Category

Human Potential

Category

© Article by Dr. Daniele Trevisani – http://www.danieletrevisani.com – Copyright. Adapted from the book The Soul Box. Ancient Wisdom meets Human Potential Research. Thoughts for Self-Expression, Inner Energy and Life

human potential, freedom, courage, motivationprsonal energy

Searching deeply inside Latin Culture, we see a culture that inspired apparently opposite phenomenon as the pioneering scientific discoveries of Leonardo da Vinci or Galileo, as well as the Gladiators fights for life in the Coliseum and the unmatched fighting abilities of the Roman Army.

Despite the differences, it is easy to find a deeply rooted acceptance of “challenge” as noble goal, the fearless search for the unknown and the impossible, and “training” for improving personal strength, getting ready for life fights.

Per aspera ad astra!

Through difficulties to the stars!

(Latin Motto)

 

This habit that found a high expression in D’Annunzio (Italian Poet and Warrior) and his motto “Memento Audere SemperRemember to Always Dare).

The capacity to fight can bring to the ability to fight in life for your values and requires an alchemical transformation. This is a great opportunity which is denied to many, by “labels” that consider any combat or martial training something “violent”, forgetting that peace requires people of goodwill and mental energies willing to engage to achieve it. Anything can become violent, even playing a guitar, depending on the spirit that is used by the players. We need therefore to focus on the “spirit” and the “emotional side” of the game of life and how a good training can help us in an alchemical transformation.

Mental Coaching can help to explore how to get rid of negative emotions and discover the secrets that a good Mental State combined with Physical State can generate. These inner attitudes can produce higher compassion, relaxation, deep consciousness, removal from unnecessary aggressiveness, and ability to focus in battle and under stress.

You can accept a challenge only if you are mentally prepared for it. Emotional challenges and physical challenges are so great, that either you decide to make your life a constant laboratory of self-improvement, and prepare for it, or you give up. We are not among those who give up.

 

Qui audet adipiscitur

S/he who dares wins

 

In this world we have the opportunity to do a good journey, and leave a positive mark at the end of your trip. And that’s not all. The ancient Latin culture helps us to understand that we can generate our own journey, we are not forced to “absorb” what the destiny or our culture of origin has prepared for us.

But for every stretch of road, you need some form of energy.

So, we need to focus on the mental energy you need to make this journey, examine and find some secrets that lie within the ancient Latin culture, and combine old Latin wisdom with modern science. A great challenge!

Energies are everywhere. How can you let them grow in you? How can you measure it, how to understand at which level you are in a given moment? We must find ancient secrets and merge them with modern science to find and how to prepare for the battles and to regenerate ourselves.

We must find a way to go ahead despite the difficulties, and to exploit the opportunities which sometimes appear in front of us.

It is a battle without limits and without end. The only purpose is to improve oneself and the world.

Working out combining physical and mental training, forces the brain to reconfigure itself[1]. In Martial Arts and Combat Sports, some mental dynamics and emotional dynamics of the combat rituals produce a unique quest of reconfiguration, working on both the intangible self-image and the real body structure.

The creation-removal of synaptic connections is accelerated and directed towards different configurations, a different “archetype” that can go towards the “warrior”, the “magician”, the “alchemist”, and reduce archetypes of victimization and helplessness.

Becoming more powerful, more resistant and resilient is not only a matter of pride, it is a matter of what you can do with the energies you earned on the ring, on a “tatami”, or in the gym, and bring them in the ring of life, on the tatami of a family difficult moment, in a company during a meeting, and also to face the highest challenges of life: growing a family, making new discoveries, try to improve humanity. The more energy you will have, the more you will able to contribute to others, and to fight against your inner daemons.

Working on this endless dream helps us to rediscover the pride and reason to exist. Start working out today on a balance of what you received from the world and what you would like to leave to this world. It will inspire you for the rest of your life.

[1] Foster PP, (2015), Role of physical and mental training in brain network configuration, in: Frontier in Aging Neuroscience. 2015 Jun 23;7:117

_________

© Article by Dr. Daniele Trevisani – http://www.danieletrevisani.com – Copyright. Adapted from the book The Soul Box. Ancient Wisdom meets Human Potential Research. Thoughts for Self-Expression, Inner Energy and Life

Non esiste una sola forma di intelligenza    

miniatura-copertina-Self-PowerCopyright articolo estratto dal volume Self – power. Psicologia della motivazione e della performance, di Daniele Trevisani. Franco Angeli editore, Milano.

____________

L’intelligenza emotiva ci parla della capacità di “sentire” le emozioni altrui.

Non è da tutti avvicinarci emotivamente agli altri, e nemmeno capire i propri stati emotivi, nonostante ci vivano dentro.

È curioso come tutti chiedano agli altri di “capirli” mentre tutti si sforzano di rimanere chiusi nel proprio mondo e non farvi entrare nessuno.

 

Tutti vorrebbero un amico, ma nessuno prova ad esserlo.

Jim Morrison

 

Le emozioni sono da tempo al centro delle performance personali, manageriali e sportive.

Gli studi di Le Doux[1] evidenziano che gli stimoli esterni attivano le emozioni attraverso vari canali, ma soprattutto che le emozioni trovano vie per esprimersi anche se non vogliamo, al di la della nostra parte razionale.

Esistono scorciatoie primordiali attraverso cui gli stimoli bypassano la neocorteccia (la parte più culturale del cervello) e arrivano direttamente al “cervello rettile” e alla zona limbica, la parte del cervello più antica.

Cosa significa questo? Che gli stimoli legati allo svolgere performance possono avere valutazioni duplici e arrecare dissonanza.

Ad esempio possono essere valutati positivamente a livello razionale, intellettuale, analitico, ma trasmettere inconsapevolmente paura e produrre ansia attivando la parte più remota e antica del cervello.

Il volo d’aereo è un esempio di stimolo a duplice valenza: le statistiche dicono che è il mezzo di trasporto più sicuro, la ragione vorrebbe credere che sia così, ma la nostra parte animale ha paura di cadere.

Altre situazioni simili sono legate alle performance manageriali.

Parlare in pubblico o esporre un progetto davanti ad una vasta platea, razionalmente, non dovrebbe porre ansia, ma attiva in realtà gli stessi meccanismi di chi vedeva davanti a sé nell’antichità un’orda di nemici o predatori pronti a sbranarci: in questi casi si mettono in moto i meccanismi di attacco-fuga, il cuore sale nei battiti, la digestione si ferma, il corpo si fa pronto per combattere. Possono insorgere attacchi di panico che bloccano completamente, o stati di ansia che danneggiano la performance.

Sul fronte positivo, invece, attiviamo emozioni positive spesso verso mète o attività di cui non capiamo bene il senso, e tuttavia queste ci provocano piacere, un piacere non razionale e soprattutto viscerale. Luoghi amati, persone, paesaggi, stimoli, i quali ci “accendono” senza che capiamo bene perché.

Una buona performance richiede quindi nuove abilità psicologiche nel riconoscere le dinamiche emotive, attivarle, e gestirle, anche e soprattutto nei leader che devono ottenere e sviluppare risultati attraverso le persone.

Alcuni motivi per farlo sono collegati al concetto di intelligenze multiple (Gardner). Un progetto di active training attiva le intelligenze multiple.

Nel 1983, Howard Gardner in Frames of Mind: The Theory of Multiple Intelligences inserisce in letteratura il concetto delle intelligenze plurime o multiple, che includono – tra le altre – questioni fondamentali, come l’intelligenza interpersonale (capacità di relazionarsi, capire gli altri), e l’intelligenza intrapersonale (capacità di capire se stessi, entrare in contatto con i propri desideri, sentimenti, paure, stati d’animo).

Le intelligenze attivabili in ciascuno di noi secondo Gardner sono:

 

  • intelligenza logico-matematica: capacità di astrazione, pensiero logico, ragionamento, uso dei numeri, pensiero critico;
  • intelligenza linguistica: capacità nell’uso della parola e del linguaggio, leggere, scrivere, raccontare;
  • intelligenza visivospaziale: capacità di valutazione degli spazi e visualizzazione mentale;
  • intelligenza musicale e armonica: sensibilità per il suono, ritmo, toni e musica, per gli equilibri e le armonie;
  • intelligenza corporea-cinestesica: capacità di controllo del movimento, del corpo, della gestione di oggetti, dell’azione fisica;
  • intelligenza inter-personale: sensibilità agli stati d’animo, alle relazioni, alle interazioni umane:
  • intelligenza intra-personale: introspezione e auto-riflessione; comprensione dei propri punti di forza, debolezza, unicità, le proprie emozioni e sensazioni;
  • intelligenza naturalistica: interazione con l’ambiente, classificazione di oggetti e cose, ricettività ecologica;
  • intelligenza esistenziale: dimensione religiosa, spirituale, capacità di inserire se stessi e gli eventi in una cornice filosofica[2].

 

Arriviamo poi al concetto delle Intelligenze Fluide. La Fluid Intelligence[3] comprende il ragionare e risolvere nuovi problemi indipendentemente dalla conoscenza prima acquisita. I ricercatori studiano come i circuiti neurali si abituino – ma solo con allenamento e stimoli giusti – ad affrontare problemi nuovi, in una vita che cambia costantemente e sempre più in fretta.

La capacità di adottare una filosofia di vita migliore richiede il saper abbracciare non solo una dimensione, ma quante più possibile.

Un progetto di active learning consente di “chiamare all’opera” tutte le intelligenze di cui siamo dotati, mentre si apprende una specifica materia.

Attiva inoltre l’intelligenza emotiva, mentre l’apprendimento passivo la soffoca.

L’intelligenza emotiva è un concetto che entra con sempre maggior forza nella didattica. Sviluppato dagli studi di Leuner (1966), Greenspan (1989), Salovey e Mayer (1990), e popolarizzato da Goleman (1995), che sinceramente ne ha tratto tutti i benefici senza averne tutti i meriti.

Durante un progetto di apprendimento lo studente può sperimentare invidia, rivalità, gelosia, stress, tristezza, timidezza, ma anche gioia, apertura, responsabilità, piacere di un risultato, senso di appartenenza, motivazione.

Se riusciamo ad avvicinare lentamente lo studente allo sfondo emotivo positivo, e spostarlo dal fronte negativo dello stress e repulsione verso il sistema scolastico e lo studio, avremo compiuto un’operazione straordinaria.

Se non ci riusciamo, stiamo dando un contributo all’Alexitimia (Alessitimia, o Alexithymia) termine coniato da Peter Sifneos nel 1973 per descrivere lo stato di incapacità nel (1) comprendere, (2) elaborare e (3) descrivere, i propri stati emotivi.

Ogni tipo di performance ha componenti emotive e va analizzata caso per caso. Ad esempio – nel del parlare in pubblico – occorre apprendere a ricordare e segnalare alla parte antica del cervello che non siamo di fronte a nemici con la clava, e che dobbiamo riuscire ad attivare una “relazione d’aiuto” verso l’audience, attivare emozioni positive in questo tipo di attività. Dobbiamo saper attivare il piacere di condividere, di far capire alla platea un messaggio, trasmettere o donare quello che riteniamo utile e importante.

Un leader deve saper attivare le emozioni ancestrali collegate al lottare per o al lottare contro, sia essa una causa nobile, o invece un’ingiustizia.

Questi meccanismi, nonostante la maggiore conoscenza dei funzionamenti sottostanti, non sono per nulla facili e richiedono un allenamento specifico.

Molti blocchi inerenti le performance sono soprattutto blocchi psicologici.

Nuove competenze di “intelligenza emotiva” e “intelligenze fluide”, riguardano quindi la gestione delle emozioni che accompagnano, precedono e seguono le performance, per saper modificare i nostri meccanismi emotivi abituali, dominandoli e facendoli nostri alleati.

Queste abilità devono essere apprese per confrontarsi con i tratti della nostra psicologia individuale che possono bloccarci, l’ansia insita nella propria personalità (definita “ansia di tratto”), l’ansia situazionale generata da un evento specifico (“ansia di stato”), così come l’imparare ad assaporare pienamente le emozioni positive che una performance può offrire.

[1] LeDoux, J. (2003), Il cervello emotivo (alle origini delle emozioni), Baldini & Castoldi, Milano.

[2] Gardner, Howard (1983), Frames of Mind: The Theory of Multiple Intelligences, Basic Books, ISBN 0133306143

[3] Susanne M. Jaeggi, Martin Buschkuehl, John Jonides, and Walter J. Perrig (2008), Improving fluid intelligence with training on working memory, Proceedings of The National Academy of Sciences of the USA, vol. 105 no. 19

___

miniatura-copertina-Self-PowerCopyright articolo estratto dal volume Self – power. Psicologia della motivazione e della performance, di Daniele Trevisani. Franco Angeli editore, Milano.

© Article by Dr. Daniele Trevisani – http://www.danieletrevisani.com – Copyright. Adapted from the book The Soul Box. Ancient Wisdom meets Human Potential Research. Thoughts for Self-Expression, Inner Energy and Life

The holistic approach: taking care of human communication, soul and body

The Greek Aristotle was the first real communication scientist, much earlier than the opening of any Department of Communication or Psychology. In his treaty on “Rhetoric” he taught us that a persuasive message must contain:

  • ethos”, strong values, a call for ideals and sense of purpose,
  • logos”, a nice language structure, a nice organization, be well structured, and
  • pathos”, the ability to fire emotions and generate feelings.

aristotle ethos logos pathos

Modern research says he was right. We tend to judge a speech and the speaker against our own values, as Aristotle said, ethos is the effect of feeling in the message the presence of wisdom (phronesis), virtue (arete), and good will (eunoia);

There is now high consensus in the scientific community on the Power of Communication derived by emotions, with many of empirical findings:

“affectively valenced words show an advantage in processing with respect to neutral words, as revealed in word recognition tasks (e.g., lexical decision, Kousta et al., 2009; Kuperman et al., 2014), in naming tasks (Kuperman et al., 2014) or in memory tasks (e.g., Herbert et al., 2008; Talmi, 2013; Ferré et al., 2014), among others”. [1]

What does this all mean? It means that we have to learn the Power of Communication, the ability to motivate, to inspire, to share deep meanings, instead of swimming in a pool of banality and empty gossip.

Many phrases from the ancient world shade light, and we have to look for them where the Greco-Latin Culture left its seeds. But also in several modern thoughts found in the Anglo culture, at least on its best humanistic side, and for sure not in its materialistic side.

The power of some words and mottos is so great that they are still used today after 2000 and more years.

Mens sana in corpore sano

A healthy mind in a healthy body[2]

But there is more. Human Potential expression requires not only a good and healthy communication environment (ecology of communication), but a healthy mindset that keeps a positive psychology inside our soul, and a strong attention to our bodily machine, its nurture, its well-being, obtained via physical exercise, good nutrition, and a clear mind.
All the three aspects are intrinsically correlated.
In this Holistic view, wellness and performance depend on the degree to which we are able to set these conditions, despite what the environment presents us as “given state”.
To go beyond the “given state” and look for our Full Potential enables the expression of incredible performances and contributions to mankind, and this is our sacred mission.
Dr. Daniele Trevisani holistic model mind body relations

A healthy mind in a healthy body is not only an ancient motto.

It is a way of life that is ordinarily unpracticed from ordinary people, and managers in the companies, where the number of hours spent in the office becomes the benchmark, rather than the real intellectual contribution, the quality of your ideas and energies you generate in your working environment. Your real energetic contribution to your company is completely lost, confused with “hours spent inside”.

You even lose the ability to distinguish the people that are around you (coworkers, consultants, trainers, friends) in terms of the real energies the can provide and bring and you start measuring sick parameters, things as age or career level or the car they have or where they live. Well, let me tell, you, Albert Einstein – in this evaluation system – would have never come out of his desk as clerk, since he was not in the academia and was not a well-paid, well dressed manager with a fancy car. But his ideas changed the world.

So, where do you want to be? On the side of the material or on the side of the immaterial world? Or in a good balance between them, and if so, where?

Are you able to spot people with great ideas? How do you measure them?

Latins believed that since we are born we are fully involved in a journey. We run, whether we like it or not. We stop, whether we like or not the stopping areas and landscapes we encounter. And in this world we need to feed our soul and our body with positive energies.

Spa as modern structures where originated by the Romans and made free for all the “citizens” in Rome. A Spa is a location where mineral-rich spring water is used to give medicinal baths. Spa towns or spa resorts (including hot springs resorts) typically offer various health treatments. The belief in the curative powers of mineral waters goes back to prehistoric times. Such practices have been popular worldwide, but our culture is so spiritually poor that – despite the Roman habit of having them free and used for meeting, socialization and conversation places – now it has become an elite costly service and not a public service. This is just one of the thousands of “ways of living” that we can and must recuperate.

_____

© Article by Dr. Daniele Trevisani – http://www.danieletrevisani.com – Copyright. Adapted from the book The Soul Box. Ancient Wisdom meets Human Potential Research. Thoughts for Self-Expression, Inner Energy and Life

________

[1] Pilar Ferré, David Ventura, Montserrat Comesañ, and Isabel Fraga (2015), The role of emotionality in the acquisition of new concrete and abstract words. Frontiers in Psychology, 2015 Jul 2;10(7).

[2] This Latin phrase – as many more that we will not examine – has been adopted widely, showing how deeply Latin Culture pervaded European and US culture. The following list shows some examples:

(list source http://www.thefullwiki.org/Mens_sana_in_corpore_sano) :

  • The phrase was a favorite of American President Harry S. Truman.
  • Riverside Military Academy in Gainesville, Georgia uses the phrase as its motto.
  • Hargrave Military Academy in Chatham, Virginia uses the phrase as its motto.
  • S.C. Anderlecht uses the phrase as its motto.
  • Teacher’s College of Columbia University has this phrase engraved on its Horace Mann hall, on 120th street in New York City.
  • Motto of the Turners Organization American Turners and their local organizations like the Los Angeles Turners. The Turners promoted gymnastics and introduced PE to schools in America
  • ASICS, company name derived from the phrase.
  • Carlton Football Club uses the phrase as its motto.
  • Army Physical Training Corps (APTC) uses the phrase as its motto.
  • Asociacion Atletica Argentinos Juniors, uses the phrase as its motto.
  • The Israeli Institute of Technology athletics teams use the phrase as their motto.
  • It is the motto of Grant Medical College and Sir J.J. Hospital, Mumbai
  • PERI (Physical Education & Recreation Instructors), which is part of the Canadian Military use this as their motto
  • Widener University and the State University at of New York at Buffalo use the phrase as their motto.
  • The phrase appears in stone on the western facade of the HPER (School of Health, Physical Education and Recreation) at Indiana University in Bloomington, Indiana.
  • It is the motto of Dhaka Physical Education College in Dhaka, Bangladesh.
  • It is the motto of Sparta High School in Sparta, New Jersey.
  • It is the motto of Roger Bacon High School, St. Bernard, Ohio
  • John Locke (1632-1704) uses the phrase in his book ‘Some thoughts concerning education’.
  • Is the motto for Bjelke-Petersen School of Physical Culture, Australia.
  • Mens Sana Basket, a prominent Italian basketball club.
  • Motto of Beale Gaelic Football Club from County Kerry.
  • Used in the film Agantuk by Satyajit Ray.
  • Is the motto of Bridgewater Junior Senior High School in Bridgewater, Nova Scotia.

 

 

Leadership in practice71

© Article by Dr. Daniele Trevisani – http://www.danieletrevisani.com – Copyright. Adapted from the book The Soul Box. Ancient Wisdom meets Human Potential Research. Thoughts for Self-Expression, Inner Energy and Life

____

The reality between what you see inside companies is very different from what has been tought to you. Nice ties and dirty mindis, expensive clothes dressing miserable souls, are the average truth you find inside most leaders in most organizations.

We too often seen companies leaded by arrogant people, without values, without ideals, idiots who would sell their mother just to get ahead in the hierarchy, to escalate the pyramid of the company or society. Put in front of them a choice between a mildly lower compensation, and a compensation increase of 20% in the next term, requiring a solution that will endanger people of a remote country, or within their country, the second generation after them, and you will see. Sometimes they even do things that might endanger their first generation’s future in 20 years, even their sons, but they do not care.

The 7 Generations principle seems not to apply to them. The “Great Law” of the Iroquois states that it is appropriate to think seven generations ahead (about 140 years into the future) and decide whether the decisions we make today would benefit our children seven generations into the future.

Ancient wisdom seems lost in face of a trimester data, a quarterly revenue, or a dental care insurance, or the possibility of having a larger pool in the penthouse.

These are not our reference points. Really, they are not. They are not “a career”, but an illness.

Isn’t there anything else or different? Well. There is!

A very ancient world, a world that seems lost, holds this secret. The Greek-Latin World is a “time window” in mankind history, a space that gave birth to places like the Library of Alexandria, where the best thinkers met and lived their life as a community of enlightened individuals,

Their passion: to shared ideas and advanced knowledge both in science and self-consciousness.

The flow of personal energy and human research is a way of life and not something you can “buy and get done” in a weekend. The search of soul and advancement, the “sacred fire” of human research, are still breathing. All we need to do is to take the spirit of Alexandria, Athens, Sparta, and Rome, and bring it alive, breathe with it and feed our souls in our very own lives.

A spirit that brought to mankind concepts of freedom. A spirit that had the noble purpose of having people to join and share, rather than only fight and battle against each other.

Communitate valemus

(Latin for “Together we are Strong”)

What could the human race achieve if it embraced the motto “Together we are Strong”?

The search for the soul and the best of human energies has no place and no time. There is not a fixed place in history or in a single geographical point. This spirit is an entity, an “Egregore”, a positive Egregore, an energetic entity of human power. It appears and disappears from time to time as a precious flower. It is a flower that we want to let grow in our inner garden, now, and forever. A leader is one who seeks constantly to implant “positive egregores” within his/her group or community.

Let this way of being be a part of our lives.

Egregore[1] (also egregor) is an occult concept representing a “collective state of mind” or “collective consciousness”, an autonomous psychic entity made up of, and influencing, thoughts of a group of people. In this perspective, I think it applies perfectly to the concept of “Group Thinking”, “Group Atmospherics”, “Group Moods”, “Group Feelings” that are the Center of Gravity of any Group Performance.

Positive Egregore do exist (e.g. the search for Human Potential) and we must feed them against negative Egregore (e.g. cultural arrogance, religious movements that oppress free thinking, “memes” that propagate wrong “missions” and sick communication styles in organizations).

A real leader is one who is able to bring “positive egregores” inside his team, passion, real values, real help, real sense of mission, real closeness, and eats the same shit that the others eat or the same cakes the others eat, feeling that he/she is not above the group but in the group. But these leaders are by far less numerous than those who bring inside their team thinking styles pervaded by “burocracy for burocracy”, closure to different experiences, narrow-mindedness, lack of time-perspective, and wrap up all this with a packaging made of “distance” and fake superiority.

Positive search is a way of thinking and being. The same way of being that gave birth to concepts as “Democracy” in Greece, the creativity of Leonardo da Vinci in Italy, the Genius of Archimedes in Sicily, and tangible buildings that are still unmatched as the Pyramids in Egypt.

What enabled this level of human advancement? And how far could we go if we could reach again that level of sensibility, both as a species, but also and especially in our very own personal lives? We can start here, now, and let this river flow forever in our lives.

[1] The first author to adapt “Egregore” in a modern language seems to be the French poet Victor Hugo, in La Légende des Siècles (“The Legend of the Ages”), First Series, 1859. The word is the normal form that the Greek word ἑγρήγορος (Watcher) would take in French. This was the term used in the Book of Enoch for great angel-like spirits. Source: Wikipedia online

—-

© Article by Dr. Daniele Trevisani – http://www.danieletrevisani.com – Copyright. Adapted from the book The Soul Box. Ancient Wisdom meets Human Potential Research. Thoughts for Self-Expression, Inner Energy and Life

1329649678_long_road_w1[1]1329062694_bluespaceplanets_3726781329649134_japanesegraffiti_181439[1]

Being a Fulbrighter means more than being a gifted researcher. It means to look for ways to improve Humanity, Learning, Development, and Human Potential in Science, in Sports, in Arts, in any field of Human Expression.

Some thoughts from the book “The Soul Box”

Author of the article: Dr. Daniele Trevisani, Fulbright Scholar www.danieletrevisani.com

_______

From lost ancient wisdom to a new wave of human energies

You live of your energies. Without mental energies, you are dead

in your body. A free soul, instead, can shine immortal.

Daniele Trevisani

 Personal energy is what moves us, what nourishes us, especially when faced by the highest life challenges. As such, it is not only necessary, it is vital.

Are you sure of having your best mental energies at your complete disposal, whenever you want? Are you sure that you are contributing to something really important, something that can improve the world for real, no matter how little you can do in your lifespan? Do you think that this level of energies and awareness can or cannot be increased?

If these questions are not easy to answer, if you hear some “inner feelings” that tell you that these questions are important, let’s go ahead.

When we look at the traditional literature on Personal Growth and Human Potential, we mainly find “fast & easy” cures, approaches that promise happiness, success, money, becoming persuasive, admired, anything, in a miraculous way, as something you can “buy”. Believe me, it’s a fake promise.

The truth about any human achievement is based firmly only on inner advancements in awareness and knowledge, in exercise and training.

And not only “usual” training, but also and especially mental training, new approaches, varied approaches, generating unexpected situations, the ability of “dealing with the unexpected”, to produce open minds and people ready to face any type of threat, increase perception, take advantage and sense opportunities when they arise, and even generate positive conditions for them and others.

Only continuous daily work on the self and the body can generate and sustain real and lasting results. And the real result is not what movies, ads and commercial programs tell you. It is something intangible that has to do with becoming a free soul. A free soul knows and distinguishes real results from fake targets, and this is one of our main goals.

 Temet nosce! (Variation: Nosce te ipsum!)

Know thyself, or know yourself

 This phrase is visible above the Oracle’s doorway in The Matrix movie.

Its origins go way back to Greek and ancient culture. The Ancient Greek aphorism “know thyself” was inscribed in the entrance of the Temple of Apollo at Delphi.

This phrase means something deeper than knowing obvious things as our name, or residence, or weigh and height, it means to understand how we make our judgments, how we reason, how we choose, how we decide what is to achieve and what is not worth our energies.

It means the ability to look inside our mind and decide how to clean the mess and refresh it with new fresh air, liberating our soul.

1.1. What is a “result” for you?

The very concept of “results” needs to be redefined. If you live in a society that tells you that you are a loser if you are not a superman, remember that this sick and ill message is wrong. Ancient wisdom knew it.

Impossibilium nulla obligatio est

There is no obligation to do the impossible

You should try to achieve your goals, for sure, but what if those goals are fake goals that someone did put in front of you to let you lose focus?

The first thing you have to do is to throw away most of what has been presented to you as a “result” from your surrounding society, and substitute it with something that is more pure, more genuine.

Which are the parameters you use to evaluate what is a real result and distinguish it from a fake result?

Among what you conceive as “results”, are you sure that everything in your mind is really yours? And what if we could find beliefs that you were forced to incorporate when you had not enough mental counter power to analyze what you were mentally fed with?

So, how does it feel whenever you are able to detect and eradicate a fake concept from your mental state? Better. Lighter. More “radicated” and stronger, a process that in Bioenergetic Analysis is called “grounding”.

The ability of “focusing” is a really new tool to achieve, as much and as fast as possible. Focusing, also with some help from an illuminated guide (coach, counselor, mentor, trainer), can drive you to perceive better and distinguish fake results from real results, fake targets from real targets.

  • Is it a result to work more and more hours a day?
  • Is it a result to stay in line for transportation or sit in a car for hours?
  • Is it a result to have no energies left for taking care of your body?
  • Is it a result to forget about the real needs of your soul?
  • Is it a result to have less and less time for your loved ones?
  • Is it a result to be caged within a mental agenda that is conceived to set you in strict boundaries, concepts that are rarely deeper than the wish to buy the newest phone?

Aren’t you sick of feeling fooled by a system that is meant for you to be a part of the produce-consume-die cycle? A system that measures what car or house you have instead of looking at the depth of your thoughts and feelings?

Why are people who work so unhappy on Monday morning when going to work? Why are idiots, hypocrites, cowards or arrogant, in top-paid management positions, and why do you seek for their approval? How did you come to the point of considering them “arrived”? Arrived where?

A company should and must be a place where people with some common values meet to achieve something great and useful for humanity. A group of people united in a purpose, in a vision, in a value.

Unanimi cum ratione

United in Purpose[1]

I personally think that a Fulbrighter should look for other Fulbrighters in order to share a holistic view and perspective on which contributions are most needed now in the world. And than, look for way to share views, and contribute, not only within our narrowest research fields, but with a unified view of what is most needed to improve our World and Humanity.

Is there any other way to give honour to the talent and the effort that brought us to become Fulbrighters?

_____

[1] This motto is adopted widely, both in organizations and social groups. See on example the Canadian Joint Operations Command, http://www.cmp-cpm.forces.gc.ca/dhh-dhp/his/ol-lo/vol-tom-4/449-mts-eng.asp, and the online community of Star Trek gamers http://www.starfleettaskforce1.com/

____

Author of the article: Dr. Daniele Trevisani, Fulbright Scholar www.danieletrevisani.com

  1. “Recognizing emotions in self and others”
  2. “Regulating and managing strong emotions (positive and negative)”
  3. “Recognizing strengths and areas of need”
  4. “Listening and communicating accurately and clearly”
  5. “Taking others’ perspectives and sensing their emotions”
  6. “Respecting others and self and appreciating differences”
  7. “Identifying problems correctly”
  8. “Setting positive and realistic goals”
  9. “Problem solving, decision making, and planning”
  10. “Approaching others and building positive relationships”
  11. “Resisting negative peer pressure”
  12. “Cooperating, negotiating, and managing conflict nonviolently”
  13. “Working effectively in groups”
  14. “Help-seeking and help-giving”
  15. “Showing ethical and social responsibility” [3]

Personal Energy & Self Power

Corso di Crescita Personale e Sviluppo delle proprie Potenzialità – Master Esperienziale in Psicologia Positiva

Percorso di incontri, 1 weekend al mese da fine ottobre, per lavorare su se stessi in un clima positivo e con il supporto di Coach altamente qualificati.

lorenzo in aula2013-09-01-2472daniele-massacarrara-conferenza-stati-umorali

  • scoprire le potenzialità personali, individuali, espresse ed inespresse
  • psicologia positiva e psicologia umanistica: scoprire il potenziale umano, il proprio potenziale personale, i nostri talenti, e lavorarvi concretamente
  • riconoscere e intervenire sui momenti di bassa energia personale (cali fisici, tristezza, malinconia, difficoltà a relazionarsi, senso di scarsità delle proprie competenze, “portare maschere”, difficoltà a chiedere, considerarsi non all’altezza, non credere più a niente, far fatica a portare avanti progetti o costruirli)
  • generare attivamente stati di alta energie personale e risultati (ottimismo concreto, serenità interiore, soddisfazione, scioltezza nel relazionarsi, autenticità, assertività, identificare chiaramente obiettivi, credere e costruire il futuro)
  • fare esperienze concrete di crescita personale, per conoscere se stessi e sentirsi più efficaci
  • migliorare le proprie capacità di comunicazione, sul piano umano e professionale
  • comunicazione assertiva ed efficace, relazionarsi e negoziare con modalità migliori
  • raggiungere focalizzare i propri obiettivi, micro e macro, quotidiani e di medio e lungo termine
  • quando il concetto di “cambiare vita” diventa fatto reale e possibile: favorire i cambiamenti nello stile di pensiero e i cambiamenti nello stile di comportamento che portano verso una maggiore gratificazione
  • autostima, conoscere e lavorare sui fattori che la producono o la depotenziano
  • psicosomatica e benessere del corpo
  • bioenergetica ed esercizi per la salute fisica e mentale come aree integrate
  • conoscere la mente tramite le neuroscienze e capire alcuni dei meccanismi che ci controllano, per diventarne consapevoli e imparare a gestirli
  • le emozioni: la psicologia delle emozioni, la capacità di riconoscerle, comunicarle e viverle
  • la personalità, scoprire il proprio “archetipo” dominante, gli archetipi alternativi, i modi con cui l’immagine di noi stessi influenza la nostra stessa vita
  • il training mentale per sviluppare e rafforzare l’immagine di sè e i propri piani d’azione

master 2013-05-25-1929potenziale-umano-coachingMetodo didattico attivo. La modalità con cui vengono condotti gli incontri è soprattutto esperienziale, concreta, basata soprattutto su esercitazioni pratiche che aiutano a fare propri i concetti e non solo ad “ascoltarli”.

Chi può partecipare? Chiunque sia intenzionato a fare proprio un viaggio di scoperta delle proprie capacità e potenzialità, sperimentare nuovi modi di comunicare, vivere ed esplorare stili di pensiero più produttivi, e aumentare le proprie energie personali.

I partecipanti provengono dal mondo delle professioni, sportivi, allenatori, coach e trainer, manager o imprenditori, studenti, e chiunque sente che nella via del proprio percorso sia importante trovare compagni di avventura e di viaggio, confrontarsi con “Maestri” e coach, sviluppare conoscenze nuove, trovare soluzioni, attivarsi concretamente per conquistare i propri sogni e obiettivi. Il percorso si rivolge quindi a persone che cercano un ambiente ottimale per apprendere meglio i meccanismi di funzionamento della mente, della psicologia, della comunicazione, e fissare traguardi piccoli o grandi, trovare metodi e confronti utili per avvicinarsi alle proprie potenzialità e coltivarle ogni giorno, con il supporto di un team di 4 coach Senior altamente qualificati.

Seminari speciali a tema

Durante il percorso è possibile partecipare a diversi seminari speciali e “Master Lecture“, lezioni che focalizzano un argomento specifico, sul quale in seguito vengono svolte esercitazioni e letture con materiale forniti in pdf, da leggere non obbligatoriamente ma come arricchimento personale, tra una sessione e l’altra del Master.

I seminari sono condotti con uno stile pratico, comprensibile, non accademico, e coinvolgente, per far capire veramente alle persone come funzionano alcuni meccanismi che quasi sempre nella vita ci sfuggono. Meccanismi che se invece capiti, permettono di raggiungere risultati professionali e di vita assolutamente superiori a quelli che si ottengono senza conoscenze adeguate.

Allo stesso tempo, i seminari hanno una impostazione imprescindibile: serietà e scientificità, non illustrano teorie non provate o semplici congetture, ma portano a livello pratico e applicabile il meglio di quanto scoperto dalla scienza sulle aree della crescita personale, comunicazione, psicologia positiva, stili di vita e di pensiero e come intervenirvi. La presenza di improvvisatori, in questo campo, è anche già troppa.

Nel percorso 2013-2014 i seminari riguardano:

Psicologia Psicosomatica

Come la mente agisce sul corpo. Quando il corpo si ammala. La salute fisica connessa alla ricerca dello stato mentale ottimale. Le leggi del sonno, del recupero e della rigenerazione fisica e mentale. Alimentazione e psicosomatica. Respirazione, stili di respirazione e lavoro pratico sulla respirazione. Gli stati del sistema nervoso (simpatico e parasimpatico): come riconoscere i segnali di attivazione e intervenire precocemente per riallineare mente e corpo ai nostri desideri e stati ottimali. Potenziare le capacità di attivazione, di rilassamento, di concentrazione.

Bioenergetica applicata

Il principio carica-scarica. Il lavoro di Alexander Lowen e le moderne innovazioni che derivano dalle contaminazioni olistiche con ginnastica, psicologia, arti marziali, neuroscienze. La connessione tra bioenergetica e ginnastica tradizionale. La connessione bioenergetica arti-marziali. Esercizi pratici di Neo-Bioenergetica applicata. Potenziare il corpo per potenziare la mente. La Systematic Self-Observation (SSO), osservazione sistematica del nostro stato di energie, applicare il Monitor Interiore al proprio stato fisico e mentale.

Comunicazione e Persuasione

Il modello Shannon-Weaver e l’esame dei fattori della comunicazione persuasiva. Le Dissonanze. Il modello Tensione-Impulso-Movente-Azione. l modello del Comportamento Pianificato e la modifica delle mappe mentali. Il T-Chart: comprendere la psicologia del tempo per fare leve persuasive efficaci. La comunicazione persuasiva applicata tramite esercizi di ascolto e domande. Esercizi di comunicazione potenziata con tecniche retoriche, di visualizzazione e immaginazione guidata.

La Comunicazione Assertiva

Cosa vogliamo, cosa non vogliamo. Identificare gli scostamenti tra come siamo e come vorremmo essere. distonie tra identità e immagine. “Tutto parte dalle Energie“: come le Energie condizionano la nostra capacità di comunicare. Imparare ad esprimere i propri bisogni ed esigenze. identificare credenze negative su di sè e sbloccarle. Imparare a dire No di fronte a richieste che distruggono le proprie energie. Imparare a dire Si di fronte alle opportunità. Dare e ottenere quello che si desidera nelle relazioni evitando soprusi e aggressività.

La Leadership

I meccanismi di leadership nel dirigere un gruppo. Dare obiettivi. Verificare risultati, comportamenti, atteggiamenti. Verificare il proprio stile di leadership. Leading by Principles & Leading by Example. La condivisione dei principi. Il lavoro sulla Memetica del gruppo e sugli stili di pensiero del gruppo. La valorizzazione dei Potenziali Personali e del Potenziale del Team. La comunicazione nel team: come comunica un team ad Alte Prestazioni. I Bilanci di competenze, i bilanci dei risultati, i climi emotivi.

La comunicazione non verbale e i segreti del Body Language

Quando il corpo contraddice le parole. Riconosce le bugie e le dissonanze. Il sistema cinesico e le distanze personali. Il sistema aptico e tattile. La prossemica e gli stili di comportamento non verbale. Le posture. Le sinestesie e congruenze verbali e non verbali. I movimenti del volto e il Facial Action Coding System. I movimenti del corpo. L’espressività corporea.

Comunicazione efficace vs. incomunicabilità

Quando la comunicazione è efficace e quando si genera incomunicabilità i segnali dell’incomunicabilità. Il modello delle 4 distanze (4 Distances Model, Trevisani) per riconoscere i 4 strati dell’incomunicabilità. Il lavoro sui ruoli. il lavoro sui codici comunicativi. Il lavoro sul Common Ground valoriale e la visione del mondo. Il lavoro per creare esperienze condivise e condivisione.

La Psicologia degli Archetipi

Riconoscere il nostro Archetipo dominante. I modelli che ci guidano e ci ispirano. Esame di video e role-playing per imparare a riconoscere gli Archetipi dai comportamenti. Il lavoro di connessione tra Archetipi e Obiettivi Personali. La ristrutturazione dei propri Archetipi e il viaggio di Crescita Personale. Esame di personaggi filmici e vide-spezzoni per potenziare le capacità di riconoscimento. Esercitazioni di sblocco personale.

Per iniziare a conoscere le metodologie applicate nel Master, è possibile consultare i seguenti volumi (specifiche dispense vengono fornite ai partecipanti in ciascun modulo)

Per l’area di sviluppo personale:

Regie di CambiamentoApprocci integrati alle risorse umane, allo sviluppo personale e organizzativo, e al coaching. Franco Angeli editore, Milano, 2007. (240 pag.) Il Potenziale UmanoMetodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performanceFranco Angeli editore, Milano, 2009. (240 pag.) Personal EnergyUna mappa per potenziare le Energie MentaliFranco Angeli editore, Milano, 2013. (100 pag.)

Scheda su IBS

Scheda su IBS

Scheda su IBS

Per l’area di sviluppo professionale

Competitività aziendale, personale, organizzativaStrumenti di sviluppo e creazione del valore. Franco Angeli editore, Milano, 2000. (224 pag.) Psicologia di Marketing e ComunicazionePulsioni d’acquisto, leve persuasive, nuove strategie di comunicazione e management. Franco Angeli, Milano, 2001. (256 pag.) Best Seller. Negoziazione InterculturaleComunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali. Franco Angeli editore, Milano, 2005. (172 pag.)

Scheda su IBS

Scheda su IBS

Scheda su IBS

Staff Docente

Lo staff docente è selezionato in base ad una scelta rigorosa che lo differenzia da molte altre proposte di formazione e scuole di coaching:

si avvale unicamente di docenti Senior con 25 anni di esperienza di ricerca e didattica, che devono possedere  – ciascuno – esperienza diretta nel campo, Laurea  e specializzazioni – con comprovate esperienze lavorative, scientifiche e di ricerca. L’attuale panorama di scuole di ogni tipo composte da personaggi dalle poche conoscenze scientifiche, per non parlare di sette e manipolatori, ha richiesto questa scelta di fondo rigorosa a tutela dei partecipanti stessi.

Lo staff del percorso 2013-2014 vede la presenza di:

Dott. Lorenzo Manfredini -Psicologo – Psicoterapeuta – Supervisor di Counseling – Giornalista. Con 2 lauree all’attivo (Pedagogia e Scienze Motorie-Isef) e 40 anni di esperienza sul campo, è precursore in Italia delle metodologie di Dinamica Mentale già dagli anni pionieristici in cui esse sono emerse, è Direttore di Scuole di Counseling, e formatore pioniere da cui hanno attinto molti attuali protagonisti del mondo del coaching e della formazione in Italia. Coach di Campioni Mondiali in discipline quali apnea, volo a vela e sport estremi. Si occupa attivamente di Psicoterapia ad indirizzo Corporeo e Psicologia Umanistica, sia come pratica personale in qualità di psicologo psicoterapeuta, che cooperando con istituti di ricerca scieentifica e ricercatori internazionali.

Dott. Daniele Trevisani – Consulente, Formatore, Coach, Scrittore, Ricercatore Indipendente. Scrittore di 9 libri editi da Franco Angeli, autore di Bestseller quali “Potenziale Umano” e “Personal Energy”. Vincitore del premio Fulbright (Governo USA) come miglior ricercatore italiano nelle scienze della Comunicazione e Fattore Umano già dal 1990, è inoltre coach di atleti di livello mondiale inclusi 5 Campioni Mondiali e Intercontinentali in Kickboxing, Boxe e Arti Marziali. Ha operato come consulente e formatore per oltre 200 imprese nazionali e internazionali, incluse le Nazioni Unite e la Nato, e oltre 10 diversi Master. Opera come formatore e coach internazionale per Frost & Sullivan (Londra), Commax Consulting (Monaco di Baviera), Akvilon (Kiev) su progetti formativi complessi e piani di coaching manageriali e sportivi internazionali.

Cr. Armando Lombardi. Formatore per la Nazionale Italiana di Apnea e Campioni Mondiali. Counselor Sportivo – Trainer e Supervisor. Docente di Counseling a Orientamento Corporeo Naturopatico, già Docente a Contratto presso Scuola dello Sport del CONI Centro Olimpico Acquacetosa Roma e Coordinatore Attività Area Psicologica Nazionali Azzurre di Apnea. Trainer di Mental Coaching in Stage con componenti della Nazionale Azzurre di tiro con l’Arco Istintivo; Mental Coach di Atleti Nazionali del Nuoto di GranFondo e con Atleti di Endurance.

Prof. Angelo Gemignani. Neuroscienziato, psicofisiologo dell’Università di Pisa, del Centro Extreme della Scuola superiore Sant’Anna e ricercatore dell’Istituto di fisiologia clinica del Cnr. Opera negli studi inerenti lo stress su settori di confine quali l’esplorazione spaziale, i funzionamenti della mente e le neuroscienze applicate alle performance umane.

La scuola del Master Step è accreditata da Sicool (Società Italiana Counselor e Operatore Olistico) e – per chi in seguito desidera proseguire la propria formazione – le ore formative sono inoltre valide come crediti formativi per il conseguimento dei diplomi previsti dalla Legge 2013 (Operatore Olistico e Counselor).

Iscrizione e date

Date del 2013

  • 26/27 Ottobre
  • 23/24 Novembre
  • 21/22 Dicembre

Date del 2014

  • 25/26 Gennaio
  • 22/23 Febbraio
  • 29/30 Marzo

Costo del’investimento formativo per l’intero ciclo 2013-2014

€ 1.500 più Iva

Dove si tiene il Master (nella foto, una delle 3 piscine dell’hotel)

piscina-esterna-hotelGli incontri si tengono in uno splendido Hotel 4 stelle termale, convenzionato a costi assolutamente scontati per i pertecipanti del Master (59 euro per notte) a Montegrotto Terme (provincia di Padova, servito da comoda stazione ferroviaria sulla linea Bologna-Venezia). Questa struttura offre la pecualirità unica in Italia di realizzare esercizi di coaching speciali, sulle emozioni e sulla bioenergetica in ambienti acquatici, e specificamente in acque termali, sotto la guida di trainer esperti in attività acquatiche (Scuola Nazionale di Apnea) per esplorare dinamiche di respirazione, rilassamento, controllo emotivo e corporeo. Le attività in acque termali non sono obbligatorie ma sempre estremamente gradite e fonte di gratificazione in quanto generano un forte benessere psicofisico.

Modalità di iscrizione

Chi è interessato a ricevere maggiori informazioni può compilare questo form per poi proseguire con un contatto telefonico e un colloquio preliminare e conoscitivo.

Modalità di iscrizione: chi è interessato a ricevere maggiori informazioni può compilare questo form per poi proseguire con un contatto telefonico e un colloquio preliminare.
[contact-form subject='[Studiotrevisani%26#039;s Weblog’][contact-field label=’Nome e Cognome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’Email’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Cellulare’ type=’text’ required=’1’/][contact-field label=’Richiesta o informazioni’ type=’textarea’ required=’1’/][/contact-form]
In alternativa, è possibile scrivere direttamente al dott. Daniele Trevisani nell’indirizzo visibile al sito www.studiotrevisani.it – sarà nostra cura rispondere al più presto.

Capsule spaziotemporali, frames, sensation windows

Di Daniele Trevisani (www.danieletrevisani.com ) – Coach Senior esperto in Potenziale Umano e Formazione Manageriale e Sportiva

© Articolo elaborato dall’autore, con modifiche, dal volume “Il Potenziale Umano” di Daniele Trevisani, Franco Angeli editore, Milano. Approfondimenti del volume originario sono disponibili anche al link www.studiotrevisani.it

Moltissimi atleti combattenti, professionisti o manager, arrivano ad un punto oltre il quale non riescono più a progredire. Portarli oltre questo punto è il mio lavoro. Per farlo, serve una “mappa” esatta di dove lavorare, di come operare sul funzionamento equilibrato del sistema-corpo mente, e identificare dove sono gli spazi di crescita ulteriori. Spesso questi spazi sono assolutamente nascosti e le “pepite” di crescita ulteriore si trovano solo scavando e cercando in luoghi dove non si era mai nemmeno pensato di cercare.

Ad esempio, nel training mentale è possibile “uccidere” i processi mentali negativi che distolgono un atleta dal piacere di una gara, costruire schemi motori con la sola visualizzazione, e imparare ad applicarli come per magia durante l’azione. Sembra facile da dire, ma descrivere tutte le fasi necessarie è davvero difficile. Solo provandolo su se stessi si può capire quanto ci sia ancora da scoprire dentro di noi.

Per accrescere il proprio potenziale bisogna apprendere nuove abilità, e si tratta spesso di abilità sottili, sfuggenti, impalpabili. Se riesco a costruire uno spirito di ricerca, ogni allenamento ci aiuta a cogliere una sfumatura nuova. Anche se dovessimo ripetere 1000 volte lo stesso gesto, alla 999° volta potremmo ancora imparare qualcosa. Ogni gara può essere un’occasione per allenare la mente a funzionare in modo diverso.

Questo ragionamento, di per sé, genera il valore intrinseco di ogni singolo allenamento e in ogni gara.

Ma c’è qualcosa di più. Non possiamo veramente fermarci qui. Se c’è qualcosa che vale la pena di apprezzare nelle Arti Marziali e (per pochi veri Maestri, negli sport di combattimento), è la sacralità dell’allenamento stesso, e la sacralità della gara come momento magico.

Spesso si tende a pensare all’allenamento come qualcosa che debba “produrre” (un “output” materiale, tangibile), si pensa ad altro e non all’esperienza in sé. Spostare il focus dal quello che si “ottiene” al valore del “vivere” un allenamento è compito essenziale di un Maestro vero. Anche nelle gare, l’ansia di vincere porta le persone a “occupare” la mente e non lascia spazio al gusto della gara come piacere intrinseco.

Una gara è una “capsula spaziotemporale” speciale.

Imparare ad apprezzare le “capsule spaziotemporali” è una delle aree di apprendimento del metodo HPM (Human Potential Modeling[1] – vedi https://www.studiotrevisani.it/hpm2 per approfondimenti), centrale sia nei piani di crescita personale, che nello sviluppo delle prestazioni.

Una capsula spaziotemporale è un segmento del tempo e dello spazio dotato di significato proprio. Può trattarsi di pochi minuti di un incontro, o del segmento di tempo di un allenamento, o di un qualsiasi brano di vita. La vita è piena di stupende “capsule” non viste.

In una capsula o frame (finestra, brano di esistenza) possono trovarsi esperienze meditative o fisiche, riflessive, o invece molto attive e dinamiche, valori e significati, da vivere soli o in compagnia.

I sensation seekers (cercatori di sensazioni) sono alla continua ricerca di capsule spaziotemporali positive e ne traggono energie.

Gli atleti sensation seekers amano lo scontro fisico, la scoperta, il gusto dell’azione, non sono mossi solo dal risultato finale. Ringraziano l’avversario per dargli la possibilità di mettersi in azione, non lo odiano assolutamente, perché senza di lui non potrebbero provare queste sensazioni.

Gli atleti mossi solo dalla voglia di vincere vedono l’avversario come un ostacolo, non una risorsa. Vedono la gara come un momento da superare, non da gustare.

Come vivi le cose? A seconda di come le vivi, la vita cambia. La matematica non è opinione.

Se vivi 2 momenti positivi la mattina, 1 al pomeriggio, e 1 alla sera, avrai avuto 4 momenti positivi nella giornata, al di là del loro contenuto. Se questo si ripete per almeno 5 o 6 giorni, avrai una settimana in cui prevalgono sensazioni positive. Se invece nella giornata hai avuto 1 evento negativo la mattina, 1 il pomeriggio, il vuoto esistenziale la sera, e nessun momento positivo di ricarica, avremo una sequenza di giornate che scaricano.

Alla fine della settimana, del mese, dell’anno, e della vita, saremo sempre più scarichi e rintanati in un guscio sempre più stretto. Al punto di non aver nemmeno più la voglia di guardare fuori, o peggio, la forza di cercare.

Uno degli effetti più trascurati dell’allenamento marziale è la sua capacità di dare senso ad una giornata e riempirla di sensazioni. L’anticipazione stessa dell’allenamento è in grado, da sola, di far sopportare qualsiasi cosa, anche le esperienze peggiori, sapendo che poi avremo un luogo dello spazio-tempo dedicato alla nostra via di crescita nelle Arti Marziali o nel combattimento. Non si tratta solo di un effetto di distensione o di rilassamento indotti dall’allenamento. Si tratta della sua capacità di generare valore per l’individuo e per la sua giornata.

Ancora una volta, stiamo attenti a non confondere le capacità di rilassamento (un fatto in sé positivo, da apprendere e coltivare) con stasi, apatia e abulia, la perdita di voglia di vivere.

Le capsule non sono pastiglie da digerire per “tirare avanti”, ma momenti dotati di significato in sé e per sé. Hanno valore per come attivano le nostre sensazioni ed emozioni, e non come anestetico di altro che non va. Se ne hanno la proprietà, non è comunque questa la loro funzione.

Una capsula per qualcuno può essere un momento di allenamento in palestra o sul campo, “sentendo” un’attività intensa o che piace, una cena, la scrittura, la lettura di una lettera, o di un passaggio che colpisce in un  libro, un momento di solitudine guardando il tramonto, una preghiera, un gioco, un dialogo profondo tra persone, o qualsiasi altro brano di vita dotato di significato proprio, persino uno sguardo.

Il semplice fatto che un momento di esperienza sia dotato di significati dovrebbe farci rizzare le antenne, visto che senza significati la vita muore e le energie mentali si annullano. Le capsule sono contenitori di significati.

Spesso si ricerca il senso compiuto all’interno della perfezione. Capsule di durata eterna, anziché di durata limitata e praticabile. Questa è una delle più grandi bestialità che un essere umano possa apprendere, e se gli capita di incamerare questo virus, farà bene a disfarsene prima possibile.

Il contrario è saper cogliere il dono limitato. Per dono limitato si intende nel metodo HMP una finestra di sensazioni (Sensation Window – SW), ad esempio la sensazione positiva che si prova quando siamo in presenza di persone che ci piacciono, in quel preciso momento, anche non potendo possedere illimitatamente il tutto, tutto il suo tempo, tutte le sue ore o minuti. O la sensazione di un singolo gesto, o di una combinazione di movimenti che il corpo riesce a generare in quel preciso momento.

O ancora, la sensazione che può dare un allenamento puramente fisico, persino un brano di un allenamento (training experience), senza per forza dover vincere qualcosa, e dover diventare campioni per forza. Apprezzare il training, oltre che il risultato che ne può derivare, persino indipendentemente da esso, è una nuova forma di competenza.

Di fatto, siamo poco allenati a riconoscere e generare finestre di sensazioni positive, e ben allenati verso quelle negative. Questo produce danni psicologici e fisiologici.

Tra i fattori determinanti del lavoro sul potenziale umano sui quali riflettere per poter essere veramente Maestri, Coach e Trainer:

1) far apprezzare alla persona i frames esperienziali di cui si compone un momento allenante o di gara;

2) scoprire sensazioni nascoste anche nei momenti più piccoli o apparentemente insignificanti, che avvengono durante le gare e gli allenamenti;

3) aumentare la capacità di cogliere, percepire e assaporare il fluire di sensazioni, tramite tecniche di visualizzazione e training mentale speciali;

4) diminuire le passività e aumentare la capacità di costruire esperienze positive e di crescita connesse alle gare.

Se riusciamo in questo, avremo fatto agli allievi un dono enorme: la capacità di sentire la vita fluire in ogni gesto, in ogni istante, e di gioirne. Il Dojo e la palestra, la gara – se vissute in questo modo – allenano, in sostanza, l’anima.

Note sull’autore: il dott. Daniele Trevisani è formatore aziendale e manageriale, coach di atleti e istruttori di Arti Marziali, Muay Thai, Kickboxing e MMA, (www.danieletrevisani.comwww.studiotrevisani.it ), praticante di oltre 10 diverse discipline, è inoltre Maestro di Kickboxing, Sensei, 8° Dan DaoShi® Bushido – www.daoshi.it –  Formatore e ricercatore in Psicologia e Potenziale Umano, è consulente NATO e dell’Esercito Italiano, Master of Arts in Mass Communication, University of Florida. Insignito dal governo USA del premio Fulbright per i propri studi sulla comunicazione e potenziale umano. Ha realizzato docenze in oltre 10 Università Italiane ed estere, ed è il tra i principali esperti italiani nella ricerca sul potenziale umano, nella formazione di istruttori e trainer per le discipline marziali e di combattimento.


[1] Metodo di formazione e coaching sviluppato dall’autore, vedi approfondimenti in www.studiotrevisani.it/hpm2

L’Auto-Onore e le sfide di chi si dirige verso la luce

Esiste una sorta di auto-onore, col quale fare i conti. Mi spiego meglio. Si tratta di un onore tutto interno, che viene da dentro e non ha bisogno di nessun riconoscimento esterno. Sapere di arruolarsi tra coloro i quali ricercano, studiano, lottano per cambiare il mondo o per migliorare se stessi, e per aiutare gli altri, ha un senso in sé, è importante e questo basta.

C’è anche una buona notizia in più. Chi si arruola ha già vinto in partenza, perché il solo dirigersi verso la luce è vincere. Ha vinto contro l’apatia. Ha vinto contro la morte dell’anima. Ha vinto contro le tenebre inconfessate che porta dentro di sé.

Ma ha anche già perso, perché le sfide a volte sono così grandi, immense, enormi, da sembrare ben più grandi di noi, e sembra persino inutile provarci.

Liberare il mondo dalla povertà, fame e miseria? Fare di ogni essere umano una creatura felice? Conoscere la natura dell’uomo? Capire come funziona l’universo? Utopie, dicono alcuni. Sfide, dicono altri.

__________

Testo Copyright by Dr. Daniele Trevisani, Formatore e Coach per lo Sviluppo Personale e dei Team. Anteprima editoriale dal volume di Daniele Trevisani “Personal Energy”.

1.1. Auto-espressione e auto-realizzazione: un viaggio nel potenziale umano

Da quando nasciamo siamo coinvolti a pieno in un viaggio chiamato vita.

Siamo in corsa, che lo si voglia o meno, che ci piacciano o meno le stazioni di sosta e i paesaggi che incontriamo.

Vorrei parlarti di una grande opportunità che a volte ci viene negata, e di come raggiungerla. Questa opportunità consiste nel fare un buon viaggio, e lasciare un segno positivo in questo mondo, al termine del tuo viaggio.

Ma per ogni tratto di strada, serve qualche forma di energia. E quindi, vorrei parlarti dell’energia che ti serve per fare questo cammino. E di come coltivarla in te. Come misurarla, come capire a che stato siamo, e come rigenerarci per andare avanti nonostante le difficoltà, e sfruttare le discese che a volte compaiono davanti a noi.

E’ una battaglia senza limiti e senza fine perché l’unico fine è migliorare se stessi e il mondo.

Lavorare su questo sogno infinito aiuta a riscoprire l’orgoglio e il motivo di esistere.

Alcuni esseri umani continuano testardamente a portare avanti delle battaglie per costruire qualcosa di buono, si impegnano, si danno da fare.

Altri se ne fregano, altri, ancora peggio, distruggono.

Di quale categoria vuoi far parte?

__________

Testo Copyright by Dr. Daniele Trevisani, Formatore e Coach per lo Sviluppo Personale e dei Team. Anteprima editoriale dal volume di Daniele Trevisani “Personal Energy”.