Tag

coaching aziendale

Browsing

Il Coaching Aziendale è una disciplina atta a formare le risorse umane con interventi personalizzati. Ambiti del coaching aziendale e del counseling aziendale sono ad esempio le capacità decisionali, la leadership, la gestione dei collaboratori, la gestione dello stress, il lavoro sul potenziale personale, la comunicazione, la gestione per obiettivi e la capacità di gestire le risorse umane, le tecniche di vendita e il public speaking, lo sviluppo di carriera.

coaching aziendale per le risorse umane

Vedi la lista delle pubblicazioni complete o consulta il nostro Libro delle Referenze.

Se desideri un consulto preliminare con il dott. Daniele Trevisani compila questo form e sarà nostra cura ricontattarti

Coaching Aziendale. I principi e Metodi

Coaching aziendale e Coaching Manageriale

Il coaching aziendale è un tipo di sviluppo delle risorse umane per dirigenti, membri del management, team e leadership. [16] Fornisce supporto positivo, feedback e consigli su base individuale o di gruppo per migliorare l’efficacia personale nel contesto aziendale, concentrandosi molte volte sui cambiamenti comportamentali attraverso la psicometria o feedback a 360 gradi .

Coaching Aziendale e Executive Coaching

Il coaching aziendale è anche chiamato executive coaching, [17] coaching aziendale o coaching di leadership. I coach aiutano i loro clienti ad avanzare verso obiettivi professionali specifici. Questi includono la transizione di carriera, la comunicazione interpersonale e professionale, la gestione delle prestazioni , l’efficacia organizzativa, la gestione della carriera e dei cambiamenti personali, lo sviluppo della capacità esecutiva, il miglioramento del pensiero strategico, la gestione efficace dei conflitti e la creazione di un team efficace all’interno di un’organizzazione. Uno psicologo industriale-organizzativo può lavorare come executive coach, così come può operare un Coach formatosi in una specifica Scuola di Coaching.

Coaching Aziendale – efficacia

Il coaching aziendale non è limitato a esperti o fornitori esterni. Molte organizzazioni si aspettano che i loro dirigenti e quadri intermedi inducano i membri del loro team a raggiungere livelli più elevati di prestazioni, maggiore soddisfazione sul lavoro, crescita personale e sviluppo professionale. Studi di ricerca suggeriscono che l’executive coaching ha effetti positivi sia all’interno delle prestazioni sul posto di lavoro che nelle aree personali al di fuori del posto di lavoro, con alcune differenze nell’impatto dei coach interni ed esterni. [18]

Coaching Aziendale – riconoscimento

In alcuni paesi, non è richiesta alcuna certificazione o licenza per essere un business o executive coach e l’appartenenza a un’organizzazione di coaching è facoltativa. Inoltre, gli standard e i metodi di formazione degli allenatori possono variare ampiamente tra le organizzazioni di coaching. Molti business coach si definiscono consulenti , un rapporto d’affari più ampio di quello che coinvolge esclusivamente il coaching. [19] I risultati della ricerca da una revisione sistematica indicano che gli allenatori efficaci sono noti per avere integrità, supporto per coloro che allenano, capacità di comunicazione e credibilità. [16]

Tra le varie associazioni che si occupano di coaching aziendale, evidenziamo la CWF (Coaching World Federation) in quanto dotata di un approccio multiculturale atto a praticare coaching aziendale anche per aziende multinazionali o che esportano, così come per valorizzare le capacità di negoziazione, di comunicazione e di leadership in contesti multiculturali.

Coaching Aziendale – efficacia

Sul posto di lavoro, il coaching della leadership ha dimostrato di essere efficace per aumentare la fiducia dei dipendenti nell’esprimere le proprie idee. [20] I risultati della ricerca in una revisione sistematica dimostrano che il coaching può aiutare a ridurre lo stress sul posto di lavoro. [21]

Coaching Aziendale – libri suggeriti per il Metodo ALM e HPM, due tra i più affermati metodi in uso in contesti internazionali e in Italia

Coaching aziendale e Counseling aziendale – libri . Elenco dei libri in Italiano

Le principali pubblicazioni di Daniele Trevisani con editori primari Italiani

copertina-competitivita-aziendale

Competitività aziendale, personale, organizzativa. Strumenti di sviluppo e creazione del valore. Franco Angeli, Milano, 2000. (224 pag.). 

Disponibile solo su richiesta da fare via mail

copertina-psicologia-di-marketing

Psicologia di Marketing e Comunicazione. Pulsioni d’acquisto, leve persuasive, nuove strategie di comunicazione e managementFranco Angeli, Milano, 2001. (224 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-comportamento-acquisto-comunicazione-strategica

Comportamento d’Acquisto e Comunicazione Strategica Dall’analisi del Consumer Behavior alla progettazione comunicativa. Franco Angeli editore, Milano, 2003. (288 pag.)

Esaurito

copertina-negoziazione-interculturale

Negoziazione Interculturale. Comunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali. Franco Angeli editore, Milano, 2005. (172 pag.)

Scheda su Amazon

Regie di Cambiamento Approcci integrati alle risorse umane, allo sviluppo personale e organizzativo, e al coaching. Franco Angeli editore, Milano, 2007 (240 pag.)

Scheda su Amazon

Il Potenziale Umano Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance. Franco Angeli editore, Milano, 2009. (240 pag.). Bestseller area Formazione Aziendale.

Scheda su Amazon

Strategic Selling. Psicologia e Comunicazione per la Vendita Consulenziale e le negoziazioni complesse
Franco Angeli editore, Milano, 2011. (280 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-personal-energy

Personal Energy. Una mappa per potenziare le Energie Mentali. Franco Angeli editore, Milano, 2013 (100 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-self-power-psicologia-motivazione-performance

Self-Power. Psicologia della motivazione e della performance. Franco Angeli editore, Milano, 2014. (176 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-il-coraggio-delle-emozioni

Il Coraggio delle Emozioni. Energie per la vita, la comunicazione, la Crescita Personale. Franco Angeli editore, Milano, 2015.

Scheda su Amazon

copertina-team-leadership-comunicazione-operativa

Team leadership e comunicazione operativa. Principi e pratiche per il miglioramento continuo individuale e di team. Franco Angeli editore, Milano, 2016 (250 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-strategie-di-comunicazione-e-di-marketing

Strategie di comunicazione e marketing. Un metodo in 12 punti per campagne di comunicazione persuasiva. Franco Angeli editore, Milano, 2017. (128 pag.)

Scheda su Amazon

copertina-psicologia-della-liberta

Psicologia della libertà. Liberare le potenzialità delle persone. Edizioni Mediterranee, Roma, 2018 (261 pag.)

Scheda su Amazon

Copertina_Ascolto_Attivo_ed_Empatia

Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace. Franco Angeli, Milano, 2019 (202 pag.)

Scheda su Amazon

copertina Parliamoci Chiaro

Parliamoci chiaro. Il Modello delle Quattro Distanze per una comunicazione efficace e costruttiva. Gribaudo-Feltrinelli, Verona, 2019 (251 pag.)

Scheda su Amazon

2020 Direzione Vendite e Leadership

Direzione vendite e leadership. Coordinare e formare i propri venditori per creare un team. Editore Franco Angeli, Milano, 2020 (143 pag.)

Scheda su Amazon

Stress e resilienza

Deep Coaching. Il Metodo HPM per la crescita personale il Coaching in profondità e la formazione attiva. Editore Franco Angeli, Milano, 2021 (256 pag.)

Scheda su Amazon

Coaching aziendale e Counseling aziendale. Gli approcci e metodi

La psicologia della consulenza è una specialità psicologica che comprende la ricerca e il lavoro applicato in diversi ampi domini: processo di consulenza e risultati; supervisione e formazione; sviluppo professionale e consulenza; e prevenzione e salute. Alcuni temi unificanti tra gli psicologi di consulenza includono un focus su risorse e punti di forza, interazioni persona-ambiente, sviluppo educativo e professionale, interazioni brevi e un focus su personalità e abitudini, atteggiamenti e comunicazione. [1]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Storia

Il termine “counselling” è di origine americana, coniato da Carl Rogers , al quale, non essendo un medico, fu impedito di chiamare il suo lavoro psicoterapia. [2] Negli Stati Uniti, la psicologia del counseling, come molte specialità della psicologia moderna, è iniziata a seguito della seconda guerra mondiale . Durante la guerra, l’esercito americano aveva un forte bisogno di collocamento e formazione professionale. Negli anni ’40 e ’50, la Veterans Administration creò una specialità chiamata “psicologia di consulenza” e fu costituita la Divisione 17 [3] (ora nota come Society for Counseling Psychology) dell’APA . La Society of Counseling Psychology unisce psicologi, studenti e professionisti che si dedicano a promuovere l’istruzione e la formazione, la pratica, l’indagine scientifica, la diversità e l’interesse pubblico nel campo della psicologia deo coaching e del counseling. [4] Ciò ha favorito l’interesse per la formazione dei consulenti e la creazione dei primi programmi di dottorato in psicologia della consulenza. I primi programmi di dottorato in psicologia della consulenza sono stati presso l’ Università del Minnesota ; Università statale dell’Ohio ; Università del Maryland, College Park ; Università del Missouri ; Collegio degli insegnanti, Columbia University ; e l’Università del Texas ad Austin . [5] [6]

Negli ultimi decenni, la psicologia della consulenza come professione si è ampliata ed è ora rappresentata in numerosi paesi in tutto il mondo. I libri che descrivono l’attuale stato internazionale del settore includono il Manuale di consulenza e psicoterapia in un contesto internazionale ; [7] il Manuale internazionale di consulenza interculturale ; [8] e Counseling Around the World: An International Handbook . [9] Presi insieme, questi volumi tracciano la storia globale del campo, esplorano ipotesi filosofiche divergenti, teorie, processi e tendenze di consulenza in diversi paesi ed esaminano una varietà di programmi di formazione per consulenti globali. Inoltre, il trattamento tradizionale e indigeno ei metodi di guarigione che possono precedere di centinaia di anni i moderni metodi di consulenza rimangono importanti in molti paesi non occidentali e occidentali. [7] [10] [11]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Processo e risultato

Gli psicologi di consulenza sono interessati a rispondere a una varietà di domande di ricerca sul processo e sui risultati della consulenza. Il processo di consulenza si riferisce a come o perché la consulenza avviene e progredisce. L’ esito del counselling riguarda se il counselling è efficace o meno, in quali condizioni è efficace e quali risultati sono considerati efficaci, come la riduzione dei sintomi, il cambiamento del comportamento o il miglioramento della qualità della vita. Gli argomenti comunemente esplorati nello studio del processo e dell’esito della consulenza includono variabili del terapeuta, variabili del cliente, la relazione di consulenza o terapeutica , variabili culturali, misurazione dei processi e degli esiti, meccanismi di cambiamento e metodi di ricerca sui processi e sugli esiti. Gli approcci classici sono apparsi presto negli Stati Uniti nel campo della psicologia umanistica da Carl Rogers che ha identificato la missione del colloquio di consulenza come “permettere un’espressione più profonda che il cliente normalmente si concederebbe” [13]

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Variabili del terapeuta – Coach – Counselor

Le variabili del terapeuta includono le caratteristiche di un consulente o psicoterapeuta, nonché la tecnica, il comportamento, l’ orientamento teorico e la formazione del terapeuta. In termini di comportamento, tecnica e orientamento teorico del terapeuta, la ricerca sull’aderenza ai modelli terapeutici ha scoperto che l’adesione a un particolare modello di terapia può essere utile, dannosa o neutra in termini di impatto sull’esito. [14]

Una recente meta-analisi della ricerca sulla formazione e l’esperienza suggerisce che il livello di esperienza è solo leggermente correlato all’accuratezza nel giudizio clinico. [15] È stato riscontrato che una maggiore esperienza del terapeuta è correlata a una minore ansia , ma anche a una minore concentrazione. [16] Ciò suggerisce che c’è ancora del lavoro da fare in termini di formazione dei medici e misurazione del successo della formazione.

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Variabili del cliente

le caratteristiche del cliente come gli atteggiamenti di ricerca di aiuto e lo stile di attaccamento sono correlate all’uso del counseling da parte del cliente, nonché alle aspettative e ai risultati. Lo stigma contro la malattia mentale può impedire alle persone di riconoscere i problemi e cercare aiuto. È stato riscontrato che lo stigma pubblico è correlato all’autostigma, agli atteggiamenti nei confronti della consulenza e alla volontà di cercare aiuto. [17]

In termini di stile di attaccamento, è stato riscontrato che i clienti con stili di evitamento percepiscono maggiori rischi e minori benefici dalla consulenza e sono meno propensi a cercare un aiuto professionale rispetto ai clienti con attaccamento sicuro. Quelli con stili di attaccamento ansioso percepiscono maggiori benefici e rischi per la consulenza. [18] Educare i clienti sulle aspettative della consulenza può migliorare la soddisfazione del cliente, la durata del trattamento e i risultati ed è un intervento efficiente ed economico. [19]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Relazione di consulenza

Articolo principale: relazione terapeutica

La relazione tra un consulente e un cliente riguarda i sentimenti e gli atteggiamenti che un cliente e un terapeuta hanno l’uno verso l’altro e il modo in cui tali sentimenti e atteggiamenti sono espressi. [20] Alcuni teorici hanno suggerito che la relazione può essere pensata in tre parti: transfert e controtransfert , alleanza di lavoro e relazione reale o personale. [21] Altri teorici sostengono che i concetti di transfert e controtransfert sono superati e inadeguati. [22] [23] [24]

Il transfert può essere descritto come le percezioni distorte del cliente nei confronti del terapeuta. Questo può avere un grande effetto sulla relazione terapeutica. Ad esempio, il terapeuta può avere una caratteristica del viso che ricorda al cliente il suo genitore. A causa di questa associazione, se il cliente ha sentimenti negativi o positivi significativi verso il proprio genitore, può proiettare questi sentimenti sul terapeuta. Questo può influenzare la relazione terapeutica in alcuni modi. Ad esempio, se il cliente ha un legame molto forte con il genitore, può vedere il terapeuta come una figura paterna o materna e avere un forte legame con il terapeuta. Questo può essere problematico perché come terapeuta, non è etico avere una relazione più che “professionale” con un cliente. Può anche essere una buona cosa, perché il cliente può aprirsi molto al terapeuta. In un altro modo, se il cliente ha una relazione molto negativa con il genitore, il cliente può provare sentimenti negativi nei confronti del terapeuta. Questo può quindi influenzare anche la relazione terapeutica. Ad esempio, il cliente potrebbe avere difficoltà ad aprirsi al terapeuta perché non ha fiducia nel genitore (proiettando questi sentimenti di sfiducia sul terapeuta). [25]

Un’altra teoria sulla funzione della relazione di consulenza è nota come ipotesi della base sicura, che è correlata alla teoria dell’attaccamento . Questa ipotesi propone che il consulente agisca come una base sicura da cui i clienti possono esplorare e poi verificare. È stato riscontrato che l’attaccamento sicuro al proprio consulente e l’attaccamento sicuro in generale sono correlati all’esplorazione del cliente. È stato riscontrato che gli stili di allegati non sicuri sono correlati a una profondità della sessione inferiore rispetto ai client collegati in modo sicuro. [26]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Variabili culturali

Gli psicologi del counselling sono interessati a come la cultura si relaziona al processo e ai risultati della ricerca di aiuto e del counselling. Le indagini standard che esplorano la natura della consulenza tra culture e vari gruppi etnici includono Counseling Across Cultures di Paul B. Pedersen, Juris G. Draguns , Walter J. Lonner e Joseph E. Trimble, [27] Handbook of Multicultural Counseling di Joseph G. Ponterotto , J. Manuel Casas, Lisa A. Suzuki e Charlene M. Alexander [28] e Manuale di cultura, terapia e guarigione di Uwe P. Gielen , Jefferson M. Fish e Juris G. Draguns . [29] Il modello di identità razziale di Janet E. Helms può essere utile per comprendere come la relazione e il processo di consulenza potrebbero essere influenzati dall’identità razziale del cliente e del consulente. [30] Ricerche recenti suggeriscono che i clienti neri sono a rischio di subire micro-aggressioni razziali da parte di consulenti bianchi. [31]

L’efficacia nel lavorare con clienti che sono lesbiche, gay o bisessuali potrebbe essere correlata ai dati demografici del terapeuta, al genere, allo sviluppo dell’identità sessuale, all’orientamento sessuale e all’esperienza professionale. [32] I clienti che hanno più identità oppresse potrebbero essere particolarmente a rischio di vivere situazioni inutili con i consulenti, quindi i consulenti potrebbero aver bisogno di aiuto per acquisire esperienza per lavorare con clienti di colore transgender, lesbiche, gay, bisessuali o transgender, e altre popolazioni oppresse. [33]

La socializzazione del ruolo di genere può anche presentare problemi per clienti e consulenti. Le implicazioni per la pratica includono la consapevolezza degli stereotipi e dei pregiudizi sull’identità maschile e femminile, sui ruoli e sul comportamento come l’espressione emotiva. [34] Le linee guida APA per la competenza multiculturale delineano le aspettative per la presa in considerazione della cultura nella pratica e nella ricerca. [35]

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Consulenza etica e normativa

Le percezioni sui comportamenti etici variano a seconda della posizione geografica, ma i mandati etici sono simili in tutta la comunità globale. Gli standard etici sono creati per aiutare i professionisti, i clienti e la comunità a evitare qualsiasi possibile danno o potenziale danno. I comportamenti etici standard sono incentrati sul “non fare del male” e sulla prevenzione del danno. Ulteriori informazioni: Psicologia clinica § Etica professionale , Psicoterapia § Regolamento e Psicologo § Licenze e regolamenti

I consulenti non possono condividere alcuna informazione riservata ottenuta attraverso il processo di consulenza senza specifico consenso scritto da parte del cliente o del tutore legale se non per prevenire un pericolo chiaro e imminente per il cliente o altri, o quando richiesto da un’ingiunzione del tribunale. [36] Anche le compagnie assicurative oi programmi governativi saranno informati di determinate informazioni sulla tua diagnosi e sul trattamento per determinare se la tua assistenza è coperta. Tali società e programmi governativi sono vincolati dall’HIPAA a mantenere tali informazioni strettamente riservate. [37]

I consulenti sono tenuti a uno standard più elevato rispetto alla maggior parte dei professionisti a causa dell’intimità della loro erogazione terapeutica. I consulenti non devono solo evitare di fraternizzare con i loro clienti. Dovrebbero evitare le relazioni doppie e non impegnarsi mai in relazioni sessuali.

I consulenti devono evitare di ricevere regali, favori o scambi per la terapia. In alcune comunità può essere evitabile data la posizione economica di quella comunità. In alcuni casi, le persone possono sentirsi personalmente rifiutate se un’offerta è qualcosa come un “biscotto”. In qualità di consulenti, è necessario effettuare un giudizio, ma nella maggior parte dei casi è possibile evitare regali, favori e scambi.

Il National Board for Certified Counselor afferma che i consulenti “devono discutere considerazioni importanti per evitare lo sfruttamento prima di entrare in una relazione non di consulenza con un ex cliente. Considerazioni importanti da discutere includono la quantità di tempo dalla cessazione del servizio di consulenza, la durata della consulenza, la natura e circostanze della consulenza del cliente, la probabilità che il cliente voglia riprendere la consulenza in un momento futuro; circostanze della cessazione del servizio e possibili effetti o risultati negativi.” [38]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Misurazione del risultato

Le misure di esito della consulenza potrebbero esaminare una panoramica generale di sintomi, sintomi di disturbi specifici o esiti positivi, come il benessere soggettivo o la qualità della vita. L’Outcome Questionnaire-45 è una misura di autovalutazione di 45 elementi del disagio psicologico. [39] Un esempio di misura specifica del disturbo è il Beck Depression Inventory . L’inventario della qualità della vita è una misura di soddisfazione della vita con autovalutazione di 17 voci . [40]

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Metodi di ricerca dei processi e dei risultati

La ricerca sul processo di consulenza e sui risultati utilizza una varietà di metodologie di ricerca per rispondere a domande su se, come e perché la consulenza funziona. I metodi quantitativi includono studi clinici controllati casualmente, studi di correlazione nel corso della consulenza o studi di laboratorio su specifici processi di consulenza e variabili di esito. I metodi di ricerca qualitativa possono comportare la conduzione, la trascrizione e la codifica di interviste; trascrivere e/o codificare sessioni di terapia; o analisi a grana fine di singole sessioni di consulenza o casi di consulenza.

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Formazione e supervisione

Processo di formazione professionale

Gli psicologi di consulenza sono formati in programmi di laurea, o inalcuni Paesi, in corsi specifici. Quasi tutti i programmi universitari americani prevedono un dottorato di ricerca, ma alcuni concedono un Psy.D. o Ed.D. _ La maggior parte dei programmi di dottorato richiede 5-6 anni per essere completata. Il lavoro di laurea in psicologia della consulenza include corsi di psicologia generale e pratica, consulenza e ricerca. [41] Gli studenti devono completare una tesi originale al termine della loro formazione. Gli studenti devono anche completare uno stage di un anno a tempo pieno presso un sito accreditato prima di conseguire il dottorato. Per essere autorizzati a esercitare, gli psicologi di consulenza devono acquisire esperienza clinica sotto supervisione e superare un esame standardizzato.

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Modelli di formazione e ricerca

La psicologia del counseling comprende lo studio e la pratica della formazione e della supervisione del consulente. In qualità di ricercatori, gli psicologi di consulenza possono indagare su ciò che rende efficace la formazione e la supervisione. In qualità di professionisti, gli psicologi di consulenza possono supervisionare e formare una varietà di clinici. La formazione del consulente tende a verificarsi in classi formali e programmi di formazione. Parte della formazione del consulente può comportare la consulenza ai clienti sotto la supervisione di un medico autorizzato. La supervisione può avvenire anche tra medici autorizzati, come un modo per migliorare la qualità del lavoro e la competenza dei medici con vari tipi di clienti di consulenza.

Poiché il campo della psicologia del counseling si è formato a metà del 20° secolo, i modelli di formazione iniziale includevano il modello di formazione sulle relazioni umane di Robert Carkuff , [44] Interpersonal Process Recall di Norman Kagan , [45] e le abilità di microcounseling di Allen Ivey . [46] I modelli di addestramento moderni includono il modello di aiuto esperto di Gerard Egan , [47] e il modello a tre fasi di Clara E. Hill (esplorazione, intuizione e azione). [48] Una recente analisi degli studi sulla formazione dei consulenti ha rilevato che la modellazione, l’istruzione e il feedback sono comuni alla maggior parte dei modelli di formazione e sembrano avere effetti medio-grandi sui tirocinanti. [49]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Modelli di supervisione e ricerca

Come i modelli di interazione tra clienti e terapeuti, esistono anche modelli delle interazioni tra terapeuti e loro supervisori. Edward S. Bordin ha proposto un modello di alleanza di lavoro di supervisione simile al suo modello di alleanza di lavoro terapeutica . Il Modello di Sviluppo Integrato considera il livello di motivazione/ansia, autonomia e consapevolezza di sé e degli altri del cliente. L’approccio sistemico alla supervisione considera la relazione tra supervisore e supervisionato come più importante, oltre alle caratteristiche delle caratteristiche personali del supervisore, alla consulenza ai clienti, all’ambiente di formazione, nonché ai compiti e alle funzioni della supervisione. Il modello Critical Events in Supervision si concentra sui momenti importanti che si verificano tra il supervisore e il vigilato. [50]

Possono sorgere problemi nella supervisione e nella formazione. Sono emerse domande per quanto riguarda la necessità di un supervisore di una formazione formale per essere un supervisore competente. [51] Ricerche recenti suggeriscono che possono verificarsi relazioni multiple e contrastanti tra supervisori e clienti, come quella del cliente, dell’istruttore e del supervisore clinico. [51] Il verificarsi di micro-aggressioni razziali contro clienti neri [52] suggerisce potenziali problemi con pregiudizi razziali nella supervisione. In generale, possono sorgere conflitti tra un consulente e il proprio supervisore quando i supervisori dimostrano mancanza di rispetto, mancanza di supporto e accusa. [50]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Sviluppo professionale e consulenza professionale

Esistono diversi tipi di teorie sulla scelta e sullo sviluppo professionale. Questi tipi includono le teorie dei tratti e dei fattori, le teorie cognitive sociali e le teorie dello sviluppo. Due esempi di teorie dei tratti e dei fattori, note anche come adattamento persona-ambiente, sono la teoria di Holland e la teoria dell’adeguamento del lavoro.

John Holland ha ipotizzato sei tipi di personalità/interesse professionale e sei tipi di ambiente di lavoro: realistico, investigativo, artistico, sociale, intraprendente e convenzionale. Quando gli interessi professionali di una persona corrispondono ai suoi tipi di ambiente di lavoro, questo è considerato congruenza. È stato riscontrato che la congruenza predice l’occupazione e la specializzazione. [53]

La Teoria dell’adeguamento del lavoro (TWA), come sviluppata da René Dawis e Lloyd Lofquist , [54] ipotizza che la corrispondenza tra i bisogni di un lavoratore e i sistemi rinforzati preveda la soddisfazione sul lavoro e che la corrispondenza tra le competenze di un lavoratore e i requisiti di abilità di un lavoro predice la soddisfazione sul lavoro. La soddisfazione sul lavoro e la soddisfazione personale insieme dovrebbero determinare per quanto tempo si rimane al lavoro. Quando c’è una discrepanza tra i bisogni o le abilità di un lavoratore e i bisogni o le abilità del lavoro, allora il cambiamento deve avvenire nel lavoratore o nell’ambiente di lavoro.

La teoria della carriera cognitiva sociale (SCCT) è stata proposta da Robert D. Lent, Steven D. Brown e Gail Hackett. La teoria prende il lavoro di Albert Bandura sull’autoefficacia e lo espande allo sviluppo dell’interesse, al processo di scelta e alla performance. Le variabili personali in SCCT includono le convinzioni di autoefficacia, le aspettative sui risultati e gli obiettivi personali. Il modello include anche dati demografici, abilità, valori e ambiente. Si teorizza che l’efficacia e le aspettative di risultato siano correlate e influenzino lo sviluppo degli interessi, che a sua volta influenza la scelta degli obiettivi e quindi le azioni. Anche i supporti e le barriere ambientali influiscono sugli obiettivi e sulle azioni. Le azioni portano a prestazioni e stabilità di scelta nel tempo. [53]

sullo sviluppo della carriera propongono modelli professionali che includono cambiamenti nel corso della vita. Il modello di Donald Super propone un processo di sviluppo professionale in cinque fasi che dura tutta la vita. Le fasi sono la crescita, l’esplorazione, l’insediamento, il mantenimento e il disimpegno. Nel corso della vita, le persone hanno molti ruoli che possono differire in termini di importanza e significato. Super ha anche teorizzato che lo sviluppo della carriera sia un’implementazione del concetto di sé. Gottfredson ha anche proposto un processo decisionale cognitivo sulla carriera che si sviluppa nel corso della vita. Si ipotizza che la fase iniziale dello sviluppo della carriera sia lo sviluppo dell’immagine di sé durante l’infanzia, poiché la gamma di ruoli possibili si restringe utilizzando criteri come tipo di sesso, classe sociale e prestigio. Durante e dopo l’adolescenza , le persone prendono in considerazione concetti astratti, come gli interessi.

Coaching aziendale e Counseling aziendale –  Consulente di carriera

La consulenza professionale può includere la fornitura di informazioni occupazionali, capacità di modellazione, esercizi scritti ed esplorazione di obiettivi e piani di carriera. [55] La consulenza professionale può anche comportare l’uso di valutazioni della personalità o dell’interesse professionale, come il Myers-Briggs Type Indicator , che si basa sulla teoria del tipo psicologico di Carl Jung , o lo Strong Interest Inventory , che fa uso di Holland teoria. Anche le valutazioni di abilità, abilità e valori sono comunemente valutate nella consulenza professionale.

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Riviste professionali

Negli Stati Uniti , le riviste accademiche della professione sono il Journal of Counseling Psychology [56] e The Counseling Psychologist . [57]

In Australia, gli articoli di psicologia del counseling sono pubblicati nella sezione di psicologia del counseling dell’Australian Psychologist .

In Europa , le riviste accademiche della professione includono l’ European Journal of Counseling Psychology (sotto gli auspici della European Association of Counseling Psychology) [58] e la Counseling Psychology Review (sotto gli auspici della British Psychological Society ). [59] Counseling Psychology Quarterly è una pubblicazione interdisciplinare internazionale di Routledge (parte del Taylor & Francis Group). [60]

Vedi anche [ modifica ]

Coaching aziendale e Counseling aziendale – Riferimenti

  1. ^Gelso , CJ, Williams, EN & Fretz , B. (2014). Psicologia del counseling (3a ed.). Washington, DC: American Psychological Association.
  2. ^ Woolfe, Ray, et al. “Consultare la psicologia nel contesto”. Handbook of Counseling Psychology, 2a ed., Sage Publications, 2003, p. 4.
  3. ^http://www.div17.org/
  4. ^ Heppner, P., Leong, FTL e Chiao, H. (2008). Una crescente internazionalizzazione della psicologia del counseling. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley.
  5. ^http://www.apa.org/ed/accreditation/counspsy.html
  6. ^Fadul , Jose A. . Enciclopedia di teoria e pratica in psicoterapia e consulenza. Lulù Press, 2015.
  7. ^ Salta su : ab Moodley, Gielen e Wu (2013). Manuale di consulenza e psicoterapia in un contesto internazionale . New York: Routledge.
  8. ^ Gerstein, Heppner, Ægisdóttir , Leung e Norsworthy (2009). Manuale internazionale di consulenza interculturale: presupposti e pratiche culturali in tutto il mondo . Los Angeles: Saggio.
  9. ^Hohenshil , Amundson e Niles (2013). Consulenza nel mondo: un manuale internazionale . Alessandria, VA: American Counseling Association.
  10. ^Gielen , Pesce e Draguns (2004). Manuale di cultura, terapia e guarigione . Mahwah, New Jersey: Erlbaum.
  11. ^Gielen , UP, Draguns , JG, Fish, J. (a cura di). (2008). Principi di consulenza e terapia multiculturale. New York: Routledge, pp. x-xviii, 1-464.
  12. ^“Stipendi di psicologi clinici negli Stati Uniti” . www.indeed.com. Estratto 2017-10-09.
  13. ^Rogers, Carl R. (1947). “Alcune osservazioni sull’organizzazione della personalità” . Psicologo americano. 2 (9): 358–68. doi : 1037/h0060883 . PMID20260596 .
  14. ^Imel , ZE e Wampold , BE (2008). L’importanza del trattamento e la scienza dei fattori comuni in psicoterapia. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley.
  15. ^ Spengler, PM, White, MJ, Aegisdottir , S., Maugherman , AS, Anderson, LA, Cook, RS, Nichols, CN, Lampropoulos , GK, Walker, BS, Cohen, GR e Rush, JD (2009). Il progetto di meta-analisi del giudizio clinico: effetti dell’esperienza nell’accuratezza del giudizio. Lo psicologo consulente 37: 350–399
  16. ^ Williams, EN, Hayes, JA e Fauth , J. (2008). L’autocoscienza del terapeuta: connessioni interdisciplinari e direzioni future. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed) (pp. 267–283). New York: Wiley.
  17. ^ Vogel, DL, Wade, NG e Hackler, AH (2007). Stigma pubblico percepito e disponibilità a cercare consulenza: i ruoli di mediazione dell’autostigma e gli atteggiamenti nei confronti della consulenza. Journal of Counseling Psychology , 54, 40–50.
  18. ^ Shaffer, PA, Vogel, DL e Wei, M. (2006). I ruoli di mediazione dei rischi previsti, dei benefici previsti e degli atteggiamenti sulla decisione di cercare un aiuto professionale: una prospettiva di attaccamento. Journal of Counseling Psychology , 53, 422–452
  19. ^ Swift, JK e Callahan, JL (2008). Una misura di attualizzazione del ritardo delle grandi aspettative e dell’efficacia del processo decisionale del cliente in psicoterapia. Psicologia professionale: ricerca e pratica , 39, 581–588.
  20. ^Gelso , CJ e Samstag , LW (2008). Un modello tripartito della relazione terapeutica. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed.) (pp. 267–283). NY: Wiley.
  21. ^Gelso , CJ e Hayes, JA (1998). La relazione psicoterapeutica: teoria, ricerca e pratica (pp. 22–46). New York: Wiley.
  22. ^Menaker , E. (1991). Interrogare la vacca sacra del transfert. In: Curtis, RC & Stricker, G. How People Change: Inside and Outside Therapy (pp. 13–20). New York: Plenum Press. doi : 1007/978-1-4899-0741-7_2
  23. ^ Schachter, J. (2002). Trasferimento: Shibboleth o Albatros? Hillsdale, NJ: stampa analitica.
  24. ^Bacal , H. & Carlton, L. (2011). Il potere della specificità in psicoterapia: quando la terapia funziona e quando non funziona (pp. 81, 101–105). Lanham, MD: Jason Aronson.
  25. ^ Levy, KN & Scala, J. (2012). Transfert, interpretazioni di transfert e psicoterapie focalizzate sul transfert. Psicoterapia , 49(3), 391–403. doi : 1037/a0029371
  26. ^ Romano, V., Fitzpatrick, M. e Janzen, J. (2008). L’ipotesi della base sicura: attaccamento globale, attaccamento al consulente ed esplorazione della sessione in psicoterapia. Journal of Counseling Psychology , 55(4), 495–504.
  27. ^ Pedersen, PB, Draguns , JG, Lonner , WJ e Trimble, JE (a cura di). (2008). Consulenza tra culture (6a ed). Thousand Oaks, CA: Sage.
  28. ^Ponterotto , JG, Casas, JM, Suzuki, LA e Alexander, CM (a cura di). (2010). Manuale di consulenza multiculturale (3a ed). Thousand Oaks, CA: Sage.
  29. ^Gielen , UP, Fish, JM, & Draguns , JG (a cura di). (2004). Manuale di cultura, terapia e guarigione . Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum.
  30. ^ Helms, JE (1995). Un aggiornamento sui modelli di identità razziale di Helms’ White e persone di colore. In: JG Ponterotto , JM Casas, LA Suzuki e GM Alexander (a cura di), Handbook of Multicultural Counseling (pp. 181–198). Thousand Oaks, CA: Sage.
  31. ^ Costantino, M. (2007). Microaggressione razziale contro clienti afroamericani in relazioni di consulenza razziale. Journal of Counseling Psychology , 54(1), 1–16.
  32. ^ Dillon, F., Worthington, R., Soth-McNett , A. e Schwartz, S. (2008). Predittori basati sul genere e sull’identità sessuale dell’autoefficacia della consulenza affermativa di lesbiche, gay e bisessuali. Psicologia professionale: ricerca e pratica , 39(3), 353–360.
  33. ^ Israele, T., Gorcheva , R., Walther, W., Sulzner , J. e Cohen, J. (2008). Situazioni utili e inutili dei terapeuti con i clienti LGBT: uno studio esplorativo. Psicologia professionale: ricerca e pratica , 39(3), 361–368.
  34. ^ Nutt, RL e Brooks, GR (2008). Psicologia del genere. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed) (pp. 267–283). New York: Wiley.
  35. ^http://www.apa.org/pi/multiculturalguidelines/homepage.html
  36. ^(OCR), Ufficio per i diritti civili (20-02-2014). “Condivisione di informazioni relative alla salute mentale” . HHS.gov. Estratto il 28-04-2017.
  37. ^“Protezione della tua privacy: comprensione della riservatezza” . www.apa.org. Estratto 2017-02-06.
  38. ^Consiglio Nazionale dei Consulenti Certificati (8 giugno 2012). “CODICE ETICO CONSULENTE NAZIONALE PER CONSULENTI CERTIFICATI (NBCC)”(PDF) . Archiviato dall’originale (PDF) il 21-06-2011.
  39. ^ Lambert, MJ, Gregerson , AT e Burlingame, GM (2004). Il questionario sui risultati-45. In M. Maruish (a cura di). Uso di test psicologici per la pianificazione del trattamento e la valutazione dei risultati (3a ed.) (pp. 191–234). Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates.
  40. ^ Frisch, M., Cornell, J., Villanueva, M. e Retzlaff, P. (1992). Validazione clinica dell’Inventario della Qualità della Vita . Una misura della soddisfazione di vita da utilizzare nella pianificazione del trattamento e nella valutazione dei risultati. Valutazione psicologica , 4(1), 92–101.
  41. ^ Norcross, J., Sayette , M. e Mayne, T. (2008) Guida dell’insider ai programmi di laurea in psicologia clinica e di consulenza . Guilford Press.
  42. ^“Società psicologica australiana: percorsi di studio” . www.psychology.org.au. Estratto il 17-05-2016.
  43. ^“Società psicologica australiana: psicologia di consulenza” . www.psychology.org.au. Estratto il 22-06-2015.
  44. ^Carkuff , R. (1969). Aiuto e relazioni umane . New York: Holt, Rinehart e Winston.
  45. ^ Kagan, N., Krathwohl, D., e Farquhar, W. (1965). DPI—Richiamo del processo interpersonale . East Lansing, MI: Michigan State University.
  46. ^ Ivey, A. (1971). Microcounseling : innovazioni nella formazione del colloquio . Springfield, IL: Thomas.
  47. ^ Egan, G. (2010). L’abile aiutante (9a ed.). Belmont, CA: Brooks Cole, Cengage Learning.
  48. ^ Hill, CE (2014). Abilità di aiuto (4a ed.). Washington, DC: American Psychological Association.
  49. ^ Hill, CE e Quaresima, R. (2006). Una rassegna narrativa e meta-analitica della formazione delle abilità d’aiuto: è tempo di far rivivere un’area di indagine dormiente. Psicoterapia: teoria, ricerca, pratica, formazione , 43(2), 154–172
  50. ^ Salta su : aBLadany , N. & Inman, A. (2008) Sviluppi nella formazione e nella supervisione delle abilità di consulenza. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed.). John Wiley & Figli: New York.
  51. ^ Salta su : aBWestefeld , JS (2009). Supervisione della psicoterapia: modelli, problematiche e raccomandazioni. Lo psicologo consulente , 37, 296–316.
  52. ^ Costantino, M. & Sue, D. (2007). Percezioni di micro-aggressione razziale tra i clienti neri negli studi razziali. Journal of Counseling Psychology , 54(2), 142–153.
  53. ^ Salta su : ab Betz, N. (2008). Avanzamenti nelle teorie vocazionali. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley
  54. ^Dawis , RV & Lofquist , LH (1984). Una teoria psicologica dell’adeguamento del lavoro: un modello delle differenze individuali e le sue applicazioni . Minneapolis, MN: University of Minnesota Press.
  55. ^ Whiston, SC & Rahardja , D. (2008). Processo ed esito della consulenza professionale. In: Brown, SD & Lent, RW Handbook of Counseling Psychology (4a ed). New York: Wiley.
  56. ^http://www.apa.org/journals/cou/
  57. ^http://tcp.sagepub.com/
  58. ^“Copia archiviata” . Archiviato dall’originale il 25-04-2010. Estratto 2009-09-07.
  59. ^http://www.bps.org.uk
  60. ^“Copia archiviata” . Archiviato dall’originale il 15-10-2010. Estratto 2009-09-07.

 Coaching Aziendale e Counseling aziendale- Temi dell’articolo

  • Coaching aziendale
  • Counseling aziendale
  • A cosa serve il coaching?
  • Business coaching
  • Cerco un coach aziendale
  • Chi può fare il mental coach?
  • coach aziendale cosa fa
  • Coach risorse umane
  • coaching aziendale bologna
  • coaching aziendale corso
  • coaching aziendale cos’è
  • coaching aziendale definizione
  • coaching aziendale emilia romagna
  • coaching aziendale italia
  • coaching aziendale libri
  • coaching aziendale lombardia
  • coaching aziendale milano
  • coaching aziendale napoli
  • coaching aziendale padova
  • coaching aziendale pdf
  • coaching aziendale roma
  • coaching aziendale torino
  • coaching aziendale veneto
  • coaching bologna
  • coaching e formazione
  • Coaching HR
  • Coaching manageriale
  • Coaching per CEO
  • Coaching per executive
  • Coaching risorse umane
  • come diventare coach aziendale
  • Come diventare coach in Italia?
  • Come diventare un business coach?
  • Come diventare un coach?
  • corso business coaching online
  • corso team coaching
  • Cosa significa coaching aziendale?
  • Counseling aziendale
  • Executive coaching
  • life coach aziendale
  • master in business coaching
  • Miglior counselor aziendale in Italia
  • Miglior counselor aziendale italiano
  • Migliore coach aziendale
  • Migliore Coach Aziendale in Italia
  • Migliore coach aziendale italiano
  • Migliore coach risorse umane
  • Migliore consulente in Coaching Aziendale in Italia
  • Migliore consulente in Italia Coaching risorse umane
  • Migliore consulente italiano Coaching risorse umane
  • Migliore counselor aziendale in Italia
  • Migliore counselor aziendale italiano
  • Migliore esperto in Coaching Aziendale in Italia
  • Migliore esperto in Italia Coaching risorse umane
  • Migliore esperto italiano Coaching risorse umane
  • Migliore formatore in Italia Coaching risorse umane
  • Migliore formatore italiano Coaching risorse umane
  • Migliore esperto in Counseling Aziendale in Italia
  • Migliore esperto in Italia Counseling risorse umane
  • Migliore esperto italiano Counseling risorse umane
  • Migliore formatore in Italia Counseling risorse umane
  • Migliore formatore italiano Counseling risorse umane
  • Perché è importante la figura del coaching per le HR e quali sono le principali competenze che deve possedere?
  • Quando fare coaching?
  • Quanto guadagna un coach aziendale?

 

Il Metodo di Coaching HPM™ Deep Coaching™ del. Dott. Daniele Trevisani https://www.studiotrevisani.it

Le aree di lavoro:

  1. Energie Fisiche e Stato Bioenergetico
  2. Energie Mentali e stato Psicoenergetico
  3. Micro-Competenze e abilità di esecuzione nei dettagli che contano
  4. Macro-Competenze e portfolio professionale
  5. Progettualità, Goals, Obiettivi Misurabili
  6. Vision, Life Mission, Life Purpose, Valori e Spiritualità
  7. L’integrazione delle diverse aree con interventi di coaching olistico e in profondità multilivello, sia di life coaching, che di business coaching, di health coaching o sports coaching

Per approfondimenti, vedi il libro “Il Potenziale Umano” edito da Franco Angeli, Milano, disponibile al seguente link https://amzn.to/3dXtLzi

Per essere aggiornati sull’uscita del volume “Deep Coaching” nelle principali librerie Italiane, edito da Franco Angeli, nel 2021, iscriversi alla rivista online gratuita dal seguente link http://eepurl.com/b727Pv

Parole chiave inerenti l’articolo e video sul Deep Coaching

  • coaching
  • deep coaching
  • coaching aziendale
  • modelli di coaching
  • coaching bioenergetico
  • coaching psicoenergetico
  • energie mentali
  • coaching delle competenze
  • coaching progettuale
  • coaching valoriale
  • mission coaching
  • visione coaching
  • coaching dei valori
  • coaching olistico
  • formazione per il coaching
  • modello HPM di coaching
  • modello HPM
  • coaching professionale
  • coaching sul lavoro
  • coaching manageriale
  • coaching in azienda
  • coaching imprenditori
  • coaching azienda
  • migliore metodo di coaching
  • migliore coach italiano
  • migliore coach in italia
  • migliore scuola di coaching in italia
  • video sul coaching
  • coaching video
  • video coaching
  • video coaching italiano

# #formazioneaziendale #formazione #coaching #benessere #crescitapersonale #danieletrevisani #metodoalm #metodohpm#metododeepcoaching #crescitaaziendale #video #videodidattica #deepcoaching #coachingaziendale #businesscoaching #lifecoachingtips #coachingolistico #lavoro #risorseumane #psicologia

Portare la libertà in azienda significa liberare l’enorme potenziale, gigantesco, oggi soffocato da ruoli ristretti, visioni miopi ed egoismi.

Questa è la rivoluzione aziendale che ci aspetta, nello spirito di Leonardo da Vinci, Italiano che ci ricorda cosa possiamo fare se solo usciamo dai ranghi culturali delle visioni del mondo di Paesi che non ci appartengono.

Le aziende oggi riescono a sfruttare si e no il 5-10% di quanto una persona potrebbe fare e generare, se solo non dovesse combattere contro incomunicabilità, meccanismi tribali, soffocatori di idee, uffici del Personale che non fanno vero Sviluppo Risorse Umane e Formazione ma si limitano a gestire l’ordinario.

Delle 6 libertà di cui parliamo  in questo video, certamente in azienda tutte contano, ma soprattutto la libertà progettuale, e la libertà data dall’allargamento della sfera di conoscenze anche ad altri campi fuori dalla visione ristretta della propria poltrona, ufficio, e reparto, per capire veramente l’azienda come sistema e il contesto dove opera come un universo da conoscere.

Serve uno scatto di orgoglio, e di qualità del pensiero. Qui un primo trailer, ne seguiranno altri.

Per chi vuole approfondire…

cpertina psicologia della libertà di daniele trevisani edizioni mediterranee roma