Tag

immagine personale

Browsing

“The Call”: La chiamata, viaggio verso la luce

Articolo Copyright. Dal libro Psicologia della libertà. Liberare le potenzialità delle persone di Daniele Trevisani, edizioni Mediterranee, Roma

Ispirato al modello HPM di Sviluppo del Potenziale Umano, dal testo Il potenziale umano. Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance, Franco Angeli editore, Milano

La notte oscura dell’anima è un viaggio verso la luce, un percorso dall’oscurità verso la forza e le risorse nascoste dell’anima. Attraversare la notte oscura richiede dialogo interiore, contemplazione, preghiera, tempo trascorso in silenzio, e condivisione con chi comprende la natura profonda della trasformazione interiore…. è un viaggio per imparare a vedere il mondo da mistici attraverso una lente senza tempo che percepisce al di la della ragione.

Carolin Myss.

Tante volte sentiamo una “chiamata” che ci dice “fai qualcosa per te”, prenditi tempo per te stesso, dedicati uno spazio speciale, trasformati e lavora sulle tue energie, cerca il meglio di te dovunque sia “nascosto”.

Il problema è che la risposta a questa “chiamata” viene soffocata dal vivere quotidiano, dallo stress, o dal non trovare “compagni di viaggio” e veri Maestri per affrontare un percorso di trasformazione in un clima piacevole e sereno, o dal non sapere letteralmente come farlo e dove farlo.

Altre volte, ancora peggio, l’orgoglio e la rabbia chiudono questa voce e la soffocano. La voglia di vedere che cosa può esserci oltre il muro, oltre a ciò che facciamo, rimane soffocata, ma pulsa, ed esige ascolto per non diventare malattia.

Quando siamo arrivati in fondo, o ci sentiamo in un momento di svolta e vogliamo cambiare pagina, vogliamo un percorso di cambiamento totale, un percorso che ci metta in grado di conoscere noi stessi e il nostro potenziale,  che sino ad ora abbiamo messo a disposizioni di altri, di tutti tranne che per noi stessi.

Quando avremo deciso di non essere più disposti a vivere a pieno sentiremo la chiamata, e capiremo che non siamo più disposti a vivere un altro giorno senza “me stesso” al centro della mia vita, nella bellezza, nella gioia e nell’armonia.

The Call™ è un percorso formativo che ho sviluppato per chi vuole iniziare un percorso di conoscenza e di profondo cambiamento e, con l’aiuto di seri professionisti, fare passi avanti.

The Call si basa su un metodo scientifico bioenergetico e di neuroscienze, e non richiede di “crederci” o di “non divulgare ciò che si fa” ma anzi al contrario si invitano tutti a leggere, studiare, capire ciò che si fa e perché lo si fa, e divulgarlo. Questa è la differenza tra una “Scuola del Potenziale Umano” e una setta.

Il metodo del potenziale umano alla base del lavoro è supportato da un’enorme letteratura e ai partecipanti vengono fornite letture, ma le sole letture e concetti, senza esperienza applicativa, sono nulla.

In particolare, l’interno Modello di Potenziale Umano HPM è esposto nel volume  “Il Potenziale Umano” di Daniele Trevisani.

metodo-hpm-daniele-trevisani

Ciascuna di queste “celle” o stati viene esplorata e potenziata con azioni allenanti specifiche.

Gli ingredienti per un’esperienza trasformativa, così ben esposti da Myss, sono oggetto di questo approccio esperienziale.

Articolo Copyright. Dal libro Psicologia della libertà. Liberare le potenzialità delle persone di Daniele Trevisani, edizioni Mediterranee, Roma

Personal Branding. senza bisogno di citarlo, Patti Smith ce ne parla, e ci offre una testimonianza speciale: rimanere fedeli alla propria “chiamata” e alla propria missione, il nome che ti costruisci dipende da questo

“Mantieni il tuo nome pulito” – Patti Smith, cantautrice, poetessa e artista, ci porta un messaggio speciale sul condividere i nostri pensieri e #successi, non scendere a compromessi, lavorare con #serietà e andare verso la #felicità, curare se stessi, il proprio nome, il proprio corpo, il proprio essere più profondo.

E per chi lo ascolta bene, una grande lezione e anticipazione forte sul concetto di #personalbranding

Per visualizzare l’articolo e video anche su Linkedin:

https://www.linkedin.com/embed/feed/update/urn:li:activity:6412941728629747712

Personal Branding. Approfondimento del concetto su base Wikipedia

Il Personal Branding è l’attività con cui prima si consapevolizza e poi si struttura il proprio brand ovvero la propria marca personale.

Può essere definito come ciò che viene detto, sentito e pensato a livello collettivo dalle persone su di voi e sui servizi che offrite, nella vostra vita professionale e non.[1]

Il termine brand a un primo livello di significato è il nome stesso, attraverso il quale si è riconoscibili. A un livello successivo, è una connotazione emozionale[2], ciò che evoca nel cliente i significati di quel nome.[3]

Origine del termine

Il termine viene comunemente fatto risalire ad un articolo di Tom Peters del 1997: «You’re branded, branded, branded, branded. […] Everyone has a chance to learn, improve, and build up their skills. Everyone has a chance to be a brand worthy of remark».[4] Tuttavia, i concetti di self-branding e brand individuale vengano già menzionati in un libro del 1980.[5]

Oltre a questo, la psicologia sociale, sin dalla sua nascita, si occupa di inquadrare e misurare le percezioni che le persone generano presso gli interlocutori, individuali o pubblici.

Caratteristiche

Il personal branding è un processo attraverso cui una persona definisce i punti di forza (conoscenze, competenze, stile, carattere, abilità, ecc.) che la contraddistinguono in modo univoco, creando un proprio marchio personale, che comunica poi nel modo che reputa più efficace. Il personal branding adotta le tecniche utilizzate dal Marketing per promuovere i prodotti commerciali e le adatta per la promozione dell’identità delle singole persone. L’obiettivo in entrambi i casi è il brand positioning ovvero, posizionare nella mente dell’utente il brand (o il nome del professionista) associato a una precisa peculiarità, a un concetto che inequivocabilmente lo distinguerà dai concorrenti.[6]

Con il personal branding si influenza l’utenza, attraverso esperienze da far vivere al cliente (Engagement marketing) o diventando capace di influenzare una comunità virtuale di seguaci fedeli.

Chi applica il personal branding al web ha lo scopo di creare una rete di seguaci attraverso social media e blog personali ed eventi (formazione e fiere di settore) con l’obiettivo di aumentare la propria web reputation.

I professionisti utilizzano software di monitoraggio della reputazione digitale che applicano diverse operazioni dette di monitoraggio i media sociale in grado di valutare la soddisfazione dell’utenza, di fare indagini di mercato e di monitorare le tendenze dei propri follower con operazioni di ascolta. Lo strumento primario di psicologia del marketing utilizzato per valutare la “forza” e “percezione” di un marchio, nel personal branding è definito “differenziale semantico”, e permette di costruire un vero e proprio “profilo di percezione” anche grafico e visuale, di una persona, e di come l’audience o un segmento di audience specifico la percepisce rispetto ai parametri che si vogliono misurare.[7]

«Oggi la sfida che tutti noi siamo chiamati ad affrontare è quella del personal branding. Con un mercato del lavoro sempre più liquido e frammentato, chiunque ha l’onere e la responsabilità di accreditarsi sia all’interno dei contesti relazionali in cui vive sia nell’ambito dei social media e della Rete dove sempre più datori di lavoro e committenti, partner e fornitori s’informano in merito alle nostre credenziali e alle nostre competenze.»[8]

Note

  1. ^ Pagani, Andrea., Il successo professionale (2.0) : per le relazioni d’aiuto, psicoterapeuti, counselor, coach, Sovera, 2012, ISBN 8866520101, OCLC 785335407.
  2. ^ Sorchiotti, Tommaso., Personal branding : promuovere se stessi online per creare nuove opportunità, Ulrico Hoepli, 2013, ISBN 9788820352257, OCLC 955994924.
  3. ^Il Personal Branding per lo psicologo – Consulenza, orientamento e formazione per il lavoro, su www.aspiclavoro.it. URL consultato il 28 giugno 2017.
  4. ^ Tom Peters, The brand Called You, in Fast Company, nº 10, Mansueto Ventures LLC., agosto 1997, pp. 83.
  5. ^ Ries, Al e Trout, Jack, Positioning. The battle for your mind., ISBN 978-0071373586.
  6. ^Ibidem.
  7. ^Trevisani, Daniele (2017) Psicologia di marketing e comunicazione, 9° Edizione, Franco Angeli, Milano. Capitolo 5 “Misurazione dell’immagine e psicologia degli atteggiamenti di marketing”, p 97.
  8. ^ Boscaro, Andrea., Porta, Riccardo. e Di Marzio, Gianluca., Effetto digitale : le nuove professioni, gli strumenti e il personal branding, FrancoAngeli, 2015, p. 135, ISBN 9788891710154, OCLC 919705894.

Riferimenti bibliografici

  • Agostini A. e De Nardis A., La tua reputazione su Google e i Social Media, Hoepli, 2013, ISBN 978-88-203-5777-1
  • Boscaro A., Porta R. e Di Marzio G., Effetto digitale : le nuove professioni, gli strumenti e il personal branding, F. Angeli, 2015, ISBN 9788891710154
  • Centenaro L. e Sorchiotti T., Personal Branding, Hoepli, 2013
  • Peters, T., The Brand You 50: Or: Fifty Ways to Transform Yourself from an “Employee” into a Brand That Shouts Distinction, Commitment, and Passion!, Knopf, 1999, ISBN 978-0375407727
  • Scandellari R., Promuovi te stesso : crea il tuo personal branding con una comunicazione mirata e vincente, D. Flaccovio, 2016
  • Schawbel, D., Me 2.0: Build a powerful brand to achieve career success, Kaplan Publishing, 2009, ISBN 978-1-4277-9820-6
  • Trevisani, D. Psicologia di marketing e comunicazione. Pulsioni d’acquisto, leve persuasive, nuove strategie di comunicazione e management, 9° Edizione, Franco Angeli, Milano, 2017. ISBN 9788846428448
  • William A. e Dib D., Personal Branding per il manager, Hoepli, 2013

Voci correlate

patti smith personal branding