Tag

migliore formatore in comunicazione in italia

Browsing

Il Principale Esperto Italiano in Comunicazione è il dott. Daniele Trevisani, vincitore del Premio Fulbright (Governo USA) per le scienze della comunicazione interpersonale e interculturale e autore di 25 libri in 5 lingue editi da primarie case editrici, consulente di oltre 200 aziende e formatore in comunicazione dal 1987.

principale esperto italiano in comunicazione aziendale e interculturale

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Approfondimenti sulla Comunicazione per la Consulenza in Comunicazione e la Formazione in Comunicazione

Vedi la lista delle pubblicazioni complete o consulta il nostro Libro delle Referenze.

Se desideri un consulto preliminare con il dott. Daniele Trevisani compila questo form e sarà nostra cura ricontattarti

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Cosa è la Comunicazione

La comunicazione (dal latino communicare , che significa “condividere” o “essere in relazione con”) [1] [2] [3] è “una risposta apparente alle dolorose divisioni tra sé e l’altro, privato e pubblico, e il pensiero interiore e il mondo esterno”. [4] Come indica questa definizione, la comunicazione è difficile da definire in modo coerente, [5] [6] perché è comunemente usata per riferirsi a una vasta gamma di comportamenti diversi (in senso lato: “il trasferimento di informazioni” [7] ), o per limitare ciò che può essere incluso nella categoria della comunicazione (ad esempio, richiedere un “intento consapevole” per persuadere [8]      ). John Peters sostiene che la difficoltà di definire la comunicazione emerge dal fatto che la comunicazione è sia un fenomeno universale (perché tutti comunicano) sia una disciplina specifica dello studio accademico istituzionale. [9]

Una possibile definizione di comunicazione è l’atto di sviluppare significato tra entità o gruppi attraverso l’uso di segni , simboli e convenzioni semiotiche sufficientemente compresi tra loro .

In Claude Shannon ‘s e Warren Weaver influente’ s [10] [11] il modello, la comunicazione umana è stato immaginato per funzionare come un telefono o telegrafo. [12] Di conseguenza, hanno concettualizzato la comunicazione come implicante passaggi discreti:

  1. La formazione della motivazione o ragione comunicativa .
  2. Composizione del messaggio (ulteriore elaborazione interna o tecnica su cosa esattamente esprimere).
  3. Codifica dei messaggi (ad esempio, in dati digitali , testo scritto , parlato , immagini , gesti e così via).
  4. Trasmissione del messaggio codificato come sequenza di segnali utilizzando un canale o mezzo specifico .
  5. Sorgenti di rumore come le forze naturali e in alcuni casi l’attività umana (sia intenzionale che accidentale) iniziano a influenzare la qualità dei segnali che si propagano dal mittente a uno o più ricevitori.
  6. Ricezione di segnali e ricomposizione del messaggio codificato da una sequenza di segnali ricevuti.
  7. Decodifica del messaggio codificato riassemblato.
  8. Interpretazione e senso del presunto messaggio originario.

Questi elementi sono ora intesi come attività sostanzialmente sovrapposte e ricorsive piuttosto che passaggi in una sequenza. [13] Ad esempio, le azioni comunicative possono iniziare prima che un comunicatore formuli un tentativo cosciente di farlo, [14] come nel caso dei fatici ; allo stesso modo, i comunicatori modificano le proprie intenzioni e formulazioni di un messaggio in risposta a feedback in tempo reale (ad esempio, un cambiamento nell’espressione facciale ). [15] Le pratiche di decodifica e interpretazione sono messe in atto culturalmente, non solo dagli individui (le convenzioni di genere , ad esempio, innescano aspettative anticipatrici su come un messaggio deve essere ricevuto) e i destinatari di qualsiasi messaggio rendono operativi i propri quadri di riferimento nell’interpretazione. [16]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – lo studio scientifico della comunicazione

Lo studio scientifico della comunicazione può essere suddiviso in:

  • Teoria dell’informazione che studia la quantificazione, l’archiviazione e la comunicazione delle informazioni in generale;
  • Studi di comunicazione che riguardano la comunicazione umana;
  • Biosemiotica che esamina la comunicazione all’interno e tra gli organismi viventi in generale.
  • Biocomunicazione che esemplifica le interazioni mediate dai segni all’interno e tra gli organismi di tutti i domini della vita, inclusi i virus.

Il canale di comunicazione può essere visivo , uditivo , tattile / tattile (es. Braille o altri mezzi fisici), olfattivo , elettromagnetico o biochimico . La comunicazione umana è unica per il suo ampio uso del linguaggio astratto .

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – tipologie di comunicazione

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Comunicazione non verbale

Articolo principale: comunicazione non verbale

La comunicazione non verbale spiega i processi che veicolano un tipo di informazione sotto forma di rappresentazioni non linguistiche. Esempi di comunicazione non verbale includono comunicazione tattile , comunicazione cronica , gesti , linguaggio del corpo , espressioni facciali , contatto visivo , ecc. La comunicazione non verbale si riferisce anche all’intento di un messaggio. Esempi di intenti sono movimenti volontari e intenzionali come stringere una mano o strizzare l’occhio, nonché involontari, come la sudorazione. [17] Il discorso contiene anche elementi non verbali noti come paralinguaggio , ad esempio ritmo , intonazione , tempo e accento . Colpisce maggiormente la comunicazione a livello subconscio e stabilisce la fiducia. Allo stesso modo, i testi scritti includono elementi non verbali come lo stile della scrittura a mano, la disposizione spaziale delle parole e l’uso di emoticon per trasmettere emozioni.

La comunicazione non verbale dimostra una delle leggi di Paul Watzlawick : non puoi non comunicare. Una volta che la vicinanza ha formato la consapevolezza, le creature viventi iniziano a interpretare i segnali ricevuti. [18] Alcune delle funzioni della comunicazione non verbale negli esseri umani sono di completare e illustrare, rafforzare ed enfatizzare, sostituire e sostituire, controllare e regolare e contraddire il messaggio denotativo.

I segnali non verbali sono fortemente utilizzati per esprimere la comunicazione e per interpretare la comunicazione degli altri e possono sostituire o sostituire i messaggi verbali. Tuttavia, la comunicazione non verbale è ambigua. Quando i messaggi verbali contraddicono i messaggi non verbali, si fa affidamento sull’osservazione del comportamento non verbale per giudicare gli atteggiamenti e i sentimenti di un altro, piuttosto che presumere la verità del solo messaggio verbale.

Ci sono diverse ragioni per cui la comunicazione non verbale gioca un ruolo vitale nella comunicazione:

“La comunicazione non verbale è onnipresente”. [19] Sono inclusi in ogni singolo atto di comunicazione. Per avere una comunicazione totale, tutti i canali non verbali come il corpo, il viso, la voce, l’aspetto, il tatto, la distanza, i tempi e altre forze ambientali devono essere coinvolti durante l’interazione faccia a faccia. La comunicazione scritta può anche avere attributi non verbali. E-mail, chat web e social media hanno opzioni per cambiare i colori dei caratteri del testo, elementi decorativi, aggiungere emoticon, lettere maiuscole e immagini per catturare segnali non verbali in un mezzo verbale. [20]

“I comportamenti non verbali sono multifunzionali.” [21] Molti diversi canali non verbali sono coinvolti contemporaneamente in atti di comunicazione e consentono la possibilità di inviare e ricevere messaggi simultanei.

“I comportamenti non verbali possono formare un sistema linguistico universale”. [21] Sorridere, piangere, indicare, accarezzare e guardare male sono comportamenti non verbali che vengono usati e compresi dalle persone indipendentemente dalla nazionalità. Tali segnali non verbali consentono la forma più elementare di comunicazione quando la comunicazione verbale non è efficace a causa delle barriere linguistiche.

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Comunicazione verbale

La comunicazione verbale è la trasmissione orale o scritta di un messaggio. Il linguaggio umano può essere definito come un sistema di simboli (a volte noti come lessemi ) e le grammatiche ( regole ) con cui vengono manipolati i simboli. La parola “linguaggio” si riferisce anche a proprietà comuni delle lingue. L’apprendimento delle lingue normalmente avviene più intensamente durante l’infanzia umana. La maggior parte del gran numero di lingue umane usa modelli di suoni o gesti per simboli che consentono la comunicazione con gli altri intorno a loro. Le lingue tendono a condividere determinate proprietà, sebbene ci siano delle eccezioni. I linguaggi costruiti come l’ esperanto , i linguaggi di programmazione e vari formalismi matematici non sono necessariamente limitati alle proprietà condivise dai linguaggi umani.

Come accennato in precedenza, il linguaggio può essere caratterizzato come simbolico. Charles Ogden e IA Richards hanno sviluppato il modello Il triangolo del significato per spiegare il simbolo (la relazione tra una parola), il referente (la cosa che descrive) e il significato (il pensiero associato alla parola e alla cosa).

Le proprietà del linguaggio sono regolate da regole. La lingua segue regole fonologiche (suoni che appaiono in una lingua), regole sintattiche (disposizione delle parole e punteggiatura in una frase), regole semantiche (il significato concordato delle parole) e regole pragmatiche (significato derivato dal contesto).

I significati associati alle parole possono essere letterali o altrimenti noti come denotativi; relative all’argomento in discussione, ovvero, i significati tengono conto del contesto e delle relazioni, altrimenti dette connotative; relazione con i sentimenti, la storia e le dinamiche di potere dei comunicatori. [22]

Contrariamente alla credenza popolare, le lingue dei segni del mondo (ad esempio, la lingua dei segni americana ) sono considerate comunicazioni verbali perché il loro vocabolario dei segni, la grammatica e altre strutture linguistiche rispettano tutte le classificazioni necessarie come lingue parlate. Ci sono tuttavia elementi non verbali nelle lingue dei segni, come la velocità, l’intensità e la dimensione dei segni che vengono creati. Un firmatario potrebbe firmare “sì” in risposta a una domanda, oppure potrebbe firmare un sì lento e sarcastico per trasmettere un diverso significato non verbale. Il segno sì è il messaggio verbale mentre gli altri movimenti aggiungono un significato non verbale al messaggio.

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – La comunicazione scritta e il suo sviluppo storico

Nel tempo le forme e le idee sulla comunicazione si sono evolute attraverso il continuo progresso della tecnologia. I progressi includono la psicologia della comunicazione e la psicologia dei media , un campo di studio emergente.

La progressione della comunicazione scritta può essere suddivisa in tre “rivoluzioni della comunicazione dell’informazione”: [23]

  1. La comunicazione scritta è emersa dapprima attraverso l’uso di pittogrammi. I pittogrammi erano realizzati in pietra, quindi la comunicazione scritta non era ancora mobile. I pittogrammi iniziarono a sviluppare forme standardizzate e semplificate.
  2. Il passo successivo si è verificato quando la scrittura ha cominciato ad apparire su carta , papiro, argilla, cera e altri supporti con sistemi di scrittura comunemente condivisi, portando ad alfabeti adattabili . La comunicazione è diventata mobile.
  3. La fase finale è caratterizzata dal trasferimento di informazioni attraverso onde controllate di radiazioni elettromagnetiche (cioè radio, microonde, infrarossi) e altri segnali elettronici .

La comunicazione è quindi un processo attraverso il quale il significato viene assegnato e veicolato nel tentativo di creare una comprensione condivisa. Gregory Bateson lo definì “la replica delle tautologie nell’universo. [24] Questo processo, che richiede un vasto repertorio di abilità nell’elaborazione interpersonale , nell’ascolto, nell’osservazione, nel parlare, nel fare domande, nell’analisi, nei gesti e nella valutazione, consente la collaborazione e la cooperazione . [ 25] [ citazione completa necessaria ]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Modelli di comunicazione

Il primo modello importante per la comunicazione è stato introdotto da Claude Shannon e Warren Weaver per i Bell Laboratories nel 1949 [26] Il modello originale è stato progettato per rispecchiare il funzionamento delle tecnologie radio e telefoniche. Il loro modello iniziale consisteva di tre parti principali: mittente, canale e destinatario. Il mittente era la parte di un telefono con cui una persona parlava, il canale era il telefono stesso e il ricevitore era la parte del telefono in cui si poteva sentire l’altra persona. Shannon e Weaver hanno anche riconosciuto che spesso c’è dell’elettricità statica che interferisce con l’ascolto di una conversazione telefonica , che consideravano rumore.

In un modello semplice, spesso indicato come il modello di trasmissione o vista standard di comunicazione, informazioni o contenuti (ad esempio, un messaggio in linguaggio naturale ) viene inviato in qualche forma (come la lingua parlata ) da un emettitore ( emisor nella foto) / mittente /codificatore a una destinazione/ricevitore/decodificatore. Questa concezione comune della comunicazione vede semplicemente la comunicazione come un mezzo per inviare e ricevere informazioni. I punti di forza di questo modello sono la semplicità, la generalità e la quantificabilità. Claude Shannon e Warren Weaver hanno strutturato questo modello sulla base dei seguenti elementi:

  1. Una fonte di informazioni, che produce un messaggio.
  2. Un trasmettitore, che codifica il messaggio in segnali.
  3. Un canale, a cui i segnali sono adattati per la trasmissione.
  4. Una sorgente di rumore, che distorce il segnale mentre si propaga attraverso il canale.
  5. Un ricevitore, che ‘decodifica’ (ricostruisce) il messaggio dal segnale.
  6. Una destinazione, dove arriva il messaggio.

Shannon e Weaver hanno sostenuto che c’erano tre livelli di problemi per la comunicazione all’interno di questa teoria.

  1. Il problema tecnico: con che precisione può essere trasmesso il messaggio?
  2. Il problema semantico: con che precisione viene trasmesso il significato?
  3. Il problema dell’efficacia: quanto efficacemente il significato ricevuto influenza il comportamento?

Daniel Chandler [27] critica il modello di trasmissione affermando:

  • Presuppone che i comunicatori siano individui isolati.
  • Nessuna indennità per scopi diversi.
  • Nessuna tolleranza per diverse interpretazioni.
  • Nessuna indennità per rapporti di potere ineguali.
  • Nessuna tolleranza per i contesti situazionali.

Nel 1960, David Berlo ha ampliato il modello lineare di comunicazione di Shannon e Weaver (1949) e ha creato il modello di comunicazione SMCR. [28] Il modello di comunicazione Sender-Message-Channel-Receiver ha separato il modello in parti chiare ed è stato ampliato da altri studiosi.

La comunicazione è solitamente descritta lungo alcune dimensioni principali: messaggio (che tipo di cose vengono comunicate), sorgente/emettitore/mittente/codificatore (da chi), forma (in quale forma), canale (attraverso quale mezzo ), destinazione/destinatario/ target/decodificatore (a chi). Wilbur Schram (1954) ha anche indicato che dovremmo anche esaminare l’impatto che un messaggio ha (sia desiderato che indesiderato) sul target del messaggio. [29] Tra le parti, la comunicazione include atti che conferiscono conoscenze ed esperienze, danno consigli e comandi e pongono domande. Questi atti possono assumere molte forme, in uno dei vari modi di comunicazione. La forma dipende dalle capacità di comunicazione del gruppo. Insieme, contenuto e forma della comunicazione creano messaggi che vengono inviati verso una destinazione. L’obiettivo può essere se stessi, un’altra persona o essere, un’altra entità (come una società o un gruppo di esseri).

La comunicazione può essere vista come processi di trasmissione di informazioni con tre livelli di regole semiotiche :

  1. Pragmatico (riguarda le relazioni tra segni/espressioni e i loro utenti).
  2. Semantico (studio delle relazioni tra segni e simboli e ciò che rappresentano).
  3. Sintattica (proprietà formali di segni e simboli).

Pertanto, la comunicazione è interazione sociale in cui almeno due agenti interagenti condividono un insieme comune di segni e un insieme comune di regole semiotiche . Questa regola comunemente accettata in un certo senso ignora l’ autocomunicazione , inclusa la comunicazione intrapersonale tramite diari o dialogo interno, entrambi fenomeni secondari che hanno seguito l’acquisizione primaria di competenze comunicative all’interno delle interazioni sociali.

Alla luce di queste debolezze, Barnlund (2008) ha proposto un modello di comunicazione transazionale. [30] La premessa di base del modello di comunicazione transazionale è che gli individui si impegnano simultaneamente nell’invio e nella ricezione di messaggi.

In una forma leggermente più complessa, un mittente e un destinatario sono collegati reciprocamente . Questo secondo atteggiamento di comunicazione, denominato modello costitutivo o visione costruzionista, si concentra sul modo in cui un individuo comunica come fattore determinante del modo in cui il messaggio verrà interpretato. La comunicazione è vista come un canale; un passaggio in cui l’informazione viaggia da un individuo all’altro e questa informazione si separa dalla comunicazione stessa. Un particolare esempio di comunicazione è chiamato atto linguistico . I filtri personali del mittente ei filtri personali del destinatario possono variare a seconda delle diverse tradizioni regionali, culture o genere; che possono alterare il significato previsto del contenuto del messaggio. In presenza di ” rumore di comunicazione ” sul canale di trasmissione (aria, in questo caso), la ricezione e la decodifica del contenuto possono essere difettose e quindi l’atto linguistico può non ottenere l’effetto desiderato. Un problema con questo modello di codifica-trasmissione-ricezione-decodifica è che i processi di codifica e decodifica implicano che il mittente e il destinatario possiedano ciascuno qualcosa che funziona come un libro dei codici e che questi due libri dei codici sono, come minimo, simili se non identico. Sebbene qualcosa come i libri di codice sia implicito nel modello, non sono rappresentati da nessuna parte nel modello, il che crea molte difficoltà concettuali.

Le teorie della coregolamentazione descrivono la comunicazione come un processo continuo creativo e dinamico, piuttosto che un discreto scambio di informazioni. Lo studioso di media canadese Harold Innis aveva la teoria che le persone usano diversi tipi di media per comunicare e quale scelgono di usare offrirà diverse possibilità per la forma e la durata della società. Il suo famoso esempio di questo è usare l’ antico Egitto e osservare i modi in cui si costruivano da supporti con proprietà molto diverse pietra e papiro. Papyrus è quello che ha chiamato ‘ Space Binding ‘. ha reso possibile la trasmissione di ordini scritti attraverso lo spazio, gli imperi e consente lo svolgimento di campagne militari lontane e l’amministrazione coloniale. L’altro è la pietra e ‘ Time Binding ‘, attraverso la costruzione di templi e le piramidi possono sostenere la loro autorità di generazione in generazione, attraverso questi media possono cambiare e modellare la comunicazione nella loro società. [31] [ pagina necessaria ]         

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Come disciplina accademica con distinti campi di studio

Articolo principale: studi di comunicazione

La disciplina accademica che si occupa dei processi di comunicazione umana sono gli studi sulla comunicazione. La disciplina comprende una vasta gamma di argomenti, dalla conversazione faccia a faccia ai mass media come le trasmissioni televisive. Gli studi sulla comunicazione esaminano anche come i messaggi vengono interpretati attraverso le dimensioni politica, culturale, economica, semiotica, ermeneutica e sociale dei loro contesti. La statistica , come approccio quantitativo alla scienza della comunicazione, è stata incorporata anche nella ricerca sulla scienza della comunicazione per aiutare a sostenere le affermazioni. [32]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Comunicazione organizzativa

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Articolo principale: comunicazione aziendale

La comunicazione aziendale viene utilizzata per un’ampia varietà di attività tra cui, a titolo esemplificativo ma non esaustivo: pianificazione strategica delle comunicazioni, relazioni con i media, comunicazioni interne, pubbliche relazioni (che possono includere social media, comunicazioni radiotelevisive e scritte e altro), gestione del marchio, gestione della reputazione , scrittura di discorsi, relazioni cliente-cliente e comunicazioni interne/dipendenti.

Le aziende con risorse limitate possono scegliere di impegnarsi solo in alcune di queste attività, mentre le organizzazioni più grandi possono impiegare uno spettro completo di comunicazioni. Poiché è relativamente difficile sviluppare una gamma così ampia di competenze, i professionisti della comunicazione spesso si specializzano in una o due di queste aree, ma di solito hanno almeno una conoscenza pratica della maggior parte di esse. Di gran lunga, le qualifiche più importanti che i professionisti della comunicazione devono possedere sono un’eccellente capacità di scrittura, buone capacità di “persone” e la capacità di pensare in modo critico e strategico.

La comunicazione aziendale potrebbe anche riferirsi allo stile di comunicazione all’interno di una determinata entità aziendale (es. stili di conversazione e-mail o stili di comunicazione interna).

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Comunicazione politica

La comunicazione è uno degli strumenti più rilevanti nelle strategie politiche, comprese la persuasione e la propaganda . Nella ricerca sui mass media e nella ricerca sui media online, lo sforzo dello stratega è quello di ottenere una decodifica precisa, evitando la “reattanza al messaggio”, cioè il rifiuto del messaggio. La reazione a un messaggio è riferita anche in termini di approccio a un messaggio, come segue:

  • Nella “lettura radicale” il pubblico rifiuta i significati, i valori e i punti di vista incorporati nel testo dai suoi creatori. Effetto: rifiuto del messaggio.
  • Nella “lettura dominante”, il pubblico accetta i significati, i valori e i punti di vista incorporati nel testo dai suoi creatori. Effetto: accettazione del messaggio.
  • Nella “lettura subordinata” il pubblico accetta, nel complesso, i significati, i valori e la visione del mondo incorporati nel testo dai suoi creatori. Effetto: obbedire al messaggio. [33]

Gli approcci olistici sono utilizzati dai leader delle campagne di comunicazione e dagli strateghi della comunicazione al fine di esaminare tutte le opzioni, gli “attori” e i canali che possono generare cambiamento nel panorama semiotico , ovvero cambiamento nelle percezioni , cambiamento nella credibilità , cambiamento nello ” sfondo memetico ” . “, cambiamento nell’immagine dei movimenti, dei candidati, dei giocatori e dei dirigenti così come percepita dai key influencer che possono avere un ruolo nel generare il desiderato “end-state”.

Il moderno campo della comunicazione politica è fortemente influenzato dalla struttura e dalle pratiche delle dottrine delle “operazioni di informazione” che derivano la loro natura dagli studi strategici e militari. Secondo questa visione, ciò che è veramente rilevante è il concetto di agire sull’Ambiente Informativo. L’ambiente delle informazioni è l’insieme di individui, organizzazioni e sistemi che raccolgono, elaborano, diffondono o agiscono sulle informazioni. Questo ambiente è costituito da tre dimensioni interconnesse, che interagiscono continuamente con individui, organizzazioni e sistemi. Queste dimensioni sono note come fisica, informativa e cognitiva. [34]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Comunicazione interpersonale

Articolo principale: comunicazione interpersonale

In parole povere , la comunicazione interpersonale è la comunicazione tra una persona e un’altra (o altre). Viene spesso definita comunicazione faccia a faccia tra due (o più) persone. Sia la comunicazione verbale che quella non verbale, o linguaggio del corpo , giocano un ruolo nel modo in cui una persona ne comprende un’altra e si attribuiscono alle proprie competenze trasversali . Nella comunicazione interpersonale verbale ci sono due tipi di messaggi inviati: un messaggio di contenuto e un messaggio relazionale. I messaggi di contenuto sono messaggi sull’argomento in questione e i messaggi relazionali sono messaggi sulla relazione stessa. [35] Ciò significa che i messaggi relazionali si manifestano nel modo in cui si dice qualcosa e dimostrano i sentimenti di una persona, positivi o negativi, nei confronti dell’individuo con cui si sta parlando, indicando non solo come si sentono riguardo all’argomento in questione, ma anche come si sentono sulla loro relazione con l’altro individuo. [35]

Ci sono molti aspetti diversi della comunicazione interpersonale, tra cui:

  • Percezione audiovisiva dei problemi di comunicazione. [36] Il concetto segue l’idea che le nostre parole cambiano la forma che assumono in base al livello di stress o all’urgenza della situazione. Esplora anche il concetto che la balbuzie durante il discorso mostra al pubblico che c’è un problema o che la situazione è più stressante.
  • La teoria dell’attaccamento [37] Questo è il lavoro combinato di John Bowlby e Mary Ainsworth (Ainsworth & Bowlby, 1991). Questa teoria segue le relazioni che si costruiscono tra una madre e un bambino e l’impatto che ha sulle loro relazioni con gli altri.
  • Intelligenza emotiva e fattori scatenanti. [38] L’intelligenza emotiva si concentra sulla capacità di monitorare le proprie emozioni e quelle degli altri. I trigger emotivi si concentrano su eventi o persone che tendono a scatenare reazioni emotive intense all’interno degli individui.
  • Teoria dell’attribuzione. [39] Questo è lo studio di come gli individui spiegano cosa causa diversi eventi e comportamenti.
  • Il potere delle parole (comunicazioni verbali). [40] La comunicazione verbale si concentra molto sul potere delle parole e su come queste parole vengono dette. Prende in considerazione il tono, il volume e la scelta delle parole.
  • Comunicazione non verbale. Si concentra molto sull’ambientazione in cui le parole sono trasmesse, così come sul tono fisico delle parole.
  • Etica nelle relazioni personali. [41] Si tratta di uno spazio di responsabilità reciproca tra due individui, si tratta di dare e ricevere in una relazione. Questa teoria è esplorata da Dawn J. Lipthrott nell’articolo What IS Relationship? Cos’è la partnership etica?
  • L’inganno nella comunicazione. [42] Questo concetto riguarda il fatto che tutti mentono e come questo possa influire sulle relazioni. Questa teoria è esplorata da James Hearn nel suo articolo Interpersonal Deception Theory: Ten Lessons for Negotiators.
  • Conflitto nelle coppie. [43] Questo si concentra sull’impatto che i social media hanno sulle relazioni, così come su come comunicare attraverso i conflitti. Questa teoria è esplorata da Amanda Lenhart e Maeve Duggan nel loro articolo Couples, the Internet and Social Media.

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Comunicazione familiare

La comunicazione familiare è lo studio della prospettiva della comunicazione in una famiglia ampiamente definita, con intimità e relazione di fiducia. [44] L’obiettivo principale della comunicazione familiare è comprendere le interazioni della famiglia e il modello di comportamento dei membri della famiglia in circostanze diverse. Una comunicazione aperta e onesta crea un’atmosfera che consente ai membri della famiglia di esprimere le proprie differenze, nonché l’amore e l’ammirazione reciproci. Aiuta anche a capire i sentimenti gli uni degli altri.

Lo studio sulla comunicazione familiare esamina argomenti come le regole familiari, i ruoli familiari o la dialettica familiare e come questi fattori potrebbero influenzare la comunicazione tra i membri della famiglia. I ricercatori sviluppano teorie per comprendere i comportamenti di comunicazione. Lo studio sulla comunicazione familiare scava anche in profondità in determinati periodi della vita familiare come il matrimonio, la genitorialità o il divorzio e come si pone la comunicazione in quelle situazioni. È importante che i membri della famiglia comprendano la comunicazione come un modo affidabile che porta a una famiglia ben costruita.

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Retorica

Secondo la studiosa Anne Beaufort, la comunicazione è anche interessata alla retorica come metodo per indagare “comunicazioni orali e scritte, in particolare per quanto riguarda l’effetto desiderato su un pubblico, e ultimamente anche con comunicazioni visive”. [45]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Ostacoli all’efficacia

Gli ostacoli a una comunicazione efficace possono ritardare o distorcere il messaggio o l’intenzione del messaggio trasmesso. Ciò può comportare il fallimento del processo di comunicazione o causare un effetto indesiderato. Questi includono filtraggio, percezione selettiva , sovraccarico di informazioni , emozioni, linguaggio, silenzio, apprensione per la comunicazione , differenze di genere e correttezza politica . [46]

Ciò include anche la mancanza di espressione di una comunicazione “appropriata alla conoscenza”, che si verifica quando una persona usa parole legali ambigue o complesse, gergo medico o descrizioni di una situazione o di un ambiente che non è compreso dal destinatario.

  • Barriere fisiche – Le barriere fisiche sono spesso dovute alla natura dell’ambiente. Un esempio di ciò è la barriera naturale che esiste quando i lavoratori si trovano in edifici diversi o in siti diversi. Allo stesso modo, anche attrezzature scadenti o obsolete, in particolare l’incapacità della direzione di introdurre nuove tecnologie, possono causare problemi. La carenza di personale è un altro fattore che causa spesso difficoltà di comunicazione per un’organizzazione.
  • La progettazione del sistema – la progettazione del sistema guasti si riferiscono a problemi con le strutture o sistemi in atto in un’organizzazione. Gli esempi potrebbero includere una struttura organizzativa che non è chiara e quindi crea confusione nel sapere con chi comunicare. Altri esempi potrebbero essere sistemi informativi inefficienti o inadeguati, mancanza di supervisione o formazione e mancanza di chiarezza nei ruoli e nelle responsabilità che possono portare il personale ad essere incerto su cosa ci si aspetta da loro.
  • Barriere attitudinali – Le barriere attitudinali si verificano a causa di problemi con il personale in un’organizzazione. Questi possono essere determinati, ad esempio, da fattori quali cattiva gestione, mancanza di consultazione con i dipendenti, conflitti di personalità che possono portare le persone a ritardare o rifiutare di comunicare, atteggiamenti personali dei singoli dipendenti che possono essere dovuti a mancanza di motivazione o insoddisfazione sul lavoro, determinata da una formazione insufficiente per consentire loro di svolgere compiti particolari, o semplicemente resistenza al cambiamento a causa di atteggiamenti e idee radicate. [ citazione necessaria ]
  • Ambiguità di parole/frasi – Le parole che suonano allo stesso modo ma hanno un significato diverso possono trasmettere un significato completamente diverso. Quindi il comunicatore deve assicurarsi che il ricevitore riceva lo stesso significato. È meglio evitare tali parole utilizzando alternative quando possibile.
  • Abilità linguistiche individuali – L’uso di gergo , parole difficili o inappropriate nella comunicazione può impedire ai destinatari di comprendere il messaggio. Anche messaggi mal spiegati o fraintesi possono generare confusione. Tuttavia, la ricerca sulla comunicazione ha dimostrato che la confusione può conferire legittimità alla ricerca quando la persuasione fallisce. [47] [48]
  • Barriere fisiologiche : possono derivare dal disagio personale degli individui, causato, ad esempio, da problemi di salute, problemi di vista o difficoltà uditive.
  • Bypass – Questo accade quando i comunicatori (il mittente e il destinatario) non attribuiscono gli stessi significati simbolici alle loro parole. È quando il mittente esprime un pensiero o una parola ma il destinatario gli dà un significato diverso. Ad esempio: APPENA POSSIBILE, bagno.
  • Multitasking tecnologico e capacità di assorbimento – Con un rapido aumento della comunicazione guidata dalla tecnologia negli ultimi decenni, le persone si trovano sempre più ad affrontare una comunicazione condensata sotto forma di e-mail, testo e aggiornamenti social. Ciò ha, a sua volta, portato a un notevole cambiamento nel modo in cui le generazioni più giovani comunicano e percepiscono la propria autoefficacia nel comunicare e connettersi con gli altri. Con la presenza sempre costante di un altro “mondo” nelle proprie tasche, gli individui sono multi-tasking sia fisicamente che cognitivamente mentre i ricordi costanti di qualcos’altro che accade da qualche altra parte li bombardano. Sebbene forse un progresso troppo nuovo per vedere ancora effetti a lungo termine, questa è una nozione attualmente esplorata da personaggi come Sherry Turkle. [49]
  • Paura di essere criticati – Questo è un fattore importante che impedisce una buona comunicazione. Se esercitiamo semplici pratiche per migliorare la nostra capacità di comunicazione, possiamo diventare comunicatori efficaci. Ad esempio, leggi un articolo dal giornale o raccogli alcune notizie dalla televisione e presentale davanti allo specchio. Questo non solo aumenterà la tua sicurezza, ma migliorerà anche la tua lingua e il tuo vocabolario.
  • Barriere di genere : la maggior parte dei comunicatori, consapevoli o meno, ha spesso un’agenda prestabilita. Questo è molto notevole tra i diversi sessi. Ad esempio, molte donne risultano essere più critiche nell’affrontare i conflitti. È stato anche notato che gli uomini hanno più probabilità delle donne di ritirarsi dal conflitto. [50]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Rumore

In qualsiasi modello di comunicazione, il rumore è un’interferenza con la decodifica dei messaggi inviati sul canale da un codificatore. Ci sono molti esempi di rumore:

  • Rumore ambientale. Rumore che interrompe fisicamente la comunicazione, come stare in piedi accanto a altoparlanti ad alto volume a una festa o il rumore di un cantiere vicino a un’aula che rende difficile ascoltare il professore.
  • Rumore da danno fisiologico. Malattie fisiche che impediscono una comunicazione efficace, come la sordità o la cecità che impediscono la ricezione dei messaggi come previsto.
  • Rumore semantico. Diverse interpretazioni dei significati di alcune parole. Ad esempio, la parola “erba” può essere interpretata come una pianta indesiderabile in un cortile o come un eufemismo per marijuana .
  • Rumore sintattico. Errori grammaticali possono disturbare la comunicazione, come cambiamenti improvvisi del tempo verbale durante una frase.
  • Rumore organizzativo. Una comunicazione mal strutturata può impedire al destinatario un’interpretazione accurata. Ad esempio, indicazioni poco chiare e mal espresse possono far perdere ancora di più il destinatario.
  • Rumore culturale. Assunzioni stereotipate possono causare malintesi, come offendere involontariamente una persona non cristiana augurandole un “Buon Natale”.
  • Rumore psicologico. Alcuni atteggiamenti possono anche rendere difficile la comunicazione. Ad esempio, una grande rabbia o tristezza può far perdere la concentrazione sul momento presente. Disturbi come l’ autismo possono anche ostacolare gravemente una comunicazione efficace. [51]

Per far fronte al rumore della comunicazione, occorre spesso ricorrere alla ridondanza e al riconoscimento. I ringraziamenti sono messaggi del destinatario che informano l’ordinante che la sua comunicazione è stata ricevuta ed è stata compresa. [52] La ripetizione del messaggio e il feedback sul messaggio ricevuto sono necessari in presenza di rumore per ridurre la probabilità di fraintendimenti. L’atto di disambiguazione riguarda il tentativo di ridurre il rumore e le interpretazioni errate, quando il valore semantico o il significato di un segno può essere soggetto a rumore, o in presenza di molteplici significati, il che rende difficile la creazione di senso. La disambiguazione tenta di ridurre la probabilità di fraintendimenti. Questa è anche una competenza fondamentale nei processi di comunicazione attivati ​​da counselor, psicoterapeuti, interpreti, e nelle sessioni di coaching basate sul colloquio. Nell’Information Technology, anche il processo di disambiguazione e la disambiguazione automatica dei significati di parole e frasi è stato un interesse e una preoccupazione fin dai primi giorni del trattamento informatico del linguaggio. [53]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Aspetti culturali

Esistono differenze culturali all’interno dei paesi (differenze tribali/regionali, dialetti e così via), tra gruppi religiosi e nelle organizzazioni oa livello organizzativo – dove aziende, squadre e unità possono avere aspettative, norme e idioletti diversi. Famiglie e gruppi familiari possono anche sperimentare l’effetto di barriere culturali alla comunicazione all’interno e tra diversi membri o gruppi familiari. Ad esempio: parole, colori e simboli hanno significati diversi nelle diverse culture. Nella maggior parte del mondo, annuire con la testa significa essere d’accordo, scuotere la testa significa “no”, ma questo non è vero ovunque. [54]

La comunicazione è in larga misura influenzata dalla cultura e dalle variabili culturali . [55] [56] [57] [58] Comprendere gli aspetti culturali della comunicazione si riferisce alla conoscenza di culture diverse per comunicare efficacemente con persone interculturali. Gli aspetti culturali della comunicazione sono di grande attualità nel mondo di oggi che è ormai un villaggio globale , grazie alla globalizzazione . Gli aspetti culturali della comunicazione sono le differenze culturali che influenzano la comunicazione transfrontaliera.

  1. La comunicazione verbale si riferisce a una forma di comunicazione che utilizza parole parlate e scritte per esprimere e trasferire opinioni e idee. Il linguaggio è lo strumento più importante della comunicazione verbale. I paesi hanno lingue diverse . La conoscenza delle lingue di diversi paesi può migliorare la comprensione interculturale.
  2. La comunicazione non verbale è un concetto molto ampio e comprende tutte le altre forme di comunicazione che non utilizzano parole scritte o parlate. La comunicazione non verbale assume le seguenti forme:
    • La paralinguistica sono gli elementi diversi dal linguaggio in cui la voce è coinvolta nella comunicazione e include toni , tono , segnali vocali ecc. Include anche suoni dalla gola e tutti questi sono fortemente influenzati dalle differenze culturali attraverso i confini.
    • La prossemica si occupa del concetto di elemento spaziale nella comunicazione. La prossemica spiega quattro zone di spazi, vale a dire intimo, personale, sociale e pubblico. Questo concetto differisce da cultura a cultura poiché lo spazio consentito varia nei diversi paesi.
    • Artifactics studia i segnali o le comunicazioni non verbali che emergono dagli accessori personali come il vestito o gli accessori di moda indossati e varia con la cultura poiché le persone di paesi diversi seguono codici di abbigliamento diversi.
    • Cronemica si occupa degli aspetti temporali della comunicazione e comprende anche l’importanza data al tempo. Alcuni problemi che spiegano questo concetto sono le pause, i silenzi e il ritardo di risposta durante un’interazione . Questo aspetto della comunicazione è anche influenzato dalle differenze culturali in quanto è risaputo che c’è una grande differenza nel valore dato dalle diverse culture al tempo.
    • La cinesica si occupa principalmente del linguaggio del corpo come posture , gesti , cenni di testa , movimenti delle gambe, ecc. In diversi paesi, gli stessi gesti e posture vengono utilizzati per trasmettere messaggi diversi. A volte anche una particolare cinesica che indica qualcosa di buono in un paese può avere un significato negativo in un’altra cultura.

Quindi per avere una comunicazione efficace in tutto il mondo è desiderabile avere una conoscenza delle variabili culturali che influenzano la comunicazione.

Secondo Michael Walsh e Ghil’ad Zuckermann , l’interazione conversazionale occidentale è tipicamente “diadica”, tra due persone particolari, dove il contatto visivo è importante e l’oratore controlla l’interazione; e “contenuto” in un arco di tempo relativamente breve e definito. Tuttavia, l’interazione conversazionale tradizionale aborigena è “comune”, trasmessa a molte persone, il contatto visivo non è importante, l’ascoltatore controlla l’interazione; e “continuo”, spalmato su un arco di tempo più lungo e indefinito. [59] [60]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – non umano

Vedi anche: Biocomunicazione (scienza) , Comunicazione interspecie e Biosemiotica

Ogni scambio di informazioni tra organismi viventi, cioè la trasmissione di segnali che coinvolgono un mittente e un destinatario viventi , può essere considerata una forma di comunicazione; e persino creature primitive come i coralli sono competenti per comunicare. La comunicazione non umana include anche la segnalazione cellulare , la comunicazione cellulare e le trasmissioni chimiche tra organismi primitivi come i batteri e all’interno dei regni vegetali e fungini .

 

Guarda anche

Riferimenti [ modifica ]

  1. ^ Cobley, Paul (2008-06-05), “Communication: Definitions and Concepts” , in Donsbach, Wolfgang (ed.), The International Encyclopedia of Communication, Chichester, UK: John Wiley & Sons, Ltd, pp. wbiecc071, doi : 10.1002/9781405186407.wbiecc071 , ISBN 978-1-4051-8640-7 , recuperato 20/07/2021
  2. ^ Harper, Douglas. “comunicazione” . Dizionario di etimologia in linea . Estratto il 23/06/2013.
  3. “Cos’è la comunicazione?” . 2012books.lardbucket.org. Estratto il 23/03/2021.
  4. ^ Peters, John Durham (1999). Parlare nell’aria : una storia dell’idea di comunicazione . Chicago: University of Chicago Press. P. 2. ISBN 0-226-66276-4 . OCLC 40452957 .   
  5. ^ Danza, Frank EX (1970-06-01). “Il “Concetto” di Comunicazione” . Giornale di comunicazione. 20 (2): 201-210. doi : 10.1111/j.1460-2466.1970.tb00877.x . ISSN 0021-9916 .
  6. ^ Craig, Robert T. (1999). “Teoria della comunicazione come campo” . Teoria della comunicazione. 9 (2): 119-161. doi : 10.1111/j.1468-2885.1999.tb00355.x .
  7. ^ Littlejohn, Stefano; Foss, Karen (2009), “Definizioni di comunicazione” , Encyclopedia of Communication Theory, Thousand Oaks: SAGE Publications, Inc., pp. 296-299, doi : 10.4135/9781412959384 , ISBN 9781412959377 , recuperato 20/07/2021
  8. ^ Miller, Gerald R. (1966-06-01). “Sulla definizione della comunicazione: un’altra pugnalata” . Giornale di comunicazione. 16 (2): 88-98. doi : 10.1111/j.1460-2466.1966.tb00020.x . ISSN 0021-9916 . PMID 5941548 .
  9. ^ Peters, John Durham (1986). “Fonti istituzionali di povertà intellettuale nella ricerca sulla comunicazione” . Ricerca sulla comunicazione. 13 (4): 527-559. doi : 10.1177/009365086013004002 . ISSN 0093-6502 . S2CID 145639228 .
  10. ^ Fiske, John (1982): Introduzione agli studi sulla comunicazione . Londra: Routledge
  11. ^ Chandler, Daniel (18 settembre 1995). “Il modello di trasmissione della comunicazione” .
  12. ^ Shannon, Claude E. & Warren Weaver (1949). Un modello matematico di comunicazione . Urbana, IL: University of Illinois Press
  13. ^ Reddy, Michael J. (1979). “La metafora del condotto: un caso di conflitto di frame nella nostra lingua sul linguaggio”. In Metafora e pensiero, Andrew Ortony, ed. Cambridge UP: 284-324.
  14. ^ Cooper, Marilyn M. (2019). L’animale che scrive. Pittsburgh: University of Pittsburgh Press. pp. 127-156. ISBN 978-0-8229-6579-4 .
  15. ^ Rommetveit, Ragnar (1974). Sulla struttura del messaggio: un quadro per lo studio del linguaggio e della comunicazione. Londra: John Wiley & Figli. ISBN 0-471-73295-8 .
  16. ^ Witte, Stephen P. (1992). “Contesto, testo, intertesto: verso una semiotica costruttivista della scrittura”. Comunicazione scritta. 9 (2): 237-308. doi : 10.1177/0741088392009002003 . S2CID 143717668 .
  17. “Tipi di linguaggio del corpo” . Simplybodylanguage.com. Estratto 08/02/2016.
  18. ^ Wazlawick, Paul (1970) opera
  19. ^ (Burgoon, J., Guerrero, L., Floyd, K., (2010). Comunicazione non verbale, Taylor & Francis. p. 3 )
  20. ^ Martin-Rubió, Xavier (2018-09-30). Contestualizzare l’inglese come lingua franca: dai dati agli approfondimenti . Editoria degli studiosi di Cambridge. ISBN 978-1-5275-1696-0 .
  21. Salta a: b (Burgoon et al., p. 4)
  22. ^ Ferguson, Sherry Devereaux; Lennox-Terrion, Jenepher; Ahmed, Rukhsana; Jaya, Peruvemba (2014). Comunicazione nella vita quotidiana: contesti personali e professionali . Canada: Pressa dell’università di Oxford . P. 464. ISBN 9780195449280 .
  23. ^ Xin Li. “Teoria della complessità: il Santo Graal del 21° secolo” . Dipartimento di corsia del CSEE, West Virginia University. Archiviato dall’originale il 15/08/2013.
  24. ^ Bateson, Gregory (1960). Passi per un’ecologia della mente .
  25. ^ “comunicazione”. L’ufficio del sovrintendente alla Pubblica Istruzione. Washington. Mancante o vuoto |url= ( aiuto )
  26. ^ Shannon, CE, & Weaver, W. (1949). La teoria matematica della comunicazione . Urbana, Illinois: University of Illinois Press
  27. Daniel Chandler , “The Transmission Model of Communication”, Aber.ac.uk Archiviato il 6 gennaio 2010 in Internet Archive.
  28. ^ Berlo, DK (1960). Il processo di comunicazione . New York: Holt, Rinehart e Winston.
  29. ^ Schramm, W. (1954). Come funziona la comunicazione. In W. Schramm (a cura di), Il processo e gli effetti della comunicazione (pp. 3-26). Urbana, Illinois: University of Illinois Press.
  30. ^ Barnlund, DC (2008). Un modello di comunicazione transazionale. In. CD Mortensen (a cura di), Teoria della comunicazione (2a ed., pp. 47-57). New Brunswick, New Jersey: transazione.
  31. Salta a: b Wark, McKenzie (1997). La Repubblica Virtuale. Allen & Unwin, St Leonards.
  32. ^ Hayes, Andrew F. (31 maggio 2005). Metodi statistici per la scienza della comunicazione . Taylor & Francesco . pp. 8-9. ISBN 9781410613707 .
  33. ^ Danesi, Marcel (2009), Dizionario dei media e delle comunicazioni. MESharpe, Armonk, New York.
  34. Salta su^ “Chairman of the Joint Chiefs of Staff, US Army (2012). Operazioni di informazione. Pubblicazione congiunta 3-13. Joint Doctrine Support Division, 116 Lake View Parkway, Suffolk, VA” (PDF) . Dtic.mil. Archiviato dall’originale (PDF) il 04/05/2017. Estratto il 01/05/2017.
  35. Salta a: b Trenholm, Sarah; Jensen, Arthur (2013). Comunicazione interpersonale settima edizione. New York: Oxford University Press. pp. 360-361.
  36. ^ Barkhuysen, P., Krahmer, E., Swerts, M., (2004) Percezione audiovisiva dei problemi di comunicazione, Archivio ISCA http://www.isca-speech.org/archive
  37. ^ Bretherton, I., (1992) Le origini della teoria dell’attaccamento: John Bowlby e Mary Ainsworth, Psicologia dello sviluppo, 28, 759-775
  38. ^ Mazza, J., Trigger emotivi, MABC, CPC
  39. Salta su ^ Bertram, M., (2004) Come la mente spiega il comportamento: spiegazioni popolari, significato e interazione sociale , MIT Press, ISBN 978-0-262-13445-3
  40. “Ascolto” . 2012books.lardbucket.org. Estratto il 01/05/2017.
  41. ^ Lipthrott, D., Che cos’è la relazione? Cos’è la partnership etica?
  42. ^ Hearn, J., (2006) Teoria dell’inganno interpersonale: dieci lezioni per i negoziatori
  43. ^ Lenhart, A., Duggan, M., (2014) Coppie, Internet e social media
  44. ^ Turner, LH, & West, RL (2013). Prospettive sulla comunicazione familiare . Boston: McGraw-Hill.
  45. ^ Beaufort, Anna. “Studi retorici, comunicazioni e studi sulla composizione: comunità discorsive disparate o sovrapposte”. I regni della retorica .
  46. ^ Robbins, S., Judge, T., Millett, B., & Boyle, M. (2011). Comportamento organizzativo. 6a ed. Pearson, French’s Forest, NSW, pp. 315-317.
  47. Cosa dovrebbe essere incluso in un piano di progetto . Estratto il 18 dicembre 2009
  48. ^ J. Scott Armstrong (1980). “Bafflegab paga” (PDF) . Psychology Today: 12. Archiviato dall’originale (PDF) il 28-08-2013.
  49. “La tecnologia a volte può ostacolare la comunicazione, osservano i membri dello staff di TR – The Collegian” . Il Collegiano. 2012-10-09. Estratto l’11/ 01/2016.
  50. ^ Bailey, Sandra (2009). “Le relazioni di coppia: comunicazione e risoluzione dei conflitti” (PDF) . Estensione MSU. 17 : 2. Archiviato dall’originale (PDF) il 15/12/2017. Estratto il 05/12/2016 – tramite le biblioteche della George Mason University.
  51. ^ Roy M. Berko, et al., Comunicare. 11a ed. (Boston, MA: Pearson Education, Inc., 2010) 9-12
  52. ^ Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, Agenzia di standardizzazione della NATO AAP-6 – Glossario di termini e definizioni, p. 43.
  53. ^ Nancy Ide, Jean Véronis. “Disambiguazione del senso delle parole: lo stato dell’arte”, Linguistica computazionale, 24 (1), 1998, pp. 1-40.
  54. ^ Nageshwar Rao, Rajendra P. Das, Abilità comunicative, Himalaya Publishing House, 9789350516669, p. 48
  55. “Copia archiviata” . Archiviato dall’originale il 18/07/2013. Estratto il 29/09/2012.
  56. “Collegamento errato a Beyond Intrattabilità Saggio” . Oltre l’intrattabilità. 2017-04-18. Estratto il 01/05/2017.
  57. “Componenti importanti del saggio sulla comunicazione interculturale” . Studymode.com. Estratto il 01/05/2017.
  58. “Formato documento portatile (PDF)” . Ijdesign.org. Archiviato dall’originale il 14/05/2017. Estratto il 01/05/2017.
  59. Zuckermann, Ghil’ad ; et al. (2015), Coinvolgente – Una guida per interagire con rispetto e reciprocità con gli aborigeni e gli abitanti delle isole dello Stretto di Torres, e le loro pratiche artistiche e proprietà intellettuale (PDF) , governo australiano: supporto alla cultura indigena, p. 12, archiviato dall’originale (PDF) il 30 marzo 2016, recuperato il 25 giugno 2016
  60. ^ Walsh, Michael (1997), Problemi di comunicazione interculturale nell’Australia aborigena , Australian National University, North Australia Research Unit, pp. 7-9, ISBN 9.780.731528745 , consultato il 25 giugno 2016
  61. ^ Baluska, F.; Marco, Stefano; Volkmann, Dieter (2006). Comunicazione nelle piante: aspetti neuronali della vita vegetale . Taylor & Francis USA. P. 19. ISBN 978-3-540-28475-8 . …l’emergere della neurobiologia vegetale come l’area più recente delle scienze delle piante.
  62. ^ Ian T. Baldwin; Jack C. Schultz (1983). “Cambiamenti rapidi nella chimica delle foglie degli alberi indotti dal danno: prove per la comunicazione tra le piante”. Scienza. 221 (4607): 277-279. Bibcode : 1983Sci…221..277B . doi : 10.1126/science.221.4607.277 . PMID 17815197 . S2CID 31818182 .
  63. ^ Anand, Sandhya. Quorum Sensing- Piano di comunicazione per i microbi . Articolo datato 2010-12-28, recuperato il 2012-04-03.
  64. Mary Q. (1975) [1950]. Impero e comunicazioni . Prefazione di Marshall McLuhan (rivisto ed.). Toronto: Pressa dell’università di Toronto . ISBN 978-0-8020-6119-5 . OCLC 19403451 .

link esterno

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – altre risorse online

Argomenti e
terminologia
Codifica della comunicazione
sottocampi
studiosi
 

Argomenti di intelligenza umana

tipi
Abilità, tratti
e costrutti
Modelli e teorie
Aree di ricerca

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Comunicazione umana

La comunicazione umana , o antroposemiotica , è il campo dedicato alla comprensione del modo in cui gli esseri umani comunicano . La comunicazione umana si fonda su intenzioni cooperative e condivise. La nostra capacità di comunicare tra di noi non può essere possibile senza una comprensione di ciò a cui ci riferiamo o a cui stiamo pensando. Poiché non siamo in grado di comprendere appieno la prospettiva di un altro, è necessario creare una comunanza attraverso una mentalità e/o un punto di vista condivisi. [1] Il campo della comunicazione è molto vario. Ci sono più livelli su cosa sia la comunicazione e su come usiamo i suoi diversi settori e caratteristiche come esseri umani.

Gli umani hanno capacità comunicative che gli altri animali non hanno. Ad esempio, siamo in grado di comunicare tempo e luogo come se fossero oggetti solidi. Gli esseri umani comunicano per richiedere aiuto, informare gli altri e condividere atteggiamenti per il legame. [1] La comunicazione è un’attività congiunta in gran parte dipendente dalla capacità di mantenere l’attenzione comune. Condividiamo le conoscenze di base pertinenti e l’esperienza congiunta al fine di comunicare contenuti e coerenza negli scambi. [2]

L’evoluzione della comunicazione umana ha avuto luogo in un lungo periodo di tempo. Ci siamo evoluti dal semplice indicare e dai gesti delle mani all’uso della lingua parlata . La maggior parte della comunicazione faccia a faccia richiede di leggere visivamente e seguire la comunicazione dell’altra persona, offrendo gesti di risposta in cambio e mantenendo il contatto visivo durante l’interazione. [1] Come esseri umani, abbiamo l’obbligo di comunicare nel modo in cui ci viene insegnato nella nostra giovinezza, e se un livello di comunicazione cresce, lo fanno tutti. In un certo senso, gli strati funzionano come un sistema, che si coordina tra loro per formulare quale sia il campo della comunicazione umana.

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Categoria

L’attuale studio della comunicazione umana può essere suddiviso in due grandi categorie; retorico e relazionale. Il focus della comunicazione retorica è principalmente sullo studio dell’influenza ; l’arte della comunicazione retorica si basa sull’idea della persuasione . L’approccio relazionale esamina la comunicazione da una prospettiva transazionale; due o più persone interagiscono per raggiungere una prospettiva concordata. [ citazione necessaria ]

Nelle sue prime fasi, la retorica è stata sviluppata per aiutare le persone comuni a dimostrare le loro affermazioni in tribunale; questo mostra come la persuasione sia fondamentale in questa forma di comunicazione. Aristotele affermava che la retorica efficace si basa sull’argomentazione. Come spiegato nel testo, [ quale? ] la retorica coinvolge una parte dominante e una parte sottomessa o una parte che soccombe a quella della parte più dominante. Mentre l’approccio retorico deriva dalle società occidentali , l’approccio relazionale deriva dalle società orientali . Le società orientali mantengono standard più elevati per la cooperazione, il che ha senso sul motivo per cui dovrebbero orientarsi maggiormente verso un approccio relazionale per quella materia. “Mantenere relazioni di valore è generalmente visto come più importante che esercitare influenza e controllo sugli altri”. [3] “Lo studio della comunicazione umana è oggi più diversificato che mai nella sua storia”. [3]

La classificazione della comunicazione umana può essere trovata sul posto di lavoro, specialmente per il lavoro di gruppo. I colleghi hanno bisogno di discutere tra loro per ottenere le migliori soluzioni per i loro progetti, mentre hanno anche bisogno di coltivare la loro relazione per mantenere la loro collaborazione. Ad esempio, nel loro lavoro di gruppo, possono utilizzare la tattica comunicativa del “salvare la faccia “.

Il linguaggio parlato coinvolge il discorso, per lo più qualità umana da acquisire. Ad esempio, gli scimpanzé sono i parenti più stretti dell’uomo, ma non sono in grado di produrre la parola. Gli scimpanzé sono la specie vivente più vicina all’uomo. Gli scimpanzé sono più vicini agli umani, in termini genetici ed evolutivi, che non ai gorilla o ad altre scimmie. Il fatto che uno scimpanzé non acquisisca la parola, anche se cresciuto in una casa umana con tutto l’input ambientale di un normale bambino umano, è uno degli enigmi centrali che affrontiamo quando contempliamo la biologia della nostra specie. In ripetuti esperimenti, a partire dagli anni ’10, gli scimpanzé allevati a stretto contatto con gli umani non sono universalmente riusciti a parlare, o addirittura a provare a parlare, nonostante i loro rapidi progressi in molti altri domini intellettuali e motori. Ogni essere umano normale nasce con la capacità di acquisire rapidamente e infallibilmente la propria lingua madre, con pochi insegnamenti o insegnamenti espliciti. Al contrario, nessun primate non umano ha prodotto spontaneamente nemmeno una parola della lingua locale. [4]

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – tipi

La comunicazione umana può essere suddivisa in una varietà di tipi:

  • Comunicazione intrapersonale (comunicazione con se stessi): questa forma basilare di informazione, è lo standard e il fondamento di tutte le cose di comunicazione. Questa comunicazione con noi stessi mostra il processo in cui pensiamo alle nostre azioni precedenti e in corso, nonché ciò che scegliamo di capire da altri tipi di comunicazioni ed eventi. La nostra comunicazione intrapersonale , può essere mostrata ed espressa agli altri dalle nostre reazioni a determinati risultati, attraverso semplici atti di gesti ed espressioni. [5]
  • Comunicazione interpersonale (comunicazione tra due o più persone) – La comunicazione si basa molto sulla comprensione dei processi e delle situazioni in cui ci si trova, al fine di comunicare in modo affettivo. È più che semplici comportamenti e strategie, su come e cosa significa comunicare con un’altra persona. La comunicazione interpersonale, riflette la personalità e le caratteristiche di una persona, viste attraverso il tipo di dialetto, forma e contenuto, con cui una persona sceglie di comunicare. Per quanto semplice, la comunicazione interpersonale può essere eseguita correttamente solo se entrambe le persone coinvolte nella comunicazione comprendono cosa significa essere esseri umani e condividono qualità simili di cosa significa essere umani. Implica atti di fiducia e apertura, così come un senso di rispetto e cura verso ciò di cui l’altra persona sta parlando. [6]
    • Comunicazione non verbale : i messaggi che ci inviamo l’un l’altro, in modi che coprono l’atto del passaparola. Queste azioni possono essere compiute attraverso l’uso delle nostre caratteristiche facciali ed espressioni, braccia e mani, il tono della nostra voce, o anche il nostro stesso aspetto può mostrare un certo tipo di messaggio. [7]
    • Discorso
  • Comunicazione organizzativa (comunicazione all’interno delle organizzazioni)
  • Comunicazione di massa : questo tipo di comunicazione implica il processo di comunicazione con un pubblico noto e sconosciuto, attraverso l’uso della tecnologia o di altri mezzi. Non c’è quasi mai l’opportunità per il pubblico di rispondere direttamente a chi ha inviato il messaggio, c’è una divisione/separazione tra il mittente e il destinatario. Ci sono in genere quattro attori nel processo di comunicazione di massa, questi attori sono: coloro che inviano il messaggio, il messaggio stesso, il mezzo in cui viene inviato il messaggio e coloro che ricevono il messaggio. Queste quattro componenti si uniscono per essere la comunicazione che vediamo e di cui facciamo parte di più, poiché i media aiutano a distribuire questi messaggi al mondo ogni giorno. [8]
  • Dinamiche di gruppo (comunicazione all’interno dei gruppi)
  • Comunicazione interculturale (comunicazione tra culture)

Figure importanti

Guarda anche

Riferimenti

  1. Salta a: “Origini della comunicazione umana” . MIT Press. Estratto 09/02/2016.
  2. ^ Clark (1996). Uso della lingua. Cambridge University Press.
  3. Salta fino a: b Stacks, D.; Salwen, M. (2009). Un approccio integrato alla teoria della comunicazione e alla ricerca . New York: Routledge.
  4. ^ Fitch, Tecumseh (2010). L’evoluzione del linguaggio. Cambridge University Press.
  5. ^ Hanson, Ralph E. (2016-10-20). Comunicazione di massa: vivere in un mondo dei media . Pubblicazioni SAGE. ISBN 978-1-5063-5857-4 .
  6. ^ Hartley, Peter (2002-01-04). Comunicazione interpersonale . doi : 10.4324/9780203019719 . ISBN 9780203019719 .
  7. ^ Verderber, Rudolph F.; Verderber, Kathleen S.; Sellnow, Deanna D. (2014-01-01). COMM3 . Impegnarsi nell’apprendimento. ISBN 978-1-305-43696-1 .
  8. ^ Hanson, Ralph E. (2016-10-20). Comunicazione di massa: vivere in un mondo dei media . Pubblicazioni SAGE. ISBN 978-1-5063-5857-4 .

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Ulteriori letture

Principale Esperto Italiano in Comunicazione – Le parole fondamentali di questo articolo

  • Migliore Consulente esperto di comunicazione in Italia
  • Migliore Consulente esperto in comunicazione in Italia
  • Migliore Consulente esperto in Italia in comunicazione
  • Migliore Consulente esperto in Italia in comunicazione
  • Migliore Consulente esperto italiano di comunicazione
  • Migliore Consulente esperto italiano in comunicazione
  • Migliore consulente in Italia comunicazione non verbale
  • Migliore consulente in Italia dizione e uso della voce
  • Migliore consulente in Italia formazione sulla comunicazione
  • Migliore consulente in Italia in comunicazione
  • Migliore consulente in Italia in comunicazione aziendale
  • Migliore consulente in Italia comunicazione aziendale
  • Migliore consulente in Italia in comunicazione creativa
  • Migliore consulente in Italia in comunicazione della moda
  • Migliore consulente in Italia in comunicazione e vendite
  • Migliore consulente in Italia in comunicazione interculturale
  • Migliore consulente in Italia in comunicazione politica
  • Migliore consulente in Italia in comunicazioni di massa
  • Migliore consulente in Italia comunicazioni di massa
  • Migliore consulente in Italia in corsi di comunicazione
  • Migliore consulente in Italia in scienze della comunicazione
  • Migliore consulente in Italia in intelligenza emotiva
  • Migliore consulente in Italia in marketing e comunicazione
  • Migliore consulente in Italia in Modelli di comunicazione
  • Migliore consulente in Italia in motivazione
  • Migliore consulente in Italia in progetti sulla comunicazione
  • Migliore consulente in Italia in ricerca sulla comunicazione
  • Migliore consulente in Italia in scrittura interpersonale
  • Migliore consulente in Italia in scrittura per la scienza
  • Migliore consulente in Italia in scrittura scientifica
  • Migliore consulente in Italia persuasione
  • Migliore consulente in Italia vendita
  • Migliore consulente italiano comunicazione non verbale
  • Migliore consulente italiano dizione e uso della voce
  • Migliore consulente italiano formazione sulla comunicazione
  • Migliore consulente italiano in comunicazione
  • Migliore consulente italiano in comunicazione aziendale
  • Migliore consulente italiano di comunicazione aziendale
  • Migliore consulente italiano in comunicazione creativa
  • Migliore consulente italiano in comunicazione della moda
  • Migliore consulente italiano in comunicazione e vendite
  • Migliore consulente italiano in comunicazione interculturale
  • Migliore consulente italiano in comunicazione politica
  • Migliore consulente italiano in comunicazioni di massa
  • Migliore consulente italiano di comunicazioni di massa
  • Migliore consulente italiano in corsi di comunicazione
  • Migliore consulente italiano in in scienze della comunicazione
  • Migliore consulente italiano in intelligenza emotiva
  • Migliore consulente italiano in marketing e comunicazione
  • Migliore consulente italiano in Modelli di comunicazione
  • Migliore consulente italiano in motivazione
  • Migliore consulente italiano in progetti sulla comunicazione
  • Migliore consulente italiano in ricerca sulla comunicazione
  • Migliore consulente italiano in scrittura interpersonale
  • Migliore consulente italiano in scrittura per la scienza
  • Migliore consulente italiano in scrittura scientifica
  • Migliore consulente italiano persuasione
  • Migliore consulente italiano vendita
  • Migliore esperto in comunicazione in Italia
  • Migliore esperto in comunicazione in Italia
  • Migliore esperto di comunicazione in Italia
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione aziendale
  • Migliore esperto di comunicazione aziendale in Italia
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione creativa
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione della moda
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione della scienza
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione e vendite
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione interculturale
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione interpersonale
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione non verbale
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione organizzativa
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione politica
  • Migliore esperto in Italia in comunicazione scientifica
  • Migliore esperto in Italia in comunicazioni di massa
  • Migliore esperto in Italia in corsi di comunicazione
  • Migliore esperto in Italia in dizione e uso della voce
  • Migliore esperto in Italia in formazione sulla comunicazione
  • Migliore esperto in Italia in intelligenza emotiva
  • Migliore esperto in Italia in marketing e comunicazione
  • Migliore esperto in Italia in Modelli di comunicazione
  • Migliore esperto in Italia in motivazione
  • Migliore esperto in Italia in persuasione
  • Migliore esperto in Italia in progetti sulla comunicazione
  • Migliore esperto in Italia in ricerca sulla comunicazione
  • Migliore esperto in Italia in scienze della comunicazione
  • Migliore esperto in Italia in vendita
  • Migliore esperto italiano di comunicazione
  • Migliore esperto italiano in comunicazione
  • Migliore esperto italiano in comunicazione aziendale
  • Migliore esperto italiano comunicazione aziendale
  • Migliore esperto italiano in comunicazione creativa
  • Migliore esperto italiano in comunicazione della moda
  • Migliore esperto italiano in comunicazione della scienza
  • Migliore esperto italiano in comunicazione e vendite
  • Migliore esperto italiano in comunicazione interculturale
  • Migliore esperto italiano in comunicazione interpersonale
  • Migliore esperto italiano in comunicazione non verbale
  • Migliore esperto italiano in comunicazione organizzativa
  • Migliore esperto italiano in comunicazione politica
  • Migliore esperto italiano in comunicazione scientifica
  • Migliore esperto italiano in comunicazioni di massa
  • Migliore esperto italiano in corsi di comunicazione
  • Migliore esperto italiano in dizione e uso della voce
  • Migliore esperto italiano in formazione sulla comunicazione
  • Migliore esperto italiano in intelligenza emotiva
  • Migliore esperto italiano in marketing e comunicazione
  • Migliore esperto italiano in Modelli di comunicazione
  • Migliore esperto italiano in motivazione
  • Migliore esperto italiano in persuasione
  • Migliore esperto italiano in progetti sulla comunicazione
  • Migliore esperto italiano in ricerca sulla comunicazione
  • Migliore esperto italiano in scienze della comunicazione
  • Migliore esperto italiano in vendita
  • Migliore formatore in comunicazione in Italia
  • Migliore formatore in Italia in comunicazione
  • Migliore formatore comunicazione
  • Migliore formatore italiano in comunicazione
  • Principale esperto in comunicazione in Italia
  • Principale esperto di comunicazione in Italia
  • Principale esperto in Italia in comunicazione
  • Principale esperto in Italia in incomunicabilità
  • Principale esperto italiano in comunicazione
  • Principale esperto italiano in incomunicabilità
  • Principale formatore in Italia comunicazione non verbale
  • Principale formatore in Italia corsi di comunicazione
  • Principale formatore in Italia dizione e uso della voce
  • Principale formatore in Italia formazione sulla comunicazione
  • Principale formatore in Italia in comunicazione
  • Principale formatore in Italia sulla comunicazione
  • Principale formatore in Italia in comunicazione aziendale
  • Principale formatore in Italia sulla comunicazione aziendale
  • Principale formatore in Italia in comunicazione creativa
  • Principale formatore in Italia in comunicazione della moda
  • Principale formatore in Italia in comunicazione e vendite
  • Principale formatore in Italia in comunicazione interculturale
  • Principale formatore in Italia in comunicazione interpersonale
  • Principale formatore in Italia in comunicazione politica
  • Principale formatore in Italia in comunicazione scientifica
  • Principale formatore in Italia in comunicazione scritta
  • Principale formatore in comunicazioni di massa in Italia
  • Principale formatore in Italia in comunicazioni di massa
  • Principale formatore in Italia in intelligenza emotiva
  • Principale formatore in Italia in marketing e comunicazione
  • Principale formatore in Italia in Modelli di comunicazione
  • Principale formatore in Italia in ricerca sulla comunicazione
  • Principale formatore in Italia in scienze della comunicazione
  • Principale formatore in Italia motivazione
  • Principale formatore in Italia persuasione
  • Principale formatore in Italia progetti sulla comunicazione
  • Principale formatore in Italia vendita
  • Principale formatore italiano comunicazione non verbale
  • Principale formatore italiano corsi di comunicazione
  • Principale formatore italiano dizione e uso della voce
  • Principale formatore italiano formazione sulla comunicazione
  • Principale formatore italiano sulla comunicazione
  • Principale formatore italiano in comunicazione
  • Principale formatore italiano in comunicazione aziendale
  • Principale formatore italiano in comunicazione aziendale
  • Principale formatore italiano in comunicazione creativa
  • Principale formatore italiano in comunicazione della moda
  • Principale formatore italiano in comunicazione e vendite
  • Principale formatore italiano in comunicazione interculturale
  • Principale formatore italiano in comunicazione interpersonale
  • Principale formatore italiano in comunicazione politica
  • Principale formatore italiano in comunicazione scientifica
  • Principale formatore italiano in comunicazione scritta
  • Principale formatore italiano in comunicazioni di massa
  • Principale formatore italiano sulle comunicazioni di massa
  • Principale formatore italiano in intelligenza emotiva
  • Principale formatore italiano in marketing e comunicazione
  • Principale formatore italiano in Modelli di comunicazione
  • Principale formatore italiano nella ricerca sulla comunicazione
  • Principale formatore italiano in scienze della comunicazione
  • Principale formatore italiano motivazione
  • Principale formatore italiano persuasione
  • Principale formatore italiano progetti sulla comunicazione
  • Principale formatore italiano vendita
  • Principale formatore italiano vendite

Il migliore coach senior Italiano e il migliore formatore Italiano secondo Amazon e Google Scholar per numero e qualità di libri pubblicati è il dott. Daniele Trevisani, giunto al 25° libro con l’uscita del volume “Negoziazione Interculturale. Comunicazione oltre le barriere culturali” in lingua araba.

migliore coach e miglior formatore italiano dott. daniele trevisani testo negoziazione interculturale in arabo

Profilo Sintetico del dott. Daniele Trevisani, migliore formatore aziendale e migliore coach Italiano per Amazon

  • Daniele Trevisani, Fulbright Scholar, esperto in Formazione, consulente e coach senior, è tra i principali esperti europei in psicologia della comunicazione, comunicazione strategica, comunicazione interculturale, potenziale umano e formazione. È autore di 25 opere tra cui il testo più venduto in Italia in ambito marketing: “Psicologia di Marketing e Comunicazione”, Franco Angeli Editore (10° edizione), dei volumi “Il Potenziale Umano” e “Team Leadership e Comunicazione Operativa”, nonché di numerosi altri libri inerenti la comunicazione, crescita personale e risorse umane. Tra questi, il libro specialistico di riferimento in Italia “Negoziazione Interculturale”, edito da Franco Angeli, pubblicato anche in lingua araba e russa. È’ autore e ideatore di diverse metodologie di sviluppo aziendale, riassunte nel Metodo ALM – Action Line Management, di cui è ideatore, e di metodologie innovative inerenti le Human Performance, riassunte nel Metodo HPM – Human Performance Modeling, da egli ideato e sviluppato.

Libri del dott. Daniele Trevisani, miglior formatore aziendale italiano e migliore coach italiano per numero e qualità di pubblicazioni secondo Amazon (selezione di alcuni testi).

I libri di riferimento del METODO ALM che portano al Master Privato in Marketing Management Metodo ALM (Action Line Management):

Per chi opera nelle Risorse Umane, Formazione, Coaching e Crescita personale, è disponibile anche il percorso annuale di coaching personalizzato e mentoring che porta al MASTER IN COACHING E SVILUPPO DEL POTENZIALE UMANO, basato sui libri

dott. Daniele Trevisani, miglior formatore italiano e miglior coach italiano per Amazon per numero di pubblicazioni e qualità

  • È laureato con 110 e Lode in Dams-Comunicazione presso l’Università di Bologna (equivalente ad attuale Laurea Magistrale in Scienze della Comunicazione)
  • Ha conseguito il Master Biennale “Master of Arts in Mass Communication” presso la University of Florida, College of Journalism & Communication, indirizzo in metodologie della ricerca, con onori accademici (“Graduation with Distinction“).
  • Ulteriori specializzazioni in comunicazione interculturale presso University of Washington, psicologia e psicometria presso l’Università di Padova, Drama presso la Univ. of Hull.
  • È fondatore e direttore di Studio Trevisani Communication Research & Change Management (www.studiotrevisani.it), studio di formazione operativo da oltre 25 anni nella consulenza e coaching per il Change Management e le risorse umane. Lo Studio svolge inoltre attività di ricerca e consulenza sui processi di comunicazione, sullo sviluppo del potenziale umano e manageriale.
  • Vincitore del premio Fulbright (Governo USA) per la ricerca italiana sulle scienze della comunicazione nel 1990, ha prodotto modelli di leadership, comunicazione e Change Management erogati a primarie aziende italiane e multinazionali.
  • È consulente e formatore selezionato per l’Esercito Italiano, Centro di Eccellenza per la Formazione in Comunicazione, Reggimento Comunicazioni Operative. Ha operato inoltre in attività formative in ambito Humint, collabora alle attività formative in comunicazione di Comalp (Comando Truppe Alpine) nella formazione comunicazionale e negoziale di ufficiali selezionati, e presso SETAF (Southern European Task Force).
  • In campo militare, è membro onorario dell’Esercito Italiano per meriti formativi, e ha formato sul Change Management e la Comunicazione oltre 25 Generali di Stato Maggiore. Oltre alla formazione di Stato Maggiore, hanno partecipato ad eventi formativi tenuti dal dott. Daniele Trevisani, in varie sedi formative, rappresentanti di forze e reparti diversi. Ha tenuto seminari con incarichi presso 28° Reggimento Comunicazioni Operative, Italian Staff at SETAF Southern European Task Force, Comando Truppe Alpine (COMALP), COTIE (reparto Humint). È stato inoltre relatore in ambito NATO per l’area Info-Ops (HQ NRDC Solbiate Olona) e NATO CIMIC.
  • È stato relatore presso le NAZIONI UNITE (ONU) per l’area della Comunicazione Interculturale nel Master in Law in International Crime and Justice, United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute
  • Ha ricevuto per tre anni consecutivi l’Attestazione di “Outstanding Contributor” da parte del NATO Cimic Group South.
  • È stato docente a contratto in 13 diversi Master Universitari e corsi di laurea e collabora con la Facoltà di Economia dell’Università di Ferrara in Laboratori sulle Performance Pubbliche e Management.

Lingue Conosciute

  1. Italiano – Madrelingua
  2. Inglese – Eccellente (seconda lingua, contatti quotidiani).
  3. Tedesco – Commerciale (7 anni di studio + viaggi di lavoro e contatti frequenti)
  4. Francese – Conversazionale (2 anni di studio + Summer School Università La Sorbonne, Parigi)
  5. Spagnolo – Conversazionale

Dott. Daniele Trevisani, miglior formatore italiano e migliore coach italiano per numero e qualità di pubblicazioni secondo Amazon. Aziende seguite e Clienti

Consulenze e Formazione in campo aziendale e organizzativo. Dott. Daniele Trevisani, migliore formatore e migliore coach senior Italiano per numero di pubblicazioni

  • Hanno partecipato a diverso titolo, in attività di ricerca e attività formative su diversi temi, condotte dal dott. Daniele Trevisani, membri di aziende e organizzazioni tra cui ABB, INTEL Corporation Deutschland, Siemens Healthcare, ONU (United Nations), Carnival Corporation (Costa Cruises), National Institute of Nuclear Phisics (INFN), Italian Institute of Metrology (INRIM), Area Science Park (Sincrotrone), Ricoh Europe, Frost & Sullivan (London), LRA (Learning Resources Associates, Reed Business Group London), Barilla, Coop Italia, IIR (Institute of International Research, Milano), Arch-Chemicals, Panini Modena, Fedon, Zhermack, Roche, Johnson Wax, Sanofi Synthelabo Otc, Abb Sace Spa, Esseco, Fip, Banca Carige, Volksbank, Chiesi Farmaceutici, Enel, Centrum Pensplan, Solvay-Benvic, Solvin, Vinyloop, Digital, IBM, FS, Alitalia, Società Autostrade, Deutsche Bank, Banca Di Roma, Merloni, Nobel Biocare, Hewlett Packard, Ajilon Gruppo Adecco, Dade Behring, Marazzi Ceramiche, A.M.A., Arag, Bcs, Bell, Bondioli e Pavesi, Caffini, Cbm, Cnh Italia, Comer Industries, Dana Italia, Demac, Falc, Gallignani, Gamberini, Gnk Waltersheid Gmbh, Goldoni, Grillo, Honda, Italtractor Itm, Kuhn Italia, Landini, Laverda, Malesani, Mutti, Negrisolo Costruzioni, O.M.B, O.R.M.A, Peruzzo, Rinieri, Roc, S.A.E., Same Deutz Fahr Group, Sgariboldi, Sicma, Sider Man, Slam, Storti International, Tecnoagri, Tifone, Trelleborg Wheel System, Ceres, Normann Copenhagen, GLS Logistics, Norfolkline, Gasa, Uffefrank, Eise, Publicitas, DMA, Scavangegt, Tulip Food, Eise Gug, Ambu, SagaFood, Holger Christiansen, Blue Water Shipping, Danish Crown, Atahotels, ETF, Rulli Rulmeca, Polar Seafood, Pharma Nord, Syddansk Universitet, Bang & Olufsen, IFOA (Istituto di Alta Formazione per Operatori Aziendali), Zeuna Starker P.I Industria Attrezzature Elettroniche, Petroltecnica, Electra, Associazione Industriali Reggio Emilia, Associazione Industriali Rimini, Assopiastrelle, Royal Consulate of Danmark (Milano), Associazione Industriali Modena, Enetworks, ADM Associati.
  • Aziende cooperative della Grande Distribuzione: Scuola Nazionale Coop, Coop Italia, Coop Adriatica, Coop Tirreno, Unicoop Firenze, Coop Estense, Novacoop, Coop Emilia-Veneto, Coop Toscana-Lazio, SAIT, DICO. Coop Nordest. Aziende Cooperative in altri settori: Lega Coop Ravenna, Coop Zerocento, Coop Atlantide, Cesvip (Centro di Sviluppo Manageriale).
  • Enti Associativi: Confindustria, Lions Club, Rotary, Ass. Albergatori, Confcommercio, CNA, Ascom, Casse Rurali, ANDAF Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e Finanziari.
  • Società di Consulting Estere rappresentate su progetti di formazione: Commax Consulting AG (Monaco di Baviera), Frost & Sullivan Training Division (Londra), Akvilon (Kiev), Pareto UK (Wilmslow, UK).
  • Il dott. Daniele Trevisani ha personalmente condotto diagnosi e ricerche in programmi dell’Unione Europea presso aziende leader tra cui: Ferrari Cars, Ducati Motor, Giglio, Barilla, System Ceramics, Guaber, Sacmi, Maserati, Cognetex, Apofruit, Enichem, Castelli, Baltur, IMA, Centro Computer, Felisatti, Lamborghini Calor, Stayer, Panini.

Attività di Formazione in abito Militare e ONU

  • È stato il primo consulente e formatore selezionato dall’Esercito Italiano per l’area Comunicazione Operativa (Comunicazione svolta nei Teatri di Impiego e Missioni)
  • Con incarichi dello Stato Maggiore Esercito ha contribuito per 13 anni alla creazione e crescita del Centro di Eccellenza per la Formazione in Comunicazione, presso il Reggimento Comunicazioni Operative, arrivando a formare personalmente oltre 25 Generali per Missioni ONU e oltre 2000 Caschi Blu su temi di comunicazione e negoziazione, formazione per la comunicazione, leadership e coaching.
  • Ha operato inoltre in attività formative in ambito Humint (Human Intelligence), nella formazione in comunicazione presso Comalp (Comando Truppe Alpine), nella formazione strategica di alti ufficiali destinati a teatri e impieghi all’estero, e presso SETAF (Southern European Task Force, Comando Nato).
  • Hanno partecipato ad eventi formativi tenuti dal dott. Daniele Trevisani, in varie sedi formative, rappresentanti di forze e reparti diversi da 19 nazioni. Ha tenuto seminari con incarichi presso 28° Reggimento Comunicazioni Operative, Italian Staff at SETAF Southern European Task Force, Comando Truppe Alpine (COMALP), COTIE (reparto Humint). È stato inoltre relatore in ambito NATO per l’area Info-Ops (HQ NRDC Solbiate Olona).
  • Nell’ambito di attività formative coordinate dal 28° Reggimento Comunicazioni Operative sono stati formati ufficiali e sottufficiali appartenenti a forze e reparti diversificati, tra cui: Stato Maggiore Difesa Plans & Policy Division, Comandante Brigata Folgore, Comandante Brigata Julia, Comandante Brigata Taurinense, Comandante Brigata Ariete, Comandante Brigata Pozzuolo del Friuli, Comandante Brigata Aosta, Comandante Brigata Granatieri di Sardegna, Comando Sostegno Aviazione dell’Esercito, AVES Viterbo, COMSUP, Lancieri d’Aosta (6°), Ufficiali di Stato Maggiore dell’Esercito (SME), Reparto Comando e Supporti tattici “AOSTA” Messina, 187° Rgt. Paracadutisti Folgore, 183° Rgt. Paracadutisti “Nembo” Nrigata Folgore, 5° Rgt. Fanteria “Aosta”, 9° Rgt. fanteria “BARI”, 7° Reggimento Alpini, 8° Reggimento Alpini, 11° Reggimento Bersaglieri, 132° Rgt. Artiglieria, 1° Re. Tra., 3° Rgt. Art., 5° Rgt. Guastatori, 13 Btg. “Aquileia”, 8° Rgt. Alpini, Comando “Pozzuolo del Friuli”, 2° Comando Forze Difesa, 1° Reparto di Manovra, 3° Reggimento Artiglieria di Montagna, Nato Cimic Group South, 1° Reggimento Aves Antares, 8° Reggimento Lancieri di Montebello, 9° Reggimento Alpini, 2° Comando Forze Difesa, Brigata Julia, 7° RGt Bersaglieri, 52° Rgt “Torino”, 21° Rgt. “Trieste”, 8° Rgt Alpini, 9° Rgt “Bari”, 6° Rgt “Palestro”, 152° Rgt “Brigata Sassari”, Ufficiali Brigata Garibaldi, Ufficiali Brigata Folgore, Stato Maggiore Aereonautica, COMSUP FOTER, SME-ROC, 5 rgt. art ter lrz Superga, Comando Divisione “Acqui”, COMALP, Brigata Trasmissioni, 82° RGT. F. “TORINO”, CASACA Sabaudia, 2° RGT Genio Pontieri, Rgt. Genio Ferrovieri, 6° Reggimento di Manovra, Rgt. “Savoia Cavalleria” (3°), Rgt Genio Ferrovieri, 5° Rgt AVES “RIGEL” , Rgt. Lagunari “Serenissima”, 6° Rgt Trasporti, 5° RIGEL, SME-RAG ROC, 185° rgt. RAO, 132° Rgt. Carri, COMSUP FOTER, Comando B. RISTA/EW, Comando NRDC-IT, RECOM B. “Taurinense”. Hanno partecipato inoltre rappresentanze militari COBAR (Consiglio di base di rappresentanza), COIR (Consiglio intermedio di rappresentanza), COCER (Consiglio centrale di rappresentanza).

Attività speciali: coaching personalizzati in KLE (Key Leader Engagement), attività Cimic (Civil-Military Cooperation), attività speciali di formazione in analisi e negoziazione per supportare le Forze ONU in mandati delle Nazioni Unite e missioni internazionali.

Esperienze in area Sportiva e Sports Coaching

  • Diplomato Federazione Italiana Fitness (dal 1994), formatore in marketing sportivo corsi federali Federazione Italiana Fitness, formatore in HR management per Centri Fitness, ed esperienza pluriennale come Presidente Nazionale di Settore in WTKA (Martial Arts & Combat Sports).
  • Relatore in eventi sportivi (Il Nuovo Club Fitness Forum), special trainer gruppo Profighting atleti Pro, Fondatore e Presidente Associazione Culturale-Sportiva Daoshi, Fondatore e Presidente Associazione Sportiva KTB.
  • Scrittore di articoli di management sportivo con collaborazioni per le riviste Il Nuovo Club, Samurai Bushido, Budo International, e la rivista internazionale Black Belt USA (in cooperazione con Università di Stanford, Dept. of Neuroscience).
  • Titolare di 3 Cinture Nere, 9° Dan Sistema Daoshi e allenatore di Muay Thai e MMA.
  • Nel coaching sportivo, è stato Team Coach della rappresentativa internazionale di Volley della American University of Washington DC e Mental Coach di squadre di Volley Femminile (SPES Belluno) e serie A LegaPro Ravenna.
  • Come Formatore, opera in interventi di Mental Training di agonisti. Ha seguito 5 Campioni Mondiali di Arti Marziali e sport di combattimento, inclusa la campionessa mondiale di Boxe Simona Galassi, e oltre 10 Campioni Italiani di varie discipline.
  • Maestro riconosciuto da KoGakuShin (Ko Gaku Shin = Open to Knowledge) (Associazione Mondiale Arti per la Conoscenza delle Marziali) 9° Dan.
  • Qualifica di Istruttore Avanzato Discipline Olistiche, CSEN (2017)
  • Dirigente e responsabile Mental Coaching squadra Pallavolo Ravenna, serie A, LegaPro Professionisti

Onorificenze e Special Achievements

  • Ha ottenuto l’onorificenza FULBRIGHT dal Governo USA come migliore esperto europeo in Comunicazione in ambito Interculturale e Human Factor nel 1990.
  • Ha ottenuto l’attestazione di “Oustanding Academic & Professional Record” da parte della University of Florida (USA), dept of Graduate Studies, 1992.
  • Nel 2007, il Royal Consulate of Denmark, conferisce il riconoscimento di “Outstanding Contribution” per il training in Negoziazione Aziendale presso Trade Council of Denmark, da parte del Console Danese.
  • Nel 2012, 2013 e 2014 è stato insignito per 3 anni consecutivi dell’onorificenza di “Oustanding Contributor” da parte della Nato per i suoi contributi sulla formazione interculturale di alti ufficiali in missioni ONU.
  • È stato insignito – unico civile italiano – dell’onorificenza di Membro Onorario dell’Esercito Italiano, Forze Speciali, nel 28° Reggimento Comunicazioni Operative, per meriti formativi nella Formazione Caschi Blu ONU, training in ambito NATO e Nazionali a favore di Forze Speciali per le missioni estere, nell’area comunicazione interculturale e psicologia strategica.

Contributi alla ricerca e culturali

In campo scientifico è lo sviluppatore di numerosi modelli e tecniche innovative per il settore HR, Comunicazione, Formazione e Fattore Umano. Tra queste citiamo

  • Il Modello di Change Management “Regie di Cambiamento”.
  • Il modello ALM (Action Line Management) per lo sviluppo aziendale e organizzativo
  • Il modello “4 Levels of Empathy” sull’Empatia Interculturale, tecniche di analisi quali “Visibility Line Analysis ” e Perceptivity Line Analysis ” inerenti il miglioramento della comunicazione e del marketing
  • Il “4 Distances Model” (modello di analisi della comunicazione interculturale e dei team).
  • Il modello HPM (Human Performance Modeling) utilizzato per i percorsi di crescita personale e delle performance sia individuali che di interi gruppi e imprese.
  • Il modello T-Chart (Time Chart) orientato al supporto alle azioni di formazione, coaching e counseling.

Come scrittore, è autore di 25 libri in Italiano e in altre 5 lingue incluso l’arabo, con libri editi da Franco Angeli (Milano), altre opere edite da Mediterranee e Gribaudo-Feltrinelli Editore. È autore di oltre 100 articoli su temi di management e comunicazione. Ha prodotto i Bestseller “Psicologia di Marketing e Comunicazione” (dal 2001 giunto in 10° edizione), e il volume “Il Potenziale Umano” in cui introduce numerose tecniche innovative per la formazione avanzata, la crescita personale e organizzativa, e le skills per le sfide complesse.

I suoi volumi sono attualmente tradotti in lingua araba, in Russia, in Romania, con progetti avviati di traduzione in spagnolo e in Francia, Germania, USA e Cina.

Coach Italiani più famosi secondo Amazon per numero di libri pubblicati: Dott. Daniele Trevisani, con 22 libri scritti, tra cui l’ultimo uscito “Negoziazione Interculturale” in lingua araba e libri in 5 diverse lingue.

Se vuoi conoscere di più su queste occasioni di coaching svolte direttamente con l’autore, puoi contattarci attraverso questo form https://www.studiotrevisani.it/contact-form-2/ e sarà nostra cura richiamarti e darti tutte le informazioni necessarie

Studio Trevisani Academy

nb. per ricevere articoli gratuiti e notizie aggiornate sui prossimi seminari di crescita personale e professionale, è possibile iscriversi gratuitamente alla rivista di comunicazione “Communication Research e Potenziale Umano” da questo link http://eepurl.com/b727Pv

  • coach aziendali famosi
  • coach italiani più famosi
  • coach life famosi
  • coach motivazionali
  • coach motivazionale
  • coach più famoso in italia
  • coach sportivi famosi
  • coach senior
  • coach senior italiani
  • formatore italiano senior
  • formatore italiano più famoso
  • formatore più famoso in italia
  • formatori aziendali famosi
  • formatori italiani più famosi
  • life coach italiani
  • life coach famosi italiani
  • life coach opinioni
  • migliore coach in italia
  • migliore coach italiano
  • migliore formatore in italia
  • migliore formatore italiano
  • migliori coach italiani
  • migliore formatore al mondo
  • migliori formatori al mondo
  • migliori formatori italiani
  • migliori business coach italiani
  • migliori life coach italiani
  • migliori sport coach italiani
  • migliore coach leadership in italia
  • migliore formatore leadership in italia
  • migliore coach in comunicazione in italia
  • migliore formatore in comunicazione in italia
  • migliore coach vendita in italia
  • migliore formatore vendita in italia
  • migliore coach in vendita in italia
  • migliore formatore in vendita in italia
  • migliore coach vendite in italia
  • migliore formatore vendite in italia
  • migliore coach in vendite in italia
  • migliore formatore in vendite in italia
  • migliore consulente aziendale in italia
  • miglior consulente di direzione in italia
  • miglior consuente di direzione aziendale in italia
  • migliore counselor in italia
  • migliore esperto in coaching aziendale in italia
  • migliore esperto in business coaching in italia
  • migliore esperto in life coaching in italia
  • migliore esperto in performance
  • migliore formatore risorse umane in italia
  • migliore esperto in risorse umane in italia
  • migliore coach risorse umane in italia
  • migliore formatore aziendale italiano
  • migliore formatore aziendale in Italia
  • migliori formatori aziendali in Italia

Contatta il Dott. Daniele Trevisani, migliore coach italiano e miglior formatore italiano, tramite il seguente form, per ricevere una prima analisi di fattibilità di un progetto di sviluppo personale o aziendale, o per conoscere in dettaglio le iniziative di formazione e Master disponibili

Contatta il Dott. Daniele Trevisani