Tag

leadership empatica

Browsing

Leadership empatica: la capacità di dirigere persone e team applicando l’empatia e la sensibilità emozionale. Le aziende e organizzazioni che applicano una leadership empatica hanno maggiore vantaggio competitivo rispetto alle aziende solo direttive, in quanto permettono alle risorse umane di esprimersi e di creare un clima di ascolto e valorizzazione della persona.

leadership empatica e leadership emozionaleSe desideri un contatto per approfondire possibilità di consulenza o formazione sulla leadership empatica, con il Dott. Daniele Trevisani e colleghi, contattaci attraverso questo form. Risponderemo al più presto.

Il tema è espresso nel testo “Comunicazione Olistica” di Daniele Trevisani, di cui riportiamo qui uno stralcio in anteprima, e nel libro di Daniele Trevisani “Ascolto Attivo ed  Empatia” che trovi nella sezione “libri” del sito

Principio 4 – Comunicazione interna all’individuo stesso e “outing” emozionale, leadership empatica

  • Maggiore è il grado di consapevolezza dei propri bisogni razionali, subconsci e inconsci, maggiore è il grado di qualità della comunicazione esterna.
  • L’ascolto non riguarda solo l’ascolto dell’altro ma anche del dialogo interno, le voci interiori alla persona, i rapporti tra quanto la parte “razionale” dice e cosa invece la componente subconscia e inconscia vorrebbe, desidera, e fa trasparire, o non fa trasparire.
  • Il rapporto con una persona capace di fare da “contenitore emotivo”, far uscire le emozioni (outing emozionale) e ascoltare le emozioni anche più sottili o più nascoste, e dotato di empatia forte, è benefico e persino terapeutico, questo sia nelle relazioni personali che in quelle manageriali e ancora di più nelle relazioni di aiuto.
  • Le aziende e organizzazioni che applicano una leadership empatica hanno maggiore vantaggio competitivo rispetto alle aziende solo direttive, in quanto permettono alle risorse umane di esprimersi e di creare un clima di ascolto e valorizzazione della persona.

Per approfondire il concetto di empatia e leadership empatica osserviamo questi studi sul merito.

Leadership empatica – Approfondimenti – Empatia

empatia è la capacità di comprendere o sentire ciò che un’altra persona sta vivendo all’interno del proprio quadro di riferimento, cioè la capacità di mettersi nella posizione dell’altro. [1] Le definizioni di empatia comprendono un’ampia gamma di processi sociali, cognitivi ed emotivi che riguardano principalmente la comprensione degli altri (e le emozioni degli altri in particolare). I tipi di empatia includono empatia cognitiva, empatia emotiva (o affettiva), empatia somatica ed empatia spirituale. [2] [3] [4]

Leadership empatica – Approfondimenti – Etimologia

La parola inglese empatia deriva dal greco antico ἐμ πάθεια ( empatia , che significa “affetto fisico o passione”). [5] Quella parola deriva da ἐν ( en , “in, at”) e π άθος ( pathos , “passione” o “sofferenza”). [6] Theodor https://en.wikipedia.org/wiki/Theodor_LippsLipps https://en.wikipedia.org/wiki/Theodor_Lippsadattò il termine estetico tedesco Einfühlung (“sentirsi dentro”) alla psicologia nel 1903, [7] ed Edward B. Titchener tradusse Einfühlung in inglese come “empatia” nel 1909. [8] In greco moderno εμπάθεια può significare, a seconda di contesto, pregiudizio , malevolenza , malizia o odio. [9]

Leadership empatica – Approfondimenti – Definizioni

Generale

Sin dalla sua introduzione nella lingua inglese, “empatia” ha avuto un’ampia gamma di definizioni (a volte contrastanti) sia tra i ricercatori che tra i profani. [10] [11] [12] Le definizioni di empatia comprendono un’ampia gamma di fenomeni, compreso il prendersi cura delle altre persone e il desiderio di aiutarle; provare emozioni che corrispondono alle emozioni di un’altra persona; discernere ciò che un’altra persona sta pensando o provando; [13] e rendendo meno distinte le differenze [ necessari chiarimenti ] tra il sé e l’altro. [14]

Poiché l’empatia implica la comprensione degli stati emotivi delle altre persone, il modo in cui è caratterizzata deriva dal modo in cui sono caratterizzate le emozioni. Ad esempio, se le emozioni sono caratterizzate da sentimenti corporei, la comprensione dei sentimenti corporei di un altro sarà considerata centrale per l’empatia. D’altra parte, se le emozioni sono caratterizzate da una combinazione di convinzioni e desideri, la comprensione di tali convinzioni e desideri sarà più essenziale per l’empatia. La capacità di immaginarsi come un’altra persona è un processo sofisticato. Tuttavia, la capacità di base di riconoscere le emozioni negli altri può essere innata [15] e può essere raggiunta inconsciamente. La ricerca empirica supporta una varietà di interventi per migliorare l’empatia. [16] [17] [18] [19] [20]

L’empatia non è tutto o niente; piuttosto, una persona può essere più o meno empatica verso un’altra. Paradigmaticamente, una persona mostra empatia quando comunica un riconoscimento accurato del significato delle azioni intenzionali in corso di un’altra persona, degli stati emotivi associati e delle caratteristiche personali in un modo che sembra accurato e tollerabile per la persona riconosciuta. [21] [22]

La propria capacità di riconoscere i sentimenti corporei di un altro è correlata alle proprie capacità imitative e sembra essere radicata in una capacità innata di associare i movimenti corporei e le espressioni facciali che si vedono in un altro con i sentimenti propriocettivi di produrre personalmente quei movimenti o espressioni corrispondenti. [23]

Leadership empatica – Approfondimenti –  Distinzioni tra empatia e concetti correlati

Compassione e simpatia sono termini associati all’empatia. Una persona prova compassione quando nota che gli altri hanno bisogno e questo sentimento motiva quella persona ad aiutare. Come l’empatia, la compassione ha un’ampia gamma di definizioni e presunte sfaccettature (che si sovrappongono ad alcune definizioni di empatia). [24] [25] La simpatia è un sentimento di cura e comprensione per qualcuno che ha bisogno. Alcuni includono nella simpatia una preoccupazione empatica per un’altra persona e il desiderio di vederla meglio o più felice. [26]

L’empatia è anche legata alla pietà e al contagio emotivo . [27] [26] Si prova pietà per gli altri che potrebbero essere in difficoltà o bisognosi di aiuto. Questo sentimento è descritto come “sentirsi dispiaciuto” per qualcuno. Il contagio emotivo è quando una persona (soprattutto un neonato o un membro di una folla ) imitativamente “cattura” le emozioni che gli altri stanno mostrando senza necessariamente riconoscere che ciò sta accadendo. [28]

L’alessitimia descrive una carenza nella comprensione, elaborazione o descrizione delle proprie emozioni (a differenza dell’empatia che riguarda le emozioni di qualcun altro). [29]

Leadership empatica – Approfondimenti –  Classificazione

L’empatia ha due componenti principali: [30]

  1. L’empatia affettiva , chiamata anche empatia emotiva , [31] è la capacità di rispondere con un’emozione appropriata agli stati mentali di un altro. [30] La nostra capacità di empatizzare emotivamente si basa sul contagio emotivo: [31] essere influenzati dallo stato emotivo o di eccitazione di un altro. [32] L’empatia affettiva può essere suddivisa nelle seguenti scale: [30] [33]
    • Preoccupazione empatica : simpatia e compassione per gli altri in risposta alla loro sofferenza. [30] [34] [35]
    • Distress personale : sentimenti di disagio e ansia in risposta alla sofferenza di un altro. [30] [34] [35] Non c’è consenso sul fatto che il disagio personale sia una forma di empatia o invece sia qualcosa di distinto dall’empatia. [27] [34] Potrebbe esserci un aspetto evolutivo in questa suddivisione. I bambini rispondono all’angoscia degli altri angosciandosi loro stessi; solo quando hanno due anni iniziano a rispondere in modo diverso: cercando di aiutare, confortare e condividere. [34]
  2. L’empatia cognitiva è la capacità di comprendere la prospettiva o lo stato mentale di un altro. [36] [30] [37] I termini cognizione sociale , prospettiva , teoria della mente e mentalizzazione sono spesso usati come sinonimi, ma a causa della mancanza di studi che confrontino la teoria della mente con i tipi di empatia, non è chiaro se questi termini sono equivalenti. [38] Sebbene le misure di empatia cognitiva includano questionari di autovalutazione e misure comportamentali, una meta analisi del 2019 [39] ha rilevato solo un’associazione trascurabile tra autovalutazione e misure comportamentali, suggerendo che le persone generalmente non sono in grado di valutare accuratamente le proprie capacità cognitive capacità di empatia. L’empatia cognitiva può essere suddivisa nelle seguenti scale: [30] [33]
    • Assunzione di prospettiva : la tendenza ad adottare spontaneamente le prospettive psicologiche degli altri. [30] [40]
    • Fantasia: la tendenza a identificarsi con personaggi di fantasia. [30]
    • Empatia tattica (o strategica): l’uso deliberato della prospettiva per raggiungere determinati scopi desiderati. [41]

La comunità scientifica non si è fusa attorno a una definizione precisa di questi costrutti, ma c’è consenso su questa distinzione. [42] [43] [44] Anche l’empatia affettiva e cognitiva sono indipendenti l’una dall’altra; qualcuno che empatizza fortemente emotivamente non è necessariamente bravo a capire la prospettiva di un altro. [45]

Leadership empatica – Approfondimenti – Sviluppo

Evoluzione tra specie

Gli studi sul comportamento animale e sulle neuroscienze indicano che l’empatia non è ristretta agli esseri umani (tuttavia l’interpretazione di tale ricerca dipende in parte da quanto ampia adotta una definizione di empatia che i ricercatori adottano [27] ).

Comportamenti simili all’empatia sono stati osservati nei primati , sia in cattività che in natura, e in particolare nei bonobo , forse il primate più empatico. [46]

Uno studio ha dimostrato il comportamento prosociale suscitato dall’empatia nei roditori. [47] I roditori dimostrano empatia per i compagni di gabbia (ma non per gli estranei) che soffrono. [48] Uno studio influente sull’evoluzione dell’empatia di Stephanie Preston e Frans de Waal [49] discute un meccanismo di azione-percezione neurale e postula un modello di empatia dal basso verso l’alto che lega insieme tutti i livelli, [ chiarimento necessario ] dall’abbinamento dello stato [ chiarimento necessario ] alla presa di prospettiva.

Il neurobiologo dell’Università di Chicago Jean Decety concorda sul fatto che l’empatia non è esclusiva degli esseri umani, ma che l’empatia ha profonde basi evolutive, biochimiche e neurologiche e che anche le forme più avanzate di empatia negli esseri umani sono costruite su forme più basilari e rimangono collegate al nucleo meccanismi associati alla comunicazione affettiva, all’attaccamento sociale e alla cura dei genitori . [50] I circuiti neurali coinvolti nell’empatia e nella cura includono il tronco cerebrale , l’ amigdala , l’ ipotalamo , i gangli della base , l’ insula e la corteccia orbitofrontale . [51]

Sviluppo ontogenetico

All’età di due anni, i bambini normalmente iniziano a mostrare comportamenti fondamentali di empatia avendo una risposta emotiva che corrisponde allo stato emotivo di un’altra persona. [52] Anche prima, a un anno di età, i bambini hanno dei rudimenti di empatia; capiscono che, come con le loro stesse azioni, le azioni degli altri hanno degli obiettivi. [53] [54] I bambini piccoli a volte confortano gli altri o mostrano preoccupazione per loro. Durante il secondo anno, giocano a falsità o fingono nel tentativo di ingannare gli altri. Tali azioni richiedono che il bambino sappia in cosa credono gli altri affinché il bambino possa manipolare quelle convinzioni. [55]

Secondo i ricercatori dell’Università di Chicago che hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale (fMRI), i bambini di età compresa tra i sette ei dodici anni sembrano essere naturalmente inclini a provare empatia per gli altri che soffrono. [ Chiarimento necessario ] [56] I loro risultati sono coerenti con precedenti studi fMRI sull’empatia del dolore con gli adulti. La ricerca ha rilevato che ulteriori aspetti [ chiarimenti necessari ] del cervello sono stati attivati quando i giovani hanno visto un’altra persona ferita intenzionalmente da qualcuno, comprese le regioni coinvolte nel ragionamento morale. [57]

Sebbene i bambini siano in grado di mostrare alcuni segni di empatia, incluso il tentativo di confortare un bambino che piange, dai 18 mesi ai due anni, la maggior parte non dimostra una teoria mentale completa fino all’età di quattro anni. [58] La teoria della mente implica la capacità di comprendere che altre persone possono avere convinzioni diverse dalle proprie e si pensa che coinvolga la componente cognitiva dell’empatia. [36] I bambini di solito possono superare compiti di falsa credenza (un test per una teoria della mente) intorno all’età di quattro anni. Le persone con autismo spesso trovano molto difficile usare una teoria della mente (ad esempio il test di Sally-Anne ). [59] [60]

La maturità empatica è una teoria cognitivo-strutturale sviluppata presso la Yale University School of Nursing. Affronta il modo in cui gli adulti concepiscono o comprendono la personalità dei pazienti. La teoria, prima applicata agli infermieri e poi applicata ad altre professioni, postula tre livelli di strutture cognitive. Il terzo e più alto livello è una teoria metaetica della struttura morale della cura. Gli adulti che operano con una comprensione di livello III sintetizzano sistemi di giustizia ed etica basata sull’assistenza. [61]

Leadership empatica – Approfondimenti –  Differenze individuali

La scala Empathic Concern valuta i sentimenti di simpatia e preoccupazione orientati verso gli altri e la scala Personal Distress misura i sentimenti auto-orientati di ansia e disagio personale. [62] I ricercatori hanno utilizzato dati comportamentali e di neuroimaging per analizzare l’estroversione e la gradevolezza (il profilo di personalità del calore e dell’altruismo). Entrambi sono associati all’accuratezza empatica e all’aumento dell’attività cerebrale in due regioni cerebrali importanti per l’elaborazione empatica (corteccia prefrontale mediale e giunzione temporoparietale ). [63]

Leadership empatica – Approfondimenti – Differenze di sesso

Vedi anche: Differenze di sesso in psicologia § Empatia e Differenze di sesso nell’intelligenza emotiva § Empatia

In media, le femmine ottengono punteggi più alti rispetto ai maschi nelle misure di empatia, [64] come il Quoziente di empatia (EQ), mentre i maschi tendono a ottenere un punteggio più alto nel Quoziente di sistema (SQ). Sia i maschi che le femmine con disturbi dello spettro autistico di solito ottengono punteggi più bassi sull’EQ e più alti sull’SQ ( vedi sotto per maggiori dettagli su autismo ed empatia). [36]

Altri studi non mostrano differenze di sesso significative e suggeriscono invece che le differenze di genere sono il risultato di differenze motivazionali, come il mantenimento di stereotipi. [64] [65] Gli stereotipi di genere su uomini e donne possono influenzare il modo in cui esprimono le emozioni. La differenza di sesso è da piccola a moderata, alquanto incoerente ed è spesso influenzata dalle motivazioni o dall’ambiente sociale della persona. [64] Bossone et al. dire “le misure fisiologiche delle emozioni e gli studi che seguono le persone nella loro vita quotidiana non trovano differenze di sesso coerenti nell’esperienza delle emozioni”, il che “suggerisce che le donne possono amplificare determinate espressioni emotive o gli uomini possono sopprimerle”. [64] Tuttavia, una revisione del 2014 di Neuroscience & Biobehavioral Reviews ha riportato che ci sono prove che “le differenze di sesso nell’empatia hanno radici filogenetiche e ontogenetiche in biologia e non sono semplicemente sottoprodotti culturali guidati dalla socializzazione”. [66]

Una recensione pubblicata su Neuropsychologia ha rilevato che le donne tendevano a riconoscere meglio gli effetti facciali, l’elaborazione dell’espressione e le emozioni in generale. [67] I maschi tendevano a riconoscere meglio comportamenti specifici come rabbia, aggressività e segnali minacciosi. [67] Una meta-analisi del 2014, in Cognition and Emotion , ha riscontrato un piccolo vantaggio femminile nel riconoscimento emotivo non verbale su 215 campioni. [ necessari chiarimenti ] [68]

L’analisi 2014 Neuroscience & Biobehavioral Reviews ha rilevato differenze di sesso nell’empatia dalla nascita, che crescono con l’età e coerenti e stabili per tutta la durata della vita. [66] Le femmine, in media, avevano una maggiore empatia rispetto ai maschi, mentre i bambini con maggiore empatia, indipendentemente dal sesso, continuano ad essere più empatici durante lo sviluppo. [66] L’analisi dei potenziali correlati agli eventi cerebrali ha rilevato che le donne che hanno visto la sofferenza umana tendevano ad avere forme d’onda ERP più elevate rispetto ai maschi. [66] Un’indagine sulle ampiezze di N400 ha rilevato, in media, un N400 più alto nelle donne in risposta a situazioni sociali che erano correlate positivamente con l’empatia auto-riferita. [66] Studi strutturali di fMRI hanno anche scoperto che le femmine hanno volumi di materia grigia più grandi nelle aree della corteccia parietale posteriore inferiore frontale e anteriore inferiore che sono correlate con i neuroni specchio nella letteratura fMRI . [66] Le femmine tendevano anche ad avere un legame più forte tra empatia emotiva e cognitiva. [66] I ricercatori ritengono che è improbabile che la stabilità di queste differenze di sesso nello sviluppo sia spiegata dalle influenze ambientali, ma piuttosto dall’evoluzione e dall’eredità umana. [66] Per tutta la preistoria, le donne furono le principali nutritrici e custodi dei bambini; quindi questo potrebbe aver portato a un adattamento neurologico evoluto affinché le donne siano più consapevoli e reattive alle espressioni non verbali. Secondo l ‘”ipotesi del custode primario”, gli uomini preistorici non avevano una pressione così selettiva come i custodi primari. Questo potrebbe spiegare le differenze sessuali moderne nel riconoscimento delle emozioni e nell’empatia. [66]

Leadership empatica – Approfondimenti – Influenze ambientali

Alcune ricerche teorizzano che i fattori ambientali, come lo stile e le relazioni genitoriali , influenzino lo sviluppo dell’empatia nei bambini. L’ empatia promuove le relazioni pro-sociali [69] e aiuta a mediare l’aggressività.

Caroline Tisot ha studiato come fattori ambientali come lo stile genitoriale, l’empatia dei genitori e le precedenti esperienze sociali influenzano lo sviluppo dell’empatia nei bambini piccoli. Ai bambini studiati è stato chiesto di completare una misura di empatia efficace, mentre i genitori dei bambini hanno compilato un questionario per valutare lo stile genitoriale e la scala Balanced Emotional Empathy. Lo studio ha rilevato che alcune pratiche genitoriali, al contrario dello stile genitoriale nel suo insieme, hanno contribuito allo sviluppo dell’empatia nei bambini. Queste pratiche includono incoraggiare il bambino a immaginare le prospettive degli altri e insegnare al bambino a riflettere sui propri sentimenti. Lo sviluppo dell’empatia variava in base al sesso del bambino e del genitore. Il calore paterno era significativamente correlato all’empatia nei bambini, in particolare nei ragazzi. Il calore materno era correlato negativamente all’empatia nei bambini, in particolare nelle ragazze. [70]

L’empatia può essere interrotta a causa di traumi cerebrali come un ictus . Nella maggior parte dei casi, l’empatia è compromessa se si verifica una lesione o un ictus sul lato destro del cervello. [71] Il danno al lobo frontale , che è il principale responsabile della regolazione emotiva, può avere un profondo impatto sulla capacità di una persona di provare empatia. [72] Le persone con una lesione cerebrale acquisita mostrano anche livelli più bassi di empatia. Più della metà delle persone con una lesione cerebrale traumatica dichiara di avere un deficit della propria capacità empatica. [73]

Rabbia e angoscia empatica

La rabbia

La rabbia empatica è un’emozione, una forma di sofferenza empatica. [74] La rabbia empatica si sente in una situazione in cui qualcun altro viene ferito da un’altra persona o cosa. [75]

La rabbia empatica colpisce i desideri di aiutare e punire. Due sottocategorie di rabbia empatica sono la rabbia empatica di tratto e la rabbia empatica di stato. [ necessari chiarimenti ] [76]

Maggiore è la capacità di una persona di prendere la prospettiva, meno arrabbiata è in risposta a una provocazione. La preoccupazione empatica, tuttavia, non prevede in modo significativo la risposta alla rabbia e un maggiore disagio personale è associato a un aumento della rabbia. [77]

Angoscia

Articolo principale: disagio personale

L’angoscia empatica è sentire il dolore percepito di un’altra persona. Questo sentimento può trasformarsi in rabbia empatica, sentimenti di ingiustizia o senso di colpa. Queste emozioni possono essere percepite come pro-sociali; tuttavia, le opinioni differiscono sul fatto che servano come motivi per il comportamento morale. [74] [78]

Leadership empatica – Approfondimenti – Influenza sul comportamento di aiuto

Vedi anche: Empatia-altruismo

Gli investigatori sulla risposta sociale ai disastri naturali hanno studiato le caratteristiche associate alle persone che aiutano le vittime. I ricercatori hanno scoperto che l’empatia cognitiva, piuttosto che l’empatia emotiva, prevedeva un comportamento di aiuto nei confronti delle vittime. [79] Assumere le prospettive degli altri (empatia cognitiva) può consentire a questi aiutanti di entrare in empatia con le vittime senza altrettanto disagio, mentre condividere le emozioni delle vittime (empatia emotiva) può causare disagio emotivo, impotenza e incolpare le vittime , e può portare a evitare piuttosto che aiutare. [80]

Gli individui che hanno espresso preoccupazione per i vulnerabili (cioè empatia affettiva) erano più disposti ad accettare le misure di blocco della pandemia COVID-19 che creano angoscia. [81] La conoscenza di come i sentimenti empatici evocano la motivazione altruistica può portare le persone ad adottare strategie per sopprimere o evitare tali sentimenti. Tale intorpidimento, o perdita della capacità di provare empatia per i clienti, è un possibile fattore nell’esperienza del burnout tra gli operatori del caso nell’aiutare le professioni. Le persone possono controllare cognitivamente le loro azioni più capiscono come emerge il comportamento altruistico, sia che provenga dalla riduzione al minimo della tristezza o dall’eccitazione dei neuroni specchio. L’altruismo indotto dall’empatia potrebbe non produrre sempre effetti pro-sociali. Ad esempio, potrebbe portare a esercitare se stessi per conto di coloro per i quali si prova empatia a scapito di altri potenziali obiettivi pro-sociali, inducendo così un tipo di pregiudizio. I ricercatori suggeriscono che gli individui sono disposti ad agire contro il più grande bene collettivo oa violare i propri principi morali di equità e giustizia se ciò andrà a beneficio di una persona per la quale si sente empatia. [82]

La socializzazione basata sull’empatia differisce dall’inibizione degli impulsi egoistici attraverso la modellazione, la modellazione e il senso di colpa interiorizzato. I programmi terapeutici per promuovere gli impulsi altruistici incoraggiando l’assunzione di prospettive e sentimenti empatici potrebbero consentire agli individui di sviluppare relazioni interpersonali più soddisfacenti, soprattutto a lungo termine. L’altruismo indotto dall’empatia può migliorare gli atteggiamenti nei confronti dei gruppi stigmatizzati e per migliorare gli atteggiamenti e le azioni razziali nei confronti delle persone con AIDS, dei senzatetto e dei detenuti. Tale altruismo che ne deriva aumenta anche la cooperazione in situazioni competitive. [83]

Leadership empatica – Approfondimenti – Genetica

Generale

Le misure di empatia mostrano l’evidenza di essere geneticamente influenzati. [84] Ad esempio, i portatori della variante di eliminazione di ADRA2B mostrano una maggiore attivazione dell’amigdala durante la visualizzazione di immagini emotivamente eccitanti. [85] Il gene 5-HTTLPR sembra influenzare la sensibilità alle informazioni emotive negative ed è anche attenuato dalla variante di delezione di ADRA2b. [86] I portatori della variante doppia G del gene OXTR hanno migliori abilità sociali e una maggiore autostima. [ chiarimento necessario ] [87] Un gene situato vicino a LRRN1 sul cromosoma 3 influenza la capacità umana di leggere, comprendere e rispondere alle emozioni degli altri. [88]

Basi neuroscientifiche dell’empatia

La neuroscienza contemporanea offre approfondimenti sulle basi neurali della capacità della mente di comprendere ed elaborare le emozioni. Gli studi sui neuroni specchio tentano di misurare le basi neurali per la lettura della mente umana e le capacità di condivisione delle emozioni e quindi di spiegare le basi della reazione empatica. [89] Le persone che ottengono punteggi elevati nei test di empatia hanno sistemi di neuroni specchio particolarmente impegnati. [90] L’empatia è una condivisione spontanea dell’affetto, provocata dal testimoniare e dal simpatizzare con lo stato emotivo dell’altro. La persona empatica rispecchia o imita la risposta emotiva che si aspetterebbe di provare se fosse al posto dell’altra persona. A differenza del disagio personale, l’empatia non è caratterizzata dall’avversione per la risposta emotiva dell’altro. Questa distinzione è fondamentale perché l’empatia è associata alla simpatia dell’emozione morale, o preoccupazione empatica, e di conseguenza anche all’azione prosociale o altruistica. [89]

Una persona entra in empatia provando quelle che crede essere le emozioni di un altro, il che rende l’empatia sia affettiva che cognitiva. [ chiarimento necessario ] [13] Per gli esseri sociali, negoziare decisioni interpersonali è importante per la sopravvivenza quanto essere in grado di navigare nel paesaggio fisico. [91]

Studi di meta-analisi degli studi di risonanza magnetica funzionale (fMRI) sull’empatia confermano che diverse aree cerebrali vengono attivate durante l’empatia affettivo-percettiva rispetto all’empatia cognitivo-valutativa. L’empatia affettiva è correlata con una maggiore attività nell’insula , mentre l’empatia cognitiva è correlata con l’attività nella corteccia cingolata media e nella corteccia prefrontale dorsomediale adiacente . [92] Uno studio con pazienti che hanno subito diversi tipi di danno cerebrale ha confermato la distinzione tra empatia emotiva e cognitiva. [31] In particolare, il giro frontale inferiore sembra essere responsabile dell’empatia emotiva e il giro prefrontale ventromediale sembra mediare l’empatia cognitiva. [31]

La fMRI è stata impiegata per studiare l’anatomia funzionale dell’empatia. [93] L’osservazione dello stato emotivo di un’altra persona attiva parti della rete neuronale che sono coinvolte nell’elaborazione di quello stesso stato in se stessi, che si tratti di disgusto, [94] tatto, [95] o dolore. [96] [35]

Lo studio delle basi neurali dell’empatia ha ricevuto un maggiore interesse in seguito a un articolo pubblicato da SD Preston e Frans de Waal [97] dopo la scoperta di neuroni specchio nelle scimmie che si attivano sia quando la creatura osserva un’altra eseguire un’azione sia quando loro stessi eseguirlo. I ricercatori suggeriscono che la percezione assistita dello stato dell’oggetto [ chiarimento necessario ] attiva le rappresentazioni neurali e che questa attivazione innesca o genera le risposte autonomiche e somatiche associate (accoppiamento percezione-azione), [98] a meno che non venga inibita. Questo meccanismo ricorda la comune teoria della codifica tra percezione e azione. Un altro studio fornisce prove di percorsi neurali separati che attivano la soppressione reciproca in diverse regioni del cervello associate all’esecuzione di compiti “sociali” e “meccanici”. Questi risultati suggeriscono che la cognizione associata al ragionamento sullo “stato mentale di un’altra persona” e le “proprietà causali/meccaniche degli oggetti inanimati” sono soppresse neuralmente dal verificarsi contemporaneamente. [99]

Il comportamento riflesso nei motoneuroni durante l’empatia può aiutare a duplicare i sentimenti. [100] Tale azione comprensiva può consentire l’accesso a sentimenti comprensivi e, forse, innescare emozioni di gentilezza e perdono. [101]

Leadership empatica – Approfondimenti – Compromissione

Una differenza nella distribuzione tra empatia affettiva e cognitiva è stata osservata in varie condizioni. La psicopatia e il narcisismo sono associati a deficit dell’empatia affettiva ma non cognitiva, mentre il disturbo bipolare e i tratti borderline sono associati a deficit dell’empatia cognitiva ma non affettiva. [42] I disturbi dello spettro autistico sono associati a varie combinazioni, inclusi deficit nell’empatia cognitiva e deficit nell’empatia sia cognitiva che affettiva. [30] [31] [42] [34] [102] [103] Anche la schizofrenia è associata a deficit in entrambi i tipi di empatia. [104] Tuttavia, anche in persone senza condizioni come queste, l’equilibrio tra empatia affettiva e cognitiva varia. [42]

Le risposte empatiche atipiche sono associate all’autismo e a particolari disturbi della personalità come la psicopatia, i disturbi della personalità borderline , narcisistico e schizoide ; disturbo della condotta ; [105] schizofrenia; disordine bipolare; [42] e depersonalizzazione . [106] Gli autori di reati sessuali che erano stati cresciuti in un ambiente in cui era stata mostrata una mancanza di empatia e avevano subito abusi del tipo che in seguito avrebbero commesso, provavano meno empatia affettiva per le loro vittime. [107]

Autismo

L’interazione tra empatia e autismo è un campo di ricerca complesso e in corso. Si propone che siano in gioco diversi fattori.

Uno studio su adulti ad alto funzionamento con disturbi dello spettro autistico ha riscontrato una maggiore prevalenza di alessitimia , [108] un costrutto della personalità caratterizzato dall’incapacità di riconoscere e articolare l’eccitazione emotiva in se stessi o negli altri. [108] [109] Alcune ricerche fMRI indicano che l’alexithymia contribuisce alla mancanza di empatia. [110] La mancanza di sintonia empatica inerente agli stati alessitimici può ridurre la qualità [111] e la soddisfazione [112] delle relazioni. I deficit di empatia associati allo spettro autistico possono essere dovuti a una comorbidità significativa tra alessitimia e condizioni dello spettro autistico piuttosto che il risultato di un deterioramento sociale. [113]

Rispetto ai bambini con sviluppo tipico, i bambini autistici ad alto funzionamento hanno mostrato una ridotta attività dei neuroni specchio nel giro frontale inferiore del cervello ( pars opercularis ) mentre imitavano e osservavano le espressioni emotive nei bambini neurotipici. [114] L’evidenza EEG ha rivelato una soppressione mu significativamente maggiore nella corteccia sensomotoria degli individui autistici. L’attività in quest’area era inversamente correlata alla gravità dei sintomi nel dominio sociale, suggerendo che un sistema di neuroni specchio disfunzionale potrebbe essere alla base dei deficit sociali e comunicativi osservati nell’autismo, inclusa la teoria della mente compromessa e l’empatia cognitiva. [115] Il sistema dei neuroni specchio è essenziale per l’empatia emotiva. [31]

Gli studi hanno suggerito che gli individui autistici hanno una teoria della mente alterata. [30] La teoria della mente si basa sulle strutture del lobo temporale e della corteccia prefrontale; l’empatia si basa sulle cortecce sensomotorie e sulle strutture limbiche e para-limbiche. [116] La mancanza di chiare distinzioni tra teoria della mente ed empatia cognitiva potrebbe aver causato una comprensione incompleta delle capacità empatiche delle persone con sindrome di Asperger; molti rapporti sui deficit empatici di individui con sindrome di Asperger sono in realtà basati su menomazioni nella teoria della mente. [30] [117] [118] Sebbene le persone autistiche abbiano difficoltà a riconoscere e ad articolare le emozioni, alcuni studi hanno riportato che mentre possono mancare di empatia cognitiva (la capacità di assumere le emozioni di un altro), hanno livelli di empatia affettiva superiori alla media ( provare le emozioni che un altro sta provando, una volta conosciute). [119]

Gli individui nello spettro autistico si auto-segnalano livelli più bassi di preoccupazione empatica, mostrano risposte confortanti meno o assenti verso qualcuno che sta soffrendo e riferiscono livelli uguali o superiori di disagio personale rispetto ai controlli. [34] La combinazione di una ridotta preoccupazione empatica e di un aumento del disagio personale può portare alla riduzione generale dell’empatia. [34] Il professor Simon Baron-Cohen suggerisce che le persone con autismo classico spesso mancano di empatia sia cognitiva che affettiva. [103] Tuttavia, altre ricerche non hanno trovato prove di compromissione della capacità degli individui autistici di comprendere le intenzioni o gli obiettivi di base di altre persone; invece, i dati suggeriscono che le menomazioni si trovano nella comprensione di emozioni sociali più complesse o nel considerare i punti di vista degli altri. [120] Le persone con la sindrome di Asperger possono avere problemi a comprendere le prospettive degli altri in termini di teoria della mente, ma la persona media con la condizione mostra la stessa preoccupazione empatica e un disagio personale maggiore rispetto ai controlli. [30] L’esistenza di individui con maggiore disagio personale nello spettro autistico è una possibile spiegazione del motivo per cui alcune persone con autismo sembrano avere un’accresciuta empatia emotiva. [34] [102] Sebbene l’aumento del disagio personale possa essere un effetto di un accresciuto egocentrismo, l’empatia emotiva dipende dall’attività dei neuroni specchio (che, come descritto in precedenza, è stata trovata ridotta nelle persone con autismo) e dall’empatia nelle persone sul lo spettro autistico è generalmente ridotto. [31] [34] I deficit di empatia presenti nei disturbi dello spettro autistico possono essere più indicativi di menomazioni nella capacità di assumere la prospettiva degli altri, mentre i deficit di empatia nella psicopatia possono essere più indicativi di menomazioni nella reattività alle emozioni degli altri. Questi “disturbi dell’empatia” sottolineano ulteriormente l’importanza della capacità di empatizzare, nel modo in cui illustrano alcune delle conseguenze dello sviluppo interrotto dell’empatia. [121]

La teoria empatizzante-sistematizzante (ES) classifica le persone testando le loro capacità lungo due dimensioni indipendenti – empatia (E) e sistematizzazione (S) – per stabilire il loro quoziente di empatia (EQ) e il quoziente di sistematizzazione (SQ). Cinque “tipi di cervello” possono essere distinti in base a tali punteggi, che dovrebbero [ chiarimento necessario ] correlarsi con differenze a livello neurale. Nella teoria dell’ES, l’autismo e la sindrome di Asperger sono associati a empatia inferiore alla media e sistematizzazione media o superiore alla media. La teoria dell’ES è stata estesa alla teoria del cervello maschile estremo, che suggerisce che le persone con una condizione dello spettro autistico hanno maggiori probabilità di avere un tipo di cervello di “tipo S estremo”, corrispondente a un’empatia sistematica ma sfidata sopra la media. [122]

La teoria del cervello maschile estremo ( EMB ) propone che gli individui nello spettro autistico siano caratterizzati da menomazioni nell’empatia dovute a differenze di sesso nel cervello: in particolare, le persone con condizioni dello spettro autistico mostrano un profilo maschile esagerato. Alcuni aspetti della neuroanatomia autistica sembrano essere estrapolazioni della tipica neuroanatomia maschile, che può essere influenzata da livelli elevati di testosterone fetale piuttosto che dal genere stesso. [122] [123]

La teoria del problema della doppia empatia propone che studi precedenti su autismo ed empatia possano essere stati interpretati erroneamente e che le persone autistiche mostrino gli stessi livelli di empatia cognitiva l’una verso l’altra delle persone non autistiche. [124]

Leadership empatica – Approfondimenti – Psicopatia

La psicopatia è un disturbo della personalità in parte caratterizzato da comportamenti antisociali e aggressivi, nonché da deficit emotivi e interpersonali, comprese emozioni superficiali e mancanza di rimorso ed empatia. [125] [126] Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) e la classificazione internazionale delle malattie (ICD) elencano il disturbo antisociale di personalità (ASPD) e il disturbo dissociale di personalità , affermando che questi sono stati indicati o includono ciò che viene indicato come psicopatia. [127] [128] [129] [130]

La psicopatia è associata a risposte atipiche a segnali di angoscia (es. espressioni facciali e vocali di paura e tristezza ), inclusa una ridotta attivazione delle regioni corticali fusiformi ed  HYPERLINK “https://en.wikipedia.org/wiki/Extrastriate_cortex” \o “Extrastriate cortex” extrastriate , che possono in parte spiegare un ridotto riconoscimento e una ridotta risposta autonomica alle espressioni di paura, e disturbi dell’empatia. [131] [132] [133] [134] Anche studi su bambini con tendenze psicopatiche hanno mostrato tali associazioni. [135] [136] [137] Le superfici biologiche sottostanti [ necessari chiarimenti ] per elaborare le espressioni di felicità sono funzionalmente intatte negli psicopatici, sebbene meno reattive rispetto a quelle dei controlli. [134] [135] [136] [137] La letteratura sul neuroimaging non è chiara sul fatto che i deficit siano specifici di particolari emozioni come la paura. Alcuni studi fMRI riportano che i deficit di percezione delle emozioni nella psicopatia sono pervasivi attraverso le emozioni (positive e negative). [138]

Uno studio sugli psicopatici ha scoperto che, in determinate circostanze, potevano entrare volontariamente in empatia con gli altri e che la loro reazione empatica ha avuto inizio nello stesso modo in cui avviene per i controlli. I criminali psicopatici sono stati scansionati nel cervello mentre guardavano i video di una persona che danneggiava un altro individuo. La reazione empatica degli psicopatici è iniziata allo stesso modo dei controlli quando è stato loro chiesto di entrare in empatia con l’individuo danneggiato, e l’area del cervello relativa al dolore è stata attivata quando agli psicopatici è stato chiesto di immaginare come si sentiva l’individuo danneggiato. La ricerca suggerisce che gli psicopatici possono attivare l’empatia a piacimento, il che consentirebbe loro di essere sia insensibili che affascinanti. Il team che ha condotto lo studio afferma di non sapere come trasformare questa empatia volontaria nell’empatia spontanea che la maggior parte delle persone ha, anche se propone che potrebbe essere possibile riabilitare gli psicopatici aiutandoli ad attivare il loro “interruttore di empatia”. Altri hanno suggerito che non è chiaro se l’esperienza di empatia degli psicopatici fosse la stessa di quella dei controlli e hanno anche messo in dubbio la possibilità di escogitare interventi terapeutici che renderebbero le reazioni empatiche più automatiche. [139] [140]

Un problema con la teoria secondo cui la capacità di attivare e disattivare l’empatia costituisce psicopatia è che una tale teoria classificherebbe la violenza e la punizione socialmente sanzionate come psicopatia, poiché queste comportano la sospensione dell’empatia nei confronti di determinati individui e/o gruppi. Il tentativo di aggirare questo problema standardizzando i test di psicopatia per culture con diverse norme punitive è criticato in questo contesto per essere basato sul presupposto che le persone possono essere classificate in culture discrete mentre le influenze culturali sono in realtà miste e ogni persona incontra un mosaico di influenze. La psicopatia può essere un artefatto della standardizzazione della psichiatria lungo immaginarie linee nette tra le culture, in opposizione a una reale differenza nel cervello. [141]

Il lavoro condotto dal professor Jean https://en.wikipedia.org/wiki/Jean_DecetyDecety https://en.wikipedia.org/wiki/Jean_Decetycon ampi campioni di psicopatici incarcerati offre ulteriori spunti. In uno studio, gli psicopatici sono stati scansionati mentre guardavano videoclip che ritraevano persone ferite intenzionalmente. Sono stati anche testati sulle loro risposte alla visione di brevi video di espressioni facciali di dolore. I partecipanti al gruppo ad alta psicopatia hanno mostrato un’attivazione significativamente inferiore nella corteccia prefrontale ventromediale , nell’amigdala e nelle parti grigie periacqueduttali del cervello, ma più attività nello striato e nell’insula rispetto ai partecipanti di controllo. [142] In un secondo studio, gli individui con psicopatia hanno mostrato una forte risposta nelle regioni cerebrali affettive dal dolore quando hanno adottato una prospettiva immagina-sé, ma non sono riusciti a reclutare i circuiti neurali che sono stati attivati nei controlli durante una prospettiva immagina-altro, in particolare la corteccia prefrontale ventromediale e l’amigdala, che possono contribuire alla loro mancanza di preoccupazione empatica. [143]

I ricercatori hanno studiato se le persone che hanno alti livelli di psicopatia hanno livelli sufficienti di empatia cognitiva ma non hanno la capacità di usare l’empatia affettiva. Le persone che ottengono un punteggio elevato nelle misure di psicopatia hanno meno probabilità di mostrare empatia affettiva. C’era una forte correlazione negativa, che mostrava che la psicopatia e la mancanza di empatia affettiva corrispondono fortemente. Il DANVA-2 [ chiarimento necessario ] ha rilevato che coloro che hanno ottenuto un punteggio elevato nella scala della psicopatia non mancano di riconoscere l’emozione nelle espressioni facciali. Pertanto, tali individui non mancano di capacità di parlare in prospettiva, ma mancano di compassione e degli incidenti negativi che accadono agli altri [ chiarimento necessario ] . [144]

Nonostante gli studi suggeriscano che gli psicopatici hanno deficit nella percezione delle emozioni e immaginano gli altri nel dolore, il professor Simon Baron-Cohen afferma che la psicopatia è associata a un’empatia cognitiva intatta, il che implicherebbe una capacità intatta di leggere e rispondere a comportamenti, segnali sociali e ciò che gli altri stanno provando . La psicopatia è, tuttavia, associata alla compromissione dell’altra componente principale dell’empatia, l’empatia affettiva (emotiva), che include la capacità di sentire la sofferenza e le emozioni degli altri ( contagio emotivo ), e coloro che ne sono affetti non sono quindi angosciati dal sofferenza delle loro vittime. Una tale dissociazione di empatia affettiva e cognitiva è stata dimostrata per i criminali aggressivi. [145]

Leadership empatica – Approfondimenti – Altre condizioni

Le risposte empatiche atipiche sono anche correlate con una varietà di altre condizioni.

Il disturbo borderline di personalità è caratterizzato da estese difficoltà comportamentali e interpersonali che derivano da disfunzioni emotive e cognitive. [146] Il comportamento sociale e interpersonale disfunzionale gioca un ruolo nel modo emotivamente intenso in cui le persone con disturbo borderline di personalità reagiscono. [147] Mentre gli individui con disturbo borderline di personalità possono mostrare le loro emozioni in modo eccessivo, diversi autori hanno suggerito che potrebbero avere una capacità compromessa di riflettere sugli stati mentali (compromessa empatia cognitiva ), così come una teoria della mente compromessa . [147] Le persone con disturbo borderline di personalità hanno dimostrato di essere molto brave a riconoscere le emozioni nei volti delle persone, suggerendo una maggiore capacità empatica. [148] [149] La compromissione dell’empatia cognitiva (la capacità di comprendere l’esperienza e la prospettiva di un’altra persona) può spiegare la tendenza degli individui con disturbo borderline di personalità a disfunzioni interpersonali, mentre “l’empatia iper-emotiva” [ verifica necessaria ] può spiegare il loro eccesso emotivo -reattività. [147] Uno studio ha confermato che i pazienti con disturbo borderline di personalità erano significativamente compromessi nell’empatia cognitiva, ma non vi era alcun segno di compromissione nell’empatia affettiva. [147]

Un criterio diagnostico del disturbo narcisistico di personalità è la mancanza di empatia e la riluttanza o incapacità di riconoscere o identificarsi con i sentimenti e i bisogni degli altri. [150]

Le caratteristiche del disturbo schizoide di personalità includono freddezza emotiva, distacco e alterazione degli affetti corrispondenti all’incapacità di essere empatici e sensibili verso gli altri. [151] [152] [153]

Uno studio condotto da Jean https://en.wikipedia.org/wiki/Jean_DecetyDecety https://en.wikipedia.org/wiki/Jean_Decetye colleghi dell’Università di Chicago ha dimostrato che i soggetti con disturbo della condotta aggressiva mostrano risposte empatiche atipiche quando osservano gli altri che soffrono. [105] I soggetti con disturbo della condotta erano almeno altrettanto reattivi dei controlli al dolore degli altri ma, a differenza dei controlli, i soggetti con disturbo della condotta hanno mostrato un’attivazione forte e specifica dell’amigdala e dello striato ventrale (aree che consentono un effetto generale di eccitazione della ricompensa ) , ancora alterata attivazione delle regioni neurali coinvolte nell’autoregolazione e metacognizione (incluso il ragionamento morale ), oltre alla ridotta elaborazione tra l’amigdala e la corteccia prefrontale . [105]

La schizofrenia è caratterizzata da compromissione dell’empatia affettiva, [13] [42] nonché da gravi disturbi cognitivi ed empatici misurati dal quoziente empatico (EQ). [104] Queste menomazioni dell’empatia sono anche associate a menomazioni nei compiti cognitivi sociali. [104]

bipolari hanno una compromissione dell’empatia cognitiva e della teoria della mente, ma una maggiore empatia affettiva. [42] [154] Nonostante la flessibilità cognitiva sia compromessa, il comportamento di pianificazione è intatto. Le disfunzioni nella corteccia prefrontale potrebbero causare empatia cognitiva compromessa, poiché l’empatia cognitiva compromessa è stata correlata all’esecuzione di compiti neurocognitivi che coinvolgono la flessibilità cognitiva. [154]

Dave Grossman , nel suo libro On Killing , racconta come l’addestramento militare crei artificialmente la spersonalizzazione nei soldati, sopprimendo l’empatia e rendendo più facile per loro uccidere altri esseri umani. [106]

Il termine Disturbo da Deficit di Empatia (EDD) ha guadagnato popolarità online, ma non è una diagnosi ai sensi del DSM-5. Il termine è stato coniato in un articolo di Douglas LaBier , PhD. [155] Nell’articolo, riconosce di essersi “inventato, quindi non lo troverai elencato nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell’American Psychiatric Association” e che le sue conclusioni derivano dalla sola esperienza personale. [155] Le sue conclusioni non sono state convalidate attraverso studi clinici, né gli studi hanno identificato l’EDD come un disturbo separato piuttosto che un sintomo associato a diagnosi precedentemente stabilite che compaiono nel DSM-5.

Leadership empatica – Approfondimenti – Nei contesti educativi

Un altro obiettivo di indagine crescente è il modo in cui l’empatia si manifesta nell’istruzione tra insegnanti e studenti. [156] Sebbene vi sia un consenso generale sul fatto che l’empatia sia essenziale nei contesti educativi, la ricerca ha riscontrato che è difficile sviluppare empatia negli insegnanti in formazione. [157]

apprendimento insegnando ( LbT ) è un metodo utilizzato per insegnare l’empatia. Gli studenti trasmettono nuovi contenuti ai loro compagni di classe, quindi devono riflettere continuamente sui processi mentali di quei compagni di classe. Questo sviluppa il sentimento degli studenti per le reazioni di gruppo e il networking. Carl R. Rogers ha aperto la strada alla ricerca sulla psicoterapia e sull’insegnamento efficaci che hanno sposato l’empatia unita al rispetto positivo incondizionato o alla cura degli studenti e l’autenticità o la congruenza erano i tratti più importanti che un terapeuta o un insegnante avevano. Altre ricerche e meta-analisi hanno confermato l’importanza di questi tratti centrati sulla persona. [158]

In contesti interculturali

Articolo principale: empatia etnoculturale

Secondo una teoria, l’empatia è una delle sette componenti coinvolte nell’efficacia della comunicazione interculturale. Questa teoria afferma anche che l’empatia è apprendibile. Tuttavia, la ricerca mostra anche che le persone hanno maggiori difficoltà a entrare in empatia con gli altri che sono diversi da loro per caratteristiche come status, cultura, religione, lingua, colore della pelle , sesso ed età. [157]

Per ottenere [ chiarimento necessario ] l’empatia interculturale, gli psicologi utilizzano la formazione sull’empatia. I ricercatori statunitensi William Weeks, Paul Pedersen, et al. affermare che le persone che sviluppano empatia interculturale possono interpretare esperienze o prospettive da più di una visione del mondo. [159] L’empatia interculturale può anche migliorare la consapevolezza di sé e la consapevolezza critica del proprio stile di interazione come condizionato dalle proprie opinioni culturali [160] e promuovere una visione del sé come processo. [161]

Leadership empatica – Approfondimenti – Questioni pratiche

La capacità di empatizzare è un tratto venerato nella società. [30] L’empatia è considerata un fattore motivante per un comportamento disinteressato e prosociale, [162] mentre la mancanza di empatia è correlata al comportamento antisociale . [30] [163] [164] [165]

A parte la tendenza automatica a riconoscere le emozioni degli altri, si può anche impegnarsi deliberatamente in un ragionamento empatico. Tale impegno empatico aiuta un individuo a comprendere e anticipare il comportamento di un altro. Sono stati identificati due metodi generali: un individuo può simulare mentalmente versioni fittizie delle convinzioni, dei desideri, dei tratti caratteriali e del contesto di un altro individuo per vedere quali sentimenti emotivi ciò provoca. Oppure, un individuo può simulare una sensazione emotiva e quindi analizzare l’ambiente per scoprire una ragione adatta affinché la sensazione emotiva sia appropriata per quell’ambiente specifico. [49]

Primi [ chiarimenti necessari ] indicatori di mancanza di empatia:

  1. Trovarsi spesso in discussioni prolungate
  2. Formare opinioni in anticipo e difenderle vigorosamente
  3. Pensare che le altre persone siano eccessivamente sensibili
  4. Rifiutarsi di ascoltare altri punti di vista
  5. Incolpare gli altri per gli errori
  6. Non ascoltare quando si parla
  7. Portare rancore e avere difficoltà a perdonare
  8. Incapacità di lavorare in gruppo [ citazione necessaria ]

Il background emotivo di un empatizzante può influenzare o distorcere il modo in cui percepisce le emozioni negli altri. [166] Le società che promuovono l’individualismo hanno una minore capacità di empatia [ necessario chiarimento ] . [167] I giudizi che l’empatia fornisce sugli stati emotivi degli altri non sono certi. L’empatia è un’abilità che si sviluppa gradualmente nel corso della vita e che migliora quanto più contatti abbiamo con la persona con cui si entra in empatia [ necessari chiarimenti ] .

Gli empatizzanti riferiscono di aver trovato più facile assumere la prospettiva di un’altra persona in una situazione quando ha vissuto una situazione simile, [168] e di aver sperimentato una maggiore comprensione empatica. [169] La ricerca sul fatto che un’esperienza passata simile renda l’empatizzante più accurato è mista. [168] [169]

La misura in cui le emozioni di una persona sono pubblicamente osservabili o reciprocamente riconosciute come tali ha conseguenze sociali significative. Il riconoscimento empatico può essere o meno gradito o socialmente desiderabile. [ esempio necessario ] Questo è particolarmente vero quando riconosciamo le emozioni che qualcuno ha nei nostri confronti durante le interazioni in tempo reale. Basandosi su un’affinità metaforica con il tatto, la filosofa Edith Wyschogrod afferma che la vicinanza implicata dall’empatia aumenta la potenziale vulnerabilità di entrambe le parti. [170]

Leadership empatica – Approfondimenti – Problemi creati da troppa empatia e pregiudizi empatici

Alcune ricerche suggeriscono che le persone sono più capaci e disposte a entrare in empatia con le persone più simili a loro stesse. In particolare, l’empatia aumenta con le somiglianze nella cultura e nelle condizioni di vita. È più probabile che si verifichi empatia tra individui la cui interazione è più frequente. [171] [172] William Ickes ha sviluppato una misura di quanto bene una persona può dedurre il contenuto specifico dei pensieri e dei sentimenti di un’altra persona. [ chiarimento necessario ] [65] In un esperimento, i ricercatori hanno dato a due gruppi di uomini braccialetti in base alla squadra di calcio che hanno sostenuto. Ogni partecipante ha ricevuto una leggera scossa elettrica, poi ha guardato un altro soffrire lo stesso dolore. Quando i braccialetti si sono abbinati, entrambi i cervelli si sono infiammati [ sono necessari chiarimenti ] : con dolore e dolore empatico. Se sostenevano squadre avversarie, si scoprì che l’osservatore aveva poca empatia. [173]

Lo psicologo Paul Bloom , autore di Against Empathy , sottolinea che questo pregiudizio può sfociare in tribalismo e reazioni violente in nome dell’aiuto a persone della stessa “tribù” o gruppo sociale, ad esempio quando il pregiudizio empatico viene sfruttato dai demagoghi . [174] Egli propone come alternativa la “compassione razionale”; un esempio è l’uso dell’altruismo efficace per decidere razionalmente le donazioni di beneficenza, piuttosto che fare affidamento sulle risposte emotive alle immagini nei media. [174] L’empatia può essere sfruttata anche da mendicanti comprensivi . Bloom fa riferimento all’esempio dei bambini di strada in India, che possono ottenere molte donazioni perché sono adorabili , ma questo si traduce nella loro riduzione in schiavitù dalla criminalità organizzata. Bloom dice che sebbene qualcuno possa sentirsi meglio con se stesso e trovare più significato [ chiarimento necessario ] quando dà alla persona che ha di fronte, in alcuni casi farebbe meno male e in molti casi farebbe più bene al mondo dando a un ente di beneficenza efficace attraverso un sito web impersonale. [174]

Bloom crede che l’uso improprio dell’empatia e dell’intelligenza sociale possa portare ad azioni miopi e al campanilismo. [78] Sfida ulteriormente i risultati della ricerca convenzionale di supporto come gremlin da standard distorti. [ richiesto chiarimento ]

Bloom dice che sebbene gli psicopatici abbiano una bassa empatia, la correlazione tra bassa empatia e comportamento violento come documentato negli studi scientifici è “zero”. [174] Altre misure sono molto più predittive di comportamenti violenti, come la mancanza di autocontrollo . [174] Anche le persone con sindrome di Asperger e autismo hanno una bassa empatia, ma sono più spesso vittime di attacchi violenti rispetto agli autori. [174]

Bloom sottolinea che i genitori che hanno troppa empatia a breve termine potrebbero creare problemi a lungo termine per i loro figli, trascurando la disciplina, la genitorialità in elicottero o decidendo di non vaccinare i propri figli a causa del disagio a breve termine. [174] Le persone che provano troppa empatia dopo un disastro possono continuare a inviare donazioni come prodotti in scatola o vestiti usati anche dopo che gli è stato chiesto di interrompere o inviare denaro, e questo può peggiorare la situazione creando la necessità di smaltire donazioni inutili e sottraendo risorse alle attività utili. [174] Bloom ritiene inoltre che l’empatia possa incoraggiare comportamenti non etici quando induce le persone a preoccuparsi più delle persone attraenti che delle persone brutte, o delle persone della propria razza rispetto a persone di una razza diversa. [174] Il pregiudizio dell’attrattiva può anche influenzare gli sforzi di conservazione della fauna selvatica , aumentando la quantità di denaro dedicata e le leggi approvate per proteggere gli animali carini e fotogenici, distogliendo l’attenzione dalle specie più importanti dal punto di vista ecologico. [174]

Affaticamento da stress empatico

Un’eccessiva empatia può portare a “stanchezza da stress empatico”, soprattutto se associata ad altruismo patologico . I rischi medici [ necessari chiarimenti ] sono stanchezza , esaurimento lavorativo , senso di colpa , vergogna , ansia e depressione . [175] [176]

Tania Singer afferma che gli operatori sanitari e gli operatori sanitari devono essere obiettivi riguardo alle emozioni degli altri. Non dovrebbero investire eccessivamente le proprie emozioni nell’altro, a rischio di prosciugare la propria intraprendenza. [177] Paul Bloom sottolinea che gli infermieri ad alta empatia tendono a trascorrere meno tempo con i loro pazienti, per evitare di provare emozioni negative associate all’essere testimoni della sofferenza. [174]

Leadership empatica – Approfondimenti – Approcci disciplinari

Filosofia

Etica

Nel libro del 2007 The Ethics of Care and Empathy , il filosofo Michael https://en.wikipedia.org/wiki/Michael_SloteSlote https://en.wikipedia.org/wiki/Michael_Sloteintroduce una teoria dell’etica basata sulla cura che si basa sull’empatia. La sua affermazione è che la motivazione morale fa, e dovrebbe, derivare da una base di risposta empatica. Afferma che la nostra reazione naturale a situazioni di significato morale si spiega con l’empatia. Spiega che i limiti e gli obblighi dell’empatia e, a sua volta, della moralità sono naturali. Questi obblighi naturali includono un maggiore obbligo empatico e morale nei confronti della famiglia, degli amici e di coloro che ci sono vicini nel tempo e nello spazio. Il nostro obbligo morale verso tali persone ci sembra naturalmente più forte di quello verso estranei a distanza. Slote spiega che ciò è dovuto al naturale processo di empatia. Afferma che le azioni sono sbagliate se e solo se riflettono o mostrano una carenza di preoccupazione empatica completamente sviluppata per gli altri da parte dell’agente. [178]

Fenomenologia

In fenomenologia , l’empatia descrive l’esperienza di qualcosa dal punto di vista dell’altro, senza confusione tra sé e l’ altro . Ciò si basa su [ chiarimento necessario ] il senso di agenzia . Nel senso più elementare, questa è l’esperienza del corpo dell’altro come “il mio corpo laggiù”. Per molti altri aspetti, tuttavia, ciò che viene sperimentato viene vissuto come esperienza dell’altro; nello sperimentare l’empatia, ciò che viene vissuto non è la “mia” esperienza, anche se la vivo io . L’empatia è anche considerata la condizione dell’intersoggettività e, come tale, la fonte della costituzione dell’oggettività [ gergo ] . [179]

Storia

Alcuni storici postmoderni come Keith Jenkins hanno discusso se sia possibile o meno entrare in empatia con le persone del passato. Jenkins sostiene che l’empatia gode di una tale posizione privilegiata nel presente solo perché corrisponde armoniosamente al discorso liberale dominante della società moderna e può essere collegata al concetto di libertà reciproca di John Stuart Mill . Jenkins sostiene che il passato è un paese straniero e poiché non abbiamo accesso alle condizioni epistemologiche di epoche passate, non siamo in grado di entrare in empatia con coloro che vissero allora. [180]

Psicoterapia

Heinz Kohut ha introdotto il principio dell’empatia in psicoanalisi. Il suo principio si applica al metodo di raccolta del materiale inconscio. La possibilità di non applicare il principio è concessa nella cura, ad esempio quando si deve fare i conti con un altro principio, quello della realtà. [ richiesto chiarimento ]

Leadership empatica – Approfondimenti – Business e gestione

Nel libro del 2009 Wired to Care , il consulente strategico Dev Patnaik sostiene che un grave difetto nella pratica aziendale contemporanea è la mancanza di empatia all’interno delle grandi aziende. Afferma che senza empatia le persone all’interno delle aziende lottano per prendere decisioni intuitive e spesso vengono ingannate nel credere di capire il loro business se hanno una ricerca quantitativa su cui fare affidamento. Dice che le aziende possono creare un senso di empatia per i clienti, indicando Nike , Harley-Davidson e IBM come esempi di “organizzazioni aperte per l’empatia”. Tali aziende, afferma, vedono nuove opportunità più rapidamente rispetto alla concorrenza, si adattano ai cambiamenti più facilmente e creano ambienti di lavoro che offrono ai dipendenti un maggiore senso di missione nel loro lavoro. [181] Nel libro del 2011 The Empathy Factor , la consulente organizzativa Marie Miyashiro sostiene allo stesso modo di portare empatia sul posto di lavoro e suggerisce la comunicazione nonviolenta come meccanismo efficace per raggiungere questo obiettivo. [182] Negli studi del Management Research Group, l’empatia è risultata essere il più forte predittore del comportamento di leadership etica su 22 competenze nel suo modello di gestione e l’empatia è stata uno dei tre più forti predittori dell’efficacia dei dirigenti senior. [183] Uno studio del Center for Creative Leadership ha rilevato che l’empatia è positivamente correlata alle prestazioni lavorative anche tra i dipendenti. [184]

Leadership empatica – Approfondimenti – Evoluzione della cooperazione

L’assunzione di prospettiva empatica gioca un ruolo importante nel sostenere la cooperazione nelle società umane, come studiato dalla teoria dei giochi evolutiva. Nei modelli teorici dei giochi, la reciprocità indiretta si riferisce al meccanismo di cooperazione basato su reputazioni morali che vengono assegnate agli individui in base alla loro adesione percepita a un insieme di regole morali chiamate norme sociali. È stato dimostrato che se le reputazioni sono relative [ è necessario un chiarimento ] e gli individui non sono d’accordo sulla posizione morale degli altri (per esempio, perché usano regole di valutazione morale diverse o commettono errori di giudizio), allora la cooperazione non sarà sostenuta. Tuttavia, quando gli individui hanno la capacità di assumere una prospettiva empatica, il comportamento altruistico può evolversi ancora una volta. [40] Inoltre, i modelli evolutivi hanno anche rivelato che la stessa presa di prospettiva empatica può evolversi, promuovendo il comportamento prosociale nelle popolazioni umane. [185]

Misurazione

Gli sforzi per misurare l’empatia risalgono almeno alla metà del XX secolo. [10] [186] I ricercatori affrontano la misurazione dell’empatia da una serie di prospettive.

Le misure comportamentali normalmente coinvolgono i valutatori che valutano la presenza o l’assenza di determinati comportamenti predeterminati o ad hoc [ necessari chiarimenti ] nei soggetti che stanno monitorando. Sia i comportamenti verbali che quelli non verbali sono stati catturati in video da sperimentatori come Truax. [187] Altri sperimentatori, tra cui Mehrabian ed Epstein, [188] richiedevano ai soggetti di commentare i propri sentimenti e comportamenti, o quelli di altre persone coinvolte nell’esperimento, come modi indiretti per segnalare il loro livello di funzionamento empatico ai valutatori.

Le risposte fisiologiche tendono ad essere catturate da elaborate apparecchiature elettroniche che sono state fisicamente collegate al corpo del soggetto. I ricercatori traggono quindi inferenze sulle reazioni empatiche di quella persona dalle letture elettroniche prodotte. [189]

Le misure corporee o “somatiche” possono essere viste come misure comportamentali a livello micro. Misurano l’empatia attraverso reazioni facciali e altre reazioni non espresse verbalmente. Tali cambiamenti sono presumibilmente sostenuti da cambiamenti fisiologici determinati da una qualche forma di “contagio emotivo” o rispecchiamento. [189] Queste reazioni, sebbene sembrino riflettere lo stato emotivo interno dell’empatizzante, potrebbero anche, se l’incidente dello stimolo è durato più del periodo più breve, riflettere i risultati di reazioni emotive basate su cognizioni associate all’assunzione di ruoli (“se fossi in lui mi sentirei…”).

Sono stati adottati indici di empatia per immagini o storie di marionette per consentire anche a soggetti molto giovani in età prescolare di rispondere senza dover leggere domande e scrivere risposte. [190] Le variabili dipendenti (variabili che sono monitorate per qualsiasi cambiamento dallo sperimentatore) per i soggetti più giovani hanno incluso l’auto-segnalazione su una scala di faccine a sette punti e reazioni facciali filmate. [191]

In alcuni esperimenti, ai soggetti è richiesto di guardare scenari video (in scena o autentici) e di fornire risposte scritte che vengono poi valutate per i loro livelli di empatia; [192] gli scenari sono talvolta rappresentati anche in forma stampata. [193]

Leadership empatica – Approfondimenti – Misure di autovalutazione

Le misurazioni dell’empatia richiedono spesso ai soggetti di riferire autonomamente le proprie capacità o capacità di empatia, utilizzando risposte numeriche in stile Likert a un questionario stampato che potrebbe essere stato progettato per rivelare i substrati affettivi, cognitivo-affettivi o in gran parte cognitivi dell’empatia funzionamento. Alcuni questionari affermano di rivelare substrati sia cognitivi che affettivi. [194] Tuttavia, una meta analisi del 2019 mette in dubbio la validità delle misure di autovalutazione dell’empatia cognitiva, scoprendo che tali misure di autovalutazione hanno correlazioni trascurabilmente piccole con le corrispondenti misure comportamentali. [39]

Nel campo della medicina, uno strumento di misurazione per i caregiver è la Jefferson Scale of Physician Empathy, Health Professional Version ( JSPE -HP) . [195]

L’ Indice di reattività interpersonale ( https://en.wikipedia.org/wiki/Interpersonal_Reactivity_IndexIRI https://en.wikipedia.org/wiki/Interpersonal_Reactivity_Index) è tra i più antichi strumenti di misurazione pubblicati ancora in uso frequente (pubblicato per la prima volta nel 1983) che fornisce una valutazione multidimensionale dell’empatia. Comprende un questionario di autovalutazione di 28 item, suddiviso in quattro scale di 7 item che coprono le suddivisioni dell’empatia affettiva e cognitiva sopra descritte. [30] [33] Strumenti di autovalutazione più recenti includono The Empathy Quotient (EQ) creato da Baron-Cohen e Wheelwright [196] che comprende un questionario di autovalutazione composto da 60 item. Un’altra scala multidimensionale è il Questionario di empatia cognitiva e affettiva ( QCAE , pubblicato per la prima volta nel 2011). [197]

La scala dell’esperienza empatica è un questionario di 30 elementi che misura l’empatia da una prospettiva fenomenologica sull’intersoggettività , che fornisce una base comune per l’esperienza percettiva (dimensione dell’esperienza vicaria) e una consapevolezza cognitiva di base (dimensione della comprensione intuitiva) degli stati emotivi degli altri. [198]

Confronto internazionale dell’empatia a livello nazionale

In uno studio del 2016 condotto da un team di ricerca statunitense, i dati di autovalutazione dell’indice di interreattività (vedi misurazione ) sono stati confrontati tra i paesi. Dalle nazioni esaminate, le nazioni con i cinque punteggi di empatia più alti erano (in ordine decrescente): Ecuador , Arabia Saudita , Perù , Danimarca ed Emirati Arabi Uniti . I punteggi più bassi provengono da Bulgaria , Polonia , Estonia , Venezuela e Lituania . [199]

Per finta

Il potere dell’empatia è diventato un’abilità frequente nella narrativa , in particolare in quella dei media sui supereroi . Gli utenti, noti come “empatici”, hanno la capacità di percepire/sentire le emozioni e le sensazioni corporee degli altri e, in alcuni casi, influenzarle o controllarle.

Sebbene a volte sia un potere specifico detenuto da utenti come il personaggio della Marvel Comics Empath , il potere è stato anche spesso collegato a quello della telepatia come nel caso di Jean Gray .

La serie televisiva riavviata Charmed vede il personaggio Maggie Vera come una strega con il potere dell’empatia. I suoi poteri in seguito si espandono per permetterle di controllare le emozioni degli altri e, occasionalmente, di concentrare le emozioni in pura energia. Nella quarta stagione impara a replicare i poteri delle persone comprendendole empaticamente.

Leadership empatica – Approfondimenti – Guarda anche

Leadership empatica – Approfondimenti – Riferimenti

  1. ^Bellet PS, Maloney MJ (ottobre 1991). “L’importanza dell’empatia come capacità di intervista in medicina”. GIAMA. 266 (13): 1831–2. doi : 1001/jama.1991.03470130111039 . PMID 1909761 .
  2. ^ Rothschild, B. (con Rand, ML). (2006). Aiuto per l’aiutante: la psicofisiologia della compassione fatica e trauma vicario .
  3. ^Leggi H (22 agosto 2019). “Una tipologia di empatia e le sue molteplici forme morali”. Bussola filosofica. 14 (10). doi : 1111/phc3.12623 . S2CID 202396600 .
  4. ^ “Il rapporto tra le prospettive di cura spirituale degli studenti di infermieristica e le loro espressioni di empatia spirituale” Chism, Lisa Astalos ; Magnan , Morris A. The Journal of nursing education , 2009–11, vol. 48 (11), pag. 597–605; stati Uniti
  5. ^Harper D. “empatia” . Dizionario di etimologia in linea .
  6. ^ἐμ πάθεια . Liddell, Henry George ; Scott, Roberto ; Un lessico greco-inglese al progetto Perseus .
  7. ^ Elizabeth A. Segal, et al. Valutare l’empatia (2017), capitolo 1
  8. ^Titchener EB (2014). “Introspezione ed empatia” (PDF) . Dialoghi in Filosofia, Scienze Mentali e Neuro . 7 : 25–30. Archiviato dall’originale (PDF) il 26 luglio 2014.
  9. ^https://el.glosbe.com/el/en/%CE%B5%CE%BC%CF%80%CE%AC%CE%B8%CE%B5%CE%B9%CE%B1εμ https://el.glosbe.com/el/en/%CE%B5%CE%BC%CF%80%CE%AC%CE%B8%CE%B5%CE%B9%CE%B1πάθεια” . Globo. Dizionario Globo . Estratto il 26 aprile 2019.
  10. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Lanzoni2018_10-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Lanzoni2018_10-0bLanzoni , Susan Marie (2018). Empatia: una storia. Nuovo paradiso. ISBN 978-0-300-22268-5 .
  11. ^Hall, Judith A.; Schwartz, Rachel (4 maggio 2019). “Empatia presente e futuro”. Il giornale di psicologia sociale. 159 (3): 225–243. doi : 1080/00224545.2018.1477442 . PMID29781776 . S2CID 29167108 .
  12. ^Hall, Judith A.; Schwartz, Rachel; Duong, Fred (2 gennaio 2021). “Come definiscono l’empatia i laici?”. Il giornale di psicologia sociale. 161 (1): 5–24. doi : 1080/00224545.2020.1796567 . PMID32870130 . S2CID 221405375 .
  13. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Pijnenborg2012_13-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Pijnenborg2012_13-0bc Pijnenborg GH, Spikman JM, Jeronimus BF, Aleman A (giugno 2013). “Insight in schizofrenia: associazioni con l’empatia”. Archivi europei di psichiatria e neuroscienze cliniche. 263 (4): 299–307. doi : 1007/s00406-012-0373-0 . PMID 23076736 . S2CID 25194328 .
  14. ^Hodges SD, Klein KJ (settembre 2001). “Regolare i costi dell’empatia: il prezzo dell’essere umani”(PDF) . Il Giornale di Socio-Economia . 30 (5): 437–52. doi : 1016/S1053-5357(01)00112-3 .
  15. ^Baird JD, Nadel L (aprile 2010). Geni della felicità: sblocca il potenziale positivo nascosto nel tuo DNA. Nuova pagina libri. ISBN978-1-60163-105-3 .
  16. ^Cantante, Tania; Engert , Veronika (agosto 2019). “Importa ciò che pratichi: effetti di allenamento differenziali sull’esperienza soggettiva, sul comportamento, sul cervello e sul corpo nel progetto ReSource “. Opinione attuale in psicologia. 28 : 151–158. doi : 1016/j.copsyc.2018.12.005 . PMID30684917 . S2CID 59291558 .
  17. ^Weisz, Erika; Ong, Desmond C.; Carlson, Ryan W.; Zaki , Jamil (agosto 2021). “Costruire empatia attraverso interventi basati sulla motivazione”. Emozione. 21 (5): 990–999. doi : 1037/emo0000929 . PMID33211508 . S2CID 227079997 .
  18. ^Teding van Berkhout , Emily; Malouff , John M. (gennaio 2016). “L’efficacia della formazione sull’empatia: una meta-analisi di studi randomizzati controllati”. Giornale di psicologia del counseling. 63 (1): 32–41. doi : 1037/cou0000093 . PMID26191979 .
  19. ^Rathje , Steve; Hackel , Leor; Zaki , Jamil (luglio 2021). “Partecipare a un teatro dal vivo migliora l’empatia, cambia gli atteggiamenti e porta a comportamenti pro-sociali” . Giornale di psicologia sociale sperimentale. 95 : 104138. doi : 1016/j.jesp.2021.104138 . S2CID233549299 .
  20. ^O’Malley WJ (1999). “Insegnare l’empatia”. America. 180 (12): 22–26.
  21. ^Schwartz W (2002). “Dalla passività alla competenza: una concettualizzazione di conoscenza, abilità, tolleranza ed empatia” . Psichiatria. 65 (4): 339–45. doi : 1521/psic.65.4.338.20239 . PMID12530337 . S2CID 35496086 .
  22. ^Schwartz W (2013). “I parametri dell’empatia: considerazioni di base per la psicoterapia e la supervisione”. I progressi della psicologia descrittiva. 10 . doi : 2139/ssrn.2393689 .
  23. ^Meltzoff AN, Decety J (marzo 2003). “Cosa ci dice l’imitazione sulla cognizione sociale: un riavvicinamento tra psicologia dello sviluppo e neuroscienze cognitive” . Transazioni filosofiche della Royal Society di Londra. Serie B, Scienze biologiche. 358 (1431): 491–500. doi : 1098/rstb.2002.1261 . PMC1351349 . PMID 12689375 .
  24. ^Gu, Jenny; Cavanagh, Kate; Baer, Rut; Strauss, Clara (17 febbraio 2017). “Un esame empirico della struttura fattoriale della compassione” . PLO UNO. 12 (2): e0172471. Bibcode : 2017 https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2017PLoSO..1272471G. https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2017PLoSO..1272471G1272471G . doi : 10.1371/journal.pone.0172471 . PMC5315311 . PMID 28212391 .
  25. ^Strauss, Chiara; leva Taylor, Billie; Gu, Jenny; Kuyken , Willem; Baer, Rut; Jones, Fergal; Cavanagh, Kate (luglio 2016). “Cos’è la compassione e come misurarla? Una rassegna di definizioni e misure”. Revisione di psicologia clinica. 47 : 15–27. doi : 1016/j.cpr.2016.05.004 . PMID27267346 .
  26. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Batson,_C.D._2009_pp._3_26-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Batson,_C.D._2009_pp._3_26-0bBatman CD (2009). “Queste cose chiamate empatia: otto fenomeni correlati ma distinti.”. In Decety J, Ickes W (a cura di). La neuroscienza sociale dell’empatia . Cambridge: MIT Press . pp. 3 – 15. ISBN 9780262012973 .
  27. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Coplan2011_27-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Coplan2011_27-0bc Coplan , Amy (settembre 2011). “La vera empatia, per favore, si alzerà in piedi? Un caso per una concettualizzazione ristretta”. Il Giornale di Filosofia del Sud. 49 : 40–65. doi : 1111/j.2041-6962. https://doi.org/10.1111%2Fj.2041-6962.2011.00056.x2011.00056.x https://doi.org/10.1111%2Fj.2041-6962.2011.00056.x.
  28. ^Hatfield E, Cacioppo JL , Rapson RL (1993). “Contagio emotivo”(PDF) . Direzioni attuali in scienze psicologiche. 2 (3): 96–99. doi : 1111/1467-8721.ep10770953 . S2CID 220533081 . Archiviato dall’originale (PDF) il 19 novembre 2012.
  29. ^Bar-On RE, Parker JD (2000). Il manuale di intelligenza emotiva: teoria, sviluppo, valutazione e applicazione a casa, a scuola e sul posto di lavoro. San Francisco, California: Jossey-Bass. ISBN0-7879-4984-1 .
  30. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Rogers_30-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Rogers_30-0bc d e f g h io j K l m n o p Rogers K, Dziobek I, Hassenstab J, Wolf OT, Convit A (aprile 2007). “Chi se ne frega? Rivisitare l’empatia nella sindrome di Asperger” (PDF) . Giornale di autismo e disturbi dello sviluppo. 37 (4): 709–15. doi : 1007/s10803-006-0197-8 . PMID 16906462 . S2CID 13999363 . Archiviato (PDF) dall’originale il 16 luglio 2015.
  31. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Shamay-Tsoory_31-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Shamay-Tsoory_31-0bc d e f g Shamay-Tsoory SG, Aharon-Peretz J, Perry D (marzo 2009). “Due sistemi per l’empatia: una doppia dissociazione tra empatia emotiva e cognitiva nel giro frontale inferiore rispetto alle lesioni prefrontali ventromediali” . Cervello. 132 (Pt 3): 617–27. doi : 1093/cervello/awn279 . PMID 18971202 .
  32. ^de Waal FB (2008). “Riportare l’altruismo nell’altruismo: l’evoluzione dell’empatia”(PDF) . Rassegna annuale di psicologia. 59 (1): 279–300. doi : 1146/annurev.psych.59.103006.093625 . PMID 17550343 . Archiviato (PDF) dall’originale il 17 aprile 2012.
  33. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Davis1983_33-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Davis1983_33-0bc Davis M (1983). “Misurare le differenze individuali nell’empatia: prove per un approccio multidimensionale” . Giornale di personalità e psicologia sociale. 44 (1): 113–126. doi : 1037/0022-3514.44.1.113 . hdl : 10983/25968 .
  34. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-response_34-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-response_34-0bc d e f g h io Minio-Paluello I, Lombardo MV, Chakrabarti B, Wheelwright S, Baron-Cohen S (dicembre 2009). “Risposta alla lettera di Smith all’editore “Empatia emotiva nelle condizioni dello spettro autistico: debole, intatto o intensificato?”” . Giornale di autismo e disturbi dello sviluppo . 39 (12): 1749. doi : 1007/s10803-009-0800-x . S2CID 42834991 . PDF. Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive

Leadership empatica – Approfondimenti – Guarda anche:

Smith A (dicembre 2009). “Empatia emotiva nelle condizioni dello spettro autistico: debole, intatta o intensificata?” . Giornale di autismo e disturbi dello sviluppo. 39 (12): 1747–8, risposta dell’autore 1749–54. doi : 10.1007/s10803-009-0799-z . PMID 19572192 . S2CID 13290717 .

  1. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Lamm_35-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Lamm_35-0bc Lamm C, Batson CD, Decety J (gennaio 2007). “Il substrato neurale dell’empatia umana: effetti della presa di prospettiva e della valutazione cognitiva” . Giornale di neuroscienze cognitive. 19 (1): 42–58. CiteSeerX 1.1.511.3950 . doi : 10.1162/jocn.2007.19.1.42 . PMID 17214562 . S2CID 2828843 .
  2. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Baron-Cohen_2003_36-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Baron-Cohen_2003_36-0bc Barone-Cohen S (2003). La differenza essenziale: la verità sul cervello maschile e femminile . Libri di base. ISBN 9780738208442 .
  3. ^Gerace A, Giorno A, Casey S, Mohr P (2013). “Un’indagine esplorativa del processo di presa di prospettiva nelle situazioni interpersonali” . Giornale di ricerca sulle relazioni. 4 : mi6, 1–12. doi : 1017/jrr.2013.6 .
  4. ^Rogers K, Dziobek I, Hassenstab J, Wolf OT, Convit A (aprile 2007). “Chi se ne frega? Rivisitare l’empatia nella sindrome di Asperger”(PDF) . Giornale di autismo e disturbi dello sviluppo. 37 (4): 709–15. doi : 1007/s10803-006-0197-8 . PMID 16906462 . S2CID 13999363 . Archiviato (PDF) dall’originale il 16 luglio 2015.
  5. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Murphy2019_39-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Murphy2019_39-0bMurphy BA, Lilienfeld SO (agosto 2019). “Le valutazioni dell’empatia cognitiva di autovalutazione sono proxy valide per l’abilità di empatia cognitiva? Relazioni meta-analitiche trascurabili con le prestazioni del compito comportamentale”. Valutazione psicologica. 31 (8): 1062–1072. doi : 1037/pas0000732 . PMID 31120296 . S2CID 162181339 .
  6. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-:2_40-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-:2_40-0bRadzvilavicius AL, Stewart AJ, Plotkin JB (aprile 2019). “Evoluzione della valutazione morale empatica” . eVita . 8 : e44269. doi : 7554/eLife.44269 . PMC 6488294 . PMID 30964002 .
  7. ^“Il Tao del fare del bene ( https://ssir.org/articles/entry/the_tao_of_doing_goodSSIR https://ssir.org/articles/entry/the_tao_of_doing_good)” . sir.org. Archiviata dall’originale il 13 febbraio 2017 . Estratto il 13 febbraio 2017 .
  8. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Cox_42-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Cox_42-0bc d e f g Cox CL, Uddin LQ , Di Martino A, Castellanos FX, Milham MP, Kelly C (agosto 2012). “L’equilibrio tra sentire e https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3427869conoscere: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3427869l’empatia affettiva e cognitiva si riflettono nelle dinamiche funzionali intrinseche del cervello” . Neuroscienze sociali cognitive e affettive. 7 (6): 727–37. doi : 1093/scansione/nsr051 . PMC 3427869 . PMID 21896497 .
  9. ^Winczewski LA, Bowen JD, Collins NL (marzo 2016). “L’accuratezza empatica è sufficiente per facilitare il comportamento reattivo nell’interazione diadica? Distinguere l’abilità dalla motivazione”. Scienze psicologiche. 27 (3): 394–404. doi : 1177/0956797615624491 . PMID26847609 . S2CID 206588127 .
  10. ^Schurz, Mattia; Radua , Gioacchino; Tholen , Matthias G.; Maliske , Lara; Margulies, Daniel S.; Marte, Rogier B.; Sallet, Girolamo; Kanske, Philipp (marzo 2021). “Verso un modello gerarchico di cognizione sociale: una meta-analisi di neuroimaging e una revisione integrativa dell’empatia e della teoria della mente” . Bollettino psicologico. 147 (3): 293–327. doi : 1037/bul0000303 . hdl : 2066/226714 . ISSN1939-1455 . PMID 33151703 . S2CID 226272359 .
  11. ^Kanske P, Böckler A, Trautwein FM, Parianen Lesemann FH, cantante T (settembre 2016). “I forti empatizzanti sono migliori https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5015801mentalizzatori https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5015801? Prove per l’indipendenza e l’interazione tra le vie della cognizione sociale” . Neuroscienze sociali cognitive e affettive. 11 (9): 1383–92. doi : 1093/scansione/nsw052 . PMC5015801 . PMID 27129794 .
    • Kanske P, Böckler A, Trautwein FM, Singer T (novembre 2015). “Dissezione del cervello sociale: presentazione dell’EmpaToM per rivelare reti neurali distinte e relazioni cervello-comportamento per l’empatia e la teoria della mente”. Neuroimmagine . 122 : 6–19. doi : 1016/j.neuroimage.2015.07.082 . PMID26254589 . S2CID 20614006 .
  12. ^Sandin J (2007). Bonobo: Incontri nell’empatia. Milwaukee: Società zoologica di Milwaukee e The Foundation for Wildlife Conservation, Inc. p. 109. ISBN978-0-9794151-0-4 .
  13. ^Ben-Ami Bartal I, Decety J, Mason P (dicembre 2011). “Empatia e comportamento pro-sociale nei topi” . Scienza. 334 (6061): 1427–30. Bibcode : ..334.1427B . doi : 10.1126/scienza.1210789 . PMC3760221 . PMID 22158823 .
  14. ^Langford DJ, Crager SE, Shehzad Z, Smith SB, Sotocinal SG, Levenstadt JS, et al. (giugno 2006). “Modulazione sociale del dolore come evidenza di empatia nei topi” . Scienza. 312 (5782): 1967–70. Bibcode : ..312.1967L . doi : 10.1126/scienza.1128322 . PMID16809545 . S2CID 26027821 .
  15. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-DeWaal_49-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-DeWaal_49-0bde Waal FB (2008). “Rimettere l’altruismo nell’altruismo: l’evoluzione dell’empatia”. Rassegna annuale di psicologia. 59 (1): 279–300. doi : 1146/annurev.psych.59.103006.093625 . PMID 17550343 .
  16. ^Decety J (agosto 2011). “La neuroevoluzione dell’empatia”. Annali dell’Accademia delle scienze di New York. 1231 (1): 35–45. Bibcode : ..35D . doi : 10.1111/j.1749-6632. https://doi.org/10.1111%2Fj.1749-6632.2011.06027.x2011.06027.x https://doi.org/10.1111%2Fj.1749-6632.2011.06027.x. PMID21651564 . S2CID 9895828 .
  17. ^Decety J, Svetlova M (gennaio 2012). “Mettere insieme prospettive filogenetiche e ontogenetiche sull’empatia” . Neuroscienze cognitive dello sviluppo. 2 (1): 1–24. doi : 1016/j.dcn.2011.05.003 . PMC6987713 . PMID 22682726 .
  18. ^Hoffman ML (2000). Empatia e sviluppo morale. Cambridge: Cambridge University Press. ISBN9780521580342 .
  19. ^Decety J, Meyer M (2008). “Dalla risonanza emotiva alla comprensione empatica: un resoconto delle neuroscienze dello sviluppo sociale” . Sviluppo e Psicopatologia. 20 (4): 1053–80. doi : 1017/S0954579408000503 . PMID18838031 . S2CID 8508693 .
    • Eisenberg N, Spinrad TL, Sadovsky A (2006). “Risposta correlata all’empatia nei bambini.”. In Killen M, Smetana J (a cura di). Manuale di sviluppo morale . Mahwah, New Jersey: Lawrence Erlbaum Associates. pagg. 517 –549. ISBN9780805847512 .
  20. ^Falck -Ytter T, Gredebäck G , von Hofsten C (luglio 2006). “I bambini predicono gli obiettivi di azione degli altri”. Neuroscienze della natura. 9 (7): 878–9. doi : 1038/nn1729 . PMID16783366 . S2CID 2409686 .
  21. ^Zahn-Waxler C , Radke-Yarrow M (1990). “Le origini della preoccupazione empatica” . Motivazione ed Emozione. 14 (2): 107–130. doi : 1007/BF00991639 . S2CID143436918 .
  22. ^Decety J, Michalska KJ, Akitsuki Y (settembre 2008). “Chi ha causato il dolore? Un’indagine fMRI sull’empatia e l’intenzionalità nei bambini”. Neuropsicologia . 46 (11): 2607–14. doi : 1016/j.neuropsychologia.2008.05.026 . PMID18573266 . S2CID 19428145 .
  23. ^Le scansioni cerebrali mostrano i bambini naturalmente inclini all’empatiaArchiviato il 2 gennaio 2009 in Internet Archive A livello di notizie . Estratto il 13 luglio 2008.
  24. ^Wimmer H, Perner J (gennaio 1983). “Credenze sulle credenze: funzione di rappresentazione e costrizione delle credenze sbagliate nella comprensione dell’inganno da parte dei bambini” . Cognizione. 13 (1): 103–28. doi : 1016/0010-0277(83)90004-5 . PMID6681741 . S2CID 17014009 .
  25. ^Baron-Cohen S, Leslie AM, Frith U (ottobre 1985). “Il bambino autistico ha una “teoria della mente”?” . Cognizione. 21 (1): 37–46. doi : 1016/0010-0277(85)90022-8 . PMID2934210 . S2CID 14955234 .
  26. ^Leslie AM, Frith U (novembre 1988). “La comprensione da parte dei bambini autistici di vedere, conoscere e credere”. Giornale britannico di psicologia dello sviluppo . 6 (4): 315–324. doi : 1111/j.2044-835X.1988.tb01104.x .
  27. ^Olsen DP (settembre 2001). “Maturità empatica: teoria del punto di vista morale nelle relazioni cliniche” . Progressi nella scienza infermieristica. 24 (1): 36–46. doi : 1097/00012272-200109000-00006 . PMID11554532 . Archiviato dall’originale il 7 settembre 2009.
  28. ^Davis MH (1983). “Misurare le differenze individuali nell’empatia: prove per un approccio multidimensionale” . Giornale di personalità e psicologia sociale. 44 (1): 113–26. doi : 1037/0022-3514.44.1.113 . hdl : 10983/25968 .
  29. ^Haas BW, Brook M, Remillard L, Ishak A, Anderson IW, Filkowski MM (2015). “So come ti senti: il profilo di personalità caldo-altruistico e il cervello empatico” . PLO UNO. 10 (3): e0120639. Bibcode : 2015 https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2015PLoSO..1020639H. https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2015PLoSO..1020639H1020639H . doi : 10.1371/journal.pone.0120639 . PMC4359130 . PMID 25769028 .
  30. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Bosson_64-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Bosson_64-0bc d Bosson , Jennifer K.; Buckner, Camille E.; Vandello , Joseph A. (2021). La psicologia del sesso e del genere . Pubblicazioni Saggio. p. 330. ISBN 978-1-54-439403-9 .
  31. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Ickes,_W._1997_65-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Ickes,_W._1997_65-0bIckes W (1997). Precisione empatica. New York: The Guilford Press.
  32. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Christov-Moore_66-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Christov-Moore_66-0bc d e f g h io Christov -Moore L, Simpson EA, Coudé G, Grigaityte K, Iacoboni M, Ferrari PF (ottobre 2014). “Empatia: effetti di genere nel cervello e nel comportamento” . Neuroscienze e recensioni biocomportamentali. 46 Pt 4: 604–27. doi : 1016/j.neubiorev.2014.09.001 . PMC 5110041 . PMID 25236781 . Archiviato dall’originale il 14 agosto 2017.
  33. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Kret_2012_67-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Kret_2012_67-0bKret ME, De Gelder B (giugno 2012). “Una rassegna sulle differenze di sesso nell’elaborazione dei segnali emotivi” . Neuropsicologia . 50 (7): 1211–21. doi : 1016/j.neuropsychologia.2011.12.022 . PMID 22245006 . S2CID 11695245 .
  34. ^Thompson AE, Voyer D (1 gennaio 2014). “Differenze di sesso nella capacità di riconoscere manifestazioni non verbali di emozioni: una meta-analisi”. Cognizione & Emozione. 28 (7): 1164–95. doi : 1080/02699931.2013.875889 . PMID24400860 . S2CID 5402395 .
  35. ^L’inganno , Jean; Bartal , Inbal Ben-Ami; Uzefovsky , Florina; Knafo -Noam, Ariel (19 gennaio 2016). “L’empatia come motore del https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4685523comportamento prosociale: meccanismi https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4685523neurocomportamentali https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4685523altamente conservati https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4685523tra le specie” . Transazioni filosofiche della Royal Society B: Scienze biologiche . 371 (1686): 20150077. doi : 1098/rstb.2015.0077 . ISSN0962-8436 . PMC 4685523 . PMID 26644596 .
  36. ^Tisot CM (2003). Contributi ambientali allo sviluppo dell’empatia nei bambini piccoli (tesi di dottorato). Università del Tempio . OCLC56772472 .
  37. ^Leigh R, Oishi K, Hsu J, Lindquist M, Gottesman RF , Jarso S, et al. (Agosto 2013). “Lesioni acute che compromettono l’empatia affettiva” . Cervello. 136 (Pt 8): 2539–49. doi : 1093/cervello/awt177 . PMC3722353 . PMID 23824490 .
  38. ^de Sousa A, McDonald S, Rushby J (1 luglio 2012). “Cambiamenti nell’empatia emotiva, nella reattività affettiva e nel comportamento a seguito di gravi lesioni cerebrali traumatiche”. Giornale di neuropsicologia clinica e sperimentale. 34 (6): 606–23. doi : 1080/13803395.2012.667067 . PMID22435955 . S2CID 44373955 .
  39. ^de Sousa A, McDonald S, Rushby J, Li S, Dimoska A, James C (ottobre 2010). “Perché non ti senti come mi sento io? Approfondimento sull’assenza di empatia dopo una grave lesione cerebrale traumatica”. Neuropsicologia . 48 (12): 3585–95. doi : 1016/j.neuropsychologia.2010.08.008 . PMID20713073 . S2CID 25275909 .
  40. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-springerlink.com_74-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-springerlink.com_74-0bHoffman ML (1990). “Empatia e motivazione alla giustizia” . Motivazione ed Emozione. 14 (2): 151–172. doi : 1007/BF00991641 . S2CID 143830768 .
  41. ^Hoffman 2000 , pag. 101.
  42. ^Vitaglione GD, Barnett MA (dicembre 2003). “Valutare una nuova dimensione dell’empatia: la rabbia empatica come predittore di aiutare e punire i desideri” . Motivazione ed Emozione. 27 (4): 301–25. doi : 1023/A:1026231622102 . S2CID143276552 . Archiviato dall’originale il 14 maggio 2011.
  43. ^Mohr P, Howells K, Gerace A, Giorno A, Wharton M (2007). “Il ruolo della prospettiva nell’eccitazione della rabbia” . Personalità e differenze individuali. 43 (3): 507–517. doi : 1016/j.pagato.2006.12.019 . hdl : 2328/36189 .
  44. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Bloom2017_78-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Bloom2017_78-0bBloom P (gennaio 2017). “L’empatia e il suo malcontento”. Tendenze nelle scienze cognitive. 21 (1): 24–31. doi : 1016/j.tics.2016.11.004 . PMID 27916513 . S2CID 3863278 .
  45. ^Marjanovic Z, Struthers G (8 agosto 2011). “Chi aiuta le vittime di calamità naturali? Valutazione dei tratti e dei predittori situazionali”(PDF) . Analisi delle Questioni Sociali e delle Politiche Pubbliche. 12 (1): 245–267. doi : 1111/j.1530-2415. https://doi.org/10.1111%2Fj.1530-2415.2011.01262.x2011.01262.x https://doi.org/10.1111%2Fj.1530-2415.2011.01262.x.
  46. ^Einolf C (13 marzo 2012). “L’empatia cognitiva è più importante dell’empatia affettiva? Una risposta a “Chi aiuta le vittime di disastri naturali?””(PDF) . Analisi delle Questioni Sociali e delle Politiche Pubbliche. 12 (1): 268–271. doi : 1111/j.1530-2415. https://doi.org/10.1111%2Fj.1530-2415.2012.01281.x2012.01281.x https://doi.org/10.1111%2Fj.1530-2415.2012.01281.x. Estratto il 30 maggio 2014.
  47. ^Petrocchi , Serena; Bernardi, Sheila; Malacrida , Roberto; Traber, Rafael; Gabutti , Luca; Grignoli , Nicola (dicembre 2021). “L’empatia affettiva predice l’accettazione del comportamento https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8115029di autoisolamento https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8115029durante l’esposizione al rischio di coronavirus” . Rapporti scientifici. 11 (1): 10153. Bibcode : 2021 https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2021NatSR..1110153P. https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2021NatSR..1110153P1110153P . doi : 10.1038/s41598-021-89504-w . PMC8115029 . PMID 33980946 .
  48. ^Batson CD, Moran T (1999). “Altruismo indotto dall’empatia nel dilemma di un prigioniero” . Euro. J. Soc. Psicolo. 29 (7): 909–924. doi : 1002/(sici)1099-0992(199911)29:7<909::aid-ejsp965>3.0.co;2-l .
  49. ^Snyder CR, Lopez SJ , eds. (2009). Oxford Handbook of Positive Psychology (seconda ed.). Oxford: Oxford University Press. pp. 243 –44. ISBN978-0-19-518724-3 .
  50. ^Davis MH, Luce C, Kraus SJ (settembre 1994). “L’ereditarietà delle caratteristiche associate all’empatia disposizionale” . Diario della personalità. 62 (3): 369–91. doi : 1111/j.1467- https://doi.org/10.1111%2Fj.1467-6494.1994.tb00302.x6494.1994.tb https://doi.org/10.1111%2Fj.1467-6494.1994.tb00302.x00302.x . PMID7965564 .
  51. ^Todd RM, Anderson AK (novembre 2009). “La neurogenetica del ricordare le emozioni passate” . Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America. 106 (45): 18881–2. Bibcode : 2009 https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2009PNAS..10618881T. https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2009PNAS..10618881T10618881T . doi : 10.1073/pnas.0910755106 . PMC2776429 . PMID 19889977 .
  52. ^Naudt KH , Azevedo RT, David AS, van Heeringen K, Gibbs AA (settembre 2012). “L’epistasi tra i polimorfismi 5-HTTLPR e ADRA2B influenza il pregiudizio attenzionale per le informazioni emotive nei volontari sani” . Il Giornale Internazionale di Neuropsicofarmacologia. 15 (8): 1027–36. doi : 1017/S1461145711001295 . PMID21854681 . PDF. Archiviato il 23 ottobre 2017 in Internet Archive
  53. ^Saphire -Bernstein S, Way BM, Kim HS, Sherman DK, Taylor SE (settembre 2011). “Il gene del recettore dell’ossitocina ( https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3174632OXTR https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3174632) è correlato alle risorse psicologiche” . Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America. 108 (37): 15118–22. Bibcode : 2011 https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2011PNAS..10815118S. https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2011PNAS..10815118S10815118S . doi : 10.1073/pnas.1113137108 . PMC3174632 . PMID 21896752 .
  54. ^Guerriero V, Grasby KL, Uzefovsky F, Toro R, Smith P, Chakrabarti B, et al. (giugno 2018). “Meta-analisi dell’empatia cognitiva: ereditarietà e correla con sesso, condizioni neuropsichiatriche e cognizione” . Psichiatria Molecolare. 23 (6): 1402–1409. doi : 1038/mp.2017.122 . PMC5656177 . PMID 28584286 .
  55. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Keen_Suzanne_2006_207%E2%80%9336_89-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Keen_Suzanne_2006_207%E2%80%9336_89-0bKeen S (2006). “Una teoria dell’empatia narrativa”. Narrativa. 14 (3): 207–36. doi : 1353/nar.2006.0015 . S2CID 52228354 .
  56. ^Gazzola V, Aziz-Zadeh L, Keysers C (settembre 2006). “L’empatia e il sistema dello specchio uditivo somatotopico nell’uomo” . Biologia attuale. 16 (18): 1824–9. doi : 1016/j.cub.2006.07.072 . PMID16979560 . S2CID 5223812 .
  57. ^Bartlett MY, DeSteno D (aprile 2006). “Gratitudine e comportamento prosociale: aiutare quando ti costa”. Scienze psicologiche. 17 (4): 319–25. doi : 1111/j.1467-9280. https://doi.org/10.1111%2Fj.1467-9280.2006.01705.x2006.01705.x https://doi.org/10.1111%2Fj.1467-9280.2006.01705.x. PMID16623689 . S2CID 6491264 .
  58. ^Fan Y, Duncan NW, de Greck M, Northoff G (gennaio 2011). “Esiste una rete neurale centrale nell’empatia? Una meta-analisi quantitativa basata su fMRI”. Neuroscienze e recensioni biocomportamentali. 35 (3): 903–11. doi : 1016/j.neubiorev.2010.10.009 . PMID20974173 . S2CID 20965340 .
  59. ^Keyser C, Gazzola V (dicembre 2009). “Espandere lo specchio: attività vicaria per azioni, emozioni e sensazioni”. Opinione attuale in neurobiologia. 19 (6): 666–71. doi : 1016/j.conb.2009.10.006 . PMID19880311 . S2CID 2692907 .
  60. ^Wicker B, Keysers C, Plailly J, Royet JP, Gallese V, Rizzolatti G (ottobre 2003). “Entrambi siamo disgustati nella mia insula: la base neurale comune del vedere e del provare disgusto” . Neurone. 40 (3): 655–64. doi : 1016/S0896-6273(03)00679-2 . PMID14642287 .
  61. ^Keysers C, Wicker B, Gazzola V, Anton JL , Fogassi L, Gallese V (aprile 2004). “Uno spettacolo toccante: attivazione https://doi.org/10.1016%2FS0896-6273%2804%2900156-4SII https://doi.org/10.1016%2FS0896-6273%2804%2900156-4/PV durante l’osservazione e l’esperienza del tatto” . Neurone. 42 (2): 335–46. doi : 1016/S0896-6273(04)00156-4 . PMID15091347 .
  62. ^Morrison I, Lloyd D, di Pellegrino G, Roberts N (giugno 2004). “Risposte vicarie al dolore nella corteccia cingolata anteriore: l’empatia https://doi.org/10.3758%2Fcabn.4.2.270è https://doi.org/10.3758%2Fcabn.4.2.270un problema multisensoriale?” . Neuroscienze cognitive, affettive e comportamentali. 4 (2): 270–8. doi : 3758/cabn.4.2.270 . PMID15460933 .
  63. ^Preston SD, de Waal FB (febbraio 2002). “Empatia: le sue basi ultime e prossime” . Le scienze comportamentali e del cervello. 25 (1): 1–20, discussione 20–71. doi : 1017/s0140525x02000018 . PMID12625087 .
  64. ^Gutsell JN, Inzlicht M (2010). “Empatia vincolata: il pregiudizio prevede una ridotta simulazione mentale delle azioni durante l’osservazione degli outgroup”. Giornale di psicologia sociale sperimentale. 46 (5): 841–845. doi : 1016/j.jesp.2010.03.011 .
  65. ^Jack AI, Dawson AJ, Begany KL, Leckie RL , Barry KP , Ciccia AH, Snyder AZ (febbraio 2013). “fMRI rivela l’inibizione reciproca tra i domini cognitivi sociali e fisici” . Neuroimmagine . 66 : 385–401. doi : 1016/j.neuroimage.2012.10.061 . PMC3602121 . PMID 23110882 .
  66. ^Tommaso B (6 novembre 2012). “Cosa c’è di così speciale nei neuroni specchio? ( http://blogs.scientificamerican.com/guest-blog/whats-so-special-about-mirror-neurons/blog degli ospiti )” http://blogs.scientificamerican.com/guest-blog/whats-so-special-about-mirror-neurons/. Scientifico americano . New York. Archiviato dall’originale il 21 maggio 2015.
  67. ^Marsh J (29 marzo 2012). “I neuroni specchio ci danno empatia?” . Rivista Greater Good . Greater Good Science Center . Archiviato dall’originale il 24 ottobre 2017.

Guarda anche:

Ramachandran VS (2011). Il cervello rivelatore: la ricerca di un neuroscienziato di ciò che ci rende umani . New York: WW Norton. ISBN 9780393077827 .

  1. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Caldwell_102-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Caldwell_102-0b Phoebe Caldwell, “Lettere”, London Times , 30 dicembre 2005
  2. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-zero_degrees_103-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-zero_degrees_103-0b Barone-Cohen S (2011). Zero gradi di empatia: una nuova teoria della crudeltà umana . Pinguino Regno Unito. ISBN 9780713997910 . Estratto l’8 agosto 2013.
  3. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-10.1016/j.psychres.2007.05.017_104-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-10.1016/j.psychres.2007.05.017_104-0b c Bora E, Gökçen S, Veznedaroglu B (luglio 2008). “Abilità empatiche nelle persone con schizofrenia”. Ricerca in psichiatria. 160 (1): 23–9. doi : 1016/j.psychres.2007.05.017 . PMID 18514324 . S2CID 20896840 .
  4. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Decety_BiologicalPsy2008_105-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Decety_BiologicalPsy2008_105-0b c Decety J, Michalska KJ, Akitsuki Y, Lahey BB (febbraio 2009). “Risposte empatiche atipiche negli adolescenti con disturbo della condotta aggressiva: un’indagine MRI funzionale” . Psicologia biologica. 80 (2): 203–11. doi : 1016/j.biopsycho.2008.09.004 . PMC 2819310 . PMID 18940230 .
  5. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Grossman_1996_106-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Grossman_1996_106-0b Grossman D (1996). Sull’uccisione: il costo psicologico dell’imparare a uccidere nella guerra e nella società. Libri di Back Bay. ISBN 978-0-316-33000-8 .
  6. ^Simons D, Wurtele SK, Heil P (1 dicembre 2002). “Vittimizzazione infantile e mancanza di empatia come predittori di reati sessuali contro donne e bambini” . Giornale di violenza interpersonale. 17 (12): 1291–1307. doi : 1177/088626002237857 . ISSN 0886-2605 . S2CID 145525384 .
  7. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Hill_et_al._108-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Hill_et_al._108-0b Hill E, Berthoz S, Frith U (aprile 2004). “Breve relazione: elaborazione cognitiva delle proprie emozioni negli individui con disturbo dello spettro autistico e nei loro parenti” (PDF) . Giornale di autismo e disturbi dello sviluppo. 34 (2): 229–35. doi : 1023/ https://doi.org/10.1023%2FB%3AJADD.0000022613.41399.14B:JADD https://doi.org/10.1023%2FB%3AJADD.0000022613.41399.14.0000022613.41399.14 . PMID 15162941 . S2CID 776386 . Archiviato dall’originale (PDF) il 19 giugno 2013.
  8. ^ Taylor, GJ, & Bagby , RM , & Parker, JDA . Disturbi della regolazione affettiva: alessitimia nelle malattie mediche e psichiatriche. (1997) Università di Cambridge. Premere.
    • Sifneos PE (1973). “La prevalenza delle caratteristiche ‘ alessitimiche ‘ nei pazienti psicosomatici”. Psicoterapia e Psicosomatica. 22 (2): 255–62. doi : 1159/000286529 . PMID4770536 .
  9. ^Moriguchi Y, Decety J, Ohnishi T, Maeda M, Mori T, Nemoto K, Matsuda H, Komaki G (settembre 2007). “Empatia e giudizio sul dolore dell’altro: uno studio fMRI sull’alexithymia” . Corteccia cerebrale. New York, NY 17 (9): 2223–34. doi : 1093/ https://doi.org/10.1093%2Fcercor%2Fbhl130cercor https://doi.org/10.1093%2Fcercor%2Fbhl130/bhl130 . PMID 17150987 .
  10. ^Brackett MA, Warner RM, Bosco JS (2005). “Intelligenza emotiva e qualità delle relazioni tra le coppie” (PDF) . Relazioni personali. 12 (2): 197–212. CiteSeerX 1.1.385.3719 . doi : 10.1111/j.1350-4126. https://doi.org/10.1111%2Fj.1350-4126.2005.00111.x2005.00111.x https://doi.org/10.1111%2Fj.1350-4126.2005.00111.x. Archiviato dall’originale (PDF) il 27 settembre 2007.
  11. ^Yelsma P, Midollo S (gennaio 2003). “Un esame delle difficoltà di espressività emotiva delle coppie e della loro soddisfazione coniugale”. Il giornale della comunicazione familiare. 3 (1): 41–62. doi : 1207/S15327698JFC0301_03 . S2CID 144200365 .
  12. ^Bird G, Silani G, Brindley R, White S, Frith U, Singer T (maggio 2010). “Le risposte empatiche del cervello nell’insula sono modulate dai livelli di alessitimia ma non dall’autismo” . Cervello. 133 (Pt 5): 1515–25. doi : 1093/cervello/awq060 . PMC 2859151 . PMID 20371509 .
  13. ^Dapretto M, Davies MS, Pfeifer JH, Scott AA, Sigman M, Bookheimer SY, Iacoboni M (gennaio 2006). “Capire le emozioni negli altri: disfunzione del neurone specchio nei bambini con disturbi dello spettro autistico” . Neuroscienze della natura. 9 (1): 28–30. doi : 1038/nn1611 . PMC 3713227 . PMID 16327784 .
  14. ^Oberman LM , Hubbard EM, McCleery JP, Altschuler EL, Ramachandran VS, Pineda JA (luglio 2005). “Evidenza EEG per la disfunzione del neurone specchio nei disturbi dello spettro autistico”. Ricerca sul cervello. Ricerca cognitiva sul cervello. 24 (2): 190–8. doi : 1016/j.cogbrainres.2005.01.014 . PMID 15993757 .
  15. ^Iacoboni , M. (2005). Capire gli altri: imitazione, linguaggio, empatia. Prospettive sull’imitazione: dalle neuroscienze cognitive alle scienze sociali 1, 77–99.
  16. ^Gillberg CL (luglio 1992). “The Emanuel Miller Memorial Lecture 1991. Autismo e condizioni simil-autistiche: sottoclassi tra i disturbi dell’empatia” . Journal of Child Psychology and Psychiatry, and Allied Disciplines. 33 (5): 813–42. doi : 1111/j.1469- https://doi.org/10.1111%2Fj.1469-7610.1992.tb01959.x7610.1992.tb https://doi.org/10.1111%2Fj.1469-7610.1992.tb01959.x01959.x . PMID 1634591 .
  17. ^Roeyers H, Buysse A, Ponnet K, Pichal B (febbraio 2001). “Prove avanzate di lettura della mente: accuratezza empatica negli adulti con un disturbo pervasivo dello sviluppo”. Journal of Child Psychology and Psychiatry, and Allied Disciplines. 42 (2): 271–8. doi : 1017/s0021963001006680 . PMID 11280423 .
  18. ^“APA https://psycnet.apa.org/record/2009-16727-009PsycNet https://psycnet.apa.org/record/2009-16727-009. psycnet.apa.org. Estratto il 14 aprile 2022.
  19. ^Hamilton AF (agosto 2009). “Obiettivi, intenzioni e stati mentali: sfide per le teorie dell’autismo”. Journal of Child Psychology and Psychiatry, and Allied Disciplines. 50 (8): 881–92. CiteSeerX 1.1.621.6275 . doi : 10.1111/j.1469-7610. https://doi.org/10.1111%2Fj.1469-7610.2009.02098.x2009.02098.x https://doi.org/10.1111%2Fj.1469-7610.2009.02098.x. PMID 19508497 .
  20. ^ McDonald, Nicole M. e Daniel S. Messinger . “Lo sviluppo dell’empatia: come, quando e perché”. Comportamento morale e libero arbitrio: un approccio neurobiologico e filosofico (2011): 341-368 .
  21. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-e-s_theory_122-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-e-s_theory_122-0b Barone-Cohen S (marzo 2009). “Autismo: la teoria empatizzante-sistematizzante (ES)”. Annali dell’Accademia delle scienze di New York. 1156 (The Year in Cognitive Neuroscience 2009): 68–80. Bibcode : ..68B . doi : 10.1111/j.1749-6632. https://doi.org/10.1111%2Fj.1749-6632.2009.04467.x2009.04467.x https://doi.org/10.1111%2Fj.1749-6632.2009.04467.x. PMID 19338503 . S2CID 1440395 .
  22. ^Auyeung B, Baron-Cohen S, Ashwin E, Knickmeyer R, Taylor K, Hackett G (febbraio 2009). “Testosterone fetale e tratti autistici” (PDF) . Giornale britannico di psicologia. 100 (Pt 1): 1–22. doi : 1348/000712608X311731 . hdl : 20.500.11820/3012e64e-48e9-46fb-b47e-8a8a7853b4de . PMID 18547459 . S2CID 6344484 . Archiviato (PDF) dall’originale il 22 novembre 2018. Estratto il 21 novembre 2018. PDF. Archiviato il 9 agosto 2017 in Internet Archive
  23. ^Milton, Damian EM (1 ottobre 2012). “Sullo statuto ontologico dell’autismo: il ‘problema della doppia empatia'” . Disabilità e società. 27 (6): 883–887. doi : 1080/09687599.2012.710008 . ISSN 0968-7599 . S2CID 54047060 .
  24. ^Cleckly HC (1941). “La maschera della sanità mentale: un tentativo di reinterpretare la cosiddetta personalità psicopatica”. St. Louis, MO: Mosby.
  25. ^Lepre RD (1991). “La lista di controllo della psicopatia della lepre rivista”. Toronto: sistemi sanitari multipli.
  26. ^Skeem JL , Polaschek DL, Patrick CJ, Lilienfeld SO (dicembre 2011). “Personalità psicopatica: colmare il divario tra prove scientifiche e politiche pubbliche” . Scienze psicologiche nell’interesse pubblico. 12 (3): 95–162. doi : 1177/1529100611426706 . PMID 26167886 . S2CID 8521465 . Archiviato dall’originale il 22 febbraio 2016.
  27. ^Patrizio C (2005). Manuale di psicopatia. Guilford Press. ISBN 978-1-60623-804-2 . [ pagina necessaria ]
  28. ^Andrade J (23 marzo 2009). Manuale di valutazione e trattamento del rischio di violenza: nuovi approcci per i professionisti della salute mentale . New York, NY: Springer Publishing Company. ISBN 978-0-8261-9904-1 . Estratto il 5 gennaio 2014.
  29. ^ OMS (2010) ICD-10: descrizioni cliniche e linee guida diagnostiche: disturbi della personalità e del comportamento degli adultiArchiviato il 23 marzo 2014 in Internet Archive
  30. ^Decety J, Skelly L (2013). “Le basi neurali dell’esperienza dell’empatia: lezioni per la psicopatia.”. In Ochsner KN , Kosslyn SM (a cura di). L’Oxford Handbook of Cognitive Neuroscience. vol. 2. New York: Oxford University Press. pp. 228–243.
  31. ^Blair RJ (ottobre 1995). “Un approccio cognitivo evolutivo alla mortalità: indagare sullo psicopatico” (PDF) . Cognizione. 57 (1): 1–29. doi : 1016/0010-0277(95)00676-p . PMID 7587017 . S2CID 16366546 . Archiviato dall’originale (PDF) il 21 luglio 2013.
  32. ^Blair RJ (gennaio 2003). “Basi neurobiologiche della psicopatia” . Il British Journal of Psychiatry. 182 : 5–7. doi : 1192/bjp.182.1.5 . PMID 12509310 .
  33. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Quinton_134-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Quinton_134-0b “Psicopatia” di Quinton 2006
  34. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Blair_2001a_135-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Blair_2001a_135-0b Blair RJ, College E, Mitchell DG (dicembre 2001). “Marcatori somatici e inversione della risposta: esiste una disfunzione della corteccia orbitofrontale nei ragazzi con tendenze psicopatiche?” . Giornale di psicologia infantile anormale. 29 (6): 499–511. doi : 1023/A:1012277125119 . PMID 11761284 . S2CID 1951812 .
  35. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Blair_2002_136-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Blair_2002_136-0b Blair RJ, Mitchell DG, Richell RA, Kelly S, Leonard A, Newman C, Scott SK (novembre 2002). “Far orecchie da mercante alla paura: riconoscimento alterato dell’affetto vocale negli individui psicopatici” . Giornale di psicologia anormale. 111 (4): 682–6. doi : 1037/0021-843x.111.4.682 . PMID 12428783 .
  36. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Stevens_2001_137-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Stevens_2001_137-0b Stevens D, Charman T, Blair RJ (giugno 2001). “Riconoscimento dell’emozione nelle espressioni facciali e nei toni vocali nei bambini con tendenze psicopatiche” . Il giornale di psicologia genetica. 162 (2): 201–11. doi : 1080/00221320109597961 . PMID 11432605 . S2CID 42581610 .
  37. ^Decety J, Skelly L, Yoder KJ, Kiehl KA (febbraio 2014). “Elaborazione neurale delle espressioni facciali emotive dinamiche negli psicopatici” . Neuroscienze Sociali. 9 (1): 36–49. doi : 1080/17470919.2013.866905 . PMC 3970241 . PMID 24359488 .
    • Dawel A, O’Kearney R, McKone E, Palermo R (novembre 2012). “Non solo paura e tristezza: prove meta-analitiche di deficit pervasivi di riconoscimento delle emozioni per le espressioni facciali e vocali nella psicopatia”. Neuroscienze e recensioni biocomportamentali. 36 (10): 2288–304. doi : 1016/j.neubiorev.2012.08.006 . hdl : 1885/19765 . PMID22944264 . S2CID 2596760 .
  38. ^Hogenboom M (25 luglio 2013). “I criminali psicopatici hanno un interruttore di empatia” . Notizie della BBC. Archiviata dall’originale il 27 luglio 2013 . Estratto il 28 luglio 2013 .
  39. ^Lewis T (24 luglio 2013). “Anche gli psicopatici dal cuore freddo provano empatia” . Scienza dal vivo.
  40. ^Barrett LF (2017). Come sono fatte le emozioni: la vita segreta del cervello.
    • Atkins D (2014). Il ruolo della cultura nell’empatia: le conseguenze e le spiegazioni delle differenze culturali nell’empatia a livello affettivo e cognitivo.
  41. ^Decety J, Skelly LR, Kiehl KA (giugno 2013). “Risposta del cervello a scenari che suscitano empatia che coinvolgono il dolore negli individui incarcerati con psicopatia” . Psichiatria JAMA. 70 (6): 638–45. doi : 1001/jamapsychiatry.2013.27 . PMC 3914759 . PMID 23615636 .
  42. ^Decety J, Chen C, Harenski C, Kiehl KA (2013). “Uno studio fMRI sulla prospettiva affettiva che prende in individui con psicopatia: immaginare un altro nel dolore non evoca empatia” . Frontiere nelle neuroscienze umane. 7 : 489. doi : 3389/fnhum.2013.00489 . PMC 3782696 . PMID 24093010 .
  43. ^Mullins-Nelson JL , Salekin RT, Anne-Marie RT, Leistico RL (2006). “Psicopatia, empatia e capacità di assunzione di prospettiva in un campione comunitario: implicazioni per il concetto di psicopatia di successo” . Giornale internazionale di salute mentale forense. 5 (2): 133–149. doi : 1080/14999013.2006.10471238 . S2CID 143760402 .
  44. ^Winter K, Spengler S, Bermpohl F, Singer T, Kanske P (aprile 2017). “Cognizione sociale nei criminali aggressivi: empatia compromessa, ma teoria della mente intatta” . Rapporti scientifici. 7 (1): 670. Bibcode : .. https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2017NatSR…7..670W7.. https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2017NatSR…7..670W670W . doi : 10.1038/s41598-017-00745-0 . PMC 5429629 . PMID 28386118 .
  45. ^Minzenberg MJ, Fisher-Irving M, Poole JH, Vinogradov S (febbraio 2006). “La riduzione delle prestazioni della memoria di origine autoreferenziale è associata alla disfunzione interpersonale nel disturbo borderline di personalità” (PDF) . Diario dei disturbi della personalità. 20 (1): 42–54. doi : 1521/pedi.2006.20.1.42 . PMID 16563078 . Archiviato (PDF) dall’originale il 16 maggio 2013.
  46. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Harari_147-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Harari_147-0b c d Harari H, Shamay-Tsoory SG, Ravid M, Levkovitz Y (febbraio 2010). “Doppia dissociazione tra empatia cognitiva ed affettiva nel disturbo borderline di personalità”. Ricerca in psichiatria. 175 (3): 277–9. doi : 1016/j.psychres.2009.03.002 . PMID 20045198 . S2CID 27303466 .
  47. ^Wagner AW, Linehan MM (1999). “Abilità di riconoscimento dell’espressione facciale tra le donne con disturbo borderline di personalità: implicazioni per la regolazione delle emozioni?” . Diario dei disturbi della personalità. 13 (4): 329–44. doi : 1521/pedi.1999.13.4.329 . PMID 10633314 .
  48. ^Lynch TR, Rosenthal MZ , Kosson DS, Cheavens JS, Lejuez CW, Blair RJ (novembre 2006). “Accresciuta sensibilità alle espressioni facciali delle emozioni nel disturbo borderline di personalità”. Emozione. 6 (4): 647–655. doi : 1037/1528-3542.6.4.647 . PMID 17144755 .
  49. ^Disturbo narcisistico della personalità Archiviato il 18 gennaio 2013 in today Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali Quarta edizione Revisione del testo (DSM-IV-TR) American Psychiatric Association (2000)
  50. ^“Disturbo schizoide di personalità” . Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (Quarto (DSM-IV-TR) ed.). Associazione Psichiatrica Americana . 2000 Archiviata dall’originale il 18 gennaio 2013.
  51. ^Guntrip H (1969). Fenomeni schizoidi, relazioni oggettuali e il Sé. New York: International University Press.
  52. ^ Ralph Klein-pp. 13–23 in Disorders of the Self: New Therapeutic Horizons, Brunner/Mazel (1995).
  53. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-10.1176/jnp.2009.21.1.59_154-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-10.1176/jnp.2009.21.1.59_154-0b Shamay-Tsoory S, Harari H, Szepsenwol O, Levkovitz Y (2009). “Evidenza neuropsicologica di compromissione dell’empatia cognitiva nel disturbo bipolare eutimico”. Il giornale di neuropsichiatria e neuroscienze cliniche. 21 (1): 59–67. doi : 1176/jnp.2009.21.1.59 . PMID 19359453 .
  54. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-:0_155-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-:0_155-0b “Soffri di disturbo da deficit di empatia?” . Psicologia oggi. Estratto il 18 marzo 2022.
  55. ^McAlinden M (2014). “Gli insegnanti possono conoscere la mente degli studenti? Empatia dell’insegnante e linguaggio del corpo dello studente nell’insegnamento della lingua inglese”. In Dunworth K, Zhang G (a cura di). Prospettive critiche sull’educazione linguistica: Australia e Asia Pacifico. Cham, Svizzera: Springer. pagine 71–100. ISBN 9783319061856 .
  56. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Tettegah,_S._2007_157-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Tettegah,_S._2007_157-0b Tettegah S, Anderson CJ (2007). “Empatia e cognizioni degli insegnanti pre-servizio: analisi statistica dei dati testuali mediante modelli grafici”. Psicologia dell’educazione contemporanea . 32 (1): 48–82. doi : 1016/j.cedpsych.2006.10.010 .
  57. ^Cornelius-White JH, Harbaugh AP (2010). Istruzione incentrata sullo studente. Thousand Oaks, CA, Londra, Nuova Delhi, Singapore: Pubblicazioni SAGE.
    • Rogers CR, Lione Jr HC, Tausch R (2013). Sul diventare un insegnante efficace – Insegnamento, psicologia, filosofia e dialoghi incentrati sulla persona . Londra: Routledge. ISBN978-0-415-81698-4 .
  58. ^ William Weeks, Paul Pedersen e Richard Brislin (1979). Un manuale di esperienze strutturate per l’apprendimento culturale. La Grange Park, IL: Rete interculturale.
  59. ^ Divine World College (2016), Corso di laurea in studi interculturali, Epworth, IA.
  60. ^ Sue Brown e Joyce Osland (2016), Sviluppo della competenza sulla diversità culturale . Università di Portland.
  61. ^Eisenberg N, Miller PA (gennaio 1987). “Il rapporto dell’empatia con i comportamenti prosociali e correlati” . Bollettino psicologico. 101 (1): 91–119. doi : 1037/0033-2909.101.1.91 . PMID 3562705 .
  62. ^Bjorkqvist K, Osterman K, Kaukiainen A (2000). “Intelligenza sociale – empatia = aggressività?”. Aggressività e comportamento violento. 5 (2): 191–200. doi : 1016/s1359-1789(98)00029-9 .
  63. ^Geer JH, Estupinan LA, Manguno -Mire GM (2000). “Empatia, abilità sociali e altri processi cognitivi rilevanti negli stupratori e molestatori di bambini”. Aggressività e comportamento violento. 5 (1): 99–126. doi : 1016/s1359-1789(98)00011-1 .
  64. ^Segal SA, Gerdes KE , Lietz CA (2017). Valutare l’empatia . Columbia University Press. pagine 79–81. ISBN 978-0-231-54388-0 .
  65. ^Goleman D (2005). Intelligenza emotiva (in danese). New York: libri Bantam. ISBN 978-0-553-38371-3 . OCLC 61770783 .
  66. ^Weiner IB , Craighead WE (2010). L’ https://books.google.com/books?id=pa5vKqntwikC&pg=PA810Enciclopedia della Psicologia Corsini https://books.google.com/books?id=pa5vKqntwikC&pg=PA810. John Wiley & Figli. p. 810. ISBN 978-0-470-17026-7 .
  67. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Gerace2015_168-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Gerace2015_168-0b Gerace A, Giorno A, Casey S, Mohr P (2015). “Assunzione di prospettiva ed empatia: avere un’esperienza passata simile a quella di un’altra persona rende più facile prendere la sua prospettiva?” (PDF) . Giornale di ricerca sulle relazioni. 6 : e10, 1–14. doi : 1017/jrr.2015.6 . hdl : 2328/35813 . S2CID 146270695 .
  68. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Hodges2010_169-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Hodges2010_169-0b Hodges SD, Kiel KJ, Kramer AD, Veach D, Villanueva BR (marzo 2010). “Dare alla luce l’empatia: gli effetti di un’esperienza simile sull’accuratezza empatica, sulla preoccupazione empatica e sull’empatia percepita” . Bollettino di personalità e psicologia sociale. 36 (3): 398–409. doi : 1177/0146167209350326 . PMID 19875825 . S2CID 23104368 .
  69. ^Wyschogrod E (febbraio 1981). “Empatia e simpatia come incontro tattile”. Il giornale di medicina e filosofia. 6 (1): 25–43. doi : 1093/ https://doi.org/10.1093%2Fjmp%2F6.1.25jmp / https://doi.org/10.1093%2Fjmp%2F6.1.256.1.25 . PMID 7229562 .
  70. ^Levenson RW , Ruef AM (1997). “Aspetti fisiologici della conoscenza emotiva e del rapporto.”. In Ickes WJ (a cura di). Precisione empatica. New York, NY: The Guilford Press. pagine 44–72. ISBN 978-1-57230-161-0 .
  71. ^Hoffman (2000) , pag. 62
  72. ^Hein G, Silani G, Preuschoff K, Batson CD, Singer T (ottobre 2010). “Le risposte neurali alla sofferenza dei membri ingroup e outgroup predicono differenze individuali nell’aiuto costoso” . Neurone. 68 (1): 149–60. doi : 1016/j.neuron.2010.09.003 . PMID 20920798 .
  73. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Think!_174-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-Think!_174-0b c d e f g h io j K “Il caso contro l’empatia” . Pensare! (Podcast). KERA . 5 gennaio 2017.
  74. ^Klimecki O , cantante T (2012). “Fatica da stress empatico piuttosto che stanchezza da compassione? Integrare i risultati della ricerca sull’empatia in psicologia e neuroscienze sociali”. (PDF) . In Oakley B, Knafo A, Madhavan G, Wilson DS (a cura di). Altruismo patologico . USA: Oxford University Press. pp. 368–383. ISBN 978-0-19-973857-1 .
  75. ^Tono EB, Tully EC (novembre 2014). “L’empatia come “forza rischiosa”: un esame multilivello dell’empatia e del rischio di disturbi interiorizzanti” . Sviluppo e Psicopatologia. 26 (4 Pt 2): 1547–65. doi : 1017/S0954579414001199 . PMC 4340688 . PMID 25422978 .
  76. ^Solon O (12 luglio 2012). “La compassione per l’empatia potrebbe aiutare a prevenire il burnout emotivo” . Regno Unito cablato. Archiviato dall’originale il 15 maggio 2016.
  77. ^L’etica della cura e dell’empatia , Michael Slote , Oxford University Press, 2007
  78. ^L’empatia nel contesto della filosofia , Lou Agosta , Palgrave/Macmillan, 2010
  79. ^ Jenkins, K. (1991) Ripensare la storia di Londra: Routledge
  80. ^“Wired http://www.wiredtocare.com/To http://www.wiredtocare.com/Care” . wiredtocare.com. Archiviato dall’originale il 10 dicembre 2008.
  81. ^Miyashiro MR (2011). Il fattore empatia: il tuo vantaggio competitivo per il successo personale, di squadra e aziendale. Puddledancer Press. p. 256. ISBN 978-1-892005-25-0 .
  82. ^Dowden C (21 giugno 2013). “Dimentica la formazione sull’etica: punta sull’empatia” . La Posta Nazionale. Archiviato dall’originale il 27 luglio 2013.
  83. ^“L’importanza dell’empatia sul posto di lavoro” . Centro per la leadership creativa. Estratto il 10 novembre 2020.
  84. ^Radzvilavicius , Arunas L; Stewart, Alexander J; Plotkin, Joshua B (9 aprile 2019). Doebeli , Michael; Tautz , Diethard ; Masuda, Naoki; Nowak, Martin A (a cura di). “Evoluzione della valutazione morale empatica” . eVita . 8 : e44269. doi : 7554/eLife.44269 . ISSN 2050-084X .
  85. ^Chlopan , Bruce E.; McCain, Marianne L.; Carbonell , Joyce L.; Hagen, Richard L. (1985). “Empatia: Revisione delle misure disponibili” . Giornale di personalità e psicologia sociale. 48 (3): 635–653. doi : 1037/0022-3514.48.3.635 .
  86. ^ Truax, CB (1967). “Valutazione dell’empatia accurata”. La relazione terapeutica e il suo impatto. Uno studio di psicoterapia con schizofrenici. CR Rogers, ET Gendlin, DJ Kiesler e CB Truax. Madison, Wisconsin, The University of Wisconsin Press pp. 555–568.
  87. ^Mehrabian A, Epstein N (dicembre 1972). “Una misura di empatia emotiva” . Diario della personalità. 40 (4): 525–43. doi : 1111/j.1467- https://doi.org/10.1111%2Fj.1467-6494.1972.tb00078.x6494.1972.tb https://doi.org/10.1111%2Fj.1467-6494.1972.tb00078.x00078.x . PMID 4642390 .
  88. ^ Salta su https://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-egLevensonRuef1992Leslieetal2004_189-0: ahttps://en.wikipedia.org/wiki/Empathy – cite_ref-egLevensonRuef1992Leslieetal2004_189-0be es . Levenson RW , Ruef AM (agosto 1992). “L’empatia: un substrato fisiologico” (PDF) . Giornale di personalità e psicologia sociale. 63 (2): 234–46. doi : 1037/0022-3514.63.2.234 . PMID 1403614 . S2CID 12650202 . Archiviato dall’originale (PDF) il 30 luglio 2020.
  89. ^Denham SA, McKinley M, Couchoud EA, Holt R (agosto 1990). “Predittori emotivi e comportamentali delle valutazioni tra pari in età prescolare” . Sviluppo del bambino. JSTOR . 61 (4): 1145–52. doi : 2307/1130882 . JSTOR 1130882 . PMID 2209184 .
  90. ^Barnett MA (1984). “Somiglianza di esperienza ed empatia nei bambini in età prescolare” . Giornale di psicologia genetica. 145 (2): 241–250. doi : 1080/00221325.1984.10532271 .
  91. ^per esempio Geher , Warner & Brown (2001)
  92. ^per esempio Mehrabian e Epstein (1972)
  93. ^per esempio Davis MH (1980). “Un approccio multidimensionale alle differenze individuali nell’empatia”. Catalogo JSAS di documenti selezionati in psicologia. 10 (4): 1–17.
  94. ^Chen D, Lew R, Hershman W, Orlander J (ottobre 2007). “Una misurazione trasversale dell’empatia degli studenti di medicina” . Giornale di medicina interna generale. 22 (10): 1434–8. doi : 1007/s11606-007-0298-x . PMC 2305857 . PMID 17653807 .
  95. ^Baron-Cohen S, Wheelwright S (aprile 2004). “Il quoziente di empatia: un’indagine su adulti con sindrome di Asperger o autismo ad alto funzionamento e normali differenze di sesso” (PDF) . Giornale di autismo e disturbi dello sviluppo. 34 (2): 163–75. doi : 1023/ https://doi.org/10.1023%2FB%3AJADD.0000022607.19833.00B:JADD https://doi.org/10.1023%2FB%3AJADD.0000022607.19833.00.0000022607.19833.00 . PMID 15162935 . S2CID 2663853 . Archiviato dall’originale (PDF) il 4 marzo 2015.
  96. ^Renier RL , Corcoran R, Drake R, Shryane NM, Völlm BA (gennaio 2011). “Il QCAE : un questionario di empatia cognitiva ed affettiva”. Giornale di valutazione della personalità. 93 (1): 84–95. doi : 1080/00223891.2010.528484 . PMID 21184334 . S2CID 3035172 .
  97. ^Innamorati M, Ebisch SJ , Gallese V, Saggino A (29 aprile 2019). “Una misura bidimensionale dell’empatia: scala dell’esperienza empatica” . PLO UNO. 14 (4): e0216164. Bibcode : 2019 https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2019PLoSO..1416164I. https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2019PLoSO..1416164I1416164I . doi : 10.1371/journal.pone.0216164 . PMC 6488069 . PMID 31034510 .
  98. ^Chopik WJ , O’Brien E, Konrath SH (2017). “Differenze nella preoccupazione empatica e nella prospettiva attraverso 63 paesi”. Giornale di psicologia interculturale. 48 (1). Tabella Supplementare 1. doi : 1177/00220221116673910 . hdl : 1805/14139 . ISSN 0022-0221 . S2CID 149314942 .
  99. ^Clay Z, de Waal FB (novembre 2013). “Sviluppo della competenza socio-emotiva nei bonobo” . Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America. 110 (45): 18121–6. Bibcode : 2013 https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2013PNAS..11018121C. https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2013PNAS..11018121C11018121C . doi : 10.1073/pnas.1316449110 . PMC 3831480 . PMID 24127600 .
  100. ^Romero T, Castellanos MA, de Waal FB (luglio 2010). “Consolazione come possibile espressione di simpatica preoccupazione tra gli scimpanzé” . Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America. 107 (27): 12110– 5. Bibcode : 2010 https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2010PNAS..10712110R. https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2010PNAS..10712110R10712110R . doi : 10.1073/pnas.1006991107 . PMC 2901437 . PMID 20547864 .
  101. ^Custance D, Mayer J (settembre 2012). “Risposta empatica dei cani domestici (Canis http://research.gold.ac.uk/7074/2/Custance_and_Mayer_draft_prior_to_publication.pdffamiliaris http://research.gold.ac.uk/7074/2/Custance_and_Mayer_draft_prior_to_publication.pdf) all’angoscia nell’uomo: uno studio esplorativo” (PDF) . Cognizione animale. 15 (5): 851–9. doi : 1007/s10071-012-0510-1 . PMID 22644113 . S2CID 15153091 .
  102. ^Edgar JL , Paul ES, Nicol CJ (agosto 2013). “Galle madri protettive: influenze cognitive sulla risposta materna aviaria”. Giornale britannico del comportamento animale . 86 (2): 223–229. doi : 1016/j.anbehav.2013.05.004 . S2CID 53179718 .
  103. ^Miralles A, Raymond M, Lecointre G (dicembre 2019). “L’empatia e la compassione verso le altre specie diminuiscono con il tempo della divergenza evolutiva” . Rapporti scientifici. 9 (1): 19555. Bibcode : ..919555M . doi : 10.1038/s41598-019-56006-9 . PMC 6925286 . PMID 31862944 .

Leadership empatica – Approfondimenti – link esterno

Leadership empatica – Approfondimenti – temi dell’articolo

  • corsi di leadership emozionale
  • corsi di leadership
  • corsi di leadership empatica
  • corsi leadership
  • corsi leadership emozionale
  • corsi leadership empatica
  • corso di leadership
  • corso di leadership emozionale
  • corso di leadership empatica
  • corso leadership
  • corso leadership emozionale
  • corso leadership empatica
  • emozioni
  • emozioni al lavoro
  • emozioni nella leadership
  • emozioni sul luogo di lavoro
  • empatia
  • empatia al lavoro
  • empatia sul lavoro
  • empatia nella leadership
  • empatia sul luogo di lavoro
  • leadership empatica
  • corsi aziendali leadership
  • migliore corso sulla leadership