2CID 152097437 .
  17. ^Stern, Lewis R. (2004). “Executive coaching: una definizione operativa”(PDF) . Rivista di psicologia di consulenza: pratica e ricerca . 56 (3): 154–162. doi : 1037/1065-9293.56.3.154 . Archiviato dall’originale (PDF) il 6 luglio 2015. Estratto il 4 luglio 2015.
  18. ^Jones, Rebecca J.; Boschi, Stephen A.; Guillaume, Yves RF (giugno 2016). “L’efficacia del coaching sul posto di lavoro: una meta-analisi dei risultati di apprendimento e performance del coaching”(PDF) . Giornale di psicologia del lavoro e delle organizzazioni . 89 (2): 249–277. doi : 1111/joop.12119 .
  19. ^Lorber, Laura (10 aprile 2008). “Coaching esecutivo: vale i soldi?” . Il giornale di Wall Street . Estratto 12 novembre 2008.
  20. ^Wang, Yanfei ; Yuan, Chuqin (2017). “Coaching leadership e comportamento vocale dei dipendenti: uno studio multilivello”. Comportamento sociale e personalità . 45 (10): 1655–1664. doi : 2224/sbp.6593 .
  21. ^Gyllensten , Kristina; Palmer, Stephen (luglio 2005). “Il coaching può ridurre lo stress sul posto di lavoro?”. Lo Psicologo Coach. 1 : 15–17. CiteSeerX1.1.465.4855 .
  22. ^“Definizione di Coaching Cristiano”(PDF) . christiancoaches.com. Rete internazionale di allenatori cristiani. Ottobre 2017. URL consultato il 20 marzo 2018. Il coaching cristiano è un approccio alla pratica del coaching professionale, incentrato sulla crescita personale o professionale, che integra la visione del mondo biblica quando si lavora con i clienti per riconoscere il loro potenziale e realizzare un cambiamento personale.
  23. ^Collins, J. Michael; Oliva, Peggy; O’Rourke, Collin M. (febbraio 2013). “Il potenziale del coaching finanziario per migliorare la sicurezza finanziaria della famiglia” . Giornale di estensione. 51 (1): 1FEA8. Estratto il 2 luglio 2013.
  24. ^Engel, Reed Giordania (2011). Un esame dei coach del benessere e il loro impatto sui risultati comportamentali del cliente (tesi). Università di Purdue . Estratto il 2 luglio 2015.
  25. ^ Vai a: aBC “Health Coach e Health Coaching: definizione, qualifiche, rischi e responsabilità e differenziazione dal Wellness Coaching” (PDF) . Società Nazionale dei Coach della Salute. Estratto 7 gennaio il 2016.
  26. ^Maslin Nir, Sarah (8 novembre 2010). “Come un monitor più che un tutor” . Il New York Times . P. A21. Estratto il 4 luglio il 2015.
  27. ^ Vai a: aBNieuwerburgh , Christian van (2012). Coaching nell’istruzione: ottenere risultati migliori per studenti, educatori e genitori . Serie di coaching professionale. Londra: Karnac Books. ISBN 9781780490793 . OCLC 778418798 .
  28. ^Neenan , Michael (2018). Neenan , Michael (a cura di). Coaching cognitivo comportamentale : caratteristiche distintive. Caratteristiche distintive del coaching. New York: Routledge . doi : 4324/9781351188555 . ISBN9781351188555 . OCLC 1012616113 .
  29. ^Concessione, Anthony M. (2005). “Che cos’è il coaching esecutivo, sul posto di lavoro e il life coaching basato sull’evidenza?”. In Cavanagh, Michael J.; Concessione, Anthony M.; Kemp, Travis (a cura di). Coaching basato sull’evidenza, vol. 1: Teoria, ricerca e pratica delle scienze comportamentali . Bowen Hills, Queensland: stampa accademica australiana. pagine 1–12. ISBN9781875378579 . OCLC 67766842 .
  30. ^Concessione, Anthony M.; Cavanagh, Michael J. (2018). “Insegnamenti di vita”. A Cox, Elaine; Bachkirova , Tatiana; Clutterbuck, David (a cura di). Il manuale completo del coaching (3 ed.). Los Angeles: pubblicazioni Sage . ISBN9781526453112 . Estratto 26 luglio 2020. Le radici del life coaching contemporaneo sembrano emergere dalle tradizioni umanistiche della psicologia ( ad esempio Maslow, 1954) e dalle pratiche del Movimento del potenziale umano (HPM) […]. Una delle influenze chiave sono stati i programmi Erhard Seminars Training o EST sviluppati da Werner Erhard (Kirsch & Glass, 1977). Questi sono stati commercializzati come trasformazione personale e come tali possono essere considerati come attingenti allo stesso slancio sociale che in seguito ha dato origine al life coaching. […] la psicologia come disciplina accademica e professione di aiuto tendeva ad essere associata, almeno nella mente del pubblico, alla malattia mentale e al trattamento del disagio, piuttosto che alla promozione del benessere. La psicologia non si è veramente occupata del life coaching fino a quando i pionieri del life coaching commerciale negli Stati Uniti, come Thomas Leonard, non hanno innalzato il profilo del life coaching e della formazione del life coach durante la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90. Tuttavia, a quel tempo il life coaching era ancora visto da molti come bizzarro, teoricamente incoerente, new age e più un’opportunità di network marketing che una solida modalità di aiuto teoricamente fondata .
  31. ^Nisbet, Matthew C. (maggio-giugno 2020). “Tony Robbins della porta accanto: i personal coach sono i nuovi sommi sacerdoti dell’auto-aiuto” . Intervistatore scettico . vol. 44 n. 3. Amherst, New York: Centro per l’inchiesta . Archiviata dall’originale il 26 novembre 2020. Estratto il 26 novembre 2020.
  32. ^Dawes, Robyn M. (1994). Castello di carte: psicologia e psicoterapia costruite sul mito . New York: stampa libera . ISBN978-0029072059 . OCLC 28675086 .
  33. ^Epstein, William M. (1995). L’illusione della psicoterapia. New Brunswick, NJ: editori di transazioni . ISBN978-1560002154 . OCLC 32086626 .
  34. ^Yossi, Ives; Cox, Elaine (2015). Coaching relazionale: teoria e pratica del coaching con single, coppie e genitori . Hove, East Sussex; New York: Routledge . ISBN978-0415737951 . OCLC 881498486 .
  35. ^Griffo , JM, Jensen, M., Anthony, CC, Baghurst , T. e Kulinna , PH, 2019. “Un decennio di letteratura di ricerca sull’allenamento sportivo (2005–2015)”. Giornale internazionale di scienza e allenamento dello sport , 14(2), 205–215. doi : 1177/1747954118825058
  36. ^Fiore di campo, Leni (2013). La storia nascosta del coaching . Coaching in serie pratiche. Maidenhead: Open University Press . P. 38. ISBN9780335245406 . OCLC 820107321 . […] la psicologia dello sport […] ha una storia che risale al 1890 in America. […] Nel 1920 la Germania aveva un College specializzato in Educazione Fisica, il cui fondatore, Robert Werner Schulte, scrisse un libro intitolato Body and Mind in Sport. Le università di Mosca e Leningrado avevano dipartimenti di psicologia dello sport negli anni ’30.
  37. ^Hamilton, David (maggio 1977). “Allenatore di scrittura”. Composizione e comunicazione universitaria . 28 (2): 154–158. doi : 2307/356104 . JSTOR356104 .
  38. ^Stanley, Jane (settembre 1992). “Istruire gli studenti scrittori affinché siano efficaci valutatori tra pari”. Giornale di scrittura in una seconda lingua . 1 (3): 217–233. doi : 1016/1060-3743(92)90004-9 .
  39. ^Lupo, Rita; Thomason, Tommy (marzo 1986). “Coach di scrittura: le loro strategie per migliorare la scrittura”. Giornale di ricerca sui giornali . 7 (3): 43–49. doi : 1177/073953298600700305 .
  40. ^Laakaniemi , Ray (marzo 1987). “Un’analisi della scrittura di programmi di coach sui quotidiani americani”. Giornalismo trimestrale . 64 (2–3): 569–575. doi : 1177/107769908706400242 .
  41. ^Baldwin, Claire; Chandler, Genevieve E. (febbraio 2002). “Migliorare la produzione di pubblicazioni dei docenti: il ruolo di un coach di scrittura”. Giornale di infermieristica professionale. 18 (1): 8–15. doi : 1053/jpnu.2002.30896 . PMID11859488 .
  42. ^Jefferies, Diana; Johnson, Maree; Nicholls, Daniele; Ragazzo, Shushila (agosto 2012). “Un programma di coach di scrittura basato sul reparto per migliorare la qualità della documentazione infermieristica”. La formazione infermieristica oggi . 32 (6): 647–651. doi : 1016/j.nedt.2011.08.017 . PMID21982050 .
  43. ^Gardiner, Maria; Kearns, Hugh (settembre 2012). “L’ABCDE della scrittura: coaching per la scrittura di qualità e di quantità” . Recensione internazionale di psicologia del coaching . 7 (2): 247–259.
  44. ^ Vai a: aBC D Concessione, Anthony M.; Cavanagh, Michael J. (2011). “Coaching e psicologia positiva: credenziali, status professionale e organismi professionali” . A Sheldon, Kennon M.; Kashdan , Todd B.; Steger, Michael F. (a cura di). Progettare una psicologia positiva: fare il punto e andare avanti. Oxford; New York: Oxford University Press . pagine 295–312. doi : 1093/ acprof:oso /9780195373585.003.0019 . ISBN 9780195373585 . OCLC 610144651 .
  45. ^Passmore, Jonathan; Mortimer, Lance (2011). “Etica nel Coaching”(PDF) . In Hernez -Broome, Gina; Boyce, Lisa A. (a cura di). Avanzare nell’Executive Coaching: impostare il percorso per un Leadership Coaching di successo. La serie di pratiche professionali. San Francisco: Jossey-Bass . pagine 205–227. ISBN 9780470553329 . OCLC 635455413 . Archiviato dall’originale (PDF) il 3 dicembre 2020. Estratto il 19 luglio 2021.
  46. ^ Ad esempio: “Codice Etico” . Federazione Internazionale Allenatori. Archiviato dall’originale il 9 febbraio 2014. Estratto il 13 maggio 2016. E: “Codice etico degli allenatori” . Federazione nazionale delle associazioni delle scuole superiori statali. URL consultato il 13 maggio 2016 (archiviata dall ‘ url originale il 17 marzo 2015).
  47. ^Boschi, Declan; Sleighholm , David (5 febbraio 2016). “Per il comunicato congiunto del 5 febbraio 2016 – Codice etico globale per coach e mentori” . PRWeb . URL consultato il 13 maggio 2016 (archiviata dall ‘ url originale l’8 febbraio 2016).
  48. ^Iordanou , Ioanna ; Hawley, Rachel; Iordanou , Christiana (2017). Valori ed etica nel coaching . Thousand Oaks, CA: pubblicazioni Sage . ISBN9781473919563 . OCLC 948548464 .
  49. ^ Ad esempio, i membri di un’organizzazione di coaching, la International Coach Federation, sono triplicati tra il 2006 e il 2016: Milne- Tyte , Ashley (25 febbraio 2016). “Il settore del business coaching è in forte espansione” . Mercato . Estratto il 4 dicembre il 2018.
  50. ^ Ad esempio, un elenco di programmi accreditati dall’ICF: “List of All Accredited Coaching Training Programs (ACTP): Hour List” . Federazione Internazionale Allenatori . Estratto il 4 luglio il 2015.
  51. ^ Secondo l’ICF: “Ore di formazione specifiche per coaching approvate (ACSTH): accreditamento del programma” . Federazione Internazionale Allenatori . URL consultato il 4 luglio 2015 (archiviata dall ‘ url originale il 24 luglio 2014).
  52. ^“Programma di formazione per coach accreditato (ACTP): accreditamento del programma” . Federazione Internazionale Allenatori . URL consultato il 4 luglio 2015 (archiviata dall ‘ url originale l’8 febbraio 2014).
  53. ^“Coach associato certificato (ACC) – Credenziali individuali – ICF” . Federazione Internazionale Allenatori . URL consultato il 9 maggio 2017 (archiviata dall ‘ url originale il 2 aprile 2017).
  54. ^“Una panoramica della licenza di psicologo” . Consiglio di psicologia della California. URL consultato il 4 luglio 2015 (archiviata dall ‘ url originale il 6 luglio 2015).
  55. ^“Master Certified Coach (MCC) – Credenziali Individuali – ICF” . Federazione Internazionale Allenatori . URL consultato il 9 maggio 2016 (archiviata dall ‘ url originale il 14 maggio 2016).
  56. ^“Coach Professionale Certificato (MCC) – Credenziali Individuali – ICF” . Federazione Internazionale Allenatori . URL consultato il 9 maggio 2016 (archiviata dall ‘ url originale il 9 maggio 2016).
  57. ^ Vedere “Tabella 17.1 I diversi livelli di accreditamento forniti da diversi organismi professionali” , in Passmore (2016 , p. 298), per un confronto tra le diverse opzioni di accreditamento degli allenatori offerte da AC, EMCC, IAC, ICF e altri organismi professionali .
  58. ^Popovic, Nash; Jinks, Debra (2014). Consulenza personale: un modello per integrare counseling e coaching. Londra; New York: Routledge . ISBN9780415833929 . OCLC 842330076 .
  59. ^Guay , Jennifer (16 gennaio 2013). “I Millennial entrano nel campo crescente e controverso del Life Coaching” . Stati Uniti oggi . URL consultato il 4 luglio 2015 (archiviata dall ‘ url originale il 31 luglio 2018).
  60. ^Morgan, Spencer (27 gennaio 2012), “Un life coach dovrebbe avere prima la vita?” , The New York Times, consultato il 4 luglio 2015 .
  61. ^Pagliarini , Robert (20 dicembre 2011). “I 10 migliori miti del life coaching professionale” . Notizie della CBS . Estratto il 4 luglio il 2015.
  62. ^O’Brien, Elizabeth (8 settembre 2014). “10 cose che i life coach non ti diranno” . MarketWatch . Estratto il 4 luglio il 2015.
  63. ^ Grant, AM & Zackon , R. (2004). Executive, posto di lavoro e life coaching: risultati di un sondaggio su larga scala condotto tra i membri della International Coach Federation. Giornale internazionale di coaching e mentoring basati sull’evidenza, 2(2), 1–15.
  64. ^“Studio ICF Global Coaching 2016: riepilogo esecutivo”(PDF) . coachfederation.org. Estratto il 10 luglio il 2019.

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti –  Psicologia del coaching

La psicologia del coaching è un campo della psicologia applicata che applica teorie e concetti psicologici alla pratica del coaching . Il suo obiettivo è aumentare le prestazioni, i risultati e il benessere degli individui, dei team e delle organizzazioni utilizzando metodi basati sull’evidenza e fondati sulla ricerca scientifica. [1] La psicologia del coaching è influenzata da teorie in vari campi psicologici, come la psicologia umanistica , la psicologia positiva , la teoria dell’apprendimento e la psicologia sociale .

La psicologia del coaching è nata formalmente come sottodisciplina psicologica nel 2000, quando il primo corso di “psicologia del coaching” è stato offerto presso l’ Università di Sydney . Da allora, si sono formate società scientifiche dedicate alla psicologia del coaching e riviste sottoposte a revisione paritaria pubblicano ricerche sulla psicologia del coaching. Le applicazioni della psicologia del coaching spaziano dal coaching atletico ed educativo alla leadership e al coaching aziendale.

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Storia

Le prime applicazioni della teoria e della pratica psicologica al coaching (in particolare, al coaching atletico) possono essere fatte risalire agli anni ’20. [2] Nel 1926, Coleman Griffith pubblicò The Psychology of Coaching: A Study of Coaching Methods in the Point of View of Psychology. [2] Basandosi sulle osservazioni delle squadre di calcio e basket, Griffith ha discusso un’ampia varietà di aspetti del coaching come gli effetti sugli spettatori, i problemi di over-coaching, i principi dell’apprendimento. [3] Griffith è stato notato come ” il primo psicologo dello sport americano ” e un pioniere nell’applicazione della scienza della psicologia all’allenamento. [4] Anni dopo, iniziarono ad emergere altri testi sulla psicologia del coaching. Nel 1951, John Lawther della Penn State University pubblicò Psychology of Coaching . [5] Il primo libro in WorldCat con il termine “psicologia del coaching” nel titolo è Modern Coaching Psychology di Curtiss Gaylord, pubblicato nel 1967. [6] [7]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – 21 ° secolo

Nonostante questi primi sviluppi, la psicologia del coaching contemporanea è stata formalmente affermata solo all’inizio del 21° secolo. Nel gennaio 2000, Anthony Grant ha implementato la prima unità di studio sulla “psicologia del coaching” presso l’ Università di Sydney e la sua tesi di dottorato ha posto le basi per ulteriori ricerche per stabilire il campo della psicologia del coaching come disciplina basata sull’evidenza. [8] [9] Molti psicologi coach considerano Grant un pioniere nel campo. [4] [10]

Un ulteriore sviluppo è iniziato nel 2006, quando l’ Australian Psychological Society (APS) ha tenuto una conferenza che ha fondato l’Interest Group in Coaching Psychology (IGCP). Fuori dall’Australia, Stephen Palmer della British Psychological Society (BPS) ha formato lo Special Group in Coaching Psychology (SGCP). [4] Sia l’IGCP che l’SGCP miravano a sviluppare ulteriormente la professione della psicologia del coaching in termini di teoria e applicazione fornendo una piattaforma per la condivisione di ricerche ed esperienze rilevanti tra gli psicologi del coaching. [4] [1] [11] Dall’istituzione dell’IGCP e dell’SGCP, sono state fondate più società internazionali dedicate alla psicologia del coaching in Europa, Medio Oriente e Sud Africa. [4] Il 18 dicembre 2006 è stata fondata la International Society for Coaching Psychology (ISCP) per promuovere lo sviluppo internazionale del campo. [4] [12]

Attualmente esistono numerose riviste sottoposte a revisione paritaria dedicate alla letteratura e alla ricerca sulla psicologia del coaching. Ad esempio, The Coaching Psychologist (dal 2005) è fornito dall’SGCP . [13] L’IGCP e l’IGCP pubblicano congiuntamente l’ International Coaching Psychology Review (dal 2006). [14] Coaching Psychology International (dal 2009) è pubblicato dalla International Society of Coaching Psychology. [15]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Influenze teoriche

Psicologia umanistica

Vedi anche: Psicologia umanistica e terapia centrata sulla persona

L’ approccio umanistico alla psicologia è considerato un grande contributore al coaching psicologico. [3] Sia la psicologia umanistica che quella del coaching condividono la visione comune dell’essere umano come autorealizzante . Cioè, ogni volta che ne viene data l’opportunità, gli esseri umani coglieranno la capacità di migliorare se stessi. [16] La psicologia del coaching considera questo sviluppo come un processo consistente in cambiamenti positivi concreti nella propria vita. Inoltre, questo processo di crescita è intrapreso sia dal cliente che dal coach che facilita l’autorealizzazione nei loro clienti. [1] [17]

Nella terapia centrata sulla persona di Carl Rogers , la relazione cliente-terapeuta è un elemento chiave nel facilitare la crescita. [17] Pertanto, la relazione tra il coach (il facilitatore) e il cliente (lo studente) è cruciale. [18] In particolare, Rogers ha identificato tre qualità chiave in una buona relazione coach-cliente: “realtà” (genuinità), fiducia e comprensione empatica . [17] [18] Inoltre, viene fatta un’importante distinzione tra lavorare sul cliente e lavorare con il cliente. Un coach deve essere disposto a collaborare e impegnarsi attivamente con il cliente per comprendere le sue esperienze e fare scelte che promuovano la crescita . [17] Quando ciò viene raggiunto, la relazione coach-cliente diventa una partnership attiva . [19]

Inoltre, secondo Rogers, la crescita di un cliente si ottiene attraverso una considerazione positiva incondizionata . [20] I coach devono entrare in empatia con i propri clienti per comprendere le loro esperienze e punti di vista. [1] Per raggiungere questo obiettivo, il coach deve essere in grado di comprendere i propri clienti non solo a livello intellettuale, ma anche a livello emotivo. [17] Insieme all’empatia, i coach devono essere in grado di accettare i propri clienti per quello che sono veramente poiché gli individui hanno bisogno di sentirsi apprezzati per il loro ” vero sé ” per autorealizzarsi . [1]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – Psicologia positiva

Vedi anche: Psicologia positiva

La psicologia positiva (sviluppata da Martin Seligman e altri) si sofferma sugli aspetti positivi delle caratteristiche umane come la forza e la competenza. [17] [21] [22] Fondamentalmente, la psicologia del coaching condivide questo focus; un coaching efficace implica il miglioramento delle prestazioni e del benessere del cliente. [23] La psicologia positiva fornisce quindi una base per il coaching. [21] La psicologia del coaching è stata considerata un tipo di psicologia positiva applicata. [23]

Le emozioni positive motivano gli individui a migliorare le proprie capacità e competenze. [24] La teoria dell’ampliamento e della costruzione di Barbara Fredrickson presuppone che le emozioni positive possano svolgere un ruolo nello stimolare non solo la motivazione , ma anche azioni produttive e benefiche. [25] Nel coaching, viene enfatizzato l’incoraggiamento delle emozioni positive al fine di ispirare i clienti ad intraprendere azioni concrete verso i loro obiettivi. [17]

A parte le emozioni, anche il pieno coinvolgimento nell’attività è un fattore per massimizzare le proprie prestazioni. [26] Mihaly Csikszentmihalyi ha descritto questo livello di massimo coinvolgimento in un compito come flusso . In altre parole, gli individui che sperimentano il flusso sono “nella zona”. [17] Gli allenatori svolgono un ruolo nella creazione di un ambiente che induca il flusso. Ciò può essere raggiunto attraverso una definizione degli obiettivi chiara e coerente. [26] Fornire un feedback chiaro e immediato mantiene inoltre il cliente informato sul fatto che le sue azioni stiano aiutando a raggiungere i suoi obiettivi. [17] I coach aiutano anche a trovare un equilibrio tra sfida e abilità poiché compiti troppo facili o troppo difficili per il cliente possono ostacolare il raggiungimento degli obiettivi. [17] [26]

Corso per diventare Coach in Veneto – Approfondimenti – temi dell’articolo

  • Corso per diventare Coach in Veneto
  • Corso per diventare Coach a Padova
  • Corso per diventare Coach a Rovigo
  • Corso per diventare Coach a Vicenza
  • Corso per diventare Coach a Venezia
  • Corso per diventare Coach a Belluno
  • Corso per diventare Coach nel triveneto
  • Migliore Corso per diventare Coach in Veneto
  • Migliore Corso per diventare Coach a Padova
  • Migliore Corso per diventare Coach a Rovigo
  • Migliore Corso per diventare Coach a Vicenza
  • Migliore Corso per diventare Coach a Venezia
  • Migliore Corso per diventare Coach a Belluno
  • Migliore Corso per diventare Coach nel triveneto
  • Coaching
  • Formazione
  • Corso
  • Coach
  • Sviluppo personale
  • Competenze
  • Abilità
  • Crescita professionale
  • Leadership
  • Comunicazione
  • Empowerment
  • Motivazione
  • Autoconsapevolezza
  • Obiettivi
  • Orientamento
  • Consulenza
  • Capacità relazionali
  • Ascolto attivo
  • Feedback
  • Gestione del tempo
  • Risoluzione dei problemi
  • Gestione dello stress
  • Coaching individuale
  • Coaching di gruppo
  • Coaching aziendale
  • Sessioni di coaching
  • Strategie di coaching
  • Tecniche di coaching
  • PNL (Programmazione Neuro Linguistica)
  • Psicologia positiva
  • Coaching esecutivo
  • Coaching sportivo
  • Coaching di vita
  • Coaching di carriera
  • Coaching familiare
  • Coaching per la salute e il benessere
  • Coaching finanziario
  • Crescita personale
  • Auto-miglioramento
  • Auto-istruzione
  • Empatia
  • Motivazione intrinseca
  • Auto-disciplina
  • Auto-riflessione
  • Auto-realizzazione
  • Visualizzazione
  • Consapevolezza emotiva
  • Leadership trasformazionale
  • Leadership autentica
  • Mentalità di crescita
  • Convinzioni potenzianti
  • Focus
  • Consapevolezza del sé
  • Intelligenza emotiva
  • Gestione delle relazioni
  • Fiducia in sé
  • Assertività
  • Autostima
  • Mindfulness
  • Bilanciamento vita-lavoro
  • Valori personali
  • Auto-coaching
  • Coaching di gruppo
  • Team building
  • Cultura aziendale
  • Motivazione dei dipendenti
  • Risoluzione dei conflitti
  • Gestione del cambiamento
  • Adattabilità
  • Mentalità aperta
  • Auto-compassione
  • Crescita resiliente
  • Focus sul cliente
  • Pensiero critico
  • Risoluzione dei problemi complessi
  • Innovazione
  • Creatività
  • Autenticità
  • Crescita aziendale
  • Leadership efficace
  • Coaching per il successo
  • Coaching per l’efficacia
  • Auto-gestione
  • Coaching per l’auto-motivazione
  • Coaching per l’auto-regolazione
  • Coaching per l’auto-organizzazione
  • Coaching per l’auto-leadership
  • Coaching per l’auto-valutazione
  • Coaching per l’auto-sviluppo
  • Coaching per la gestione dell’energia
  • Coaching per l’equilibrio tra vita personale e professionale
  • Coaching per l’ottimizzazione delle prestazioni
  • Coaching per la gestione dello stress e del burnout
  • Coaching per lo sviluppo della consapevolezza
  • Coaching per la resilienza
  • Coaching per la gestione delle emozioni
  • Coaching per il cambiamento positivo
  • Coaching per il raggiungimento degli obiettivi
  • Coaching per la leadership ispiratrice
  • Coaching per il successo personale e professionale

100 Domande di Coaching per lo sviluppo personale, crescita delle risorse umane, colloqui di coaching, counseling,  formazione e terapia

100 domande di coachingRicerca di Sé:

  1. Qual è il tuo concetto di te stesso in questo momento?
  2. Quali sono i valori fondamentali che guidano le tue decisioni?
  3. Cosa ti appassiona veramente?
  4. Quali sono i tuoi obiettivi a breve e lungo termine per la tua crescita personale?
  5. In che modo le tue esperienze passate hanno influenzato la tua identità attuale?
  6. Quali sono i tuoi punti di forza e come li sfrutti nella tua vita quotidiana?
  7. Come gestisci le sfide e le difficoltà personali?

Obiettivi e Realizzazione Personale:

  1. Quali sono i tuoi obiettivi più importanti per il prossimo anno?
  2. Cosa ti impedisce di raggiungere i tuoi obiettivi attuali?
  3. Quali passi stai già facendo per raggiungere i tuoi obiettivi?
  4. Come puoi trasformare i tuoi obiettivi in azioni concrete?
  5. Quali risorse e supporti possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi?

Relazioni Interpersonali:

  1. Quali sono le relazioni più significative nella tua vita al momento?
  2. In che modo contribuisci positivamente alle relazioni che consideri importanti?
  3. Quali sono le tue aspettative riguardo alle relazioni e sono realistiche?
  4. Come gestisci i conflitti nelle tue relazioni?

Comunicazione Efficace:

  1. Come descriveresti il tuo stile di comunicazione?
  2. In che modo puoi migliorare la tua capacità di ascolto attivo?
  3. Come gestisci le conversazioni difficili o conflittuali?

Gestione del Tempo e Priorità:

  1. Come organizzi il tuo tempo attualmente?
  2. Quali attività sono prioritarie nella tua vita e perché?
  3. In che modo puoi migliorare la tua gestione del tempo?

Crescita Professionale:

  1. Quali sono i tuoi obiettivi professionali a breve e lungo termine?
  2. Come puoi sviluppare ulteriormente le tue competenze professionali?
  3. Quali sono le tue passioni nel contesto lavorativo?

Benessere Fisico e Mentale:

  1. Come mantieni un equilibrio tra lavoro e salute mentale?
  2. Quali abitudini quotidiane contribuiscono al tuo benessere fisico?
  3. In che modo gestisci lo stress e le pressioni della vita quotidiana?

Creatività e Innovazione:

  1. Come coltivi la tua creatività nella vita quotidiana?
  2. Quali nuove idee o approcci puoi introdurre nelle tue attività?

Autoapprendimento:

  1. Quali sono i tuoi modi preferiti per apprendere nuove cose?
  2. Quali libri, podcast o risorse online hai trovato più ispiranti di recente?

Leadership e Influenza:

  1. In che modo influenzi gli altri nel tuo ambiente personale e professionale?
  2. Quali sono i tuoi punti di forza come leader?

Gestione del Cambiamento:

  1. Come gestisci il cambiamento nella tua vita?
  2. Quali sono le tue strategie per adattarti alle nuove situazioni?

Gratitude e Mindfulness:

  1. Quali sono tre cose per cui sei grato oggi?
  2. In che modo praticare la mindfulness può influire sulla tua vita quotidiana?

Motivazione e Passione:

  1. Qual è la tua fonte principale di motivazione nella vita?
  2. Come mantieni la tua passione per ciò che fai?

Risoluzione dei Problemi:

  1. Come affronti i problemi e le sfide nella tua vita?
  2. Quali sono le tue strategie per risolvere i conflitti in modo costruttivo?

Equilibrio Vita Lavorativa e Vita Privata:

  1. In che modo bilanci la tua vita lavorativa con la tua vita personale?
  2. Quali sono le tue priorità quando si tratta di trovare un equilibrio?

Autostima e Autocompassione:

  1. Come valuti te stesso attualmente?
  2. In che modo coltivi l’autocompassione nelle situazioni difficili?

Decisioni e Assunzione di Responsabilità:

  1. Come prendi decisioni importanti nella tua vita?
  2. In che modo ti assumi la responsabilità delle tue scelte e azioni?

Abitudini Positive:

  1. Quali sono le abitudini positive che hai incorporato nella tua routine quotidiana?
  2. Come puoi incorporare nuove abitudini positive nella tua vita?

Finanze Personali:

  1. Come gestisci le tue finanze personali attualmente?
  2. Quali obiettivi finanziari ti sei prefissato per il futuro?

Apprendimento Continuo:

  1. Quali sono le tue aree di interesse per l’apprendimento continuo?
  2. In che modo l’apprendimento costante contribuisce al tuo sviluppo personale?

Confronto e Competizione:

  1. In che modo affronti il confronto con gli altri?
  2. Come vedi la competizione nella tua vita e in che modo influisce su di te?

Sogni e Aspirazioni:

  1. Quali sono i tuoi sogni più grandi per il futuro?
  2. Come puoi tradurre i tuoi sogni in obiettivi realistici?

Riconoscimento e Gratificazione:

  1. In che modo apprezzi i tuoi successi e realizzazioni personali?
  2. Quali sono le tue fonti di gratificazione nella vita?

Capacità di Adattamento:

  1. Come gestisci il cambiamento e l’incertezza?
  2. Quali sono i tuoi punti di forza nell’adattarti a nuove situazioni?

Passioni Ignorate:

  1. C’è qualcosa che hai sempre voluto fare ma che hai ignorato? Perché?
  2. Come puoi integrare le tue passioni trascurate nella tua vita?

Relazione con il Denaro:

  1. Qual è la tua relazione emotiva con il denaro?
  2. In che modo questa relazione influisce sulle tue decisioni finanziarie?

Empatia e Compassione:

  1. In che modo mostri empatia verso gli altri?
  2. Quali azioni quotidiane puoi intraprendere per coltivare la compassione?

Visione del Futuro:

  1. Qual è la tua visione ideale per il futuro?
  2. Come puoi lavorare attivamente per avvicinarti a questa visione?

Gestione dello Stress:

  1. Quali sono le tue strategie per gestire lo stress nella tua vita quotidiana?
  2. Come riconosci i segnali di stress e cosa fai al riguardo?

Lavoro di Squadra:

  1. Come contribuisci positivamente a un ambiente di lavoro di squadra?
  2. Quali sono i tuoi punti di forza nella collaborazione con gli altri?

Legami Familiari:

  1. In che modo gestisci le dinamiche familiari e mantieni relazioni positive?
  2. Quali sono i tuoi contributi positivi alla tua famiglia?

Autocelebrazione:

  1. Come celebrati i tuoi successi, grandi e piccoli?
  2. In che modo riconosci i tuoi progressi personali?

Innovazione Personale:

  1. Come stimoli l’innovazione nella tua vita quotidiana?
  2. Quali cambiamenti innovativi potresti introdurre nella tua routine?

Coerenza con i Valori:

  1. In che modo le tue azioni quotidiane riflettono i tuoi valori fondamentali?
  2. Quali passi puoi fare per vivere in modo più coerente con i tuoi valori?

Apprezzamento del Presente:

  1. Come puoi essere più consapevole del momento presente?
  2. Quali pratiche quotidiane di gratitudine puoi incorporare nella tua vita?

Vulnerabilità:

  1. In che modo mostri vulnerabilità nelle tue relazioni?
  2. Cosa ti impedisce di essere più aperto riguardo ai tuoi sentimenti?

Intelligenza Emotiva:

  1. Quanto sei consapevole delle tue emozioni e di come influenzano il tuo comportamento?
  2. Come gestisci le emozioni intense?

Futuro del Lavoro e Carriera:

  1. Come vedi il tuo futuro professionale in un mondo in rapida evoluzione?
  2. Quali competenze e abilità vuoi sviluppare per rimanere rilevante?

Autenticità:

  1. In che modo vivi la tua autenticità nella vita quotidiana?
  2. Quali aspetti di te stesso ti senti di dover nascondere agli altri?

Bilancio tra Dare e Ricevere:

  1. Come bilanci il dare e il ricevere nelle tue relazioni?
  2. Quali sono i modi in cui puoi essere più generoso nella tua vita?

Immaginazione e Creatività:

  1. Come coltivi la tua immaginazione e creatività?
  2. Quali sfide o progetti ti permettono di esprimere la tua creatività?

Senso di Comunità:

  1. In che modo contribuisci al tuo ambiente locale o comunitario?
  2. Quali sono i tuoi legami con la comunità e in che modo desideri contribuire?

Sviluppo Sostenibile:

  1. In che modo integrare pratiche sostenibili nella tua vita quotidiana?
  2. Quali azioni puoi intraprendere per ridurre l’impatto ambientale delle tue decisioni?

Domande di Coaching. Semantica articolo e applicazioni

  1. Coaching
  2. Sviluppo personale
  3. Obiettivi
  4. Crescita
  5. Autoconsapevolezza
  6. Competenze
  7. Motivazione
  8. Leadership
  9. Gestione del tempo
  10. Comunicazione efficace
  11. Crescita professionale
  12. Risoluzione dei problemi
  13. Fiducia
  14. Autostima
  15. Leadership coach
  16. Coaching esecutivo
  17. Coaching di vita
  18. Coaching di carriera
  19. Coaching aziendale
  20. Coaching di gruppo
  21. Resilienza
  22. Empowerment
  23. Bilanciamento lavoro-vita
  24. Autenticità
  25. Stress management
  26. Intelligenza emotiva
  27. Obiettivi SMART
  28. Feedback
  29. Gestione del cambiamento
  30. Procrastinazione
  31. Autoefficacia
  32. Autodisciplina
  33. Valori
  34. Auto-riflessione
  35. Mindfulness
  36. Visione
  37. Auto-motivazione
  38. Focus
  39. Auto-gestione
  40. Auto-compassione
  41. Zone di comfort
  42. Feedback 360 gradi
  43. Strategie di comunicazione
  44. Abilità decisionali
  45. Leadership autentica
  46. Auto-identità
  47. Coaching online
  48. Coaching interpersonale
  49. PNL (Programmazione Neuro-Linguistica)
  50. Coaching basato sulle forze
  51. Coaching positivo
  52. Psicologia positiva
  53. Creatività
  54. Apprendimento continuo
  55. Leadership transformazionale
  56. Coaching basato sulle soluzioni
  57. Coaching basato sulla fiducia
  58. Coaching assertivo
  59. Coaching di gruppo
  60. Coaching per il successo
  61. Coaching motivazionale
  62. Coaching per la gestione dello stress
  63. Coaching per la resilienza
  64. Coaching per il cambiamento di carriera
  65. Coaching per la leadership femminile
  66. Coaching per l’equilibrio tra vita e lavoro
  67. Coaching per lo sviluppo del team
  68. Coaching per la gestione del tempo
  69. Coaching per la leadership etica
  70. Coaching per la gestione del conflitto
  71. Coaching per lo sviluppo delle competenze
  72. Coaching per la gestione delle emozioni
  73. Coaching per il miglioramento delle relazioni
  74. Coaching per l’autenticità
  75. Coaching per la definizione degli obiettivi
  76. Coaching per la creazione di abitudini positive
  77. Coaching per il cambiamento personale
  78. Coaching per la trasformazione personale
  79. Coaching per la gestione delle crisi
  80. Coaching per l’innovazione
  81. Coaching per la consapevolezza culturale
  82. Coaching per il miglioramento delle prestazioni
  83. Coaching per la resilienza organizzativa
  84. Coaching per la comunicazione efficace
  85. Coaching per lo sviluppo della leadership
  86. Coaching per il miglioramento dell’efficienza
  87. Coaching per la crescita spirituale
  88. Coaching per la leadership agili
  89. Coaching per la gestione delle relazioni
  90. Coaching per la pianificazione della carriera
  91. Coaching per il miglioramento delle competenze relazionali
  92. Coaching per la consapevolezza emotiva
  93. Coaching per la gestione delle transizioni
  94. Coaching per la gestione del conflitto interpersonale
  95. Coaching per il cambiamento organizzativo
  96. Coaching per il miglioramento della comunicazione interpersonale
  97. Coaching per la definizione di obiettivi aziendali
  98. Coaching per la crescita del business
  99. Coaching per lo sviluppo della leadership
  100. Coaching per il miglioramento della qualità della vita

 

Il migliore Coach in Veneto, in base alla classifica di Google Scholar,  è in realtà un Team composto da: Dott.  Daniele Trevisani, scrittore, formatore, consulente, coach e counselor;  Coach Cinzia Zocca, diplomata Master Coach e Counselor presso STEP, Grety Bortoli, diplomata Coach HPM presso Daniele Trevisani Academy con riconoscimento CWF (Coaching World Federation), Sara Ruzza, diplomata Coach HPM presso Daniele Trevisani Academy con riconoscimento CWF. Il Dott. Daniele Trevisani, scrittore di 28 libri (vedi bibliografia), ha operato come coach per oltre 200 aziende e organizzazioni incluso il coaching ultradecennale dei Generali e Ufficiali dell’Esercito Italiano in Missioni ONU (Caschi Blu) e come mental coach per oltre 10 campioni del mondo di arti marziali e combat sports e altre discipline.

Chi è il miglior Coach e counselor in Veneto

Se vuoi un contatto preliminare compila questo form, ti ricontatteremo al più presto

In evidenza:

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching. Il Metodo HPM

Lavorare sul potenziale individuale, dei team, delle imprese: il metodo HPM (Human Performance & Potential Modeling)

Le persone viaggiano per stupirsi delle montagne, dei mari,

dei fiumi, delle stelle e passano a fianco a se stesse

senza meravigliarsi

(Sant’Agostino)

Il testo seguente è copyright Daniele Trevisani e Franco Angeli editore, estratto dal libro Il Potenziale Umano.

corsi di coaching aziendaleChi è il migliore Coach in Veneto – Concetti fondamentali: la visione della persona come sistema energetico

Il metodo HPM sviluppato dal dott. Daniele Trevisani deriva la propria sigla dal suo obiettivo primario, il Modeling, o “dare forma”, generare impulso, contributo e stimolo alla crescita della persona, dei team e delle organizzazioni.

Il metodo ha due distinte sfere di applicazione, tra di loro collegate:

  • crescita del potenziale umanoHuman Potential Modeling, e
  • sviluppo delle prestazioniHuman Performance Modeling.

Il metodo contiene una concezione dell’uomo come articolazione di energie fisiche e mentali, micro e macro-competenze, progettualità e aspirazioni.

Il metodo individua sei specifiche “celle di lavoro”, sulle quali ciascuno di noi, indipendente dalla sua condizione di partenza, può fare progressi, piccoli o grandi che siano. E, per ogni piccola conquista, si aprono nuovi orizzonti che ci invitano ad andare avanti, in una continua esplorazione di ciò che significa progredire, nel suo senso più profondo.

“Entrare” in queste sei celle ci permette di costruire progetti di crescita seri ed efficaci, siano essi la “liberazione” da ciò che ci frena, o l’aumento delle nostre risorse personali.

L’amplificazione delle energie e abilità di un individuo o di un intero gruppo o impresa, può proiettarci verso nuovi traguardi, e nuovi modi di essere. Prendere piena coscienza dei propri potenziali e lottare per raggiungerli è un’operazione che ha una propria sacralità, al di la del risultato numerico o professionale che ne può derivare.

Capire questo è essenziale oggi per fare del training aziendale serio, essere ricercatori o insegnanti degni di questo nome, ma anche nel coaching, nel focusing (focalizzazione dei fabbisogni di sviluppo), nella consulenza, nei progetti di crescita personale, quando si esamina una persona o un’organizzazione, intesa come complesso di energie circolanti, il suo lato umano, il suo spirito vitale.

Il metodo HPM raggruppa tutti i fattori evidenziati in un modello piramidale (energie fisiche e mentali, micro e macro-competenze, progettualità e aspirazioni) e li considera aspetti allenabili, aumentabili, su cui si può agire.

A questo modello quindi ci apprestiamo a lavorare.

Ne esponiamo di seguito un’anteprima grafica, nella quale si evidenziano le sei specifiche aree di lavoro, ciascuna delle quali viene approfondita, ma sicuramente non esaurita.

Esaurire ogni singola area sarebbe una pretesa troppo grande, mentre aprirvi una discussione e offrire su ciascuna contributi, strumenti utili e operativi, è invece già possibile.

Modello del Potenziale Umano Deep Coaching (TM)

chi è il migliore coach in sicilia - metodo hpmPotenziale umano e prestazioni umane sono due aree di studio diverse ma strettamente collegate, così come lo sono le fondamenta di un edificio e i suoi piani superiori.

Nessuno costruirebbe, con un minimo di buon senso, un grattacielo su fondamenta instabili. Il lavoro sul potenziale è, come metafora, simile al lavoro di costruzione di fondamenta solide, mentre le performance ci restituiscono un senso di altezza, di quanto in alto possiamo spingerci.

Ognuno di noi sente il bisogno, prima o poi, di sviluppare il suo potenziale, ma anche di accedere a piani esistenziali superiori, ricercare, crescere.

Possiamo soffocare questa pulsione umana naturale, ma è come cercare di non respirare, prima o poi il bisogno viene fuori, ed è bene ascoltarlo.

Il modello HPM analizza l’essere umano come sistema energetico, una sinergia di forze (fisiche e mentali), la cui amplificazione può aumentare il grado di felicità, successo e potenzialità realizzativa.

Questo sistema complesso è composto da sottosistemi, che possono disporre di uno stato di carica variabile, e funzionare bene o male, con gradazioni intermedie di efficienza ed efficacia.

Per analizzare il potenziale globale della persona, non solo sul piano fisico o intellettuale, ma come essere umano nel suo complesso, abbiamo bisogno di localizzare quali sono i micro e macro-distretti su cui si può agire e come questi interagiscono tra di loro.

Dobbiamo anche saper muovere lo zoom di analisi dal micro al macro, dal particolare al generale, e viceversa.

Esponiamo di seguito una breve sintesi di quali sono i contenuti principali delle sei “celle” di lavoro:

  • il substrato psicoenergetico e le energie mentali: riguarda le energie psicologiche, le forze motivazionali, lo stato di forma mentale necessario per affrontare sfide, progetti, traguardi (goal) e obiettivi. Si prefigge di analizzare ed intervenire sulle capacità mentali, come concentrazione, lucidità tattica, abilità strategiche, capacità di percezione, utilizzo della memoria, amplificazione sensoriale, sino alle capacità di vivere le passioni, rivedere il nostro modo di essere, riprendere in mano il proprio ruolo nella vita con maggiore assertività, ripensarsi, creare motivazione in sè e nel team, sviluppare coraggio e perseveranza, utilizzare uno stile di pensiero produttivo e positivo;
  • il substrato bioenergetico e le energie fisiche: inquadra la parte biologica dell’essere umano: il corpo e le energie fisiche, lo stato di forma organis­mico e biologico che sorregge le energie individuali; comprende l’analisi delle energie corporee e il funzionamento dell’organismo, come esso possa essere riparato o “potenziato”, gli effetti dello stile di vita e l’approccio olistico al corpo, l’attenzione alle economie locali (di specifici distretti fisici) e alle energie generali;
  • le micro-competenze: i micro-dettagli che danno spessore al potenziale, le micro-abilità psicologiche e psicomotorie che fanno la differenza in una prestazione manageriale o sportiva, le micro abilità-cognitive (di ragionamento), che creano differenza tra un’esecuzione mediocre, media o invece eccellente, le micro-abilità relazionali e comunicazionali da cui dipende un lavoro di qualità;
  • le macro-competenze personali e professionali: i grandi strumenti (competenze, skills, capacità) che compongono il profilo di un ruolo; le traiettorie di cambiamento che subisce lo scenario che ci circonda, come rimanerne coscienti e in pieno controllo; la gamma delle abilità o portfolio di competenze di un individuo o di un team, e come questo deve essere rivisitato, riqualificato, formato, per essere all’altezza degli obiettivi che ognuno di noi si pone e delle sfide che vuole cogliere;
  • goal e progettualità: la strutturazione dello sforzo per qualcosa o contro qualcosa di concreto (un ideale trasformato in progetto); la capacità di sviluppare un obiettivo in azione, il focus di applicazione delle energie e competenze, la loro traduzione in specifici piani operativi e risultati attesi;
  • visione, principi e valori, missione: ideali, principi morali, sogni, aspirazioni, i motori profondi che dirigono le priorità personali, gli ancoraggi di senso e significato che connettono i progetti ad un piano più profondo, le scelte personali, il senso di missione. Riguarda inoltre lo sfondo primordiale di desideri e pulsioni che spingono il nostro fare ed agire, il senso di causa e – non ultimo – il nostro vissuto spirituale ed esistenziale.

Ognuno di questi stati o “celle” può avere un certo livello di “carica”, trovarsi “pieno”, “abbondante”, ben coltivato, ben esercitato, o essere invece “scarico”, deprivato, depotenziato, impoverito, o persino trascurato e maltrattato, denutrito, abbandonato.

Al crescere della carica nei diversi sistemi aumenta l’energia complessiva della persona, dei team, e delle organizzazioni da loro composte, con effetti molto tangibili: risultati, prestazioni, capacità di decidere, di incidere e produrre cambiamento positivo. Questi risultati dipendono dallo stato dei diversi sistemi, dalla capacità di coltivarli e nutrirli.

La loro condizione locale e l’interazione tra le diverse “celle” può produrre il massimo del potenziale o presentare sinergie negative, o danni e malfunzionamenti che impediscono all’essere umano di esprimersi.

Le risorse personali e il potenziale individuale possono essere “lette” ma soprattutto amplificate attraverso un lavoro serio sulle sei aree.

Sul piano manageriale e sportivo, nei team e nelle aziende, le implicazioni sono altrettanto evidenti: lo stato di forma mentale e fisico delle persone, la loro carica motivazionale, le loro competenze, la loro progettualità, il loro spessore morale, fanno la differenza tra persone o team spenti, e persone, team o organizzazioni capaci, forti, motivate, piene di energia ed entusiasmo, desiderose di affrontare sfide e dare contributi veri.

____________________________ Copyright Daniele Trevisani e Franco Angeli Editore

Chi è il migliore Coach in Veneto – concetti e metodi – Coaching

Coaching

Il coaching, o accompagnamento, è un metodo di supporto personalizzato volto a migliorare le capacità e le prestazioni di un individuo, di un gruppo o di un’organizzazione, attraverso il miglioramento delle conoscenze , l’ottimizzazione dei processi e delle modalità di organizzazione e controllo. Originariamente è stato sviluppato nel mondo dello sport (l’allenatore può essere un allenatore o completarlo per un tipo di incoraggiamento più psicologico), ma il suo utilizzo è andato oltre questo contesto dalla fine del XX secolo per apparire a metà dell’azienda, poi quello dello sviluppo personale in modo meno inquadrato e spesso contestato. È presente oggi in molti ambiti della vita, professionale, nutrizionale, genitoriale, scolastico, ecc.

Il coaching è la professione di supporto basata sul dialogo tra il cliente e il suo coach. Permette al cliente, attraverso la costruzione di questi scambi, di trovare le soluzioni più adatte alle sue capacità, convinzioni e rappresentazioni, alla sua situazione e alle sue sfide.

Il concetto di coaching, privo di un preciso quadro normativo, può essere rivendicato da chiunque senza condizione di qualificazione professionale o di effettiva competenza. Ad esempio, il coaching di “sviluppo personale”, che ha avuto un certo successo commerciale, ha generato una pletora di offerte, che soffre dell’assenza di un quadro istituzionale e di un supporto scientifico. Questo termine dà quindi origine a molti abusi e può essere utilizzato come strumento di manipolazione 1 .

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Terminologia

Il primo significato di “carrozza”, “grande carro trainato da cavalli” fabbricato a Kocs in Ungheria nel XVI secolo , chiamato coche in francese, portò, intorno al 1830, il significato figurato di “istruttore/addestratore”, nel gergo dell’ Università di Oxford , di nominare un tutor, un mentore, che “trasporti” lo studente a un esame; il significato di “allenatore sportivo” sarebbe apparso intorno al 1861 2 .

In Francia, la commissione generale di terminologia e neologia raccomanda l’uso dei termini “orientamento” nel campo “salute, medicina e psicologia”, “mentoring” nel campo “economia e gestione aziendale” e “istruzioni mediante segni” nel campo dello sport 3 , 4 . Da parte sua, il Grand Dictionnaire terminologique québécois offre anche, a seconda del campo, i termini “accompagnamento”, “guida”, “direzione degli atleti” [rif. necessario] .

A seconda del contesto, i termini “advisor” (es: “consulente del lavoro”), “consulente” (es: “consulente per lo sviluppo professionale”), “coach”, “mentor” 5 [ rif . incompleto] o “coach” 6 può essere usato per riferirsi alla persona che conduce il coaching.

La filosofia è una delle radici del coaching, in quanto esercizio autonomo della ragione, anche quando questa è guidata dal dialogo o dalla maieutica socratica . Sapersi porre problemi, trovare da soli soluzioni variegate, portare avanti un modo di vedere le cose e la vita, sono parte integrante del coaching così come della filosofia 7 .

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Storia

Milton Hyland Erickson : attivo tra il 1930 e il 1980. Oltre alla sua attività di psichiatra, è intervenuto in ciò che ha una forte somiglianza con il life coaching, come aumentare le prestazioni sportive o aiutare un giovane che ha difficoltà a trovare un lavoro 8 . Ha utilizzato l’ipnosi formale solo nel 50% delle sue sedute 9 . Secondo i suoi esegeti (Ernest Rossi, Jay Haley) usò una conversazione innocua, chiamata ipnosi senza ipnosi o ipnosi conversazionale senza trance per favorire il cambiamento del suo cliente. Questa conversazione potrebbe riguardare anche argomenti innocui. Molti scritti raccontano i suoi dialoghi di coaching durante sessioni trascritte che permettono di apprezzare le strategie di coaching messe in atto.

Il coaching è apparso negli Stati Uniti all’inizio degli anni 60. Ha le sue radici nella cibernetica (dal 1942), nella scuola di Palo Alto (dal 1953) e nella New Age (all’Esalen Institute in California, dal 1961) 10 e nell’osservazione di terapisti come Milton Erickson , Virginia Satir , Fritz Perls .

Strutturazione della professione in Francia e in Europa

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Anni ’90: prime federazioni

Nel 1992 è stato creato il Centro europeo di mentoring e coaching (EMCC). Nel 1995 è stata creata l’ International Coaching Federation (ICF). È stato introdotto in Francia nel 1999. Nel 1996 è stata creata la prima federazione francese di allenatori. Questa è la società di coaching francese, o SFCoach.

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Graduale riconoscimento della professione

Il 2014 è un anno importante per il coaching professionale in Europa. Le principali federazioni professionali europee (Société française de coaching, EMCC Global e ICF Global) sottoscrivono un accordo con l’Unione Europea (il cosiddetto accordo “Bologna”), che istituisce l’autoregolamentazione delle professioni del coaching professionale attraverso queste federazioni in ciascuna delle i paesi dell’UE 11 .

Nel 2016, la professione di coach professionista è stata ufficialmente riconosciuta in Europa, la Francia ha incluso il coaching professionale nell’Elenco nazionale delle certificazioni professionali (RNCP) 12 , 13 .

Nel 2019 è stato creato il Sindacato interprofessionale di supporto, coaching e supervisione (SIMACS) riunendo diverse organizzazioni. È composto da due federazioni internazionali (EMCC France, ICF-France), due associazioni professionali francesi (Société française de coaching, o SFCoach, e PSF) e un sindacato (SynPAAC) 14 .

Anche nel 2019, SIMACS desidera integrare un ramo professionale. Poiché lo Stato francese non consente più la creazione di nuove branche professionali 15 , SIMACS, e quindi le organizzazioni che la compongono, hanno aderito alla Federazione dei Servizi Intellettuali di Consulenza, Ingegneria e Servizi Digitali (CINOV) nella sua branca “Uffici di progettazione tecnica, società di consulenza ingegneristica e società di consulenza” (BETIC) 14 .

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Il futuro della strutturazione

Uno degli obiettivi della fusione tra SIMACS e CINOV è il riconoscimento della professione di allenatore professionista a sé stante grazie all’ottenimento di specifici codici NAF e ROME e la realizzazione di un’appendice al CINOV 16 . Infatti, i coach professionisti devono poi ancora utilizzare codici NAF e ROME che non corrispondono specificatamente ad essi 12 : M1402 (“consulenza in organizzazione e gestione aziendale”) e M1502 (“sviluppo risorse umane”).

Nel corso degli anni, il coaching professionale ha affermato la sua legittimità presso le istituzioni statali e le aziende.

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Limiti dell’etica

Malarewicz definisce la deontologia 17 come “l’insieme delle regole operative che una professione si dà, nel tentativo di risolvere in tutto o in parte i problemi etici che i suoi membri possono incontrare”. Pertanto, proprio come il Consiglio degli ordini forensi europei definisce il codice deontologico per gli avvocati 18 , le stesse organizzazioni di coaching professionale definiscono il codice etico per i coach professionisti (ad esempio SFCoach 19 ).

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Questioni etiche per la relazione di coaching

Il coaching presenta limiti specifici alle relazioni d’aiuto o alle psicoterapie, anche se queste pratiche sono distinte. I più noti sono il sentimento di potere e il transfert / controtransfert . “In terapia, è il meccanismo attraverso il quale il paziente trasferisce al terapeuta i sentimenti inconsci di tenerezza o affetto (transfert positivo), paura o ostilità (transfert negativo) che prova per un’altra persona. […] Di fronte al transfert, quest’ultimo reagisce con il controtransfert , che caratterizza i sentimenti e le emozioni che prova di rimando 20 . »

La filiale francese dell’International Coach Federation intende limitare questo rischio di manipolazione supervisionando il servizio di coaching. Deve quindi essere limitato nell’oggetto (contratto che definisce gli obiettivi) e nel tempo (in genere da sei a nove mesi); è da evitare anche il rapporto di dipendenza 21 . Questi problemi sono a priori ridotti perché, a differenza di un rapporto asimmetrico (chi sa e chi non sa), il rapporto coach-coachee si costruisce su un legame tra pari, che mira anche a dare tutta l’autonomia al coachee .

Formazione, diplomi e supervisione [

Quadro di formazione in Francia

In Francia, la professione di “personal development coach” e le professioni connesse non sono regolamentate e il loro esercizio è libero (“accessibile senza un diploma particolare”, secondo il fascicolo ROME K1103 del Pôle emploi 22 ). È quindi possibile definirsi coach senza essersi formati. Tuttavia, il titolo di “coach professionista” beneficia dell’iscrizione all’Elenco Nazionale delle Certificazioni Professionali ; Il 30 marzo 2020 France Competences ha delegato a SIMACS la gestione del titolo di “allenatore professionista RNCP livello 6” 23 .

Il coach professionista interviene come esperto in tre direzioni fondamentali che sono il coaching organizzativo, il coaching di squadra e il coaching individuale. Viene stabilito un quadro di riferimento delle competenze e si raccomanda che l’allenatore professionista aderisca al codice etico di una federazione 24 , 25 .

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Supervisione della pratica: supervisione

Origine e definizione

I codici etici delle federazioni includono sistematicamente l’uso di supervisori per supervisionare la pratica degli allenatori. Questa pratica chiamata supervisione è in un certo senso “coach coaching”. Permette di introdurre un terzo nella relazione coach-coachee e quindi di limitare alcuni effetti indesiderati come il controtransfert [Informazione dubbia] 26 [rif. non conforme] .

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Note e riferimenti

  1. Rendi più alto di: aB c e d Gli eccessi dell’allenatore [ archivio ], Francia Inter , 17 novembre 2018.
  2. com [ archivio ].
  3. La parola “coach” sul sito di France Terme [ archivio ], su fr (consultato il 7 dicembre 2018).
  4. Raccomandazione (ufficiale) sugli equivalenti francesi della parola coach ” , [ archivio ], su gouv.fr , 22 luglio 2005 (accesso 7 dicembre 2018).
  5. Termine raccomandato in Francia dal DGLFLF Gazzetta ufficiale , 26 marzo 2004, vedi FranceTerme .
  6. Grande Dizionario Terminologico [ archivio ].
  7. Joël Figari, “Coaching e filosofia”, Diotime, Revue internationale de didactique de la philosophie , n ° 42, ottobre 2009, CRDP de Montpellier ( leggi online [ archivio ]).
  8. Casi 316 e 305 in terapia non comune , WHO’Hanlon e ALHexum
  9. JA Malarewicz, 14 lesson in Strategic Therapy , 1998, ESF editor.
  10. Baptiste Rappin, “Saggio filosofico sulle origini cibernetiche del coaching”, Comunicazione e organizzazione , n° 46, 2014, leggi online [ archivio ].
  11. Il coaching professionale inserito nell’elenco delle professioni autoregolamentate dalle autorità europee [ archivio ] [PDF], su ICF France , 5 marzo 2014 (consultato il 2 febbraio 2023).
  12. Torna più in alto in: a e bElenco nazionale delle certificazioni professionali: Professional Coach [ archivio ], sulle competenze in Francia (consultato il 2 febbraio 2023)
  13. Sintesi descrittiva della certificazione del codice RNCP: 31971 [ archivio ], su France Competences (consultato il 2 febbraio 2023)
  14. Torna più in alto in: a e bStoria del SIMACS [ archivio ], sull’Unione interprofessionale dei mestieri di sostegno, affiancamento e vigilanza (consultato il 2 febbraio 2023).
  15. La ristrutturazione delle branche professionali ” , [ archivio ], 21 ottobre 2020 (accesso 2 febbraio 2023).
  16. Charte du SIMACS [ archivio ] (consultato il 2 febbraio 2023).
  17. ^ Malarewicz, Sistemica e impresa , Global Village, 2000 ( ISBN2-7440-6161-1 ), pag. 146.
  18. Charter and Code of Ethics for European Lawyers [ archivio ] [PDF], su Council of Bars and Law Societies of Europe , 31 gennaio 2008 (visitato il 2 febbraio 2023).
  19. SFCoach Code of Ethics “, [ archivio ], aprile 2020 (accesso 2 febbraio 2023).
  20. Coaching , Caby, 2002, De Vecchi., p. 171.
  21. Domande frequenti , su International Coach Federation France , punti 8 e 15 .
  22. Foglio Roma K1103 – Sviluppo personale e benessere della persona [ archivio ] [PDF], su chambre-syndicale-sophrologie.fr , dicembre 2011.
  23. « Titoli e diplomi » [ archivio ], su Simacs (consultato il 9 agosto 2023).
  24. Chi siamo? [ archivio ], su SFCoach (accesso 2 febbraio 2023) .
  25. Ethics and deontology [ archivio ], su EMCC Francia (consultato il 2 febbraio 2023).
  26. Higy-Lang e C. Gellman, Coaching , 2000, Organization Editions.

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Appendici

anni 2000

  • “Sull'”accompagnamento”, come paradigma” (Numero della rivista Pratiques de Formation/Analyses (Università di Parigi 8, Formation Permanente, dicembre 2000
  • Accompagnamento: una postura professionale specifica (Maela PAUL) Éditions L’Harmattan (2 dicembre 2004). Collezione: Conoscenza e formazione.
  • L’impero degli allenatori. Una nuova forma di controllo sociale , Roland Gori e Pierre Le Coz , Albin-Michel, 2006 ( ISBN978-2226174987 )
  • Dizionario del coaching , Pierre Angel, Patrick Amar, Émilie Devienne , Jacques Tencé, ed. Dunod, 2007 ( ISBN978-2100496563 )
  • Supporto professionale? : Metodo ad uso di operatori che esercitano una funzione educativa (Michel Vial, Nicole Caparros-Mencacci, Jean-Marie De Ketele). DeBoeck (2007). Collezione: Pedagogie in evoluzione.
  • Essere un allenatore: dalla ricerca della performance al risveglio , Robert Dilts , ed. Dunod , 2008 ( ISBN978-2100502462 )
  • Saper essere un allenatore: un’arte, una postura, un’etica , Reine Marie Halbout, ed. Eyrolles , 2009 ( ISBN978-2212542349 )
  • Guida per l’accompagnamento professionale di un cambiamento (Louise Lafortune). Presse dell’Università del Quebec (2009). Collezione: Fusione.

anni 2010

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Articoli Correlati

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Coaching specializzato

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Collegamenti esterni

 [nascondere]

vm_ _ _

Psicologia

Paradigmi
Metodi utilizzati
Aree di indagine
Campi di applicazione
Concetti principali
Autori

Chi è il migliore Coach in Veneto – Approfondimenti sul Coaching – Semantica

  • chi è il migliore coach in Veneto
  • chi è il migliore esperto di coaching in veneto
  • chi è il migliore coach e counselor in Veneto
  • chi è il migliore counselor in Veneto
  • chi è il migliore formatore in Veneto
  • chi è il migliore coach a Belluno
  • chi è il migliore coach a Padova
  • chi è il migliore coach a Rovigo
  • chi è il migliore coach a Treviso
  • chi è il migliore coach a Venezia
  • chi è il migliore coach a Verona
  • chi è il migliore coach a Vicenza
  • migliore coach e counselor in Veneto
  • migliore coach in Veneto
  • migliore counselor in Veneto
  • migliore coach a Belluno
  • migliore coach a Padova
  • migliore coach a Rovigo
  • migliore coach a Treviso
  • migliore coach a Venezia
  • migliore coach a Verona
  • migliore coach a Vicenza
  • migliore counselor a Belluno
  • migliore counselor a Padova
  • migliore counselor a Rovigo
  • migliore counselor a Treviso
  • migliore counselor a Venezia
  • migliore counselor a Verona
  • migliore counselor a Vicenza
  • migliore counselor a Reggio Emilia
  • business coaching Veneto
  • lifecoaching Veneto
  • coaching sportivo Veneto
  • business coaching a Belluno
  • business coaching a Padova
  • business coaching a Rovigo
  • business coaching a Treviso
  • business coaching a Venezia
  • business coaching a Verona
  • business coaching a Vicenza
  • migliore consulente aziendale in Veneto
  • migliore consulente aziendale a Belluno
  • migliore consulente aziendale a Padova
  • migliore consulente aziendale a Rovigo
  • migliore consulente aziendale a Treviso
  • migliore consulente aziendale a Venezia
  • migliore consulente aziendale a Verona
  • migliore consulente aziendale a Vicenza

Semantica relativa a migliore scuola di coaching in Veneto e migliore corso di coaching in Veneto

  • migliore scuola di coaching In Veneto
  • migliori scuole di coaching in Veneto
  • qual è la migliore scuola di coaching in Veneto
  • quali sono le migliori scuole di coaching in Veneto
  • migliore corso di coaching in Veneto
  • migliori corsi di coaching in Veneto
  • qual è il migliore corso di coaching in Veneto
  • quali sono i migliori corsi di coaching in Veneto
  • scuola di coaching online in Veneto
  • migliore corso di coaching on line In Veneto
  • migliore corso di coaching online a Belluno
  • migliore corso di coaching on line a Padova
  • migliore corso di coaching online a Rovigo
  • migliore corso di coaching online a Treviso
  • migliore corso di coaching online a Venezia
  • migliore corso di coaching online a Verona
  • migliore corso di coaching online a Vicenza
  • migliore corso di coaching  a Belluno
  • migliore corso di coaching on line a Padova
  • migliore corso di coaching  a Rovigo
  • migliore corso di coaching  a Treviso
  • migliore corso di coaching  a Venezia
  • migliore corso di coaching  a Verona
  • migliore corso di coaching  a Vicenza
  • migliore corso di coaching  a Piacenza

Il migliore Coach in Emilia-Romagna è in realtà un Team composto da: Dott.  Daniele Trevisani, scrittore, formatore, consulente, coach e counselor;  Dott. Lorenzo Manfredini, psicologo e psicoterapeuta, formatore, consulente,  coach e counselor; Dott Fabio Trevisani,  coach sportivo, laureato in scienze motorie, diplomato Coach e Counselor STEP, specializzato in coaching individuali, coaching di squadre sportive e recupero funzionale nell’handicap. Il Dott. Daniele Trevisani, scrittore di 28 libri (vedi bibliografia), ha operato come coach per oltre 200 aziende e organizzazioni incluso il coaching ultradecennale dei Generali e Ufficiali dell’Esercito Italiano in Missioni ONU (Caschi Blu) e come mental coach per oltre 10 campioni del mondo di arti marziali e combat sports e altre discipline. Il Dott. Lorenzo Manfredini è fondatore della Scuola di Coaching e Counseling STEP e Direttore di APIC (Associazione Professionisti Italiani Coaching) con esperienza quarantennale in una variegata quantità di materie come la psicoterapia corporea e relazionale, la bioenergetica, il training mentale,  la dinamica mentale e lo sviluppo personale.

Chi è il migliore coach e counselor in Emilia-Romagna

Se vuoi un contatto preliminare compila questo form, ti ricontatteremo al più presto

In evidenza:

Chi è il migliore Coach in Emilia-Romagna – Approfondimenti sul Coaching. Il Metodo HPM

Lavorare sul potenziale individuale, dei team, delle imprese: il metodo HPM (Human Performance & Potential Modeling)

Le persone viaggiano per stupirsi delle montagne, dei mari,

dei fiumi, delle stelle e passano a fianco a se stesse

senza meravigliarsi

(Sant’Agostino)

Il testo seguente è copyright Daniele Trevisani e Franco Angeli editore, estratto dal libro Il Potenziale Umano.

corsi di coaching aziendaleChi è il migliore Coach in Emilia-Romagna – Concetti fondamentali: la visione della persona come sistema energetico

Il metodo HPM sviluppato dal dott. Daniele Trevisani deriva la propria sigla dal suo obiettivo primario, il Modeling, o “dare forma”, generare impulso, contributo e stimolo alla crescita della persona, dei team e delle organizzazioni.

Il metodo ha due distinte sfere di applicazione, tra di loro collegate:

  • crescita del potenziale umanoHuman Potential Modeling, e
  • sviluppo delle prestazioniHuman Performance Modeling.

Il metodo contiene una concezione dell’uomo come articolazione di energie fisiche e mentali, micro e macro-competenze, progettualità e aspirazioni.

Il metodo individua sei specifiche “celle di lavoro”, sulle quali ciascuno di noi, indipendente dalla sua condizione di partenza, può fare progressi, piccoli o grandi che siano. E, per ogni piccola conquista, si aprono nuovi orizzonti che ci invitano ad andare avanti, in una continua esplorazione di ciò che significa progredire, nel suo senso più profondo.

“Entrare” in queste sei celle ci permette di costruire progetti di crescita seri ed efficaci, siano essi la “liberazione” da ciò che ci frena, o l’aumento delle nostre risorse personali.

L’amplificazione delle energie e abilità di un individuo o di un intero gruppo o impresa, può proiettarci verso nuovi traguardi, e nuovi modi di essere. Prendere piena coscienza dei propri potenziali e lottare per raggiungerli è un’operazione che ha una propria sacralità, al di la del risultato numerico o professionale che ne può derivare.

Capire questo è essenziale oggi per fare del training aziendale serio, essere ricercatori o insegnanti degni di questo nome, ma anche nel coaching, nel focusing (focalizzazione dei fabbisogni di sviluppo), nella consulenza, nei progetti di crescita personale, quando si esamina una persona o un’organizzazione, intesa come complesso di energie circolanti, il suo lato umano, il suo spirito vitale.

Il metodo HPM raggruppa tutti i fattori evidenziati in un modello piramidale (energie fisiche e mentali, micro e macro-competenze, progettualità e aspirazioni) e li considera aspetti allenabili, aumentabili, su cui si può agire.

A questo modello quindi ci apprestiamo a lavorare.

Ne esponiamo di seguito un’anteprima grafica, nella quale si evidenziano le sei specifiche aree di lavoro, ciascuna delle quali viene approfondita, ma sicuramente non esaurita.

Esaurire ogni singola area sarebbe una pretesa troppo grande, mentre aprirvi una discussione e offrire su ciascuna contributi, strumenti utili e operativi, è invece già possibile.

Modello del Potenziale Umano Deep Coaching (TM)

chi è il migliore coach in sicilia - metodo hpmPotenziale umano e prestazioni umane sono due aree di studio diverse ma strettamente collegate, così come lo sono le fondamenta di un edificio e i suoi piani superiori.

Nessuno costruirebbe, con un minimo di buon senso, un grattacielo su fondamenta instabili. Il lavoro sul potenziale è, come metafora, simile al lavoro di costruzione di fondamenta solide, mentre le performance ci restituiscono un senso di altezza, di quanto in alto possiamo spingerci.

Ognuno di noi sente il bisogno, prima o poi, di sviluppare il suo potenziale, ma anche di accedere a piani esistenziali superiori, ricercare, crescere.

Possiamo soffocare questa pulsione umana naturale, ma è come cercare di non respirare, prima o poi il bisogno viene fuori, ed è bene ascoltarlo.

Il modello HPM analizza l’essere umano come sistema energetico, una sinergia di forze (fisiche e mentali), la cui amplificazione può aumentare il grado di felicità, successo e potenzialità realizzativa.

Questo sistema complesso è composto da sottosistemi, che possono disporre di uno stato di carica variabile, e funzionare bene o male, con gradazioni intermedie di efficienza ed efficacia.

Per analizzare il potenziale globale della persona, non solo sul piano fisico o intellettuale, ma come essere umano nel suo complesso, abbiamo bisogno di localizzare quali sono i micro e macro-distretti su cui si può agire e come questi interagiscono tra di loro.

Dobbiamo anche saper muovere lo zoom di analisi dal micro al macro, dal particolare al generale, e viceversa.

Esponiamo di seguito una breve sintesi di quali sono i contenuti principali delle sei “celle” di lavoro:

  • il substrato psicoenergetico e le energie mentali: riguarda le energie psicologiche, le forze motivazionali, lo stato di forma mentale necessario per affrontare sfide, progetti, traguardi (goal) e obiettivi. Si prefigge di analizzare ed intervenire sulle capacità mentali, come concentrazione, lucidità tattica, abilità strategiche, capacità di percezione, utilizzo della memoria, amplificazione sensoriale, sino alle capacità di vivere le passioni, rivedere il nostro modo di essere, riprendere in mano il proprio ruolo nella vita con maggiore assertività, ripensarsi, creare motivazione in sè e nel team, sviluppare coraggio e perseveranza, utilizzare uno stile di pensiero produttivo e positivo;
  • il substrato bioenergetico e le energie fisiche: inquadra la parte biologica dell’essere umano: il corpo e le energie fisiche, lo stato di forma organis­mico e biologico che sorregge le energie individuali; comprende l’analisi delle energie corporee e il funzionamento dell’organismo, come esso possa essere riparato o “potenziato”, gli effetti dello stile di vita e l’approccio olistico al corpo, l’attenzione alle economie locali (di specifici distretti fisici) e alle energie generali;
  • le micro-competenze: i micro-dettagli che danno spessore al potenziale, le micro-abilità psicologiche e psicomotorie che fanno la differenza in una prestazione manageriale o sportiva, le micro abilità-cognitive (di ragionamento), che creano differenza tra un’esecuzione mediocre, media o invece eccellente, le micro-abilità relazionali e comunicazionali da cui dipende un lavoro di qualità;
  • le macro-competenze personali e professionali: i grandi strumenti (competenze, skills, capacità) che compongono il profilo di un ruolo; le traiettorie di cambiamento che subisce lo scenario che ci circonda, come rimanerne coscienti e in pieno controllo; la gamma delle abilità o portfolio di competenze di un individuo o di un team, e come questo deve essere rivisitato, riqualificato, formato, per essere all’altezza degli obiettivi che ognuno di noi si pone e delle sfide che vuole cogliere;
  • goal e progettualità: la strutturazione dello sforzo per qualcosa o contro qualcosa di concreto (un ideale trasformato in progetto); la capacità di sviluppare un obiettivo in azione, il focus di applicazione delle energie e competenze, la loro traduzione in specifici piani operativi e risultati attesi;
  • visione, principi e valori, missione: ideali, principi morali, sogni, aspirazioni, i motori profondi che dirigono le priorità personali, gli ancoraggi di senso e significato che connettono i progetti ad un piano più profondo, le scelte personali, il senso di missione. Riguarda inoltre lo sfondo primordiale di desideri e pulsioni che spingono il nostro fare ed agire, il senso di causa e – non ultimo – il nostro vissuto spirituale ed esistenziale.

Ognuno di questi stati o “celle” può avere un certo livello di “carica”, trovarsi “pieno”, “abbondante”, ben coltivato, ben esercitato, o essere invece “scarico”, deprivato, depotenziato, impoverito, o persino trascurato e maltrattato, denutrito, abbandonato.

Al crescere della carica nei diversi sistemi aumenta l’energia complessiva della persona, dei team, e delle organizzazioni da loro composte, con effetti molto tangibili: risultati, prestazioni, capacità di decidere, di incidere e produrre cambiamento positivo. Questi risultati dipendono dallo stato dei diversi sistemi, dalla capacità di coltivarli e nutrirli.

La loro condizione locale e l’interazione tra le diverse “celle” può produrre il massimo del potenziale o presentare sinergie negative, o danni e malfunzionamenti che impediscono all’essere umano di esprimersi.

Le risorse personali e il potenziale individuale possono essere “lette” ma soprattutto amplificate attraverso un lavoro serio sulle sei aree.

Sul piano manageriale e sportivo, nei team e nelle aziende, le implicazioni sono altrettanto evidenti: lo stato di forma mentale e fisico delle persone, la loro carica motivazionale, le loro competenze, la loro progettualità, il loro spessore morale, fanno la differenza tra persone o team spenti, e persone, team o organizzazioni capaci, forti, motivate, piene di energia ed entusiasmo, desiderose di affrontare sfide e dare contributi veri.

____________________________ Copyright Daniele Trevisani e Franco Angeli Editore

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – Coaching

Coaching è un termine collettivo per diversi metodi di consulenza , i tre tipi fondamentali sono coaching individuale , di squadra e di progetto . Come nella consulenza psicosociale, lo sviluppo di soluzioni individuali è accompagnato e incoraggiato. [1] [2] Metodologicamente, la parola si riferisce a conversazioni strutturate tra un coach e un coachee (cliente), ad es. B. su questioni della vita professionale quotidiana (leadership, comunicazione, organizzazione e cooperazione). Gli obiettivi di questi colloqui vanno dalla valutazione e lo sviluppo delle capacità e delle prospettive personali ai suggerimenti per l’ auto-riflessione e il superamento dei conflitti con dipendenti, colleghi o superiori. Il coach funge da partner di discussione neutrale e critico e, a seconda dell’obiettivo, utilizza metodi dell’intero spettro del personale e dello sviluppo manageriale. [3] In Svizzera, il termine coaching è utilizzato anche nel campo del fitness . Un allenatore nello sport è anche chiamato allenatore; questo è spesso un personal trainer .

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – origine del termine

La parola “coach” significa originariamente ” carrozza ” ed è stata registrata in lingua inglese dal 1556. Dal 1848 è stato osservato un uso colloquiale del termine per tutor privati per studenti, nel campo dello sport la parola è stata usata dal 1885 in Inghilterra e negli Stati Uniti. Il coaching è attualmente definito in inglese come segue:

“Il coaching si riferisce alla guida e al feedback su conoscenze, abilità e abilità specifiche coinvolte in un compito. (Il coaching si riferisce alla guida e al feedback su conoscenze, abilità e abilità specifiche per un compito specifico.)”

– Bernardo. M. Bass : The Bass Handbook of Leadership, Theory, Research & Managerial Applications. 4a edizione. New York 2008, pagina 1091

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – Distinzione dalla psicoterapia

la psicoterapia si è sviluppata in un trattamento scientificamente fondato solo alla fine del XX secolo . Alcuni risultati e metodi hanno potuto dimostrare un effetto in termini di successo sia in psicoterapia che nel coaching. [4] Questi cosiddetti fattori di impatto includono: [5] [6]

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi –attivazione delle risorse

il terapeuta o il counselor spiega al cliente le sue possibilità positive, peculiarità, abilità e motivazioni in modo che diventi consapevole dei suoi punti di forza.

aggiornamento del problema

la conversazione è progettata in modo tale che il client z. B. rivivere esperienze ed emozioni problematiche o stressanti durante la seduta. Il coach (o terapeuta) li mette in parole e li rende “tangibili” e risolvibili.

Supporto per la risoluzione attiva dei problemi

Qui, il cliente sperimenta inizialmente durante la conversazione che può superare da solo sfide o problemi imminenti che prima sembravano impossibili da risolvere. Quindi può e deve provare soluzioni di problemi con livelli di difficoltà crescenti in modo indipendente nella pratica.

chiarimento motivazionale

in tal modo, il terapeuta o il consulente aiuta il cliente a vedere più chiaramente i propri motivi, obiettivi e valori consci o inconsci. Ciò promuove la comprensione del motivo per cui il paziente si comporta e si sente in questo modo e non altrimenti.

Maja Storch e Frank Krause descrivono la demarcazione tra psicoterapia e coaching con le seguenti parole: “ Chiediamo a quegli specialisti che vorrebbero utilizzare ZRM ( Zurich Resource Model ) nell’ambito della consulenza o nel coaching di sostituire mentalmente questi termini. Invece di ‘psicoterapia’ si può pensare a ‘consulenza’, ‘formazione’ o ‘coaching’, invece di ‘paziente’ si consiglia ‘cliente’.” [7 ]

D’altra parte, Rolf Winiarski distingue tra clienti di consulenza e terapia. Nel caso della consulenza, il livello di sofferenza, la motivazione per cambiamenti a lungo termine e la consapevolezza del problema da parte del cliente sono significativamente inferiori. Per la psicoterapia, invece, è caratteristico un lavoro di cambiamento mirato sulle reazioni ai problemi emotivi da 10 a 60 ore, ovvero una relazione terapeutica a lungo termine. [8°]

Il rapporto personale tra consulente e cliente è particolarmente importante per il successo sia in psicoterapia che nel coaching. [9] Dovrebbe basarsi sui principi di fiducia, apprezzamento, autenticità, empatia, cura e preoccupazione. Anche i complimenti fatti al momento giusto sono molto importanti. [10] Tutto ciò ha come conseguenza che i pazienti di solito valutano il loro consulente o terapeuta come una persona e quindi anche la terapia come molto positiva. Di norma, vengono in consulenza quando i loro problemi hanno già raggiunto il picco. Inoltre, ritengono che il coaching da parte di un esperto abbia contribuito al miglioramento perché era molto costoso, il che può essere descritto come effetto placebo . Per questi motivi, si dubita che il coaching abbia qualche effetto che vada oltre quello di un’intensa conversazione con buoni amici o persone affidabili e dotate di buon senso. [11]

I fattori efficaci sono simili in psicoterapia, coaching e altri metodi di consulenza e formazione, ma ci sono anche differenze significative. [12] La questione decisiva è se un allenatore può gestire questi fattori di influenza. Una diagnosi professionale per quanto riguarda il comportamento patologico è difficile anche per gli specialisti ( psicoterapeuti o psichiatri ). [13] Diagnosi errate o valutazioni errate possono causare danni umani e finanziari significativi. Per questo motivo, si consiglia di consultare prima un medico. [14] Nel caso di business o executive coaching, l’accento è posto sullo sviluppo delle competenze manageriali con le corrispondenti caratteristiche speciali (cfr. la sezione “Coaching in management”).

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – Informazioni di base sull’efficacia del coaching

Künzli ha esaminato 22 studi empirici e ha trovato effetti come sollievo emotivo, riduzione dello stress, cambio di prospettiva e maggiore autoriflessione. [15] I fattori chiave per ottenere risultati positivi sono il rapporto di fiducia tra coach e cliente e l’impegno del cliente. [16] Secondo Greif, ci sono solo due studi che possono dimostrare miglioramenti oggettivi nelle prestazioni e nel comportamento. Inoltre, non ci sono quasi teorie per descrivere e spiegare il processo di coaching e i suoi effetti. [17]

C’è il rischio di ciarlataneria in questo settore perché non c’è consenso sugli standard di formazione e sui criteri di qualità e non esiste una formazione riconosciuta dallo stato come allenatore. La richiesta di certificazione come prova di qualità per differenziarsi dai concorrenti sul mercato ha portato a iniziative e offerte da parte di oltre 20 associazioni di coaching in Germania. Tuttavia, ciò non ha risolto il problema dell’autocertificazione [18] (si veda la sezione delle critiche). In paesi come la Francia o la Gran Bretagna ci sono solo una o due associazioni di questo tipo. [19] La situazione negli Stati Uniti non è fondamentalmente diversa. [20]

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – professionalizzazione

Asspciazioni professionali e specializzate come l’ Associazione tedesca per il coaching e la formazione , l’Associazione tedesca per il coaching [22] , l’Associazione federale tedesca per il coaching [23] e l’Associazione tedesca per il coaching [24] in Germania e a livello internazionale l’ International Coach Federation., la Worldwide Association of Business Coaches., la CWF (Coaching World Federation)

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – Coaching in diverse aree

Coaching in ambito medico (Medical Coaching)

Un esempio dal campo medico riguarda i pazienti con malattia coronarica. [25] Lo scopo dello studio controllato randomizzato con 245 pazienti era scoprire se il coaching dei pazienti fosse adatto per raggiungere un certo livello di colesterolo. Risultato: il coaching ha contribuito a colmare il divario tra la terapia consigliata e quella effettiva (“divario terapeutico”). Gli autori: “ L’efficacia dell’intervento di coaching è spiegata al meglio sia dall’adesione alla terapia farmacologica che dai consigli dietetici forniti. ” [26] Con il coaching, i pazienti sono stati addestrati ad assumersi una maggiore responsabilità personale per l’attuazione degli obiettivi terapeutici. L’allenatore era un esperto nel trattamento di pazienti con malattia coronarica. Il coaching è stato fatto per telefono. Ci si aspettava che i pazienti conoscessero i loro livelli di colesterolo ed effettuassero regolarmente un confronto target/effettivo. È stato anche verificato se fossero a conoscenza dei fattori che influenzano i loro livelli di colesterolo e se sapessero quando consultare il proprio medico. [27] Gli autori derivano da questo caso un ciclo di coaching. Questo consiste in cinque passaggi. [28]

  1. Porre domande, verificare se il paziente ha le conoscenze, l’atteggiamento e la motivazione necessari.
  2. Spiegazione delle relazioni (cause ed effetti) necessarie per risolvere il problema.
  3. Aumentare la fiducia in se stessi del paziente per comunicare meglio con il medico.
  4. Obiettivo chiaro (accordo sugli obiettivi).
  5. Rivaluta gli obiettivi e le azioni alla prossima riunione.
  6. Fai di nuovo domande (torna al punto 1).

Questo approccio di coaching allena la forza di volontà del cliente. Ci sono esempi simili dalla terapia del dolore e numerose altre indicazioni. [29] Decisivo per il successo del trattamento non è solo l’approccio specifico al problema (ciclo di coaching), ma soprattutto le conoscenze specialistiche sulla terapia delle malattie e su come aumentare la forza di volontà dei pazienti .

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – Allenamento manageriale

Esistono essenzialmente quattro tipi di gestione:

Mentre l’executive coaching (o management coaching) mira a migliorare le capacità manageriali , la preoccupazione centrale del leadership coaching è lo sviluppo di alti potenziali ( sviluppo manageriale ). [30]

Una valutazione di 49 studi sul coaching della leadership di Katherine Ely, Lisa Boyce e coautori [31], nonché uno studio esplorativo sull’efficacia di diversi programmi di coaching della leadership di Gro Ladegard e Susann Gjerde [32] hanno mostrato che la preoccupazione centrale è misure di coaching più efficaci rappresentano un cambiamento misurabile nel comportamento dei coachee. Secondo i risultati di questi studi, questo cambiamento di comportamento non può essere ottenuto attraverso corsi di formazione tradizionali, seminari o sessioni di formazione all’aperto. Il processo di coaching deve includere le seguenti fasi: (1) Una valutazione obiettiva delle competenze attuali utilizzando procedure di test convalidate e l’uso di molteplici fonti di informazioni, come nel caso del feedback a 360 gradi. (2) Sfida critica del coachee in termini di come le sue abilità attuali si discostano dalle competenze necessarie per i suoi obiettivi personali e professionali e per l’implementazione degli obiettivi strategici dell’azienda. (3) Sviluppo congiunto di misure per lo sviluppo di competenze rilevanti per il futuro, con particolare attenzione all’apprendimento dell’azione (apprendimento orientato all’azione), poiché circa il 70% dell’apprendimento (delle competenze) avviene attraverso la pratica (nuovi compiti e aree di responsabilità , progetti, ecc.), al 20 per cento attraverso modelli di ruolo (supervisori, amici, colleghi, ecc.) e solo al 10 per cento attraverso seminari, riviste, libri, ecc. [33] Infine (4) è importante valutare i risultati (successo) di una misura di coaching al fine di ricavare opportunità di miglioramento. Questa misurazione dei risultati include, da un lato, le prestazioni (ad es. produttività e redditività) e il cambiamento comportamentale delle competenze, che sono state rese operative attraverso descrizioni comportamentali concrete e quindi rese misurabili. La revisione del successo dovrebbe avvenire dopo uno o due anni. Il grafico sottostante ha lo scopo di sintetizzare questi aspetti.

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi –

Il coaching sulle prestazioni viene utilizzato quando un dipendente non si comporta a un livello accettabile (per ragioni spesso sconosciute). Si tratta di un processo che inizia con l’analisi delle prestazioni individuali e mira a trovare modi e mezzi di miglioramento. In pratica, ciò avviene spesso in una discussione tra il supervisore, la persona interessata e un esperto (interno) dello sviluppo delle risorse umane. Una soluzione è il confronto dei profili di personalità e competenza con le corrispondenti misure individuali di formazione e sviluppo. [34]

Spesso viene richiesto che i dirigenti pratichino uno stile di leadership come coach. Tuttavia, questa è solo una nuova parola (parola d’ordine) per il concetto tradizionale di relazione o leadership orientata alle persone. Secondo questo concetto, il supervisore mostra un comportamento meno direttivo e più di supporto. Consiglia i suoi dipendenti su problemi, crisi o sfide speciali. Allo stesso tempo, promuove competenze specifiche in modo mirato. Per quanto riguarda l’efficacia dello stile di gestione personale, non ci sono prove convincenti che porti a risultati migliori (ad es. maggiore produttività). [35]

Nell’executive coaching, il coach funge da consulente personale del manager. Di norma, le posizioni dirigenziali sono associate a numerose tensioni e conflitti. Inoltre, i manager spesso non hanno l’opportunità di parlare con persone di cui si fidano sia dei loro problemi di leadership che delle loro sfide aziendali. Un coach adeguatamente qualificato può aiutare a risolvere i problemi, aprire nuove prospettive e sviluppare nuove competenze. [35]

C’è anche un altro aspetto: più un manager sale nella gerarchia, meno feedback onesto riceve, anche se il feedback è particolarmente importante nelle posizioni di vertice. [36] Gary Yukl commenta: “Avere un coach offre l’insolita opportunità di discutere questioni e provare idee con qualcuno che può capirle e fornire feedback e suggerimenti utili e obiettivi, pur mantenendo la massima riservatezza”. [37] Un cosiddetto rapporto di consulenza è molto utile tra manager e coach, che di solito richiede una discussione strutturata (vedi la sezione sulle discussioni di coaching). [38]

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi –

Il coaching per lo sviluppo delle competenze , in particolare delle capacità di leadership, persegue l’obiettivo primario di aumentare l’efficacia della leadership (cultura della leadership) e quindi aumentare le prestazioni e la motivazione dei dipendenti. [39] Un esempio per misurare il successo delle misure di coaching è il calcolo del ritorno sull’investimento ( ROI ) di Dianna e Merryl Anderson. Gli autori hanno effettuato un calcolo costi-benefici e determinato un ROI del 51 percento (senza tener conto dei vantaggi intangibili come una maggiore soddisfazione del cliente, un tasso di errore inferiore, ecc.). [40]

Non è la forma di apprendimento (coaching, formazione, consulenza, terapia, ecc.) che è decisiva per l’efficacia dello sviluppo delle competenze (successo dell’apprendimento), ma la validità e l’ affidabilità dei concetti e dei metodi utilizzati. [41] Se, ad esempio, si utilizzano come base modelli di competenze o di leadership non validi, l’efficacia del coaching è discutibile perché non è possibile derivare raccomandazioni rilevanti per la pratica da strumenti e modelli diagnostici non validi o inaffidabili. [42] Un esempio di concetto convalidato è il modello di leadership trasformazionale , che ha dimostrato in numerosi studi empirici che le raccomandazioni che ne derivano possono effettivamente aumentare il successo dell’azienda e la motivazione intrinseca dei dipendenti. [43] Un esempio per aumentare l’efficacia di una misura di coaching o formazione è il feedback a 360° , che può essere effettuato prima e dopo una misura di coaching per valutarne l’efficacia. [44]

In genere ci si aspetta che un allenatore nella gestione sia preso sul serio come interlocutore di discussione “su un piano di parità”. Ciò richiede che abbia una solida esperienza pratica con competenze gestionali sia “soft” che “hard” e sia in grado di utilizzare validi strumenti diagnostici e di sviluppo. Un coach non è un insegnante, un consulente, un predicatore, un risolutore di problemi, un consolatore o un confessore, ma un partner nel superare sfide e problemi aziendali. Non è ancora la forma di apprendimento (coaching, formazione, ecc.) a essere decisiva, ma il contenuto. [45]

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – Coaching negli sport agonistici

Negli sport agonistici, un alto livello di prestazioni dovrebbe essere raggiunto in competizione. A tale scopo è prevista una sessione di formazione , monitorata da un formatore . [46] Questo allenatore è spesso indicato (come in inglese americano) come allenatore . Inoltre, vengono offerti vari metodi di coaching per il supporto psicologico degli atleti ad alte prestazioni. [47] In uno studio qualitativo sulla pallamano, è emerso che gli allenatori

  • dare istruzioni specifiche
  • motivare i giocatori,
  • controllare le emozioni,
  • Richiedi la comunicazione del giocatore. [48]

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – Pratica filosofica (coaching filosofico)

Le pratiche filosofiche sono una forma di life coaching che è stata osservata in Germania dagli anni ’80 . Il processo di differenziazione e di ricerca di un’autocomprensione comune non è ancora completo, il che rende difficile e provvisoria una definizione. Classica è la definizione di Odo Marquard nel Dizionario storico della filosofia : “ Gerd B. Achenbach ha coniato il termine PP nel 1981…: con PP intende la consulenza filosofica operata professionalmente che si svolge nella pratica di un filosofo. … Non prescrive alcun filosofema, non amministra alcuna intuizione filosofica, ma mette in moto il pensiero: filosofeggia.” [49]

Il discorso dell’allenatore

Le conversazioni di coaching possono essere molto diverse. Tuttavia, alcune caratteristiche e obiettivi comuni possono essere identificati sia nella psicoterapia che nella gestione. La preoccupazione principale è consentire al “cliente” di organizzarsi (principio di autoregolamentazione ) attraverso feedback, formazione e consulenza. Ciò include le fasi di definizione degli obiettivi autonomi, pianificazione e organizzazione indipendenti fino all’autocontrollo (controllo dei risultati e dei progressi) per quanto riguarda l’attuazione degli obiettivi prefissati ( competenza di attuazione ). Il grafico a destra mostra un esempio riassuntivo di come può procedere una tale conversazione di coaching. Si basa sul concetto di autoregolazione , che Frederick Kanfer, tra gli altri, ha sviluppato nella terapia di autogestione . [50]

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – letteratura

Letteratura scientifica in lingua tedesca

  • Bernhard Grimmer, Marius Neukorn: Coaching e psicoterapia. Somiglianze e differenze: demarcazione o integrazione. Casa editrice per le scienze sociali, Wiesbaden 2009, ISBN 978-3-531-16603-2
  • FH Kanfer, H. Reinecker, D. Schmelzer: Terapia di autogestione: un libro di testo per la pratica clinica. 4a edizione. Springer Heidelberg 2005, ISBN 3-540-25276-2 .
  • Eric D. Lippmann : Coaching – Psicologia applicata per la pratica del counseling. 2a edizione. Springer, Heidelberg 2009, ISBN 978-3-540-88951-9 .
  • Harlich H. Stavemann: conversazione socratica in terapia e consulenza. Beltz, PVU, Weinheim/ Basilea 2007, ISBN 978-3-621-27598-9 .

Letteratura scientifica in lingua inglese

  • Dianna e Merryl Anderson: Coaching che conta: sfruttare il potere del coaching di leadership per fornire valore strategico (miglioramento delle prestazioni umane). Elsevier, Burlington 2005.
  • James Bartlett Progressi nelle pratiche di coaching: un approccio umanistico ai ruoli di coach e cliente. In: Journal of Business Research. 60, 2007. doi:10.1016/j.jbusres.2006.09.011
  • Vicki Batson ua: Implementazione della leadership trasformazionale e supporto del manager infermieristico attraverso il coaching. In: Cliniche infermieristiche perioperatorie. 4, 2009.doi :10.1016/j.cpen.2008.10.004
  • Diane Coutu, Carol Kauffman: cosa possono fare gli allenatori per te? In: Harvard Business Review . Gennaio 2009.
  • Elaine Cox, Tatiana Bachkirova, David A. Clutterbuck: Il manuale completo del coaching . Routledge Chapman & Hall, 2007.
  • Katherine Ely: Valutazione del coaching della leadership: una revisione e un quadro integrato. In: Il quadrimestrale della leadership. 21, 2010. doi:10.1016/j.leaqua.2010.06.003
  • Douglas Hall ua: Cosa succede realmente nell’Executive Coaching. In: Dinamiche organizzative. 27, Numero 3/1999. doi:10.1016/S0090-2616(99)90020-7
  • Stampa della Harvard Business School: colmare le lacune e migliorare le prestazioni: le basi del coaching. Boston (Massachusetts) 2008.
  • Stampa della Harvard Business School: istruire le persone: soluzioni esperte alle sfide quotidiane. Boston 2007, ISBN 978-1-4221-0347-0 .
  • Michelle Krazmien, Florence Berger: Il paradosso del coaching. In: J. Gestione dell’ospitalità. vol. 16, 1997.doi :10.1016/S0278-4319(96)00046-1
  • Jack B. Nitschke, Kristen L. Mackiewicz: Contributi cingolati prefrontali e anteriori alla volizione. In: Rassegna Internazionale di Neurobiologia. Volume 67, 2005. doi:10.1016/S0074-7742(05)67003-1
  • Kelly Sumich: Scienza dello sport per allenare i bambini . Acer Press, 2013, ISBN 978-1-74286-062-6 .
  • Margarite Vale ua: istruire i pazienti con malattia coronarica per raggiungere il colesterolo target. In: Giornale di epidemiologia clinica. 55, 2002, pagine 245–252. doi:10.1016/S0895-4356(01)00460-7
  • Jennifer Wenson: Capacità di leadership post-coaching e loro impatto sui rapporti diretti: raccomandazioni per le organizzazioni. In: Sviluppo delle Risorse Umane Internazionale. 13, 2010.doi :10.1080/13678868.2010.520485

Letture alternative

link internet

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – voci

  1. istruire In: Dorsch: Enciclopedia della psicologia.
  2. Rauen (a cura di): Manuale di coaching. 3. Edizione. Hogrefe, Gottinga.
  3. D Coutu, C Kauffman, Cosa possono fare gli allenatori per te? In: Harvard Business Review. gennaio 2008; R. Hamlin et al.: L’industria emergente del coaching: un campanello d’allarme per i professionisti delle risorse umane. In: Sviluppo delle Risorse Umane Internazionale. 11, n. 3, 2008; UP Kanning: Quando i manager si arrampicano sugli alberi… Lengerich 2013, p.208.
  4. Christian Reimer, Jochen Eckert, Martin Hautzinger, Eberhard Wilke: 3. Edizione. Heidelberg 2007, pagine 15 e 25 segg.
  5. Christian Reimer e altri: 2007, pagina 25 segg.
  6. ^ Rainer M. Holm-Hadulla: Psicoterapia integrativa. Klett-Cotta, Stoccarda, 2017.
  7. Maja Storch, Frank Krause: Autogestione – orientata alle risorse. 4a edizione. Zurigo 2007.
  8. Rolf Winiarski: Il paziente in cerca di consiglio: consulenza cognitiva negli ambulatori e nelle cliniche. In: Harlich H. Stavemann: pratica KVT. 2°, completamente rivisto ed est. edizione. Basilea 2008, pagina 448.
  9. Claas-Hinrich Lammers, Psicoterapia correlata alle emozioni, Amburgo 2008, pagina 123 e segg.
  10. Luc Isebaert: Stoccarda 2005, pagina 32 segg.
  11. David G. Myers : 9a edizione. New York 2010, pagina 651.
  12. https://www.researchgate.net/publication/226556304_Coaching .
  13. Luc Isebaert: Stoccarda 2005.
  14. Claas-Hinrich Lammers: Psicoterapia correlata alle emozioni. Stoccarda 2008.
  15. Künzli: Ricerca sull’efficacia nell’executive coaching. In: OSC Consulenza Organizzativa – Supervisione – Coaching. 3/2005, pp. 231-244.
  16. Künzli: Ricerca sull’impatto per l’executive coaching. In: consulenza organizzativa, supervisione, coaching. 16(1), 2009.
  17. Greif: I risultati della ricerca più difficile sul successo del coaching. In: Rivista di coaching. 3/2008.
  18. Pelz: Coaching sistemico e consulenza sistemica: un’analisi critica. THM Business School, Gießen 2016, pagina 3 (online)
  19. Klaus Werle: L’ora dei ciarlatani. In: Manager Magazine. Numero 3/2007.
  20. Stratford Sherman, Alyssa Freas: Il selvaggio West dell’Executive Coaching. In: Harvard Business Review. novembre 2004.
  21. Analisi del mercato del coaching: grande potenziale di sviluppo. In: LA PSICOLOGIA ECONOMICA OGGI. 19 ottobre 2020, recuperato il 3 dicembre 2020 (tedesco).
  22. Associazione Tedesca di Allenatori e. V. (DCV) – Qualità nel coaching. Estratto il 29 ottobre 2019 (tedesco).
  23. Tedesco Bundesverband Coaching e. V. Estratto il 10 luglio 2018
  24. Gesellschaft für Coaching e. V. Abgerufen il 10 luglio 2018.
  25. Margarite Vale ua: istruire i pazienti con malattia coronarica per raggiungere il colesterolo target. In: Giornale di epidemiologia clinica. 55, 2002, pagine 245–252.
  26. Margarite Vale ua: istruire i pazienti con malattia coronarica per raggiungere il colesterolo target. In: Giornale di epidemiologia clinica. 55, 2002, S. 254.
  27. Margarite Vale ua: istruire i pazienti con malattia coronarica per raggiungere il colesterolo target. In: Giornale di epidemiologia clinica. 55, 2002, S. 246.
  28. Margarite Vale ua: istruire i pazienti con malattia coronarica per raggiungere il colesterolo target. In: Giornale di epidemiologia clinica. 55, 2002, S. 247.
  29. vedi ad esempio J.-P. Broonen et al.: La volontà è l’anello mancante nella gestione della lombalgia? In: Joint bone spine revue du rhumatisme. 78, 2011, o Jack B Nitschke, Kristen L Mackiewicz: Contributi del cingolo prefrontale e anteriore alla volizione. In: Rassegna Internazionale di Neurobiologia. Volume 67, 2005.
  30. Waldemar Pelz: Il feedback a 360 gradi per l’identificazione e lo sviluppo di alti potenziali. In: Joachim Sauer, Alexander Cisik: In Germania guidano le persone sbagliate. come le aziende devono cambiare. Helios Media, Berlino 2014, ISBN 978-3-942263-26-9 .
  31. Katherine Ely, Lisa Boyce ua: Valutazione del coaching della leadership: una revisione e un quadro integrato. In: Il quadrimestrale della leadership. 21, 2010, pagine 585–599.
  32. Gro Ladegard, Susann Gjerde: Leadership coaching, efficacia del ruolo del leader e fiducia nei subordinati. Uno studio di metodi misti che valuta il coaching della leadership come strumento di sviluppo della leadership. In: Il quadrimestrale della leadership. 25, 2014, pagine 631–646.
  33. Michael M. Lombardo, Robert W. Eichinger: Pianificatore dello sviluppo dell’architetto di carriera. Auflage. Lominger Internazionale, 2004.
  34. Pierce Howard, Jane Howard: Leader con i Big Five. Francoforte/New York 2002.
  35. Salta a: aBHorst Steinmann , Georg Schreyögg : 6a edizione. Wiesbaden 2005, pagina 658.
  36. Paul Michelman: Hai bisogno di un Executive Coach? In: Aggiornamento sulla gestione di Harvard. dicembre 2004.
  37. Gary Yukl, Leadership nelle organizzazioni. 8a edizione. Upper Saddle River/New Jersey 2013, pagina 378.
  38. Per le diverse relazioni e tecniche di conversazione, vedi: Luc Isebaert: Stoccarda 2005 e Christian Reimer, Jochen Eckert, Martin Hautzinger, Eberhard Wilke: Psicoterapia. 3. Edizione. Heidelberg 2007.
  39. Stampa della Harvard Business School, colmare le lacune e migliorare le prestazioni: le basi del coaching. Boston (Massachusetts), pagina 5.
  40. Dianna e Merryl Anderson: Coaching che conta: sfruttare il potere del coaching di leadership per fornire valore strategico (miglioramento delle prestazioni umane). Elsevier, Burlington 2005, p.227.
  41. David G. Myers : Nuova York 2010.
  42. -J. Fisseni: Lehrbuch der psychologischen Diagnostik. 3. Auflage. Gottinga 2004, S. 46 ss.
  43. Siehe ua John Barbuto: Motivazione e leadership transazionale, carismatica e trasformazionale: una prova degli antecedenti. In: Journal of Leadership e studi organizzativi. 11, No. 5, 2005 und Vicki Batson ua: Implementing Transformational Leadership and Nurse Manager Support Through Copaching. In: Cliniche infermieristiche perioperatorie. 4 2009.
  44. ^ James Bartlett, Progressi nelle pratiche di coaching: un approccio umanistico al divano e ai ruoli del cliente. In: Journal of Business Research. 60, 2007 e Waldemar Pelz: Il feedback a 360 gradi: popolare, efficace e oggettivo – cosa è utile per valutare la competenza e dove si nascondono le trappole. In: HR Today Special. 4/2011.
  45. Katherine Ely: Valutazione del coaching alla leadership: una revisione e un quadro integrato. In: Il quadrimestrale della leadership. 21, 2010.
  46. Arnd Krüger : Il profilo professionale dell’allenatore nello sport. Studio comparativo internazionale e prospettive della formazione dei formatori nella Repubblica federale di Germania. (= Serie di pubblicazioni dell’Istituto Federale per la Scienza dello Sport. Volume 30). Hofmann, Schorndorf 1980, ISBN 3-7780-7311-7 .
  47. Petra Müssig: Il successo è una questione di mente: padroneggiare le sfide sportive. Stoccarda 2010.
  48. Alexander Bechthold: Il coaching dal punto di vista di un formatore. In: sport agonistici. 44, 2014, 2, 22-26.
  49. Marquard: Pratica, filosofica.
  50. ^ FH Kanfer, H. Reinecker, D. Schmelzer: Terapia di autogestione: un libro di testo per la pratica clinica. 4a edizione. Heidelberg 2006; K Vohs, R Baumeister: Manuale di autoregolamentazione. 2a edizione. Nuova York 2011; W. Pelz: Condurre con competenza. Wiesbaden 2004, pagina 254 ss (intervista di valutazione)
  51. Katherine Ely et al.: Valutazione del coaching della leadership: una revisione e un quadro integrato. In: Il quadrimestrale della leadership. Volume 21, Numero 4, 2010.
  52. Douglas Hall ua: Cosa succede realmente nell’Executive Coaching. In: Dinamiche organizzative. 27, Numero 3/1999 e Lauren Keller Johnson: Ottenere di più dall’Executive Coaching. In: Aggiornamento sulla gestione di Harvard. 2007.
  53. David Myers: Nuova York 2010.
  54. Richard Kravitz ua: Empowerment della salute del cancro per vivere senza dolore: effetti di un intervento di istruzione e coaching su misura sul dolore e sull’impariment. In: 152, 2011.
  55. Siehe dazu: J. Gottlieb ua: Generalizzazione delle competenze attraverso l’aggiunta di coaching individualizzato. In: Pratica cognitiva e comportamentale. Volume 12, Numero 3, 2005; sowie JM Kuijpers ua: Un modello di sviluppo professionale integrato per un insegnamento efficace. In: Insegnamento e formazione degli insegnanti. Volume 26, 2010.
  56. Joyce Bono ua: Un’indagine sulle pratiche di Executive Coaching. In: Psicologia personale. 62, 2009.
  57. Joyce Bono et al.: Un’indagine sulle pratiche di Executive Coaching. In: Psicologia personale. 62, 2009. così come Lauren Keller Johnson: Ottenere di più dall’Executive Coaching. In: Aggiornamento sulla gestione di Harvard. 2007
  58. Tali affermazioni possono essere trovate, ad esempio, nella rivista di coaching. 1/2011.
  59. Joyce Bono et al.: Un’indagine sulle pratiche di Executive Coaching. In: Psicologia personale. 62, 2009.
  60. Diane Coutu, Carol Kauffman: Cosa possono fare gli allenatori per te? In: Harvard Business Review. Gennaio 2009.
  61. Coutu 2009, pagina 92.
  62. David Peterson: Il tuo allenatore ti dà valore per i tuoi soldi? e Michael Maccoby: I pericoli della dipendenza dagli allenatori. In: Coutu 2009, p. 94.
  63. Hochspringen nach: ab Anne Scoular: come scegliere un allenatore? In: Coutu 2009, p. 96.

 

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – concetti e metodi – Categorie 

Chi è il migliore Coach in Emilia Romagna – semantica

  • chi è il migliore coach e counselor in Emilia-Romagna
  • chi è il migliore coach in Emilia-Romagna
  • chi è il migliore counselor in Emilia-Romagna
  • chi è il migliore formatore in Emilia-Romagna
  • chi è il migliore coach a Ferrara
  • chi è il migliore coach a Bologna
  • chi è il migliore coach a Forlì-Cesena
  • chi è il migliore coach a Modena
  • chi è il migliore coach a Parma
  • chi è il migliore coach a Piacenza
  • chi è il migliore coach a Ravenna
  • chi è il migliore coach a Reggio Emilia
  • migliore coach e counselor in Emilia-Romagna
  • migliore coach in Emilia-Romagna
  • migliore counselor in Emilia-Romagna
  • migliore coach a Ferrara
  • migliore coach a Bologna
  • migliore coach a Forlì-Cesena
  • migliore coach a Modena
  • migliore coach a Parma
  • migliore coach a Piacenza
  • migliore coach a Ravenna
  • migliore coach a Reggio Emilia
  • migliore counselor a Ferrara
  • migliore counselor a Bologna
  • migliore counselor a Forlì-Cesena
  • migliore counselor a Modena
  • migliore counselor a Parma
  • migliore counselor a Piacenza
  • migliore counselor a Ravenna
  • migliore counselor a Reggio Emilia
  • business coaching Emilia-Romagna
  • life coaching Emilia-Romagna
  • coaching sportivo Emilia-Romagna
  • business coaching a Ferrara
  • business coaching a Bologna
  • business coaching a Forlì-Cesena
  • business coaching a Modena
  • business coaching a Parma
  • business coaching a Piacenza
  • business coaching a Ravenna
  • business coaching a Reggio Emilia
  • migliore consulente aziendale in Emilia-Romagna
  • migliore consulente aziendale a Ferrara
  • migliore consulente aziendale a Bologna
  • migliore consulente aziendale a Forlì-Cesena
  • migliore consulente aziendale a Modena
  • migliore consulente aziendale a Parma
  • migliore consulente aziendale a Piacenza
  • migliore consulente aziendale a Ravenna
  • migliore consulente aziendale a Reggio Emilia

Semantica relativa a migliore scuola di coaching in Emilia Romagna e migliore corso di coaching in Emilia Romagna

  • migliore scuola di coaching In Emilia Romagna
  • migliori scuole di coaching in Emilia Romagna
  • qual è la migliore scuola di coaching in Emilia Romagna
  • quali sono le migliori scuole di coaching in Emilia Romagna
  • migliore corso di coaching in Emilia Romagna
  • migliori corsi di coaching in Emilia Romagna
  • qual è il migliore corso di coaching in Emilia Romagna
  • quali sono i migliori corsi di coaching in Emilia Romagna
  • scuola di coaching online in Emilia Romagna
  • migliore corso di coaching on line In Emilia Romagna
  • migliore corso di coaching online a Rimini
  • migliore corso di coaching on line a Forlì Cesena
  • migliore corso di coaching online a Ravenna
  • migliore corso di coaching online a Ferrara
  • migliori corso di coaching on line A Bologna
  • migliore corso di coaching online a Modena
  • migliore corso di coaching online a Reggio Emilia
  • migliore corso di coaching online a Parma
  • migliore corso di coaching online a Piacenza
  • migliore corso di coaching  a Rimini
  • migliore corso di coaching on line a Forlì Cesena
  • migliore corso di coaching  a Ravenna
  • migliore corso di coaching  a Ferrara
  • migliori corso di coaching on line A Bologna
  • migliore corso di coaching  a Modena
  • migliore corso di coaching  a Reggio Emilia
  • migliore corso di coaching  a Parma
  • migliore corso di coaching  a Piacenza

Il Migliore Mental Coach Sportivo in Italia secondo Google Scholar per numero di citazioni referenziate è il Dott. Daniele Trevisani, autore di 28 libri sul tema del potenziale umano e della preparazione mentale, della motivazione e delle performance. Ha seguito inoltre la preparazione mentale come Mental Coach delle Forze Speciali dell’Esercito Italiano per le missioni ONU.

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Approfondimenti sul Mental Coaching

Psicologia del Coaching

La psicologia del coaching è un campo della psicologia applicata che applica teorie e concetti psicologici alla pratica del coaching . Il suo scopo è aumentare le prestazioni, l’ autorealizzazione , i risultati e il benessere di individui, team e organizzazioni utilizzando metodi basati sull’evidenza fondati sulla ricerca scientifica. [1] La psicologia del coaching è influenzata da teorie in vari campi psicologici, come la psicologia umanistica , la psicologia positiva , la teoria dell’apprendimento e la psicologia sociale .

La psicologia del coaching è iniziata formalmente come sotto-disciplina psicologica nel 2000, quando il primo corso di “psicologia del coaching” è stato offerto all’Università di Sydney . Da allora, sono state formate società scientifiche dedicate alla psicologia del coaching e riviste sottoposte a revisione paritaria pubblicano ricerche sulla psicologia del coaching. Le applicazioni della psicologia del coaching spaziano dal coaching atletico ed educativo alla leadership e al coaching aziendale.

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Storia

Storia antica

Le prime applicazioni della teoria e della pratica psicologica all’allenamento (in particolare, l’allenamento atletico) risalgono agli anni ’20. [2] Nel 1926, Coleman Griffith pubblicò The Psychology of Coaching: A Study of Coaching Methods in the Point of View of Psychology. [2] Sulla base delle osservazioni delle squadre di calcio e basket, Griffith ha discusso un’ampia varietà di aspetti dell’allenamento come gli effetti dello spettatore, i problemi di over-coaching, i principi dell’apprendimento. [3] Griffith è stato notato come ” il primo psicologo dello sport d’America ” e un pioniere nell’applicare la scienza della psicologia al coaching. [4] Anni dopo, iniziarono ad emergere altri testi sulla psicologia del coaching. Nel 1951, John Lawther della Penn State University pubblicò Psychology of Coaching . [5] Il primo libro in WorldCat con il termine “psicologia del coaching” nel titolo è Modern Coaching Psychology di Curtiss Gaylord, pubblicato nel 1967. [6] [7]

21 ° secolo

Nonostante questi primi sviluppi, la psicologia del coaching contemporaneo è stata istituita formalmente solo all’inizio del 21° secolo. [4] Nel gennaio 2000, Anthony Grant ha implementato la prima unità di studio di “psicologia del coaching” presso l’ Università di Sydney e la sua tesi di dottorato ha posto le basi per ulteriori ricerche per stabilire il campo della psicologia del coaching come disciplina basata sull’evidenza. [8] [9] Molti psicologi del coaching considerano Grant un pioniere nel campo. [4] [10]

Un ulteriore sviluppo è iniziato nel 2006 quando l’ Australian Psychological Society (APS) ha tenuto una conferenza che ha fondato l’Interest Group in Coaching Psychology ( IGCP ). Fuori dall’Australia, Stephen Palmer della British Psychological Society (BPS) ha formato lo Special Group in Coaching Psychology (SGCP). [4] Sia l’ IGCP che l’SGCP miravano a sviluppare ulteriormente la professione della psicologia del coaching in termini di teoria e applicazione, fornendo una piattaforma per la condivisione di ricerche ed esperienze rilevanti tra gli psicologi del coaching. [4] [1] [11] Dall’istituzione di IGCP e SGCP, in Europa, Medio Oriente e Sud Africa sono state istituite più società internazionali dedicate alla psicologia del coaching. [4] Il 18 dicembre 2006 è stata fondata la International Society for Coaching Psychology ( ISCP ) per promuovere lo sviluppo internazionale del settore. [4] [12]

Attualmente, ci sono un certo numero di riviste peer-reviewed dedicate alla letteratura e alla ricerca sulla psicologia del coaching. Ad esempio, The Coaching Psychologist (dal 2005) è fornito dal SGCP. [13] L’ IGCP e l’IGCP pubblicano congiuntamente l’ International Coaching Psychology Review (dal 2006). [14] Coaching Psychology International (dal 2009) è pubblicato dalla International Society of Coaching Psychology. [15]

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Influenze teoriche

Psicologia umanistica

Vedi anche: Psicologia umanistica e Terapia centrata sulla persona

L’ approccio umanistico alla psicologia è considerato un grande contributo al coaching psicologico. [3] Sia la psicologia umanistica che quella del coaching condividono la visione comune dell’essere umano come auto- realizzante . Cioè, ogni volta che ne viene data l’opportunità, gli umani coglieranno la capacità di migliorare se stessi. [16] La psicologia del coaching considera questo sviluppo come un processo consistente in concreti cambiamenti positivi nella propria vita. Inoltre, questo processo di crescita è intrapreso sia dal cliente che dal coach che facilita l’ autorealizzazione nei propri clienti. [1] [17]

Nella terapia centrata sulla persona di Carl Rogers , la relazione cliente-terapeuta è un elemento chiave per facilitare la crescita. [17] Pertanto, la relazione tra il coach (il facilitatore) e il cliente (il discente) è cruciale. [18] In particolare, Rogers ha identificato tre qualità chiave in una buona relazione coach-cliente: “realtà” (genuinità), fiducia e comprensione empatica . [17] [18] Inoltre, viene fatta un’importante distinzione tra lavorare sul cliente e lavorare con il cliente. Un coach deve essere disposto a collaborare e impegnarsi attivamente con il cliente per comprendere le sue esperienze e fare scelte che promuovano la crescita . [17] Una volta raggiunto questo obiettivo, la relazione coach-cliente diventa una partnership attiva . [19]

Inoltre, secondo Rogers, la crescita di un cliente si ottiene attraverso una considerazione positiva incondizionata . [20] I coach devono entrare in empatia con i loro clienti per comprendere le loro esperienze e punti di vista. [1] Per raggiungere questo obiettivo, il coach deve essere in grado di comprendere i propri clienti non solo a livello intellettuale, ma anche a livello emotivo. [17] Insieme all’empatia, i coach devono essere in grado di accettare i loro clienti per quello che sono veramente poiché gli individui hanno bisogno di sentirsi apprezzati per il loro ” vero sé ” per realizzarsi . [1]

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Psicologia positiva

Vedi anche: Psicologia positiva

La psicologia positiva (sviluppata da Martin Seligman e altri) si sofferma sugli aspetti positivi delle caratteristiche umane come la forza e la competenza. [17] [21] [22] Fondamentalmente, la psicologia del coaching condivide questo obiettivo; un coaching efficace comporta il miglioramento delle prestazioni e del benessere del cliente. [23] La psicologia positiva fornisce quindi una base per il coaching. [21] La psicologia del coaching è stata considerata un tipo di psicologia positiva applicata. [23]

Le emozioni positive motivano le persone a migliorare le proprie capacità e competenze. [24] La teoria dell’ampliamento e della costruzione di Barbara Fredrickson postula che le emozioni positive possono svolgere un ruolo nello stimolare non solo la motivazione , ma anche azioni produttive e benefiche. [25] Nel coaching, si enfatizza l’incoraggiamento delle emozioni positive al fine di ispirare i clienti a intraprendere azioni concrete verso i loro obiettivi. [17]

A parte le emozioni, anche il pieno impegno nell’attività è un fattore per massimizzare le proprie prestazioni. [26] Mihaly Csikszentmihalyi ha descritto questo livello di massimo coinvolgimento in un compito come flusso . In altre parole, gli individui che sperimentano il flusso sono “nella zona”. [17] Gli allenatori svolgono un ruolo nella creazione di un ambiente che induce il flusso. Questo può essere raggiunto attraverso la definizione di obiettivi chiari e coerenti. [26] Fornire un feedback chiaro e immediato mantiene anche il cliente informato sul fatto che le sue azioni stiano aiutando a raggiungere i suoi obiettivi. [17] I coach aiutano anche a trovare un equilibrio tra sfida e abilità poiché compiti troppo facili o troppo difficili per il cliente possono ostacolare il raggiungimento dell’obiettivo. [17] [26]

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Teorie dell’apprendimento

Vedi anche: comportamentismo e teoria dell’apprendimento sociale

Il condizionamento operante (come descritto da BF Skinner ) vede l’apprendimento come un processo che coinvolge rinforzo e punizione . [27] Gli allenatori sono incoraggiati a rafforzare sempre comportamenti sani e produttivi attraverso il rinforzo verbale, come parole e immagini motivazionali. [28] Anche il rinforzo intrinseco (cioè il rinforzo dall’interno dell’individuo) può svolgere un ruolo enorme nel migliorare le prestazioni e nell’incoraggiare azioni mirate. [19] Sebbene la punizione possa indirizzare i clienti verso i comportamenti desiderati , le prestazioni possono essere ostacolate da effetti collaterali ingiustificati, come ansia e risentimento nei confronti dell’allenatore. [19] [27]

La teoria dell’apprendimento esperienziale di David A. Kolb postula che gli individui apprendano attraverso le loro esperienze. [29] L’apprendimento esperienziale è facilitato dall’autoriflessione, dall’autovalutazione e dall’azione. [21] I coach possono incoraggiare l’autoriflessione critica delle esperienze attraverso “registri di coaching” in cui i coachee analizzare i loro pensieri ed emozioni in vari incidenti e circostanze. [21] Questo aiuta i clienti a esaminare e sfidare le proprie convinzioni, atteggiamenti e comportamenti . [21] L’intuizione acquisita da questo aiuta nell’apprendimento trasformativo in cui i tirocinanti sviluppano un piano d’azione per un ulteriore miglioramento personale e un aumento delle prestazioni basato sulle proprie esperienze. [17] [29] [30]

Lev Vygotsky ha descritto la zona di sviluppo prossimale ( ZPD ) come uno spazio tra ciò che una persona sa (un’azione che può essere eseguita facilmente) e ciò che una persona non sa (ciò che è considerato difficile). [31] Vygotsky ha teorizzato che l’apprendimento è più efficace all’interno di questa zona. [32] I coach facilitano un apprendimento efficace fornendo ai coachee attività all’interno della ZPD , che non sono né troppo facili né troppo impegnative (questo è un processo chiamato scaffolding ). [31] [32]

La teoria dell’apprendimento sociale ha influenzato anche la psicologia del coaching. Secondo Albert Bandura , l’apprendimento osservativo si verifica quando gli individui imparano dalle persone che li circondano (chiamati modelli ). [33] I coach dovrebbero essere consapevoli dei modelli dei loro coachee in quanto ciò può modellare i loro atteggiamenti e comportamenti . [34] Inoltre, gli allenatori dovrebbero valutare i fattori che influenzano l’apprendimento basato sull’osservazione nei loro tirocinanti, come l’attenzione e la frequenza del comportamento osservato . [34]

Altre influenze

Vedi anche: Psicologia della Gestalt , Psicologia sociale , Psicologia culturale e Psicopatologia

La teoria della Gestalt spiega che le persone percepiscono gli eventi intorno a noi in un modo conforme alle loro idee, credenze ed esperienze personali. [3] I coachee devono essere guidati nella consapevolezza dei propri atteggiamenti ed esperienze, che modellano la loro percezione del mondo. [3] Concetti in psicologia sociale come l’influenza interpersonale e la conformità sottolineare il ruolo importante che le interazioni sociali svolgono nel plasmare il pensiero, le prestazioni e il comportamento nei coachee . [19] La psicologia culturale assiste gli allenatori nel facilitare la crescita e l’apprendimento nei clienti provenienti da diversi background culturali. [35] Lo studio della psicopatologia può anche essere importante nello sviluppo di metodi adeguati di coaching per individui mentalmente malsani. [19]

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Modelli

La psicologia del coaching ha un gran numero di modelli e quadri derivati da teorie e prove psicologiche. [1] Questi modelli sono utilizzati per guidare la pratica della psicologia del coaching e per garantire che il coaching sia informato da concetti scientificamente provati. [21]

GROW

Articolo principale: modello GROW

Il modello GROW è considerato uno dei modelli di coaching comportamentale più popolari . [3] Le sue quattro fasi delineano il processo di risoluzione dei problemi, definizione degli obiettivi e miglioramento delle prestazioni. [3] [1] Il nome di ogni fase varia leggermente a seconda della fonte.

PRATICA

Stephen Palmer ha sviluppato il modello PRACTICE come guida alla risoluzione dei problemi e alla ricerca di soluzioni. [1] I problemi sono identificati durante la prima fase è l’identificazione del problema . [36] Successivamente, vengono sviluppati obiettivi realistici per quanto riguarda i problemi. [1] [36] In seguito, si fa un brainstorming sulle soluzioni alternative che funzionano per gli obiettivi. [1] [36] I possibili esiti delle soluzioni vengono poi valutati criticamente durante la C onsiderazione delle conseguenze. [1] [36] In seguito, le opzioni migliori vengono scelte durante l’ individuazione delle soluzioni più fattibili. [1] [36] Poi arriva l’ implementazione delle soluzioni Scelte . [1] [36] Il passaggio finale è la valutazione E in cui coach e coachee discutono dell’efficacia della soluzione e di eventuali lezioni apprese dall’esperienza. [1] [36]

SPAZIO

Secondo il modello SPACE, le azioni sono influenzate da emozioni, reazioni fisiologiche, cognizioni e contesti sociali.

Il modello SPACE è un quadro bio-psico-sociale basato sulla psicologia cognitivo- comportamentale . [37] [38] Il suo scopo è guidare il coach nella valutazione e nella comprensione del comportamento dei propri clienti durante situazioni specifiche. [37] SPACE è un acronimo che sta per S ocial context, P hysiology, A ction, Cognition e E motion. [38] Può essere ulteriormente suddiviso in quadri più piccoli: ACE e PACE. Il quadro ACE esamina le relazioni tra l’azione, le emozioni e le cognizioni dell’individuo. [38] Il quadro PACE prende quindi il modello ACE e considera la risposta fisiologica o biologica che accompagna le cognizioni, le emozioni e il comportamento . [38] Infine, il modello SPACE principale tiene conto del contesto sociale in cui si verifica il comportamento . [37] [38]

Altri modelli

Sono stati sviluppati altri approcci come il modello cognitivo ABCDE per la risoluzione dei problemi. [38] I modelli OSKAR, ACHIEVE e POSITIVE derivano dal modello GROW che si concentra sulla definizione degli obiettivi, sulla ricerca di soluzioni e sul nutrimento della relazione di coaching. [36] [38] Per il coaching della leadership, LASER (che sta per Learning, Assessing, Story-making, Enabling and Reframing) delinea un processo in cinque fasi per un coaching efficace. [38] Il modello transteorico del cambiamento (sviluppato da James O. Prochaska e altri) e l’indagine di apprezzamento si concentrano sulla comprensione del processo di cambiamento e sull’incoraggiare i clienti ad agire verso un cambiamento positivo. [1] Il Modello HPM (Human Potential Modeling) è un approccio europeo alla psicologia del coaching che comprende invece sei specifiche aree di lavoro: body conditioning, mind e mental training, micro-skills, macro-skills, project management e spiritualità [39]

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Educazione al coaching

Ulteriori informazioni: Coaching § Applicazioni

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Coaching di atleti

Articoli principali: allenatore (sport) , medicina dello sport e psicologia dello sport § Coaching

La psicologia del coaching influenza i metodi di allenamento per lo sviluppo dell’atleta . [18] Mira non solo a migliorare le prestazioni nello sport , ma anche a sviluppare gli atleti in modo olistico . [40] Pertanto, i fattori che influenzano lo sviluppo come la motivazione dell’atleta sono stati studiati attraverso teorie cognitive, sociali ed emotive. [41] Uno studio ha rilevato che il narcisismo dell’atleta influisce sull’efficacia delle aspettative di prestazione stabilite dall’allenatore. [42] Il potenziamento delle abilità fisiche e mentali viene studiato anche con le teorie cognitivo- comportamentali . [41] La ricerca ha dimostrato che un’efficace definizione degli obiettivi migliora le prestazioni nello sport. [43] Inoltre, l’autoefficacia è anche un fattore importante che influenza lo sviluppo dell’atleta. [41] Pertanto, gli allenatori sono incoraggiati ad aumentare l’autoefficacia negli atleti attraverso un feedback positivo ed essendo essi stessi un modello di fiducia in se stessi. [44] Anche le convinzioni degli allenatori sul loro livello di abilità nell’allenamento influenzano lo sviluppo dell’autoefficacia negli atleti. [44]

Nell’istruzione

La psicologia del coaching può essere applicata anche nelle scuole. [37] Esamina i modi più efficaci per educare gli studenti fondati sulla teoria psicologica. [37] Ad esempio, le teorie sulla motivazione si concentrano sugli effetti dell’autoefficacia e della motivazione sul rendimento degli studenti. [37] Migliorare la fiducia e l’autoefficacia degli insegnanti è anche un’area di studio per il coaching degli psicologi. [4] La psicologia del coaching guida anche studenti, insegnanti e personale nella definizione e nel raggiungimento degli obiettivi in modo efficace. [45] Inoltre, i metodi di coaching come il coaching reciproco tra pari (il processo in cui gli insegnanti valutano le reciproche prestazioni) sono incoraggiati perché coltivano il sostegno e la fiducia tra gli educatori. [46] Il peer coaching in classe fornisce anche un ambiente collaborativo per gli studenti, che favorisce l’apprendimento. [46] [47]

Etica professionale e regolamentazione

Vedi anche: Coaching § Etica e standard

Guarda anche

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Riferimenti

  1. ^ Salta a: aB C D e F G H io J K l M N o Allen, Kimberly (2016), Allen, Kimberly (a cura di), Theory, Research, and Practical Guidelines for Family Life Coaching, Springer International Publishing, doi: 1007 / 978-3-319-29331-8_2 , ISBN 9783319293318
  2. ^ Salta a: aB Griffith, Colemann (1926). Psicologia del coaching. New York, NY: Figli di Charles Scribner.
  3. ^ Salta a: aB C D e F Palmero, Stefano; Whybrow, Alison (2007). Manuale di psicologia del coaching: una guida per i professionisti. Sussex orientale: Routledge.
  4. ^ Salta a: aB C D e F G H Adams, Marco (2016-03-17). “Psicologia del coaching: un approccio alla pratica per gli psicologi dell’educazione”. Psicologia dell’educazione in pratica. 32 (3): 231–244. doi : 1080/02667363.2016.1152460 . ISSN 0266-7363 .
  5. ^Lawther, Giovanni (1951). Psicologia del coaching. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.
  6. ^Gaylord, Elisha Curtiss (1967). Psicologia moderna del coaching. Dubuque, Iowa: WC marrone. OCLC 969263 .
  7. ^Ricerca WorldCat , 29 settembre 2019.
  8. ^ Grant, AM, 2001. Verso una psicologia del coaching. Manoscritto inedito, Sydney.
  9. ^Boniwell , I. e Smith, WA, 2018. Coaching di psicologia positiva per una leadership positiva. In Psicologia positiva Coaching in pratica (pp. 159-175). Routledge.
  10. ^“Antonio Grant” . www.icfaustralasia.com. Estratto 2019-05-05.
  11. ^“Gruppo speciale in psicologia del coaching | BPS” . www.bps.org.uk. Estratto 2019-05-05.
  12. ^“Storia – Società internazionale di psicologia del coaching” . Estratto 2019-05-05.
  13. ^“Lo psicologo coach | BPS” . www.bps.org.uk. Estratto 2019-05-05.
  14. ^“Revisione della psicologia del coaching internazionale | BPS” . www.bps.org.uk. Estratto 2019-05-05.
  15. ^“Coaching Psicologia Internazionale” . Centro internazionale ISCP per la ricerca sulla psicologia del coaching. Estratto il 5 maggio 2019.
  16. ^Rogers, Carlo (1951). Terapia centrata sul cliente: pratica attuale, implicazioni e teoria. Londra: Conestabile.
  17. ^ Salta a: aBC D e F G H io J K Stober, Diana; Concessione, Anthony (2006). Manuale di coaching basato sull’evidenza: mettere in pratica le migliori pratiche per i tuoi clienti. Hoboken, New Jersey: John Wiley & Sons, Inc.
  18. ^ Salta a: aBC Nelson, Lee; Cuscino, Christopher J.; Potrac, Paolo; Lo sposo, Ryan (2014-07-04). “Carl Rogers, apprendimento e pratica educativa: considerazioni critiche e applicazioni nell’allenamento sportivo”. Sport, Educazione e Società. 19 (5): 513–531. doi : 1080/13573322.2012.689256 . ISSN 1357-3322 .
  19. ^ Salta a: aBC D e Peltier, Bruce (2010). La psicologia dell’Executive Coaching. New York, NY: Gruppo Routledge Taylor & Francis.
  20. ^Rogers, Carlo (1980). Un modo di essere. Boston, Massachusetts: Houghton Mifflin.
  21. ^ Salta a: aBC D e F Legge, Ho (2013). Psicologia del coaching: una guida per professionisti . John Wiley & Sons, Ltd. ISBN 978-1-119-95467-5 .
  22. ^Concessione, Anthony (2006). “Una prospettiva personale sul coaching professionale e lo sviluppo della psicologia del coaching”(PDF) . Revisione internazionale della psicologia del coaching. 1 : 12–20.
  23. ^ Salta a: aBLinley, P.Alex; Harrington, Susan (luglio 2005). “Psicologia positiva e psicologia del coaching: prospettive sull’integrazione” (PDF) . Lo psicologo coaching: 13-14.
  24. ^Federicoson, Barbara (2001). “Il ruolo delle emozioni positive nella psicologia positiva: la teoria ampliata e costruita delle emozioni positive” . Psicologo americano. 56 (3): 218–226. doi : 1037/0003-066X.56.3.218 . PMC3122271 . PMID 11315248 .
  25. ^Federicoson, Barbara (2004). “La teoria amplia e costruisci delle emozioni positive” . Operazioni filosofiche della Royal Society di Londra. Serie B, Scienze Biologiche. 359 (1449): 1367-1377. doi : 1098/rstb.2004.1512 . PMC1693418 . PMID 15347528 .
  26. ^ Salta a: aBC Wesson, Karen; Boniwell , Ilona (2007). “Teoria del flusso: la sua applicazione alla psicologia del coaching”. Revisione internazionale della psicologia del coaching. 2 (1).
  27. ^ Salta a: aB“BF Skinner | Condizionamento operante | Semplicemente psicologia” . www.simplypsychology.org. Estratto 2019-05-08.
  28. ^Fazel, P. (2013). “Teorie dell’apprendimento all’interno del processo di coaching”. Rivista internazionale di scienze psicologiche e comportamentali. 7 (8).
  29. ^ Salta a: aBTuresky , Elizabeth Fisher; Gallagher, Dennis (2011). “Conosci te stesso: coaching per la leadership utilizzando la teoria dell’apprendimento esperienziale di Kolb”. Lo psicologo coach. 7 (1): 5–14.
  30. ^Papà, James; German, Jeremy (2015). Trasformare gli adulti attraverso il coaching . San Francisco, California: John Wiley & Sons, Incorporated. ISBN9781119215172 .
  31. ^ Salta a: aB“Zona di sviluppo prossimale e ponteggi | Semplicemente psicologia” . www.simplypsychology.org. Estratto 2019-05-09.
  32. ^ Salta a: aBSaggio, Paperino; Jacobo, Ambra (2010). “Verso un quadro per il coaching alla leadership”. Direzione e gestione della scuola. 30 (2): 159–169. doi : 1080/13632431003663206 .
  33. ^“Albert Bandura | Teoria dell’apprendimento sociale | Semplicemente psicologia” . www.simplypsychology.org. Estratto 2019-05-09.
  34. ^ Salta a: aBConnolly, Graeme (2017). “Applicazione della teoria cognitiva sociale nell’allenamento degli atleti: il potere dei modelli di ruolo positivi”. Strategie. 30 (3): 23–29. doi : 1080/08924562.2017.1297750 .
  35. ^Rot, Andrea (2017). “Allenare un cliente con un diverso background culturale – ha importanza?”. Rivista internazionale di coaching e mentoring basati sull’evidenza. 11 : 30–43.
  36. ^ Salta a: aBC D e F G H Palmer, Stefano (2008). “Il modello PRACTICE di coaching: verso un approccio incentrato sulla soluzione”. Coaching Psicologia Internazionale. 1 (1): 4–6.
  37. ^ Salta a: aBC D e F Adams, Marco (2016). Psicologia del coaching nelle scuole. New York, NY: Routledge. ISBN 978-1-315-76263-0 .
  38. ^ Salta a: aBC D e F G H Edgerton, Nick; Palmer, Stefano (2005). “SPACE: un modello psicologico da utilizzare all’interno di coaching cognitivo comportamentale , terapia e gestione dello stress”. Lo psicologo coach. 2 (2): 25–31.
  39. ^ Trevisani, Daniele (2016). Potenziale umano. Milano, Franco Angeli
  40. ^Jones, Robyn L.; Turner, papavero (2006). “Insegnare agli allenatori a allenare in modo olistico: l’apprendimento basato sui problemi ( PBL ) può essere d’aiuto?”. Educazione fisica e pedagogia dello sport. 11 (2): 181–202. doi : 1080/17408980600708429 . ISSN1740-8989 .
  41. ^ Salta a: aBC Tenenbaum, Gherson; Eklund, Robert (2007). Manuale di psicologia dello sport. Hoboken, New Jersey: John Wiley & Sons, Inc. ISBN 978-0-471-73811-4 .
  42. ^Artù, Calum Alexander; Boscaiolo, Tim; Ong, Chin Wei; Hardy, Lew; Ntoumanis, Nikos (2011). “Il ruolo del narcisismo dell’atleta nel moderare la relazione tra i comportamenti trasformativi del leader degli allenatori e la motivazione dell’atleta”(PDF) . Giornale di psicologia dello sport e dell’esercizio . 33 (1): 3–19. doi : 1123/jsep.33.1.3 . PMID 21451168 .
  43. ^Blaine Kyllo, L.; Landers, David M. (1995). “Definizione degli obiettivi nello sport e nell’esercizio fisico: una sintesi di ricerca per risolvere la controversia”. Giornale di psicologia dello sport e dell’esercizio . 17 (2): 117–137. doi : 1123/jsep.17.2.117 .
  44. ^ Salta a: aBFeltz, Debora; Lirgg , Cathy D. (2001). Manuale di psicologia dello sport. New York: John Wiley & Figli. pp. 340–361.
  45. ^van Niewerburgh , Cristiano (2012). Il coaching nell’educazione. New York, NY: Routledge. ISBN9781780490793 .
  46. ^ Salta a: aBProstituta, Tracey (2013). “Peer coaching: una revisione della letteratura” . Waikato Journal of Education. 18 (2): 129–139. doi : 15663/ wje.v 18i2.166 .
  47. ^Docce, Beverly; Joyce, Bruce (1996). “L’evoluzione del Peer Coaching”. Leadership educativa – tramite EBSCOhost.

Link esterni

Società di psicologia del coaching

Periodici di psicologia del coaching 

 

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Training autogeno

Il training autogeno è una tecnica di training mentale pubblicata per la prima volta dallo psichiatra tedesco Johannes Heinrich Schultz nel 1932. La tecnica prevede la ripetizione di una serie di visualizzazioni accompagnate da suggestioni vocali che inducono uno stato di rilassamento e si basa sulla concentrazione passiva di percezioni corporee come pesantezza e calore delle membra, facilitato dalle autosuggestioni. [1] [2] Il training autogeno viene utilizzato per alleviare molti disturbi psicosomatici indotti dallo stress . [2]

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Storia

Il training autogeno (AT) fu presentato per la prima volta dallo psichiatra tedesco Johannes Heinrich Schultz nel 1926 alla Medical Society di Berlino. [3] Disincantato dalla psicoanalisi negli anni ’20, Schultz iniziò a esplorare nuovi metodi terapeutici. [3] La sua ricerca è stata fortemente influenzata dalla sua esperienza con il neurologo tedesco Oscar Vogt, con il quale ha studiato il sonno e l’ipnosi. [4] Raccogliendo dati sull’ipnosi nella sua ricerca con Vogt, Schultz scoprì che gli ipnotizzati spesso provavano una sensazione di pesantezza alle estremità, oltre a una sensazione di piacevole calore. [5] Interessato da questa relazione, Schultz ha indagato se immaginare una tale pesantezza e calore negli arti potesse portare all’autoipnosi. [5] Sotto la sua guida, i pazienti di Schultz erano in grado di entrare in uno stato ipnotico per un periodo di tempo autodeterminato semplicemente immaginando uno stato di pesantezza e calore nelle proprie membra. [5] Questi esercizi mentali a breve termine sembravano ridurre lo stress o effetti come affaticamento e tensione evitando effetti collaterali come mal di testa. Ispirato da questa ricerca e dal lavoro di Vogt, Johannes Heinrich Schultz si interessò al fenomeno dell’autosuggestione . Voleva esplorare un approccio al rilassamento, che evitasse la passività indesiderata dei pazienti e la dipendenza dal terapeuta. A tal fine, Schultz ha sviluppato una serie di sei esercizi chiamati training autogeno. [5]

Il training autogeno è stato reso popolare in Nord America e nel mondo anglofono da Wolfgang Luthe , un medico tedesco, che ha lavorato sotto Schultz e ha studiato gli effetti del training autogeno su problemi di salute fisica e mentale. [5] In seguito, quando Luthe emigrò in Canada, scrisse di training autogeno in inglese, introducendo così l’AT nel mondo anglofono. [5] Con l’aiuto di Schultz, Luthe pubblicò Autogenic Therapy , un testo in più volumi che descriveva dettagliatamente l’AT, nel 1969. [5] La pubblicazione di Autogenic Therapy portò l’AT in Nord America. [4] Successivamente, il suo discepolo Luis de Rivera, uno psichiatra addestrato alla McGill University, introdusse concetti psicodinamici nell’approccio di Luthe, sviluppando l’analisi autogena come un nuovo metodo per scoprire l’inconscio. [6] [7]

Più recentemente, nel 2015, i professionisti del biofeedback integrano elementi di base dell’immaginario autogeno e hanno versioni semplificate di tecniche parallele che vengono utilizzate in combinazione con il biofeedback. Ciò è stato fatto alla Menninger Foundation da Elmer Green, Steve Fahrion, Patricia Norris, Joe Sargent, Dale Walters e altri. Hanno incorporato l’immagine del riscaldamento delle mani del training autogeno e l’hanno usata come aiuto per sviluppare il biofeedback termico. [8]

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Tecnica

Il training autogeno può essere praticato in qualsiasi postura comoda, tenendo gli occhi chiusi. [5] Nel training autogeno, i tirocinanti si impegnano nella concentrazione passiva. [2] La concentrazione passiva si riferisce alla concentrazione sulle sensazioni interiori piuttosto che sugli stimoli ambientali. [2]

La tecnica consiste in sei esercizi standard secondo Schultz: [5] [9]

  1. Rilassamento muscolare mediante ripetizione di una formula verbale, “Il mio braccio destro è pesante”, sottolineando la pesantezza. Durante le fasi iniziali dell’allenamento, la sensazione di pesantezza nel braccio allenato è più espressa e si manifesta più rapidamente. La stessa sensazione può essere provata nelle altre estremità contemporaneamente nell’altro braccio. Entro una settimana, una breve concentrazione può innescare la sensazione di pesantezza nelle braccia e nelle gambe di un tirocinante. [2]
  2. La concentrazione passiva si concentra sulla sensazione di calore, iniziata dall’istruzione “Il mio braccio destro è caldo”.
  3. Inizio dell’attività cardiaca utilizzando la formula “Il mio battito cardiaco è calmo e regolare”.
  4. Concentrazione passiva sul meccanismo respiratorio con la formula “Mi respira”.
  5. Concentrazione sul calore nella regione addominale con la formula “Il mio plesso solare è caldo”.
  6. Concentrazione passiva sul fresco nella regione cranica con la formula “La mia fronte è fresca”.

Quando viene aggiunta una nuova fase di esercizio nel training autogeno, l’allievo dovrebbe sempre concentrarsi inizialmente sugli esercizi già appresi e poi aggiungere un nuovo esercizio. All’inizio viene aggiunto un nuovo esercizio solo per brevi periodi. [2]

In base alle specifiche esigenze cliniche, la formazione può essere modificata per includere meno formule o includere una formula leggermente diversa. [2]

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Benefici

Il vantaggio principale del training autogeno è l’autoregolazione autonomica ottenuta rimuovendo la distrazione ambientale, allenando le immagini che accompagnano l’autoregolazione autonomica e fornendo una serie di esercizi facilitanti che sono facili da imparare e ricordare. [8]

Uno studio di Laci Spencer [8] suggerisce che il training autogeno ristabilisca l’equilibrio tra l’attività dei rami simpatico (fuga o lotta) e parasimpatico (riposo e digestione) del sistema nervoso autonomo . L’autore ipotizza che ciò possa avere importanti benefici per la salute, in quanto l’attività parasimpatica favorisce la digestione e l’evacuazione, abbassa la pressione sanguigna , rallenta la frequenza cardiaca e favorisce le funzioni del sistema immunitario .

Uno studio di meta-analisi di Friedhelm e Kupper ha scoperto che il training autogeno era efficace nel ridurre i sintomi di ansia, depressione e insonnia. Inoltre, è stato riscontrato che il training autogeno ha un effetto positivo sugli esiti di salute fisica, come la riduzione del dolore e il miglioramento della qualità della vita per le persone con malattie croniche. Hanno anche scoperto che l’AT era efficace anche nei seguenti disturbi psicosomatici: ipertensione da lieve a moderata, malattia coronarica, malattia di Raynaud, cefalea tensiva ed emicrania. [1]

Aspetti biologici

Mancano indagini neurofisiologiche che affrontino questo argomento; tuttavia, uno studio EEG del 1963 suggerisce che la diminuzione della stimolazione afferente induce una riduzione dell’attività reticolo-corticale, diminuzione dell’attività talamo-corticale e cambiamenti funzionali nelle strutture connesse al sistema reticolare (ipotalamo, sistema limbico , nucleo rosso , globo pallido ). [10]

Lo stesso studio suggerisce che i modelli EEG ottenuti da soggetti con diverso livello di pratica non sono simili.

Un altro studio del 1958 ipotizza che lo stato autogeno sia tra il normale stato di veglia e il sonno. Suggerisce che i modelli EEG che si verificano durante il training autogeno sono simili ai cambiamenti elettrofisiologici che si verificano durante le fasi iniziali del sonno . [11]

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Applicazioni

Il training autogeno ha diverse applicazioni e viene utilizzato nell’allenamento sportivo, nel coaching manageriale e in una varietà di condizioni fisiopatologiche, come l’ asma bronchiale o l’ipertensione , nonché disturbi psicologici come ansia e depressione . [5] [9] Il training autogeno è stato oggetto di valutazione clinica sin dai suoi primi giorni in Germania e dall’inizio degli anni ’80 in tutto il mondo. Nel 2002, una meta-analisi di 60 studi è stata pubblicata su Applied Psychophysiology and Biofeedback , [12] trovando significativi effetti positivi del trattamento rispetto ai normali su una serie di diagnosi; trovare questi effetti simili alle migliori terapie rivali raccomandate; e trovare effetti aggiuntivi positivi da parte dei pazienti, come la loro qualità di vita percepita. Il training autogeno è raccomandato nelle linee guida della Società Europea di Cardiologia del 2016 per la prevenzione delle malattie cardiovascolari nelle persone che hanno problemi psicosociali. [13] L’International Journal of Dermatology ha condotto uno studio e ha scoperto che il training autogeno era potenzialmente utile per migliorare la pelle invecchiata nelle donne in menopausa. [14]

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Rispetto ad altre tecniche di rilassamento

Il principio della concentrazione passiva nel training autogeno rende questa tecnica diversa da altre tecniche di rilassamento come il rilassamento muscolare progressivo e il biofeedback , in cui i tirocinanti cercano di controllare le funzioni fisiologiche. Come nel biofeedback, è possibile un cambiamento bidirezionale nell’attività fisiologica. Il training autogeno è classificato come tecnica autoipnotica . È diverso dall’eteroipnosi, in cui la trance è indotta da un altro individuo. Il training autogeno enfatizza l’indipendenza del tirocinante e dà il controllo dal terapeuta al tirocinante. In questo modo viene eliminata la necessità di dispositivi di feedback fisiologico o di un ipnoterapeuta. [2]

Guarda anche

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Riferimenti

  1. ^ Salta a: aB Stetter, Friedhelm; Kupper, Sirko (2002-03-01). “Training autogeno: una meta-analisi degli studi sui risultati clinici”. Psicofisiologia applicata e biofeedback. 27 (1): 45–98. doi : 1023/a:1014576505223 . ISSN 1090-0586 . PMID 12001885 . S2CID 22876957 .
  2. ^ Salta a: aB C D e F G H Principi e pratica della gestione dello stress. Lehrer, Paul M., Woolfolk, Robert L., Sime, Wesley E. (3a ed.). New York: Guilford Press. 2007. ISBN 9781606230008 . OCLC 144770991 .
  3. ^ Salta a: aB “Storia del training autogeno” . autogenic-training-online.com. Estratto 2023-04-26.
  4. ^ Salta a: aB Gestione del dolore . Steven D.Waldman. Filadelfia: Saunders/Elsevier. 2007. ISBN 978-1-4377-2144-7 . OCLC 489079698 .
  5. ^ Salta a: aB C D e F G H io J K Kanji, N. (1997-09-01). “Training autogeno”. Terapie complementari in medicina. 5 (3): 162–167. doi : 1016/s0965-2299(97)80060-x .
  6. ^Rivera, José Luis González de (1997). “Psicoterapia autogena e psicoanalisi” (PDF) . In Guimón, J (a cura di). Il corpo in psicoterapia: congresso internazionale, Ginevra, 1–3 febbraio 1996. Basilea; New York: Karger. pp. 176–181. ISBN 9783805562850 . OCLC 36511904 .
  7. ^Rivera, José Luis González de (2001). “Analisi autogena: lo strumento che cercava Freud” (PDF) . Giornale internazionale di psicoterapia. 6 (1): 67-76. doi : 1080/13569080120042216 .
  8. ^ Salta a: aB C , SPENCER (2015). GALLEGGIAMENTO: una guida per le vasche di deprivazione sensoriale, rilassamento e isolamento. [Sl]: LULU COM. ISBN 9781329173750 . OCLC 980240164 .
  9. ^ Salta a: aB Terapia autogena. Lute, Wolfgang, Schultz, JH (Johannes Heinrich), 1884-1970. New York: Grune & Stratton. ISBN 9780808906643 . OCLC 47990 .
  10. ^Lute, W.; Gius, A.; Geissmann, P. (1963). “Stato autogeno e spostamento autogeno: aspetti psicofisiologici e neurofisiologici”. Psicoterapia e Psicosomatica. 11 (1): 1–13. doi : 1159/000285660 . ISSN0033-3190 . PMID 14044678 .
  11. ^ Israele, L., & Rohmer, F. (1958). Variations électroencéphalographiques au cours de la relaxautogène et hypnotique.
  12. ^Stetter, Friedhelm; Kupper, Sirko (marzo 2002). “Training autogeno: una meta-analisi degli studi sui risultati clinici”. Psicofisiologia applicata e biofeedback. 27 (1): 45–98. doi : 1023/A:1014576505223 . PMID12001885 . S2CID 22876957 .
  13. ^“Spiacenti, la pagina richiesta non è stata trovata” .
  14. ^Sakai, Shingo; Inoue Sato, Mayumi; Amemiya, Rei; Murakami, Motoko; Inagaki, Kazuki; Sakairi, Yosuke (2020). “L’influenza del training autogeno sulle proprietà fisiche della pelle e sull’attività autonomica cardiaca nelle donne in postmenopausa: uno studio esplorativo” . Giornale internazionale di dermatologia. 59 (1): 103–109. doi : 1111/ijd.14582 . PMID31294461 . S2CID 195879795 . Estratto il 25 settembre 2019.

Ulteriori letture

vol. 1 Metodi autogeni

vol. 2 Applicazioni mediche

vol. 3 Applicazioni in psicoterapia

vol. 4 Ricerca e teoria

vol. 5 Dinamica della neutralizzazione autogena

vol. 6 Trattamento con neutralizzazione autogena

 

Migliore Mental Coach Sportivo in Italia – Semantica dell’articolo

  • Migliore Mental Coach Sportivo in Italia
  • Mental Coach Sportivo
  • Migliore Mental Coach Sportivo
  • Mental coaching sportive
  • Mental coach per lo sport
  • Mental coaching per lo sport
  • Cosa fa il mental coach sportivo?
  • Quanto guadagna un mental coach sportivo?
  • Quanto costa una seduta da un mental coach?
  • Come si diventa mental coach sportivo?
  • mental coaching sportivo pdf
  • mental coach sportivo ragazzi
  • mental coach sportivo online
  • mental coach sportivo vicino a me
  • mental coach sportivo famosi
  • mental coach sportivo corso
  • corso mental coaching sportivo coni
  • mental coaching sportivo prezzi
  • chi è il mental coach sportivo più famoso
  • mental coach sportivi famosi
  • Sport mental coach

Il Migliore Maestro e Mental Coach per le Arti Marziali e Sport di Combattimento per il numero di citazioni in Google Scholar in Italia è il dott. Daniele Trevisani, autore di 28 libri, Maestro 10° Dan Daoshi, Cintura Nera in Taekwondo Agonistico ottenuta negli USA e Cintura Nera e Maestro di Kickboxing e Muay Thai. Segue la preparazione come Mental Coach di agonisti di ogni disciplina sportiva e campioni mondiali di diverse discipline. Specializzato in Mental Coaching e Mental Training affianca i team sportivi tramite stage e coaching personalizzati. Ha praticato 15 diverse discipline marziali e di combattimento e combattuto nei trofei Karate Open negli USA.

Ha pubblicato oltre 100 articoli su riviste specializzate sul tema del mental coaching per gli atleti di arti marziali e sport da ring.

migliore mental coach italiano

Per società o singoli atleti, per stage di mental coaching, preparazione agonistica, e per chi desidera un contatto iniziale con il Maestro Daniele Trevisani, è disponibile il seguente form

Approfondimenti sulle arti marziali – Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia

Arti marziali

Le arti marziali sono sistemi codificati e tradizioni di combattimento praticate per una serie di motivi come l’autodifesa ; applicazioni militari e di polizia ; competizione ; sviluppo fisico, mentale e spirituale; intrattenimento ; e la conservazione del patrimonio culturale immateriale di una nazione . [1]

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Etimologia

Arti marziali è una traduzione inglese della parola giapponese “武芸 bu-gei “. Letteralmente, si riferisce a “武martial” e “芸arts”.

Fu usato per la prima volta nel dizionario giapponese-inglese ” Takenobu Japanese-English Dictionary (Collection of the National Diet Library of Japan)” pubblicato da un giapponese nel 1918, e poi diffuso al grande pubblico in Occidente. Questo è il motivo per cui il termine “arti marziali” è ora spesso associato alle arti marziali orientali che sono fortemente associate all’orientalismo, piuttosto che semplicemente riferito ai sistemi di combattimento.

Secondo Paul Bowman, il termine arti marziali è stato reso popolare dalla cultura popolare tradizionale tra gli anni ’60 e ’70, in particolare dai film di arti marziali di Hong Kong (i più famosi quelli di Bruce Lee ) durante la cosiddetta ondata ” chopsocky ” dei primi anni ’70. [2]

Secondo John Clements, il termine stesso arti marziali deriva da un termine latino più antico che significa “arti di Marte “, il dio romano della guerra, ed era usato per riferirsi ai sistemi di combattimento dell’Europa ( arti marziali europee ) già nel 1550. [3]

Il termine scienza marziale , o scienze marziali , era comunemente usato per riferirsi alle arti di combattimento dell’Asia orientale ( arti marziali asiatiche ) fino agli anni ’70, mentre fino ad allora il termine boxe cinese era usato anche per riferirsi alle arti marziali cinesi . [4]

Alcuni autori hanno sostenuto che arti di combattimento o sistemi di combattimento sarebbero termini più appropriati sulla base del fatto che molte arti marziali non sono mai state “marziali” nel senso di essere usate o create da guerrieri professionisti . [5]

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Variazione e portata

Le arti marziali possono essere classificate utilizzando una varietà di criteri, tra cui:

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Per focus tecnico

Disarmato

Le arti marziali disarmate possono essere ampiamente raggruppate in quelle incentrate sui colpi , quelle incentrate sul grappling e quelle che coprono entrambi i campi, spesso descritte come arti marziali ibride .

Scioperi

Alle prese

Armato

Le arti marziali tradizionali che coprono il combattimento armato spesso comprendono un ampio spettro di armi da mischia , tra cui armi a lama e armi ad asta . Tali tradizioni includono eskrima , silat , kalaripayat , kobudo e arti marziali storiche europee , in particolare quelle del Rinascimento italiano . Molte arti marziali cinesi includono anche armi come parte del loro curriculum.

A volte, l’allenamento con un’arma specifica può essere considerato uno stile a sé stante, specialmente nel caso delle arti marziali giapponesi , con discipline come kenjutsu e kendo (spada), bojutsu (bastone) e kyūdō (tiro con l’arco). Allo stesso modo, le arti marziali e gli sport moderni includono scherma moderna , sistemi di combattimento con il bastone come canne de combat , tiro con l’arco competitivo moderno e tiro pratico .

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Per applicazione o intento

Orientato al combattimento

Articoli principali: sport da combattimento e autodifesa

Orientato alla salute

Molte arti marziali, specialmente quelle asiatiche, insegnano anche discipline secondarie che riguardano le pratiche medicinali. Questo è particolarmente diffuso nelle arti marziali asiatiche tradizionali che possono insegnare l’impostazione delle ossa , l’erboristeria e altri aspetti della medicina tradizionale.

Orientato alla spiritualità

Le arti marziali possono anche essere collegate alla religione e alla spiritualità. Si ritiene che numerosi sistemi siano stati fondati, diffusi o praticati da monaci o monache.

In tutte le arti asiatiche, la meditazione può essere incorporata come parte dell’allenamento. Nelle arti influenzate da un mix di filosofia buddista Chan , taoista e confuciana , la pratica stessa può essere usata come aiuto per raggiungere la consapevolezza.

le arti giapponesi , quando riguardano le qualità non fisiche del combattimento, sono spesso fortemente influenzati dalla filosofia buddista Mahayana . Concetti come ” mente vuota ” e “mente del principiante” sono ricorrenti. I praticanti di Aikido , ad esempio, possono avere una forte convinzione filosofica del flusso di energia e della promozione della pace, come idealizzato dal fondatore dell’arte Morihei Ueshiba .

Le arti marziali coreane tradizionali pongono l’accento sullo sviluppo dello sviluppo spirituale e filosofico del praticante. Un tema comune nella maggior parte degli stili coreani, come Taekkyon , taekwondo e Hapkido è il valore della “pace interiore” in un praticante, che è sottolineato come raggiungibile solo attraverso la meditazione e l’allenamento individuali. I coreani credono che l’uso della forza fisica sia giustificabile solo per autodifesa . [6]

Systema attinge alle tecniche di respirazione e rilassamento, così come agli elementi del pensiero ortodosso russo , per promuovere l’autocoscienza e la calma e per beneficiare il praticante a diversi livelli: fisico, psicologico e spirituale.

Alcune arti marziali in varie culture possono essere eseguite in ambienti simili a danze per vari motivi, come evocare ferocia in preparazione alla battaglia o mostrare abilità in un modo più stilizzato, con la capoeira che ne è l’esempio più importante. Molte di queste arti marziali incorporano musica, in particolare forti ritmi percussivi (vedi anche danza di guerra ).

Pahlevani e zourkhaneh è il nome di un’arte marziale persiana inscritta dall’UNESCO per varzesh -e pahlavāni ( persiano : آیین پهلوانی و زورخانه‌ای , “sport eroico”) [7] o varzesh -e bāstāni ( ورزش باستان ی ; varzeš -e bāstānī , “sport antico”), un sistema tradizionale di atletica leggera originariamente utilizzato per addestrare i guerrieri in Iran ( Persia ), e apparso per la prima volta con questo nome e forma nell’era safavide, con somiglianze con i sistemi nelle terre adiacenti sotto altri nomi. [8] [9]

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Storia

Articolo principale: Storia delle arti marziali

Ulteriori informazioni: Cronologia delle arti marziali

Arti marziali storiche

Articoli principali: storia delle arti marziali asiatiche e arti marziali storiche europee

La guerra umana risale all’Epipaleolitico fino all’inizio del Neolitico . Le opere d’arte più antiche raffiguranti scene di battaglia sono pitture rupestri della Spagna orientale ( Levante spagnolo ) datate tra il 10.000 e il 6.000 a.C. che mostrano gruppi organizzati che combattono con archi e frecce. [10] [11] Simili prove di guerra sono state trovate nell’Epipaleolitico fino alle sepolture di massa del primo Neolitico , scavate in Germania ea Jebel Sahaba nel Sudan settentrionale . [10]

Il wrestling è lo sport da combattimento più antico , con origini nel combattimento corpo a corpo . La lotta alla cintura era raffigurata in opere d’arte della Mesopotamia e dell’antico Egitto c. 3000 a.C., e successivamente nel sumerico Epopea di Gilgamesh . [12] La prima rappresentazione conosciuta della boxe proviene da un rilievo sumerico in Mesopotamia (l’odierno Iraq) del III millennio a.C. [13]

La fondazione delle moderne arti marziali dell’Asia orientale e delle arti marziali dell’Asia meridionale è probabilmente facilitata dagli scambi culturali delle prime arti marziali cinesi e indiane . Durante il periodo degli Stati Combattenti della storia cinese (480-221 aC) emerse un ampio sviluppo della filosofia e della strategia marziale, come descritto da Sun Tzu in The Art of War (c. 350 aC). [14] I resoconti leggendari collegano l’origine di Shaolinquan alla diffusione del buddismo dall’antica India all’inizio del V secolo d.C. , con la figura di Bodhidharma , in Cina. [15] Le prove scritte delle arti marziali nell’India meridionale risalgono alla letteratura Sangam dal II secolo a.C. circa al II secolo d.C. [16] Le tecniche di combattimento del periodo Sangam furono i primi precursori del Kalaripayattu . [17]

In Europa, le prime fonti di tradizioni di arti marziali risalgono all’antica Grecia . La boxe ( pygme , pyx ), il wrestling ( pallido ) e il pankration erano rappresentati negli antichi giochi olimpici . I romani hanno prodotto il combattimento dei gladiatori come spettacolo pubblico. [18]

manuali di combattimento storici sono sopravvissuti dal Medioevo europeo . Ciò include stili come spada e scudo , combattimento con la spada a due mani e altri tipi di armi da mischia oltre al combattimento a mani nude. Tra questi vi sono le trascrizioni del poema mnemonico sulla spada lunga di Johannes Liechtenauer risalente alla fine del XIV secolo. Allo stesso modo, le arti marziali asiatiche divennero ben documentate durante il periodo medievale, le arti marziali giapponesi a partire dall’istituzione della nobiltà dei samurai nel 12° secolo, le arti marziali cinesi con trattati dell’era Ming come Ji Xiao Xin Shu , le arti marziali indiane nei testi medievali come l’ Agni Purana e il Malla Purana , e arti marziali coreane dell’era Joseon e testi come Muyejebo (1598). [ citazione necessaria ]

L’arte della spada europea ha sempre avuto una componente sportiva, ma il duello è sempre stato una possibilità fino alla prima guerra mondiale . La scherma sportiva moderna iniziò a svilupparsi durante il XIX secolo quando le accademie militari francese e italiana iniziarono a codificare l’istruzione. I giochi olimpici hanno portato a regole internazionali standard, con la Féderation Internazionale d’Escrime fondata nel 1913. La boxe moderna ha origine con le regole di Jack Broughton nel XVIII secolo e raggiunge la sua forma attuale con le regole del marchese di Queensberry del 1867 .

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Stili popolari

Articolo principale: lotta popolare

Alcuni sport e stili di combattimento tradizionali esistono in tutto il mondo, radicati nella cultura e nel folklore locale. I più comuni di questi sono gli stili di lotta popolare , alcuni dei quali sono stati praticati fin dall’antichità e si trovano nelle aree più remote. Altri esempi includono forme di combattimento con il bastone e boxe. Sebbene queste arti siano basate su tradizioni storiche del folklore, non sono “storiche” nel senso che ricostruiscono o preservano un sistema storico di un’epoca specifica. Sono sport regionali piuttosto contemporanei che coesistono con le forme moderne di sport di arti marziali come si sono sviluppate dal 19 ° secolo, spesso includendo la fertilizzazione incrociata tra sport e stili popolari; così, l’arte tradizionale thailandese del muay boran si è sviluppata nel moderno sport nazionale del muay thai , che a sua volta è stato praticato in tutto il mondo e ha contribuito in modo significativo ai moderni stili ibridi come il kickboxing e le arti marziali miste . Singlestick , un’arte marziale inglese può essere vista spesso usata nella danza morris . Molte danze europee condividono elementi di arti marziali con esempi tra cui l’ucraino Hopak , il polacco Zbójnicki (uso di ciupaga ), la danza ceca odzemek e il norvegese Halling . [ citazione necessaria ]

Storia moderna 

Ulteriori informazioni: storia moderna delle arti marziali dell’Asia orientale

Dalla fine del XIX all’inizio del XX secolo

La metà e la fine del XIX secolo segna l’inizio della storia delle arti marziali poiché gli sport moderni si sono sviluppati dai precedenti sistemi di combattimento tradizionali. In Europa, ciò riguarda gli sviluppi del pugilato , del wrestling e della scherma come sport. In Giappone, lo stesso periodo segna la formazione delle forme moderne di judo , jujutsu , karate e kendo (tra gli altri) basate sul revival delle vecchie scuole di arti marziali del periodo Edo che erano state soppresse durante la Restaurazione Meiji [19] Nel 1882 , Kano Jigoro ha fondato la scuola di judo Kodokan che ha iniziato lo sport del judo. [20] Kano Jigoro aveva raccolto l’antica conoscenza del jujutsu prima di fondare la sua scuola di judo.

Le moderne regole della muay thai risalgono agli anni ’20. In Cina, la storia moderna delle arti marziali inizia nel decennio di Nanchino (anni ’30) in seguito alla fondazione dell’Istituto Centrale Guoshu nel 1928 sotto il governo del Kuomintang . [ citazione necessaria ]

L’interesse occidentale per le arti marziali asiatiche nasce verso la fine del XIX secolo, a causa dell’aumento del commercio tra gli Stati Uniti con la Cina e il Giappone. [21] Relativamente pochi occidentali praticavano effettivamente le arti, considerandole una mera performance. Edward William Barton-Wright , un ingegnere ferroviario che aveva studiato jujutsu mentre lavorava in Giappone tra il 1894 e il 1897, fu il primo uomo noto ad aver insegnato arti marziali asiatiche in Europa. Ha anche fondato uno stile eclettico chiamato Baritsu che combinava jujutsu, judo, wrestling, boxe, savate e combattimento con il bastone . [ citazione necessaria ] [22]

Scherma e lotta greco-romana furono incluse nelle Olimpiadi estive del 1896 . I campionati mondiali di wrestling e boxe FILA alle Olimpiadi estive furono introdotti nel 1904. La tradizione di assegnare cinture di campionato nel wrestling e nel pugilato può essere fatta risalire alla cintura di Lonsdale , introdotta nel 1909. [23]

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – XX secolo (dal 1914 al 1989)

L’ International Boxing Association è stata fondata nel 1920. I campionati mondiali di scherma si sono svolti dal 1921.

Man mano che l’influenza occidentale cresceva in Asia, un numero maggiore di personale militare trascorse del tempo in Cina, Giappone e Corea del Sud durante la seconda guerra mondiale e la guerra di Corea e fu esposto agli stili di combattimento locali. Jujutsu, judo e karate sono diventati popolari per la prima volta tra gli anni ’50 e ’60. A causa in parte dei film di arti marziali asiatiche e di Hollywood , la maggior parte delle moderne arti marziali americane sono di derivazione asiatica o influenzate dall’Asia. [24] Il termine kickboxing (キックボクシング) è stato creato dal promotore di boxe giapponese Osamu Noguchi per una variante del muay thai e del karate che ha creato negli anni ’50. Il kickboxing americano è stato sviluppato negli anni ’70, come una combinazione di boxe e karate. Il Taekwondo è stato sviluppato nel contesto della guerra di Corea negli anni ’50.

Gli ultimi anni ’60 e ’70 videro un crescente interesse dei media per le arti marziali cinesi , influenzato dall’artista marziale Bruce Lee . Bruce Lee è accreditato come uno dei primi istruttori ad insegnare apertamente le arti marziali cinesi agli occidentali. [25] I campionati mondiali di judo si tengono dal 1956, il judo alle Olimpiadi estive è stato introdotto nel 1964. I campionati mondiali di karate sono stati introdotti nel 1970.

L ‘” ondata di kung fu ” del cinema d’azione di Hong Kong negli anni ’70, in particolare i film di Bruce Lee , ha reso popolari le arti marziali nella cultura popolare globale . Anche numerosi film tradizionali prodotti negli anni ’80 hanno contribuito in modo significativo alla percezione delle arti marziali nella cultura popolare occidentale. Questi includono The Karate Kid (1984) e Bloodsport (1988). Questa era ha prodotto alcune star d’azione di Hollywood con un background di arti marziali, come Jean-Claude Van Damme e Chuck Norris .

Sempre durante il XX secolo, un certo numero di arti marziali sono state adattate per scopi di autodifesa per il combattimento corpo a corpo militare . I combattimenti della seconda guerra mondiale , KAPAP (anni ’30) e Krav Maga (anni ’50) in Israele, Systema nella Russia dell’era sovietica e Sanshou nella Repubblica popolare cinese sono esempi di tali sistemi. L’ esercito americano ha de-enfatizzato l’addestramento al combattimento corpo a corpo durante il periodo della Guerra Fredda , ma lo ha ripreso con l’introduzione di LINE nel 1989.

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – 1990 ad oggi

Nel 1993 si tenne in Giappone il primo evento Pancrase . [26] Furono introdotte le regole K-1 del kickboxing, basate sul karate Seidokaikan degli anni ’80. [27]

Durante gli anni ’90, il jiu-jitsu brasiliano divenne popolare e si dimostrò efficace nelle competizioni di arti marziali miste (MMA) come UFC e PRIDE . [28]

Jackie Chan e Jet Li sono artisti marziali di spicco che sono diventati importanti personaggi del cinema. La loro popolarità e presenza mediatica è stata in prima linea nella promozione delle arti marziali cinesi dalla fine del XX e dall’inizio del XXI secolo. [ citazione necessaria ]

Con la continua scoperta di più manuali di combattimento medievali e rinascimentali, la pratica delle arti marziali europee storiche e di altre arti marziali occidentali è cresciuta [ citazione necessaria ] in popolarità negli Stati Uniti e in Europa. [ citazione necessaria ]

Il 29 novembre 2011, l’UNESCO ha iscritto Taekkyon nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità. [29]

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Rinascita

Molti stili di arti marziali indiane furono banditi dalle autorità coloniali durante il periodo del dominio britannico in India , il che portò a un declino della loro popolarità. [30] Alcuni, come Kalaripayattu , riuscirono a resistere a questo declino praticando in segreto. Altre arti marziali indiane, come il Silambam , sebbene non ampiamente praticate in India, continuano ad essere praticate in altri paesi della sfera culturale indiana come l’Indonesia e la Malesia. Molte altre arti marziali indiane come Mardhani Khel e Paika Akhada è sopravvissuta grazie ai praticanti che praticavano l’arte in segreto o dicendo alle autorità coloniali che si trattava di una forma di danza. Mentre molte forme regionali di arti marziali indiane stanno svanendo nell’oscurità, arti marziali come Gatka e Kalaripayattu stanno vivendo una graduale rinascita. [31]

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Test e concorrenza

Il test o la valutazione è importante per gli artisti marziali di molte discipline che desiderano determinare la propria progressione o il proprio livello di abilità in contesti specifici. Gli studenti spesso vengono sottoposti a test e valutazioni periodiche da parte del proprio insegnante per avanzare a un livello superiore di risultati riconosciuti, come un colore o un titolo di cintura diverso. Il tipo di test utilizzato varia da sistema a sistema ma può includere moduli o sparring .

Varie forme e sparring sono comunemente usate nelle mostre e nei tornei di arti marziali. Alcune competizioni mettono l’uno contro l’altro praticanti di diverse discipline utilizzando un insieme comune di regole, queste sono denominate gare di arti marziali miste. Le regole per lo sparring variano tra arte e organizzazione, ma generalmente possono essere suddivise in varianti a contatto leggero , contatto medio e contatto pieno , che riflettono la quantità di forza che dovrebbe essere usata su un avversario.

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Contatto leggero e medio

Questi tipi di sparring limitano la quantità di forza che può essere usata per colpire un avversario, nel caso di sparring leggero si tratta solitamente di “toccare” il contatto, ad esempio un pugno dovrebbe essere “sferrato” non appena o prima che venga effettuato il contatto. Nel contatto medio (a volte indicato come semi-contatto) il pugno non verrebbe “tirato” ma non colpito con tutta la forza. Poiché la quantità di forza utilizzata è limitata, lo scopo di questi tipi di sparring non è quello di mettere fuori combattimento un avversario; un sistema a punti viene utilizzato nelle competizioni.

Un arbitro controlla i falli e controlla l’incontro, mentre i giudici annotano i punteggi, come nel pugilato. Potrebbero essere vietati bersagli particolari, determinate tecniche (come colpi di testa o all’inguine) e ai combattenti potrebbe essere richiesto di indossare dispositivi di protezione sulla testa, sulle mani, sul petto, sull’inguine, sugli stinchi o sui piedi. Alcune arti del grappling, come l’aikido, utilizzano un metodo simile di allenamento conforme che equivale a un contatto leggero o medio.

In alcuni stili (come la scherma e alcuni stili di sparring del taekwondo), i concorrenti ottengono punti in base all’atterraggio di una singola tecnica o colpo giudicato dall’arbitro, dopodiché l’arbitro interromperà brevemente l’incontro, assegnerà un punto, quindi ricomincerà il incontro. In alternativa, lo sparring può continuare con il punto annotato dai giudici. Alcuni critici del point sparring ritengono che questo metodo di allenamento insegni abitudini che si traducono in una minore efficacia in combattimento. Lo sparring a contatto più leggero può essere utilizzato esclusivamente, per i bambini o in altre situazioni in cui un contatto pesante sarebbe inappropriato (come i principianti), lo sparring a contatto medio viene spesso utilizzato come allenamento per il contatto completo.

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Pieno contatto

Ulteriori informazioni: Contatto completo

Lo sparring o la competizione a pieno contatto, in cui i colpi o le tecniche non vengono tirati ma usati con tutta la forza come suggerisce il nome, presenta una serie di differenze tattiche rispetto allo sparring a contatto leggero e medio. È considerato da alcuni un requisito per imparare un combattimento a mani nude realistico. [32]

Nello sparring a pieno contatto, lo scopo di una partita competitiva è mettere fuori combattimento l’avversario o costringerlo a sottomettersi . Laddove ha luogo il punteggio, può essere una misura sussidiaria, utilizzata solo se nessun chiaro vincitore è stato stabilito con altri mezzi; in alcune competizioni, come l’ UFC 1 , non c’era punteggio, anche se la maggior parte ora utilizza una qualche forma di giudizio come riserva. [33] A causa di questi fattori, le partite a pieno contatto tendono ad essere più aggressive nel carattere, ma le serie di regole possono ancora imporre l’uso di dispositivi di protezione o limitare le tecniche consentite.

Quasi tutte le organizzazioni di arti marziali miste come UFC , Pancrase , Shooto usano una forma di regole di contatto completo così come le organizzazioni di boxe professionistiche e K-1 . Kyokushin il karate richiede che i praticanti avanzati si impegnino in sparring a mani nude e a pieno contatto consentendo calci, ginocchiate e pugni sebbene i pugni alla testa non siano consentiti indossando solo un karate gi , paradenti , protezione inguinale per i maschi o protezione toracica indossata sotto il karate gi per le femmine . Gli incontri di jiu-jitsu brasiliano e judo non consentono di colpire, ma sono a contatto pieno, nel senso che viene applicata tutta la forza nelle tecniche di presa e sottomissione consentite. Le competizioni organizzate da World Taekwondo richiedono l’uso di copricapo e giubbotto imbottito, ma sono full contact, nel senso che viene applicata tutta la forza ai colpi alla testa e al corpo ed è possibile vincere per KO .

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Sport marziale

Vedi anche: Sport da combattimento

Le arti marziali sono passate allo sport quando le forme di sparring sono diventate competitive, diventando uno sport a sé stante che è dissociato dall’origine combattiva originale, come con la scherma occidentale. I Giochi olimpici estivi includono judo, taekwondo, tiro con l’arco occidentale, boxe, giavellotto, wrestling e scherma come eventi, mentre il wushu cinese recentemente non è riuscito a essere incluso, ma è ancora attivamente eseguito nei tornei di tutto il mondo. I praticanti di alcune arti come kickboxing e jiu-jitsu brasiliano spesso si allenano per partite sportive, mentre quelli di altre arti come l’aikido generalmente rifiutano tali competizioni. Alcune scuole credono che la competizione generi praticanti migliori e più efficienti e dia un senso di buona sportività. Altri credono che le regole in base alle quali si svolge la competizione abbiano diminuito l’efficacia in combattimento delle arti marziali o incoraggiano un tipo di pratica che si concentra sulla vittoria di trofei piuttosto che su un obiettivo come coltivare un particolare carattere morale.

La domanda su “qual è la migliore arte marziale” ha portato a competizioni tra stili combattute con pochissime regole che consentono a una varietà di stili di combattimento di entrare con poche limitazioni. Questa fu l’origine del primo torneo Ultimate Fighting Championship (successivamente ribattezzato UFC 1: The Beginning ) negli Stati Uniti ispirato alla tradizione brasiliana Vale tudo e insieme ad altre competizioni a regole minime, in particolare quelle giapponesi come Shooto e Pancrase , hanno si è evoluto nello sport da combattimento delle arti marziali miste (MMA).

Alcuni artisti marziali competono in competizioni senza sparring come breakout o routine coreografate di tecniche come poomse , kata e aka , o variazioni moderne delle arti marziali che includono competizioni influenzate dalla danza come il tricking. Le tradizioni marziali sono state influenzate dai governi per diventare più sportive per scopi politici; l’impulso centrale per il tentativo da parte della Repubblica popolare cinese di trasformare le arti marziali cinesi nello sport del wushu regolamentato dal comitato è stato sopprimere quelli che vedevano come gli aspetti potenzialmente sovversivi dell’allenamento marziale, specialmente sotto il sistema tradizionale dei lignaggi familiari. [34]

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Benefici per la salute e il fitness

L’allenamento nelle arti marziali mira a portare numerosi benefici ai tirocinanti, come la loro salute fisica, mentale, emotiva e spirituale. [35]

Attraverso la pratica sistematica nelle arti marziali, la forma fisica di una persona può essere potenziata (forza, resistenza, velocità, flessibilità, coordinazione dei movimenti, ecc.) poiché tutto il corpo viene esercitato e l’intero sistema muscolare viene attivato. [ citazione necessaria ] Oltre a contribuire alla forma fisica, l’allenamento nelle arti marziali ha anche benefici per la salute mentale , contribuendo all’autostima , all’autocontrollo , al benessere emotivo e spirituale . Per questo motivo, un certo numero di scuole di arti marziali si sono concentrate esclusivamente sugli aspetti terapeutici, de-enfatizzando completamente l’aspetto storico dell’autodifesa o del combattimento. [ citazione necessaria ]

Secondo Bruce Lee , anche le arti marziali hanno la natura di un’arte, poiché esiste una comunicazione emotiva e un’espressione emotiva completa. [ citazione necessaria ]

di autodifesa, militari e forze dell’ordine

Articoli principali: combattimento corpo a corpo e autodifesa

Alcuni concetti marziali tradizionali hanno visto un nuovo utilizzo all’interno del moderno addestramento militare. Forse l’esempio più recente di questo è il tiro a segno che si basa sulla memoria muscolare per usare più efficacemente un’arma da fuoco in una varietà di situazioni imbarazzanti, proprio come uno iaidoka padroneggerebbe i movimenti con la spada.

Durante l’era della seconda guerra mondiale William E. Fairbairn ed Eric A. Sykes furono reclutati dallo Special Operations Executive (SOE) per insegnare la loro arte marziale di Defendu (a sua volta attingendo alla boxe occidentale e al Jujutsu) e il tiro con la pistola nel Regno Unito, negli Stati Uniti e Forze speciali canadesi. Il libro Kill or Get Killed , scritto dal colonnello Rex Applegate , era basato sul Defendu insegnato da Sykes e Fairbairn. Sia Get Tough di Fairbairn che Kill or Get Killed di Appelgate sono diventati opere classiche sul combattimento corpo a corpo. [ citazione necessaria ]

Le tradizionali tecniche corpo a corpo, coltello e lancia continuano a essere utilizzate nei sistemi compositi sviluppati per le guerre odierne. Esempi di questo includono European Unifight , il sistema Combatives dell’esercito americano sviluppato da Matt Larsen , KAPAP e Krav Maga dell’esercito HYPERLINK “https://en.wikipedia.org/wiki/KAPAP” \o “KAPAP”israeliano e il sistema di combattimento del Corpo dei Marines degli Stati Uniti Programma di arti marziali del Corpo dei Marines ( MCMAP ). Difese a pugnale disarmato identiche a quelle che si trovano nel manuale del Fiore dei Liberi e nel Codice Wallerstein furono integrate nei manuali di addestramento dell’esercito americano nel 1942 [36] e continuano ad influenzare i sistemi odierni insieme ad altri sistemi tradizionali come eskrima e silat . [ citazione necessaria ]

baionetta montata sul fucile che ha la sua origine nella lancia , è stata utilizzata dall’esercito degli Stati Uniti , dal Corpo dei Marines degli Stati Uniti e dall’esercito britannico fino alla guerra in Iraq . [37]

Molte arti marziali sono anche viste e utilizzate nell’addestramento corpo a corpo delle forze dell’ordine. Ad esempio, l’uso dell’aikido da parte della polizia antisommossa di Tokyo . [38]

Industria delle arti marziali

Le arti marziali dagli anni ’70 sono diventate un’industria significativa, un sottoinsieme della più ampia industria dello sport (compresi il cinema e la televisione sportiva ). [ citazione necessaria ]

Centinaia di milioni di persone in tutto il mondo praticano qualche forma di arte marziale. Web Japan (sponsorizzato dal Ministero degli Affari Esteri giapponese ) afferma che ci sono 50 milioni di praticanti di karate in tutto il mondo. [39] Il governo sudcoreano nel 2009 ha pubblicato una stima secondo cui il taekwondo è praticato da 70 milioni di persone in 190 paesi. [40]

Il valore all’ingrosso delle attrezzature sportive legate alle arti marziali spedite negli Stati Uniti è stato stimato a 314 milioni di dollari nel 2007; la partecipazione nello stesso anno è stata stimata in 6,9 milioni (dai 6 anni in su, il 2% della popolazione statunitense). [41] RA Court, CEO di Martial Arts Channel, ha dichiarato le entrate totali dell’industria statunitense delle arti marziali a 40 miliardi di dollari e il numero di praticanti statunitensi a 30 milioni nel 2003. [42 ]

Attrezzatura

Le attrezzature per arti marziali possono includere quelle utilizzate per il condizionamento, la protezione e le armi . L’equipaggiamento di condizionamento specializzato può includere assi rotanti , partner fittizi come il manichino di legno e bersagli come sacchi da boxe e makiwara . L’equipaggiamento protettivo per lo sparring e la competizione include guantoni da boxe , copricapo e paradenti . [43]

Frode nelle arti marziali

Le arti marziali asiatiche hanno conosciuto un’ondata di popolarità in Occidente durante gli anni ’70 e la crescente domanda ha portato a numerose scuole di bassa qualità o fraudolente. Alimentato da rappresentazioni immaginarie nei film di arti marziali, questo ha portato alla mania dei ninja degli anni ’80 negli Stati Uniti. [44] C’erano anche numerosi annunci fraudolenti per programmi di addestramento di arti marziali, inseriti nei fumetti intorno agli anni ’60 e ’70, che venivano letti principalmente da ragazzi adolescenti. [45]

Negli anni settanta, i ranghi inferiori ( kyu ) iniziarono a ricevere cinture colorate per mostrare il progresso. Ciò si è rivelato commercialmente fattibile e i sistemi di cinture colorate sono stati adottati in molti mulini di arti marziali (noti anche come McDojos e fabbriche di cinture ) come mezzo per generare denaro aggiuntivo. Questo è stato trattato in Penn & Teller: Bullshit! episodio “Arti marziali” (giugno 2010). [ citazione necessaria ]

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Vedi anche

Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia – Riferimenti

  1. ^“arte marziale | Definizione, storia, tipi e fatti” . Enciclopedia Britannica. Estratto il 13 gennaio 2020.
  2. ^Arciere, Paolo (2021). L’invenzione delle arti marziali: cultura popolare tra Asia e America . Stampa dell’Università di Oxford . ISBN 978-0-19-754033-6 .
  3. ^Clements, John (gennaio 2006). “Una breve introduzione alle arti marziali europee storiche” (PDF) . Rivista Meibukan (edizione speciale n. 1): 2–4. Archiviato dall’originale (PDF) il 18 marzo 2012. Estratto il 21 dicembre 2012.
  4. ^Lewis, Dan (22 aprile 1973). “La più recente mania del cinema: agenti cinesi” . Notizie Lima . P. 30. Estratto il 15 aprile 2022 – tramite NewspaperArchive . Prima ci sono stati gli “spaghetti western” made in Italy, poi sono entrati in scena gli spagnoli e sono diventati ” gaspacho western”.
    Ora ci sarà un’invasione di “spie chow mein “. È la rabbia più recente, l’agente supereroe cinese, che affronta 84 avversari contemporaneamente e li sbatte a terra – senza un’arma pericolosa, tranne le sue mani e i suoi piedi.
    Vengono qui sotto l’etichetta di “scienze marziali”, un’etichetta ombrello che comprende tutte le arti orientali dell’autodifesa, come il karate, il jujitso , il kung fu e così via.
    Sono realizzati a Hong Kong e il più grande eroe di tutti al momento, sicuramente la più grande attrazione al botteghino lì, è un volto piuttosto familiare al pubblico televisivo americano. Ricordi Bruce Lee, il veloce, agile autista orientale in “The Green Hornet”? (…) Lee ha già recitato in tre film di pugili cinesi (un’altra etichetta) e ce ne sono diverse dozzine disponibili sul mercato internazionale. Secondo quanto riferito, stanno conquistando il mercato europeo e hanno appena iniziato a infiltrarsi nella scena americana . un film di scienze marziali, un film interpretato da Bruce (Kato) Lee.
  5. ^Donn F. Draeger e P’ng Chye Khim (1979). Shaolin Lohan Kung Fu. Tuttle Editore.
  6. ^“Taekwondo in un combattimento di strada: efficace per l’autodifesa?” . http://www.sportsver.com. 28 marzo 2020. Estratto il 15 aprile 2022.
  7. ^IZSF ufficiale
  8. ^Arti marziali in Encyclopædia Iranica
  9. ^Rituali Pahlevani e Zoorkhanei ” .
  10. ^ Salta a: aBHamblin, William J. (2006). La guerra nel Vicino Oriente antico fino al 1600 aC: guerrieri sacri all’alba della storia ( Repr . ed.). New York: Routledge. P. 15 . ISBN 978-0415255899 .
  11. ^ Nash, George, “Valutare il rango e la strategia di guerra nella società preistorica di cacciatori-raccoglitori: uno studio sulle figure rappresentative dei guerrieri nell’arte rupestre del Levante spagnolo” in: M. Parker Pearson & IJN Thorpe (a cura di), Warfare, violent e la schiavitù nella preistoria: atti di una conferenza della Prehistoric Society alla Sheffield University , 2005, Archaeopress , ISBN1841718165 , 978-1841718163 , Completamente online, Università di Bristol
  12. ^“Lotta” . Enciclopedia Britannica . Estratto il 2 settembre 2019.
  13. ^Michael Poliakoff. Voce dell’Encyclopædia Britannica per la boxe” . Britannica.com. Estratto il 18 maggio 2013.
  14. ^“Biografia e introduzione di Sun Tzu: Sun Tzu The Art of War and Strategy Site di” . Sonshi. Com. Estratto il 7 novembre 2010.
  15. ^ Reid, Howard e Croucher, Michael (1983). La Via del Guerriero – Il Paradosso delle Arti Marziali . New York: Overlook Press [ ISBN mancante ][ pagina necessaria ]
  16. ^ Riyas, Atena Fathima. “Arti marziali dell’India . 20 dicembre 2022. ClearAIS . Estratto: 5 aprile 2023.
  17. ^“Attualizzazione del potere e creazione di un sé in Kalarippayattu” . spa.exeter.ac.uk. Estratto il 29 febbraio 2016.
  18. ^“Giochi romani, corse di bighe e spettacoli” . Enciclopedia della storia del mondo. Estratto il 12 novembre 2021.
  19. ^“Storia delle arti marziali” . Prima . Partecipazione e ricreazione attraverso l’educazione inclusiva alle arti marziali e l’e-learning. Estratto il 2 maggio 2023.
  20. ^ Burdick, D. (2022, 12 settembre). judo. Britannica. Estratto il 10 ottobre 2022 da https://www.britannica.com/sports/judo
  21. ^Prima . (2011, 29 novembre). Storia delle arti marziali. Estratto il 24 marzo 2023 da https://primae.eu/history-of-martial-arts/?lang=sv
  22. ^Goffredo, Emelyne (2009). “Sherlock Holmes e il mistero Baritsu “. Storia Oggi. 59 (5): 4–5 – tramite EBSCOhost.
  23. ^“Cintura di Lonsdale | boxe | Britannica” . www.britannica.com. Estratto il 1 marzo 2022.
  24. ^Berreby , David (28 agosto 1988). “Le arti marziali come produttori di denaro” . Il New York Times. Estratto il 4 dicembre 2010.
  25. ^“Jeet Kune Do” . absolutedefense.net. Archiviata dall’originale il 17 luglio 2014. Estratto il 27 maggio 2014.
  26. ^“Le origini, la storia e le regole dai primi giorni di Pancrase intorno al 1993″ . bloodyelbow.com. 29 marzo 2014. Estratto il 27 maggio 2014.
  27. ^Soldwedel , A. (2003). Shogun del 21° secolo. Cintura nera, 41 (1), 54-59.
  28. ^“arte di combattimento usata nell’UFC” . UFC. com. Archiviata dall’originale il 23 maggio 2010. Estratto il 7 novembre 2010.
  29. ^“Settore Cultura UNESCO – Patrimonio Immateriale – Convenzione 2003” . UNESCO.org.
  30. ^Tandon, Nikita. “Rivivere le arti marziali perdute dell’India” . Il salotto della poltrona. Archiviata dall’originale il 21 agosto 2018. Estratto il 1 marzo 2016.
  31. ^Manoharan, Suresh K. “Storia di Varmakalai” . www.varmam.org. Estratto il 1 marzo 2016.
  32. ^“Vivalità 101” . Palestra Straight Blast. Archiviata dall’originale il 7 gennaio 2009. Estratto il 3 novembre 2008. – Un saggio sui livelli di contatto nella formazione
  33. ^Dave Meltzer (12 novembre 2007). “Il primo UFC ha cambiato per sempre gli sport da combattimento” . Yahoo! Gli sport. Archiviata dall’originale il 4 giugno 2011. Estratto il 3 novembre 2008.
  34. ^Fu, Zhongwen (2006) [1996]. Padroneggiare il Taijiquan Stile Yang. Berkeley, California: libri di serpente blu.
  35. ^Bu, bidone; Haijun , Han; Yong, Liu; Chaohui , Zhang; Xiao Yuan , Yang; Singh, Maria Fiatarone (2010). “Effetti delle arti marziali sullo stato di salute: una revisione sistematica” . Giornale di medicina basata sulle prove. 3 (4): 205–219. doi : 1111/j.1756-5391. 2010.01107.x . PMID21349072 . S2CID 41065668 .
  36. ^Vail, Jason (2006). Combattimento con pugnale medievale e rinascimentale. Pressa Paladino. pp. 91–95.
  37. ^Sean Rayment (13 giugno 2004). “Il battaglione britannico ‘ha attaccato ogni giorno per sei settimane'” . Il telegrafo quotidiano . Londra. Archiviata dall’originale l’11 gennaio 2022. Estratto l’11 dicembre 2008.
  38. ^ Twigger, R. (1997). Pigiama bianco arrabbiato . Londra: Fenice. ISBN978-0753808580 [ pagina necessaria ]
  39. ^Arti marziali: scheda informativa”(PDF) . Web-japan.org. Archiviato (PDF) dall’originale il 13 giugno 2010. Estratto il 13 agosto 2015.
  40. ^ Kim, H.-S. (2009): Taekwondo: una nuova strategia per Brand KoreaArchiviato il 23 luglio 2011 in Wayback Machine (21 dicembre 2009). Estratto l’8 gennaio 2010.
  41. ^ Jack W. Plunkett (2009). Almanacco dell’industria sportiva di Plunkett , ISBN978-1593921408 .
  42. ^Black Belt Magazine settembre 2003, p. 20.
  43. ^“L’importanza di un paradenti quando si fa sport” . Ortodonzia Australia. 21 febbraio 2020. Estratto il 6 ottobre 2020.
  44. ^ vedi ” Il vero affare, le parole d’ordine e l’ultima tendenza Black Belt Magazine , giugno 1999, p. 78.
  45. ^Tom Heintjes (20 giugno 2017). “Gli annunci più mortali vivi! | Hogan’s Alley” . Cartoonician. Archiviata dall’originale il 25 agosto 2015. Estratto il 13 agosto 2015.

Semantica dell’articolo su Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia

  • Migliore Mental Coach per le Arti Marziali in Italia
  • Mental Coach per le Arti Marziali in Italia
  • Migliore Mental Coach per le Arti Marziali
  • Mental Coach Arti Marziali
  • Mental Coach Karate
  • Mental Coach Judo
  • Mental Coach Kickboxing
  • Mental Coach MMA
  • Mental Coach Boxe
  • Mental Coach pugilato
  • Mental Coach lotta
  • Migliore Mental Coach agonisti
  • Migliore Mental Coach squadre sportive
  • Migliore Maestro di Arti Marziali in Italia
  • Maestro di Arti Marziali in Italia
  • Migliore Maestro Arti Marziali
  • Maestro di Arti Marziali
  • Maestro di Coach Karate
  • Mental Coach Judo
  • Maestro di Coach Kickboxing
  • Maestro di MMA
  • Maestro di Boxe
  • Maestro di pugilato
  • Maestro di lotta
  • Maestro di agonisti
  • Maestro di squadre sportive
  • Corso per diventare mental coach sportivo
  • mental coach sportivo corso
  • mental coach sportivo ragazzi
  • mental coach sportivo significato
  • mental coach sportivo roma
  • mental coach sportivo online
  • mental coach sportivo famosi
  • mental coach sportivo vicino a me
  • mental coach sportivo coni

Ritiro al Rifugio e Coaching per la Crescita Personale Metodo HPM – Al Rifugio con l’autore

  • Per chi apprezza il coaching e la crescita personale è innanzitutto disponibile il Master in Coaching e Sviluppo del Potenziale Umano, Metodo HPM, tenuto da Daniele Trevisani Academy, durata 6 mesi in forma one-to-one per la massima flessibilità e adattamento alle esigenze del partecipante. Ad oggi è ritenuto da Google Scholar il migliore master online in coaching in Italia (provare la ricerca su Google “migliore master in coaching in Italia” per verificare).
  • Esiste anche, per tutti, il bisogno di fermarsi un attimo in un luogo tranquillo e immerso nella natura, fare il punto della propria situazione, e pianificare un proprio futuro ricco di significati. Farlo in presenza con l’assistenza di coach e assieme ad altri che condividono lo stesso intento è uno dei modi migliori per farlo. Ma dove? In un rifugio/wellness di montagna dove abbineremo il training in una formula speciale tra indoor e attività outdoor, dove la natura dà una mano al nostro intento.

Il weekend del 14-15 Ottobre 2023 Presso l’Hotel del Centro Fondo Campolongo (VI) si terrà quindi la 3° Edizione del ritiro di crescita personale “al Rifugio con l’Autore”. Esploreremo con le tecniche del coaching il nostro potenziale personale e quanto potenziale possiamo ancora esprimere. Per chi vuole intanto leggere un libro sul tema è disponibile il libro “Il Potenziale Umano” edito da Franco Angeli.

Per chi vuole vedere tutta la bibliografia del dott. Daniele Trevisani, da cui attingeremo, è disponibile a questo link.

I temi che tratteremo rispondono ai fondamenti del Metodo HPM:

  • lo sviluppo del benessere fisico, corporeo e bioenergetico della persona
  • la motivazione e le energie mentali, il benessere mentale
  • la crescita delle competenze strategiche
  • la capacità di pianificare un percorso di crescita personale
  • la vision, la spiritualità e la ricerca e rafforzamento della propria missione di vita (life purpose)
  • la psicologia dei nostri tempi personali (Modello T-Chart)
  • ansia, paure e stati emotivi negativi. Le competenze di leadership emozionale
  • riempirsi di gioia, speranza, ottimismo. Il modello H.E.R.O.

orari: Sabato 9.30-18

Domenica 9.30-17

Il costo previsto è di 150 euro di cui 50 tramite Eventbrite per prenotazione, e il saldo sul posto. Ai costi viene aggiunta iva con regolare fattura a fine corso. Chi ha bisogno di fattura elettronica può immettere i dati necessari tramite il form di contatto

Per qualsiasi ulteriori informazioni è disponibile il form di contatto.

Vi aspettiamo!

Maggiori informazioni sul tema della Crescita Personale

Crescita Personale e Sviluppo Personale.

Lo sviluppo personale o il miglioramento personale consiste in attività che sviluppano le capacità e il potenziale di una persona, costruiscono il capitale umano , facilitano l’occupabilità e migliorano la qualità della vita e la realizzazione di sogni e aspirazioni. [1] Lo sviluppo personale può avvenire nel corso dell’intera vita di un individuo e non è limitato a una fase della vita di una persona. Può includere azioni ufficiali e informali per lo sviluppo di altri in ruoli come insegnante, guida, consulente, manager, coach o mentore e non è limitato all’auto-aiuto. Quando lo sviluppo personale avviene nel contesto delle istituzioni , si riferisce ai metodi, ai programmi, agli strumenti, alle tecniche e ai sistemi di valutazione offerti per supportare lo sviluppo positivo degli adulti a livello individuale nelle organizzazioni . [2] [ necessaria citazione per verifica ]

Crescita Personale e Sviluppo PersonalePanoramica

Articolo principale: l’istruzione

Tra le altre cose, lo sviluppo personale può includere le seguenti attività: [3] [4] [5]

Lo sviluppo personale può anche includere lo sviluppo delle capacità e delle personalità di altre persone. [6] Ciò può avvenire attraverso ruoli come quelli di un insegnante o di un mentore, sia attraverso una competenza personale (come la presunta abilità di alcuni manager nello sviluppare il potenziale dei dipendenti) sia attraverso un servizio professionale (come fornire formazione, valutazione , o coaching). [6]

Oltre a migliorare se stessi e sviluppare gli altri, lo “sviluppo personale” identifica un campo di pratica e ricerca:

  • Come campo di pratica, lo sviluppo personale include metodi di sviluppo personale, programmi di apprendimento, sistemi di valutazione, strumenti e tecniche.
  • Come campo di ricerca, gli argomenti sullo sviluppo personale compaiono in riviste di psicologia, ricerca sull’istruzione, riviste e libri di gestione ed economia dello sviluppo umano .

Qualsiasi tipo di sviluppo – sia esso economico, politico, biologico, organizzativo o personale – richiede un quadro se si desidera sapere se un cambiamento è effettivamente avvenuto. [7] [ è necessaria la citazione per verificare ] Nel caso dello sviluppo personale, un individuo spesso funge da giudice primario del miglioramento o della regressione, ma la convalida del miglioramento oggettivo richiede una valutazione utilizzando criteri standard.

I quadri di sviluppo personale possono includere:

  • Obiettivi o parametri di riferimento che definiscono i punti finali
  • Strategie o piani per raggiungere gli obiettivi
  • Misurazione e valutazione di progressi, livelli o fasi che definiscono le pietre miliari lungo un percorso di sviluppo
  • Un sistema di feedback per fornire informazioni sui cambiamenti

Crescita Personale e Sviluppo PersonaleCome industria

Lo sviluppo personale come industria [8] ha diversi formati operativi di relazione d’affari. Le modalità principali sono business-to-consumer e business-to-business . [9] Tuttavia, sono emerse due nuove modalità: dal consumatore all’impresa e dal consumatore al consumatore . [10] Il mercato dello sviluppo personale aveva una dimensione del mercato globale di 38,28 miliardi di dollari nel 2019. [11]

Mercato business-to-consumer

Il mercato business-to-consumer prevede la vendita di libri, corsi e tecniche a privati, come ad esempio:

Alcuni programmi distribuiscono i propri contenuti online. Molti includono strumenti venduti con un programma, come libri motivazionali per l’auto-aiuto , ricette per la perdita di peso o manuali tecnici per lo yoga e programmi di arti marziali.

Un elenco parziale di offerte di sviluppo personale sul mercato business-to-individual potrebbe includere:

Crescita Personale e Sviluppo PersonaleMercato business-to-business

Alcune società di consulenza come DDI e FranklinCovey sono specializzate nello sviluppo personale, ma dal 2009 aziende generaliste operano nei settori delle risorse umane, del reclutamento e della strategia organizzativa, come Hewitt , Watson Wyatt Worldwide , Hay Group , McKinsey , Boston Consulting Group e Korn/Ferry — sono entrati in quello che percepiscono come un mercato in crescita, per non parlare delle aziende più piccole e dei liberi professionisti che forniscono consulenza, formazione e coaching. [ è necessaria una fonte non primaria ]

Crescita Personale e Sviluppo Personale. Origini

Le principali religioni, come le antiche religioni abramitiche e indiane , così come le filosofie New Age del XX secolo hanno usato varie pratiche come preghiera , musica , danza , canto , canto , poesia , scrittura , sport e arti marziali.

Michel Foucault descrive in Care of the Self [12] le tecniche di epimelia utilizzate nell’antica Grecia e a Roma, che includevano dieta , esercizio fisico , astinenza sessuale , contemplazione , preghiera e confessione , alcune delle quali divennero anche pratiche all’interno di diversi rami del cristianesimo .

Wushu e T’ai chi ch’uan utilizzano tecniche tradizionali cinesi, inclusi esercizi di respirazione ed energia , meditazione, arti marziali, nonché pratiche legate alla medicina tradizionale cinese , come dieta, massaggi e agopuntura .

Due antiche tradizioni filosofiche individuali: quelle di Aristotele (tradizione occidentale) e Confucio (tradizione orientale) spiccano [13] e contribuiscono alla visione mondiale dello “sviluppo personale” nel 21° secolo. Altrove i fondatori anonimi o nominati di scuole di autosviluppo appaiono endemici – si noti a questo proposito le tradizioni del subcontinente indiano. [14] [15] [16] [17]

Alcuni antichi indiani aspiravano a “essere, saggezza e felicità”. [18]

Paul Oliver suggerisce che la popolarità delle tradizioni indiane per uno sviluppatore personale potrebbe Khurram Murad descrive che lo sviluppo personale nell’Islam è lavorare per la vita eterna in paradiso. Il paradiso è il fine ultimo della vita. Allah ha fornito modi per aiutare coloro che lottano per la vita eterna, incluso stare lontano dalle cose del mondo. Queste cose mondane possono distrarre coloro dal sentiero verso il paradiso. Alla fine, il paradiso porterà soddisfazione a coloro che stanno lavorando al proprio sviluppo personale grazie al piacere che viene da Allah. [20]

Aristotele e la tradizione occidentale

Il filosofo greco Aristotele (384 a.C. – 322 a.C.) scrisse l’Etica Nicomachea , in cui definiva lo sviluppo personale come una categoria di phronesis o saggezza pratica, dove la pratica delle virtù ( arête ) conduce all’eudaimonia , [ 21] tradotta comunemente come “felicità ” ma più precisamente inteso come “fioritura umana” o “vivere bene”. [22] Aristotele continua a influenzare il concetto occidentale di sviluppo personale fino ad oggi, in particolare nell’economia dello sviluppo umano [23] e nella psicologia positiva . [24] [25]

Confucio e la tradizione dell’Asia orientale

Nella tradizione cinese, Confucio (intorno al 551 a.C. – 479 a.C.) fondò una filosofia in corso. Le sue idee continuano a influenzare i valori della famiglia , l’istruzione e la gestione del personale in Cina e nell’Asia orientale. Nel suo Grande Apprendimento Confucio scrisse:

Gli antichi, che vollero illustrare virtù illustri per tutto il regno, prima ordinarono bene i propri stati. Volendo ordinare bene i loro stati, regolarono prima le loro famiglie. Volendo regolare le loro famiglie, hanno prima coltivato le loro persone. Desiderando coltivare la loro persona, prima hanno rettificato i loro cuori. Desiderando rettificare i loro cuori, prima cercarono di essere sinceri nei loro pensieri. Volendo essere sinceri nei loro pensieri, hanno prima esteso al massimo la loro conoscenza. Tale estensione della conoscenza risiedeva nell’investigazione delle cose. [26]

Crescita Personale e Sviluppo PersonaleContesti

Psicologia

La psicologia è stata collegata allo sviluppo personale all’inizio del XX secolo a partire dagli sforzi di ricerca di Alfred Adler (1870-1937) e Carl Jung (1875-1961).

Adler ha rifiutato di limitare la psicologia alla sola analisi. Ha sottolineato l’importanza che le aspirazioni si concentrano sul guardare avanti e non si limitano a pulsioni inconsce o alle esperienze infantili. [27] Ha anche originato i concetti di stile di vita (1929 – definì “stile di vita” come approccio caratteristico di un individuo alla vita, nell’affrontare i problemi) e di immagine di , [27] come concetto che ha influenzato la gestione sotto il titolo di lavoro -equilibrio della vita , noto anche come l’equilibrio tra la carriera e la vita personale di una persona. [28]

Carl Gustav Jung ha contribuito allo sviluppo personale con il suo concetto di individuazione , che vedeva come la spinta dell’individuo a raggiungere la totalità e l’equilibrio del . [29]

Daniel Levinson (1920–1994) sviluppò il primo concetto di Jung di ” fasi della vita ” e incluse una prospettiva sociologica. Levinson ha proposto che lo sviluppo personale rientri nell’influenza, per tutta la vita , delle aspirazioni, che ha chiamato “il sogno”:

Qualunque sia la natura del suo sogno, un giovane ha il compito evolutivo di dargli una maggiore definizione e trovare modi per viverlo. Fa una grande differenza nella sua crescita il fatto che la sua struttura di vita iniziale sia consona e infusa dal Sogno o sia contraria ad esso. Se il sogno rimane scollegato dalla sua vita, potrebbe semplicemente morire, e con esso il suo senso di vitalità e scopo. [30]

La ricerca sul successo nel raggiungimento degli obiettivi, intrapresa da Albert Bandura (1925-2021), ha suggerito che l’autoefficacia [31] spiega meglio perché le persone con lo stesso livello di conoscenza e abilità ottengono risultati molto diversi. Avere autoefficacia porta ad una maggiore probabilità di successo. Secondo Bandura la fiducia in se stessi funziona come un potente predittore di successo perché: [32]

  1. Ti fa aspettare di avere successo
  2. Ti permette di correre dei rischi e fissare obiettivi impegnativi
  3. Ti aiuta a continuare a provare se all’inizio non ci riesci
  4. Ti aiuta a controllare le emozioni e le paure quando la vita può farti affrontare cose più difficili

Nel 1998 Martin Seligman vinse l’elezione per un mandato di un anno come presidente dell’American Psychological Association e propose un nuovo focus: sugli individui sani [33] [34] piuttosto che sulla patologia (ha creato la corrente della “psicologia positiva”)

Abbiamo scoperto che esiste una serie di punti di forza umani che sono i più probabili respingenti contro la malattia mentale: coraggio, ottimismo, abilità interpersonali, etica del lavoro, speranza, onestà e perseveranza. Gran parte del compito della prevenzione sarà quello di creare una scienza della forza umana la cui missione sarà quella di promuovere queste virtù nei giovani. [35] [ è necessaria la citazione completa ]

Martin EP Seligman, Psicologia positiva: le esplorazioni scientifiche e pratiche delle forze umane, parte 1, capitolo 1

[36]

Crescita Personale e Sviluppo PersonalePsicologia sociale

La psicologia sociale [37] enfatizza fortemente e si concentra sul comportamento umano e su come gli individui interagiscono con gli altri nella società. [38] I neonati si sviluppano socialmente creando relazioni di fiducia e dipendenza con gli altri, vale a dire le figure genitoriali. Imparano come comportarsi e trattare le altre persone sulla base dell’esempio delle figure genitoriali e di altri adulti con cui interagiscono spesso. [39] I bambini sviluppano ulteriormente le abilità sociali. Inoltre, iniziano ad acquisire un desiderio di autonomia e diventano sempre più indipendenti man mano che invecchiano. L’equilibrio tra coinvolgimento sociale e autonomia varia da persona a persona, ma normalmente il comportamento autonomo aumenta con l’età. Alcuni studi suggeriscono che l’egoismo inizia a diminuire e i comportamenti prosociali aumentano, tra i sei ei dodici anni. [40] Inoltre, gli anni dell’età adulta sono periodi di sviluppo – autorealizzazione, sviluppo relazionale e lavorativo, perdita e sviluppo delle capacità di coping, ecc. – influenzati da coloro che ci circondano: genitori, colleghi di lavoro, partner romantici e figli . La psicologia sociale attinge da molte altre teorie e principi psicologici, ma li vede attraverso una lente di interazione sociale.

Crescita Personale e Sviluppo PersonalePsicologia psicodinamica

La visione psicodinamica dello sviluppo personale varia da altre prospettive. Vale a dire, che lo sviluppo dei nostri tratti, personalità e schemi di pensiero è prevalentemente subconscio. [41] La teoria psicodinamica suggerisce che questi cambiamenti subconsci – che emergono come azioni esterne – sono formati da impulsi sessuali e aggressivi soppressi e altri conflitti interiorizzati. [42] Sigmund Freud e altri importanti teorici psicodinamici postulano che queste cognizioni represse si formino durante l’infanzia e l’adolescenza. Lo sviluppo cosciente sarebbe quindi “dissotterrare” questi ricordi e sentimenti repressi. Una volta scoperti i ricordi e le emozioni represse, un individuo può setacciarli e ricevere una sana chiusura. [43] Gran parte, se non tutto, dello sviluppo cosciente avviene con l’aiuto di un terapeuta psicodinamico qualificato.

Crescita Personale e Sviluppo PersonalePsicologia cognitivo-comportamentale

Le opinioni cognitivo-comportamentali sullo sviluppo personale seguono i modelli tradizionali di sviluppo personale: la modifica del comportamento , la ristrutturazione cognitiva e l’approssimazione successiva sono alcune delle tecniche più importanti. [44] Un individuo è visto come in controllo delle proprie azioni e dei propri pensieri, sebbene sia richiesta padronanza di sé. Con la modifica del comportamento, gli individui svilupperanno abilità e tratti personali alterando il loro comportamento indipendentemente dalle loro emozioni. [44] Ad esempio, una persona può provare rabbia intensa ma si comporterebbe comunque in modo positivo. Sono in grado di sopprimere le proprie emozioni e agire in un modo socialmente più accettabile. L’accumulo di questi sforzi trasformerebbe la persona in un individuo più paziente. La ristrutturazione cognitiva svolge un ruolo strumentale nello sviluppo personale. [45] Gli psicologi cognitivo-comportamentali ritengono che il modo in cui vediamo gli eventi sia più importante dell’evento stesso. Pertanto, se si possono vedere gli eventi negativi in modo benefico, possono progredire e svilupparsi con meno battute d’arresto. [46] L’approssimazione successiva, o modellatura , si allinea maggiormente con lo sviluppo personale. L’approssimazione successiva è quando si desidera un risultato finale ma si compiono passi incrementali per raggiungere il risultato. Normalmente, ogni passo riuscito verso l’obiettivo finale viene premiato fino al raggiungimento dell’obiettivo. Lo sviluppo personale, se deve essere duraturo, si ottiene in modo incrementale. [44]

Crescita Personale e Sviluppo PersonalePsicologia educativa

La psicologia dell’educazione si concentra sull’esperienza di apprendimento umano: metodi di apprendimento e insegnamento, test attitudinali e così via. [47] La psicologia dell’educazione cerca di favorire lo sviluppo personale aumentando la capacità di apprendere, conservare le informazioni e applicare la conoscenza alle esperienze del mondo reale. Se si è in grado di aumentare l’efficacia dell’apprendimento, si è meglio attrezzati per lo sviluppo personale.

Crescita Personale e Sviluppo PersonalePrima educazione

L’istruzione offre ai bambini l’opportunità di iniziare lo sviluppo personale in giovane età. Il curriculum insegnato a scuola deve essere attentamente pianificato e gestito al fine di promuovere con successo lo sviluppo personale. [48] Fornire ai bambini un ambiente che consenta la creazione di relazioni sociali di qualità e la comunicazione chiara di obiettivi e finalità è fondamentale per il loro sviluppo. Se l’istruzione precoce non riesce a soddisfare queste qualifiche, può ostacolare notevolmente lo sviluppo dei bambini, ostacolando il loro successo nell’istruzione e nella società. Possono rimanere indietro nello sviluppo rispetto ai coetanei della stessa fascia di età. [48]

Istruzione superiore

Durante gli anni ’60 un forte aumento del numero di studenti nei campus americani [49] ha portato alla ricerca sui bisogni di sviluppo personale degli studenti universitari. Arthur Chickering ha definito sette vettori di sviluppo personale [50] per i giovani adulti durante i loro anni universitari:

  1. Sviluppare la competenza
  2. Gestire le emozioni
  3. Raggiungere l’autonomia e l’interdipendenza
  4. Sviluppare relazioni interpersonali mature
  5. Stabilire l’identità personale
  6. Scopo di sviluppo
  7. Sviluppare l’integrità

Nel Regno Unito, lo sviluppo personale ha assunto un posto centrale nella politica universitaria nel 1997, quando il Rapporto Dearing [51] [52] ha dichiarato che le università dovrebbero andare oltre l’insegnamento accademico per fornire agli studenti uno sviluppo personale. [53] Nel 2001 un’agenzia di valutazione della qualità per le università del Regno Unito ha prodotto linee guida [54] per le università per migliorare lo sviluppo personale come:

  • un processo strutturato e supportato intrapreso da un individuo per riflettere sul proprio apprendimento, rendimento e/o successo e per pianificare il proprio sviluppo personale, educativo e professionale;
  • obiettivi legati esplicitamente allo sviluppo degli studenti; migliorare la capacità degli studenti di capire cosa e come stanno imparando e di rivedere, pianificare e assumersi la responsabilità del proprio apprendimento

Negli anni ’90, le business school hanno iniziato a istituire specifici programmi di sviluppo personale per la leadership e l’orientamento professionale e nel 1998 la Fondazione europea per lo sviluppo manageriale ha istituito il sistema di accreditamento EQUIS che specificava che lo sviluppo personale doveva far parte del processo di apprendimento attraverso stage, lavorare su progetti di gruppo e recarsi all’estero per lavoro o programmi di scambio. [55] [ citazione necessaria ]

La prima certificazione di sviluppo personale richiesta per il diploma di business school è nata nel 2002 come partnership tra Metizo, una società di consulenza per lo sviluppo personale, e la Euromed Management School [56] di Marsiglia: gli studenti non devono solo completare i compiti, ma anche dimostrare consapevolezza di sé e raggiungimento delle competenze di sviluppo personale. [57]

In quanto dipartimento accademico, lo sviluppo personale come disciplina specifica è spesso associato alle business school. [58] Come area di ricerca, lo sviluppo personale attinge a collegamenti con altre discipline accademiche:

  • Educazione per questioni di apprendimento e valutazione
  • Psicologia per la motivazione e la personalità
  • Sociologia dell’identità e delle reti sociali
  • Economia per il capitale umano e valore economico
  • Filosofia per l’etica e l’autoriflessione

Crescita Personale e Sviluppo PersonaleAttività di sviluppo

Lo sviluppo personale può includere l’acquisizione della consapevolezza di sé nel corso della propria vita. Include più definizioni ma è diverso dalla conoscenza di sé. La consapevolezza di sé è più approfondita ed esplora gli aspetti consci e inconsci di noi stessi. Siamo in grado di acquisire consapevolezza di sé attraverso la socializzazione e la comunicazione secondo la visione del comportamentismo sociale. La consapevolezza di sé può anche essere un’esperienza intrapersonale positiva in cui si è in grado di riflettere durante un momento di azione o azioni passate. Diventare più consapevoli di noi stessi può aiutarci ad aumentare la nostra intelligenza emotiva, le capacità di leadership e le prestazioni. [59]

Crescita Personale e Sviluppo PersonaleLuogo di lavoro

Abraham Maslow (1908-1970), ha proposto una gerarchia di bisogni con l’autorealizzazione al vertice, definita come “il desiderio di diventare sempre di più ciò che si è, di diventare tutto ciò che si è capaci di diventare”. In altre parole, l’autorealizzazione è l’ambizione di diventare una versione migliore di se stessi, di diventare tutto ciò che si è capaci di essere. [60]

Poiché lo stesso Maslow credeva che solo una piccola minoranza di persone si autorealizzasse – stimò l’uno per cento [61] – la sua gerarchia dei bisogni ebbe come conseguenza che le organizzazioni arrivarono a considerare l’autorealizzazione o lo sviluppo personale come avvenuti al vertice della piramide organizzativa , mentre l’apertura e la sicurezza del posto di lavoro soddisferebbero le esigenze della massa dei lavoratori. [62] [63]

Man mano che le organizzazioni ei mercati del lavoro sono diventati più globali, la responsabilità dello sviluppo si è spostata dall’azienda all’individuo. [ chiarimento necessario ] Nel 1999 il pensatore di management Peter Drucker scrisse sulla Harvard Business Review :

Viviamo in un’epoca di opportunità senza precedenti: se hai ambizione e intelligenza, puoi raggiungere i vertici della professione che hai scelto, indipendentemente da dove hai iniziato. Ma con l’opportunità arriva la responsabilità. Le aziende oggi non gestiscono la carriera dei propri dipendenti; i lavoratori della conoscenza devono, effettivamente, essere gli amministratori delegati di se stessi. Sta a te ritagliarti il tuo posto, sapere quando cambiare rotta e mantenerti impegnato e produttivo durante una vita lavorativa che può durare circa 50 anni. [64] [ pagina necessaria ]

I professori di management Sumantra Ghoshal della London Business School e Christopher Bartlett della Harvard Business School hanno scritto nel 1997 che le aziende devono gestire le persone individualmente e stabilire un nuovo contratto di lavoro. [65] Da un lato, l’azienda dovrebbe riconoscere che lo sviluppo personale crea valore economico: “l’andamento del mercato non scaturisce dalla saggezza onnipotente dei top manager ma dall’iniziativa, dalla creatività e dalle capacità di tutti i dipendenti”. [66] D’altra parte, i dipendenti dovrebbero riconoscere che il loro lavoro include lo sviluppo personale e “abbracciare la forza rinvigorente dell’apprendimento continuo e dello sviluppo personale”. [67]

La pubblicazione nel 1997 di Ghoshal’s and Bartlett’s Individualized Corporation corrispondeva a un cambiamento nello sviluppo della carriera da un sistema di percorsi predefiniti definiti dalle aziende, a una strategia definita dall’individuo e adattata ai bisogni delle organizzazioni in un panorama aperto di possibilità. [68] [ Fonte non primaria necessaria ] Un altro contributo allo studio dello sviluppo della carriera è venuto con il riconoscimento che le carriere delle donne mostrano bisogni personali specifici e diversi percorsi di sviluppo rispetto agli uomini. Lo studio del 2007 sulle carriere delle donne di Sylvia Ann Hewlett Off-Ramps and On-Ramps [69] ha avuto un impatto importante sul modo in cui le aziende vedono le carriere. [70] [71] Ulteriore lavoro sulla carriera come processo di sviluppo personale è venuto dallo studio di Herminia Ibarra nel suo Working Identity sul rapporto con il cambiamento di carriera e il cambiamento di identità, [72] indicando che le priorità del lavoro e dello stile di vita si sviluppano continuamente attraverso la vita .

I programmi di sviluppo personale nelle aziende si dividono in due categorie: la fornitura di benefici per i dipendenti e la promozione di strategie di sviluppo.

I sondaggi sui dipendenti possono aiutare le organizzazioni a scoprire esigenze, preferenze e problemi di sviluppo personale e utilizzano i risultati per progettare programmi di benefit. [73] I programmi tipici di questa categoria includono: [73]

Come investimento, i programmi di sviluppo personale hanno l’obiettivo di aumentare il capitale umano o migliorare la produttività , l’innovazione o la qualità. I fautori in realtà vedono tali programmi non come un costo ma come un investimento con risultati legati agli obiettivi di sviluppo strategico di un’organizzazione. [74] I dipendenti ottengono l’accesso a questi programmi orientati agli investimenti mediante selezione in base al valore e al potenziale futuro del dipendente, generalmente definito in un’architettura di gestione dei talenti che include popolazioni come nuovi assunti, dipendenti percepiti ad alto potenziale, dipendenti percepiti chiave, vendite personale, personale di ricerca e futuri leader percepiti. [73] Le organizzazioni possono anche offrire altri programmi (non orientati agli investimenti) a molti o addirittura a tutti i dipendenti. Lo sviluppo personale costituisce anche un elemento in strumenti di gestione come la pianificazione dello sviluppo personale, la valutazione del proprio livello di abilità utilizzando una griglia di competenze o l’ottenimento di feedback da un questionario a 360 gradi compilato da colleghi a diversi livelli nell’organizzazione. [73]

Una critica comune [75] che circonda i programmi di sviluppo personale è che sono spesso trattati come uno strumento arbitrario di gestione delle prestazioni a cui prestare adesione formale, ma alla fine ignorati. Pertanto, molte aziende hanno deciso di sostituire i programmi di sviluppo personale con Obiettivi di sviluppo personale SMART, che vengono regolarmente rivisti e aggiornati. Gli obiettivi di sviluppo personale aiutano i dipendenti a raggiungere gli obiettivi di carriera e a migliorare le prestazioni complessive.

Crescita Personale e Sviluppo PersonaleGuarda anche

Crescita Personale e Sviluppo PersonaleRiferimenti

  1. ^“Personal Development | definizione nel Cambridge English Dictionary” . dizionario.cambridge.org. Estratto il 10/12/2020.
  2. ^ Bob Aubrey (2010), Gestire le tue aspirazioni: sviluppare un’impresa personale nel posto di lavoro globale . McGraw Hill, ISBN978-0071311786 , pag. 9.
  3. ^Clegg, Sue; Bradley, Sally (2013). “Modelli di pianificazione dello sviluppo personale: pratica e processi” . Giornale britannico di ricerca educativa. 32 (1): 57–76. doi : 1080/01411920500402003 . ISSN 0141-1926 .
  4. ^Gough, David; Kiwan, Dina; Suttcliffe, Katy; Simpson, Paperino; Houghton, Nicholas (2006). “Una mappa sistematica e una revisione di sintesi dell’efficacia della pianificazione dello sviluppo personale per migliorare l’apprendimento degli studenti” .
  5. ^Anderson, Brittney K.; Meyer, John P.; Vater, Chelsea; Espinoza, José A. (2020-08-01). “Misurare la crescita e lo sviluppo personale nel contesto: prove di validità nei contesti educativi e lavorativi” . Rivista di studi sulla felicità. 21 (6): 2141–2167. doi : 1007/s10902-019-00176-w . hdl : 20.500.11937/76647 . ISSN 1573-7780 . S2CID 203449127 .
  6. ^ Salta a: aB Phenix, Philip H. (1982). “Promuovere lo sviluppo personale attraverso l’insegnamento” . Record del college degli insegnanti: la voce della borsa di studio nell’istruzione. 84 (2): 301–316. doi : 1177/016146818208400206 . ISSN 0161-4681 . S2CID 140791247 .
  7. ^ Bob Aubrey, Measure of Man: leading human development McGraw-Hill 2016 ISBN978-9814660648 , pag. 15
  8. ^ Alcune fonti riconoscono lo sviluppo personale come un “settore”: vedi, ad esempio: Cullen, John G. (2009). “Come vendere la tua anima ed entrare comunque in paradiso: la tecnologia che induce l’epifania di un’individualità efficace di Steven Covey”(PDF) . Relazioni umane . Pubblicazioni sagge. 62 (8): 1231–1254. doi : 1177/0018726709334493 . ISSN 0018-7267 . S2CID 145181366 . La crescita dell’industria dello sviluppo personale e dei suoi guru continua a essere contrastata in una serie di generi. E: Grant, Anthony M.; Blythe O’Hara (novembre 2006). “L’auto-presentazione delle scuole di life coaching australiane commerciali: motivo di preoccupazione?” (PDF) . Revisione internazionale della psicologia del coaching. Leicester: La Società Psicologica Britannica . 1 (2): 21–33 [29]. doi : 10.53841/bpsicpr.2006.1.2.21 . ISSN 1750-2764 . S2CID 79131666 . Estratto 2010-04-28. … gran parte del settore del life coaching commerciale e dello sviluppo personale si basa più sull’iperbole e sulla retorica che su una solida scienza comportamentale (Grant, 2001) … E: Grant, Anthony M.; Michael J. Cavanagh (dicembre 2007). “Coaching basato sull’evidenza: fiorente o languente?”. Psicologo australiano. Società psicologica australiana . 42 (4): 239–254. doi : 10.1080/00050060701648175 . ISSN 1742-9544 . Per prosperare, la psicologia del coaching deve rimanere chiaramente differenziata dagli aspetti spesso sensazionalistici e pseudoscientifici dell’industria dello sviluppo personale, impegnandosi allo stesso tempo nello sviluppo della più ampia industria del coaching.
  9. ^“Differenze tra B2C e B2B nei sistemi aziendali” . Piccole imprese – Chron.com. Estratto il 20/11/2021.
  10. ^“Il marketing è tutto” . Rassegna aziendale di Harvard. 1991-01-01. ISSN0017-8012 . Estratto il 10/12/2020.
  11. ^“Rapporto sulle dimensioni del mercato dello sviluppo personale, 2020-2027” . www.grandviewresearch.com. Estratto il 10/12/2020.
  12. ^Foucault, Michel , ed. (1986). Cura di sé. vol. 2. Casa casuale. Tradotto dal francese Le Souci de Soi edizioni Gallimard 1984. La seconda parte del libro di Foucault descrive la tecnica della cura dell’anima che rientra nella categoria dell’epimeleia dal periodo greco al periodo romano classico e nelle prime fasi dell’età del cristianesimo .
  13. ^van der Kooij, Jacomijn C.; de Ruyter, Doret J.; Miedema, Siebren (2015-07-03). “L’influenza dell’educazione morale sulla visione del mondo personale degli studenti” . Giornale di educazione morale. 44 (3): 346–363. doi : 1080/03057240.2015.1048790 . ISSN0305-7240 . S2CID 17075284 .
  14. ^ Ad esempio: Singhvi, LM (2003). “Jainismo”. In Palmer, Martin (a cura di). Fede nella conservazione: nuovi approcci alle religioni e all’ambiente . Direzioni della Banca mondiale nello sviluppo. Washington, DC: pubblicazioni della Banca mondiale. pp. 107–108. ISBN978-0821355596 . Estratto il 20 settembre 2020 . I giainisti credono che per raggiungere gli stadi più elevati dello sviluppo personale, i laici debbano aderire ai tre gioielli ( rarna-traya ), vale a dire visione del mondo illuminata, vera conoscenza e condotta basata su una visione del mondo illuminata e vera conoscenza.
  15. ^ Ad esempio: Hershock, Peter D. (2005). “Le radici buddiste di Chan”. Buddismo Chan . Dimensioni della spiritualità asiatica. vol. 2. Honolulu: University of Hawaii Press. P. 26. ISBN978-0824828356 . Estratto il 20 settembre 2020 . Il Theravada considera l’ arhat , o “santo”, l’ideale dello sviluppo personale: un praticante buddista che ha realizzato la cessazione di tutte le forme di pensiero e azione intricate e che ha smesso di creare qualsiasi karma che avrebbe continua a girare la ruota della nascita e della morte.
  16. ^ Per esempio: Mansukhani, Gobind Singh (1968). Introduzione al sikhismo: 100 domande e risposte di base sulla religione e la storia sikh (2 ed.). Casa del libro dell’India. P. 60. Estratto il 20 settembre 2020. Quali sono le fasi dello sviluppo spirituale, secondo il Sikhismo? La realizzazione spirituale è una questione di sviluppo personale.
  17. ^ Ad esempio: Scheid, Daniel P. (2016). “Tradizioni indù: ecologia dharmica”. Il bene comune cosmico: motivi religiosi per l’etica ecologica . New York: Stampa dell’Università di Oxford. P. 128. ISBN978-0199359431 . Estratto il 20 settembre 2020 . Dharma comprende una teoria della virtù e dello sviluppo personale, oltre a stabilire regole etiche dettagliate e gli obblighi religiosi che si devono adempiere.
  18. ^Ventegodt, Søren; Joav Merrick; Niels Jørgen Andersen (ottobre 2003). “Teoria della qualità della vita III. Maslow rivisitato” . Il giornale del mondo scientifico . Finlandia: Corpus Alienum Oy. 3 (3): 1050–1057. doi : 1100/tsw.2003.84 . ISSN1537-744X . PMC 5974881 . PMID 14570995 . Nell’antica India si parlava di raggiungere il livello di esistenza chiamato ‘sat-sit-ananda’: senso di essere, saggezza e felicità come uno.
  19. ^Oliver, Paolo (2014). “Yoga, misticismo e coscienza spirituale”. Induismo e anni ’60: l’ascesa di una controcultura . Londra: Bloomsbury Publishing. P. 132. ISBN978-1472530783 . Estratto il 20 settembre 2020 . I giovani [degli anni ’60] … cercavano filosofie e visioni del mondo che enfatizzassero la vita interiore e la ricerca dello sviluppo personale. Questo forse spiega l’attrattiva dell’esperienza religiosa indiana dell’epoca, nel senso che si concentrava meno sull’adesione alle scritture e agli insegnamenti formali e più sulla ricerca spirituale personale dell’individuo.
  20. ^Murad, Khurram (2006). Autosviluppo. Pataudi House, Daryagunj, Nuova Delhi: Adam Publishers & Distributors. pp. 8-10. ISBN8174354824 .
  21. ^Nicomachean Ethics , tradotto da WDRoss, Basic Works of Aristotle , sezione 1142. Online in “The Internet Classics Archive of MIT”: http://classics.mit.edu//Aristotle/nicomachaen.html
  22. ^ Martha Nussbaum, The Fragility of Goodness , Cambridge University Press, discute perché la parola inglese felicità non descrive il concetto di eudaimonia di Aristotele , pagine 1–6.
  23. ^ Il vincitore del premio Nobel Amartya Sen identifica lo sviluppo economico con i concetti di sviluppo individuale di Aristotele nel suo libro scritto insieme allo studioso di Aristotele Nussbaum: Nussbaum , Martha ; Sen, Amartya , eds. (1993). La qualità della vita. Oxford: Clarendon Press. ISBN978-0198283959 . E nel suo libro generale pubblicato un anno dopo aver ricevuto il Premio Nobel per l’Economia nel 1998: Sen, Amartya (1999). Sviluppo come Libertà. Oxford: Pressa dell’Università di Oxford.
  24. ^ Daniel Seligman identifica esplicitamente gli obiettivi della psicologia positiva con l’idea di Aristotele della “buona vita” e dell’eudaimonia in Seligman, Martin EP (2002). Felicità autentica: usare la nuova psicologia positiva per realizzare il tuo potenziale di realizzazione duratura.New York: Free Press. ISBN0743222970 (Edizione tascabile, Free Press, 2004, ISBN0743222989 ).
  25. ^Marshall, Chris. Hack your brain: un modo rapido per cambiare
  26. ^ Confucio, Great Learning , tradotto da James Legge. Fornito online in The Internet Classics Archive del MIT .
  27. ^ Salta a: ab Heinz Ansbacher e Rowena R Ansbacher (1964), Individual Psychology of Alfred Adler , Basic Books, 1956. Si veda in particolare il capitolo 3 su Finalismo e finzione e il capitolo 7 sullo stile di vita.
  28. ^ Lockwood, NR (2003). Equilibrio lavoro/vita. Sfide e soluzioni, SHRM Research, USA , 2-10.
  29. ^ Jung vedeva l’individuazione come un processo di differenziazione psicologica, avente come obiettivo lo sviluppo della personalità individuale. CGJung. Tipi psicologici . Opere raccolte , vol. 6., par. 757.
  30. ^ Daniel Levinson, Stagioni della vita di un uomo , Ballantine Press, 1978, pp. 91–92.
  31. ^ Alberto Bandura (1997). Autoefficacia: l’esercizio del controllo. New York: uomo libero.
  32. ^ Albert Bandura, Self-Efficacy: The Exercise of Control , WH Freeman and Company, New York, 1998, p. 184.
  33. ^Sze, David (17 giugno 2015). “Il padre della psicologia positiva e le sue due teorie della felicità” . Estratto il 7 dicembre 2019.
  34. ^“Chi è Martin Seligman e cosa fa?” . 20 settembre 2016.
  35. ^ Martin Seligman, “Costruire la forza umana: la missione dimenticata della psicologia”, vol. 29, n. 1, gennaio 1998
  36. ^Lopez, Shane J.; Pedrotti, Jennifer Teramoto; Snyder, CR (2018-08-06). Psicologia positiva: le esplorazioni scientifiche e pratiche delle forze umane . SAGGIO Pubblicazioni. ISBN978-1-5443-4175-0 .
  37. ^“APA.org” .
  38. ^Parke, Ross D. (2020). “Sviluppo sociale” . Enciclopedia di psicologia della ricerca di Oxford. doi : 1093/acrefore/9780190236557.013.520 . ISBN978-0-19-023655-7 .
  39. ^The St. Petersburg—USA Orphanage Research Team (2008). “I. Razionale teorico, empirico e pratico” . Monografie della Society for Research in Child Development. 73 (3): vii-295. doi : 1111/j.1540-5834.2008.00483.x . PMC2702123 . PMID 19121007 .
  40. ^Sviluppo durante la mezza infanzia: gli anni dai sei ai dodici anni . National Academies Press (Stati Uniti). 1984.
  41. ^Bargh, JA; Morsella, E. (2008). “La mente inconscia” . Prospettive sulla scienza psicologica. 3 (1): 73–79. doi : 1111/j.1745-6916.2008.00064.x . PMC2440575 . PMID 18584056 .
  42. ^Glen o. Gabbard, MD (2014). Psichiatria psicodinamica nella pratica clinica, quinta edizione . ISBN978-1585624430 .
  43. ^“Il distanziamento delle emozioni in psicoterapia” .
  44. ^ Salta a: aBC “Cos’è la terapia cognitivo comportamentale?” .
  45. ^ Buon amico, W., e Arriaga, XB (2018). Riformulazione cognitiva dell’aggressività del partner intimo: influenze sociali e contestuali. Rivista internazionale di ricerca ambientale e salute pubblica , 15 (11), 2464.
  46. ^Levy, Hannah C.; Stevens, Kimberly T.; Tolin, David F. (23-07-2021). “Research Review: una meta analisi dei tassi di ricaduta nella terapia cognitivo comportamentale per l’ansia e i disturbi correlati nei giovani” . Giornale di psicologia infantile e psichiatria. 63 (3): 252–260. doi : 1111/jcpp.13486 . ISSN0021-9630 . PMID 34296755 . S2CID 236198764 .
  47. ^“La psicologia dell’educazione promuove l’insegnamento e l’apprendimento” .
  48. ^ Salta a: ab Tattum, D. e Tattum, E. (2017). Educazione sociale e sviluppo personale . Routledge.
  49. ^ Vedi ad esempio le cifre per Cuba: ” Istruzione superiore Statistiche cubane e pubblicazioni correlate. Centro per gli studi sulla popolazione e lo sviluppo dell’Ufficio nazionale di statistica. Estratto 2009-07-17.
  50. ^ Arthur Chickering, Istruzione e identità (San Francisco: Jossey-Bass, 1969); Seconda edizione aggiornata con Linda Reisser, pubblicata nel 1993 da Jossey-Bass.
  51. ^ The Dearing Report of 1997: vedere il sito web dell’Università di Leeds: http://www.leeds.ac.uk/educol/ncihe/
  52. ^Chalkley, Brian (marzo 1998). “Arena Symposium: Dearing e Geografia” . Giornale di geografia nell’istruzione superiore . 22 (1): 55-60. doi : 1080/03098269886029 . ISSN0309-8265 .
  53. ^Caro, Ron. “L’istruzione superiore nella società dell’apprendimento” . Estratto il 12 dicembre 2019.
  54. ^ Queste definizioni e linee guida appaiono sul sito web della UK Academy of Higher Education: “Higher Education Academy – Personal development planning (PDP) page” . Archiviata dall’originale il 20-12-2008. Estratto il 20/12/2008.
  55. ^Hedmo, Sahlin-Andersson & Wedlin, Tina, Kerstin & Linda. “L’emergere di un settore normativo europeo della formazione manageriale – Standardizzazione attraverso l’accreditamento, la classificazione e le linee guida”. Centro di Stoccolma per la ricerca organizzativa: Università di Stoccolma. CiteSeerX1.1.198.3080 .
  56. ^ I componenti dei programmi di sviluppo personale di Euromed Management School compaiono sul sito web della scuola: “Approccio didattico di Euromed Management – School of Management” . Archiviata dall’originale il 2009-02-18. Estratto 2009-02-18.
  57. ^Hokayem, Jihad El; Kairouz, Akl (20-03-2014). “Euro-med: Management Pubblico e Buon Governo Locale” . Procedia – Scienze sociali e comportamentali. Sfide e innovazioni nella gestione e nella leadership. 124 : 528–535. doi : 1016/j.sbspro.2014.02.516 . ISSN1877-0428 .
  58. ^Wang, Lisa; Calvano, Lisa (2018-07-04). “Capire come la pedagogia dell’apprendimento dei servizi influisce sugli obiettivi di apprendimento degli studenti” . Giornale di educazione per le imprese. 93 (5): 204–212. doi : 1080/08832323.2018.1444574 . ISSN0883-2323 . S2CID 196115077 .
  59. ^Carden, Giulia; Jones, Rebecca J.; Passmore, Jonathan (2021). “Definizione della consapevolezza di sé nel contesto dello sviluppo degli adulti: una revisione sistematica della letteratura”. Journal of Management Education (pubblicato nel 2022). 46 (1): 140–177. doi : 1177/1052562921990065 . S2CID233838278 – tramite Business Source Primer.
  60. ^ Abraham Maslow, “A Theory of Human Motivation”, originariamente pubblicato su Psychological Review nel 1943 , numero 50, pagina 838.
  61. ^ Maslow, AH (1996). Maggiore motivazione e nuova psicologia. In E. Hoffman (a cura di), Visioni future: i documenti inediti di Abraham Maslow. Thousand Oaks, CA: Salvia, p. 89.
  62. ^“Elementi di cambiamento: sviluppo personale”(PDF) . Estratto il 7 dicembre 2019.
  63. ^Mittelman, Willard (gennaio 1991). “Lo studio di Maslow sull’autorealizzazione: una reinterpretazione” . Rivista di psicologia umanistica. 31 (1): 114–135. doi : 1177/0022167891311010 . ISSN0022-1678 . S2CID 144849415 .
  64. ^ Peter F. Drucker, “Managing Oneself”, Il meglio di HBR 1999.
  65. ^Ghoshal, Sumantra ; Bartlett, Christopher A. (1997) La società individualizzata: un approccio fondamentalmente nuovo alla gestione, HarperCollins, p. 286.
  66. ^“Creare valore attraverso le persone” , Business Performance Excellence, Bloomsbury Information Ltd, 2012, doi : 5040/9781472920430.0032 , ISBN978-1-4729-2043-0 , recuperato il 22-01-2022
  67. ^Pandit, Shrinivas (2005). CEO esemplari: approfondimenti sulla trasformazione organizzativa . Tata McGraw Hill. P. 238. ISBN0070588120 .
  68. ^Ghosal, Sumantra; Bartlett, Christopher A. (1997). La società individualizzata. New York: affari di Harper.
  69. ^ Hewlett, Sylvia Ann (2007), Off-Ramps e On-Ramps, Harvard Business School Press. Questo libro mostra come le donne hanno iniziato a cambiare il tradizionale percorso di carriera e come le aziende si adattano ai problemi di carriera/stile di vita sia per gli uomini che per le donne.
  70. ^Quasto, Lisa. “Le carriere fuori rampa stanno mettendo a dura prova le carriere delle donne” . Forbes. Estratto il 7 dicembre 2019.
  71. ^“Creare valore attraverso le persone” , Business Performance Excellence, Bloomsbury Information Ltd, 2012, doi : 5040/9781472920430.0032 , ISBN978-1-4729-2043-0 , recuperato il 27-03-2022
  72. ^Ibarra, Erminia (2003). “2” . Identità lavorativa: strategie non convenzionali per reinventare la propria carriera . Boston: Stampa della Harvard Business School. pp. 199 . ISBN978-1578517787 . Ibarra discute il cambiamento di carriera basato su un processo che si sposta da possibili sé per “ancorare” una nuova identità professionale.
  73. ^ Salta a: aBC D DeBellis, Pete. “Sondaggio delle preferenze dei dipendenti per i premi: un primer” (PDF) . Deloitte Consulting LLP. Estratto il 7 dicembre 2019.
  74. ^Kegan, Roberto (2016). Una cultura di tutti che diventa un’organizzazione deliberatamente in via di sviluppo . Pressa dell’esame di affari di Harvard. ISBN978-1625278623 . OCLC 941800420 .
  75. ^“Quali sono gli obiettivi di sviluppo personale? | Revisione chiara” . Recensione chiara. 2016-12-12. Estratto il 10/11/2017.
  76. ^Taha, Alam. “L’industria dell’auto-aiuto ha un nuovo concorrente: l’introduzione di Peace Quarters” . Media di pubbliche relazioni online. Estratto il 12 dicembre 2019.
  77. ^Serbatoio, Aytekin (23 luglio 2019). “La tua ossessione per i libri di auto-aiuto potrebbe danneggiare la tua produttività” . Azienda veloce. Estratto il 12 dicembre 2019.
  78. ^Lennart J. Davis (2012). “Essenza del sesso: dipendenza come disabilità” . In Robert McRuer, Anna Mollow (a cura di). Sesso e disabilità. P. 324. ISBN978-0822351542 .

 

Il coaching è una relazione di aiuto dove il coach aiuta uno o più coachee nel raggiungimento del loro pieno potenziale personale. Questo avviene in genere tramite corsi o percorsi strutturati in sessioni di coaching.

Un corso di coaching può essere scelto in base a:

  1. numero di pubblicazioni e qualità di queste pubblicazioni dei coach (le pubblicazioni in self-publishing sono in genere di  qualità molto minore di quelle pubblicate con case editrici di  livello nazionale)
  2. referenze e varietà delle referenze, incluse esperienze internazionali
  3. disponibilità al coaching one to one o di team-coaching per venire incontro ad esigenze specifiche
  4. conoscenza di una ampia varietà di tecniche di coaching

cosa si intende per coaching

Cosa è il coaching: Scuola di coaching Daniele Trevisani Academy

Se ti interessa approfondire la possibilità di fare un corso di coaching one to one o di team con Daniele Trevisani Academy contattaci tramite questo form. Ti risponderemo al più presto

Il coaching è una forma di sviluppo personale in cui una persona esperta, chiamata coach, supporta uno studente o un cliente nel raggiungimento di un obiettivo personale o professionale fornendo formazione e orientamento . 1 A volte lo studente è conosciuto come coachee. Il coaching può spesso significare una relazione informale tra due persone, una delle quali ha più esperienza dell’altra e offre consigli e guida man mano che la persona allenata impara; tuttavia, il coaching differisce dal tutoraggio in quanto si concentra su compiti o obiettivi specifici, in contrapposizione a obiettivi più generali o sviluppo generale. 1 ​2 ​3

Cosa è il coaching: Scuola di coaching Daniele Trevisani Academy

Le persone in fase che offrono un corso di coaching , devono avere un’ampia preparazione e padroneggiare materie multidisciplinari per comprendere la mente, nonché la gestione delle idee e delle emozioni. Ci sono tre caratteristiche fondamentali per distinguere tra i tipi di coaching : 5

  1. Metodologia : La sessione può essere direttiva, se il coach trasferisce informazioni, giudizi o esperienze al cliente; o non direttivo, se l’ allenatore promuove un ambiente adeguato per lo sviluppo della conoscenza tacita.
  2. Scopo : la sessione può essere per un obiettivo personale o lavorativo.
  3. Partecipanti : La sessione può essere svolta singolarmente o in gruppo.

I coaching sono strutturati in base a queste tre caratteristiche , indipendentemente dal loro nome commerciale o descrittivo. Ad esempio, un servizio di coaching esecutivo per l’amministratore delegato di un’azienda sarà il coaching esecutivo ; se è per un team dipartimentale invece che per il CEO, sarà il team coaching ; se l’obiettivo lavorativo viene cambiato per uno personale, sarà un coaching fondamentale ; se riguarda i componenti di una famiglia, sarà un family coaching ; e così via. Non è facile distinguere ogni tipo di coaching secondo le definizioni di mercato, trovando di tutto, dal semplice business coaching a servizi come il coaching sistemico , il cui nome ne decifra a malapena la metodologia. A tal fine si distinguono:

  • Self-coaching: è il processo di coaching applicato a se stessi, ovvero l’uso di diversi metodi di coaching per migliorare l’autosviluppo personale e professionale. 6
  • Allenamento sportivo .
  • Coaching educativo .
  • Coaching : finalizzato al miglioramento strutturale delle micro e piccole imprese. 7
  • Coaching funzionale : utilizza un approccio empirico e fornisce soluzioni pratiche.
  • Coaching : mirato ad esercitare azioni cognitive per motivare le persone ad autodirigersi e ottenere ottimi risultati .
  • Coaching trasformativo : cerca di far scoprire al coachee nuove abilità e abilità per continuare a intraprendere (raggiungere gli obiettivi)
  • Coaching organizzativo : collaborazione per trovare aree di opportunità nelle grandi organizzazioni. 8
  • Coaching : incentrato sullo sviluppo delle capacità del personale manageriale, sul potenziamento dei punti di forza e sulla valorizzazione dei punti deboli, sulla promozione della leadership del team, sul miglioramento dell’ascolto attivo e del linguaggio. 9
  • Coaching religioso : applicato nei movimenti religiosi per migliorare la formazione dei parrocchiani.
  • Leadership Coaching : rivolto alla formazione di leader e team. 10
  • istruireontologico : lavorare con l’essere e le sue proprietà trascendentali. L’individuo è dunque considerato come una trilogia tra linguaggio, corpo ed emozioni ; Intervenendo in uno di questi domini è possibile intervenire negli altri, valorizzando le capacità e le possibilità del coachee . 11 È una professione impegnata nell’espansione del potenziale personale, organizzativo e sociale, basato sull’apprendimento in un quadro costruttivista e in una prospettiva sistematica. 12
  • Coaching essenziale : è un coaching transpersonale , sviluppa il livello più profondo del potenziale dell’essere umano, affrontandone l’essenza, la sua unicità, rompendo i limiti dell’ego per ricreare noi stessi , generando saggezza attraverso l’espansione della coscienza per raggiungere meta-risultati. . 13
  • coaching : il coach accompagna il cliente nel processo di consapevolezza e responsabilità e consiglia.
  • Coaching non direttivo : il coach non fornisce la propria esperienza sull’argomento trattato, non fornisce consigli o guida. La tecnica del coaching non direttivo si concentra sul processo di indagine e non sull’informazione.
  • Coaching realistico : è un’evoluzione del coaching non direttivo, è di natura umanistica e applica lo stile europeo. Il suo impegno è con il cliente, non con l’obiettivo, e sottolinea elementi come la struttura del discorso o l’umanizzazione dell’obiettivo.
  • Coaching : Difende l’idea che la meccanica quantistica e l’idea che l’osservatore influenzi la realtà possono essere applicate nel mondo che osserviamo, quindi il cliente è in grado di decidere la propria realtà. Secondo le leggi della fisica, questa affermazione non è corretta e non ha basi scientifiche a sostegno.

Cosa è il coaching: Scuola di coaching Daniele Trevisani Academy – Metodologia

Enrique Vergara Schmitt definisce il coaching come un processo dialogico e prasseologico, attraverso il quale il coach crea le condizioni affinché la persona o il gruppo coinvolto in tale processo trovi la strada per raggiungere gli obiettivi prefissati utilizzando le proprie risorse e competenze, fortemente supportate dalla comunità. motivazione, responsabilità e creatività. 14​ Esistono diversi approcci, metodi e tipi di coaching, che possono variare notevolmente.

Il coaching è un’attività non ufficialmente regolamentata, che ha portato all’esistenza di molte scuole e stili di coaching con grandi differenze tra loro. Il processo di coaching di uno stile motivazionale, come quello di Tony Robbins , differisce notevolmente dal processo di coaching non direttivo descritto da Timothy Gallwey . Pertanto, non si deduce un unico processo di coaching perché non esiste un’unica pratica professionale unificata. Se ci atteniamo al primo riferimento bibliografico al riguardo, il libro Coaching. Il metodo di Sir John Whitmore per migliorare le prestazioni delle persone [1] , ha presentato il modello GROW (acronimo di Goals , Reality , Options and Will ) come prima metodologia di coaching .

La maggior parte delle organizzazioni di coaching sostiene che si tratta di un modello di accompagnamento non direttivo in cui intervengono due persone, il coach e il coachee . Il processo viene solitamente spiegato come un metodo di indagine e gestione delle convinzioni, in modo che il coach applichi un metodo che cerca di non guidare il cliente, ma piuttosto consente al cliente di scoprire da solo, senza essere spinto dal coach, a trasmettere la conoscenza.

metodo di coaching incentrato sulle azioni, potremmo dire che il coach si impegna con il suo stagista in un’alleanza collaborativa, stabilendo obiettivi specifici e disegnando un piano d’azione che gli consenta di raggiungerli entro le scadenze stabilite. 15 Tale piano prevede una serie di incontri tra i partecipanti che consentano di raggiungere lo scopo prefissato, accompagnati da un’altra serie di attività volte a migliorare aspetti specifici della persona in formazione.

Se parliamo di un coaching di stile trasformativo , il coach accompagna il cliente ad osservare, comprendere e ri- osservare la sua realtà attorno a un obiettivo e la situazione del cliente nell’ambiente, in modo che il risultato sia una reinterpretazione non orientata che fornisce chiarezza e nuove prospettive del cliente . Con le nuove intuizioni, il cliente può trovare interpretazioni più utili per raggiungere il proprio obiettivo. In questo processo, il coach fornisce tecniche di indagine, ma le informazioni trovate e la loro utilità sono esclusive del cliente.

L’efficacia del coaching è influenzata dal tipo di relazione che si instaura tra i partecipanti, poiché deve essere basata sulla fiducia. Quando il coaching è applicato nell’ambiente di lavoro ed è specializzato in un’area specifica, il coach può essere anche un consulente che innova nelle procedure. 16 Pertanto, per migliorare la produttività del processo, il coach deve avere una profonda comprensione della posizione lavorativa sviluppata dal tirocinante e del modo in cui questa posizione è collegata agli obiettivi dell’organizzazione. Allo stesso modo, l’ allenatore deve avere la volontà di comunicare, deve essere disponibile e in grado di condividere le proprie informazioni con il tirocinante ed essere disposto a prendersi il tempo che questo sforzo richiede. 17

Se si parla di coaching in stile motivazionale , il processo che il coach applica si basa sull’ascolto delle interpretazioni del cliente e sull’incoraggiarlo ad eliminare quelle che considera un ostacolo al raggiungimento del proprio obiettivo (tipo “non posso” ) e aggiungendo convinzioni potenzialmente utili (come “Dovrei provare” o “Posso”).

Cosa è il coaching: Scuola di coaching Daniele Trevisani Academy – sviluppo

I passaggi da seguire in un processo o in una sessione differiscono notevolmente da uno stile di coaching all’altro. Il primo riferimento bibliografico in questo senso appare nel libro Coaching for Performance 18 che includeva il modello GROW di Graham Alexander e Alan Fine . I passaggi descritti nel modello GROW sono:

  1. Obiettivi : identificare gli obiettivi, come primo passo per evitare di essere limitati dai passaggi successivi.
  2. Realtà : Analisi della situazione e della realtà descritte dal cliente.
  3. Opzioni : Identificazione delle opzioni inquadrate in quella realtà. Nel modello originale, il coach poteva fornire strumenti per la comparsa di nuove opzioni (come il brainstorming).
  4. Will : Azioni future concrete.

Le scuole latinoamericane (come il coaching ontologico ) sono più impegnate nell’obiettivo e si lavora molto sulle convinzioni contenute nella realtà (” Realtà “) descritte dal cliente. Tendono anche a porre molta enfasi sulle azioni (“Will”), difendendo che, senza azione, non c’è coaching .

Nella pratica dell’executive coaching o della performance professionale, c’è un ambiente meno incline all’introspezione e in cui le conversazioni sono più focalizzate sulle azioni e sull’organizzazione dell’agenda del cliente . Un modello di conversazione con queste caratteristiche potrebbe essere:

  1. Osservare nuovi punti di vista: è essenziale che il coach trovi soluzioni e permetta all’individuo di scegliere tra le alternative disponibili per raggiungere i propri obiettivi.
  2. Consapevolezza: Il coach focalizzerà l’allievo sulle scelte che compie e sulle loro conseguenze, fornendogli strumenti specifici per scegliere consapevolmente e in modo più efficace.
  3. Determinare gli obiettivi: serviranno da guida per il processo decisionale e le azioni.
  4. Agire: una volta raccolte tutte le informazioni, è necessario agire in modo duraturo nel tempo. L’allenatore seguirà da vicino questo processo, aiutando a superare le difficoltà che si presentano nella messa in pratica delle prestazioni.
  5. Misura: è essenziale verificare se la sessione di coaching si sta avvicinando o si sta allontanando dall’obiettivo prefissato. Ciò consentirà di intraprendere azioni correttive e contribuirà così ad ottenere i risultati desiderati. 18

Cosa è il coaching: Scuola di coaching Daniele Trevisani Academy – Guarda anche

Corso di coaching: Scuola di coaching Daniele Trevisani Academy  Riferimenti

  1. Vai a: ab Passmore , Jonathan, ed. (2006). Eccellenza nel Coaching: Il Guida del settore (3a edizione). Londra; Filadelfia : Pagina di Kogan. ISBN 9780749474461 . OCLC 927192333 .
  2. ^ Renton, Jane (2009). Coaching e mentoring : cosa Loro sono e come a Fare il Più di Loro . New York: Bloomberg Press . ISBN9781576603307 . OCLC 263978214 .
  3. Chakravarthy , Pradeep (20 dicembre 2011). « Il Differenza tra coaching e mentoring » . Forbes . Estratto il 4 luglio 2015.
  4. ^ Accademia Reale Spagnola e Associazione delle Accademie di Lingua Spagnola (2005). «allenatore» . Dizionario panispanico dei dubbi . Madrid: Santillana. ISBN978-8-429-40623-8 .
  5. «Coaching» . Soluzioni PM.
  6. «Self-coaching: guida per diventare coach di se stessi – Sito digitale ” me “» . 11 marzo 2022 . Estratto il 4 aprile 2022.
  7. “Business Coach: chi è e quali sono i suoi ruoli motivazionali” . es . 2017. Accesso effettuato il 30 maggio 2017.
  8. “Sulla leadership moderna” . ThriveProductivity.com . 2018. Accesso effettuato il 19 maggio 2018.
  9. ^ Ignazio Isusi . “Gestione efficace del successo per i manager” .
  10. ^ Serrano, Marga (24 settembre 2020). “L’importanza del coach leader nelle nuove organizzazioni” . Yu Coach . Accesso il 21 luglio 2021.
  11. ^ Echeverria, Rafael (2005). Ontologia del linguaggio . Cile: Noreste Communications Ltda.
  12. ^ Associazione argentina di coaching ontologico professionale ( AACOP ) (2018). 1 . «Definizione e significato del coaching ontologico». Coaching ontologico costruttivista e sistematico (Leven Anclas): p. 28.ISBN _978-987-45118-7-4 .
  13. Elena Pérez Moreiras , Bolivar Cris e altri, Sinergie tra psicologia e coaching. (2021). «Capitolo 5» . Allenamento essenziale . Libri Kolyma . p. 328-341. ISBN978-84-18263-57-6 .
  14. ^ Vergara, Enrique (2015). “Storia del Coaching” . Storia del Coaching . SVE . Archiviata dall’originale il 4 marzo 2016 . Estratto l’11 novembre 2015 .
  15. ^ Zeus, Perry; Skiffington , Suzanne (2002). Guida completa al ‘coaching’ al lavoro . Madrid: McGraw-Hill.
  16. ^ McCracken, M. & Wallace, M. (2000). Verso una ridefinizione di HRD strategica . rivista di Formazione industriale europea , 24, 425-436.
  17. ^ Núñez-Cacho, P., Grande, FA e Pedrosa-Ortega, C. (2012). Nuove sfide nello sviluppo della carriera professionale: il modello Boundaryless Carriera . Universia Business Review , 34 (1) 14-35.
  18. Vai a: ab Riepiloghi dei leader (a cura di). “Coaching, di John Whitmore . Estratto il 5 agosto 2016.

link esterno

Cosa è il coaching: Scuola di coaching Daniele Trevisani Academy – le frasi

  • Corsi coaching
  • Corsi coaching certificati
  • Corsi coaching riconosciuto
  • Corsi di coaching
  • Corsi di coaching certificato
  • Corsi di coaching riconosciuto
  • Corso coaching
  • Corso coaching certificato
  • Corso coaching riconosciuto
  • Corso di coaching
  • Corso di coaching certificato
  • Corso di coaching riconosciuto
  • Scuola coaching
  • Scuola di coaching
  • Scuola di coaching certificata
  • Scuola di coaching riconosciuta
  • Scuole di coaching
  • Scuole di coaching certificate
  • Scuole di coaching riconosciute
  • Scuole di coaching riconosciuto
  • cosa è il coaching
  • come funziona il coaching

Il Mental Coach Sportivo è un professionista che allena la mente di atleti, manager, studenti, e persone comuni, nell’assumere atteggiamenti e comportamenti più efficaci ai fini delle performance e del benessere.

Vedi questo articolo sul Mental Coaching Sportivo e Agonistico o segui l’approfondimento in questo post.

mental coaching sportivo

Se desideri un approfondimento sulla fattibilità di un intervento del Dott. Daniele Trevisani come Mental Coach Sportivo compila questo form di contatto e sarà nostra cura metterci in collegamento

Mental Coach Sportivo. Elementi teorici e pratica

Il mental coaching è una scienza interdisciplinare che attinge alla conoscenza di molti campi correlati tra cui la biomeccanica , la fisiologia , la chinesiologia e la psicologia . Implica lo studio di come i fattori psicologici influenzino le prestazioni e di come la partecipazione allo sport e all’esercizio fisico influenzino i fattori psicologici e fisici, ma anche le competenze strategiche e manageriali [1] Gli psicologi dello sport insegnano strategie cognitive e comportamentali agli atleti al fine di migliorare la loro esperienza e le loro prestazioni sportive. [2] Oltre all’istruzione e alla formazione delle abilità psicologiche per il miglioramento delle prestazioni , la psicologia dello sport applicata può includere il lavoro con atleti, allenatori e genitori in merito a infortuni , riabilitazione , comunicazione, team building e transizioni di carriera. Strettamente associato anche alla psichiatria sportiva .

Mental Coach Sport – Storia antica

Nella sua formazione, la psicologia dello sport era principalmente il dominio degli educatori fisici, non dei ricercatori, il che può spiegare la mancanza di una storia coerente. [3] Tuttavia, molti istruttori hanno cercato di spiegare i vari fenomeni associati all’attività fisica e hanno sviluppato laboratori di psicologia dello sport.

La nascita della psicologia dello sport in Europa è avvenuta in gran parte in Germania. Il primo laboratorio di psicologia dello sport fu fondato dal Dr. Carl Diem a Berlino, all’inizio degli anni ’20. [4] I primi anni della psicologia dello sport furono evidenziati anche dalla formazione della Deutsche Hochschule für Leibesübungen (College of Physical Education) a Berlino in Germania da parte di Robert Werner Schulte nel 1920. Il laboratorio misurò le capacità fisiche e l’attitudine nello sport e nel 1921 Schulte pubblicato Corpo e Mente nello Sport . In Russia, gli esperimenti di psicologia dello sport iniziarono già nel 1925 presso gli istituti di cultura fisica a Mosca e Leningrado, e i dipartimenti formali di psicologia dello sport furono formati intorno al 1930. [5] Tuttavia, fu un po’ più tardi durante il periodo della Guerra Fredda (1946-1989). ) che si sono formati numerosi programmi di scienza dello sport, a causa della competitività militare tra Unione Sovietica e Stati Uniti e in seguito ai tentativi di aumentare il numero delle medaglie olimpiche. [6] Gli americani hanno ritenuto che le loro prestazioni sportive fossero inadeguate e molto deludenti rispetto a quelle dei sovietici, quindi questo li ha portati a investire di più nei metodi che potessero migliorare le prestazioni dei loro atleti, e ha portato loro un maggiore interesse sull’argomento . Il progresso della psicologia dello sport è stato più deliberato nell’Unione Sovietica e nei paesi dell’Est, a causa della creazione di istituti sportivi in cui gli psicologi dello sport hanno svolto un ruolo importante.

In Nord America, i primi anni di psicologia dello sport includevano studi isolati sul comportamento motorio, la facilitazione sociale e la formazione di abitudini. Durante il 1890, EW Scrittura condusse una serie di esperimenti comportamentali, inclusa la misurazione del tempo di reazione dei corridori, il tempo di pensiero negli scolari e l’accuratezza della bacchetta di un direttore d’orchestra. [7] Nonostante i precedenti esperimenti della Scrittura, il primo studio riconosciuto di psicologia dello sport fu condotto da uno psicologo americano Norman Triplett, nel 1898. [8] Il lavoro di Norman Triplett dimostrò che i ciclisti avevano maggiori probabilità di pedalare più velocemente con un pacemaker o un concorrente , che è stato fondamentale nella letteratura della psicologia sociale e della facilitazione sociale. [9] Scrisse delle sue scoperte in quello che fu considerato il primo articolo scientifico sulla psicologia dello sport, intitolato “The Dynamogenic Factors in Pacemaking and Competition”, che fu pubblicato nel 1898 sull’American Journal of Psychology . La ricerca degli ornitologi Lashley e Watson sulla curva di apprendimento per gli arcieri principianti ha fornito un modello solido per la futura ricerca sulla formazione delle abitudini, poiché hanno affermato che gli esseri umani avrebbero livelli più elevati di motivazione da raggiungere in un compito come il tiro con l’arco rispetto a un compito banale. [10] I ricercatori Albert Johanson e Joseph Holmes hanno testato la giocatrice di baseball Babe Ruth nel 1921, come riportato dal giornalista sportivo Hugh S. Fullerton. La velocità di oscillazione di Ruth, il suo respiro subito prima di colpire una palla da baseball, la sua coordinazione e rapidità di movimento del polso e il suo tempo di reazione sono stati tutti misurati, con i ricercatori che hanno concluso che il talento di Ruth potrebbe essere attribuito in parte a capacità motorie e riflessi ben al di sopra di quelli della persona media. [11]

Mental Coach Sport – Coleman Griffith: “Il primo psicologo sportivo d’America”

Coleman Griffith ha lavorato come professore americano di psicologia dell’educazione all’Università dell’Illinois , dove ha svolto per la prima volta ricerche complete e psicologia dello sport applicata. Ha eseguito studi causali sulla vista e l’attenzione dei giocatori di basket e calcio ed era interessato ai loro tempi di reazione, alla tensione muscolare e al rilassamento e alla consapevolezza mentale. [12] Griffith iniziò il suo lavoro nel 1925 studiando la psicologia dello sport presso l’Università dell’Illinois finanziata dal Research in Athletics Laboratory. [13] Fino alla chiusura del laboratorio nel 1932, ha svolto attività di ricerca e praticato psicologia dello sport sul campo. Il laboratorio è stato utilizzato per lo studio della psicologia dello sport; dove sono stati studiati diversi fattori che influenzano le prestazioni atletiche e le esigenze fisiologiche e psicologiche delle competizioni sportive. Ha poi trasmesso le sue scoperte agli allenatori e ha contribuito a far progredire la conoscenza della psicologia e della fisiologia sulle prestazioni sportive. Griffith pubblicò anche due importanti opere durante questo periodo: The Psychology of Coaching (1926) e The Psychology of Athletics (1928). Coleman Griffith è stato anche il primo a descrivere il lavoro degli psicologi dello sport e parlare dei compiti principali che dovrebbero essere in grado di svolgere. Ne ha parlato nella sua opera “La psicologia e la sua relazione con la competizione atletica”, pubblicata nel 1925. [14] Uno dei compiti era insegnare agli allenatori più giovani e inesperti i principi psicologici che venivano usati dagli allenatori di maggior successo ed esperienza . L’altro compito è stato quello di adattare le conoscenze psicologiche allo sport, e l’ultimo compito è stato quello di utilizzare il metodo scientifico e il laboratorio allo scopo di scoprire nuovi fatti e principi che possono aiutare altri professionisti del settore.

Nel 1938, Griffith tornò nel mondo dello sport come consulente psicologo sportivo per i Chicago Cubs . Assunto da Philip Wrigley per $ 1.500, Griffith ha esaminato una serie di fattori come: capacità, personalità, leadership, apprendimento delle abilità e fattori psicologici sociali legati alle prestazioni. [13] Griffith ha svolto analisi rigorose dei giocatori e ha anche fornito suggerimenti per migliorare l’efficacia degli allenamenti. [15] Griffith ha anche fatto diverse raccomandazioni al signor Wrigley, inclusa una “clinica di psicologia” per manager, allenatori e giocatori senior. Wrigley ha offerto a Griffith una posizione a tempo pieno come psicologo sportivo, ma ha rifiutato l’offerta di concentrarsi sull’istruzione superiore di suo figlio.

Coleman Griffith ha dato numerosi contributi al campo della psicologia dello sport, ma la cosa più notevole è stata la sua convinzione che gli studi sul campo (come le interviste ad atleti e allenatori) potessero fornire una comprensione più approfondita di come i principi psicologici si esplicano in situazioni competitive. Griffith si dedicò a una ricerca rigorosa e pubblicò anche per il pubblico sia accademico che accademico, osservando che l’applicabilità della ricerca sulla psicologia dello sport era ugualmente importante con la generazione di conoscenza. Infine, Griffith ha riconosciuto che la psicologia dello sport promuove il miglioramento delle prestazioni e la crescita personale.

Nel 1923, Griffith sviluppò e insegnò i primi corsi universitari di psicologia dello sport (“Psicologia e atletica leggera”) presso l’Università dell’Illinois, e divenne noto come “Il padre della psicologia dello sport” negli Stati Uniti, come risultato del suo risultati pionieristici in quel campo. Tuttavia, è anche conosciuto come “Il profeta senza discepoli”, poiché nessuno dei suoi studenti ha proseguito con la psicologia dello sport, e il suo lavoro ha iniziato a ricevere attenzione solo a partire dagli anni ’60 [14]

Mental Coach Sport –  Crescita rinnovata ed emergere come disciplina

Franklin M. Henry è stato un altro ricercatore che ha avuto un’influenza positiva sulla psicologia dello sport. [16] Nel 1938 iniziò a studiare come diversi fattori nella psicologia dello sport possono influenzare le capacità motorie dell’atleta. Ha anche studiato come le alte quote possono avere un effetto sull’esercizio e sulle prestazioni, sull’aeroembolia e sulla malattia da decompressione e nel suo laboratorio sono stati condotti studi sulla percezione cinestesica, sull’apprendimento delle capacità motorie e sulla reazione neuromuscolare. [17] Nel 1964 scrisse un articolo “Physical Education: An Academic Discipline”, che aiutò a far avanzare ulteriormente la psicologia dello sport e iniziò a darle una forma accademica e scientifica. Inoltre, ha pubblicato oltre 120 articoli, è stato membro del consiglio di varie riviste e ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti per i suoi contributi.

Dato il trasporto relativamente libero di informazioni tra i praticanti europei, la psicologia dello sport è fiorita prima in Europa, dove nel 1965 si è tenuto a Roma, in Italia, il Primo Congresso Mondiale di Psicologia dello Sport. Questo incontro, a cui hanno partecipato circa 450 professionisti provenienti principalmente da Europa, Australia e Americhe, ha dato origine alla Società Internazionale di Psicologia dello Sport (ISSP). L’ISSP è diventata un’importante organizzazione di psicologia dello sport dopo il Terzo Congresso mondiale di psicologia dello sport nel 1973. Inoltre, nel 1968 è stata fondata la Federazione europea di psicologia dello sport .

In Nord America, il sostegno alla psicologia dello sport è nato dall’educazione fisica. La Società nordamericana per la psicologia dello sport e dell’attività fisica (NASPSPA) è cresciuta da gruppo di interesse a organizzazione a tutti gli effetti, la cui missione includeva la promozione della ricerca e dell’insegnamento del comportamento motorio e della psicologia dello sport e dell’esercizio. In Canada, la Canadian Society for Psychomotor Learning and Sport Psychology (SCAPPS) è stata fondata nel 1977 per promuovere lo studio e lo scambio di idee nei campi del comportamento motorio e della psicologia dello sport.

Nel 1979 Rainer Martens pubblicò un articolo intitolato “About Smocks and Jocks” , in cui sosteneva che era difficile applicare ricerche di laboratorio specifiche alle situazioni sportive. Ad esempio, come si può duplicare in laboratorio la pressione di un tiro falloso di fronte a 12.000 fan urlanti? Martens ha affermato: “Ho seri dubbi sul fatto che studi psicologici isolati che manipolano alcune variabili, tentando di scoprire gli effetti di X su Y, possano essere cumulativi per formare un quadro coerente del comportamento umano. Sento che l’elegante controllo ottenuto nella ricerca di laboratorio è tale che ogni significato viene prosciugato dalla situazione sperimentale. La validità esterna degli studi di laboratorio è nella migliore delle ipotesi limitata alla previsione del comportamento in altri laboratori”. [18] Martens ha esortato i ricercatori a uscire dal laboratorio e sul campo per incontrare atleti e allenatori sul proprio campo. L’articolo di Martens ha stimolato un maggiore interesse per i metodi di ricerca qualitativa nella psicologia dello sport, come l’articolo fondamentale “Mental Links to Excellence”. [19]

La prima rivista The Journal of Sport Psychology uscì nel 1979; e nel 1985, diversi professionisti della psicologia dello sport applicata, guidati da John Silva, credevano che fosse necessaria un’organizzazione per concentrarsi sulle questioni professionali nella psicologia dello sport, e quindi formarono l’Association for the Advancement of Applied Sport Psychology (AAASP). Ciò è stato fatto in risposta alla votazione della NASPSPA per non affrontare le questioni applicate e per mantenere la concentrazione sulla ricerca. [20] Nel 2007, AAASP ha abbandonato “Advancement” dal suo nome per diventare l’Association for Applied Sport Psychology (AASP), come è attualmente conosciuta.

Seguendo il suo obiettivo dichiarato di promuovere la scienza e la pratica della psicologia dello sport applicata, AAASP ha rapidamente lavorato per sviluppare standard di pratica uniformi, evidenziati dallo sviluppo di un codice etico per i suoi membri negli anni ’90. Lo sviluppo del programma AAASP Certified Consultant (CC-AAASP) ha contribuito a portare la standardizzazione nella formazione richiesta per praticare la psicologia dello sport applicata. Inoltre, nel 2018 AASP ha aggiornato il proprio programma di certificazione e lanciato il Certified Mental Performance Consultant (CMPC). AASP mira a fornire la leadership per lo sviluppo della teoria, della ricerca e della pratica applicata nello sport, nell’esercizio e nella psicologia della salute. [21] [ fonte inaffidabile? ] Sempre durante questo stesso periodo, oltre 500 membri dell’American Psychological Association (APA) hanno firmato una petizione per creare la Divisione 47 nel 1986, incentrata sull’esercizio e sulla psicologia dello sport.

La psicologia dello sport iniziò a diventare visibile ai giochi olimpici nel 1984, [22] quando le squadre olimpiche iniziarono ad assumere psicologi dello sport per i loro atleti e nel 1985, quando la squadra statunitense assunse il loro primo psicologo sportivo permanente. Per le Olimpiadi estive del 1996, gli Stati Uniti avevano già oltre 20 psicologi dello sport che lavoravano con i loro atleti.

Più recentemente, il ruolo di psicologo dello sport è stato chiamato a soddisfare la crescente domanda di gestione della rabbia per gli atleti. Gli psicologi dello sport hanno sempre più bisogno di affrontare questo argomento e fornire strategie e interventi per superare la rabbia e l’aggressività eccessive negli atleti e tecniche per gli atleti per gestire le emozioni. Un programma completo di gestione della rabbia per gli atleti è stato sviluppato dal Dr. Mitch Abrams, uno psicologo sportivo autorizzato che ha scritto “Anger Management in Sport” [23]

Mental Coach Sport –  Dibattito sulla professionalizzazione della psicologia dello sport

Come sosteneva Martens per i metodi applicati nella ricerca sulla psicologia dello sport, il crescente emergere di professionisti della psicologia dello sport (inclusi consulenti di psicologia dello sport che insegnavano abilità e principi di psicologia dello sport ad atleti e allenatori e psicologi clinici e di consulenza che fornivano consulenza e terapia agli atleti) ha portato mettono a fuoco due domande chiave e un dibattito che continua fino ai giorni nostri: in quale categoria rientra la disciplina della psicologia dello sport?, e chi governa le pratiche accettate per la psicologia dello sport? La psicologia dello sport è una branca della chinesiologia o della scienza dello sport e dell’esercizio (come la fisiologia dell’esercizio e la preparazione atletica)? È una branca della psicologia o della consulenza? O è una disciplina indipendente? [ citazione necessaria ]

Danish e Hale (1981) hanno sostenuto che molti psicologi clinici stavano usando modelli psicologici medici per problematizzare i problemi sportivi come segni di malattia mentale invece di attingere alla base di conoscenza empirica generata dai ricercatori di psicologia dello sport, che in molti casi indicavano che i problemi sportivi non erano segni di malattia mentale. Danish e Hale hanno proposto di utilizzare un modello di sviluppo umano per strutturare la ricerca e la pratica applicata. [24] Heyman (1982) ha esortato alla tolleranza per molteplici modelli (educativi, motivazionali, evolutivi) di ricerca e pratica, [25] mentre Dishman (1983) ha ribattuto che il campo aveva bisogno di sviluppare modelli unici di psicologia dello sport, invece di prendere in prestito da psicologia clinica. [26]

Con l’espansione della pratica della psicologia dello sport negli anni ’80 e ’90, alcuni praticanti hanno espresso preoccupazione per il fatto che il campo mancasse di uniformità e avesse bisogno di coerenza per diventare “una buona professione”. [27] Le questioni dell’accreditamento dei corsi di laurea e della formazione uniforme degli studenti laureati in psicologia dello sport sono state considerate da alcuni come necessarie per promuovere il campo della psicologia dello sport, educare il pubblico su ciò che fa uno psicologo dello sport e garantire un mercato del lavoro aperto per i praticanti. [28] Tuttavia, Hale e Danish (1999) hanno sostenuto che l’accreditamento dei corsi di laurea non era necessario e non garantiva l’uniformità. Invece, questi autori hanno proposto una pratica speciale in psicologia dello sport applicata che includeva maggiori ore di contatto con i clienti e una supervisione più stretta. [29]

Mental Coach Sport – Stato attuale

Sarebbe fuorviante confondere lo status di AASP e lo status della professione di psicologia dello sport. Tuttavia, considerando che l’AASP ha la più grande adesione di qualsiasi organizzazione professionale interamente dedicata alla psicologia dello sport, vale la pena menzionare la natura controversa del futuro dell’organizzazione.

Sembra esserci una spaccatura tra i membri di AASP che vorrebbero che l’organizzazione funzionasse come un gruppo commerciale che promuove il certificato CC-AASP e spinge per lo sviluppo del lavoro, e ci sono molte persone dei membri AASP di AASP che preferirebbero l’organizzazione rimanere come una società professionale e un forum per lo scambio di idee di ricerca e pratica. Molti membri dell’AASP ritengono che l’organizzazione possa soddisfare entrambe le esigenze in modo efficace. Questi problemi sono stati illustrati nel discorso del presidente fondatore dell’AASP John Silva alla conferenza del 2010. Silva ha evidenziato cinque punti necessari per l’AASP e il più ampio campo della psicologia dello sport applicata da affrontare nel prossimo futuro :

  1. Sviluppo ordinato e avanzamento della pratica della psicologia dello sport
  2. Abbracciare e migliorare la natura interdisciplinare della psicologia dello sport
  3. Sviluppo avanzato dell’istruzione e della formazione universitaria in psicologia dello sport
  4. Opportunità di lavoro avanzate per la pratica negli sport collegiali, olimpici e professionistici
  5. Sii guidato dai membri e servi la sua appartenenza

Silva ha quindi suggerito che l’AASP faccia avanzare la posizione giuridica del termine “consulente di psicologia dello sport” e adotti un modello educativo per la formazione collegiale e post-laurea dei consulenti di psicologia dello sport. Sebbene la certificazione AASP Certified Consultant (CC-AASP) fornisca un percorso legittimo alla formazione post-laurea, non impedisce legalmente a un individuo senza le credenziali CC-AASP di praticare la psicologia dello sport. Silva ha affermato che i futuri professionisti della psicologia dello sport dovrebbero avere una laurea sia in psicologia che in scienze dello sport e che la loro formazione alla fine si conclude con l’ottenimento di un titolo legale. È stato affermato che ciò dovrebbe aumentare la probabilità che i clienti ricevano un servizio competente poiché i praticanti avranno ricevuto una formazione sia nei pezzi “sport” che “psicologia” della psicologia dello sport. Silva ha concluso che AASP e APA lavorano insieme per creare protezione legale per il termine “consulente di psicologia dello sport”. I risultati del rapporto del comitato di pianificazione strategica dell’AASP saranno pubblicati alla fine del 2011 [ necessita di aggiornamento ] e continueranno la discussione e il dibattito sul futuro del settore. [ citazione necessaria ]

Mental Coach Sport – Applicato

La psicologia applicata dello sport e dell’esercizio consiste nell’istruire atleti, allenatori, squadre, atleti, genitori, professionisti del fitness, gruppi e altri artisti sugli aspetti psicologici del loro sport o attività. L’obiettivo della pratica applicata è ottimizzare le prestazioni e il divertimento attraverso l’uso delle abilità psicologiche e l’uso della psicometria e della valutazione psicologica. [30] La pratica della psicologia dello sport applicata non è legalmente limitata alle persone che possiedono un tipo di certificazione o licenza. L’argomento “cosa costituisce esattamente la psicologia dello sport applicata e chi può praticarla?” è stato dibattuto tra i professionisti della psicologia dello sport e fino ad oggi manca ancora una risoluzione legale formale negli Stati Uniti. Alcuni mettono in dubbio la capacità dei professionisti che possiedono solo una formazione in scienze dello sport o kinesiologia di praticare la “psicologia” con i clienti, mentre altri ribattono che gli psicologi clinici e di consulenza senza una formazione in scienze dello sport non hanno la competenza professionale per lavorare con gli atleti. Tuttavia, questo dibattito non deve mettere in ombra la realtà che molti professionisti esprimono il desiderio di lavorare insieme per promuovere le migliori pratiche tra tutti i professionisti, indipendentemente dalla formazione o dal background accademico.

Esistono diversi approcci che uno psicologo dello sport può utilizzare mentre lavora con i suoi clienti. Ad esempio, l’approccio socio-psicologico si concentra sull’ambiente sociale e sulla personalità dell’individuo e su come le complesse interazioni tra i due influenzino il comportamento. L’approccio psicofisiologico si concentra sui processi cerebrali e sulla loro influenza sull’attività fisica, mentre l’approccio cognitivo-comportamentale analizza i modi in cui i pensieri individuali determinano il comportamento. In generale, ci sono due diversi tipi di psicologi dello sport che si concentrano su atleti con gravi disturbi emotivi: educativo e clinico.

[31]

Psicologi dell’educazione sportiva

Gli psicologi dello sport educativo enfatizzano l’uso dell’allenamento delle abilità psicologiche (p. es., definizione degli obiettivi, immagini, gestione dell’energia, dialogo interiore) quando lavorano con i clienti educandoli e istruendoli su come utilizzare queste abilità in modo efficace durante le situazioni di performance. L’obiettivo comune di uno psicologo educativo dello sport è il miglioramento delle prestazioni insegnando abilità agli atleti su come gestire i fattori mentali dello sport per massimizzare il potenziale. [32]

Psicologa clinica dello sport

Gli psicologi clinici ottengono un dottorato in psicologia clinica o di consulenza. [33] Si incontrano con atleti che hanno problemi di salute mentale e lavorano per fornire le soluzioni di salute mentale di cui hanno bisogno sia individualmente che in contesti di gruppo. Le aree di competenza includono principalmente problemi clinici, che includono, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, depressione, disturbi alimentari e abuso di sostanze. [33] Sono in grado di prescrivere farmaci o altre forme di trattamento per affrontare problemi clinici. Uno psicologo sportivo non clinico potrebbe indirizzare uno dei suoi clienti a uno psicologo clinico se si pensa che l’atleta possa aver bisogno di ulteriore aiuto per quanto riguarda la sua salute mentale. [32] Molti psicologi clinici dello sport applicano semplicemente la loro esperienza clinica agli atleti e sono limitati nelle loro capacità di migliorare le prestazioni.

Mental Coach Sport – Aree comuni di studio

Di seguito sono elencate ampie aree di ricerca nel campo. Questo non è un elenco completo di tutti gli argomenti, ma piuttosto una panoramica dei tipi di problemi e concetti studiati dagli psicologi dello sport. Recentemente, [ quando? ] la critica alla qualità, ai presupposti e ai metodi della ricerca sullo stress della psicologia dello sport ha attirato una crescente attenzione, [34] e si è evoluto un fiorente dibattito accademico sulla qualità della ricerca sullo sport, i suoi limiti e le direzioni future.

Mental Coach Sport –  Personalità

Un’area di studio comune all’interno della psicologia dello sport è la relazione tra personalità e prestazioni. Questa ricerca si concentra su caratteristiche specifiche della personalità e su come sono correlate alle prestazioni o ad altre variabili psicologiche. Ci sono varie caratteristiche della personalità che sono risultate coerenti tra gli atleti d’élite. Questi includono, ma non sono limitati a, forza mentale, autoefficacia, eccitazione, motivazione, impegno, competitività e controllo. La forza mentale è un vantaggio psicologico che aiuta a esibirsi costantemente ad alto livello. Gli atleti mentalmente duri mostrano quattro caratteristiche: una forte fiducia in se stessi (fiducia) nella loro capacità di esibirsi bene, una motivazione interna per avere successo, la capacità di focalizzare i propri pensieri e sentimenti senza distrazioni e la compostezza sotto pressione. [35] L’autoefficacia è la convinzione che si può svolgere con successo un compito specifico. [36] Nello sport, l’autoefficacia è stata concettualizzata come fiducia nello sport. [37] Tuttavia, le convinzioni sull’efficacia sono specifiche per un determinato compito (es., credo di poter realizzare con successo entrambi i tiri liberi), mentre la fiducia è una sensazione più generale (es., credo che oggi farò una buona partita). L’eccitazione si riferisce alla propria attivazione fisiologica e cognitiva. Mentre molti ricercatori hanno esplorato la relazione tra eccitazione e prestazioni, una teoria unificante non è stata ancora sviluppata. Tuttavia, la ricerca suggerisce che la percezione dell’eccitazione (cioè, come buona o cattiva) è correlata alla performance. [38] La motivazione può essere definita in senso lato come la volontà di svolgere un determinato compito. Le persone che giocano o si esibiscono per ragioni interne, come divertimento e soddisfazione, sono motivate intrinsecamente, mentre le persone che giocano per ragioni esterne, come denaro o attenzione da parte degli altri, sono motivate in modo estrinseco. [39] L’impegno si riferisce alla dedizione a continuare uno sport dal primo sviluppo fino a un alto livello di competenza sportiva. La competitività è la capacità di sfidare gli avversari con l’obiettivo del successo. [40] Il controllo è la capacità di separare e concentrarsi su diversi eventi che accadono nella propria vita, sia all’interno che all’esterno dell’atletica. [40] Inoltre, ci sono abilità psicologiche specifiche che sono radicate nella personalità che sono possedute a livelli più alti negli atleti d’élite rispetto alla persona tipica. Questi includono la regolazione dell’eccitazione, la definizione degli obiettivi, le immagini, le routine pre-esibizione e il dialogo interiore. [40]

Secondo Hollander’s Model (1971), si pensa che la personalità sia composta da tre dimensioni: comportamento correlato al ruolo, risposte tipiche e nucleo psicologico. I comportamenti legati al ruolo sono le azioni che una persona esibisce quando si trova in una determinata situazione. Questi comportamenti cambiano frequentemente, quindi sono esterni e dinamici. Le risposte tipiche sono il modo in cui una persona di solito si comporta come risultato di un evento. Il nucleo psicologico di una persona si riferisce alla morale, alle convinzioni e ai valori che detiene. Questo non cambia in varie circostanze, quindi è interno e costante. Esistono molteplici approcci alla personalità e al modo in cui viene modellata. [32]

La teoria dell’approccio psicodinamico esplora come il subconscio interagisce con la coscienza di un individuo. Propone che i pensieri, i sentimenti e le emozioni sottostanti influenzino il modo in cui pensiamo e agiamo. Il subconscio è strettamente correlato alle esperienze di risoluzione dei conflitti da bambino. Questa teoria enfatizza la comprensione dell’individuo nel suo insieme, piuttosto che in base a ciascun tratto. Questa teoria non considera i fattori ambientali che influenzano il comportamento. [32]

L’approccio dei tratti si concentra sui tratti che sono comunemente attribuiti a un individuo e su come influenzano il modo in cui uno agirà su base normale. I tratti sono utili per predire il comportamento abituale, tuttavia, non possono sempre predisporre il comportamento situazionale [32] .

L’approccio situazionale suggerisce che il modo in cui un individuo agirà dipende interamente dall’ambiente. Ad esempio, se un giocatore agisce in modo aggressivo sul campo di gioco, potrebbe non essere così fuori dal campo. Questa teoria trascura i tratti individuali e non considera le differenze tra le persone [32] .

dell’approccio interattivo è una combinazione di tratto e approccio situazionale. Suggerisce che i tratti comunemente attribuiti a un individuo predispongono il comportamento, tuttavia, questi tratti non influenzeranno il comportamento a meno che la situazione non lo richieda. Questa teoria è più comunemente usata dagli psicologi dello sport perché prende in considerazione le componenti di ogni persona e la situazione a portata di mano. Il metodo di misurazione della personalità prevede la valutazione dei tratti, o dello stile tipico di comportamento, rispetto allo stato, all’emozione o al comportamento immediati del momento [32] .

Mental Coach Sport – Prestazioni atletiche

Uno dei campi di ricerca più interessanti è la performance degli atleti. Le prestazioni atletiche possono essere misurate tramite auto-report o dati oggettivi ( ad es . statistiche giocatore/squadra). Attualmente la preferenza di molti studiosi è verso l’uso di autovalutazioni o una combinazione di misurazioni soggettive e oggettive, a causa della natura complessa della prestazione atletica. Ad esempio, l’Athlete’s Subjective Performance Scale (ASPS) è stata sviluppata e convalidata con dati oggettivi (statistiche del giocatore) e si è rivelata uno strumento affidabile per valutare le prestazioni atletiche negli sport di squadra. [41]

Mental Coach Sport – Sport giovanile

Lo sport giovanile si riferisce a programmi sportivi organizzati per bambini di età inferiore ai 18 anni. I ricercatori in quest’area si concentrano sui vantaggi o gli svantaggi della partecipazione allo sport giovanile e su come i genitori influiscono sulle esperienze sportive dei loro figli. Al giorno d’oggi , sempre più giovani sono influenzati da ciò che vedono in TV dai loro idoli sportivi. Per questo motivo non è raro vedere un bambino di sette anni recitare in una partita di calcio perché è socialmente influenzato da ciò che vede in TV.

Le abilità di vita si riferiscono alle abilità e alle risorse mentali, emotive, comportamentali e sociali sviluppate attraverso la partecipazione allo sport. [42] La ricerca in quest’area si concentra su come le competenze per la vita vengono sviluppate e trasferite dallo sport ad altre aree della vita (ad esempio, dal tennis alla scuola) e sullo sviluppo e l’attuazione del programma. [43] Il burnout nello sport è tipicamente caratterizzato da tre dimensioni: esaurimento emotivo, spersonalizzazione e un ridotto senso di realizzazione. [44] Gli atleti che sperimentano il burnout possono avere diversi fattori che contribuiscono, ma i motivi più frequenti includono perfezionismo, noia, infortuni, pressione eccessiva e sovrallenamento. [45] Il burnout è studiato in molte diverse popolazioni atletiche (ad esempio, allenatori), ma è un grave problema negli sport giovanili e contribuisce al ritiro dallo sport. La genitorialità nello sport giovanile è necessaria e fondamentale per i giovani atleti. La ricerca sulla genitorialità esplora i comportamenti che contribuiscono o ostacolano la partecipazione dei bambini. Ad esempio, la ricerca suggerisce che i bambini vogliono che i loro genitori forniscano supporto e siano coinvolti, ma non diano consigli tecnici a meno che non siano esperti in questo sport. [46] Anche le richieste eccessive da parte dei genitori possono contribuire al burnout. Il comportamento dell’allenatore è un importante contributo al modo in cui gli atleti giovanili sperimentano lo sport. [47] Nella ricerca diretta a codificare gli stili comportamentali degli allenatori, è stato riscontrato che i bambini sono più accurati nel percepire i comportamenti di coaching rispetto al coach. Questa mancanza di consapevolezza contribuisce pesantemente ai comportamenti negativi degli atleti e al burnout. [47]

Mental Coach Sport Coaching

Vedi anche: Allenatore (sport) , Psicologia del coaching § Allenamento degli atleti e Coaching § Allenamento sportivo

Mentre gli psicologi dello sport lavorano principalmente con gli atleti e concentrano la loro ricerca sul miglioramento delle prestazioni atletiche, gli allenatori sono un’altra popolazione in cui l’intervento può aver luogo. I ricercatori in quest’area si concentrano sul tipo di cose che gli allenatori possono dire o fare per migliorare la loro tecnica di coaching e le prestazioni dei loro atleti.

clima motivazionale si riferisce ai fattori situazionali e ambientali che influenzano gli obiettivi degli individui. [48] I due principali tipi di clima motivazionale che gli allenatori possono creare sono orientati al compito e orientati all’ego. Mentre vincere è l’obiettivo generale delle competizioni sportive indipendentemente dal clima motivazionale, un orientamento al compito enfatizza la costruzione di abilità, il miglioramento, lo sforzo completo e la padronanza del compito da svolgere (cioè, obiettivi autoreferenziali), mentre un orientamento all’ego enfatizza dimostrando abilità superiori, competizione, e non promuove lo sforzo o il miglioramento individuale (cioè, altri obiettivi di riferimento). È stato riscontrato che un clima orientato al compito sviluppa una maggiore motivazione intrinseca e autodeterminata negli atleti rispetto a un clima orientato all’ego. [49] Inoltre, un ambiente con l’auto-miglioramento come obiettivo principale crea una motivazione intrinseca maggiore rispetto a uno con la vittoria come obiettivo.

Pratiche di coaching efficaci esplorano i modi migliori in cui gli allenatori possono guidare e insegnare ai loro atleti. Ad esempio, i ricercatori possono studiare i metodi più efficaci per fornire feedback, premiare e rafforzare il comportamento, comunicare ed evitare profezie che si autoavverano nei loro atleti. [50] Gli allenatori influenzano la motivazione degli atleti principalmente attraverso il comportamento di interazione con gli atleti. Gli allenatori possono essere percepiti dai loro atleti come sostenitori dell’autonomia o controllo. [49] Gli allenatori che supportano l’autonomia forniscono struttura, oltre ad essere coinvolti e premurosi nei confronti degli atleti. Gli allenatori che sono percepiti come controllanti instillano una motivazione meno intrinseca nei loro atleti. La motivazione è massimizzata quando un allenatore è percepito come un supporto all’autonomia, fornendo al contempo un alto livello di formazione e istruzione. A causa di questi risultati, gli interventi che lo psicologo dello sport implementa sono focalizzati sull’aumento dei comportamenti di supporto all’autonomia degli allenatori. [49]

La filosofia del coaching si riferisce a un insieme di convinzioni intrinseche a un coach che guidano il suo comportamento e la sua esperienza. [51] La filosofia dovrebbe facilitare la consapevolezza di sé, dare priorità agli obiettivi del coaching ed essere centrata sull’atleta. Avere una filosofia centrale per l’individuo consentirà a un allenatore di reagire in modo più efficiente alle decisioni frenetiche durante lo sport in modo sistematico e ponderato. Un coach deve essere consapevole dei propri valori al fine di monitorare se questi valori sono in linea con i propri pensieri e azioni. Spesso, ottenere feedback da fonti esterne affidabili è utile per sviluppare questa consapevolezza di sé. Un allenatore deve anche determinare e dare priorità agli obiettivi di coaching tra vittoria, benessere dell’atleta e tempo al di fuori dello sport. Una filosofia incentrata sull’atleta enfatizza l’apprendimento e il miglioramento rispetto alla vittoria, il che mette lo sviluppo dell’atleta al primo posto. Questa filosofia dovrebbe essere dinamica man mano che si verificano e cambiano sia le esperienze sociali che quelle di coaching. [51]

Il Mental Coaching è la tecnica più utilizzata per aumentare i risultati delle prestazioni migliorando la forza mentale . Viene utilizzato principalmente con atleti d’élite e grandi talenti. Il Global Performance Index è uno strumento sviluppato per supportare questo approccio. Questa filosofia olistica (Mente-Corpo-Cuore-Spirito) valuta rapidamente la Salute mentale degli atleti misurandone i progressi nelle prestazioni.

comunicazione è un concetto importante che gli psicologi dello sport devono sviluppare con gli allenatori. [51] La comunicazione è un ruolo costante per gli allenatori rivolto ad atleti, genitori, amministratori, altri allenatori, media e sostenitori. Si presenta principalmente nelle forme di parlare, scrivere, linguaggio del corpo e ascolto. La comunicazione verbale avviene attraverso la parola; tuttavia, la comunicazione non verbale contribuisce enormemente al modo in cui le persone percepiscono la comunicazione degli allenatori . La comunicazione non verbale passa attraverso azioni, espressioni facciali, posizione del corpo e gesti. Gli allenatori devono essere consapevoli delle parole, del tono e dei comportamenti che usano. La ricerca ha scoperto che gli atleti rispondono meglio a feedback positivi, istruzioni tecniche specifiche e incoraggiamento generale. Gli psicologi dello sport si concentrano sullo sviluppo di stili di comunicazione di coaching che siano diretti, completi, immediati e chiari, ma anche di supporto, specifici per l’atleta e congruenti verbalmente e non verbalmente. [51]

Gli allenatori sono diventati più aperti all’idea di avere una buona relazione atleta-allenatore professionista. Questa relazione sarà la base per un’impostazione efficace delle prestazioni. [52]

Mental Coach Sport – Processi di squadra

Gli psicologi dello sport possono svolgere attività di consulenza o condurre ricerche con intere squadre. Questa ricerca si concentra sulle tendenze, i problemi e le convinzioni del team a livello di gruppo, non a livello individuale.

coesione di squadra può essere definita come la tendenza di un gruppo a restare unito mentre persegue i propri obiettivi. [53] La coesione del team ha due componenti: la coesione sociale (quanto bene i compagni di squadra si piacciono l’un l’altro) e la coesione del compito (quanto bene i compagni di squadra lavorano insieme per raggiungere il loro obiettivo). L’efficacia collettiva è la convinzione condivisa di un team di poter o non poter svolgere un determinato compito. [54] In altre parole, questa è la convinzione del team sul livello di competenza di cui dispone per svolgere un compito. È importante notare che l’efficacia collettiva è una convinzione condivisa globale tra i membri del team e non semplicemente la somma delle convinzioni di autoefficacia individuali. La leadership può essere considerata come un processo comportamentale che influenza i membri del team verso il raggiungimento di un obiettivo comune. [55] La leadership nello sport è pertinente perché ci sono sempre leader in una squadra (cioè capitani, allenatori, allenatori). La ricerca sulla leadership studia le caratteristiche dei leader efficaci e lo sviluppo della leadership.

Psicologia Organizzativa dello Sport

Dall’inizio degli anni 2000, c’è stata una tendenza crescente verso la ricerca e la pratica che riconosce meglio l’importanza di creare ambienti sportivi che consentano alle persone di prosperare. La psicologia organizzativa dello sport è un sottocampo della psicologia dello sport dedicato a una migliore comprensione del comportamento individuale e dei processi sociali nelle organizzazioni sportive per promuovere il funzionamento organizzativo. L’obiettivo della psicologia organizzativa dello sport è sviluppare conoscenze che supportino lo sviluppo di organizzazioni sportive funzionanti in modo ottimale attraverso il miglioramento delle esperienze quotidiane per coloro che operano all’interno della loro sfera di influenza. [56] Questa conoscenza può essere utilizzata in vari modi attraverso interventi a livello individuale, di gruppo o organizzativo, e quindi la psicologia organizzativa dello sport riflette una prospettiva sistemica per lo studio accademico e un aspetto sempre più necessario della competenza del professionista. [57] [58]

Mental Coach Sport – La motivazione nello sport

La motivazione nel campo della psicologia è vagamente definita come l’intensità e la direzione in cui viene applicato lo sforzo. La direzione della motivazione si riferisce a come si cercano le situazioni o se si evitano cose che potrebbero essere difficili. L’intensità si riferisce a quanto sforzo si mette in qualsiasi sfida o situazione. La motivazione è strettamente legata alla personalità e può essere classificata come un tratto della personalità. Esistono tre teorie generali sulla motivazione: teoria dei partecipanti/tratti, teoria situazionale e teoria dell’interazione. Queste teorie sono simili a quelle della personalità [59] .

La teoria del partecipante / tratto afferma che la motivazione consiste nei tratti della personalità, nei desideri e negli obiettivi di un atleta. Ad esempio, alcuni atleti potrebbero essere estremamente competitivi e avere il desiderio di migliorare e vincere costantemente. Questi atleti sarebbero motivati dalla competizione con se stessi e con gli altri [59] . Altre teorie affermano che la motivazione dipende dalla situazione e dall’ambiente. Ad esempio, alcuni atleti potrebbero non sentire il desiderio di lavorare sodo quando sono da soli, ma sono motivati da altri che li guardano. La loro motivazione dipenderebbe dalla presenza o meno di altre persone in giro [59] .

La teoria interazionale combina le idee di partecipante/tratto e situazionale, in cui il livello di motivazione di un individuo dipende dai suoi tratti e dalla situazione a portata di mano. Ad esempio, se un atleta potrebbe essere intrinsecamente competitivo e si sente più motivato quando partecipa a una partita contro molte altre persone. [59]

A seconda dei tratti e delle situazioni, per alcuni individui può essere più facile trovare la motivazione rispetto ad altri. Detto questo, a coloro che sono in grado di trovare la motivazione più facilmente non è garantito il successo e gli atleti che lottano possono modificare alcune cose per migliorare la loro spinta. La motivazione può essere facilitata da coaching o leader, cambiando l’ambiente, trovando molteplici ragioni o motivazioni per fare qualcosa ed essendo realistici su ciò che è realizzabile. È più probabile che gli atleti ad alto rendimento siano motivati a raggiungere il successo piuttosto che essere motivati a evitare il fallimento [59] .

La teoria dell’inversione della motivazione afferma che tutto il comportamento umano è vissuto in otto stati, [60] quattro serie di due. Uno stato motivazionale di ciascuna delle quattro coppie è presente in qualsiasi momento. La teoria dell’inversione supporta la ricerca che collega i fenomeni psicologici e fisiologici a questi stati. Inversioni intenzionali da uno stato meno desiderato o utile possono aumentare le prestazioni e la resistenza. [61] L’eccitazione e lo stress possono essere utilizzati in un modo unico e utile con l’uso di questo quadro teorico. [62] La teoria è stata ben supportata in studi in diversi continenti e in una varietà di sport. [63]

Mental Coach Sport – Tecniche di uso comune

Di seguito sono elencate alcune delle tecniche o abilità più comuni che gli psicologi dello sport insegnano agli atleti per migliorare le loro prestazioni.

Regolazione dell’eccitazione

La regolazione dell’eccitazione si riferisce all’entrare e mantenere un livello ottimale di attivazione cognitiva e fisiologica al fine di massimizzare le prestazioni. Ciò può includere il rilassamento se si diventa troppo ansiosi o stressati attraverso metodi come il rilassamento muscolare progressivo , esercizi di respirazione profonda e meditazione, o l’uso di tecniche energizzanti (p. es., ascolto di musica, segnali energizzanti) se non si è abbastanza vigili. [64] Ciò può includere anche strategie cognitive di rilassamento attraverso metodi di preparazione psicologica e dialogo interiore positivo.

Il rilassamento muscolare progressivo (PMR) si riferisce alla progressiva tensione e rilassamento dei gruppi muscolari target, che possono aiutare ad abbassare la pressione sanguigna, ridurre l’ansia di stato, migliorare le prestazioni e ridurre gli ormoni dello stress. [65] Questa tecnica è stata sviluppata da Edmund Jacobson, il quale ha scoperto che le persone sotto stress mostravano tipicamente un aumento della tensione muscolare. [66] Questa tecnica richiede agli atleti di sentire la tensione in un gruppo muscolare per riconoscere il successivo rilassamento. Per utilizzare con successo questa tecnica, gli atleti devono dedicare da venti a trenta minuti all’attività, tendere ciascun gruppo muscolare per circa quattro-otto secondi e assicurarsi che venga applicata anche una respirazione controllata e profonda. [66] È importante notare che questa tecnica può aumentare la sensazione di affaticamento. Sebbene questa tecnica non sia adatta come metodo di regolazione dell’eccitazione prima della performance, è stato riscontrato che la pratica regolare a lungo termine può ridurre l’ansia di stato [67] e il dolore correlato allo sport, che è spesso esacerbato dall’ansia. [68]

Gli esercizi di respirazione profonda implicano la consapevolezza del proprio ritmo del respiro e lo sforzo cosciente di fare respiri lenti e profondi. La respirazione profonda e lenta è una pratica tradizionale nella cultura orientale, nello yoga e nella meditazione. Viene utilizzato per attivare il sistema nervoso parasimpatico , che aiuta a ridurre la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. [69] La frequenza respiratoria tipica negli esseri umani è compresa tra 10-20 respiri al minuto, mentre la respirazione lenta è compresa tra 4-10 respiri al minuto. [70] Esistono vari metodi per applicare la respirazione lenta, come la tecnica 4-7-8. La forma più semplice è respirare profondamente per 1-5 minuti a ritmo lento. Per potenziare gli effetti, gli individui possono utilizzare la respirazione diaframmatica contemporaneamente. Per fare ciò, un individuo inspira attraverso il naso, permettendo alla sua pancia di sollevarsi mentre i polmoni si riempiono. Quindi, dopo una pausa momentanea, rilascia lentamente il respiro attraverso la bocca o il naso. Insieme al suo uso fisiologico, ci sono prove che la respirazione profonda può aumentare il senso di rilassamento e ridurre l’ansia. [69] Uno studio su nuotatori competitivi ha scoperto che la pratica regolare di esercizi di respirazione profonda può migliorare le funzioni polmonari aumentando la resistenza respiratoria. [71]

L’uso della meditazione e, in particolare, della consapevolezza, è una pratica in crescita nel campo del riconoscimento dell’eccitazione. La teoria della consapevolezza-accettazione-impegno (MAC) è la forma più comune di consapevolezza nello sport ed è stata costituita nel 2001. L’obiettivo del MAC è massimizzare il potenziale umano per una vita ricca, piena e significativa. [72] Include un protocollo specifico che prevede pratiche di meditazione e accettazione su base regolare, nonché prima e durante la competizione. Questi protocolli sono stati testati più volte utilizzando giocatori di basket NCAA maschili e femminili. In uno studio condotto da Frank L. Gardner, una giocatrice di basket femminile NCAA ha aumentato la sua soddisfazione personale nelle sue prestazioni da 2,4 su 10 a 9,2 su 10 dopo aver eseguito il protocollo MAC specifico per diverse settimane. Inoltre, l’effetto delle barriere mentali sul suo gioco è diminuito da 8 su 8 a 2,2 su 8 durante lo stesso periodo di tempo come risultato del protocollo MAC. [73]

Un altro studio del protocollo MAC eseguito da Frank Gardner e Zella Moore su un subacqueo competitivo adolescente ha mostrato che quando il protocollo MAC è adattato a una popolazione specifica, ha il potenziale per migliorare le prestazioni. In questo caso, il vocabolario e gli esempi nel protocollo sono stati adattati per essere più pratici per un dodicenne. Dopo aver eseguito il protocollo MAC per diverse settimane, il subacqueo ha mostrato un aumento tra il 13 e il 14 percento dei suoi punteggi di immersione. [74] Questo risultato è importante perché in precedenza la maggior parte dei test eseguiti utilizzando il protocollo MAC era stata eseguita su atleti di livello mondiale.

Ansia da eccitazione e stress

Sebbene l’ansia o lo stress siano spesso considerati una cosa negativa, in realtà sono una risposta necessaria per la sopravvivenza del corpo. È naturale che il corpo mostri determinati livelli di ansia e stress, tuttavia diventa un problema quando inizia a inibire l’attività. [75] L’eccitazione è l’attivazione fisiologica e psicologica del corpo in risposta a un evento. L’ansia di tratto esiste in un individuo quando sperimenta livelli di risposta insolitamente elevati a un’ampia gamma di situazioni che non sono minacciose. L’ansia di stato è la momentanea sensazione di nervosismo o preoccupazione che accompagna l’eccitazione del corpo. L’ansia di stato può essere definita cognitivamente, dove per un momento si verificano pensieri e preoccupazioni nervose. C’è anche l’ansia da stato somatico, in cui il corpo sperimenta una risposta fisiologica all’eccitazione. Questo a volte si manifesta momentaneamente come uno sbattimento nello stomaco o un battito cardiaco elevato. Ci sono quattro teorie principali dell’eccitazione e dell’ansia [32] .

La teoria della pulsione è un approccio che considera l’ansia una risorsa positiva. In situazioni in cui l’ansia è elevata, le prestazioni aumentano proporzionalmente. Questa teoria non è ben accettata perché si pensa che gli atleti possano essere psichici, ma possono anche essere psichici. Ciò significa semplicemente che l’ansia può funzionare per motivare alcuni, ma può inibire altri. Dipende interamente dalla personalità dell’individuo, quindi non può essere ampiamente applicato a tutti gli atleti [32] .

La teoria dell’U invertita è un approccio che propone che le migliori prestazioni si verifichino quando lo stress è moderato (non troppo alto o basso). Questa idea è dimostrata in un grafico in cui l’eccitazione fisiologica viene tracciata rispetto alle prestazioni. La curva è simile e invertita a U perché la performance è al suo valore più alto dove l’eccitazione è a metà del suo valore più alto. [32]

La teoria della zona di funzionamento ottimale esamina ogni tipo di ogni atleta e il livello di eccitazione di cui ha bisogno per esibirsi al meglio. Ciò suggerisce che ogni atleta richiede il proprio livello di stress ed eccitazione per sentirsi motivato e ottenere buoni risultati. Questa teoria è specifica ma difficile da quantificare. [32] Un modello proposto per un funzionamento ottimale è stato proposto da Yuri Hanin . Questo modello si concentra sull’interazione tra l’esperienza emotiva naturale e la ripetizione dell’atletica. La combinazione di questi concetti crea uno schema emotivo stabile per ogni individuo . Tiene conto delle esperienze emotive positive, negative, ottimali e disfunzionali e del modo in cui influiscono sulle prestazioni atletiche. [76] Il picco di prestazione si ha quando un atleta sperimenta questa zona di funzionamento ottimale. Questa fase è descritta come comprendente dissociazione e concentrazione intensa al punto da non essere consapevoli di ciò che ci circonda, mancanza di fatica e dolore, rallentamento percettivo del tempo e sensazione di potere e controllo. Questo stato non può essere forzato a verificarsi, sebbene gli atleti possano sviluppare il controllo su diverse variabili psicologiche che contribuiscono al raggiungimento del massimo delle prestazioni. [77] Gli psicologi dello sport cercano di fornire agli atleti gli strumenti per avere un maggiore controllo sul raggiungimento di questo livello di prestazioni di picco. Questi interventi mirano a controllare l’ansia di stato e il livello di eccitazione per l’individuo e le esigenze del compito per massimizzare le capacità di prestazione. Alcune delle strategie utilizzate includono la rivalutazione cognitiva, la respirazione e il rilassamento e l’ipnosi. [78]

Modello di eccitazione basato sulla specificità della pratica

Il “Modello di eccitazione basato sulla specificità della pratica” ( Movahedi , 2007) sostiene che, per ottenere prestazioni migliori e massime, gli atleti devono solo creare un livello di eccitazione simile a quello che hanno sperimentato durante le sessioni di allenamento. Per le massime prestazioni, gli atleti non hanno bisogno di avere livelli di eccitazione alti o bassi. È importante che creino lo stesso livello di eccitazione durante le sessioni di allenamento e la competizione. In altre parole, alti livelli di eccitazione possono essere utili se gli atleti sperimentano livelli così elevati di eccitazione durante alcune sessioni di allenamento consecutive. Allo stesso modo, bassi livelli di eccitazione possono essere utili se gli atleti sperimentano livelli così bassi di eccitazione durante alcune sessioni di allenamento consecutive. [79]

Mental Coach Sport –Impostazione degli obiettivi

obiettivi è il processo di pianificazione sistematica dei modi per ottenere risultati specifici entro un certo periodo di tempo. [80] La ricerca suggerisce che gli obiettivi dovrebbero essere specifici, misurabili, difficili ma raggiungibili, basati sul tempo, scritti e una combinazione di obiettivi a breve e lungo termine. [81] [82] Una meta-analisi della definizione degli obiettivi nello sport suggerisce che, rispetto a non fissare obiettivi oa “fare del proprio meglio”, impostare i tipi di obiettivi sopra indicati è un metodo efficace per migliorare le prestazioni. [83] Secondo la dott.ssa Eva V. Monsma , gli obiettivi a breve termine dovrebbero essere utilizzati per aiutare a raggiungere gli obiettivi a lungo termine. La dott.ssa Monsma afferma anche che è importante “fissare obiettivi in termini positivi concentrandosi sui comportamenti che dovrebbero essere presenti piuttosto che su quelli che dovrebbero essere assenti”. [84] Ogni obiettivo a lungo termine dovrebbe avere anche una serie di obiettivi a breve termine che progrediscono in difficoltà. [85] Ad esempio, gli obiettivi a breve termine dovrebbero passare da quelli che sono facili da raggiungere a quelli che sono più impegnativi. [85] Avere obiettivi impegnativi a breve termine rimuoverà la ripetitività degli obiettivi facili e darà un vantaggio quando si lotta per i propri obiettivi a lungo termine. Esistono tre tipi principali di obiettivi all’interno della psicologia dello sport: obiettivi di risultato, obiettivi di prestazione e obiettivi di processo. [86]

Mental Coach Sport – Tipi di obiettivi

Gli obiettivi di risultato descrivono come un individuo o una squadra mira a confrontarsi con gli altri concorrenti. [86] Questo tipo di obiettivo è unico perché la sua natura è radicata nel confronto sociale. Vincere è l’obiettivo di risultato più comune. Questo tipo di obiettivo è il meno efficace perché dipende da tanti fattori che sono estrinseci all’individuo. [86]

prestazione sono obiettivi soggettivi che riguardano il raggiungimento personale in un risultato finale. [86] Questi prodotti di prestazione si basano su standard soggettivi per l’individuo e generalmente basati su misurazioni numeriche. Gli esempi includono la fine di una gara in un certo tempo, il salto di una certa altezza o il completamento di un determinato numero di ripetizioni. [86]

obiettivi del processo sono focalizzati sul processo di performance. [86] Questi includono l’esecuzione dei comportamenti utilizzati nell’attività per arrivare al prodotto finale della prestazione. Gli esempi includono il controllo della respirazione, il mantenimento della postura del corpo o l’uso di immagini. [86]

Immagini

Le immagini (o immagini motorie ) possono essere definite come l’utilizzo di più sensi per creare o ricreare esperienze nella propria mente. [87] Inoltre, più le immagini sono vivide, più è probabile che vengano interpretate dal cervello come identiche all’evento reale, il che aumenta l’efficacia della pratica mentale con le immagini. [88] Una buona immaginazione, quindi, tenta di creare un’immagine il più realistica possibile attraverso l’uso di più sensi (ad es. vista, olfatto, cinestetico ), tempismo, prospettiva e rappresentazione accurata del compito. [89] Sia le prove aneddotiche degli atleti che i risultati della ricerca suggeriscono che le immagini sono uno strumento efficace per migliorare le prestazioni e gli stati psicologici rilevanti per le prestazioni (ad esempio, la fiducia). [90] Questo è un concetto comunemente usato da allenatori e atleti il giorno prima di un evento. Ci sono due prospettive che si possono assumere quando si utilizzano le immagini: in prima persona, in cui uno fotografa mentre esegue l’abilità da solo , e immagini in terza persona, in cui uno fotografa l’abilità che viene eseguita da se stesso o da un altro atleta. Gli atleti possono utilizzare qualsiasi prospettiva sia più comoda per loro. Esistono molteplici teorie su come gli atleti usano le immagini [1] .

teoria psiconeuromuscolare propone che gli atleti attivino i muscoli associati a un’azione immaginandosi mentre eseguono l’azione. Attivare i neuroni che forniscono input ai muscoli è simile a praticare effettivamente il movimento [1] .

La teoria dell’apprendimento simbolico propone che gli atleti riconoscano i modelli nelle attività e nelle prestazioni. I modelli vengono quindi utilizzati per creare una mappa mentale o un modello di come completare una serie di azioni [1] .

La teoria della vivacità suggerisce che gli atleti utilizzino i cinque sensi per acquisire informazioni mentre completano un’azione, e quindi utilizzare i ricordi di questi stimoli per rendere la loro ricreazione mentale dell’evento il più realistica possibile [1] .

La teoria della controllabilità si concentra sulla capacità degli atleti di manipolare le immagini nella loro mente. In questo modo, sono in grado di immaginarsi mentre correggono un errore o fanno qualcosa in modo corretto. Questo è pensato per far sembrare gli obiettivi più raggiungibili per gli atleti. Questo tipo di immagini può anche essere dannoso, in cui gli atleti visualizzano se stessi commettendo un errore ripetutamente. [1]

Tutte le strategie di immaginazione sono funzionali, ma ogni atleta potrebbe trovarne una più efficace di altre. Ogni strategia può essere utilizzata in base alle esigenze individuali e agli obiettivi dell’atleta. Per essere efficace, la pratica delle immagini deve essere inculcata nelle routine regolari come supplemento all’allenamento fisico. Gli atleti devono imparare a utilizzare le immagini in un luogo tranquillo e non distratto mentre immaginano immagini realistiche e raggiungibili. L’uso di parole chiave può facilitare le immagini e avvicinare l’atleta all’obiettivo nella foto. [1]

Routine di pre-spettacolo

Le routine pre-performance si riferiscono alle azioni e ai comportamenti che gli atleti usano per prepararsi a una partita o a una performance. Ciò include routine pre-partita, routine di riscaldamento e azioni che un atleta eseguirà regolarmente, mentalmente e fisicamente, prima di eseguire la performance. Spesso, questi incorporeranno altre tecniche comunemente usate, come le immagini o il dialogo interiore. Esempi potrebbero essere le visualizzazioni fatte dagli sciatori, i dribbling dei giocatori di basket sulla linea di fallo e le routine di pre -tiro che i giocatori di golf o di baseball usano prima di un tiro o di un lancio. [91] Queste routine aiutano a sviluppare coerenza e prevedibilità per il giocatore. Ciò consente ai muscoli e alla mente di sviluppare un migliore controllo motorio.

Parlare di sé

Il discorso interiore si riferisce ai pensieri e alle parole che gli atleti e gli artisti dicono a se stessi, di solito nella loro mente. Le frasi (o spunti) di conversazione personale vengono utilizzate per dirigere l’attenzione su una cosa particolare al fine di migliorare la concentrazione o vengono utilizzate insieme ad altre tecniche per facilitarne l’efficacia. [92] Questi usi rientrano in genere in due categorie di auto-conversazione: didattici e motivazionali. [93] Il dialogo interiore istruttivo si riferisce a segnali che un atleta potrebbe usare per concentrarsi e ricordare a se stesso la tecnica corretta. [93] Ad esempio, un giocatore di softball può pensare “punto di rilascio” quando è alla battuta per dirigere la sua attenzione sul punto in cui il lanciatore rilascia la palla, mentre un giocatore di golf può dire “colpo liscio” prima di mettere per rimanere rilassato. Il dialogo interiore motivazionale indica segnali che potrebbero creare fiducia, massimizzare lo sforzo o riaffermare le proprie capacità. Ad esempio, uno potrebbe dire a se stesso di “dare tutto” o che “posso farcela”. La ricerca suggerisce che il dialogo interiore positivo o negativo può migliorare le prestazioni, suggerendo che l’efficacia delle frasi di conversazione personale dipende da come la frase viene interpretata dall’individuo. [94] Tuttavia, l’uso del dialogo interiore positivo è considerato più efficace [95] ed è coerente con la teoria della rete associativa di Gordon Bower [96] e il principio dell’autoefficacia all’interno della più ampia teoria cognitiva sociale di Albert Bandura . [97] [98] L’uso delle parole nello sport è stato ampiamente utilizzato. La capacità di bombardare la mente inconscia con una sola frase positiva, è una delle abilità psicologiche più efficaci e facili da usare a disposizione di qualsiasi atleta.

Biofeedback

Il biofeedback utilizza la tecnologia esterna per misurare e rendere un individuo consapevole dei processi fisiologici interni. [78] Ci sono alcune prove che le misure fisiologiche, come la frequenza cardiaca o le onde cerebrali, sembrano essere diverse negli atleti d’élite rispetto a quelle della persona tipica. Questo è un campo che dovrebbe essere ulteriormente approfondito; tuttavia, potrebbe avere implicazioni benefiche per gli atleti essere in grado di monitorare e controllare queste misure fisiologiche per massimizzare le prestazioni. [78]

Modellazione

La modellazione è una forma di apprendimento osservazionale in cui un atleta osserva un altro individuo con lo stesso livello di apprendimento delle abilità eseguire movimenti relativi allo sport e ricevere feedback. [78] È stato dimostrato che ciò aiuta a modificare i pensieri, le emozioni e i comportamenti degli atleti in modi benefici. Affinché questa forma di apprendimento funzioni, l’atleta deve essere motivato, attento, capace di ricordare e disposto a cercare di imitare la propria osservazione del modello. [78]

Musica

La musica può essere utilizzata una strategia preziosa per aiutare gli atleti a gestire i livelli di eccitazione per aumentare i risultati delle prestazioni. La musica può essere sedativa o stimolante. [99] In primo luogo, la musica può essere sedativa mitigando l’ansia da stato somatico. Ad esempio, musica rilassante sconosciuta, musica eccitante sconosciuta e musica eccitante familiare hanno tutti dimostrato di avere un effetto sui parametri fisiologici: risposta galvanica della pelle, temperatura periferica e frequenza cardiaca. Tuttavia, in uno studio particolare, la musica rilassante non familiare ha ridotto i livelli di eccitazione più degli altri due tipi di musica selezionati. [100]

Anche la musica può essere usata come stimolante. Gli atleti ascolteranno la musica per portarli a un livello di eccitazione ottimale. [101] Inoltre, gli atleti ascoltano musica per prepararsi (o “entrare nell’atmosfera di”) eventi. [102] La musica influenza i livelli di eccitazione attraverso l’attivazione della corteccia prefrontale che ha un’influenza diretta sullo stato emotivo di un individuo. [103] Inoltre, è stato riscontrato che l’ascolto di musica aumenta il rilascio di dopamina che illustra una componente gratificante dell’ascolto della musica. [104] Se gli atleti vogliono cambiare i livelli di eccitazione, dovrebbero essere consapevoli dell’effetto che il tempo ha sui livelli di eccitazione. Ad esempio, gli atleti dovrebbero ascoltare musica a tempo veloce invece di musica a tempo lento per ottenere livelli di eccitazione più elevati. [105] Infine, la musica è efficace nel gestire l’eccitazione spostando l’attenzione dell’atleta verso l’interno, impedendo all’atleta di cedere a distrazioni esterne che potrebbero portare a una maggiore eccitazione e avere un impatto negativo sulle prestazioni. [106]

Differenze specifiche per lo sport [ modifica ]

Mental Coach Sport – Caratteristiche della personalità

È utile per gli psicologi dello sport capire come le personalità degli atleti variano sistematicamente a seconda del tipo di sport praticato. [107] La ricerca sulla personalità degli atleti consente ai professionisti di investire al massimo e selezionare sport specifici grazie a una comprensione di base della dinamica in cui stanno intervenendo. Le caratteristiche della personalità differiscono tra gli sport di squadra e quelli individuali, nonché i diversi tipi di sport. [107]

Grandi 5 tratti della personalità

La ricerca sui cinque grandi tratti della personalità (apertura, coscienziosità, estroversione, gradevolezza e nevroticismo) e su alcune altre caratteristiche hanno differenziato le personalità degli atleti negli sport individuali rispetto agli sport di squadra. [107] Gli atleti negli sport individuali hanno ottenuto punteggi più alti nelle misure di coscienziosità e autonomia. Gli atleti di sport di squadra hanno ottenuto punteggi più alti nelle misure di gradevolezza e sociotrofia . Queste caratteristiche possono essere spiegate dalle esigenze di ogni tipo di sport. Gli sport individuali richiedono che gli atleti siano autosufficienti, mentre gli sport di squadra richiedono coesione di gruppo per avere successo. Gli atleti che partecipano a sport di squadra e individuali ottengono punteggi uguali nelle misure di nevroticismo, estroversione e apertura. Questi tratti aiutano a fornire un profilo di personalità per lo psicologo dello sport che cerca di lavorare con determinati tipi di sport. [107]

Cercando emozioni

La ricerca di sensazioni è un fenomeno in cui un individuo cerca di partecipare ad attività nuove, complesse o intense con una maggiore quantità di brivido per soddisfare il proprio bisogno personale di eccitazione. [108] Questa è un’area in cui è possibile differenziare le personalità in diversi tipi di sport. I cercatori di sensazioni forti tendono a partecipare agli sport estremi da brivido, come il paracadutismo, le corse automobilistiche, le immersioni subacquee, gli sport acquatici e lo sci. La ricerca di sensazioni non è un motivo per altri sport ad alto rischio come l’alpinismo e il canottaggio oceanico. [109] Gli sport da brivido comportano un’intensa velocità ed eccitazione, nonché una percezione del rischio. Gli individui con un livello moderato di ricerca delle sensazioni tendono a partecipare a sport comuni che sono imprevedibili ma anche minimamente rischiosi. Alcuni esempi sono basket, baseball, pallavolo e golf. I cercatori di basse sensazioni partecipano a sport che richiedono grandi quantità di allenamento e costanza, come la corsa su lunghe distanze, la ginnastica o il nuoto. [108] Questa è un’area del tipo di personalità che differisce per i diversi sport.

Psicopatologia

Diverse categorie di sport mostrano diversi profili di salute mentale. [110] Nel complesso, le atlete hanno maggiori probabilità di sviluppare una psicopatologia, come ansia, depressione o disturbi alimentari. L’unico problema che è più diffuso negli atleti di sesso maschile è l’uso di droghe e alcol. Questi sono coerenti anche con il pubblico in generale. Ansia, depressione e problemi di sonno sono prevalenti negli sport altamente estetici, come il balletto o la ginnastica. Questi sono meno diffusi negli sport ad alto rischio e negli sport con la palla di squadra. I disturbi alimentari sono più diffusi negli atleti rispetto al pubblico in generale . Per le donne i disturbi alimentari sono molto diffusi negli sport estetici, nelle corse e negli sport motoristici e meno prevalenti negli sport con la palla di squadra. I disturbi alimentari sono più diffusi per gli uomini negli sport da combattimento e di contatto. [110] Ci sono comportamenti alimentari più problematici negli sport che pongono l’accento sulla magrezza e sulla dipendenza dal peso. [111] Ciò dimostra che i problemi di salute mentale sono fortemente correlati alle richieste che gli sport specifici impongono agli atleti coinvolti.

Mental Coach Sport –  Psicologia dell’esercizio

La psicologia dell’esercizio può essere definita come lo studio di problemi psicologici e teorie relative all’esercizio. [112] La psicologia dell’esercizio è una sottodisciplina all’interno del campo della psicologia ed è tipicamente raggruppata con la psicologia dello sport. Ad esempio, la Divisione 47 dell’APA riguarda l’esercizio e la psicologia dello sport, non solo l’uno o l’altro, mentre organizzazioni come l’AASP comprendono sia l’esercizio che la psicologia dello sport.

Il legame tra esercizio e psicologia è stato a lungo riconosciuto. Nel 1899, William James discusse l’importanza dell’esercizio, scrivendo che era necessario “fornire lo sfondo di sanità mentale, serenità … e renderci di buon umore e di facile approccio”. [113] Altri ricercatori hanno notato la connessione tra esercizio e depressione, concludendo che una moderata quantità di esercizio era più utile di nessun esercizio nel miglioramento dei sintomi. [114] Inoltre, soddisfare i requisiti di esercizio può anche aiutare ad alleviare i sintomi dei disturbi dell’evitamento e dell’ansia, fornendo anche una migliore qualità di vita per il paziente in termini di salute fisica. [115]

Come sottodisciplina, la quantità di ricerca sulla psicologia dell’esercizio è aumentata negli anni ’50 e ’60, portando a diverse presentazioni al secondo incontro della Società internazionale di psicologia dello sport nel 1968. [116] Nel corso degli anni ’70 e ’80, William Morgan ha scritto diversi pezzi sulla relazione tra esercizio e vari argomenti, come umore, [117] ansia, [118] e aderenza ai programmi di esercizio. [119] Morgan ha anche fondato APA Division 47 nel 1986. [120]

In quanto materia interdisciplinare, la psicologia dell’esercizio attinge a diversi campi scientifici, che vanno dalla psicologia alla fisiologia alle neuroscienze. I principali argomenti di studio sono il rapporto tra esercizio e salute mentale (es. stress, affettività, autostima), interventi che promuovono l’attività fisica, esplorazione dei modelli di esercizio in diverse popolazioni (es. anziani, obesi), teorie sul cambiamento del comportamento e problemi associati all’esercizio (p. es., lesioni, disturbi alimentari, dipendenza dall’esercizio). [121] [122]

Prove recenti suggeriscono anche che oltre alla salute mentale e al benessere, la pratica sportiva può migliorare le capacità cognitive generali. Quando richiede sufficienti richieste cognitive, l’attività fisica sembra essere un modo ottimale per migliorare la cognizione, forse in modo più efficiente rispetto all’allenamento cognitivo o al solo esercizio fisico [123]

Guarda anche

Mental Coach – Riferimenti

  1. ^ Salta su : aB C D e F g Weinberg, RS & Gould, D. (2010). Fondamenti di Psicologia dello Sport e dell’Esercizio . Champaign, IL: Cinetica umana.
  2. ^Maggio, Ryan K. (2010). “Psicologia dello sport”. L’ Enciclopedia della Psicologia Corsini . doi : 1002/9780470479216.corpsy0937 . ISBN 978-0-470-47921-6 .
  3. ^ Verde, CD e Benjamin, LT (2009). La psicologia entra in gioco . Lincoln, NE: University of Nebraska Press.
  4. ^Cole, Bill. “Psicologia dello sport: una breve storia e una panoramica di un campo il cui momento è arrivato e come può aiutarti nel tuo sport” .
  5. ^Bäumler , G. (2009). Gli albori della psicologia dello sport in Europa, 1880–1930: i primi pionieri di una nuova branca della scienza applicata. In CD Green e LT Benjamin (a cura di), la psicologia entra in gioco (pp. 20-77). Lincoln, NE: University of Nebraska Press.
  6. ^Driska , A. (2011). Una breve storia della psicologia dello sport.
  7. ^Goodwin, C. James (2009). “EW Scrittura: l’applicazione della metodologia della “nuova psicologia” all’atletica” . In verde, Christopher D.; Benjamin, Ludy T. (a cura di). La psicologia entra in gioco: sport, mente e comportamento, 1880-1960. U di Nebraska Press. pagine 78–97. ISBN 978-0-8032-2673-9 .
  8. ^Fuchs, Alfred H. (1998). “Psicologia e ‘The Babe’”. Giornale di storia delle scienze comportamentali. 34 (2): 153–165. doi : 1002/(sici)1520-6696(199821)34:2<153::aid-jhbs3>3.0.co;2-t . PMID 9580977 .
  9. ^ Davis, SF, Huss, MT e Becker, AH (2009). Norman Triplett: Riconoscere l’importanza della competizione. In CD Green e LT Benjamin (a cura di), la psicologia entra in gioco (pp. 98-115). Lincoln, NE: University of Nebraska Press.
  10. ^ Dewsbury, DA (2009). Karl S. Lashley e John B. Watson: prime ricerche sull’acquisizione di abilità nel tiro con l’arco. In CD Green e LT Benjamin (a cura di), la psicologia entra in gioco (pp. 116-143). Lincoln, NE: University of Nebraska Press.
  11. ^ Fuchs, AH (2009). Psicologia e baseball: il test di Babe Ruth. In CD Green e LT Benjamin (a cura di), la psicologia entra in gioco (pp. 144-167). Lincoln, NE: University of Nebraska Press.
  12. ^Fuchs, AH (1998). “”Psicologia e “The Babe”. Giornale di storia delle scienze comportamentali. 34 (2): 153–165. doi : 1002/(sici)1520-6696(199821)34:2<153::aid-jhbs3>3.0.co;2-t . PMID9580977 .
  13. ^ Salta su : aBGould, D.; Scegli, S. (1995). “Psicologia dello sport: l’era di Griffith, 1920-1940”. Lo Psicologo dello Sport. 9 (4): 391–405. doi : 1123/tsp.9.4.391 .
  14. ^ Salta su : aBDriska , A. (2011). Una breve storia della psicologia dello sport. La mente dura.
  15. ^ Verde, CD (2009). Coleman Roberts Griffith: “Padre” della psicologia sportiva nordamericana. In CD Green e LT Benjamin (a cura di), la psicologia entra in gioco (pp. 202-229). Lincoln, NE: University of Nebraska Press.
  16. ^“Franklin M. Henry” . senate.universityofcalifornia.edu. Estratto il 23-09-2021.
  17. ^ Park, RJ, Brooks, GA e Scott, KM (nd). In memoria: Franklin M. Henry.
  18. ^ Martens, R. (1979). A proposito di grembiuli e atleti. Giornale di psicologia dello sport, 1, 94-99. Estratto da Letture essenziali in psicologia dello sport e dell’esercizio .
  19. ^Orlick , Terry; Partington, John (giugno 1988). “Collegamenti mentali all’eccellenza”. Lo Psicologo dello Sport. 2 (2): 105–130. doi : 1123/tsp.2.2.105 . S2CID145360029 .
  20. ^ Silva, JM (2010). Nessuno ti ha detto quando correre: il passato e il presente non sono il futuro della psicologia dello sport. Presentazione principale, Association for Applied Sport Psychology, Providence, RI. Estratto il 25 giugno 2011 da http://www.bgsu.edu/downloads/lib/file96561.pdf . [ collegamento morto ]
  21. ^ Diventa un consulente certificato. Estratto da http://appliedsportpsych.org/
  22. ^Bassham , L. (2011). Storia del gioco mentale.
  23. ^ Abrams, M. (2010) Gestione della rabbia e sport; Comprendere e controllare la violenza negli atleti Champaign, IL: Human Kinetics [ pagina necessaria ]
  24. ^danese, SJ; Hale, BD (1981). “Verso una comprensione della pratica della psicologia dello sport”. Giornale di psicologia dello sport. 3 (2): 90–99. doi : 1123/jsp.3.2.90 .
  25. ^Heyman, SR (1982). “Una reazione a danese e Hale: un rapporto di minoranza”. Giornale di psicologia dello sport. 4 : 7–9. doi : 1123/jsp.4.1.7 .
  26. ^Dishman, RK (1983). “Crisi di identità nella psicologia dello sport nordamericano: accademici nelle questioni professionali”. Giornale di psicologia dello sport. 5 (2): 123–134. doi : 1123/jsp.5.2.123 .
  27. ^Silva, JM (1989). “Verso la professionalizzazione della psicologia dello sport”. Lo Psicologo dello Sport. 3 (3): 265–273. doi : 1123/tsp.3.3.265 .
  28. ^Silva, J.; Conroy, D.; Zizzi, S. (1999). “Problemi critici di fronte al progresso della psicologia dello sport applicata”. Giornale di psicologia dello sport applicata. 11 (2): 298–320. doi : 1080/10413209908404206 .
  29. ^Hale, B.; Danese, S. (1999). “Mettere il carrello dell’accreditamento prima del cavallo AAASP: una risposta a Silva, Conroy e Zizzi”. Giornale di psicologia dello sport applicata. 11 (2): 321–328. doi : 1080/10413209908404207 .
  30. ^ Marchant, DB (2010). Valutazione psicologica: misure obiettive/di autovalutazione. In SJ Hanrahan e MB Andersen (a cura di), Routledge manuale di psicologia dello sport applicata (pp. 111-119). Londra: Routledge.
  31. ^Weinberg, Robert S.; Gould, Daniel (2014-11-11). Fondamenti di Psicologia dello Sport e dell’Esercizio . Cinetica umana. pagine 22–23. ISBN978-1-4925-8474-2 .
  32. ^ Salta su : aBC D e F G h io J K Jarvis, Matt (2006). Psicologia dello sport. 270 Madison Avenue, New York, NY 10016: Routledge. ISBN 1-84169-581-5 . [ pagina necessaria ]
  33. ^ Salta su : aB“Percorsi di carriera”. Enciclopedia della psicologia dello sport e dell’esercizio. 2014. doi : 4135/9781483332222.n50 . ISBN 978-1-4522-0383-6 .
  34. ^Nahum, O. (2017). La ricerca sullo stress nella psicologia dello sport: tre limiti e direzioni future . Berlino: loghi. pp. 177–186. ISBN978-3-8325-4507-9 .
  35. ^Jones, G.; Hanton , S.; Connaughton, D. (2002). “Cos’è questa cosa chiamata forza mentale ?: Un’indagine con artisti d’élite”. Giornale di psicologia dello sport applicata. 14 : 211–224. CiteSeerX1.1.682.7560 . doi : 10.1080/10413200290103509 . S2CID 143788691 .
  36. ^ Bandura, A. (1997). Autoefficacia: L’esercizio del controllo (vedi articolo). New York: WH Freeman.
  37. ^Vealey, RS (1986). “Concettualizzazione della fiducia nello sport e orientamento agonistico: indagine preliminare e sviluppo strumentale”. Giornale di psicologia dello sport. 8 (3): 221–246. doi : 1123/jsp.8.3.221 .
  38. ^Jones, G.; Hanton , S.; Swain, A. (1994). “Intensità e interpretazione dei sintomi di ansia negli atleti sportivi d’élite e non”. Personalità e differenze individuali. 17 (5): 657–663. doi : 1016/0191-8869(94)90138-4 .
  39. ^Duda , JL & Treasure, DC (2006). Processi motivazionali e facilitazione della prestazione, persistenza e benessere nello sport. In JM Williams (a cura di), Applied Sport Psychology: Personal Growth to Peak Performance (pp. 57-81). New York: McGraw-Hill.
  40. ^ Salta su : aBC “Personalità e caratteristiche psicologiche degli atleti”. Enciclopedia della psicologia dello sport e dell’esercizio. 2014. doi : 4135/9781483332222.n215 . ISBN 978-1-4522-0383-6 .
  41. ^Nahum, O. (2020). “Scala delle prestazioni soggettive dell’atleta (ASPS)” . ASPS.
  42. ^Gould, D.; Collins, K.; Lauer, L.; Chung, Y. (2007). “Allenare le abilità di vita attraverso il calcio: uno studio sugli allenatori delle scuole superiori pluripremiati “. Giornale di psicologia dello sport applicata. 19 : 16–37. doi : 1080/10413200601113786 . S2CID145645310 .
  43. ^danese, SJ; Forneris , T.; Wallace, I. (2005). “Programmazione delle abilità di vita basate sullo sport nelle scuole”. Giornale di psicologia scolastica applicata. 21 (2): 41–62. doi : 1300/j370v21n02_04 . S2CID145452751 .
  44. ^Goodger , K.; Gorely , T.; Lavallee, D.; Harwood, C. (2007). “Burnout nello sport: una revisione sistematica”. Lo Psicologo dello Sport. 21 (2): 127–151. doi : 1123/tsp.21.2.127 . hdl : 1893/7644 .
  45. ^Gould, Daniel; Whitley, Meredith A. (giugno 2009). “Fonti e conseguenze del burnout atletico tra gli atleti del college” . Giornale di sport intercollegiale. 2 (1): 16–30. doi : 1123/jis.2.1.16 .
  46. ^Cavaliere, Camilla J.; Boden, Candice M.; Holt, Nicholas L. (2 novembre 2010). “Preferenze dei giocatori di tennis junior per i comportamenti dei genitori” . Giornale di psicologia dello sport applicata. 22 (4): 377–391. doi : 1080/10413200.2010.495324 . S2CID145646011 .
  47. ^ Salta su : aBSmith, Ronald E.; Smoll , Frank L. (2010). “Coaching atletico”. L’ Enciclopedia della Psicologia Corsini . doi : 1002/9780470479216.corpsy0090 . ISBN 978-0-470-47921-6 .
  48. ^ Ames, C. (1992). Obiettivi di raggiungimento, climi motivazionali e processi motivazionali. In CG Roberts (a cura di), Motivazione nello sport e nell’esercizio (pp. 161-176). Champaign, IL: Cinetica umana.
  49. ^ Salta su : aBC Tenenbaum, Gershon; Eklund, Robert C. (05/10/2007). Manuale di psicologia dello sport . John Wiley & Figli. ISBN 978-0-470-06824-3 .
  50. ^ Smith, RE (2006). Rinforzo positivo, feedback sulle prestazioni e miglioramento delle prestazioni. In JM Williams (a cura di), Applied Sport Psychology: Personal Growth to Peak Performance (pp. 40-56). New York: McGraw-Hill.
  51. ^ Salta su : aBC D Burton, Damon; Raedeke , Thomas D. (2008). Psicologia dello sport per allenatori . Cinetica umana. ISBN 978-0-7360-3986-4 .
  52. ^Jowett, Sofia (2014). “Teoria dell’interdipendenza e relazione allenatore-atleta”. In Eklund, Robert C.; Tenenbaum, Gershon (a cura di). Enciclopedia della psicologia dello sport e dell’esercizio. pp. 387–389. doi : 4135/9781483332222.n160 . ISBN978-1-4522-0383-6 .
  53. ^ Carron, AV, Brawley, LR e Widmeyer, WN (1998). La misurazione della coesione nei gruppi sportivi. In JL Duda (a cura di), Progressi nella misurazione della psicologia dello sport e dell’esercizio (pp. 213-226). Morgantown, WV: Tecnologia dell’informazione per il fitness.
  54. ^Bandura, Albert (febbraio 2001). “Teoria cognitiva sociale: una prospettiva agentica” . Rassegna annuale di psicologia. 52 (1): 1–26. doi : 1146/annurev.psych.52.1.1 . PMID11148297 . S2CID 11573665 .
  55. ^Barrow, JC (1977). “Le variabili della leadership: una revisione e un quadro concettuale”. Academy of Management Review. 2 (2): 233–251. doi : 5465/amr.1977.4409046 .
  56. ^Wagstaff, Christopher RD (2019). “Fare il punto sulla psicologia organizzativa nello sport” . Giornale di psicologia dello sport applicata. 31 : 1–6. doi : 1080/10413200.2018.1539785 .
  57. ^Wagstaff, Christopher RD (2 gennaio 2019). “Un commento e riflessioni sul campo della psicologia organizzativa dello sport”(PDF) . Giornale di psicologia dello sport applicata. 31 (1): 134–146. doi : 1080/10413200.2018.1539885 . S2CID 150129207 .
  58. ^Fletcher, D.; Wagstaff, CRD (2009). “Psicologia organizzativa nello sport d’élite: la sua emergenza, applicazione e futuro”. Psicologia dello sport e dell’esercizio. 10 (4): 427–434. doi : 1016/j.psychsport.2009.03.009 .
  59. ^ Salta su : aBC D e Williams, JM (2006). Psicologia dello sport applicata: crescita personale fino al massimo delle prestazioni 5a edizione. Palo Alto, California: Mayfield.
  60. ^Apter , Michael (2006). Teoria dell’inversione: la dinamica della motivazione, dell’emozione e della personalità (2 ed.). Oxford: pubblicazioni Oneworld . ISBN978-1851684809 .
  61. ^Kerr, John (2001). “Sport ed esercizio” . Stili motivazionali nella vita quotidiana: una guida alla teoria dell’inversione. vol. 1. Associazione psicologica americana. pp. 187–213. doi : 1037/10427-010 . ISBN1-55798-739-4 . Estratto il 20 gennaio 2021.
  62. ^Jarvis, Matt (2006). Psicologia dello sport(PDF) . New York: Routledge. pp. 24, 122. ISBN 1-84169-581-5 . Estratto il 20 gennaio 2021.
  63. ^Hudson, Giovanna; Johnathan, maschi; Kerr, John (2016). “Ricerca sullo sport e sull’esercizio basata sulla teoria dell’inversione: una revisione sistematica / narrativa” . Psicologia dello sport e dell’esercizio. 27 (1): 168–179. doi : 1016/j.psychsport.2016.08.008 . Estratto il 20 gennaio 2021.
  64. ^ Williams, J. & Harris, D. (2006). Tecniche rilassanti ed energizzanti per la regolazione dell’eccitazione. In Williams, JM (a cura di), Applied Sport Psychology: Personal Growth to Peak Performance (pp. 285-305). New York, NY: McGraw-Hill.
  65. ^Vento, Kaila A (2017). Gli effetti del rilassamento muscolare progressivo sul benessere soggettivo degli atleti collegiali (tesi). ProQuest1886858348 . [ pagina necessaria ]
  66. ^ Salta su : ab Humphrey, J., Yow, D. e Bowden, W. (2013). Lo stress nell’atletica leggera del college: cause, conseguenze, coping. Routledge. [ pagina necessaria ]
  67. ^Peña, Juan Luis Soto (2019). “Influenza di un programma di rilassamento muscolare progressivo sui livelli di ansia di stato nelle ginnaste aerobiche universitarie”. Educacio Fisica ed Esports. 137 : 142. ProQuest2262703125 .
  68. ^Wade, Daniel (2009). Ansia, allenamento di rilassamento muscolare progressivo e recupero del braccio di un lanciatore di baseball (tesi). OCLC800313197 . [ pagina necessaria ]
  69. ^ Salta su : aBHunt, Melissa G.; Rushton, James; Shenberger , Elyse; Murayama, Sarah (marzo 2018). “Effetti positivi della respirazione diaframmatica sulla reattività fisiologica allo stress negli atleti universitari”. Giornale di psicologia clinica dello sport. 12 (1): 27–38. doi : 1123/jcsp.2016-0041 .
  70. ^Russo, Marc A.; Santarelli , Danielle M.; O’Rourke, Dean (dicembre 2017). “Gli effetti fisiologici della respirazione lenta nell’uomo sano” . Respirare. 13 (4): 298–309. doi : 1183/20734735.009817 . PMC5709795 . PMID 29209423 .
  71. ^Hakked , Chirag Sunil; Balakrishnan, Ragavendrasamy ; Krishnamurthy, Manjunath Nandi (aprile 2017). “Le pratiche di respirazione yoga migliorano le funzioni polmonari dei giovani nuotatori competitivi” . Giornale di Ayurveda e Medicina Integrativa. 8 (2): 99–104. doi : 1016/j.jaim.2016.12.005 . PMC5496990 . PMID 28601355 .
  72. ^“Formazione terapeutica di accettazione e impegno” . Agisci consapevolmente.
  73. ^Gardner, Frank (2007). La psicologia del miglioramento delle prestazioni umane. Spring Publishing Co. [ pagina necessaria ]
  74. ^Schwanhausser , Lori (2009). “Applicazione del protocollo Mindfulness-Acceptance-Commitment (MAC) con un adolescente Springboard Diver” . Giornale di psicologia clinica dello sport. 3 (4): 377–395. doi : 1123/jcsp.3.4.377 .
  75. ^“NCAA.org – Il sito ufficiale della NCAA” . www.ncaa.org. Estratto 2021-10-05.
  76. ^Filippo, Daniele; Epting , Franz R.; Brafman , Roma (2010). “Funzionamento ottimale”. L’ Enciclopedia della Psicologia Corsini . doi : 1002/9780470479216.corpsy0626 . ISBN978-0-470-47921-6 .
  77. ^Browne, Margaret A.; Mahoney, Michael J. (1984). “Psicologia dello sport”. Rassegna annuale di psicologia. 35 (1): 605–625. doi : 1146/annurev.ps.35.020184.003133 . PMID19154143 .
  78. ^ Salta su : aBC D e Van Raalte , Judy L.; Birraio, Britton W. (2010). “Interventi sulle prestazioni sportive”. L’ Enciclopedia della Psicologia Corsini . doi : 1002/9780470479216.corpsy0936 . ISBN 978-0-470-47921-6 .
  79. ^Movahedi , Ahmadreza ; Sceicco, Mahmood; Bagherzadeh, Fazlolah ; Hemayattalab , Rasool; Ashayeri , Hassan (novembre 2007). “Un modello di eccitazione basato sulla specificità della pratica per ottenere le massime prestazioni”. Giornale del comportamento motorio. 39 (6): 457–462. doi : 3200/JMBR.39.6.457-462 . PMID18055352 . S2CID 6056979 .
  80. ^ Vealey, RS (2005). Mappatura degli obiettivi. In Vealey, RS (a cura di), Coaching for the Inner Edge (pp. 149-177). Morgantown, WV: Tecnologia dell’informazione per il fitness.
  81. ^Locke, Edwin A.; Latham, Gary P. (settembre 1985). “L’applicazione della definizione degli obiettivi allo sport”. Giornale di psicologia dello sport. 7 (3): 205–222. doi : 1123/jsp.7.3.205 . S2CID30935774 .
  82. ^ Gould, D. (2006). Impostazione degli obiettivi per le massime prestazioni. In Williams, JM (a cura di), Applied Sport Psychology: Personal Growth to Peak Performance (pp. 240-259). New York, NY: McGraw-Hill.
  83. ^Kyllo, L.; Landers, D. (1995). “Definizione degli obiettivi nello sport e nell’esercizio: una sintesi di ricerca per risolvere la controversia”. Giornale di psicologia dello sport e dell’esercizio. 17 (2): 117–137. doi : 1123/jsep.17.2.117 .
  84. ^Monsma , Eva.( 2007). Principi di definizione degli obiettivi efficaci
  85. ^ Salta su : ab Weinberg, Robert S. e Daniel Gould. “Impostazione degli obiettivi”. Fondazione della Psicologia dello Sport e dell’Esercizio. Myles Schrag . Stampa del corriere, 2011. 350-351. Stampa
  86. ^ Salta su : aBC D e F G “Impostazione degli obiettivi”. Enciclopedia della psicologia dello sport e dell’esercizio. 2014. doi : 4135/9781483332222.n135 . ISBN 978-1-4522-0383-6 .
  87. ^ Vealey, RS e Greenleaf, CA (2006). Vedere per credere: comprendere e utilizzare le immagini nello sport. In Williams, JM (a cura di), Applied Sport Psychology: Personal Growth to Peak Performance (pp. 306-348). New York, NY: McGraw-Hill.
  88. ^ Marchi, D. (1983). Immagini mentali e coscienza: una panoramica teorica. In A. Sheikh (a cura di) Immagini: teoria, ricerca e applicazione attuali (pp. 96-130). New York: Wiley.
  89. ^Holmes, PS; Collins, DJ (2001). “L’approccio PETTLEP alle immagini motorie: un modello di equivalenza funzionale per psicologi dello sport”. Giornale di psicologia dello sport applicata. 13 (1): 60–83. doi : 1080/10413200109339004 . S2CID145709967 .
  90. ^Weinberg, R (2008). “Le immagini funzionano? Effetti sulle prestazioni e sulle capacità mentali”. Journal of Imagery Research nello sport e nell’attività fisica. 3 (1): 1–21. doi : 2202/1932-0191.1025 . S2CID144908886 .
  91. ^Ravizza K, Hanson T. (1995). Heads up baseball: giocare un campo alla volta. Lincolmwood , IL: Masters Press.
  92. ^ Vealey, RS (2005). P3 pensando. In Vealey, RS (a cura di), Coaching for the Inner Edge (pp. 201-224). Morgantown, WV: Tecnologia dell’informazione per il fitness.
  93. ^ Salta su : aBHatzigeorgiadis , Antonis; Zourbano , Nikos; Galanis , Evaangelos ; Theodorakis, Yiannis (luglio 2011). “Self-Talk e prestazioni sportive: una meta-analisi”. Prospettive sulla scienza psicologica. 6 (4): 348–356. doi : 1177/1745691611413136 . PMID 26167788 . S2CID 38016754 .
  94. ^Hamilton, RA; Scott, D.; MacDougall, parlamentare (2007). “Valutare l’efficacia degli interventi self-talk sulle prestazioni di resistenza”. Giornale di psicologia dello sport applicata. 19 (2): 226–239. doi : 1080/10413200701230613 . S2CID144086234 .
  95. ^ Tecniche cognitive per costruire fiducia e migliorare le prestazioni / Nate Zinsser, Linda Bunker, Jean M. Williams In Psicologia dello sport applicata: crescita personale al picco delle prestazioni 2005
  96. ^ Umore e memoria. Bower, Gordon H. Psicologo americano , Vol 36(2), febbraio 1981, 129-148.
  97. ^ Bandura, A. (1997). Autoefficacia: l’esercizio del controllo . WH Freeman and Company: New York.
  98. ^ Bandura, A. (1986). Fondamenti sociali del pensiero e dell’azione: una teoria cognitiva sociale . Scogliere di Englewood, NJ: Prentice Hall
  99. ^Pineschi , Guilherme; Di Pietro, Andréa (settembre 2013). “Gestione dell’ansia attraverso tecniche psicofisiologiche: rilassamento e risveglio mentale nello sport”. Giornale di psicologia dello sport in azione. 4 (3): 181–190. doi : 1080/21520704.2013.820247 . S2CID143977634 .
  100. ^Kuan , Garry; Morris, Tony; Kueh, Yee Cheng; Terry, Peter C. (5 febbraio 2018). “Effetti della musica rilassante ed eccitante durante l’allenamento con le immagini su prestazioni di lancio di freccette, indici di eccitazione fisiologica e ansia di stato competitivo” . Frontiere in psicologia. 9 : 14. doi : 3389/fpsyg.2018.00014 . PMC 5807418 . PMID 29459837 .
  101. ^Karageorgis , Costa I.; Terry, Peter C.; Corsia, Andrew M.; Vescovo, Daniel T.; Sacerdote, David-lee (maggio 2012). “La Dichiarazione dell’Esperto BASES sull’uso della musica nell’esercizio” . Giornale di scienze dello sport. 30 (9): 953–956. doi : 1080/02640414.2012.676665 . PMID 22512537 . S2CID 20077395 .
  102. ^Skånland , Marie Strand (1 gennaio 2013). “L’ascolto quotidiano della musica e la regolamentazione degli affetti: il ruolo dei lettori MP3” . Giornale internazionale di studi qualitativi su salute e benessere. 8 (1): 20595. doi : 3402/ qhw.v 8i0.20595 . PMC 3740499 . PMID 23930987 .
  103. ^Hutchinson, Jasmin C.; Jones, Leighton; Vitti , Steven N.; Moore, Andrea; Dalton, Paul C.; O’Neil, Brendan J. (febbraio 2018). “L’influenza della musica auto-selezionata sull’intensità dell’esercizio regolata dall’affetto e sul piacere ricordato durante la corsa sul tapis roulant” (PDF) . Psicologia dello sport, dell’esercizio e della performance. 7 (1): 80–92. doi : 1037/spy0000115 . S2CID 96497387 .
  104. ^Zatorre , Robert J.; Salimpoor , Valorie N. (18 giugno 2013). “Dalla percezione al piacere: la musica ei suoi substrati neurali” . Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America. 110 (Suppl 2): 10430–10437. doi : 1073/pnas.1301228110 . PMC 3690607 . PMID 23754373 .
  105. ^Karageorgis , Costas; Sacerdote, David-Lee (7 luglio 2008). “La musica nello sport e nell’esercizio : un aggiornamento sulla ricerca e l’applicazione” . Il Giornale Sportivo.
  106. ^Thakur, AM; Yardi, SS (ottobre 2013). “Effetto di diversi tipi di musica sulla prestazione fisica in individui normali”. Giornale indiano di fisiologia e farmacologia. 57 (4): 448–51. PMID 24968586 .
  107. ^ Salta su : aB C D Nia, Mahin Etemadi; Besharat , Mohammad Ali (2010). “Confronto delle caratteristiche della personalità degli atleti negli sport individuali e di squadra” . Procedia – Scienze sociali e comportamentali. 5 : 808–812. doi : 1016/j.sbspro.2010.07.189 .
  108. ^ Salta su : aB Zuckerman, Marvin (2010). “Cercando emozioni”. L’ Enciclopedia della Psicologia Corsini . doi : 1002/9780470479216.corpsy0843 . ISBN 978-0-470-47921-6 .
  109. ^https://psycnet.apa.org/record/2013-22425-001 Barlow, M., Woodman, T. e Hardy, L. (2013). Grandi aspettative: diverse attività ad alto rischio soddisfano motivazioni diverse. Journal of Personality & Social Psychology, 105, 458-475. doi : 1037/a0033542 .
  110. ^ Salta su : aB Schaal , Karine ; Tafflet , Muriel; Nassif, Hala ; Thibault, Valerie; Picard , Capucine ; Alcotte , Mathieu; Guillet , Thibaut; El Helou , Nour; Berthelot, Geoffroy; Simone, Serge; Toussaint, Jean-François (4 maggio 2011). “Equilibrio psicologico negli atleti di alto livello: differenze di genere e modelli specifici per lo sport” . PLO UNO. 6 (5): e19007. Bibcode : ..619007S . doi : 10.1371/journal.pone.0019007 . PMC 3087722 . PMID 21573222 .
  111. ^Byrne, Susan; McLean, Neil (2001). “Disturbi alimentari negli atleti: una revisione della letteratura”. Giornale di scienza e medicina nello sport. 4 (2): 145–59. doi : 1016/S1440-2440(01)80025-6 . PMID 11548914 .
  112. ^ Berger, BG, Pargman , D., & Weinberg, RS (2006). Fondamenti di psicologia dell’esercizio . Morgantown, WV: Tecnologia dell’informazione per il fitness.
  113. ^ James, W. (1899). Colloqui agli insegnanti di psicologia: e agli studenti su alcuni ideali della vita . New York: Henry Holt e compagnia.
  114. ^Franz, pastore d’avorio; Hamilton, GV (ottobre 1905). “Gli effetti dell’esercizio sul ritardo in condizioni di depressione” . Giornale americano di psichiatria. 62 (2): 239–256. doi : 1176/ajp.62.2.239 .
  115. ^Stathopoulou , Georgia; Poteri, Marco B.; Berry, Angela C.; Smits, Jasper AJ; Otto, Michael W. (maggio 2006). “Interventi di esercizio per la salute mentale: una revisione quantitativa e qualitativa”. Psicologia clinica: scienza e pratica. 13 (2): 179–193. doi : 1111/j.1468-2850. 2006.00021.x .
  116. ^ Kenyon, GS & Grogg , TM (a cura di). (1970). Psicologia contemporanea dello sport: Atti del Secondo Congresso Internazionale di Psicologia dello Sport . Chicago: The Athletic Institute. [ pagina necessaria ]
  117. ^Morgan, WP (1985). “Beneficenza affettiva di un’attività fisica vigorosa”. Medicina e scienza nello sport e nell’esercizio. 17 (1): 94–100. doi : 1249/00005768-198502000-00015 . PMID 3157040 .
  118. ^Bahrke , MS; Morgan, WP (1978). “Riduzione dell’ansia dopo l’esercizio e la meditazione”. Terapia Cognitiva e Ricerca. 2 (4): 323–333. doi : 1007/BF01172650 . S2CID 22303137 .
  119. ^Dishman, RK; Ickes, W.; Morgan, WP (1980). “Automotivazione e aderenza all’attività fisica abituale”. Giornale di psicologia sociale applicata. 10 (2): 115–132. doi : 1111/j.1559- 1816.1980.tb 00697.x .
  120. ^ Divisione 47 dell’American Psychological Association. (nd). Storia. Estratto da http://www.apa47.org/aboutHistory.php
  121. ^ Berger, BG, Pargman , D., & Weinberg, RS (2007). Fondamenti di psicologia dell’esercizio . Morgantown, WV: Tecnologia dell’informazione per il fitness.
  122. ^Buckworth , J. & Dishman, RK (2002). Psicologia dell’esercizio . Champaign, IL: Cinetica umana.
  123. ^Moreau, D.; Conway, ARA (2013). “Miglioramento cognitivo: una revisione comparativa dei programmi di preparazione atletica e informatizzata”. Rassegna Internazionale di Psicologia dello Sport e dell’Esercizio. 6 (1): 155–183. doi : 1080/1750984X.2012.758763 . S2CID 143479987 .

Mental Coach – link esterno

Questo articolo riguarda le seguenti ricerche sul Mental Coach

  • allenamento mentale agonisti
  • allenamento mentale atleti
  • allenamento mentale nello sport
  • allenamento mentale sportivi
  • Che cosa fa il mental coach?
  • coach italiani più famosi
  • come diventare mental coach
  • Come diventare un mental coach?
  • Come si fa a diventare mental coach?
  • Corsi di coaching riconosciuti
  • Corsi di mental coach
  • corso mental coach sportivo online
  • diventare mental coach sportivo
  • Dove lavora un mental coach?
  • formatori italiani più famosi
  • Master mental coach
  • Mental coach
  • mental coach a cosa serve
  • mental coach a roma
  • mental coach abruzzo
  • mental coach academy
  • mental coach agonisti
  • mental coach americano
  • mental coach ancona
  • mental coach arezzo
  • Mental coach arti marziali
  • mental coach aziendale
  • mental coach bambini
  • mental coach bari
  • mental coach belluno
  • mental coach bergamo
  • mental coach berrettini
  • mental coach bocconi
  • Mental coach bologna
  • mental coach brescia
  • mental coach cagliari
  • mental coach calcio
  • mental coach chi è
  • mental coach come diventare
  • mental coach corso
  • mental coach cosa fa
  • mental coach cos’è
  • mental coach costo
  • mental coach d’ambrosio
  • mental coach definizione
  • mental coach di berrettini
  • mental coach di federica pellegrini
  • mental coach di hamilton
  • mental coach dieta
  • mental coach e psicologo differenza
  • mental coach ekis
  • mental coach emilia romagna
  • mental coach empoli
  • mental coach equitazione
  • mental coach esempio
  • mental coach esercizi
  • mental coach famosi
  • mental coach famosi americani
  • mental coach ferrara
  • mental coach firenze
  • mental coach forli
  • mental coach formazione
  • mental coach frasi
  • mental coach genova
  • mental coach golf
  • mental coach gorizia
  • mental coach grosseto
  • mental coach guadagno
  • mental coach hamilton
  • mental coach hockey
  • mental coach ibrahimovic
  • mental coach imola
  • mental coach instagram
  • mental coach inter
  • mental coach ipnosi
  • mental coach italia
  • mental coach italiani
  • mental coach juventus
  • mental coach laurea
  • Mental coach lavoro
  • Mental coach libri
  • Mental coach milano
  • mental coach nello sport
  • mental coach nuoto
  • mental coach online
  • Mental coach padova
  • Mental coach pallavolo
  • Mental coach per dimagrire
  • mental coach per imprenditori
  • Mental coach per lo sport
  • mental coach più famosi
  • mental coach prezzi
  • mental coach requisiti
  • Mental coach roma
  • mental coach significato
  • mental coach sportivi
  • Mental coach sportivo
  • mental coach sportivo corso
  • mental coach sportivo cos’è
  • mental coach sportivo cosa fa
  • mental coach sportivo libri
  • mental coach sportivo milano
  • mental coach sportivo online
  • Mental coach tecniche
  • mental coach tennis
  • mental coach torino
  • mental coach università
  • Mental coach volley
  • mental coach wikipedia
  • Mental coaching
  • mental coaching academy
  • mental coaching calcio giovanile
  • mental coaching come diventare
  • mental coaching corso
  • mental coaching cos’è
  • mental coaching esempi
  • mental coaching esempio
  • mental coaching libri
  • mental coaching nello sport
  • mental coaching pdf
  • mental coaching più famosi
  • mental coaching significato
  • mental coaching sportivo
  • mental coaching sportivo corso
  • mental coaching sportivo cos’è
  • mental coaching sportivo cosa fa
  • mental coaching sportivo libri
  • mental coaching sportivo milano
  • mental coaching sportivo online
  • mental coaching sportivo pdf
  • mental coaching tecniche
  • mental coaching tennis
  • mental coaching università
  • mental coaching wikipedia
  • mental tennis
  • mental training golf
  • mental training tennis
  • Migliore scuola mental coach
  • migliori formatori italiani
  • motivatore
  • motivatore sportivo
  • motivatori aziendali famosi
  • quanto guadagna un mental coach
  • Quanto si fa pagare un mental coach?
  • requisiti per diventare mental coach
  • tecniche di coaching pdf
  • Top Mental Coach

Stress e resilienza

Comprendere la natura e le origini dello stress e le strategie per aumentare la resilienza

Articolo del Dott. Daniele Trevisani & Colleghi https://www.studiotrevisani.it – basato su Wikipedia in inglese, con ulteriori contributi di ricerca personale

Vedi la lista delle pubblicazioni complete o consulta il nostro Libro delle Referenze.

Se desideri un consulto preliminare con il dott. Daniele Trevisani compila questo form e sarà nostra cura ricontattarti

Indice

 

Analisi dello stress. 4

Biologia dello stress. 4

Psicologia dello stress. 4

Etimologia e uso storico. 5

Bisogno biologico di equilibrio. 5

Sfondo biologico. 6

Ulteriori aspetti della Biologia dello stress. 6

Effetti dello stress cronico. 7

immunologico. 7

infettivo. 8

Malattia cronica. 8

Sviluppo. 8

Psicopatologia. 8

Concetti di stress psicologico. 8

Eustress. 9

far fronte. 9

Valutazione cognitiva. 9

Sindrome di adattamento generale. 10

Fase 1. 10

Fase 2. 11

Fase 3. 11

Tipi di stress. 21

Stress acuto. 21

Stress cronico. 21

Topografia dello stress. 22

Resilienza psicologica. 32

Definizione. 32

Processi 33

Critica. 33

Storia. 34

Emozioni positive. 34

Supporto sociale. 35

Altri fattori 35

Modelli biologici 37

Costruire la resilienza. 37

Costruire la resilienza attraverso il linguaggio. 38

Altri programmi di sviluppo. 39

Bambini 40

Costruire in classe. 40

Ruolo della comunità. 40

Ruolo della famiglia. 40

Famiglie in povertà. 41

Bullismo. 41

Formazione scolastica. 41

Situazioni specifiche [. 42

Divorzio. 42

Disastri naturali 43

Morte di un familiare. 43

Impostazioni professionali 44

Resilienza interculturale. 44

Aree di differenza. 44

Resilienza nelle comunità individualiste e collettiviste. 44

Differenze nella risposta ai disastri naturali 45

Il concetto di resilienza nel linguaggio. 46

 

 

 

 

Analisi dello stress

Biologia dello stress

Lo stress , sia fisiologico , biologico o psicologico, è la risposta di un organismo a un fattore di stress come una condizione ambientale. [1] Lo stress è il metodo del corpo per reagire a una condizione come una minaccia, una sfida o una barriera fisica e psicologica . Gli stimoli che alterano l’ambiente di un organismo ricevono risposta da più sistemi nel corpo. [2] Nell’uomo e nella maggior parte dei mammiferi, il sistema nervoso autonomo e l’ asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) sono i due principali sistemi che rispondono allo stress.

L’asse midollare simpatico-surrenale (SAM) può attivare la risposta di lotta o fuga attraverso il sistema nervoso simpatico , che dedica energia ai sistemi corporei più rilevanti per l’ adattamento acuto allo stress, mentre il sistema nervoso parasimpatico riporta il corpo all’omeostasi. Il secondo grande centro fisiologico di risposta allo stress, l’asse HPA, regola il rilascio di cortisolo , che influenza molte funzioni corporee come le funzioni metaboliche, psicologiche e immunologiche . Gli assi SAM e HPA sono regolati da diverse regioni del cervello, tra cui il sistema limbico , la corteccia prefrontale , l’ amigdala , l’ ipotalamo e la stria terminale .

Attraverso questi meccanismi, lo stress può alterare le funzioni di memoria , ricompensa , funzione immunitaria , metabolismo e suscettibilità alle malattie. [4] Il rischio di malattia è particolarmente pertinente alle malattie mentali, per cui lo stress cronico o grave rimane un fattore di rischio comune per diverse malattie mentali . [5] Un sistema suggerisce che ci sono cinque tipi di stress etichettati come “fattori di stress acuti limitati nel tempo”, “fattori di stress naturalistici brevi”, “sequenze di eventi stressanti”, “fattori di stress cronici” e “fattori di stress a distanza”. Un fattore di stress acuto limitato nel tempo comporta una sfida a breve termine, mentre un breve fattore di stress naturale comporta un evento normale ma tuttavia impegnativo. Una sequenza di eventi stressanti è un fattore di stress che si verifica e poi continua a produrre stress nell’immediato futuro. Un fattore di stress cronico comporta l’esposizione a un fattore di stress a lungo termine e un fattore di stress a distanza è un fattore di stress che non è immediato.

Psicologia dello stress

Articolo principale: stress psicologico

Situazioni stressanti acute in cui lo stress sperimentato è grave è causa di cambiamento psicologico a scapito del benessere dell’individuo, per cui si sperimentano derealizzazione e depersonalizzazione sintomatica, ansia e ipereccitazione . [7] La classificazione internazionale delle malattie comprende un gruppo di disordini mentali e comportamentali  che hanno la loro eziologia in reazione a grave stress e la conseguente risposta adattativa. [8] [9] Lo

Stress cronico e la mancanza di risorse di coping disponibili o utilizzate da un individuo possono spesso portare allo sviluppo di problemi psicologici come deliri , [10] depressione e ansia (vedi sotto per ulteriori informazioni). [11]

I fattori di stress cronici potrebbero non essere così intensi come i fattori di stress acuti come un disastro naturale o un grave incidente, ma persistono per periodi di tempo più lunghi, tendono ad avere un effetto più negativo sulla salute perché sono sostenuti e quindi richiedono che la risposta fisiologica del corpo si verifichi ogni giorno . [12]

Questo esaurisce l’energia del corpo più rapidamente e di solito si verifica per lunghi periodi di tempo, specialmente quando questi microstress non possono essere evitati (ad esempio, lo stress di vivere in un quartiere pericoloso). Vedere il concetto di carico allostatico per un’ulteriore discussione del processo biologico mediante il quale lo stress cronico può influenzare il corpo. Ad esempio, gli studi hanno scoperto che i caregiver, in particolare quelli dei pazienti affetti da demenza, hanno livelli più elevati di depressione e una salute fisica leggermente peggiore rispetto ai non caregiver. [12]

Quando gli esseri umani sono sotto stress cronico, possono verificarsi cambiamenti permanenti nelle loro risposte fisiologiche, emotive e comportamentali. [13] Lo Lo stress cronico può includere eventi come prendersi cura di un coniuge con demenza o può derivare da brevi eventi focali che hanno effetti a lungo termine, come subire un’aggressione sessuale. Gli studi hanno anche dimostrato che lo stress psicologico può contribuire direttamente ai tassi sproporzionatamente alti di morbilità e mortalità della malattia coronarica e dei suoi fattori di rischio eziologico . In particolare, è stato dimostrato che lo stress acuto e cronico aumenta i lipidi sierici ed è associato a eventi coronarici clinici. [14]

Tuttavia, è possibile che gli individui mostrino resistenza, un termine che si riferisce alla capacità di essere sia stressati cronicamente che sani. [15] Anche se lo stress psicologico è spesso collegato a malattie o malattie, la maggior parte degli individui sani può ancora rimanere libera dalla malattia dopo essere stata confrontata da eventi stressanti cronici.

Ciò suggerisce che esistono differenze individuali nella vulnerabilità ai potenziali effetti patogeni dello stress; le differenze individuali nella vulnerabilità sorgono a causa di fattori sia genetici che psicologici. Inoltre, l’età in cui si sperimenta lo stress può dettare il suo effetto sulla salute. La ricerca suggerisce che lo stress cronico in giovane età può avere effetti per tutta la vita sulle risposte biologiche, psicologiche e comportamentali allo stress più avanti nella vita. [16]

Etimologia e uso storico

Il termine “stress” non aveva nessuna delle sue connotazioni contemporanee prima degli anni ’20. È una forma dell’inglese medio destresse , derivato dal francese antico dal latino stringere , “tirare stretto”. [17] La parola era stata a lungo in uso in fisica per riferirsi alla distribuzione interna di una forza esercitata su un corpo materiale, con conseguente deformazione . Negli anni ’20 e ’30, i circoli biologici e psicologici usavano occasionalmente il termine per riferirsi a uno sforzo mentale o a un agente ambientale dannoso che poteva causare malattie.

Walter Cannon lo usò nel 1926 per riferirsi a fattori esterni che interrompevano quella che chiamava omeostasi . [18] Ma “… lo stress come spiegazione dell’esperienza vissuta è assente dalle narrazioni di vita sia laiche che esperte prima degli anni ’30”. [19] Lo Lo stress fisiologico rappresenta un’ampia gamma di risposte fisiche che si verificano come effetto diretto di un fattore di stress che causa un disturbo nell’omeostasi del corpo. All’interruzione immediata dell’equilibrio psicologico o fisico, il corpo risponde stimolando il sistema nervoso , endocrino e immunitario . La reazione di questi sistemi provoca una serie di cambiamenti fisici che hanno effetti sia a breve che a lungo termine sul corpo.

La scala dello stress di Holmes e Rahe è stata sviluppata come metodo per valutare il rischio di malattie dovute ai cambiamenti della vita. [20] La scala elenca sia i cambiamenti positivi che quelli negativi che provocano stress. Questi includono cose come una festa importante o un matrimonio, o la morte di un coniuge e il licenziamento da un lavoro.

Bisogno biologico di equilibrio

L’omeostasi è un concetto centrale per l’idea di stress. [21] In biologia , la maggior parte dei processi biochimici si sforzano di mantenere l’equilibrio (omeostasi), uno stato stazionario che esiste più come ideale e meno come condizione realizzabile.

I fattori ambientali, stimoli interni o esterni, interrompono continuamente l’omeostasi; la condizione attuale di un organismo è uno stato di flusso costante che si muove attorno a un punto omeostatico che è la condizione ottimale per vivere di quell’organismo. [22]

I fattori che fanno sì che le condizioni di un organismo si discostino troppo dall’omeostasi possono essere vissuti come stress. Una situazione pericolosa per la vita come un grave trauma fisico o una fame prolungata può disturbare notevolmente l’omeostasi. D’altra parte, anche il tentativo di un organismo di ripristinare le condizioni di ritorno o avvicinarsi all’omeostasi, consumando spesso energia e risorse naturali, può essere interpretato come stress. [23]

L’ambiguità nella definizione di questo fenomeno fu riconosciuta per la prima volta da Hans Selye (1907–1982) nel 1926. Nel 1951 un commentatore riassunse vagamente la visione di Selye dello stress come qualcosa che “…oltre ad essere se stesso, era anche la causa di se stesso, e il risultato di se stesso». [24] [25]

Primo ad usare il termine in un contesto biologico, Selye ha continuato a definire lo stress come “la risposta non specifica del corpo a qualsiasi richiesta posta su di esso”.

Neuroscienziati come Bruce McEwen e Jaap Koolhaas ritengono che lo stress, sulla base di anni di ricerca empirica, “dovrebbe essere limitato a condizioni in cui una richiesta ambientale supera la capacità di regolazione naturale di un organismo”. [26] In effetti, nel 1995 Toates aveva già definito lo stress come uno “stato cronico che si verifica solo quando i meccanismi di difesa sono cronicamente allungati o stanno effettivamente fallendo”, [27] mentre secondo Ursin (1988) lo stress deriva da un’incoerenza tra eventi (“valore impostato”) ed eventi percepiti (“valore effettivo”) che non possono essere risolti in modo soddisfacente, [28] che pone anche l’accento nel contesto più ampio della teoria della coerenza cognitiva . [29]

Sfondo biologico

Lo stress può avere molti effetti profondi sui sistemi biologici umani. [30] La

La biologia tenta principalmente di spiegare i principali concetti di stress utilizzando un paradigma stimolo-risposta, ampiamente paragonabile a come opera un sistema sensoriale psicobiologico . Il sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale) svolge un ruolo cruciale nei meccanismi legati allo stress del corpo. Se si debba interpretare questi meccanismi come la risposta del corpo a un fattore di stress o incarnare l’atto stesso dello stress fa parte dell’ambiguità nel definire cosa sia esattamente lo stress.

Il sistema nervoso centrale lavora a stretto contatto con il sistema endocrino del corpo per regolare questi meccanismi. Il sistema nervoso simpatico diventa attivo principalmente durante una risposta allo stress , regolando molte delle funzioni fisiologiche del corpo in modi che dovrebbero rendere un organismo più adattabile al suo ambiente. Di seguito segue un breve background biologico di neuroanatomia e neurochimica e di come si relazionano allo stress. [ citazione necessaria ]

Lo stress, sia grave, acuto o cronico di basso grado, può indurre anomalie in tre principali sistemi regolatori del corpo: i sistemi della serotonina , i sistemi delle catecolamine e l’ asse ipotalamo-ipofisi-surrenocorticale . Anche il comportamento aggressivo è stato associato ad anomalie in questi sistemi. [31]

Effetti dello stress cronico

Articolo principale: stress cronico

Lo stress cronico è un termine talvolta usato per differenziarlo dallo stress acuto. Le definizioni differiscono e possono essere sulla falsariga di una continua attivazione della risposta allo stress, [37] stress che provoca uno spostamento allostatico nelle funzioni corporee, [4] o semplicemente come “stress prolungato”. [38]

Ad esempio, i risultati di uno studio hanno dimostrato che gli individui che hanno riportato un conflitto di relazioni della durata di un mese o più hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie e mostrano una guarigione delle ferite più lenta.

Allo stesso modo, gli effetti che i fattori di stress acuti hanno sul sistema immunitario possono essere aumentati quando si percepisce stress e/o ansia dovuti ad altri eventi. Ad esempio, gli studenti che stanno sostenendo gli esami mostrano risposte immunitarie più deboli se segnalano anche stress dovuto a problemi quotidiani. [39]

Mentre le risposte ai fattori di stress acuti in genere non impongono un onere sanitario a individui giovani e sani, lo stress cronico negli individui più anziani o non sani può avere effetti a lungo termine dannosi per la salute. [40]

immunologico

Fattori di stress acuti limitati nel tempo, o fattori di stress che sono durati meno di due ore, si traducono in una regolazione verso l’alto dell’immunità naturale e una regolazione verso il basso dell’immunità specifica . Questo tipo di stress ha visto un aumento di granulociti , cellule natural killer , IgA , interleuchina 6 e un aumento della citotossicità cellulare. Brevi fattori di stress naturalistici provocano uno spostamento dall’immunità Th1 (cellulare) a Th2 (umorale), mentre diminuiscono la proliferazione delle cellule T e la citotossicità delle cellule killer naturali. Le sequenze di eventi stressanti non hanno suscitato una risposta immunitaria coerente; tuttavia, alcune osservazioni come la diminuzione della proliferazione e della citotossicità delle cellule T, aumento o diminuzione della citotossicità delle cellule killer naturali e aumento del mitogeno PHA. Lo stress cronico ha provocato uno spostamento verso l’immunità Th2, così come una diminuzione dell’interleuchina 2, della proliferazione delle cellule T e della risposta anticorpale al vaccino antinfluenzale . I fattori di stress a distanza non hanno costantemente suscitato un cambiamento nella funzione immunitaria. [6]

infettivo

Alcuni studi hanno osservato un aumento del rischio di infezione del tratto respiratorio superiore durante lo stress cronico della vita. Nei pazienti con HIV, l’aumento dello stress vitale e del cortisolo è stato associato a una più scarsa progressione dell’HIV. [37]

Malattia cronica

È stato suggerito un collegamento tra stress cronico e malattie cardiovascolari. [37] Lo stress sembra svolgere un ruolo nell’ipertensione e può ulteriormente predisporre le persone ad altre condizioni associate all’ipertensione. [41] Lo stress può anche far precipitare una situazione più grave o ricadere nell’abuso di alcol. [4] Lo stress può anche contribuire all’invecchiamento e alle malattie croniche dell’invecchiamento, come la depressione e i disturbi metabolici. [42]

Il sistema immunitario svolge anche un ruolo nello stress e nelle prime fasi della guarigione delle ferite . È responsabile della preparazione del tessuto per la riparazione e della promozione del reclutamento di determinate cellule nell’area della ferita. [39] Coerentemente con il fatto che lo stress altera la produzione di citochine, Graham et al. hanno scoperto che lo stress cronico associato alle cure prestate a una persona con malattia di Alzheimer porta a un ritardo nella guarigione delle ferite. I risultati hanno indicato che le ferite da biopsia sono guarite del 25% più lentamente nel gruppo con stress cronico o in coloro che si prendono cura di una persona con malattia di Alzheimer. [43]

Sviluppo

È stato anche dimostrato che lo stress cronico compromette la crescita dello sviluppo nei bambini abbassando la produzione dell’ormone della crescita da parte della ghiandola pituitaria , come nei bambini associati a un ambiente domestico che comporta gravi discordie coniugali, alcolismo o abusi sui minori . [44]

Più in generale, la vita prenatale, l’infanzia, l’infanzia e l’adolescenza sono periodi critici in cui la vulnerabilità ai fattori di stress è particolarmente elevata. [45] [46]

Psicopatologia

Si ritiene che lo stress cronico influisca sulle parti del cervello in cui i ricordi vengono elaborati e archiviati. Quando le persone si sentono stressate, gli ormoni dello stress vengono secreti in modo eccessivo, il che colpisce il cervello. Questa secrezione è costituito da glucocorticoidi , tra cui il cortisolo, che sono ormoni steroidei che le ghiandola surrenale rilascia, anche se questo può aumentare stoccaggio di memorie flashbulb diminuisce potenziamento a lungo termine (LTP). [47] [48] L’ippocampo è importante nel cervello per la memorizzazione di alcuni tipi di ricordi e il danneggiamento dell’ippocampo può causare problemi nella memorizzazione di nuovi ricordi, ma i vecchi ricordi, i ricordi conservati prima del danno, non vengono persi. [49] Anche alti livelli di cortisolo possono essere legati al deterioramento dell’ippocampo e al declino della memoria che molti anziani iniziano a sperimentare con l’età. [48] Questi meccanismi e processi possono quindi contribuire alla malattia correlata all’età, o dare origine al rischio di disturbi ad esordio precoce. Ad esempio, lo stress estremo (es. trauma) è un fattore necessario per produrre disturbi legati allo stress come il disturbo da stress post-traumatico. [5]

Lo stress cronico sposta anche l’apprendimento, formando una preferenza per l’ apprendimento basato sull’abitudine , e riduce la flessibilità del compito e la memoria di lavoro spaziale , probabilmente attraverso alterazioni dei sistemi dopaminergici . [33] Lo stress può anche aumentare la ricompensa associata al cibo, portando ad un aumento di peso e ulteriori cambiamenti nelle abitudini alimentari. [50] Lo stress può contribuire a vari disturbi, come la fibromialgia , [51] la sindrome da stanchezza cronica , [52] la depressione , [53] e le sindromi somatiche funzionali . [54]

Concetti di stress psicologico

Articolo principale: Stress (psicologico)

Eustress

Selye ha pubblicato nell’anno 1975 un modello che divide lo stress in eustress e distress . [55] Laddove lo stress migliora la funzione (fisica o mentale, ad esempio attraverso l’ allenamento della forza o un lavoro impegnativo), può essere considerato eustress. Lo stress persistente che non viene risolto attraverso il coping o l’adattamento, ritenuto angoscia, può portare a comportamenti di ansia o ritiro (depressione).

La differenza tra le esperienze che portano all’eustress e quelle che provocano l’ angoscia è determinata dalla disparità tra un’esperienza (reale o immaginaria) e le aspettative personali e le risorse per far fronte allo stress. Esperienze allarmanti, reali o immaginarie, possono innescare una risposta allo stress. [56]

far fronte

Articolo principale: gestione dello stress

Le risposte allo stress includono l’adattamento, la gestione psicologica come la gestione dello stress , l’ansia e la depressione . A lungo termine, il disagio può portare a una salute ridotta e/oa una maggiore propensione alla malattia; per evitare ciò, lo stress deve essere gestito.

La gestione dello stress comprende tecniche intese a dotare una persona di meccanismi di coping efficaci per affrontare lo stress psicologico , definito come la risposta fisiologica di una persona a uno stimolo interno o esterno che innesca la risposta di lotta o fuga. La gestione dello stress è efficace quando una persona utilizza strategie per far fronte o modificare situazioni stressanti.

Esistono diversi modi per affrontare lo stress, [57] come controllare la fonte dello stress o imparare a stabilire dei limiti e a dire “no” ad alcune delle richieste che i capi o i membri della famiglia possono fare.

La capacità di una persona di tollerare la fonte dello stress può essere aumentata pensando a un altro argomento come un hobby, ascoltando musica o trascorrendo del tempo in una natura selvaggia .

Un modo per controllare lo stress è prima di tutto affrontare ciò che sta causando lo stress se è qualcosa su cui l’individuo ha il controllo. Altri metodi per controllare lo stress e ridurlo possono essere: non procrastinare e lasciare i compiti all’ultimo minuto, fare le cose che ti piacciono, fare esercizio fisico, fare routine di respirazione, uscire con gli amici e fare una pausa. Anche avere il sostegno di una persona cara aiuta molto a ridurre lo stress. [48]

Uno studio ha dimostrato che il potere di avere supporto da una persona cara, o semplicemente di avere supporto sociale, riduce lo stress nei singoli soggetti. Shock dolorosi sono stati applicati alle caviglie delle donne sposate. In alcune prove le donne erano in grado di tenere la mano del marito, in altre prove tenevano la mano di un estraneo, e poi non tenevano la mano di nessuno. Quando le donne tenevano la mano del marito, la risposta era ridotta in molte aree del cervello. Quando si teneva la mano dello sconosciuto la risposta si riduceva un po’, ma non tanto quanto quando tenevano la mano del marito. Il supporto sociale aiuta a ridurre lo stress e ancora di più se il supporto proviene da una persona cara. [48]

Valutazione cognitiva

Lazarus [58] ha sostenuto che, affinché una situazione psicosociale sia stressante, deve essere valutata come tale. Ha sostenuto che i processi cognitivi di valutazione sono centrali nel determinare se una situazione è potenzialmente minacciosa, costituisce un danno/perdita o una sfida, o è benigna.

Sia i fattori personali che quelli ambientali influenzano questa valutazione primaria, che poi innesca la selezione dei processi di coping. Il coping incentrato sul problema è diretto alla gestione del problema, mentre i processi di coping incentrati sulle emozioni sono diretti alla gestione delle emozioni negative. La valutazione secondaria si riferisce alla valutazione delle risorse disponibili per far fronte al problema e può alterare la valutazione primaria.

In altre parole, la valutazione primaria include la percezione di quanto stressante sia il problema e la valutazione secondaria di stimare se si hanno risorse più o meno adeguate per affrontare il problema che influenza la valutazione complessiva della stress. Inoltre, il coping è flessibile in quanto, in generale, l’individuo esamina l’efficacia del coping sulla situazione; se non sta avendo l’effetto desiderato, proverà, in generale, diverse strategie. [59]

Valutazione

Fattori di rischio per la salute

Sia i fattori di stress negativi che quelli positivi possono portare allo stress. L’intensità e la durata dello stress cambiano a seconda delle circostanze e delle condizioni emotive della persona che ne soffre (Arnold. E e Boggs. K. 2007). Alcune categorie comuni ed esempi di fattori di stress includono:

Sindrome di adattamento generale

I fisiologi definiscono lo stress come il modo in cui il corpo reagisce a un fattore di stress – uno stimolo, reale o immaginario, che causa stress. I fattori di stress acuti colpiscono un organismo a breve termine; fattori di stress cronici a lungo termine. La sindrome generale di adattamento (GAS), sviluppata da Hans Selye, è un profilo di come gli organismi rispondono allo stress; GAS è caratterizzato da tre fasi: una fase di mobilizzazione non specifica, che promuove l’attività del sistema nervoso simpatico; una fase di resistenza, durante la quale l’organismo si sforza di far fronte alla minaccia; e una fase di esaurimento, che si verifica se l’organismo non riesce a superare la minaccia ed esaurisce le sue risorse fisiologiche. [65]

Fase 1

L’allarme è la prima fase, che si divide in due fasi: la fase shock e la fase antishock . [66]

  • Fase di shock : durante questa fase, il corpo può sopportare cambiamenti come ipovolemia , ipoosmolarità , iponatriemia , ipocloremia , ipoglicemia: l’effetto stressante. Questa fase ricorda il morbo di Addison . La resistenza dell’organismo al fattore di stress scende temporaneamente al di sotto del range di normalità e può verificarsi un certo livello di shock (es. shock circolatorio ).
  • Fase antishock : quando la minaccia o il fattore di stress viene identificato o realizzato, il corpo inizia a rispondere ed è in uno stato di allarme. Durante questa fase, il locus coeruleus e il sistema nervoso simpatico attivano la produzione di catecolamine inclusa l’adrenalina, attivando la famosa risposta di lotta o fuga . L’adrenalina fornisce temporaneamente un aumento del tono muscolare , aumento della pressione sanguigna a causa di vasocostrizione periferica e tachicardia e aumento del glucosio nel sangue. C’è anche una certa attivazione dell’asse HPA , che produce glucocorticoidi (cortisolo, noto anche come ormone S o ormone dello stress).

Fase 2

La resistenza è il secondo stadio. Durante questa fase, l’aumento della secrezione di glucocorticoidi intensifica la risposta sistemica dell’organismo. I glucocorticoidi possono aumentare la concentrazione di glucosio, grassi e aminoacidi nel sangue. A dosi elevate, un glucocorticoide, il cortisolo , inizia ad agire in modo simile a un mineralcorticoide ( aldosterone ) e porta l’organismo a uno stato simile all’iperaldosteronismo . Se il fattore di stress persiste, diventa necessario tentare alcuni mezzi per far fronte allo stress. Il corpo tenta di rispondere a stimoli stressanti, ma dopo un’attivazione prolungata, le risorse chimiche del corpo si esauriranno gradualmente, portando allo stadio finale.

Fase 3

La terza fase potrebbe essere l’ esaurimento o il recupero :

  • La fase di recupero segue quando i meccanismi di compensazione del sistema hanno superato con successo l’effetto stressante (o hanno completamente eliminato il fattore che ha causato lo stress). Gli alti livelli di glucosio, grassi e aminoacidi nel sangue si rivelano utili per le reazioni anaboliche, il ripristino dell’omeostasi e la rigenerazione delle cellule.
  • L’esaurimento è il terzo stadio alternativo nel modello GAS. A questo punto, tutte le risorse del corpo sono esaurite e il corpo non è in grado di mantenere la normale funzione. I sintomi iniziali del sistema nervoso autonomo possono riapparire (sudorazione, aumento della frequenza cardiaca, ecc.). Se lo stadio tre viene esteso, possono verificarsi danni a lungo termine (la vasocostrizione prolungata provoca ischemia che a sua volta porta alla necrosi cellulare), poiché il sistema immunitario del corpo si esaurisce e le funzioni corporee vengono compromesse, con conseguente scompenso .

Il risultato può manifestarsi in malattie evidenti, come disturbi generali dell’apparato digerente (es. emorragie occulte , melena , stitichezza /stipsi), diabete o anche problemi cardiovascolari ( angina pectoris ), insieme a depressione clinica e altre malattie mentali. [ citazione necessaria ]

Storia nella ricerca

L’uso attuale della parola stress è nato dagli esperimenti degli anni ’30 di Hans Selye . Ha iniziato a usare il termine per riferirsi non solo all’agente, ma allo stato dell’organismo mentre rispondeva e si adattava all’ambiente. Le sue teorie su una risposta allo stress universale non specifica hanno suscitato grande interesse e contesa nella fisiologia accademica e ha intrapreso ampi programmi di ricerca e sforzi di pubblicazione. [67]

Mentre il lavoro ha attirato il continuo sostegno dei sostenitori della medicina psicosomatica , molti in fisiologia sperimentale hanno concluso che i suoi concetti erano troppo vaghi e non misurabili. Durante gli anni ’50, Selye si allontanò dal laboratorio per promuovere il suo concetto attraverso libri popolari e tour di conferenze. Ha scritto sia per medici non accademici che, in un bestseller internazionale intitolato Stress of Life , per il grande pubblico.

Un ampio concetto biopsicosociale di stress e adattamento offriva la promessa di aiutare tutti a raggiungere la salute e la felicità rispondendo con successo alle mutevoli sfide globali e ai problemi della civiltà moderna . Selye ha coniato il termine ” eustress ” per lo stress positivo, in contrasto con il disagio . Ha sostenuto che tutte le persone hanno un impulso naturale e hanno bisogno di lavorare per il proprio vantaggio, un messaggio che ha trovato il favore di industriali e governi. [67] Ha anche coniato il termine stressante per riferirsi all’evento causale o allo stimolo, in contrapposizione allo stato di stress risultante.

Selye era in contatto con l’ industria del tabacco dal 1958 ed erano alleati non dichiarati nei contenziosi e nella promozione del concetto di stress, offuscando il legame tra fumo e cancro e dipingendo il fumo come una “diversione”, o nel concetto di Selye una “deviazione”. “, dallo stress ambientale. [68]

Dalla fine degli anni ’60, gli psicologi accademici iniziarono ad adottare il concetto di Selye; hanno cercato di quantificare lo “stress della vita” segnando ” eventi significativi della vita “, ed è stata intrapresa una grande quantità di ricerche per esaminare i collegamenti tra stress e malattie di ogni tipo. Alla fine degli anni ’70, lo stress era diventato l’area medica di maggiore preoccupazione per la popolazione generale ed era necessaria una ricerca di base per affrontare meglio il problema. Sono state inoltre rinnovate le ricerche di laboratorio sulle basi neuroendocrine , molecolari e immunologiche dello stress, concepite come un’utile euristica non necessariamente legata alle ipotesi originarie di Selye. L’ esercito degli Stati Uniti è diventato un centro chiave di ricerca sullo stress, nel tentativo di comprendere e ridurre la nevrosi da combattimento e le vittime psichiatriche. [67]

La diagnosi psichiatrica del disturbo da stress post-traumatico ( PTSD ) è stata coniata a metà degli anni ’70, in parte grazie agli sforzi degli attivisti contro la guerra del Vietnam e dei veterani del Vietnam contro la guerra , e Chaim F. Shatan . La condizione è stata aggiunta al Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali come disturbo da stress post-traumatico nel 1980. [69] Il PTSD era considerato una reazione emotiva grave e continua a un trauma psicologico estremo, e come tale spesso associato a soldati, agenti di polizia e altro personale di emergenza. Il fattore di stress può comportare la minaccia alla vita (o la visualizzazione della morte effettiva di qualcun altro), gravi lesioni fisiche o minaccia all’integrità fisica o psicologica. In alcuni casi, può anche derivare da un profondo trauma psicologico ed emotivo, oltre a qualsiasi danno fisico o minaccia reale. Spesso, tuttavia, i due sono combinati.

Negli anni ’90, lo “stress” era diventato parte integrante della moderna comprensione scientifica in tutte le aree della fisiologia e del funzionamento umano e una delle grandi metafore della vita occidentale. L’attenzione è cresciuta sullo stress in determinati contesti, come lo stress sul posto di lavoro , e sono state sviluppate tecniche di gestione dello stress . Il termine divenne anche un eufemismo , un modo per riferirsi ai problemi e suscitare simpatia senza essere esplicitamente confessionale, semplicemente “stressato”. È arrivato a coprire una vasta gamma di fenomeni, dalla lieve irritazione al tipo di problemi gravi che potrebbero provocare un vero e proprio crollo della salute . Nell’uso comune, quasi ogni evento o situazione tra questi estremi potrebbe essere descritto come stressante. [17] [67]

Lo Stress In America Study del 2015 dell’American Psychological Association [70] ha rilevato che lo stress a livello nazionale è in aumento e che le tre principali fonti di stress erano “denaro”, “responsabilità familiare” e “lavoro”.

Guarda anche

Riferimenti

  1. ^ Nachiappan, Vasanthi; Muthukumar, Kannan (dicembre 2010). “Lo stress ossidativo indotto dal cadmio in Saccharomyces cerevisiae” . Giornale indiano di biochimica e biofisica. 47 (6): 383-387. ISSN 0975-0959 . PMID 21355423 . Archiviato dall’originale il 25 luglio 2019. Estratto il 1 agosto 2019.
  2. ^ Muthukumar, Kannan; Nachiappan, Vasanthi (1 dicembre 2013). “La fosfatidiletanolamina da fosfatidilserina decarbossilasi2 è essenziale per l’autofagia sotto stress da cadmio in Saccharomyces cerevisiae”. Biochimica e biofisica cellulare. 67 (3): 1353–1363. doi : 1007/s12013-013-9667-8 . ISSN 1559-0283 . PMID 23743710 . S2CID 16393480 .
  3. ^ Salta a: a b Ulrich-Lai, Yvonne M.; Herman, James P. (7 febbraio 2017). “Regolazione neurale delle risposte allo stress endocrino e autonomo” . Recensioni sulla natura Neuroscienze. 10 (6): 397–409. doi : 1038/nrn2647 . ISSN 1471-003X . PMC 4240627 . PMID 19469025 .            
  4. ^ Salta a: a b c Stephens, Mary Ann C.; Bacchetta, Gary (1 gennaio 2012). “Stress e l’asse HPA” . Ricerca sull’alcol: recensioni attuali. 34 (4): 468–483. ISSN 2168-3492 . PMC 3860380 . PMID 23584113 .           
  5. ^ Salta a: a b Notaras, Michael; van den Buuse, Maarten (3 gennaio 2020). “Neurobiologia del BDNF nella memoria della paura, nella sensibilità allo stress e nei disturbi legati allo stress” . Psichiatria Molecolare. 25 (10): 2251–2274. doi : 1038/s41380-019-0639-2 . ISSN 1476-5578 . PMID 31900428 . S2CID 209540967 .            
  6. ^ Salta a: a b c Segerstrom, Suzanne C.; Miller, Gregory E. (7 febbraio 2017). “Lo stress psicologico e il sistema immunitario umano: uno studio meta-analitico di 30 anni di indagine” . Bollettino psicologico. 130 (4): 601-630. doi : 1037/0033-2909.130.4.601 . ISSN 0033-2909 . PMC 1361287 . PMID 15250815 .            
  7. ^ Ehlers, Anke; Harvey, Allison G.; Bryant, Richard A. (ottobre 2012) [febbraio 2012]. “Reazioni acute da stress” . In Gelder, Michael; Andreasen, Nancy; Lopez-Ibor, Juan; Geddes, John (a cura di). New Oxford Textbook of Psychiatry (2a ed.). oxfordmedicine.com: Pressa dell’università di Oxford . doi : 1093/med/9780199696758.001.0001 . ISBN 9780199696758 . Estratto il 3 luglio 2021 – tramite Google .
  8. ^ dottori; Sartorio, Normanno ; Henderson, AS; Strotzka, H.; Lipowski, Z.; Yu-cun, Shen; Tu-xin, Xu; Strömgren, E.; Glatzel, J.; Kühne, G.-E.; Mises, R.; Soldati, CR; Tirare, CB; Giel, R.; Jegede, R.; Malto, Stati Uniti; Nadzharov, RA; Smulevic, AB; Hagberg, B.; Perris, C.; Scharfetter, C.; Chiara, A.; Cooper, JE; Corbett, JA; Griffith Edwards, J.; Gelder, M.; Goldberg, D.; Gossop, M.; Graham, P.; Kendell, RE; Marchi, I.; Russel, G.; Rutter, M.; pastore, M.; Ovest, DJ; Ala, J.; Ala, L.; Neki, JS; Benson, F.; Cantwell, D.; Guze, S.; Helzer, J.; Holzman, P.; Kleinman, A.; Kupfer, DJ; Mezzich, J.; Spitzer, R.; Lokar, J. “La classificazione ICD-10 dei disturbi mentali e comportamentali Descrizioni cliniche e linee guida diagnostiche” (PDF) . www.who.int Organizzazione Mondiale della Sanità . Microsoft Word . bluebook.doc. P. 110. Estratto il 23 giugno 2021 – tramite Microsoft Bing .           
  9. ^ “Significato dell’eziologia in inglese” . dizionario.cambridge.org ( Cambridge University Press ). Estratto il 3 luglio 2021.
  10. ^ Kingston, Cara; Schuurmans-Stekhoven, James (2016). “Hai problemi di vita e ideazione delirante: Scoping il ruolo potenziale dei mediatori cognitivi e affettivi”. Psicologia e psicoterapia: teoria, ricerca e pratica. 89 (4): 445–463. doi : 1111/papt.12089 . PMID 26846698 .
  11. ^ Schlotz W, Yim IS, Zoccola PM, Jansen L, Schulz P (2011). La scala di reattività allo stress percepita: invarianza, stabilità e validità della misurazione in tre paesi. Valutazione psicologica. (pagg. 80-94).
  12. ^ Salta a: a b Pinquart M.; Sorensen S. (2003). “Differenze tra caregiver e non caregiver in salute psicologica e salute fisica: una meta-analisi”. Psicologia e invecchiamento. 18 (2): 250-267. doi : 1037/0882-7974.18.2.250 . PMID 12825775 .       
  13. ^ Cohen, S; Janicki-Deverts, D; Miller, GE. (2007). “Stress psicologico e malattia” (PDF) . JAMA. 298 (14): 1685–1687. doi : 1001/jama.298.14.1685 . PMID 17925521 . Archiviato dall’originale (PDF) il 24 settembre 2015. Estratto il 5 luglio 2015.
  14. ^ Calderon, R.; Schneider, RH; Alessandro, CN; Myers, HF; Nidich, SI; Haney, C. (1999). “Stress, riduzione dello stress e ipercolesterolemia negli afroamericani: una recensione”. Etnia e malattia. 9 (3): 451–462. ISSN 1049-510X . PMID 10600068 .
  15. ^ Kobasa, SC (1982). La personalità Hardy: verso una psicologia sociale dello stress e della salute. In GS Sanders & J. Suls (a cura di), Psicologia sociale della salute e della malattia (pp. 1–25). Hillsdale, NJ: Lawrence Erlbaum Assoc.
  16. ^ Miller, G.; Chen, E.; Cole, SW (2009). “Psicologia della salute: sviluppo di modelli biologicamente plausibili che collegano il mondo sociale e la salute fisica” . Rassegna annuale di psicologia. 60 : 501-524. doi : 1146/annurev.psych.60.110707.163551 . PMID 19035829 .
  17. ^ Salta a: a b Keil RMK (2004). “Coing e stress: un’analisi concettuale”. Giornale di infermieristica avanzata. 45 (6): 659–665. doi : 1046/j.1365-2648.2003.02955.x . PMID 15012643 .       
  18. ^ Cannone WB; Regolazione fisiologica degli stati normali: alcuni postulati provvisori riguardanti l’omeostatica biologica ; IN: A. Pettit (a cura di); A Charles Richet: ses amis, ses collègues, ses élèves; P. 91; Parigi; Edizioni mediche; 1926.
  19. ^ Viner, Russell (giugno 1999). “Mettere lo stress nella vita: Hans Selye e la teoria dello stress”. Studi sociali della scienza. 29 (3): 391–410. doi : 1177/03063129902903003 . ISSN 1460-3659 . JSTOR 285410 . S2CID 145291588 .
  20. ^ Capitano Richard H. Rahe MC USNR; Dr Ransom J. Arthur, medico (1 marzo 1978). “Studi sul cambiamento di vita e sulla malattia: storia passata e direzioni future”. Giornale dello stress umano. 4 (1): 3-15. doi : 1080/0097840X.1978.9934972 . ISSN 0097-840X . PMID 346993 .
  21. ^ Goldstein, David S.; Kopin, Irwin J. (gennaio 2007). “Evoluzione dei concetti di stress”. Fatica. 10 (2): 109-120. doi : 1080/10253890701288935 . PMID 17514579 . S2CID 25072963 .
  22. ^ Dattatreya, Shruthi (2014). “Lo stress può prendere il costo della vita”. doi : 2139/ssrn.2456211 . SSRN 2456211 .
  23. ^ Worthington, James (9 novembre 2014). “Sei modi per individuare la manipolazione emotiva prima che ti distrugga” . Il modello di fusione Archiviato dall’originale il 19 aprile 2015. Estratto il 19 aprile 2015.
  24. ^ Humphrey, James H. (2005). Antologia dello stress rivisitato: opere selezionate di James H. Humphrey . Prefazione di Paul J. Rosch. Nova Science Editori. P. viii. ISBN 9781594546402 . Archiviato dall’originale il 24 ottobre 2015. Estratto il 2 maggio 2013. Anche Selve [sic] ha avuto difficoltà e nell’aiutarlo a preparare il suo primo rapporto annuale sullo stress 1951, ho incluso i commenti di un medico pubblicati sul British Medical Journal, il quale, utilizzando citazioni dagli articoli di Selye, ha concluso che “lo stress, oltre ad essere se stesso, era anche la causa di se stesso e il risultato di se stesso”.
  25. ^ Selye, Hans (1978). Lo stress della vita (Rev. ed.). New York: McGraw-Hill. ISBN 9780070562127 .
  26. ^ Koolhaas J, et al. (2011). “Stress rivisitato: una valutazione critica del concetto di stress”. Neuroscienze e recensioni biocomportamentali. 35 (5): 1291-1301. doi : 1016/j.neubiorev.2011.02.003 . PMID 21316391 . S2CID 15584486 .
  27. ^ Toates, FM (1995). Stress: aspetti concettuali e biologici. Chichester, Inghilterra: Wiley.
  28. ^ Ursin, H. (1988). “Aspettativa e attivazione: un tentativo di sistematizzare la teoria dello stress”. In Hellhammer, DH; Florino, I.; Weiner, H. (a cura di). Controllo neuronale della funzione corporea: aspetti di base e clinici, vol. 2: Approcci neurobiologici alle malattie umane. Kirkland, WA: Huber. pp. 313-334.
  29. ^ van Kampen, HS (2019). “Il principio di coerenza e la causa e la funzione del comportamento”. Processi comportamentali. 159 : 42–54. doi : 1016/j.beproc.2018.12.013 . PMID 30562561 . S2CID 56478466 .
  30. ^ Schacter, Daniel L. ; Gilbert, Daniel T.; Wegner, Daniel M. (2011). Psicologia (2a ed.). New York: Worth Publishers. P. 7 . ISBN 978-1429237192 .
  31. ^ Walton, Kenneth G.; Levitsky, Debra K. (2003). “Effetti del programma di Meditazione Trascendentale sulle anomalie neuroendocrine associate all’aggressività e alla criminalità”. Journal of Offender Rehabilitation. 36 (1–4): 67–87. doi : 1300/J076v36n01_04 . S2CID 144374302 .
  32. ^ Salta a: a b McCorry, Laurie Kelly (15 agosto 2007). “Fisiologia del sistema nervoso autonomo” . Giornale americano di educazione farmaceutica. 71 (4): 78. doi : 5688/aj710478 . ISSN 0002-9459 . PMC 1959222 . PMID 17786266 .            
  33. ^ Salta a: a b McKlveen, Jessica M.; Myers, Brent; Herman, James P. (7 febbraio 2017). “La corteccia prefrontale mediale: coordinatore delle risposte autonomiche, neuroendocrine e comportamentali allo stress” . Giornale di Neuroendocrinologia. 27 (6): 446–456. doi : 1111/jne.12272 . ISSN 0953-8194 . PMC 4580281 . PMID 25737097 .            
  34. ^ El-Sheikh, Mona; Erath, Stephen A. (7 febbraio 2017). “Conflitto familiare, funzionamento del sistema nervoso autonomo e adattamento del bambino: stato della scienza e direzioni future” . Sviluppo e Psicopatologia. 23 (2): 703-721. doi : 1017/S0954579411000034 . ISSN 0954-5794 . PMC 3695441 . PMID 23786705 .
  35. ^ Hering, Dagmara; Lachowska, Kamila; Schlaich, Markus (1 ottobre 2015). “Ruolo del sistema nervoso simpatico nelle malattie cardiovascolari mediate dallo stress”. Rapporti attuali di ipertensione. 17 (10): 80. doi : 1007/s11906-015-0594-5 . ISSN 1534-3111 . PMID 26318888 . S2CID 30136233 .
  36. ^ Salta a: a b c Smith, Sean M.; Vale, Wylie W. (7 febbraio 2017). “Il ruolo dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene nelle risposte neuroendocrine allo stress” . Dialoghi nelle neuroscienze cliniche. 8 (4): 383-395. ISSN 1294-8322 . PMC 3181830 . PMID 17290797 .           
  37. ^ Salta a: a b c Schneiderman, Neil; Ironson, Gail; Siegel, Scott D. (1 gennaio 2005). “STRESS E SALUTE: determinanti psicologici, comportamentali e biologici” . Revisione annuale di psicologia clinica. 1 : 607–628. doi : 1146/annurev.clinpsy.1.102803.144141 . ISSN 1548-5943 . PMC 2.568.977 . PMID 17716101 .           
  38. ^ Herman, James P. (8 agosto 2013). “Controllo neurale dell’adattamento allo stress cronico” . Frontiere delle neuroscienze comportamentali. 7 : 61. doi : 3389/fnbeh.2013.00061 . ISSN 1662-5153 . PMC 3737713 . PMID 23964212 .
  39. ^ Salta a: a b Graham J.; Cristiano L.; Kiecolt-Glaser J. (2006). “Stress, età e funzione immunitaria: verso un approccio per la durata della vita” . Giornale di medicina comportamentale. 29 (4): 389–400. doi : 1007/s10865-006-9057-4 . PMC 2805089 . PMID 16715331 .          
  40. ^ Schneidermann N.; Ironson G.; Siegel SD (2005). “Stress e salute: determinanti psicologici, comportamentali e biologici” . Revisione annuale di psicologia clinica. 1 (1): 607–628. doi : 1146/annurev.clinpsy.1.102803.144141 . PMC 2.568.977 . PMID 17716101 .
  41. ^ Spruill, Tanya M. (7 febbraio 2017). “Stress psicosociale cronico e ipertensione” . Rapporti attuali di ipertensione. 12 (1): 10-16. doi : 1007/s11906-009-0084-8 . ISSN 1522-6417 . PMC 3694268 . PMID 20425153 .
  42. ^ Aguilera, Greti (1 gennaio 2011). “Reattività dell’asse HPA allo stress: implicazioni per un invecchiamento sano” . Gerontologia Sperimentale. 46 (2–3): 90–95. doi : 1016/j.exger.2010.08.023 . ISSN 0531-5565 . PMC 3026863 . PMID 20833240 .
  43. ^ Khansari D.; Murgo A.; Fede R. (maggio 1990). “Effetti dello stress sul sistema immunitario”. Immunologia oggi. 11 (5): 170–175. doi : 1016/0167-5699(90)90069-l . PMID 2186751 .
  44. ^ Powell, Brasel e Blizzard, 1967.
  45. ^ Charmandari E, Achermann JC, Carel JC, Soder O, Chrousos GP (2012). “Risposta allo stress e salute dei bambini”. Segnalazione scientifica (recensione). 5 (248): mr1. doi : 1126/scisignal.2003595 . PMID 23112343 . S2CID 13920757 .
  46. ^ Charmandari E, Kino T, Souvatzoglou E, Chrousos GP (2003). “Lo stress pediatrico: mediatori ormonali e sviluppo umano” . Ricerca sugli ormoni (recensione). 59 (4): 161–79. doi : 1159/000069325 . PMID 12649570 . S2CID 9744754 .
  47. ^ “Rinnovare lo stress sul cervello” . L’Istituto Franklin . Archiviato dall’originale l’11 maggio 2012.
  48. ^ Salta a: a b c d Kalat, JW (2013). Psicologia Biologica. P. 383
  49. ^ Kalat, JW (2013). Psicologia Biologica. P. 97
  50. ^ Yau, Yvonne HC; Potenza, Marc N. (7 febbraio 2017). “Stress e comportamenti alimentari” . Minerva Endocrinologica. 38 (3): 255-267. ISSN 0391-1977 . PMC 4214609 . PMID 24126546 .
  51. ^ Clauw, Daniel J. (2014). “Fibromialgia”. JAMA. 311 (15): 1547-55. doi : 1001/jama.2014.3266 . PMID 24737367 .
  52. ^ Wyller, Vegard Bruun (1 gennaio 2007). “La sindrome da stanchezza cronica, un aggiornamento”. Acta Neurologica Scandinavica Supplementum. 187 : 7-14. doi : 1111/j.1600-0404.2007.00840.x . ISSN 0065-1427 . PMID 17419822 . S2CID 11247547 .
  53. ^ Saveanu, Radu V.; Nemeroff, Charles B. (marzo 2012). “Eziologia della depressione: fattori genetici e ambientali”. Cliniche psichiatriche del Nord America. 35 (1): 51-71. doi : 1016/j.psc.2011.12.001 . PMID 22370490 .
  54. ^ Afari, Niloofar; Ahumada, Sandra M.; Wright, Lisa Johnson; Mostoufi, Sheeva; Golnari, Golnaz; Reis, Veronica; Cuneo, Jessica Gundy (7 febbraio 2017). “Trauma psicologico e sindromi somatiche funzionali: una revisione sistematica e una meta-analisi” . Medicina Psicosomatica. 76 (1): 2-11. doi : 1097/PSY.000000000000000010 . ISSN 0033-3174 . PMC 3894419 . PMID 24336429 .
  55. ^ Sely (1975). “Confusione e polemiche nel campo dello stress”. Giornale dello stress umano. 1 (2): 37–44. doi : 1080/0097840X.1975.9940406 . PMID 1235113 .
  56. ^ de Kloet, E. Ron; Joels, Marian; Holsboer, Florian (giugno 2005). “Stress e cervello: dall’adattamento alla malattia”. Recensioni sulla natura Neuroscienze. 6 (6): 463–475. doi : 1038/nrn1683 . PMID 15891777 . S2CID 1320302 .
  57. ^ “La silenziosa negazione dello stress in un mondo competitivo” . 17 marzo 2012. Archiviato dall’originale in data 19 aprile 2012. Estratto 17 marzo del 2012.
  58. ^ Lazzaro, RS (1966). Stress psicologico e processo di coping. New York: McGraw-Hill.
  59. ^ Aldwin, Carolyn (2007). Stress, coping e sviluppo, seconda edizione. New York: Guilford Press. ISBN 978-1-57230-840-4 .
  60. ^ Glavas, MM; Weinberg, J. (2006). “Stress, consumo di alcol e l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene”. In Yehuda, S.; Mostofsky, DI (a cura di). Nutrienti, stress e disturbi medici . Totowa, NJ: Humana Press. pp. 165 –183. ISBN 978-1-58829-432-6 .
  61. ^ Davis et al. (giugno 2007). L’esposizione prenatale alla depressione materna e al cortisolo influenza il temperamento del bambino. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry , v46 n6 p737.
  62. ^ O’Connor; Airone; oro; bevanda; Guantoni (2002). “Ansia materna prenatale e problemi comportamentali/emotivi del bambino a 4 anni” . Br J Psichiatria. 180 (6): 478-9. doi : 1192/bjp.180.6.502 . PMID 12042228 .
  63. ^ Schore, Allan (2003). Regolazione affettiva e riparazione del sé. New York: WW Norton. ISBN 978-0-393-70407-5 .
  64. ^ DeBellis, Michael D.; Chrousos, George P.; D. Dorn, Lorah; Burke, Lillian; Helmers, Karin; Kling, Mitchel A.; K. Trickett, Penelope; Putnam, Frank W. (1994). “Disregolazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene nelle ragazze abusate sessualmente”. Il Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. 78 (2): 249-255. doi : 1210/jcem.78.2.8106608 . PMID 8106608 .
  65. ^ Taylor, Shelley; Sirois, Fuschia (2012). Psicologia della salute (2a edizione canadese ). McGraw Hill Ryerson. ISBN 978-0070319790 .
  66. ^ Gozhenko, AI; Gurkalova, IP; Zukow, W; Kwasnik, Z; Mroczkowska, B (2009). Gozhenko, AI; Zukow, W; Kwasnik, Z (a cura di). Patologia: Biblioteca degli studenti di medicina. Università di Radom. P. 272 . ISBN 978-83-61047-18-6 . OCLC 750538315 .
  67. ^ Salta a: a b c d Viner R (1999). “Mettere lo stress nella vita: Hans Selye e la teoria dello stress”. Studi sociali della scienza. 29 (3): 391–410. doi : 1177/03063129902903003 . JSTOR 285410 . S2CID 145291588 .            
  68. ^ Petticrew, Mark P.; Lee, Kelley (marzo 2011). “Il “padre dello stress” incontra il “grande tabacco”: Hans Selye e l’industria del tabacco” . Giornale americano di sanità pubblica. 101 (3): 411–418. doi : 2105/AJPH.2009.177634 . ISSN 0090-0036 . PMC 3036703 . PMID 20466961 .
  69. ^ Shalev, Arieh Y.; Yehuda, Rachele; Alexander C. McFarlane (2000). Manuale internazionale di risposta umana al trauma. New York: Kluwer Academic/Plenum Press. ISBN 978-0-306-46095-1 . ; on-line Archiviato il 17 giugno 2007 in Internet Archive ..
  70. ^ “Istantanea dello stress in America del 2015” . www.apa.org. Archiviato dall’originale il 16 marzo 2017. Estratto il 6 aprile 2017.

link esterno

 

 

Gestione dello stress

La gestione dello stress è un ampio spettro di tecniche e psicoterapie volte a controllare il livello di stress di una persona , in particolare lo stress cronico , solitamente allo scopo e per il motivo di migliorare il funzionamento quotidiano. Lo stress produce numerosi sintomi fisici e mentali che variano a seconda dei fattori situazionali di ciascun individuo. Questi possono includere un declino della salute fisica così come la depressione . Il processo di gestione dello stress è considerato una delle chiavi per una vita felice e di successo nella società moderna. La vita spesso offre numerose richieste che possono essere difficili da gestire, ma la gestione dell